Ermopoli

Ermopoli (http://ermopoli.it/portale/index.php)
-   Manifestazione pacifica del nostro volere (http://ermopoli.it/portale/forumdisplay.php?f=125)
-   -   situazione (economica) mondiale attuale (http://ermopoli.it/portale/showthread.php?t=4771)

nikelise 09-10-2009 20.10.08

Citazione:

Originalmente inviato da centomila (Messaggio 75063)
Guarda Nike, non voglio annoiarti con discorsi macroeconomici e/o finanziari. Preferisco dirti quel poco che vedo con i miei occhi: persone in carne ed ossa (nel senso che conosco personalmente) licenziate, in cassa integrazione o, quando va bene (è il mio caso! icon_mrgr: ) costrette a lavorare come schiavi.

Accesso al credito negato per chi vuole mandare avanti la sua "piccola" attività artigiana ed esodi di massa per le grandi aziende. Si erogano pochissimi mutui immobiliari e la gente guarda al centesimo di €.

Si va più in bicicletta e sui mezzi pubblici (questo è un gran bene!fiori.gif ) e si fa la fila agli hard discount. Mangiar fuori è roba per chi non ha figli ed io saluto con gratitudine i soldini risparmiati non comprando più le sigarette (per il momentoblink.gif !) e per essermi messo a Gpl.

In buona sostanza si va avanti prosciugando i propri risparmi e/o quelli di chi può aiutare (genitori, nonni, etc.)

E' del tutto fuori luogo immaginare un superamento della crisi reso impossibile dalla sovrapproduzione e da una concorrenza tanto spietata quanto miope.

Se tutto questo desse luogo ad un diverso modello di sviluppo, magari ecocompatibile, saluterei questa crisi come una svolta benefica.

Vedremo.


Il massimo profitto ed il massimo potere!

Gia' ma noi dobbiamo sopravvivere e l'articolo fa intravedere un ulteriore scenario non molto lontano : primavera 2010 .
Quando le banche americane provocheranno il prossimo boom .
Poi ci sara' un rialzo dei tassi : L'EXIT STRATEGI e nuova inflazione .
Cose gia' viste ricordi i bot al 15/20%e la lira svalutata?
Li' metteranno i soldi le grandi banche quando usciranno dalle borse .
E li' dovremo mettere i nostri piccoli risparmi quando arrivera' il momento.
Insomma seguiamoli questi squali una volta capito come funziona.
Un'altra cosa : hanno concesso a putin di comprare la opel .
Significa che anche Putin ormai e' integrato .
Non parla piu' di guerra in Georgia Ossezia e altro.
Ha capito la lezione e Obama gli ha concesso di non pensare piu' allo scudo .
Vedremo dunque il petrolio a 100 come compenso a Putin.
Oggi puo' servire dunque indebitarsi a tassi fissi mi pare.

Uno 09-10-2009 20.36.46

Citazione:

Originalmente inviato da nikelise (Messaggio 75066)
Gia' ma noi dobbiamo sopravvivere e l'articolo fa intravedere un ulteriore scenario non molto lontano : primavera 2010 .
Quando le banche americane provocheranno il prossimo boom .
Poi ci sara' un rialzo dei tassi : L'EXIT STRATEGI e nuova inflazione .
Cose gia' viste ricordi i bot al 15/20%e la lira svalutata?

Ma chi lo ha scritto l'articolo? Il mago Othelma o meglio un millenarista menagramo: pentitevi e inginocchiatevi? icon_mrgr:
Scherzi a parte, si è vero che il denaro soprattutto stampato dovrà valere sempre meno nel futuro, ma il salto non potrà essere troppo veloce (per esempio prima raggrupperanno le valute, adesso è il momento dell'Africa per esempio) e comunque un'altra forma di economia dovrà prenderne il posto.

centomila 09-10-2009 22.10.28

Citazione:

Originalmente inviato da nikelise (Messaggio 75066)
Gia' ma noi dobbiamo sopravvivere e l'articolo fa intravedere un ulteriore scenario non molto lontano : primavera 2010 .
Quando le banche americane provocheranno il prossimo boom .

Già, dobbiamo sopravvivere.........................piango.gif

Abbandona l'idea del complotto o, anche, delle mani forti. L'anno scorso la crisi l'ho vista per bene: era tutto fuori controllo! Gli Stati sono dovuti intervenire altrimenti era il crack mondiale. Certo possiamo pensare che i governi sono sburattinati dalle banche, dai petrolieri e compagnia bella ma........la verità è che erano praticamente gambe all'aria. TUTTI!

E anche gli Stati sono tecnicamente falliti: troppo debito. Ti ricordo che in area Euro i parametri di Mastricht sono andati a farsi benedire, in Usa hanno un debito pazzesco (ai tempi di Clinton nemmeno sapevan cos'era il debito!), in Giappone mi pare siano al 126% del Pil (roba da pazzi!).

Sono del tutto convinto che, economicamente parlando, siamo in un vicolo cieco.

Ritengo impossibile cercare una scappatoia: qualsiasi asset è corroso nelle fondamenta. Gli unici sono quelli con un valore d'uso: campi e bestiame, alimentari, immobili, qualche materia prima.

Ma se viene giù tutto ci sarà un solo asset che avrà valore: le armi!

Esempio: io e te decidiamo che non c'è scampo per l'economia e compriamo un campo e delle bestie. Gli stati falliscono e la gente va per strada in cerca di cibo. Prima o poi qualche sbandato arriverà dove stiamo noi e cercherà di depredarci. A quel punto solo le armi potranno salvare il nostro cibo.

Prima che mi dai del matto ti dico che questi erano i discorsi che facevano gli operatori finanziari l'anno scorso. Quelli di Citi, di Jpm, di Morgan, di Ubs, etc.

E non pensare che quelli che governano il mondo si stiano attrezzando per l'evenienza. Quelli pensano solo all'oggi. Schiavi del potere e del denaro. Guarda all'Italia: pensi che Berlusconi, Montezemolo, Bersani, Casini si stiano preoccupando di questo pericolo?

E guarda alle grandi istituzioni finanziarie: ha ragione Uno quando dice che stanno incassando smilionate pazzesche di $. Per cosa? Per distruggere l'economia di questo povero pianeta!

Non c'è una "cupola" ma bande di predatori che vogliono tutto e subito.

Se tuttavia vuoi tentare una strategia di difesa non ti suggerisco di puntare sul rialzo dei tassi: e chi lo paga più sta cippa di debito?

Titoli di Stato area €. Preferibilmente tedeschi. Ti accontenti e non hai più pensieri tranne quello del crack mondiale. Se non credi a questa ipotesi potrai dormire sonni relativamente tranquilli.

centomila 09-10-2009 22.19.43

Guarda qui, così per gradire
 
Quanto dura la crisi? (dal 09/10/2009)
Penn Treaty, ci vorrebbe un miliardo di dollari per evitare il default

da valori.it
- 09/10/2009

La società è «molto più insolvente di quanto immaginato originariamente»...

Penn Treaty Network American Insurance Co., la compagnia statunitense che sta per andare incontro al più grave fallimento nel settore assicurativo degli ultimi cinque anni, potrebbe avere bisogno, per salvarsi, di oltre un miliardo di dollari. Fondi addizionali che servirebbero per pagare i rimborsi previsti dalle polizze, hanno spiegato i regolatori degli Stati Uniti.

La società, infatti, è «molto più insolvente di quanto immaginato originariamente», ha spiegato l’ufficio del commissario per le assicurazioni della Pennsylvania, Joel Ario, in un documento con cui si è chiesta la liquidazione dell’azienda. Le sofferenze della compagnia sono state infatti sottostimate, e la grave crisi che ha colpito il comparto delle polizze vita ne ha peggiorato di giorno in giorno le condizioni.

Un eventuale clamoroso default, oltre ad andare ad aggiungersi ai molti fallimenti nel settore finanziario che hanno caratterizzato il mercato americano degli ultimi anni, costituirebbe un ulteriore problema sociale per l’amministrazione Obama. A rimanere improvvisamente senza un posto di lavoro sarebbero infatti circa 120 mila persone. Moltissimi clienti, inoltre, non potrebbero più contare sulle proprie coperture, comprese quelle per le spese mediche. I possessori di polizze della Penn Treaty hanno pagato per garantirsi un’assicurazione circa 249 milioni di dollari in premi annuali. Mentre, secondo i regolatori degli Usa, il gap tra gli asset in possesso dell’azienda e i futuri pagamenti per i sinistri sarebbe potenzialmente intorno agli 1,3 miliardi.

nikelise 10-10-2009 08.50.09

Citazione:

Originalmente inviato da Uno (Messaggio 75069)
Ma chi lo ha scritto l'articolo? Il mago Othelma o meglio un millenarista menagramo: pentitevi e inginocchiatevi? icon_mrgr:
Scherzi a parte, si è vero che il denaro soprattutto stampato dovrà valere sempre meno nel futuro, ma il salto non potrà essere troppo veloce (per esempio prima raggrupperanno le valute, adesso è il momento dell'Africa per esempio) e comunque un'altra forma di economia dovrà prenderne il posto.

L'articolo lo trovi su yahoo finanza e c'e' anche oggi ;
ma ha una sua logica parlare di primavera 2010 come inizio del nuovo giro.
Dal marzo 2009 ad oggi i valori delle azioni sono salite del 60 % vedi ad esempio Generali con punte del 115% Unicredit .
Da allora non si fa altro che parlare di arresto della crescita dei corsi che invece non arriva salvo brevissimi arretramenti inferiori al 10% .
Tutto sta crescendo senza sosta parlo delle azioni e materie prime e senza fondamenti ....ma questo lo sappiamo .
Se si va a vedere come e' andata allo scoppio delle altre bolle e' stato sempre cosi' , tale e quale .
Il tutto con notizie giorno per giorno del tutto opposte nei contenuti : una volta va tutto a rotoli per spaventare la gente ed indurla a vendere il giorno dopo il contrario con inaspettata crescita prolungata.
Di questo passo a maggio giugno 2010 saremo vicini ai valori del 2007 quando inizio' la discesa lenta e poi vertiginosa da settembre 2008 .
Comunque il segnale del cambio rotta sara' l'aumento dei tassi che saranno giustificati da una ripresa troppo forte :wow: che indurra' il cd. parco buoi cioe' noi ad entrare e consegnare i risparmi all'investimento a rischio .
Forse sara' anche davvero cosi' che in quel momento le cose staranno andando un po' meglio ma cio' non toglie che scendera' tutto di nuovo .
La svalutazione sara' graduale come il rialzo dei tassi ma chi avra' obbligazioni anche sicure rimarra incastrato perche' il loro valore crollera' e non potra' piu' rivenderle sul mercato .
La cosa nuova di questo percorso sta tutta nell'intuizione di UNO che tutto e' pilotato , che e' pilotato un treno che e' sgangherato ma che ancora deve portare a destinazione i soliti noti gli altri devono scendere lungo il percorso e li costringeranno a scendere in tutti i modi .
Per questo la previsione e' diventata semplice basta guardare quello che e' gia' accaduto in passato .
Le grandi Banche USA stanno gia' restituendo allo Stato i miliardi presi a prestito !!! significa che l'emergenza e' davvero finita .

Un'ultima cosa questa volta non sara' alimentata la paura del fallimento delle Banche, non ci cascherebbe nessuno , ma probabilmente sara' prolungata la restituzione del denaro investito in obbligazioni il cd. consolidamento ma sara' fatto nei dovuti modi.

Uno 10-10-2009 13.08.53

Citazione:

Originalmente inviato da nikelise (Messaggio 75090)
Forse sara' anche davvero cosi' che in quel momento le cose staranno andando un po' meglio ma cio' non toglie che scendera' tutto di nuovo .

Questo te l'ho detto post e post fa, le crisi saranno periodiche ed intervallate di qualche anno, diciamo che le famose vacche grasse e magre di 7anni saranno un ricordo che diventerà sempre più mito e mi aspetterei un ciclo di 3/4 anni al massimo più o meno. Tutto sta (per noi formiche insignificanti) a gestirsi la nostre cosette in questi termini.
Chi ha da investire (non è il mio caso), se non è uno squalo bravo nel mordi e fuggi molto veloce, farebbe bene a rimanere sul mattone, meglio un garage o una cantina che soldi virtuali chissà dove

centomila 31-01-2010 17.03.32

Sinistri scricchiolii provengono dalla Grecia.........
Vi posto uno stralcio di un interessante articolo di Rampini comparso oggi su Repubblica:


<Questa nuova emergenza si è imposta ai leader europei mentre affluivano al World Economic Forum. All'inizio della settimana il premier greco Georgios Papandreou ha dovuto rivolgersi in affanno ai mercati internazionali per finanziare il suo debito pubblico. In apparenza ha guadagnato tempo, collocando titoli del Tesoro per 5 miliardi di euro. A un costo altissimo: un interesse del 6,25% che andrà a cumularsi ai debiti greci. E la tregua è stata illusoria. Gli stessi investitori internazionali che avevano presentato domande cinque volte superiori all'offerta di Bot greci, 24 ore dopo fuggivano disordinatamente. Vendite in massa di titoli di Atene hanno fatto schizzare i tassi ancora più su, fino a 3,7 punti sopra i Buoni del Tesoro tedeschi: una forbice-record mai raggiunta da quando la Grecia entrò nell'euro. Un segnale tremendo in vista dei prossimi appuntamenti coi mercati. Quest'anno Papandreou deve riuscire a raccogliere altri 54 miliardi, la metà entro aprile. E se non ce la facesse?

Il senso di panico è accresciuto da un giallo, la voce poi smentita secondo cui la Cina avrebbe rifiutato un salvagente finanziario ad Atene.>

Elohim 02-02-2010 11.49.01

Citazione:

Originalmente inviato da Uno (Messaggio 75096)
Questo te l'ho detto post e post fa, le crisi saranno periodiche ed intervallate di qualche anno, diciamo che le famose vacche grasse e magre di 7anni saranno un ricordo che diventerà sempre più mito e mi aspetterei un ciclo di 3/4 anni al massimo più o meno. Tutto sta (per noi formiche insignificanti) a gestirsi la nostre cosette in questi termini.
Chi ha da investire (non è il mio caso), se non è uno squalo bravo nel mordi e fuggi molto veloce, farebbe bene a rimanere sul mattone, meglio un garage o una cantina che soldi virtuali chissà dove

Da quello che intuirei questo è solo l'inizio della grande frana del sistema economico cosi come lo conosciamo. Il cosiddetto "signoraggio" monetario ha portato a tutto questo. Quindi secondo me... non ci sarà nessun rialzo dell'economia così come è strutturata. Ma una parabola in continua discesa. Questo dovrebbe portare all'inizio alla formazione di una moneta mondiale e poi alla comopleta sostituzione della moneta anche cartacea fermo restando il valore nominale su carte di credito. Fino la soppressione completa del denaro anche in questa forma. Non mi spingo oltre...
Love
:)

centomila 09-02-2010 17.51.03

Sull'Europa lo spettro del '92
 
Val la pena di leggerlo:
http://www.ilsole24ore.com/art/SoleO...i-unione.shtml

nikelise 11-02-2010 06.48.06

Citazione:

Originalmente inviato da centomila (Messaggio 80091)
Sinistri scricchiolii provengono dalla Grecia.........
Vi posto uno stralcio di un interessante articolo di Rampini comparso oggi su Repubblica:


<Questa nuova emergenza si è imposta ai leader europei mentre affluivano al World Economic Forum. All'inizio della settimana il premier greco Georgios Papandreou ha dovuto rivolgersi in affanno ai mercati internazionali per finanziare il suo debito pubblico. In apparenza ha guadagnato tempo, collocando titoli del Tesoro per 5 miliardi di euro. A un costo altissimo: un interesse del 6,25% che andrà a cumularsi ai debiti greci. E la tregua è stata illusoria. Gli stessi investitori internazionali che avevano presentato domande cinque volte superiori all'offerta di Bot greci, 24 ore dopo fuggivano disordinatamente. Vendite in massa di titoli di Atene hanno fatto schizzare i tassi ancora più su, fino a 3,7 punti sopra i Buoni del Tesoro tedeschi: una forbice-record mai raggiunta da quando la Grecia entrò nell'euro. Un segnale tremendo in vista dei prossimi appuntamenti coi mercati. Quest'anno Papandreou deve riuscire a raccogliere altri 54 miliardi, la metà entro aprile. E se non ce la facesse?

Il senso di panico è accresciuto da un giallo, la voce poi smentita secondo cui la Cina avrebbe rifiutato un salvagente finanziario ad Atene.>

Hanno gia' risolto il problema : la BCE comprera' i titoli della Grecia tenendoli a garanzia .
Poi quando la situazione sara' migliorata li vendera' sul mercato .
Come vedi c'e' sempre una medicina per tenere in vita il malato .
Malato al quale somministreranno una cura dimagrante con una politica di lacrime e sangue per la gente comune.arrabbiat:

centomila 11-02-2010 12.19.47

Citazione:

Originalmente inviato da nikelise (Messaggio 80517)
Hanno gia' risolto il problema : la BCE comprera' i titoli della Grecia tenendoli a garanzia .
Poi quando la situazione sara' migliorata li vendera' sul mercato .
Come vedi c'e' sempre una medicina per tenere in vita il malato .
Malato al quale somministreranno una cura dimagrante con una politica di lacrime e sangue per la gente comune.arrabbiat:

Finchè dura Nike.........8-)

Non vorrei fosse lunga la lista dei malati da assistere: Grecia, Spagna, Portogallo, Irlanda (insomma i PIGS): poi appresso Belgio, Italia, (United Kingdom che fanno sempre i califfi ma sono messi male, molto male).

E non è che i giganti francesi e tedeschi abbiano i piedi d'argilla?

Elohim 18-02-2010 11.43.14

Citazione:

Originalmente inviato da centomila (Messaggio 80523)
Finchè dura Nike.........8-)

Non vorrei fosse lunga la lista dei malati da assistere: Grecia, Spagna, Portogallo, Irlanda (insomma i PIGS): poi appresso Belgio, Italia, (United Kingdom che fanno sempre i califfi ma sono messi male, molto male).

E non è che i giganti francesi e tedeschi abbiano i piedi d'argilla?


Si, è così. Effettivamente come avevo già detto, qualsiasi azione è già dedcisa da un gruppo di famiglie mi pare che sianp una dozzina al mondo. Esse determinano tutto il sistema monetario degli stati mondiali. il "pilotaggio" che va avanti da secoli, si concludeerebbe con la formazione di una moneta unica mondiale, un governo mondiale, eccetera. Questo andrebbe a dare maggiore potere alle famiglie in questione. Tuttavia (e speriamo che queste famiglie ce le permettano) la tecnologia sarà il nostro salvataggio perchè sono già in programma delle macchine grandi come un fornello a microonde, che assemblereranno gli atomi per farne quello di cui abbiamo bisogno principalmente cibo.
Love
:)


ps. quindi niente più lavoro, niente più operai ecc. tutti avranno la loro razione necessaria. Sembra fantascienza ma dato che non posso mettere link...

centomila 07-05-2010 22.56.41

Avete visto che chiari di luna?strabuzza:

Grey Owl 07-05-2010 23.20.51

Citazione:

Originalmente inviato da centomila (Messaggio 85358)
Avete visto che chiari di luna?strabuzza:

Se posso, oserei dire che il tuo dire è alquanto criptico.

nikelise 08-05-2010 07.17.51

Citazione:

Originalmente inviato da nikelise (Messaggio 75027)
Vi riporto a conferma un articolo apparso sul quale e' utile che il piccolo risparmiatore si soffermi :

Uno Cento che ne pensate finira' il mercato del pesce cosa che non credo o si inventeranno qualcosa d'altro per far contiuare a camminare il carrozzone ? E qual'e' il fine di questi signori?

Citazione:

Originalmente inviato da nikelise (Messaggio 75090)
L'articolo lo trovi su yahoo finanza e c'e' anche oggi ;
ma ha una sua logica parlare di primavera 2010 come inizio del nuovo giro.
Dal marzo 2009 ad oggi i valori delle azioni sono salite del 60 % vedi ad esempio Generali con punte del 115% Unicredit .
Da allora non si fa altro che parlare di arresto della crescita dei corsi che invece non arriva salvo brevissimi arretramenti inferiori al 10% .
Tutto sta crescendo senza sosta parlo delle azioni e materie prime e senza fondamenti ....ma questo lo sappiamo .
Se si va a vedere come e' andata allo scoppio delle altre bolle e' stato sempre cosi' , tale e quale .
Il tutto con notizie giorno per giorno del tutto opposte nei contenuti : una volta va tutto a rotoli per spaventare la gente ed indurla a vendere il giorno dopo il contrario con inaspettata crescita prolungata.
Di questo passo a maggio giugno 2010 saremo vicini ai valori del 2007 quando inizio' la discesa lenta e poi vertiginosa da settembre 2008 .
Comunque il segnale del cambio rotta sara' l'aumento dei tassi che saranno giustificati da una ripresa troppo forte :wow: che indurra' il cd. parco buoi cioe' noi ad entrare e consegnare i risparmi all'investimento a rischio .
Forse sara' anche davvero cosi' che in quel momento le cose staranno andando un po' meglio ma cio' non toglie che scendera' tutto di nuovo .
La svalutazione sara' graduale come il rialzo dei tassi ma chi avra' obbligazioni anche sicure rimarra incastrato perche' il loro valore crollera' e non potra' piu' rivenderle sul mercato .
La cosa nuova di questo percorso sta tutta nell'intuizione di UNO che tutto e' pilotato , che e' pilotato un treno che e' sgangherato ma che ancora deve portare a destinazione i soliti noti gli altri devono scendere lungo il percorso e li costringeranno a scendere in tutti i modi .
Per questo la previsione e' diventata semplice basta guardare quello che e' gia' accaduto in passato .
Le grandi Banche USA stanno gia' restituendo allo Stato i miliardi presi a prestito !!! significa che l'emergenza e' davvero finita .

Un'ultima cosa questa volta non sara' alimentata la paura del fallimento delle Banche, non ci cascherebbe nessuno , ma probabilmente sara' prolungata la restituzione del denaro investito in obbligazioni il cd. consolidamento ma sara' fatto nei dovuti modi.

Citazione:

Originalmente inviato da centomila (Messaggio 85358)
Avete visto che chiari di luna?strabuzza:

Tutto previsto ( con qualche piccola differenza tipo l'aumento dei tassi che ancora non c'e' stato o il raggiungimento dei livelli del 2007) vedi l'ipotesi del consolidamento dei titoli di Stato piazzati dalla Grecia che viene ventilato e che ci sara' nei modi dovuti cioe' probabilmente con un prolungamento della scadenza e la restituzione del 50 per cento del capitale .
Aspettiamo .

PS volevo riportare l'articolo di yahoo finanza che ho citato ma non e' venuto , puoi leggerlo nel post 224 , ne vale la pena.

nikelise 08-05-2010 10.06.01

Uno, scusa un disastro con la funzione multi .
Aggiusti tu ? grazie !!

centomila 08-05-2010 11.10.40

Citazione:

Originalmente inviato da Grey Owl (Messaggio 85359)
Se posso, oserei dire che il tuo dire è alquanto criptico.

Criptico??????8-)

Siamo di nuovo sull'orlo dell'abisso, l'inesigibilità dei debiti è passata dalle banche/assicurazioni agli Stati sovrani (cioè siamo all'ultima spiaggia) e sinceramente sono molto pessimista.

C'è caso che in questo week end si inventino qualche altro trucco ma la situazione resta quella indicata 2 anni fa: il debito complessivo mondiale è del tutto inesigibile!

Questo fatto incontrovertibile porterà, prima o poi, ad un colasso totale del sistema finanziario prima ed economico poi.

Insomma sarà la fine del mondo così come lo conosciamo!

Uno 08-05-2010 12.55.11

Citazione:

Originalmente inviato da centomila (Messaggio 85383)

Insomma sarà la fine del mondo così come lo conosciamo!

Magari nel 2012? icon_mrgr:

Dai Cento, essì che sei intelligente, come fai a farti fregare così?

Grey Owl 08-05-2010 15.45.50

Circa 2 anni fa (8 aprile 2008) si parlava già di questa tremenda crisi, ad esempio in questo post.

La fine del mondo è stata pianificata a tavolino, questo è evidente. Basta seguire il bianconiglio, il banchiere George Soros.

PS: Per chi non ha mai sentito parlare del bianconiglio informo che si tratta di uno dei più grandi speculatori dell'epoca moderna. Ha mosso e muove i fili del destino, le sorti finanziarie e politiche di paesi europei e non. Proprietario della più vasta rete bancaria e finanziaria d'Europa è collegabile in linea diretta alla famiglia Rothschild. Già, sempre la famiglia dello scudo rosso.

centomila 08-05-2010 18.27.39

Citazione:

Originalmente inviato da Uno (Messaggio 85391)
Magari nel 2012? icon_mrgr:

Dai Cento, essì che sei intelligente, come fai a farti fregare così?

Tu guadagni 2.000 € al mese e ne spendi 2.200 e ti finanzi i 200 € facendo un debito. L'unica tua speranza di saldare il debito è di aumentare il tuo stipendio mensile ma questo fatto non avviene.

E così sei costretto ad aumentare sempre più i tuoi debiti anche per effetto degli interessi.

Con l'andar del tempo non riuscirai più a sostenere il tuo stile di vita così come lo conosci (tu e le persone che frequenti). E così, tuo malgrado, dovrai mutare il tuo modus vivendi.

Purtroppo avverrà in modo traumatico (la banca che ti chiude il fido, un fornitore che ti fa un'azione, etc.) e repentino.

Trasporta questo micro economico esempio su scala macro economica e potrai facilmente intuire cosa avverrà nel prossimo futuro.

Ciao!

P.S.
Grazie di reputarmi intelligente: ti farò parlare con mia moglie a vedere se riesci a convincerla!!icon_mrgr: icon_mrgr:

Elohim 12-05-2010 15.39.30

Citazione:

Originalmente inviato da centomila (Messaggio 85408)
Tu guadagni 2.000 € al mese e ne spendi 2.200 e ti finanzi i 200 € facendo un debito. L'unica tua speranza di saldare il debito è di aumentare il tuo stipendio mensile ma questo fatto non avviene.

E così sei costretto ad aumentare sempre più i tuoi debiti anche per effetto degli interessi.

Con l'andar del tempo non riuscirai più a sostenere il tuo stile di vita così come lo conosci (tu e le persone che frequenti). E così, tuo malgrado, dovrai mutare il tuo modus vivendi.

Purtroppo avverrà in modo traumatico (la banca che ti chiude il fido, un fornitore che ti fa un'azione, etc.) e repentino.

Trasporta questo micro economico esempio su scala macro economica e potrai facilmente intuire cosa avverrà nel prossimo futuro.

Hai detto tutto perfettamente bene. I raeliani già lo sanno da 35 anni... Come ho detto sopra, il mondo così come lo conosciamo crollerà sempre più. L'unica salvezza sarà di mettere da parte ego e egoismi e fare finalmente un unico sistema sociale: dove la scienza farà tutto quello che serve all'umanità. Bevande, cibo, vestiario verranno prodotti da macchine domestiche che assebleranno atomi fino al risultato voluto. IL denaro non sarà più necessario. Non più lavoro, non più debiti, non più signoraggio. Fantascienza? Delirio? Vedremo... ci siamo quasi.... Manca solo il botto finale dell'economia e del denaro. Poi o ci uniamo o ci autodistruggiamo...
Love
:)

Uno 12-05-2010 21.59.52

Citazione:

Originalmente inviato da centomila (Messaggio 85408)
Tu guadagni 2.000 € al mese e ne spendi 2.200 e ti finanzi i 200 € facendo un debito. L'unica tua speranza di saldare il debito è di aumentare il tuo stipendio mensile ma questo fatto non avviene.

In realtà la metafora è che uno guadagna 2000 euro, dice in famiglia che ne prende 1800, 200 se li mangia a donnine e con le ricevute (donnine comprese) fa vedere alla famiglia che i soldi non bastano, quindi chiede un prestito di 200 che in realtà non gli serve ma gli permette di camuffare i conti

Citazione:

Grazie di reputarmi intelligente: ti farò parlare con mia moglie a vedere se riesci a convincerla!!icon_mrgr: icon_mrgr:
Va bene, quando però tu la smetti di cercare di convincerla del contrario icon_mrgr:

stefano 13-05-2010 01.18.07

non sono così d'accordo amico uno.
in questo caso secondo me stai vedendo solo una parte del problema e non il problema nella sua interezza.
La casistica di cui parli è una percentuale nemmeno troppo alta.

Uno 13-05-2010 01.52.01

E' risaputo che tu hai una visione più ampia della mia, talmente ampia che non si può neanche esporre....

stefano 13-05-2010 02.03.45

Citazione:

Originalmente inviato da Uno (Messaggio 85668)
E' risaputo che tu hai una visione più ampia della mia, talmente ampia che non si può neanche esporre....

c'è gente (molta) che fatica ad arrivare a fine mese e senza spendere e spandere in giro.
Ogni tanto l'istat (en passant al tg lo dicono tra una notizia e l'altra ma evidentemente ai più sfugge dato che non si parla di gossip o cronaca nera) cita qualche dato.
Circa un anno fa fece circolare la notizia che il 90 per cento degli italiani ha un reddito che non supera i 20000 euro annui.
circa un mese fa sempre l'istat ha diramato la notizia che il 70 per cento delle famiglie se per 3 mesi non riceve stipendio rischia l'indebitamento.
Quindi sicuramente ci sta quanto dici tu,come ci sta il discorso signoraggio e "manipolazione globale", così come ci sta che c'è gente che fatica e non arriva a fine mese.

ma dire che tutto è come lo hai descritto tu a mio avviso è
1) non completo
2) vede il negativo solo da una parte
3) secondo me non parte da una visione globale e se lo fa parte con l'idea (errata) che chi promulga leggi e comanda l'economia è "sicuramente pulito" mentre la persona normale no.
non so se è questo il tuo reale punto di vista.
se lo è per quanto mi riguarda non lo condivido


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 09.53.02.

Powered by vBulletin Copyright ©2000 - 2020, Jelsoft Enterprises Ltd.
Questo sito non è, nè può ritenersi assimilabile ad una testata giornalistica, viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale. Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina della l. n. 62 del 2001. Il materiale pubblicato è sotto la responsabilità dei rispettivi autori, tutti i diritti sono di Ermopoli.it che incoraggia la diffusione dei contenuti, purchè siano rispettati i seguenti principi: sia citata la fonte, non sia alterato il contenuto e non siano usati a scopo di lucro. P.iva 02268700271