Visualizza messaggio singolo
Vecchio 13-03-2010, 18.30.15   #6
filoumenanike
Organizza eventi
 
L'avatar di filoumenanike
 
Data registrazione: 05-12-2008
Messaggi: 1,712
Predefinito

Secondo me l'insegnante dovrebbe innanzitutto conoscere bene l'italiano, qualsiasi sia la materia che insegna, fondamentale è saper riconoscere le regole fondamentali che sono alla base della nostra lingua.
Ho avuto insegnanti meridionali e amici meridionali e posso testimoniare che, a parte l'accento...la dizione, le regole le sapevano molto bene e nelle loro materie erano preparati e non solo nelle loro materie.
L'insegnante un tempo esercitava una professione, il suo impegno era tutto per la scuola e veniva rispettato anche quando a volte l'uso della disciplina era eccessivo!
Oggi insegnano gli sfigati, sia del nord, del sud, del centro!La dedizione all'insegnamento viene meno per molti motivi, tra i primi il poco riconoscimento morale che i genitori e quindi gli alunni danno a chi insegna, spesso vengono derisi, denunciati per aver sgridato i ragazzi anche per validi motivi.
Il compenso del loro lavoro è al di sotto della media di tutte le altre professioni che hanno bisogno di una laurea e di corsi abilitanti, sono al fondo della categoria dei laureati, pertanto si danno all'insegnamento in gran parte chi non trova di meglio, chi ha preso una laurea con i punti, magari laureandosi in lettere classiche senza aver dato neppure un esame di greco!
L'insegnante del nord che non ha le doppie nella sua pronuncia, non è per questo immune da errori gravi di grammatica, come l'uso indiscriminato dell'apostrofo, della acca, della zeta a posto della esse, della punteggiatura etcetera....per non parlare dei condizionali o dei congiuntivi nei discorsi ipotetici o indiretti!
Un altro grave problema dell'isegnamento è dato dalle graduatorie territoriali, ancora oggi insegnanti del centro devono andare al nord, quelli del sud al centro e così via, non conosco gente del nord che vada ad insegnare al centro o al sud, mancano forse gli insegnanti al nord?
Agli insegnanti, poi, secondo me, non bisogna demandare il compito di educare i nostri figli, quello è un compito soprattutto dei genitori e posso garantire che i ragazzi di genitori attenti si notano sempre, non sono maleducati, sgarbati, indisponenti!
Spesso arrivano a scuola dei bulletti viziati, malmessi, che scambiano la scuola come luogo di ricreazione e ciò che più meraviglia è che la maggior parte di loro hanno alle spalle famiglie di avvocati, dottori e quant'altro dovrebbe costituire la crema della società!

Ultima modifica di filoumenanike : 13-03-2010 alle ore 18.37.36.
filoumenanike non è connesso