Discussione: abbraccio
Visualizza messaggio singolo
Vecchio 24-11-2010, 22.37.12   #11
dafne
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di dafne
 
Data registrazione: 24-09-2007
Messaggi: 3,528
Predefinito

Visto che quest'immagine, questa persona, rimane l a fissarmi appoggiata agli stipiti di ogni porta ho provato con l'immaginazione attiva.
Neanche tanto ragionata dir, ho cercato di lasciarlo fare e asta perch a calore in questi giorni funziono come le luci a intermittenza di certe decorazioni natalizie.

Oggi ad esempio casca l'occhio sulle gambe di un uomo davanti a me sulle scale mobili e SBAM! lui li di nuovo davanti a me al posto suo.

M' partito un calore bruciante da dietro le ginocchia che si esteso fino ai piedi prima e alle gambe poi.
Scottavano come ustionate e poi ho avuto caldo e basta e ho inizato a sudare. C' voluto un p perch si sfiammassero le gambe. Momenti mi devo togliere anche il maglione...
Ieri sera invece mi sfogava la faccia anche se ho dato colpa all'aria fredda, avevo passeggiato, e poi alla stanchezza.
Ma il caldo da stanchezza (tipo quando mi avvampano le orecchie) un p diverso. Credo. Uff, ormai non s quasi pi nulla, qualcosa si st sbriciolando e non s neanche se ho paura.

Bon, deliri a parte, prima me lo ritrovo di nuovo davanti, il piccolo dormiva e mi sono concessa di lasciare che il film fluisse,

Niente diceva, mi guardava e basta e la mia mente via a scrivere parole..non avevo la musca a drogarla. Poi per ho cercato di vedere nei suoi occhi e ho percepito subito la mia difesa.
E' come se alzassi un muro di amianto e sono sicura che se volesse potrebbe comunque passarci attraverso ma non lo f.

Dopo un p sempre nello stare fermi (bon quasi, io ho tracciato la diagonale della camera a passi fino a farci il solco) mi sono arresa e a dirgli che non lo s, che non s cosa provo. M' venuto caldo.

Non voglio sentire cosa provo.
Non ha importanza, mi dice, va bene comunque, qualsiasi cosa sia.

Mi si riempiono gli occhi di lacrime mentre qualcosa di simile alla vampa del sogno sopra, anche se pi mitigata, mi sale su.

Cerco nel suo "va bene cos" un appiglio ma scivolo, v bene cos davvero, non ha alcuna importanza dare un nome alla cosa n capirla ora.

Mi sento come se potesse vedere qualcosa, qualcosa che io non posso assolutamente accettare che veda. Ora st razionalizzando ma nella frazione di un secondo mi sono sentita cos terribilmente imperfetta, cos tutta scombinata e questo mi separa, da lui, da me. Non lo accetto. Lo s perch delle sue sole altre parole che ricordo prima di risollevare il muro sono state "essere imperfetti non mica un reato".

St cercando adesso di modificare i miei pensieri, non una cosa terribile arrendersi anche se lo s che lo vivo cos, ma mi devo rassicurare, come nel sogno.

C' una parte del processo che tutta mia e che rassicurare quella parte che ha in mano la chiave della porta d'amianto.

Ovviamente ora ho caldo alla testa e la sento compressa, come se avessi la pressione troppo alta...
dafne non  connesso