Visualizza messaggio singolo
Vecchio 18-12-2009, 13.19.26   #31
Faltea
Partecipa agli eventi
 
Data registrazione: 18-03-2007
Messaggi: 1,164
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Ray Visualizza messaggio
Non si tratta di un virus che viene dall'esterno, contagia uno e poi questo contagia anche gli altri.
E' vero che chi fa violenza sui bambini quasi sempre ne ha subita, ma non è vero il contrario: non tutti quelli che subiscono diventano violenti a loro volta.
Tuttavia è abbastanza vero il fatto che l'esperienza subita tende a dirigere con forza verso quelle possibilità, ma sono sempre possibilità dell'individuo.
Siamo tutti potenziali pedofili (so che questo molti non lo digeriranno), potenziali stupratori, assassini eccetera. Quando da piccoli subiamo certe cose questo tende a spostarci più verso quella direzione e diventa più probabile (ma non certo) che svilupperemo quelle potenzialità. Avviene anche nel positivo: se da piccolo vengo molto stimolato alla musica sarà più probabile che io sviluppi le mie potenzialità musicali, qualunque esse siano.
Purtroppo è vero che subire certe cose segna profondamente (qui c'è un senso forse un po' nuovo su quel "segnare"), nel senso che scava un solco, che rende la via di manifestazione di quella potenzialità più facile, ma questo non significa la costrizione totale, anche se per alcuni individui poi non si discosta di molto.
Ma quel che è fondamentale è che se uno diventa pedofilo, è il pedofilo in lui che si è sviluppato e anche se si è sviluppato grazie all'azione di un altro pedofilo non è che questo gli ha passato qualcosa, se non l'informazione (in senso ampio). Sarebbe più corretto (ma non del tutto) dire che gli ha attivato qualcosa.
Se la pedofilia non fosse nelle sue possibilità non c'è subire che tenga a farlo diventare tale.
Non intendevo un virus esterno ma proprio il contrario, una forma di azione che viene passata da violento a potenziale violento e lo fa divenire violento.. però non avevo pensato a quanti subiscono ma poi vivono una vita senza procurare a loro volta le violenze subite.

La violenza segna, un segnare che procura un solco che fa defluire le azioni quasi obbligatoriamente verso quella direzione, ho paura che chi non procura la stessa violenza subita siano persone che hanno deciso di farsi aiutare attraveso centri e medici specializzati. Gli altri... mah.
Faltea non è connesso