Ermopoli

Ermopoli (http://ermopoli.it/portale/index.php)
-   Antiquario e Rigattiere (http://ermopoli.it/portale/forumdisplay.php?f=132)
-   -   Grattachecca (http://ermopoli.it/portale/showthread.php?t=4433)

Uno 28-06-2008 20.59.56

Grattachecca
 
Non so se ci siano ancora i chioschi sul lungo Tevere (Roma) e se la facciano come la facevano una volta, fino ad una ventina di anni fa c'erano, però sospetto che tra regolamenti asl e simili, non so...

Non so se riuscirò a dare l'idea di cosa sia realmente la grattachecca originale, in linea di massima si può tradurre con granita, però sono cose seppur simili un pò diverse.
Ricordo quei chioschetti di cui parlavo sopra in cui dei signori (generalmente anziani) facevano praticamente solo quello.
In sintesi sostanzialmente la grattachecca si fa grattando a mano (con degli attrezzini) il ghiaccio da un cubone, poi nel bicchiere si aggiunge (in quella più antica/naturale) del succo di limone spremuto a mano e forse zucchero... nelle versioni più moderne utilizzavano degli sciroppi.
Mi rendo conto che descrivendola così sembra identica alla granita eppure posso assicurarvi che era (è se si trova ancora) diversa (soprattutto quella al limone) da quelle che fanno le macchinette tritaghiaccio con l'aggiunta dei vari aromi in polvere.

Ray 28-06-2008 21.13.00

Ci credo che era diversa... oltre all'evidente differenza tra il limone appena spremuto e l'aroma artificiale, mi ha colpito sta cosa di grattare il cubone con attrezzini. Facile quindi che i pezzettii di ghiaccio non avessero tutti la stessa grandezza, che il risultato non sia stato così omogeneo come le granite attuali. Mi immagino che questo le rendesse più interessanti da mangiare e che richiedessero più attenzione...

jezebelius 28-06-2008 21.25.12

Tra l'altro anche la stessa forza, nel grattare, poteva variare e forse anche da questo dipendevano pezzi più o meno grandi.
Tutto con le mani insomma, niente aggeggi meccanici. Sforzo nel grattare, sforzo nel premere il limone.

Astral 29-06-2008 11.07.21

Me ne parlavano i miei genitori, e dicevano che erano molto buone, e che sono in via di estinzione. Sono sicuro che in genere il limone e lo zucchero sciroppato ormai non si utilizza più ed è stato sostituito dai sciroppi ( che permettono una maggiore gamma di gusti).

Tuttavia sono riuscito a trovare ancora chi gratta il ghiaccio a mano, con una specie di rasoio o strumento, proprio col blocco di ghiaccio come dice Uno.

Da queste parti l'ho trovato sul litorale sud-orientale delle spiagge romane, ed anche in qualche bar dei castelli romani, dove evidentemente un pizzico di tradizione della capitale rimane ancora.

Si Ray, nulla a che vedere con quella polvere di ghiaccio della macchinetta, che si acciaccha tutta e del ghiaccio vero rimane ben poco.

Sole 30-06-2008 00.02.31

C'è ancora, una sola la vecchietta originale affianco al ponte che collega l'isola Tiberina dalla parte di trastevere (non mi ricordo il nome.. ), con un attrezzo particolare viene grattato il ghiaccio e messo in un bicchiere e poi riempito si sciroppo. Purtroppo di limone vero non ne ho mai visto.. ma è comprensibile visto che la grattachecca è una tradizione a Trastevere e deve avere un prezzo basso come ha, se ci mettono limone vero il prezzo salirebbe ... la tradizione originale dei poveri oggi costa.
Comunque, non che gli altri grattacheccari non usino la stessa tecnica, ma dentro il chiosco non c'è la vecchietta e non parlano trasteverino...


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 07.47.15.

Powered by vBulletin Copyright ©2000 - 2022, Jelsoft Enterprises Ltd.
Questo sito non è, nè può ritenersi assimilabile ad una testata giornalistica, viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale. Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina della l. n. 62 del 2001. Il materiale pubblicato è sotto la responsabilità dei rispettivi autori, tutti i diritti sono di Ermopoli.it che incoraggia la diffusione dei contenuti, purchè siano rispettati i seguenti principi: sia citata la fonte, non sia alterato il contenuto e non siano usati a scopo di lucro. P.iva 02268700271