Discussione: Presenza Divina in noi
Visualizza messaggio singolo
Vecchio 28-12-2006, 14.36.01   #3
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,241
Predefinito

Nel Cattolicesimo (e non solo) viene insegnato che c'è un Padre, un Figlio ed uno Spirito Santo...
Per ora mi fermo al Padre, hai mai riflettuto su cosa hai, volente o non volente, in comune con il tuo padre terreno?
Sei parte di lui, hai nella genetica tutte le informazioni che sono in lui ( ed in tua madre, ma qua siamo nella creazione) in potenza potresti essere uguale, poi nella realtà, sperimentando, dopo il concepimento ti muovi esplorando diverse combinazioni delle variabili che la genetica può contenere.
Quindi potenzialmente sei tuo padre, c'è una parte di tuo padre in te.... ma sei tu un essere diverso da tuo padre.
Se spostiamo il discorso nello spirituale e nel Padre, le cose si "complicano" alla ragione, ma il concetto nei fondamenti è lo stesso.
Se vedo un Dio staccato, e messo chissà dove, non lo raggiungerò mai, se mi credo Dio comunque sbaglio, per esserlo dovrei essere ovunque etc etc... non essere confinato in questo misero corpo... le tesi dicono che mi sono dimenticato di esserlo... perchè io "essere perfetto" (magari lo fossi) dovrei dimenticarmi di esserlo? Allora ho dimenticato anche tutto quello che ho e che sono del mio padre terreno....
Qualcosa non torna in queste moderne teorie.... se invece usiamo i concetti che vengono dalla notte dei tempi... io come uomo posso manifestare Dio.... posso essere una forma che permette al Divino di essere sempre più presente nella creazione.... è come dire che io mi preparo dei vestiti di vario tipo, usi e colori... alcuni posso indossarli per alcuni istanti poi sono scomodi e li tolgo, altri non posso indossarli quasi per niente, allora li scucio per farne altri... e continuo finchè ogni tanto ne capita qualcuno in cui posso starci discretamente bene.... Wow ok quel vestito si consumerà... ma devo ricordare il modello... modello per farne altri... ma modello che esisterà per sempre nella mia Mente.... ove io dimoro... la mia casa....

Scusa Astral ho cercato di semplificare, ma implicitamente ho messo altre cose sul fuoco e non tutto chiaramente.... si dovrebbe (tra l'altro che manca) dire che i vestiti sono fatti con la mia pelle... che si muovono da un armadio all'altro... che sono convinti di avere un individualità... di decidere loro se cambiare armadio, se lavarsi, se stirarsi... etc... invece iniziano a farlo solo quando assumono alcune caratteristiche... caratteristiche che poi mi consentirebbero di indossarli comodamente....

ok arriverà quello che arriverà.... poi vedremo
Uno non è connesso