Visualizza messaggio singolo
Vecchio 28-12-2007, 03.09.48   #6
Aria
In attesa Cittadinanza
 
L'avatar di Aria
 
Data registrazione: 29-09-2007
Messaggi: 93
Predefinito

La preparazione si divideva in 2 corsi. Una parte basata sull'ammalato e una sull'approccio con qsto. Inizialmente abbiamo fatto un corso con lo psichiatra, ricordo che il primo giorno ci ha somministrato un questionario dove erano schematizzate le varie patologie e ci ha chiesto di collegarle con i vari utenti, poi ci ha spiegato quale sarebbe il giusto comportamento da tenere. Le ultime "lezioni" erano sulla parte amministrativa e burocratica. I due corsi sono durati circa un mese e, escludendo la parte scientifica del corso, il resto era abbastanza patetico, parole di routine, leggi che restavano sulla carta.
Come animatrice il mio compito era qllo di "allietare" la permanenza in comunità attraverso attività sportive, giochi, momenti di aggregazione. Lavoravo all'interno della comunità, nell'appartamento dove gli utenti vivevano, ma spesso dovevo fare delle trasferte, portarli al parco, a prendere un gelato, oppure a qualche evento importante. Per Natale siamo riusciti a realizzare il presepe vivente, è stato incredibile, erano tutti presi e concentrati nelle loro parti che non sembravano neanche loro.
Ci ho messo anima e corpo in quel lavoro, ma la comunità era una delusione continua. Pensate che ho saputo quest'anno che 2 utenti avevano l'AIDS... mi è preso un colpo!!!
Su come gestire la liberta del malato non so proprio che dire, è un argomento troppo difficile.
__________________
L'aspetto delle cose varia secondo le nostre emozioni, e così noi vediamo magia e bellezza in loro... ma in realtà, magia e bellezza sono in noi.
Kahlil Gibran
Aria non è connesso