Visualizza messaggio singolo
Vecchio 28-04-2010, 10.45.16   #12
Edera
Bannato/a
 
Data registrazione: 28-04-2009
Messaggi: 1,834
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Ray Visualizza messaggio
Quindi parto con l'affermare che la Divina Commedia è un poema iniziatico. Il che significa che è composto da un Iniziato, parla dell'Iniziazione e, addirittura, nasconde una capacità di agevolare il Ricercatore della stessa.
Non solo questo. Affermo anche che la Divina Commedia, in quanto poema iniziatico, è inserita, se non addirittura fa da fulcro, appieno nella Tradizione Occidentale. Affermo anche che Dante faceva parte di una Fratellanza Iniziatica, i Fedeli d'Amore, che è stata custode di un'importante Tradizione e che era (è?) collegata ad altre importanti Fratellanze dello stesso tipo, tra cui l'Ordine dei Cavalieri del Tempio, per citare la più famosa.
Ne segue che è solo dal punto di vista esoterico che si possono cogliere i significati più profondi del poema.
Prove di ogni genere di quanto affermo sono sparse in tutta la Commedia e in tutta l'opera del Vate, oltre che nelle opere di tanti altri che ne hanno parlato.

La Divina Commedia nasconde significati e verità profondissime, anzi un'intera dottrina, ovviamente iniziatica. La cosa per altro è segnalata dallo stesso Dante in maniera molto chiara:

O voi ch'avete li 'ntelletti sani,
mirate la dottrina che s'asconde
sotto il velame de li versi strani
(Inf, IX, 61-63)

Insomma Dante dice a quelli sani d'intelletto (i Ricercatori) di prestare attenzione alla dottrina e in particolare a determinati versi, che per "stranezza", hanno la proprietà di velare meglio degli altri ciò che è nascosto.

E' indubbio che le parole di Pluto siano uno di questi versi.


Detto questo passerò alla richiesta specifica... tuttavia, se c'è interesse, prossimamente su questi schermi potremmo tentare di parlare più diffusamente di questo argomento, che m'appassiona moltissimo, ma che richiede un notevole dispendio da tutti i punti di vista.
Intanto grazie. Avevo intuito la natura iniziatica dell'opera ma non avendo le conoscenze necessarie avevo paura di averci fantasticato sopra invece con queste parole confermi i miei pensieri... Ora mi si è acceso tutto cervello e cuore.
Proprio ieri ho parafrasato i versi:
I]O voi ch'avete li 'ntelletti sani,[/i]
mirate la dottrina che s'asconde
sotto il velame de li versi strani.

Se non l'avessi scritto tu, avrei sicuramente chiesto lumi oggi.
Da oggi studiare la commedia per me sarà diverso
Mi piacerebbe moltissimo si riuscisse a parlare diffusamente dell'opera ma mi rendo conto che la mole di lavoro è enorme. Per questo se interessa anche ad altri e tu sei così gentile da prestarti io offro come posso il mio aiuto, non sarà gran cosa, potrei riportare i canti, le parafrasi e le interpretazioni ufficiali che trovo sui testi, in pratica lavoro di segreteria.

Ultima modifica di Edera : 28-04-2010 alle ore 11.11.47.
Edera non è connesso