Ermopoli

Ermopoli (http://ermopoli.it/portale/index.php)
-   Manifestazione pacifica del nostro volere (http://ermopoli.it/portale/forumdisplay.php?f=125)
-   -   situazione (economica) mondiale attuale (http://ermopoli.it/portale/showthread.php?t=4771)

Ray 28-05-2010 09.25.53

Citazione:

Originalmente inviato da centomila (Messaggio 86429)
Se vuoi (e se interessa a chi sta partecipando a questa discussione) possiamo aprire un thread ad hoc sulla causa profonda della colossale montagna di debito che sta soffocando e, secondo la mia tesi, soffocherà l'economia.

Certo che mi interessa. Compreso quello che dici dopo, sul fatto che da una parte va bene fare debito, dall'altra ci deve essere una proporzione (ma quale?). E' da tempo che il debito viene fatto non su un capitale reale o su una sensata previsione, ma bon attendo il tread.

filoumenanike 28-05-2010 10.29.28

Citazione:

Originalmente inviato da Uno (Messaggio 86412)
Le proporzioni non sono cambiate e non cambiano. Chi è povero è povero e chi è ricco è ricco.
Quando si dice che i sacrifici li fanno sempre i poveri proporzionalmente è vero. Se ad uno stipendio di 800 euro tolgo il 10% ha un inciso nella vita di quella persona, lo mette in crisi sul serio, se tolgo il 10% ad uno stipendio di 10000 euro tolgo solo qualcosa di non indispensabile.
Però sarebbe giusto livellare qualsiasi stipendio e qualsiasi reddito?
Dovremmo togliere il 90% ai più ricchi e solo il 10% ai più poveri?

In apparenza potrebbe sembrare giusto, per il movimento del pianeta sarebbe una catastrofe.

Alla prima domanda rispondo che anche secondo me non sarebbe giusto livellare gli stipendi, chi ha più merito, coraggio, imprenditorialità ed altro, è giusto che guadagni di più.

Alla seconda domanda, in modo semplicistico rispondo che sì sarebbe proprio giusto togliere più soldi a chi neppure se ne accorge...poi mi spiazzi e tiri fuori la teoria che per il movimento del pianeta sarebbe una catastrofe!!!! davvero non so niente di economia, riusciresti a spiegare in modo semplice una teoria che a me appare così assurda?

nikelise 28-05-2010 10.57.01

Citazione:

Originalmente inviato da centomila (Messaggio 86429)
L'età dell'oro è stata incrinata dall'esplosione del debito che ci sta rovinando tutti. C'è dunque una consequenzialità logica. Non la contestualità che, certamente per causa mia, stai leggendovi.

Se vuoi (e se interessa a chi sta partecipando a questa discussione) possiamo aprire un thread ad hoc sulla causa profonda della colossale montagna di debito che sta soffocando e, secondo la mia tesi, soffocherà l'economia.

Questa causa (ma forse l'hai già capito) la individuo nell'assoluto vuoto ideale e di prospettiva divina che affligge l'attuale civiltà.

Il discorso si farebbe lungo ma, esotericamente parlando, visto il sito ove ci troviamo, molto interessante. Almeno secondo la mia opinione.

Questa osservazione è del tutto fondata. Infatti.....come dire......di fieno in cascina ne abbiamo messo!

Purtuttavia ho motivo di ritenere che lo schock da insolvibilità del debito sarà così devastante da non consentire una ragionevole gestione dello stesso. Non vedo, per capirci, un lungo inverno da affrontare attingendo alle capienti riserve accumulate. Vedo, viceversa, una settimana traumatica, per non dire pazzesca, nella quale viene ribaltata la nostra vita quotidiana.

Se sarà così, oltre che attestarti tutta la mia stima per una previsione azzeccata, tirerò un grosso, ma veramente grosso sospiro di sollievo.:)


Va benissimo Keynes e va benissimo fare debito. Il problema è che, negli ultimi 15 anni, lo si è fatto fuori da ogni ragionevole criterio.

Non è possibile fare debiti con effetto leva pari a 20/30 volte il capitale sottostante. Per essere ancor più chiaro: non è lecito che io, per esempio, impegnando una casa che vale 200.000 € ottenga 4.000.000 di € a credito che potrò investire come mi pare. Magari in speculazioni ultrazzardate che moltiplichino ancor di più la leva.

Ed è pazzesco che questi debiti siano contratti fuori da ogni mercato regolamentato: over the counter per intenderci!

Non tocco il discorso derivati più in fino perchè sarei stucchevole. Sarebbe tuttavia cosa buona e giusta che chi è realmente interessato a comprendere come stanno le cose nel mondo della finanza desse un'occhiata all'incredibile mondo della ingegneria finanziaria.

Una strordinaria TRUFFA!

Concludendo: il debito esistente OGGI sul pianeta è INCALCOLABILE. Ma certamente insostenibile.

Lo sanno tutti all'interno della comunità finanziaria ma nessuno lo vuole dire: sperano di morire di vecchiaia prima dell'ineluttabile crollo.

Quello che mi sorprende è: ma nessuno di loro ha figli????

Chiedo a tutti scusa per la lungaggine.nonso.gif

Sai qual'e' l'errore Cento , che poi era anche il mio ,
il voler vedere tutto come se fosse bianco o nero invece il mondo purtroppo o per fortuna e' il regno del grigio .

Prova ad immaginare che un giorno anzicche' fare come dovrebbero e cioe' esigere il credito alla scadenza dicessero: bene da oggi tutti i debiti sono ridotti del 50 per cento , secondo te cambierebbe qualcosa ?
E non per quelle istituzioni finanziarie che non farebbero altro che compensare le reciproche partite di debito e credito sicche' per loro non cambierebbe nulla ma per me e per te cambierebe qualcosa ?
Se hai un titolo di stato greco di 50000 euro e te ne restano 25000 cosa cambia? Nulla , non saresti contento ma la tua vita non cambierebbe .
Pensa a livello globale cosa significherebbe senza che cambi nulla . Ed era solo un esempio .
Se noti sono fallite solo Stati o istituzioni non rilevanti v. ARGENTINA , Cirio , PARMALAT , Lehman rientrava forse in un piano piu' ampio di accorpamento o e' stato un errore e oggi non fallirebbe piu' come non sono fallite le casse di risparmio spagnole .
Insomma ci sono 1000 modi nel grigio per rientrare dalla situazione che si e' creata .

Siamo noi che immaginiamo la catastrofe perche' ha un sapore catarchico di rivoluzione della nostra esistenza che parte dalle regioni dell'inconscio o da visioni religiose che e' lo stesso ma il mondo segue altre leggi molto terra terra e pragmatiche .

stella 28-05-2010 12.08.00

Citazione:

Originalmente inviato da nikelise (Messaggio 86437)
Siamo noi che immaginiamo la catastrofe perche' ha un sapore catarchico di rivoluzione della nostra esistenza che parte dalle regioni dell'inconscio o da visioni religiose che e' lo stesso ma il mondo segue altre leggi molto terra terra e pragmatiche .

Ma la crisi del singolo nucleo familiare che non ce la fa è reale..... la catastrofe consiste nel non poter più vivere nello stesso modo di prima che consiste nel pagare un affitto, fare la spesa, avere un'automobile indispensabile per recarsi in certi posti di lavoro non serviti dai mezzi pubblici, ma comunque vivere, ma l'effetto che fa a livello psichico e fisico è come se venisse tolto il cibo di bocca e la sicurezza per il futuro, secondo la scala dei bisogni primari, specie se si perde la casa che è il primo punto di riferimento anche per tutto il resto.... piango.gif

nikelise 28-05-2010 12.37.12

Citazione:

Originalmente inviato da stella (Messaggio 86438)
Ma la crisi del singolo nucleo familiare che non ce la fa è reale..... la catastrofe consiste nel non poter più vivere nello stesso modo di prima che consiste nel pagare un affitto, fare la spesa, avere un'automobile indispensabile per recarsi in certi posti di lavoro non serviti dai mezzi pubblici, ma comunque vivere, ma l'effetto che fa a livello psichico e fisico è come se venisse tolto il cibo di bocca e la sicurezza per il futuro, secondo la scala dei bisogni primari, specie se si perde la casa che è il primo punto di riferimento anche per tutto il resto.... piango.gif

Questo e' sacrosanto Stella ed hai ragione ma il sistema cosi' com'e' con tutte le ingiustizie che ha non crollera' .
Come non crolla perche' ogni giorno muoiono non so quante migliaia di bambini di fame .

Enoch 28-05-2010 13.14.25

A causa della loro trascuratezza nella scienza del governo, o a causa della corruzione dei loro ministri, o della loro ignoranza in fatto di finanza, i sovrani hanno reso i loro paesi debitori delle nostre banche ad un punto tale, che non potranno mai redimere i loro debiti. Dovete comprendere quante fatiche e quante pene abbiamo sopportato per riuscire a produrre un simile stato di affari. (Prot. XX)

I prestiti all'estero sono come sanguisughe che non si possono distaccare dal corpo del governo, finché non cascano da sé, o finché il governo non riesce a sbarazzarsene. Ma i governi dei Goiym non desiderano di togliersi di dosso queste sanguisughe; al contrario ne aumentano il numero, ed è perciò che il loro Stato è destinato a morire dissanguato e per colpa loro. Perché, cosa è un prestito all'estero se non una sanguisuga? Un prestito è una emissione di carta governativa che implica l'impegno di pagare un interesse ammontante ad una certa percentuale della somma totale di denaro preso in prestito. Se un prestito è al cinque per cento, in 20 anni il governo avrà inutilmente pagato una somma equivalente a quella del prestito per coprirne solamente la percentuale degli interessi. In 40 anni avrà pagato due volte ed in 60 anni tre volte la somma iniziale, ma il prestito originario resterà sempre un debito non pagato. Da questo calcolo è evidente che simili prestiti, dato l'attuale sistema di tassazione (1901), toglieranno fino l'ultimo centesimo al povero contribuente per pagare gli interessi ai capitalisti stranieri, dai quali lo Stato ha preso in prestito il denaro invece di raccogliere dalla nazione, per mezzo di procedure interne, la somma necessaria libera di interessi. (Prot. XX)

Aggiungerò ora qualche parola a ciò che vi dissi alla nostra ultima assemblea, e vi farò una spiegazione dettagliata dei prestiti all'interno. Ma non discuterò ulteriormente i prestiti all'estero, perché essi hanno riempito i nostri forzieri di denaro tolto ai Goiym ed anche perché il nostro governo universale non avrà vicini esteri dai quali esso possa prendere a prestito. Ci siamo serviti della corruzione degli amministratori e della negligenza dei sovrani per raddoppiare e triplicare il denaro imprestato da noi ai loro governi e del quale in realtà non abbisognavano. Chi potrebbe fare altrettanto a noi? (Prot. XXI)

stella 28-05-2010 13.18.32

Citazione:

Originalmente inviato da nikelise (Messaggio 86439)
Questo e' sacrosanto Stella ed hai ragione ma il sistema cosi' com'e' con tutte le ingiustizie che ha non crollera' .
Come non crolla perche' ogni giorno muoiono non so quante migliaia di bambini di fame .

Lo so che è così, ma in rapporto ai bambini che muoiono di fame quella che chiamiamo catastrofe per loro è una meta irragiungibile... già il fatto di essere vivi, sani e amati è una ricchezza....
Anche a questi paesi mi sembra che si condoni il debito, ma mi sembra lo si faccia sotto forma di prestiti a lungo termine, se non ho capito male....

P.s. non avevo letto Enoch

Enoch 28-05-2010 14.51.56

Citazione:

Originalmente inviato da stella (Messaggio 86442)

P.s. non avevo letto Enoch

Tenete presente che il mio post è una provocazione.
Qualcuno ha scritto quel documento.
Che sia falso o autentico non è importante in questo contesto.
La cosa interessante è che il caso (o qualcuno) ha fatto in modo che la strategia detta sopra , sempre dal mio punto di vista, corrisponde a quello che stà succedendo.

centomila 28-05-2010 17.47.46

Citazione:

Originalmente inviato da nikelise (Messaggio 86437)
Prova ad immaginare che un giorno anzicche' fare come dovrebbero e cioe' esigere il credito alla scadenza dicessero: bene da oggi tutti i debiti sono ridotti del 50 per cento , secondo te cambierebbe qualcosa ?

Dopo Lehman Brothers non è più possibile immaginare una ristrutturazione del debito. Se, per esempio, la Grecia avesse detto: "va bene, da oggi rimborsiamo solo il 65% del debito. Poi si vedrà." La conseguenza sarebbe stata che nessuno avrebbe mai più comprato il debito greco e l'asta successiva sarebbe andata deserta. Cioè non poteva più finanziarsi. In quel momento allora avrebbe dovuto dichiarare che anche stipendi, pensioni e quant'altro sarebbero stati pagati...che so....al 35%. E via discorrendo sino al default vero e proprio che non tarderebbe più di alcuni mesi. Nella migliore delle ipotesi.

Ma Grecia a parte cosa accadrebbe al resto del mondo?

Il mercato, scottato dalla Grecia, comincerebbe a ritirare i propri capitali dai Paesi ritenuti più a rischio. Attualmente Irlanda, Spagna, Portogallo e Italia. Facendoli fallire in un baleno e facendo fallire, rapidissimamente, il resto del mondo. Francia e Germania hanno tonnellate di debito dei Paesi che ho citato. E sarebbero dunque quelli immediatamente successivi. Poi toccherebbe all'Inghilterra ed infine agli Usa. Considerando che i cinesi oramai hanno comprato il debito pubblico di tutto il mondo toccherebbe, in ultimo, a loro. (infatti si sono affrettati a dichiarare, proprio ieri, che loro continueranno ad acquistare le obbligazioni di tutto il mondo a mani basse!icon_mrgr: )

Lo so che dirai che è impossibile che "i capi del pianeta" permettano tutto questo ma...........ti invito a considerare l'aggressività e relativa cecità del capitale. Il capitale non è lungimirante, guarda all'immediato.

La prova più grande di quanto affermo è la devastazione ecologica perpetrata in questi ultimi anni ai danni dell'intero pianeta!

I capitalisti hanno figli ma IL CAPITALE no! (perdonate queste parole desuetestrabuzza: ma non saprei quali usare in sostiruzione).
Citazione:

Originalmente inviato da nikelise (Messaggio 86437)
Lehman rientrava forse in un piano piu' ampio di accorpamento o e' stato un errore e oggi non fallirebbe piu' come non sono fallite le casse di risparmio spagnole.

Vedo che anche tu, in un angolino della tua mente,icon_mrgr: comprendi che un'affare come quello di Lehman, stavolta, sarebbe una strada senza ritorno. E come fai a dire che non accadrà più una roba del genere?
Citazione:

Originalmente inviato da nikelise (Messaggio 86437)
Siamo noi che immaginiamo la catastrofe perche' ha un sapore catarchico di rivoluzione della nostra esistenza che parte dalle regioni dell'inconscio o da visioni religiose che e' lo stesso

Non lo so Nike, non voglio pubblicamente negare che questa civiltà mi fa orrore. Pur tra le straordinarie condizioni di vita (tra le migliori della intera vicenda umana) rilevo una tale decadenza di valori, una siffatta mancanza di prospettiva ideale che sì, lo riconosco, una catastrofe catartica potrebbe anche starmi bene.

In altre parole sono disposto a correre il rischio. Tuttavia, visto che oramai comincio a diventare vecchio, mi va anche bene così. Anzi vorrei arrivare alla pensione e mandare a cag.....un pò tutti quanti. E sprofondare nei miei studi biblici........:) piuttosto che nel film di Mad Max.icon_mrgr:

Temo, caro Nike, che le cose stiano come le vedo.

Citazione:

Originalmente inviato da nikelise (Messaggio 86437)
ma il mondo segue altre leggi molto terra terra e pragmatiche .

Appunto! Le leggi dell'economia vanno rispettate non scansate come si è fatto negli ultimi 15 anni.

stefano 28-05-2010 18.01.43

i "mirabili" quanto fenomeni di intelligenza manageriale a capo del mondo.
bella roba.
amen.

stefano 28-05-2010 18.02.40

Citazione:

Originalmente inviato da nikelise (Messaggio 86424)
Bravo , per questo deve fare debiti .
E allora che c'entra il fatto che puo' creare denaro se ha dei vincoli nela quantita' di denaro che deve circolare nel sistema ?

Ops , scusa Diamantea mi pareva fosse Stefano a scrivere .
E' corretto quello che dici .

i vincoli chi li crea?

nikelise 28-05-2010 18.31.00

Citazione:

Originalmente inviato da stefano (Messaggio 86456)
i vincoli chi li crea?

I vincoli li crea la teoria economica .
Se si potesse senza problemi stampare denaro e risolvere i problemi che dici saremmo qui a parlare ?

centomila 28-05-2010 19.56.08

Scusate ma in linea del tutto teorica il denaro si può stampare all'infinito. Ed è quello che stanno facendo: famosa la frase di Bernanke - se sarà necessario butteremo i soldi dagli elicotteri -.

Il fatto è che per metterlo in circolazione, questo stramaledetto denaro! bisogna emettere titoli di debito pubblico (Cct, Bot, Ctz, Btp). Devo pagare le pensioni di Maggio 2010? Ammontano esse a X? Bene emetterò Cct per X. E qualcuno dovrà comprarli.........

Questo giochino, tra le altre controindicazioni, crea inflazione. Che nasce dalla Massa monetaria (M3) e dalla velocità di circolazione di quest'ultima. Siccome il dato che ho indicato è del tutto fuori controllo e spaventerebbe a morte chi sa leggerlo, non lo pubblicano più!

Qual è l'M3 nel mondo oggi? Boh. Chissà chi lo sa!martello.:

La verità è che l'inflazione è molto più alta di quella dichiarata. Taroccano TUTTO questi truffatori!diavolo.g:

Vi cito solo un dato che a me pare significativo: è noto che gli immobili (in tutto il mondo) sono aumentati a dismisura dal 2001 al 2006. Se ci aggiungete il concambio reale della £ contro € (non le 1.936,27 lire contro 1 Euro ma 1.000 £ = 1 €) in certi casi il loro valore è raddoppiato o giù di lì.

Ebbene con quali voci il paniere dell'Istat contempla una delle principali, anzi LA PRINCIPALE VOCE DI SPESA di ogni italiano?

Con "affitto case popolari". Sì avete capito bene: niente che si riferisca al costo reale principale (i muri perbacco!) o almeno, in subordine, al costo del terreno, materiali da costruzione, etc. NO, affitto case popolari che, tra l'altro, è calmierato. Questo è il peso che in Italia hanno le abitazioni sul calcolo dell'inflazione. E' un pezzo che non guardo il paniere dunque qualcosa può essere cambiato ma, in buona sostanza, credo che le cose stiano ancora come ve le sto raccontando. E suppongo che accada la stessa cosa nel resto del mondo. Non so che giochini facciano ma sempre per rimanere alle case; possibile che in Germania non c'è stato lo sproporzionato aumento verificatosi nel resto d'Europa ma l'inflazione è più o meno in linea con gli altri Paesi europei?

Ragazzi c'è gente che si sputtana una vita per acquistare una casa e il paniere Istat nemmeno li considera????

Ora risulta evidente che l'inflazione non è 1% come ci raccontano ma qualcosa di molto diverso. D'altra parte questo (quello inflattivo) è un sistema principe per rapinare i risparmi e ridurre (inflazionare) il debito.

Ciònondimeno si è rivelato insufficiente ad anacquare il debito: ce n'è troppo!!!manata.gif

Meglio nasconderlo...............

nikelise 29-05-2010 04.20.07

Citazione:

Originalmente inviato da centomila (Messaggio 86463)
Scusate ma in linea del tutto teorica il denaro si può stampare all'infinito. Ed è quello che stanno facendo: famosa la frase di Bernanke - se sarà necessario butteremo i soldi dagli elicotteri -.

Il fatto è che per metterlo in circolazione, questo stramaledetto denaro! bisogna emettere titoli di debito pubblico (Cct, Bot, Ctz, Btp). Devo pagare le pensioni di Maggio 2010? Ammontano esse a X? Bene emetterò Cct per X. E qualcuno dovrà comprarli.........

In linea teorica forse non di fatto ma in verita' nessuna teoria afferma che si possa stampare denaro all'infinito ed immetterlo sul mercato per risolvere i problemi di un paese .
In situazioni di emergenza si ma poi bisogna recuperare la massa di denaro immessa che altrimenti generando inflazione ne abbatte il valore .

Poi , non mi pare che l'immissione di liquidita' nel sistema avvenga con l'emissione di obbligazioni .
L'emissione di obbligazioni e' rimedio opposto di uno Stato che denaro non ha e che lo chiede a prestito a noi pagando interessi senza stamparne di nuovo .

L'immissione di liquidita' avviene abbassando i tassi di interessi : il denaro costa molto poco e viene venduto dalle autorita' monetarie alle banche che poi lo reimpiegano in attivita' piu' redditizie .
La massa monetaria si restringe col rialzo dei tassi , a quel punto il denaro non viene piu' comprato dalle banche dalle autorita' monetarie in quanto non ha piu' un prezzo conveniente e le banche vendono i propri assets per far liquidita' .
Per questo al rialzo dei tassi le borse calano .
Il problema e' che oggi non si possono alzare i tassi perche' cio' frenerebbe l'economia allora si pensa alla manovra per drenare liquidita' dal mercato .

Il debito e' troppo ? E' vero , lo ridurranno prelevando il risparmio di noi privati e se non bastera' , nei dovuti modi e tempi e con le dovute mistificazione , troveranno il modo di ridurlo a meta' , o prorogheranno le scadenze delle obbligazioni o tutte e due le cose .

La fortuna dell'Italia e' che il nostro debito pubblico e' in mano agli italiani per la maggior parte che non faranno saltare casa loro e continueranno a comprare bot cct ecc. cosi' come invece stava per fare la Germania con la Grecia .

luke 29-05-2010 13.05.09

Citazione:

Originalmente inviato da nikelise (Messaggio 86471)
In linea teorica forse non di fatto ma in verita' nessuna teoria afferma che si possa stampare denaro all'infinito ed immetterlo sul mercato per risolvere i problemi di un paese .
In situazioni di emergenza si ma poi bisogna recuperare la massa di denaro immessa che altrimenti generando inflazione ne abbatte il valore .

Poi , non mi pare che l'immissione di liquidita' nel sistema avvenga con l'emissione di obbligazioni .
L'emissione di obbligazioni e' rimedio opposto di uno Stato che denaro non ha e che lo chiede a prestito a noi pagando interessi senza stamparne di nuovo .

L'immissione di liquidita' avviene abbassando i tassi di interessi : il denaro costa molto poco e viene venduto dalle autorita' monetarie alle banche che poi lo reimpiegano in attivita' piu' redditizie .
La massa monetaria si restringe col rialzo dei tassi , a quel punto il denaro non viene piu' comprato dalle banche dalle autorita' monetarie in quanto non ha piu' un prezzo conveniente e le banche vendono i propri assets per far liquidita' .
Per questo al rialzo dei tassi le borse calano .
Il problema e' che oggi non si possono alzare i tassi perche' cio' frenerebbe l'economia allora si pensa alla manovra per drenare liquidita' dal mercato .


Dovrei ritirare fuori i libri universitari di macroeconomia, ma mi sembra di ricordare che esistono una serie di teorie economiche, keynesiane e non, che descrivono i vari effetti (alcuni dei quali sono descritti da Nikelise) di manovre di poliica monetaria, con variazioni dell'offerta di moneta in circolazione ed i relativi effetti sul tasso di interesse, sul "portafoglio" dei consumatori e quindi la scelta se detenere moneta o titoli e così via.
Mi ricordo il nome di alcuni modelli tra i quali il modello IS-LM e quello AD-AS sulla domanda aggregata.

Elohim 29-05-2010 19.34.06

Citazione:

Originalmente inviato da Uno (Messaggio 86173)
Metto il numero del mio conto corrente... mandatemi tutti i vostri soldi, tanto fra pochissimo non serviranno più. No? icon_mrgr:

Io direi di non scherzarci molto su questa situazione....

Citazione:

Originalmente inviato da centomila (Messaggio 86198)
Non è che si stia discutendo se ci sia crisi o no. La crisi è sotto gli occhi di tutti. ...
Per quanto mi riguarda la vedo nei negozi che chiudono, nelle persone che conosco che vanno in cassa integrazione o direttamente a casa, che non fanno più le ferie. La vedo anche su di me, sui miei risparmi, nel mio lavoro. E negli indicatori economici.
Ma la mia tesi è molto più spinta: ho avanzato l'ipotesi che siamo vicini ad una catastrofe finanziaria di portata epocale.

E' quello che penso anche io e molti altri... E non sembra tanto sia solo ipotesi....

Citazione:

Originalmente inviato da griselda (Messaggio 86271)
Ecco questo il pecoraggio a cui siamo ridotti. Ipnotizzati dalle pubblicità in tv continuiamo a dire: lo voglio, lo voglio, lo voglio :bleah:

Esatto vogliono annebbiare la coscienza e deviare dai veri problemi. E cosè giù gossip, veline, belle donne in parlamento.. ecc.

Citazione:

Originalmente inviato da centomila (Messaggio 86346)
.......e i poveri stanno tornando ad essere anche reietti.

Tutto questo accade perchè un mondo senza Dio non può che andare a rotoli.

Se Dio esistesse avrebbe fatto in modo che non si fosse creato nè denaro nè tantomeno ricchezza e risorse mal distribuite.
Citazione:

Originalmente inviato da Ombra (Messaggio 86395)
Mah, il problema vero è che la bilancia commerciale è in rosso. Quindi ricchezza che esce e và a cercare fortuna altrove. Comunque i dati dicono che le esportazioni sono in aumento, molto probabilmente dovrebbe cominciare la ripresa, ma se nessuno fa qualcosa per la bilancia commerciale e abbatte le spese dello Stato, dubito che questa ripresa porti ricchezza alla gente. Mi viene il dubbio che le piccole crescite di un punto o giù di lì, siano dovute più ad inflazione che ad una reale maggiore ricchezza.
Saremo fuori dalla crisi quando la gente tornerà a risparmiare, e considerando che non ci riesce più o non come prima da circa quindici anni, vuol dire che siamo in crisi da almeno venti. Speriamo in un miracolo, visto mai che Dio si ricorda pure degli italiani.

Da quel che riesco a vedere ed intuire non ci sarebbe più nessuna crescita. Crescono solo l paesi che prima erano cosiddetti "sottosviluppati". Ma è solo fittizia basata sul fatto che lì il costo della mano d'opera è molto al di sotto della media sindacale.... E ci risiamo con Dio (leggere sopra).

Citazione:

Originalmente inviato da stefano (Messaggio 86411)
come mai lo stato emette obbligazioni:)?
e non moneta?

E' a causa del noto signoraggio bancario, ne ho già accennato. Ed è per questo che il mondo sarebbe in mano a 12 o 13 famiglie.

Citazione:

Originalmente inviato da Uno (Messaggio 86412)
Le proporzioni non sono cambiate e non cambiano. Chi è povero è povero e chi è ricco è ricco.
Quando si dice che i sacrifici li fanno sempre i poveri proporzionalmente è vero. Se ad uno stipendio di 800 euro tolgo il 10% ha un inciso nella vita di quella persona, lo mette in crisi sul serio, se tolgo il 10% ad uno stipendio di 10000 euro tolgo solo qualcosa di non indispensabile.
Però sarebbe giusto livellare qualsiasi stipendio e qualsiasi reddito?
Dovremmo togliere il 90% ai più ricchi e solo il 10% ai più poveri?

Hai detto bene, ma alzare la percentuale dei "prelievi" ai 10000 e più non sarebbe una catastrofe: anzi!

Citazione:

Originalmente inviato da nikelise (Messaggio 86439)
Questo e' sacrosanto Stella ed hai ragione ma il sistema cosi' com'e' con tutte le ingiustizie che ha non crollera' .
Come non crolla perche' ogni giorno muoiono non so quante migliaia di bambini di fame .

Crolla, crolla... lo stiamo gia vedendo... é inesorabile questa implosione del sistema capitalistico così come è.
LOve
:)

Ray 29-05-2010 20.17.04

Citazione:

Originalmente inviato da Elohim (Messaggio 86489)
Se Dio esistesse avrebbe fatto in modo che non si fosse creato nè denaro nè tantomeno ricchezza e risorse mal distribuite.

Purtroppo non ti rendi conto che l'arroganza di questa frase inficia la firma con la quale ti compiaci di apparire, e rischia di screditare anche quel che di sensato dici.
Non voglio mandare OT il tread per discutere del tuo presunto sapere come dovrebbe comportarsi Dio, ma non poteva passare sotto silenzio.

Enoch 29-05-2010 22.59.16

1 Allegato/i
Citazione:

Originalmente inviato da centomila (Messaggio 86463)
Questo giochino, tra le altre controindicazioni, crea inflazione. Che nasce dalla Massa monetaria (M3) e dalla velocità di circolazione di quest'ultima. Siccome il dato che ho indicato è del tutto fuori controllo e spaventerebbe a morte chi sa leggerlo, non lo pubblicano più!

Qual è l'M3 nel mondo oggi? Boh. Chissà chi lo sa!martello.:

La verità è che l'inflazione è molto più alta di quella dichiarata. Taroccano TUTTO questi truffatori!diavolo.g:

E' vero che il dato dell'M3 ($) non è più diffuso dalla Federal Reserve, ma è anche vero che alcuni economisti sono riusciti a ricostruirlo.

Probabilmente è stato omesso perchè la massa monetaria complessiva del denaro virtuale (che è poi l'M3) stà diminuendo da qualche tempo, mentre la massa M1 (denaro contante in circolazione) stà aumentando a dismisura.

Il fatto quindi che l'inflazione sia in calo potrebbe essere supportato da questi dati.
Il fatto che l'M3 stia calando in questa maniera probabilmente è perchè si è arrivati al punto critico in cui gli interessi del debito sottostante alla massa M3 non possono essere più coperti dalle attività produttive reali, indi l'M3 che sparisce sono a causa dei fallimenti a catena che sono e avverranno.

Posto il grafico M1 ed M3

Elohim 30-05-2010 13.42.02

Citazione:

Originalmente inviato da Ray (Messaggio 86491)
Purtroppo non ti rendi conto che l'arroganza di questa frase inficia la firma con la quale ti compiaci di apparire, e rischia di screditare anche quel che di sensato dici.
Non voglio mandare OT il tread per discutere del tuo presunto sapere come dovrebbe comportarsi Dio, ma non poteva passare sotto silenzio.

Il Dio a cui penso non è quello a cui si pensa in genere. E' sempre una questione personale. La firma infatti non dice Dio (che ripeto è stata tradotta da Gerolamo con Deus) ma gli Elohim (un plurale indicante più individui) penso siano una cosa ben diversa. E per quanto riguarda la conseguenza della situazione finanziaria, è chiaro che non posso certo sapere fino a che punto il Dio universale, Onniscente e onnipresente possa averla prevista e calcolata. Così come gli integralismi che in Suo nome hanno fatto milioni di morti... Così tutte le immani sofferenze che ci sono sulla Terra.... SE aveva previsto tutto, sorgon molte altre domande credo....
Quindi, il mio modo di vederlo non è certo simile alla maggior parte delle fedi religiose.
Love
:)

Enoch 30-05-2010 16.50.28

2 Allegato/i
Citazione:

Originalmente inviato da Enoch (Messaggio 86500)
Posto il grafico M1 ed M3

... scusate, il grafico postato era sbagliato.
Allegato 2243
Allegato 2244

filoumenanike 30-05-2010 18.58.05

Citazione:

Originalmente inviato da Elohim (Messaggio 86508)
Il Dio a cui penso non è quello a cui si pensa in genere. E' sempre una questione personale.Quindi, il mio modo di vederlo non è certo simile alla maggior parte delle fedi religiose.
Love
:)

Al di là di quale Dio si voglia parlare, credo non si possa attribuire a nessun altro che alla nostra grande scelleratezza il disastro economico che incombe su di noi. In qualunque modo tu possa considerare l'Onniscente, l'Assoluto...noi come essere umani dovremmo avere il libero arbitrio e pertanto dovremmo imputare solo a noi le colpe di alcuni azioni tipicamente umane! Lasciamo perdere Dio e ogni forma simile a Dio!

Elohim 02-06-2010 16.09.51

Citazione:

Originalmente inviato da filoumenanike (Messaggio 86514)
Al di là di quale Dio si voglia parlare, credo non si possa attribuire a nessun altro che alla nostra grande scelleratezza il disastro economico che incombe su di noi. In qualunque modo tu possa considerare l'Onniscente, l'Assoluto...noi come essere umani dovremmo avere il libero arbitrio e pertanto dovremmo imputare solo a noi le colpe di alcuni azioni tipicamente umane! Lasciamo perdere Dio e ogni forma simile a Dio!

Abbiamo molto meno libero arbitrio ci quanto si pensi
nel nostro Angolo cosmico. Apperentemente siamo noi a decidere qualcosa. Ma non è così. Abbiamo solo facoltà di migliorare quanto più possibile la nostra coscienza. (perdonate l'OT). Il disastro economico sarebbe la conseguenza di una vasta operAzione (Signoraggio) che porterà dapprima a monete uniche e poi ad una sola valuta mondiale fino alla sua definitiva scomparsa.
Love
:)

filoumenanike 02-06-2010 17.34.12

Citazione:

Originalmente inviato da Elohim (Messaggio 86598)
Abbiamo molto meno libero arbitrio ci quanto si pensi
nel nostro Angolo cosmico. Apperentemente siamo noi a decidere qualcosa. Ma non è così. Abbiamo solo facoltà di migliorare quanto più possibile la nostra coscienza. (perdonate l'OT). Il disastro economico sarebbe la conseguenza di una vasta operAzione (Signoraggio) che porterà dapprima a monete uniche e poi ad una sola valuta mondiale fino alla sua definitiva scomparsa.
Love
:)

Scua Elohim, ma non mi hai risposto, forse volevi citare qualcun altro, il signoraggio non c'entra niente con Dio e a questo io avevo fatto riferimento!booh.gif

Enoch 09-06-2010 18.08.52

1 Allegato/i
Allegato 2245
Un'altro grafico che dimostra l'andamento esponenziale del debito mondiale.
Da notare come questo da qualche tempo non segua più la curva tipica.
Questo significa che siamo già arrivati alla soglia critica in cui gli interessi del debito hanno superato quelli generati dalla creazione di nuova ricchezza.
In poche parole se la situazione permane a questo livello privati e stati falliranno miseramente.
Prima di cambiare il sistema (con la scusa dell'austerity) certamente verranno tagliati tutti i servizi e magari verranno imposte restrizioni di vario tipo.
(ma che distratto, questa non è una previsione. Stà già accadendo ora con pensioni e la sanità! )
Io non sarei così sicuro che i miei figli (ma anche la generazione attuale) avranno lo stesso tenore di vita delle persone che ora sono pensionate.
Anche perchè mi mancherebbero abbondantemente altri 30 anni di lavoro per andare in pensione a 70 e questo sinceramente mi pesa un pochettino, visto che con le tasse che pago e paghiamo stiamo mantenendo persone che sono andate in pensione a 30 anni.
Oltre al fatto che probabilmente la pensione che prenderò fra più di 30 anni mi permetterà di vivere a malapena a pane, uova e latte.
Va be, vedremo.

Elohim 17-09-2010 12.32.59

Questo è il segno che il sistema capitalistico sta esaurendo i suoi presupposti. Ora è necessario un sistema che pernetta agli esseri umani gli elementi necessari a vivere (Cibo, Casa e così via). Ma non è attraverso una ricchezza così mal distribuita (che ripeto con sistemi - tipo signoraggio - sta impoverendo sempre più i poveri ed arricchendo spropositatamente i ricchi) bensì tramite una nuova presa di coscienza (e qui riprendo di nuovo il termine) della società che cambia e dei nuovi bisogni. Fra non molto non ci saranno imprese, posti di lavoro, ecc. E allora come vivremo? Un sistema ci sarebbe e ce lo fornisce la ricerca scientifica ma solo se questa viene messa davvero al servizio dell'umanità non di poche lobby e del dio denaro.
Love
:)


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 22.54.01.

Powered by vBulletin Copyright ©2000 - 2020, Jelsoft Enterprises Ltd.
Questo sito non è, nè può ritenersi assimilabile ad una testata giornalistica, viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale. Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina della l. n. 62 del 2001. Il materiale pubblicato è sotto la responsabilità dei rispettivi autori, tutti i diritti sono di Ermopoli.it che incoraggia la diffusione dei contenuti, purchè siano rispettati i seguenti principi: sia citata la fonte, non sia alterato il contenuto e non siano usati a scopo di lucro. P.iva 02268700271