Ermopoli

Ermopoli (http://ermopoli.it/portale/index.php)
-   Manifestazione pacifica del nostro volere (http://ermopoli.it/portale/forumdisplay.php?f=125)
-   -   situazione (economica) mondiale attuale (http://ermopoli.it/portale/showthread.php?t=4771)

Uno 06-12-2008 00.18.35

Paradossalmente e forse poco comprensibile a prima vista è vero: bisogna continuare a consumare. Se non si consuma si che crolla veramente tutto ed è per questo che la finzione di questa crisi è stata potente, perchè la gente si è messa paura di tutte le stupidaggini che hanno iniziato a sparare nelle tv e nei giornali di tutto il mondo.
Quindi alcuni consumi se non si sono bloccati sono diminuiti ed hanno permesso i giochini del far fallire molte piccole aziende riassorbite adesso o in futuro da altre grandi per un tozzo di pane. Certo in una operazione di tale portata anche qualche grande azienda recitare la sua parte della farsa.... per analogia è come quando l'11 settembre un aereo è arrivato anche sul Pentagono.

Ripeto che so che a quelli che stanno perdendo il lavoro o che lo perderanno poco interesserà se è tutto vero o una supercommedia economica, ma non bisogna lasciarsi spaventare perchè in questa maniera si innesca realmente una crisi biblica.

Non sto di certo tessendo l'elogio del consumismo, solo che non è possibile eliminarlo, non di colpo almeno, direi che piuttosto sarebbe meglio convertirlo gradualmente, un discorso simile a quello di Stella, anche se a quel livello vedo i tempi ancora troppo acerbi. Un compromesso sarebbe già che il consumismo diventi più soddisfacente, meno apparenza e più benessere. Se faccio un debito o mi spendo quasi tutti i risparmi per fare una vacanza... una vacanza per me, non da esibire, ecco che ho consumato in maniera sana e allo stesso tempo ho dato lavoro e mosso l'economia. Se spendo per mangiare cose sane (senza cadere nelle trappole del biologico-non-si-sa-da-dove-viene e simili) che mi soddisfano e mi fanno anche bene, è un buon consumismo. Se spendo per andare al cinema a vedere un bel film, se spendo per comprarmi un bel libro etc etc...
Ci può stare anche un computer, un cellulare e qualsiasi altra cosa... ma dipende come... non tanto per cambiare e che sto consumismo mi faccia bene, mi dia strumenti per stare bene ed arricchirmi interiormente.
Questa è l'unica maniera per rettificare la rotta senza collassare il sistema, i business non si convertono se non è il mercato a fare richieste ben precise.

nikelise 06-12-2008 12.42.08

Citazione:

Originalmente inviato da Uno (Messaggio 62587)
Paradossalmente e forse poco comprensibile a prima vista è vero: bisogna continuare a consumare. Se non si consuma si che crolla veramente tutto ed è per questo che la finzione di questa crisi è stata potente, perchè la gente si è messa paura di tutte le stupidaggini che hanno iniziato a sparare nelle tv e nei giornali di tutto il mondo.
Quindi alcuni consumi se non si sono bloccati sono diminuiti ed hanno permesso i giochini del far fallire molte piccole aziende riassorbite adesso o in futuro da altre grandi per un tozzo di pane. Certo in una operazione di tale portata anche qualche grande azienda recitare la sua parte della farsa.... per analogia è come quando l'11 settembre un aereo è arrivato anche sul Pentagono.

Quello che non capisco e' che se tutto il sistema si basa sulla caPacita' di consumo della gente , perche' chi ha creato la crisi non ha pensato principalmente a questo .
Anche loro sono nel sistema e non possono farlo crollare rimarrebbero con il nulla nelle mani .
E se fosse tutto finalizzato a far comprare alla gente solo pile cinesi a 10 euro e quindi a spostare tuuta la ricchezza a est impoverendo definitivamente l'ovest ?

Ma l'aereo sul pentagono era una farsa?
Ti riferisci al film di quel tale americano che ha fatto vedere che Bush gia' sapeva tutto ?
Come l'idea che l'11 settembre e' di matrice israeliana perche ' loro gli israeliani per la maggior parte quel giorno non erano al lavoro?
Ma col senno di poi 7 anni dopo a che pro ?

Uno 06-12-2008 14.02.35

L'esempio del pentagono era un'analogia, non stavo affermando che le due cose siano collegate, anche se gira gira....
Dicevo che siccome ritengo che i due aerei sulle torri gemelle poteva essere una cosa non dico semplicissima ma possibile, invece sul pentagono mi pare assurda.

Allo stesso modo sembra assurdo che colossi come quelli che sono falliti possano fallire, hanno talmente tante diramazioni di società che se avessero voluto li avrebbero potuti tenere in piedi... in realtà serviva che cadessero per iniziare la nuova epoca di terrore economico.
Una sorta di effetto induzione, due "piccole" pedine di uno schieramento enorme di poteri economici cadono e con una sorta di effetto domino si trascinano dietro una serie di aziende, compagnie etc... questo pompato alla grande dai media scatena la paura tra la gente, per un mese o due i consumi calano a picco e questo "sterilizza" tutte le piccolissime realtà che si barcamenavano.

Poi la gente alla fine fa quello che deve, se gli occorrono le cose le compra... certo tranne quei poveracci che stanno pagando per tutti perchè rimasti senza lavoro.
A livello mondiale tirano fuori qualche iniziativa che sono finte al pari della crisi e l'economia ricomincia a girare pian piano.
Nike, se riuscirai a ricordare tutto per bene, vedrai che fra un anno, se non sei (retorico, non lo sei icon_mrgr:) tra quelli che hanno perso il posto o che sono stati costretti a vendere l'azienda e simili, dicevo tra un anno sarai nelle stesse condizioni di un anno fa e tutto sommato anche in questo anno intermedio non ti è cambiato nulla, se non che per un periodo hai pensato che tutto stesse per crollare.

Il discorso dello spostamento all'est non è un fine, è un mezzo.
Se i cinesi (o l'oriente) diventa più ricco (si fa per dire, lo diventa globalmente, ma il singolo fa la fame come la faceva prima) e l'occidente un pò più povero chi sta in mezzo ha più potere. Se in occidente c'è troppo benessere come si distingue uno ricco?
Che potere ha se non ha nulla da offrirti? Nulla che tu non possa rifiutare...

Era 06-12-2008 14.06.36

A quanto vedo ci sono due mondi ben distinti..quello che comprende chi problemi di dindi non ne ha e quello più grosso fatto di poco denaro poco lavoro poco di tutto..il primo mondo fa le compere in via monte napoleone o via veneto...il secondo fa come può nei mercatini rionali...
E mi sta bene essere oculata e spendere il giusto senza sprechi così faccio il mio dovere di consumatore...ma se il mondo dirigenziale i capoccioni insomma..non danno modo alle classi meno privilegiate di spendere che caspita si può consumare?

We ma lo sapete che sono arrabbiatina? diavolo.g:

Era 06-12-2008 14.10.15

Stavo scrivendo e non ho letto Uno..
Ma stai dicendo che i soliti pochi stanno pilotando tutto?
Si eh?
:(

Uno 06-12-2008 14.15.58

Citazione:

Originalmente inviato da Era (Messaggio 62600)
Stavo scrivendo e non ho letto Uno..
Ma stai dicendo che i soliti pochi stanno pilotando tutto?
Si eh?
:(

E' dall'inzio del thread che lo sto dicendo icon_mrgr: e sto dicendo che chi si arrabattava due mesi fa, si arrabatta adesso e si arrabatterà tra 3 mesi e chi due mesi fa spendeva 1000 euro per far colazione ne spende anche adesso 1000 e fra due mesi ne spenderà 1100.
Per noi non cambia nulla, più o meno....

Era 06-12-2008 14.30.26

Citazione:

Originalmente inviato da Uno (Messaggio 62602)
E' dall'inzio del thread che lo sto dicendo icon_mrgr: e sto dicendo che chi si arrabattava due mesi fa, si arrabatta adesso e si arrabatterà tra 3 mesi e chi due mesi fa spendeva 1000 euro per far colazione ne spende anche adesso 1000 e fra due mesi ne spenderà 1100.
Per noi non cambia nulla, più o meno....

Ecco per una volta speravo fosse diverso P: icon_mrgr:

jezebelius 06-12-2008 20.47.52

Citazione:

Originalmente inviato da Uno (Messaggio 62587)
Paradossalmente e forse poco comprensibile a prima vista è vero: bisogna continuare a consumare. Se non si consuma si che crolla veramente tutto ed è per questo che la finzione di questa crisi è stata potente, perchè la gente si è messa paura di tutte le stupidaggini che hanno iniziato a sparare nelle tv e nei giornali di tutto il mondo.
Quindi alcuni consumi se non si sono bloccati sono diminuiti ed hanno permesso i giochini del far fallire molte piccole aziende riassorbite adesso o in futuro da altre grandi per un tozzo di pane. Certo in una operazione di tale portata anche qualche grande azienda recitare la sua parte della farsa.... per analogia è come quando l'11 settembre un aereo è arrivato anche sul Pentagono.

Ripeto che so che a quelli che stanno perdendo il lavoro o che lo perderanno poco interesserà se è tutto vero o una supercommedia economica, ma non bisogna lasciarsi spaventare perchè in questa maniera si innesca realmente una crisi biblica.

Non sto di certo tessendo l'elogio del consumismo, solo che non è possibile eliminarlo, non di colpo almeno, direi che piuttosto sarebbe meglio convertirlo gradualmente, un discorso simile a quello di Stella, anche se a quel livello vedo i tempi ancora troppo acerbi. Un compromesso sarebbe già che il consumismo diventi più soddisfacente, meno apparenza e più benessere. Se faccio un debito o mi spendo quasi tutti i risparmi per fare una vacanza... una vacanza per me, non da esibire, ecco che ho consumato in maniera sana e allo stesso tempo ho dato lavoro e mosso l'economia. Se spendo per mangiare cose sane (senza cadere nelle trappole del biologico-non-si-sa-da-dove-viene e simili) che mi soddisfano e mi fanno anche bene, è un buon consumismo. Se spendo per andare al cinema a vedere un bel film, se spendo per comprarmi un bel libro etc etc...
Ci può stare anche un computer, un cellulare e qualsiasi altra cosa... ma dipende come... non tanto per cambiare e che sto consumismo mi faccia bene, mi dia strumenti per stare bene ed arricchirmi interiormente.
Questa è l'unica maniera per rettificare la rotta senza collassare il sistema, i business non si convertono se non è il mercato a fare richieste ben precise.

Citazione:

Originalmente inviato da nikelise (Messaggio 62596)
Quello che non capisco e' che se tutto il sistema si basa sulla caPacita' di consumo della gente , perche' chi ha creato la crisi non ha pensato principalmente a questo .
Anche loro sono nel sistema e non possono farlo crollare rimarrebbero con il nulla nelle mani .
E se fosse tutto finalizzato a far comprare alla gente solo pile cinesi a 10 euro e quindi a spostare tuuta la ricchezza a est impoverendo definitivamente l'ovest ?

Citazione:

Originalmente inviato da nikelise (Messaggio 62525)
Questa e ' una crisi certo per noi ma non capisco chi l'ha creata e chi ci va a guadagnare in queste condizioni .
Sembra coinvolgere veramente tutti.

Secondo me il discorso è molto ampio e tocca una serie di questioni che sono sia tra di loro e sia col problema in se - o almeno per quello che viene fatto passare per tale - sicuramente collegate come una trama a rete.
Esiste una relazione ad esempio tra la massa dei disoccupati e la quantità e qualità del mercato e dell'economia e gli scambi.
Nel senso, maggiore è la massa dei disoccupati ed in maniera migliore risulterà il mercato con i suoi reciproci scambi.
In fondo per agevolarne l'evoluzione si deve abbandonare tutto o quasi l'investimento nel Welfare.
Mi vien da rispondere a Nike che chi ha "pensato" queste dinamiche - mondiali - e le ha realizzate, oltre a seguire una prassi organizzata da tempo sa perfettamente dove questo scenario lo porterà ed i risultati che, bene o male, si possono tirar fuori.
Provocare una destabilizzazione che da un settore si ripercuote su altri è un mezzo ma anche un - uno dei - fine!
Poco importa se di mezzo ci andrà qualche centinaglio di migliaia di persone e che questa enorme massa si troverà, poi, in quel settore ampio che comprende disoccupazione, limitazioni in generale e quant'altro.
Tutto è collegato poi, in fondo anche, a quel mantenere i consumi poco sopra una certa soglia ma pure non al di sotto insomma entro una fascia con tutte le dinamiche che questo, in funzione del fine, comporta. Un rischio certo ma con i meccanismi che " girano" nel mondo è anche facile non fare in modo che una rottura vera e propria, un blocco nella specie, si verifichi.
Credo poi che essendo impegnati come siamo a pensare alle piccole cose - perché cercare di arrivare alla fine del mese rispetto ad una situazione di questo tipo ossia macroscopica, il cercare di arrabattarsi nel quotidiano o il comprare, invece, cellulari o televisori al plasma è minimo, è piccolo - si perde, come al solito, l'ampiezza di una visione che potrebbe spiegare o almeno dare gli strumenti per decodificarla.

Faltea 06-12-2008 23.08.32

Citazione:

Originalmente inviato da nikelise (Messaggio 62562)
Scusa Faltea sentito il tg1 ? Tutte balle?

Qui ho la risposta alla domanda fatta nel post precedente, non è il tuo vissuto ma bensì ciò che il tubone ti dicediavolo.g: ...abbraccio:

Che il pile sia cinese o italiano se ho pochi soldi poco importa, è il sistema che è sbagliato... ma che ci posso fare? Se non ho 30 o 50 € per permettermi il pile italiano...nonso.gif

Dove abito io c'era e c'è tutt'ora pochissima disoccupazione nonostante siano state chiuse alcune fabbriche (licenziate 3000 personestrabuzza: ) eppure sbirci sul sito del lavoro e trovi una sfilza di proposte...
Tra disoccupazione, cassa integrazione, mobilità.... pre-pensionamento chi resta a piedi viene tutelato..
Insomma secondo me se non ci dicevano che c'era la crisi alla tv (tubone fedifrago) non ce ne accorgevamo....
Cinque anni fa hanno chiuso uno stabilimento lasciando a casa dall'oggi al domani 80 persone ... Tra cui la sottoscritta, allora per me è stata crisi oggi no che il tubone dica picche o cuori..icon_mrgr:

Ciò che voglio dire è che la situazione generale non è delle migliori certo, ma la disegnano peggio di quel che è...
Nel consueto, nel quotidiano è cambiato poco o nulla...
Ritengo solo che se la si vuole vedere come crisi conviene vederla in soggettivo per evitare inutili allarmismi che poi ci rendono nervosi e pessimistiicon_mrgr: icon_mrgr:

Forse è il mio modo di vedere/rapportarmi alle cose che è sbagliato... se a me non tocca, non esiste/non la vedo
(ovviamente non generalizziamopiango.gif )

Nike... ma che c'entra Astral?booh.gif

nikelise 07-12-2008 08.09.11

Citazione:

Originalmente inviato da Faltea (Messaggio 62610)
Qui ho la risposta alla domanda fatta nel post precedente, non è il tuo vissuto ma bensì ciò che il tubone ti dicediavolo.g: ...abbraccio:

Che il pile sia cinese o italiano se ho pochi soldi poco importa, è il sistema che è sbagliato... ma che ci posso fare? Se non ho 30 o 50 € per permettermi il pile italiano...nonso.gif

Dove abito io c'era e c'è tutt'ora pochissima disoccupazione nonostante siano state chiuse alcune fabbriche (licenziate 3000 personestrabuzza: ) eppure sbirci sul sito del lavoro e trovi una sfilza di proposte...
Tra disoccupazione, cassa integrazione, mobilità.... pre-pensionamento chi resta a piedi viene tutelato..
Insomma secondo me se non ci dicevano che c'era la crisi alla tv (tubone fedifrago) non ce ne accorgevamo....
Cinque anni fa hanno chiuso uno stabilimento lasciando a casa dall'oggi al domani 80 persone ... Tra cui la sottoscritta, allora per me è stata crisi oggi no che il tubone dica picche o cuori..icon_mrgr:

Ciò che voglio dire è che la situazione generale non è delle migliori certo, ma la disegnano peggio di quel che è...
Nel consueto, nel quotidiano è cambiato poco o nulla...
Ritengo solo che se la si vuole vedere come crisi conviene vederla in soggettivo per evitare inutili allarmismi che poi ci rendono nervosi e pessimistiicon_mrgr: icon_mrgr:

Forse è il mio modo di vedere/rapportarmi alle cose che è sbagliato... se a me non tocca, non esiste/non la vedo
(ovviamente non generalizziamopiango.gif )

Nike... ma che c'entra Astral?booh.gif

Fai benissimo a comprare il pile a 10 euro .
Non volevo parlare di te e lo comprerei anch'io se ne avessi bisogno . Astral anche pensava che vivessi una situazione di disagio solo perche' esprimevo un'analisi su quanto stava accadendo . Non sempre si parla solo perche' si e' toccati da una cosa come non intendevo dire che tu vivi un disagio solo perche' compri un pile da 10 euro .
Ho solo espresso quello che rappresenta il tuo acquisto ,tentando di andare al di la' del contingente e senza parlare del mio contingente.
Questo fatto rappresenta nel piccolissimo lo spostamento ad est della ricchezza prima stabilmente situata a occidente.
Non mi pare cosa da poco . Avete letto ieri come interpreta la situazione il Censis, il dott. De Rita ?e' una crisi assai profonda struturale sistemica, anche lui racconta balle?
Il tubone non dice solo balle dice cose vere dice cose che leggi sui giornali intervista la gente .
Gm e le altre che forse falliscono la disoccupazione aumentata di 500.000' unita a novembre in Usa ecc. la crisi dell'auto anche in Europa le imprese che non crescono piu' sono un grosso problema .
Certo se ci si ferma agli acquisti di alimentari e del tuo pile ed al fatto che nessuno muore di fame non si vede nulla.
Una cosa positiva : , cosi' vi sistemoicon_mrgr: , e' una crisi di sistema e noi Italia che non abbiamo un sistema ( anzi abbiamo il sistema familiare in economia e altrove )ne usciremo meglio degli altri .
La crisi e' anche un'occasione ma se non sai che c'e' la crisi e vivi solo quello che ti si rovescia addosso come la sfrutti la crisi....non tu ma Tu
le crisi sono fatte per essere superate....

nikelise 07-12-2008 09.38.33

Citazione:

Originalmente inviato da Faltea (Messaggio 62610)
Qui ho la risposta alla domanda fatta nel post precedente, non è il tuo vissuto ma bensì ciò che il tubone ti dicediavolo.g: ...abbraccio:

Che il pile sia cinese o italiano se ho pochi soldi poco importa, è il sistema che è sbagliato... ma che ci posso fare? Se non ho 30 o 50 € per permettermi il pile italiano...nonso.gif

Dove abito io c'era e c'è tutt'ora pochissima disoccupazione nonostante siano state chiuse alcune fabbriche (licenziate 3000 personestrabuzza: ) eppure sbirci sul sito del lavoro e trovi una sfilza di proposte...
Tra disoccupazione, cassa integrazione, mobilità.... pre-pensionamento chi resta a piedi viene tutelato..
Insomma secondo me se non ci dicevano che c'era la crisi alla tv (tubone fedifrago) non ce ne accorgevamo....
Cinque anni fa hanno chiuso uno stabilimento lasciando a casa dall'oggi al domani 80 persone ... Tra cui la sottoscritta, allora per me è stata crisi oggi no che il tubone dica picche o cuori..icon_mrgr:

Ciò che voglio dire è che la situazione generale non è delle migliori certo, ma la disegnano peggio di quel che è...
Nel consueto, nel quotidiano è cambiato poco o nulla...
Ritengo solo che se la si vuole vedere come crisi conviene vederla in soggettivo per evitare inutili allarmismi che poi ci rendono nervosi e pessimistiicon_mrgr: icon_mrgr:

Forse è il mio modo di vedere/rapportarmi alle cose che è sbagliato... se a me non tocca, non esiste/non la vedo
(ovviamente non generalizziamopiango.gif )

Nike... ma che c'entra Astral?booh.gif

Un'ultima cosa , crisi deriva dal greco crino ,1 significato :separare distinguere 2 sign. decidere giudicare scegliere per se'.
Crisis :separazione discordia contesa SCELTA .
Parlare di crisi non significa piangere ma prepararsi alle scelte , fosse anche solo quella di cambiare modo di consumare .
La crisi impone scelte nulla di piu' , se la riconosci pero'.

Uno 07-12-2008 12.40.02

Per capire bene la parola crisi, ritengo che considerare la parola crisalide sia una buona cosa.
Però sinceramente, quello che sta succedendo in questi mesi, ci trasformerà da bruchi a farfalle? No io direi che al più ci trasformerà da bruchi ciccioni a bruchi più magri, perchè è una crisi imposta, falsa e artificiosa.

Faltea 07-12-2008 14.08.20

Citazione:

Originalmente inviato da nikelise (Messaggio 62616)
Un'ultima cosa , crisi deriva dal greco crino ,1 significato :separare distinguere 2 sign. decidere giudicare scegliere per se'.
Crisis :separazione discordia contesa SCELTA .
Parlare di crisi non significa piangere ma prepararsi alle scelte , fosse anche solo quella di cambiare modo di consumare .
La crisi impone scelte nulla di piu' , se la riconosci pero'.

Quello che forse non riesco ad esprimere è che l'allarmismo della crisi crea del disagio inutile, la crisi c'è ma se si evita l'allarmismo da tubone, si vive meglio e meglio la si affronta.
Non faccio la scimmietta cieca sorda e mutaicon_mrgr: icon_mrgr:
Bruchi siamo e bruchi rimaniamo... credo che riconoscere consapevolmente le creazioni dei grandi burattinai come l'attuale crisi e le loro malefatte non cambi il mio percorso personalenonso.gif , mi fa solo ricordare quanto loro siano lontani da me e quanto poco la mia opinione per loro conti ... purtroppo.
Ho poca fiducia che chi ci governa sia realmente preoccupato delle persone che non arrivano alla fine del mese ...

nonono.gif

griselda 07-12-2008 14.32.42

Citazione:

Originalmente inviato da Uno (Messaggio 62622)
Per capire bene la parola crisi, ritengo che considerare la parola crisalide sia una buona cosa.
Però sinceramente, quello che sta succedendo in questi mesi, ci trasformerà da bruchi a farfalle? No io direi che al più ci trasformerà da bruchi ciccioni a bruchi più magri, perchè è una crisi imposta, falsa e artificiosa.

Provo a ragionarci.
Una vera crisi è instaurata da una mancanza vedi crisi da astinenza da stupefacenti. Ti cambia perchè ti fa fare cose che non faresti nei momenti in cui stai bene.
Quella crisi da mancanza ti fa veramente muovere in giù o in su, verso il basso o verso l'alto. Per andare verso il su come la crisalide che si trasforma in farfalla bisogna prenderne atto e avere la volontà di cambiare le cose.

Nel caso delle crisette di questi tempi non ci portano mai ad una vera mancanza ci lasciano sempre lo spazio per sopravvivere e quindi il bruco da grasso diventa solo più magro, ma non arriva mai ad avere quel moto interno dato dalla mancanza (tipo quando vengono calpestati i diritti primari) che facendosi forza lo porterebbe a ribellarsi a qualunque fosse la sua schiavitù.
Per spiccare il volo ci vuole un atto volitivo.
fiori.gif

Sta cosa mi piacerebbe applicarla ad altro. :H

P.S.
Sapete cosa mi è venuto in mente? Il vampirismo psicologico....

jezebelius 07-12-2008 15.38.30

Citazione:

Originalmente inviato da Uno (Messaggio 62622)
Per capire bene la parola crisi, ritengo che considerare la parola crisalide sia una buona cosa.
Però sinceramente, quello che sta succedendo in questi mesi, ci trasformerà da bruchi a farfalle? No io direi che al più ci trasformerà da bruchi ciccioni a bruchi più magri, perchè è una crisi imposta, falsa e artificiosa.

Citazione:

Originalmente inviato da griselda (Messaggio 62629)
Provo a ragionarci.
Una vera crisi è instaurata da una mancanza vedi crisi da astinenza da stupefacenti. Ti cambia perchè ti fa fare cose che non faresti nei momenti in cui stai bene.
Quella crisi da mancanza ti fa veramente muovere in giù o in su, verso il basso o verso l'alto. Per andare verso il su come la crisalide che si trasforma in farfalla bisogna prenderne atto e avere la volontà di cambiare le cose.

Nel caso delle crisette di questi tempi non ci portano mai ad una vera mancanza ci lasciano sempre lo spazio per sopravvivere e quindi il bruco da grasso diventa solo più magro, ma non arriva mai ad avere quel moto interno dato dalla mancanza (tipo quando vengono calpestati i diritti primari) che facendosi forza lo porterebbe a ribellarsi a qualunque fosse la sua schiavitù.
Per spiccare il volo ci vuole un atto volitivo.
fiori.gif

Sta cosa mi piacerebbe applicarla ad altro. :H

P.S.
Sapete cosa mi è venuto in mente? Il vampirismo psicologico....

Crisi, a questo punto, credo che porti con se anche quel significato che è " trasformazione" pure ricollegabile, in fondo, a quelli che Nike ha messo su.
C'è da prendere atto che se il bruco rimane bruco però da grasso viene portato a magro, questa non rappresenta una vera trasformazione ma solo un passaggio limitato, forzato ed obbligato a rimanere tale.

Una vera crisi deriva, secondo me, da fattori endogeni primari ossia ha il suo centro nell'interno e dall'interno si riversa fuori.
Questa che ci troviamo ad attraversare - ed è dura da un certo punto di vista rendersi conto che è così - essendo stata creata " a tavolino", come del resto molte altre cose, trova invece in quegli elementi esogeni, cioè dall'esterno, l'attivazione. Si basa su altro!
Non c'è, alla fine, un moto interiore che ne determina una spinta ma questo viene creato, attivato ad hoc e, successivamente, controllato. Non ci vuole poi tanto...per chi lo sa fare, no?
In definitiva tutto ciò che stiamo affrontando non porterà una vera e propria rivoluzione - non solo quella coi fucili, ovviamente - interna che si possa ripercuotere all'esterno. Fittizia insomma risulterà una nuova espressione di società che vuole basarsi su altro rispetto a questa, nel senso che per agevolarla bisogna necessariamente instaurare dei processi controllati che sappiano stimolare.

Grey Owl 07-12-2008 18.08.26

I contadini ed i pastori del nostro paese conoscono bene il sistema per rigenerare un terreno coltivato. Dopo un certo periodo che si coltiva lo stesso prodotto bisogna bruciare il terreno per creare un nuovo terreno da coltivare.

A livello mondiale questa economia è arrivata al capolinea, come un terreno esausto serve bruciare per iniziare una nuova coltivazione.
Il guaio è che se il contadino non è attento al fuoco, questi brucia anche gli alberi ed i terreni buoni. Serve un fuoco controllato ma come si sà, a giocare col fuoco ci si brucia.

Questa crisi decisa a tavolino (pianificata) è come il fuoco che rigenera il terreno esausto del contadino. Bisogna controllare il fuoco (crisi) per scongiurare di bruciare il terreno buono (mercato reale efficente). La General Motors era già destinata a fallire, la sua crisi era già iniziata da anni, così pure molte parti della Fiat sono destinate a chiudere (Mirafiori, Termini Imerese e Cassino), Telecom e Società Autostrade, Enel, e tante altre. Questa crisi ha permesso di mettere le mani sopra a società malate per rigenertarle (forse) come nel caso Alitalia in cui Cai rivenderà a Lufthansa(italia), Air France-Klm. Ma non entro nel merito, già ci sono abbuffate a questi tavoli e chi paga siamo noi... vabbè dry.gif

Quello che è stato pianificato è un progetto mondiale per rimettere le cose a posto (dal loro punto di vista). L'economia mondiale è come un grosso volano malato(*) che non arresta la sua marcia e quindi che fare? Semplicemente mettere una trave nell'ingranaggio e sperare che l'impatto non distrugga tutto l'ingranaggio.

L'apice di tale piano si raggiungerà quando entreranno a far parte della Comunità Europea i paesi della ex Jugoslavia, la cui creazione è stata "il capolavoro" delle lobbies occidentali.
Il territorio dei balcani è stato sempre molto ambito dalle banche e dalle multinazionali. Su quei territori vi sono le più grandi banche Internazionali e di importanti multinazionali, in particolare quelle di controllo del gruppo Rothschild e di George Soros.
La maggior parte delle banche locali sono controllate da banche europee e con manovre poco ortodosse e trasparenti tengono sotto scacco l'imprenditoria locale. Basti pensare a tutti gli investimenti Europei per creare nuove centrali nucleari e le industrie pesanti con stipendi irrisori alla popolazione locale. Da Bruxelles arrivano a stento e con lacune le regole sul nucleare per l’Europa allargata (est Europeo). Le lacune della legislazione europea in materia di sicurezza nucleare sono evidenti ed intanto la volontà di tornare al nucleare civile è sempre più forte.

Non vorrei essere tacciato di cospirazionista però la famiglia Rothschild ha creato Governatori, Premier, Ministri, Banchieri e amministratori, ha creato l'Unione Europea come strumento per contrastare e fare arretrare la Russia sino alla Siberia. Essi rappresentano il motore finanziario e politico di una macchina che, senza sosta, ha percorso l'intera Europa razziando tutto ciò che incontrava grazie al braccio armato della Nato.
Il suo tentativo è quello di chiudere la Russia all'interno dei suo confini.


(*) Il volano è un disco che fa aumentare il momento d'inerzia dell'albero al quale è applicato. Il volano tende ad opporsi ad ogni tentativo di variazione della sua velocità stabilizzando la rotazione.

nikelise 07-12-2008 21.56.41

Citazione:

Originalmente inviato da Uno (Messaggio 62622)
Per capire bene la parola crisi, ritengo che considerare la parola crisalide sia una buona cosa.
Però sinceramente, quello che sta succedendo in questi mesi, ci trasformerà da bruchi a farfalle? No io direi che al più ci trasformerà da bruchi ciccioni a bruchi più magri, perchè è una crisi imposta, falsa e artificiosa.

Vedremo ma il fatto la crisi sia imposta falsa ed artificiosa non significa che non sia l'ora delle scelte ANCHE PER NOI BRUCHI e quindi parlarne serve .
D'altra parte l'hai detto tu non io che se non continuiamo a consumare va tutto a rotoli .

Io non faccio allarmismo io discuto sui fatti anche quelli che non mi toccano direttamente .

O e' meglio dire che siccome e' artificiale (ammesso che lo sia perche' prove non ce n'e', sara' cosi' ma prove non ce ne sono ),non esiste ?

jezebelius 08-12-2008 00.50.31

Citazione:

Originalmente inviato da nikelise (Messaggio 62658)
Vedremo ma il fatto la crisi sia imposta falsa ed artificiosa non significa che non sia l'ora delle scelte ANCHE PER NOI BRUCHI e quindi parlarne serve .
D'altra parte l'hai detto tu non io che se non continuiamo a consumare va tutto a rotoli .

Io non faccio allarmismo io discuto sui fatti anche quelli che non mi toccano direttamente .

O e' meglio dire che siccome e' artificiale (ammesso che lo sia perche' prove non ce n'e', sara' cosi' ma prove non ce ne sono ),non esiste ?

Non so ma per quanto mi riguarda è bene parlarne. Però, allo stesso tempo, parlare di scelta a livello globale e prima ancora a livello nazionale impone, secondo me, l'obbligo di una presa di coscienza da parte di tutti - e prima ancora ognun per se - che possa servire da spinta per una scelta più o meno vera.
Non ci credo e la ritengo del tutto fuori ogni previsione parlare di scelta consapevole sia a livello micro che macro come conseguenza e viceversa!

Intendo dire che non tutti sono - o saranno - disposti ad accettare di essere un bruco, prima grasso ma da domani magro. Molti, al contrario, pensano di essere in una situazione per la quale la scelta c'è ed il mondo, la società, i rapporti e tutto quello che di " quotidiano" possiede, gli consente " questa " scelta.
Aggiungo che secondo il mio punto di vista non credo che tu faccia allarmismo. Sono in accordo con te quando affermi che l'est sta avanzando in ogni suo aspetto ed è, anche questo, una effetto di quel sistema che Grey ha accennato.
Visto che, in effetti, se non si consuma va tutto a farsi benedire, è ovvio che bisogna mantenere aperto il consumo anche se ai minimi livelli, primo per non bloccare il sistema, secondo perchè se si bloccasse non si potrebbero attivare dinamiche di cambiamento fittizio.
E' necessario il comportamento di ognuno - nella certezza che questo non è consapevole della sua reale condizione - per mantenere attivo un meccanismo, dandogli per questo la percezione che può fare quel che vuole ma il tutto entro limiti controllati.

Uno 21-12-2008 12.54.41

Citazione:

Originalmente inviato da nikelise (Messaggio 62658)
Vedremo ma il fatto la crisi sia imposta falsa ed artificiosa non significa che non sia l'ora delle scelte ANCHE PER NOI BRUCHI e quindi parlarne serve .
D'altra parte l'hai detto tu non io che se non continuiamo a consumare va tutto a rotoli .

Io non faccio allarmismo io discuto sui fatti anche quelli che non mi toccano direttamente .

O e' meglio dire che siccome e' artificiale (ammesso che lo sia perche' prove non ce n'e', sara' cosi' ma prove non ce ne sono ),non esiste ?

Sicuramente non ho mai detto che non se ne deve parlare o che parlarne non serve a nulla, dicevo solo e i dati sempre più confermano che per noi piccoli non è cambiato nulla, tranne per quelli che si trovano coinvolti in industrie, società, compagnie etc... che per fare le loro porcate non guardano in faccia nessuno.
Un esempio clamoroso, ma che non scandalizza neanche più (grave cosa) perchè ci siamo abituati da decine e decine di anni (direi mezzo secolo), è la Fiat che 3 giorni prima era tra le migliore di Europa, alla notizia che gli Usa avrebbero aiutato la GM e altre industrie automobilistiche usa, ecco che anche la Fiat fa sapere che ha problemi, parte con la cassa integrazione etc.. :bleah:
Ma quale cassa integrazione.... sta assumendo in polonia, brasile etc... ma poi vuole avere i fondi in Italia.....

E' notizia di oggi (ma gira in varie forme da giorni) che c'è una corsa ai regali di Natale superiore a quella degli altri anni, che ci sono prenotazioni per viaggi (anche di lusso) a tutto spiano etc....
Ciò significa che le persone non stavano consumando più per paura di ciò che si sentiva ai tg che per una vera crisi reale, quello che sto dicendo dall'inizio del thread.
Paura indotta che stanno cercando di pompare ancora dicendo che la crisi durerà fino al 2010.... mi ricorda tanto le previsioni sull'arrivo dell'influenza..

William 21-12-2008 14.02.44

Citazione:

Originalmente inviato da Uno (Messaggio 63297)
Un esempio clamoroso, ma che non scandalizza neanche più (grave cosa) perchè ci siamo abituati da decine e decine di anni (direi mezzo secolo), è la Fiat che 3 giorni prima era tra le migliore di Europa, alla notizia che gli Usa avrebbero aiutato la GM e altre industrie automobilistiche usa, ecco che anche la Fiat fa sapere che ha problemi, parte con la cassa integrazione etc.. :bleah:
Ma quale cassa integrazione.... sta assumendo in polonia, brasile etc... ma poi vuole avere i fondi in Italia.....

E' notizia di oggi (ma gira in varie forme da giorni) che c'è una corsa ai regali di Natale superiore a quella degli altri anni, che ci sono prenotazioni per viaggi (anche di lusso) a tutto spiano etc....
Ciò significa che le persone non stavano consumando più per paura di ciò che si sentiva ai tg che per una vera crisi reale, quello che sto dicendo dall'inizio del thread.
Paura indotta che stanno cercando di pompare ancora dicendo che la crisi durerà fino al 2010.... mi ricorda tanto le previsioni sull'arrivo dell'influenza..

Mi sembra proprio il caso di dire ...meditate gente ,meditate.:C:

nikelise 21-12-2008 22.27.46

Citazione:

Originalmente inviato da Uno (Messaggio 63297)
Sicuramente non ho mai detto che non se ne deve parlare o che parlarne non serve a nulla, dicevo solo e i dati sempre più confermano che per noi piccoli non è cambiato nulla, tranne per quelli che si trovano coinvolti in industrie, società, compagnie etc... che per fare le loro porcate non guardano in faccia nessuno.
Un esempio clamoroso, ma che non scandalizza neanche più (grave cosa) perchè ci siamo abituati da decine e decine di anni (direi mezzo secolo), è la Fiat che 3 giorni prima era tra le migliore di Europa, alla notizia che gli Usa avrebbero aiutato la GM e altre industrie automobilistiche usa, ecco che anche la Fiat fa sapere che ha problemi, parte con la cassa integrazione etc.. :bleah:
Ma quale cassa integrazione.... sta assumendo in polonia, brasile etc... ma poi vuole avere i fondi in Italia.....

E' notizia di oggi (ma gira in varie forme da giorni) che c'è una corsa ai regali di Natale superiore a quella degli altri anni, che ci sono prenotazioni per viaggi (anche di lusso) a tutto spiano etc....
Ciò significa che le persone non stavano consumando più per paura di ciò che si sentiva ai tg che per una vera crisi reale, quello che sto dicendo dall'inizio del thread.
Paura indotta che stanno cercando di pompare ancora dicendo che la crisi durerà fino al 2010.... mi ricorda tanto le previsioni sull'arrivo dell'influenza..

Ma crisi non significa che il mondo finira' , significa che qualcosa sta cambiando .
Tu dici che e' opera artificiale di quei pochi .
Sara' cosi' non dico di no , neppure di si , tengo nella dovuta considerazione pero' il cambiamento c'e' .
E per noi basta , nel senso che dobbiamo chiederci quantomeno dove vogliono portarci , questo volevo dire .
La fiat se non raccontano balle ha venduto il 30x100 di meno a novembre ed ha messo in cassa integrazione 40.000 persone .
Forse hanno bisogno di soldi per costruire la prima macchina rivestita di pannelli solari e con la parte sopra le ruote intercambiabile furgone , utilitaria ecc.( si e' vista in un salone )
e non possono dirlo.
Se serve, che facciano, vorra' dire che un pannello solare costera' molto meno di quanto costa adesso.

nikelise 14-01-2009 17.43.55

Citazione:

Originalmente inviato da Uno (Messaggio 63297)
Sicuramente non ho mai detto che non se ne deve parlare o che parlarne non serve a nulla, dicevo solo e i dati sempre più confermano che per noi piccoli non è cambiato nulla, tranne per quelli che si trovano coinvolti in industrie, società, compagnie etc... che per fare le loro porcate non guardano in faccia nessuno.
Un esempio clamoroso, ma che non scandalizza neanche più (grave cosa) perchè ci siamo abituati da decine e decine di anni (direi mezzo secolo), è la Fiat che 3 giorni prima era tra le migliore di Europa, alla notizia che gli Usa avrebbero aiutato la GM e altre industrie automobilistiche usa, ecco che anche la Fiat fa sapere che ha problemi, parte con la cassa integrazione etc.. :bleah:
Ma quale cassa integrazione.... sta assumendo in polonia, brasile etc... ma poi vuole avere i fondi in Italia.....

E' notizia di oggi (ma gira in varie forme da giorni) che c'è una corsa ai regali di Natale superiore a quella degli altri anni, che ci sono prenotazioni per viaggi (anche di lusso) a tutto spiano etc....
Ciò significa che le persone non stavano consumando più per paura di ciò che si sentiva ai tg che per una vera crisi reale, quello che sto dicendo dall'inizio del thread.
Paura indotta che stanno cercando di pompare ancora dicendo che la crisi durerà fino al 2010.... mi ricorda tanto le previsioni sull'arrivo dell'influenza..

Sentito il Tg di oggi :
FIAT meno 45 per cento a novembre mi pare .
PIL ITALIA NOVEMBRE MENO 12 PER CENTO !!!
I peggiori dati dal 1945 .

Uno 14-01-2009 18.24.04

Ieri però ho sentito che i consumi stanno tornando normali, i saldi sono andati a gonfie vele etc... come la mettiamo?

Scommetti che se i governi si decidono a mollare altre sovvenzioni alle industrie automobilistiche (qua da noi la Fiat era avanti con i tempi da 70 anni icon_mrgr:) per un pò non ne sentiamo più parlare?
Ovviamente se hanno da licenziare per rinnovare il parco operai (brutta messa così ma è realtà) ne approfitteranno lo stesso, così assumeranno 20enni più malleabili con contratti strani e manderanno a casa 45enni già stufi di fare gli schiavi in catena di montaggio.
Belle porcherie, e i giornali ancora continuano a raccontarci ca....

Per la cronaca una delle banche coinvolte nella crisi americana (non ricordo il nome, ma se googli senz'altro trovi) una di quelle "salvate per miracolo" con i soldi del governo Usa, esce che anche quest'anno sponsorizza non so che squadra per milioni :@@

L'agricoltura e gli alimentari a discapito di qualsiasi terrorismo mediatico-psicologico vanno bene anche nelle statistiche e ne sono contento, meglio mangiar bene piuttosto che avere inutili macchine in garage, quando una di qualche anno ancora va bene.

Uno 20-01-2009 17.15.50

-45% ?
Però mi pare che si voglia comprare un pezzo di Chrysler... visto che tanto, almeno per adesso, pare che non becchi nulla dal governo icon_mrgr:

Ah se giocassi al lotto come vedo queste cose....

nikelise 20-01-2009 17.54.03

Citazione:

Originalmente inviato da Uno (Messaggio 64310)
-45% ?
Però mi pare che si voglia comprare un pezzo di Chrysler... visto che tanto, almeno per adesso, pare che non becchi nulla dal governo icon_mrgr:

Ah se giocassi al lotto come vedo queste cose....

Allora le difficolta' di fiat , del mercato , tutta una bufala?
Le banche inglesi senza soldi , meno 80 per cento royal ecc. e tutto il resto delle difficolta' in America tutto inventato?
Dai dillo di nuovo perche' sarebbe troppo forte!!!!
Tutti ma proprio tutti presi per il ......


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 11.51.24.

Powered by vBulletin Copyright ©2000 - 2020, Jelsoft Enterprises Ltd.
Questo sito non è, nè può ritenersi assimilabile ad una testata giornalistica, viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale. Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina della l. n. 62 del 2001. Il materiale pubblicato è sotto la responsabilità dei rispettivi autori, tutti i diritti sono di Ermopoli.it che incoraggia la diffusione dei contenuti, purchè siano rispettati i seguenti principi: sia citata la fonte, non sia alterato il contenuto e non siano usati a scopo di lucro. P.iva 02268700271