Discussione: Quaresima
Visualizza messaggio singolo
Vecchio 03-04-2012, 12.50.57   #170
Sole
Conosce ogni vicolo
 
Data registrazione: 31-08-2005
Messaggi: 5,572
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Astral Visualizza messaggio
Perchè Uno qui parla chiaramente che non puoi essere un buon cattolico se non rispetti i comandamenti, a me non mi sembra proprio che dica quello che ha detto Ray, anzi credo che si riferisse proprio a lui.
Anche noi in tutto il thread e non per difenderlo (me possino ceccamme se lo faccio aaggratis ), ma neanche Ray ha detto il contrario nel suo intervento.
Quote:

Inoltre fa differenza tra cristiano e cattolico.
Anche noi e anche lui, tanto che Cubo rilevava l'errore molti post fa e io facevo notare su di me la differenza.
Quote:


Ritornando al discorso di prima: chi convive o è divorziato non accetta i principi cattolici, anche se va in chiesa.
Qui ti aveva fatto notare l'errore Arianna. Io ritengo che i preti che conosci tu fanno un grandissimo abuso di potere o semplicemente non conosci a fondo le ragioni del singolo.
Riflettiamo sul concetto aprendo una parentesi. Il divorzio per il Cattolico non esiste, non è semplicemente non riconosciuto, non esiste, punto, fine. In quanto tale il fatto che per la legislazione italiana sei divorziato, al Vaticano non tange. Questo vuol dire che resti sposato in cielo (solo ed esclusivametne se il matrimonio è stato celebrato secondo il rito cattolico, perchè diversamente non sei sposato per la chiesa e il problema non si pone neppure.) nonostante il divorzio civile. Cosa comporta? Comporta che se divorzi e ti risposi civilmente vuol dire che compi adulterio e non sei ammissibile alla comunione perchè porti avanti un peccato. Ma se sei divorziato civilmente o non ti risposi o non convivi la comunione la puoi prendere. Non commetti nessun adulterio e nessun peccato, perchè? Perche sei sposato, non hai commesso nessun peccato.
Quote:


Vai da un prete in chiesa e ti dirà che si puoi pregare, ma che per fare la comunione devi attenerti a delle regole.
E mi pare sacrosanto ed è quello che abbiamo detto in fiumi di parole. Ma mi pare pure che tu stesso le contesti. In ogni caso certo è una mezza via che serve a poco, ma se si ha bisogno di comprendere ...
Quote:

Che poi io possa essere daccordo o meno su questa cosa, non ci piove.
L'ho messa per riprendere anche la discussione dall'altra parte.
Il problema è che tu non sei d'accordo con questa cosa, lo hai detto molte volte. Dici che è così, che è giusto che sia così, poi però ti contraddici mille volte dicendo che la Chiesa si deve aggiornare, deve cambiare perchè i tempi cambiano...
Però se credi davvero che le cose debbano essere così, allora devi anche aver sviluppato una coscienza che ti fa comprendere perchè le cosa debbano essere così. Invece le contesti. Questa contestazione manca invece in chi fin'ora propone una cosa diversa che non è essere cattolico o niente, ma è di indagare cosa vuol dire e perchè è così. E non contesta il sistema, perchè il sistema esiste per mostrare una via. Voglio dire che se contesti ciò che predichi vuol dire che tanto chiara non è nemmeno a te...

Quote:


Sul catechismo della chiesa cattolica si parla di un concetto di chiesa molto diverso, non come l'ha interpretato Ray, perchè appunto di interpretazione personale si tratta.
Di che parli? della frase del Credo? Ray l'ha circa interpretata come avevo fatto io.
Anzi lui ha azzardato ancora più a fondo parlando di legami...
Astral, uno dei fondamenti del Cristianesimo è la fratellanza... dici che il Cattolicesimo parlando di Chiesa non ne tenga conto? Accidenti se lo fa.
Lo fa mettendo tutti sotto una stessa Madre... la Madre Chiesa. Se si allarga la visuale, oltre ogni precondetto e rifuito dell'autorità precostituita si noterà che forse non è così lontano il concetto di unione della chiesa..
Quote:

Non basta dire che credi nella chiesa cattolica apostolica romana come ha detto Ray, il credere significa anche che tu accetti l'autorità dei vescovi, dei preti e del papa e che ti allinei al loro pensiero.
Prova a rileggere cosa ha scritto davvero, perchè non ha detto semplicemente questo.
Quote:


Se sei per l'aborto, per l'eutanasia, per le coppie di fatto, per gli anticoncezionali, per la reincarnazione, per l'esoterismo, non puoi essere cattolico.

Come sopra, il discorso non lo si negava affatto ma era rivolto a ben altro approfondimento.
Quote:

La differenza tra il cattolico e il non cattolico, è che il primo pecca e ritiene peccato, ed anche se sbaglia rimedia, il secondo invece è contrario ai principi e non lo ritiene peccato.
Mah, mi pare davvero una generalizzazione superficiale. Il mondo non è diviso in cattolici e non cattolici, ringraziando Dio, non è un discorso affrontato seriamente in questo modo.
Quote:

Io capisco che è difficile per una persona divorziata e riaccoppiata voler conciliare la fede con la nuova vita, ma questo è quello che dice la chiesa. Poi te ne puoi anche fregare, ma non sei diverso da chi prende un po' dal buddismo, un po' dal cristianesimo, un po' dalla wicca e un po' dal pensiero intellettuale.
Siamo d'accordo.


EDIT: non ho letto gli ultimi interventi prima di inviare
__________________
Se non sarò me stesso chi lo sarà per me? E se non ora, quando?
Sole non è connesso