Discussione: Gomma da masticare
Visualizza messaggio singolo
Vecchio 13-08-2007, 13.35.09   #6
jezebelius
Organizza eventi
 
L'avatar di jezebelius
 
Data registrazione: 27-02-2005
Messaggi: 1,865
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Uno Visualizza messaggio
Vediamo da dove posso iniziare... ecco, è accettato da alcune correnti mediche interdisciplinari e riconosciuto dalla chiropratica che un'errata occlusione dentale possa scompensare l'assetto della colonna dorsale e tutto ciò che ad essa è connesso... e viceversa.
Il concetto è che influendo la posizione dei denti sull'articolazione temporo-mandibolare (mascelle), queste poi influiscono (per bilanciamento) sulle altre articolazioni corporee. Questo già spiega come masticare possa mettere in moto processi neanche immaginabili, la famosa regolazione di un bullone che cambia tutto l'assetto della macchina.
.
Quando ero piccolo ( però ogni tanto anche ora...sarò piccolo ad oltranza ) ho portato l'appareccchio per la correzione, quello cosi detto " fisso ".
Insomma avevo un problema di occlusione che dopo un po di tempo ( tre anni e un po ) è stato corretto.
La masticazione e la chiusura errata, prima dell'apparecchio di correzione , mi portavano scompensi ( ed alcuni probabilmente son rimasti anche se la causa di questi non la addebiterei esclusivamente a questi ma in concausa con altri ) sia alla colonna e sia alla bocca nonchè alla cervicale ( di fatti soffrivo di continui mal di testa localizzabili nella parte della nuca che poi, dopo il periodo di " correzione " sono scomparsi).

Per quanto riguarda la masticazione anche io sapevo della liquirizia anche per problemi inerenti la pressione.
Ma una domanda: in sostanza, masticando gomme ed altro " si scarica " la tensione e se caso mai la masticazione - a causa appunto di una occlusione ad esempio - non è corretta, questa tensione non defluisce nella maniera dovuta?
__________________
Dr. Marc Haven
“Non deve essere l’alba di luce che deve iniziare ad avvisare la tua anima di tali doveri giornalieri e dell’ora in cui gli incensi devono bruciare sui fornelli; è la tua voce, solo lei che deve chiamare l’alba di luce e farla brillare sulla tua opera, alfine che tu possa dall’alto di questo Oriente, riversarla sulle nazioni addormentate nella loro inattività e sradicarle dalle tenebre in cui versano.”
jezebelius non è connesso