Ermopoli

Ermopoli (http://ermopoli.it/portale/index.php)
-   Libri (http://ermopoli.it/portale/forumdisplay.php?f=22)
-   -   la solitudine dei numeri primi (http://ermopoli.it/portale/showthread.php?t=4997)

filoumenanike 19-12-2008 00.15.27

la solitudine dei numeri primi
 
è un romanzo di un giovane scrittore pieno di talento che riesce a descrivere magistralmente le angosce dell'adolescenza e la loro scaturigine nell'ambito familiare.
Il romanzo ha inizio con le vicende parallele di due ragazzini che in piena età evolutiva, proprio a causa della mancanza di comprensione e di dialogo con i genitori, subiscono traumi profondi che determineranno il loro futuro nella società.
La bambina di nome Alice resta ferita in un incidente sciando contro voglia, solo perchè costretta dall'ambizione del padre che la vorrebbe vedere futura campionessa della neve. Alice resta menomata ad una gamba e cresce con il celato rancore verso il padre e con l'incapacità di sentirsi alla pari con le compagne.
Il bambino Mattia è, invece, vittima di una madre preoccupata solo di rendere migliore la vita alla gemella, Michela, leggermente ritardata e che non si avvede delle difficoltà d'inserimento di questo suo figlio particolarmente intelligente e sensibile. In un giorno che doveva essere di festa il piccolo Mattia decide di lasciare la gemellina al parco da sola per andare al compleanno di un amico, non voleva portarsela dietro per non essere deriso insieme a lei. La tragedia lo attende inesorabile, la sorellina non verrà mai più trovata e per Mattia è la fine, i suoi sensi di colpa lo imprigionano per sempre in un isolamento totale, la madre non fa nulla per aiutarlo anzi non nasconde il rancore che nutre verso di lui e così Mattia cresce dedicando tutto il suo interesse allo studio della matematica in particolare, che lo avvince e lo distrae dal resto del mondo. I successi scolastici non lo gratificano, studia con ardore perchè innamorato dei numeri che lo hanno sempre affascinato e protetto da tutto e da tutti.
Nell'adolescenza i due giovani si incontrano e le loro solitudini entrano in contatto e senza mai sfiorarsi si sentono attratti l'uno dall'altro, più che amici sono complici dei loro segreti non detti, sono due in uno,eppure le paure represse, gli istinti bloccati da anni di isolamento fanno sì che non riescano a dare un vero seguito alla loro storia e si allontanano per perdersi per molti anni. La vita di entrambi prende vie separate, Alice si sposa, Mattia insegna a Londra. Mattia di loro pensa che siano come quei numeri speciali che i matematici chiamano primi gemelli, due numeri primi separati da un solo numero pari, tanto vicini ma che non si toccano mai.
Il romanzo è avvincente e si legge con passione, i due personaggi sono ritratti con intensità commovente e appaiono reali nelle loro emozioni inespresse e tenaci.
L' autore riesce a entrare nella psiche contorta dei ragazzi moderni forse proprio perchè anche lui giovanissimo e forse anche lui provato da qualche storia adolescenziale.

Acquistalo su Webster

RedWitch 19-10-2010 17.57.57

Ho letto da poco "La solitudine dei numeri primi" e mi è piaciuto, i protagonisti, come già ben descritti da Filo sono Alice e Mattia che si conoscono da adolescenti e cercano di mettere insieme le loro solitudini, senza mai riuscirci veramente... nemmeno quando hanno la possibilità di rivedersi dopo una separazione durata ben 9 anni. A quel punto pare che la loro storia d'amore decolli ma.. sono cambiate troppe cose, e di quei due ragazzini impacciati ed innamorati non è rimasto più niente. Sarà pero' quell'incontro decisivo nelle loro vite, per poter andare avanti finalmente con le loro gambe...

I due protagonisti in comune hanno un'infanzia segnata da avvenimenti traumatici, e si portano addosso quel fardello senza mai volersene liberare veramente.

La frase che più mi ha colpita del libro è questa (perchè la trovo profondamente vera):

"Sentirsi speciali è la peggiore delle gabbie che uno possa costruirsi".


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 08.56.47.

Powered by vBulletin Copyright ©2000 - 2021, Jelsoft Enterprises Ltd.
Questo sito non è, nè può ritenersi assimilabile ad una testata giornalistica, viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale. Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina della l. n. 62 del 2001. Il materiale pubblicato è sotto la responsabilità dei rispettivi autori, tutti i diritti sono di Ermopoli.it che incoraggia la diffusione dei contenuti, purchè siano rispettati i seguenti principi: sia citata la fonte, non sia alterato il contenuto e non siano usati a scopo di lucro. P.iva 02268700271