Visualizza messaggio singolo
Vecchio 12-07-2008, 11.53.54   #5
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,171
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da griselda Visualizza messaggio
A me pare che quando si entri in un paese insieme ai diritti si debbano accettare ed accoglierne anche le leggi e quindi i doveri.
Invece mi pare come quel signore che dice: al mio paese è tradizione fare così... ok fallo al tuo paese non qui.
Non ho seguito attentamente a parte l'informazione base, ma non mi sembra che si parli di stranieri, si parla di "religione" anche se poi è da vedere quanto religioso sia quest'uomo condannato per due volte prime e poi assolto in cassazione.

Non voglio polemizzare però effettivamente se io mi professo satanista e voglio uccidere qualcuno perchè la mia religione me lo chiede/impone per quale motivo la legge dovrebbe impedirmelo visto il precedente?
Ok il peso di un omicidio è diverso e per primo ammetto che mentre il drogarsi non influisce sugli altri (a meno che non si rubi, o peggio, per comprare la droga) un omicidio danneggia gli altri, però in linea di principio se si attesta che per religione una cosa si può fare.....
Ricordo che in alcuni casi i tribunali hanno sentenziato per imporre coattivamente le trasfusioni ad appartenenti ai testimoni di Geova (che ricordo, gusti personali a parte, è ora riconosciuta come religione) che per fede non le ammettono. Giusto per fare un esempio più concreto, di quello dei satanisti, in questo caso è palese che si usano pesi e misure diverse e che il potere giudiziario interferisce con quello legislativo.
Uno non è connesso