Discussione: E' tornato mio padre
Visualizza messaggio singolo
Vecchio 19-12-2010, 12.56.49   #5
nikelise
Organizza eventi
 
L'avatar di nikelise
 
Data registrazione: 29-09-2007
Messaggi: 2,329
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da diamantea Visualizza messaggio
Stamattina sogno di nuovo mio padre che viene da me entra in cucina e parla con il padre del mio compagno.
Pare che ci sia una ragazza adatta al mio compagno e lo invitano ad andarea conoscerla, prima di perdere questa occasione.
Io e il mio compagno ci guardiamo con aria quasi di curiosità per capire che discorsi fanno, e poi gli dico che voglio ancora manipolare le vite dei figli come si faceva una volta, che combinavano i matrimoni senza tenere conto dei sentimenti e delle affinità.

Poi la scena cambia e da osservatore mi trovo in una piazza, c'è vicino a me una macchina decappottata bianca, dentro alla guida un uomo molto robusto e corpulento con una maglia rossa, e dietro seduto il figlio di circa 12 anni.
Il padre mostra qualcosa della guida al figlio e il figlio sbaglia.
Il padre non perdona nessun errore al figlio, così si alza in piedi e lo picchia lentamente ma con efferrata violenza, con pugni, tirandogli le braccia come fossero elastiche, come si facevano una volta le torture, fino a fargli uscire sangue.
Poi scende dalla macchina e va via.

Io temo per il ragazzo, ma lui scende dall'auto tutto sommato ancora intero, dicendo "devo fare meglio senza errori" e si avvia davanti a se.
Dentro di lui ho la visione che svilupperà l'orgoglio e l'odio per il padre.
Ti dico quel poco che so in tema di sogni .

Bisogna distinguere l'interpretazione secondo l'oggetto e secondo il soggetto :
il tuo compagno e' lui , proprio lui , l'oggetto , mentre tuo padre sei tu .
Questo perche' se nel sogno abbiamo a che fare con persone della vita di ogni giorno vuol dire che il sogno di loro ci vuole parlare mentre se abbiamo a che fare con persone che non vediamo quotidianamente e' probabile che si tratti di un sogno da interpretare dal punto di vista del soggetto di chi sogna cioe' tu .
Dunque tuo padre sei tu e quello che dici tu di lui e' un'altra parte di te in lotta con la prima.
L'interpretazione non e' a questo punto difficile .

Poi la piazza e la macchina il padre ed il figlio .
Stesso criterio interpretativo :
e' l'immagine che tu hai di te nella realta' sociale che vivi o l'immagine di quello che la realta' ti impone , questo perche' quel fatto non ha a che fare con il tuo ogni giorno salvo che per la piazza che dove vivi ci deve essere :
la piazza , e' il centro del luogo in cui vivi ,
il padre e' l'autorita', la maglia rossa e' il carattere irruento impetuoso ed incontrollato di quest'autorita' sociale che conosci , la tua autorita' sul figlio , il figlio e' la tua anima , la macchina decappottabile e' la sensazione che tutto sia evidente a tutti e che quello che accade sia inevitabile perche' cosi voluto da tutti .

Prendi tutto con le molle ho provato ad applicare due regole interpretative ma ora forse tu puoi fare meglio di me .
nikelise non è connesso