Discussione: Arte in generale
Visualizza messaggio singolo
Vecchio 01-01-2005, 19.05.03   #11
Shanti
Partecipa agli eventi
 
L'avatar di Shanti
 
Data registrazione: 18-12-2004
Messaggi: 1,350
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Uno

Il discorso simbolo che hai fatto è interessante, distinguerei solo l'archetipo come conoscibile attraverso il simbolo (non come la stessa cosa, può essere che lo hai scritto diversamente e intendevi la stessa cosa, comunque specifichiamo)
Hai ragione! Inciampando nelle parole intendevo dire che l’archetipo evoca un’immagine simbolica, grazie per aver specificato! Come avrai capito è la prima volta che scrivo in un forum, e per me è un’esperienza tutta nuova che mi permette prima di tutto di parlare con qualcuno di tutto quel guazzabuglio di concetti,idee e pensieri che ho dentro di me, secondo di metterci un po’ di ordine, terzo imparare a esprimerli con le parole il più correttamente possibile visto che finora non ne ho mai avuto occasione! Quindi ti capiterà di correggermi spesso, preparati perché metterò a dura prova la tua pazienza con la mia Grande Confusione!!! Tanto per farti un esempio di quest’ultima, noto nel mio post precedente che, lì dove volevo intendere che un archetipo racchiude un simbolo, scrivo che esso raggiunge l’inconscio. Ma poi finisco intendendo che lo Spirito Sa (o Comprende come dici tu)!!! Inizio usando un concetto della psicologia e termino con uno spirituale.

Quanto al dipinto è moderno, se non sbaglio è del 1973, so che Johfra, l’autore, venne incaricato di illustrare i dodici segni zodiacali per poterne realizzare dei posters. Però visto che esistevano già delle illustrazioni, tutte più o meno uguali, da centinaia di anni, Johfra decise di realizzarne una serie combinando tra loro una serie di simboli, tutti in rapporto con il segno zodiacale che man mano eseguiva.
Quindi io se vuoi ti dico che cosa ci vedo, però devi capire che io ho queste illustrazioni da tempo, e visto che Johfra ha elencato tutti i simboli in una descrizione, pur non scrivendo “questo vuol dire quello” ecc., io mi sono limitata a compiere una ricerca su ogni simbolo rappresentato. Ora è chiaro che ogni persona può vedere qualcosa di diverso nei simboli che Johfra ha utilizzato, rispetto ai significati che egli sentiva personalmente, però comunque è anche vero che il suo “sentire” mi può avere condizionato!
E adesso vado alla lavagna!

Nella Bilancia l’accento viene posto sull’anima. E’ un segno positivo, aria in espansione, governato dal pianeta Venere. Venere, dea dell’amore, dell’armonia e della bellezza governa questo segno il cui tratto dominante è, innanzitutto, l’equilibrio tra la testa e il cuore, fra l’intelligenza e il sentire.
Johfra ha aggiunto al simbolismo di questo segno Mercurio,che governa il sapere, sotto la forma egizia di Thot.
Non so se riesci a vedere bene il file, ma Thot ha sul “gonnellino” il segno astrologico che rappresenta il pianeta Mercurio, lì dove ha la cintura. Thot è il dio di Hermopolis , messaggero degli dei e dio della saggezza, della scrittura, delle arti magiche e delle fasi lunari. Nell’oltretomba assiste alla pesatura del cuore del defunto. Qui viene rappresentato con la testa di ibis, intorno alla quale si avvolgono i famosi serpenti della bacchetta di Mercurio, che indicano i poteri positivi e negativi che si uniscono nell’armonia. In mano Thot tiene la croce ansata, simbolo di immortalità nell’antico Egitto. Ah! Noto adesso che Thot ha anchele ali, penso che sia sempre per rappresentare anche Mercurio...
Alla sua destra simmetricamente è rappresentata Venere, nella forma egizia di Hathor, dea delle feste e dell’amore raffigurata con orecchie e corna di vacca. In mezzo alle corna c’è il segno astrologico del pianeta Venere, e appena sopra una stella a sette punte che rappresenta sempre Venere, essendo sette il suo numero, visto che, nell’Albero della Vita della Cabala, è posizionata nella settima sephira.
Hathor era la dea di Afroditopolis e di Dendera. Dea dell’amore, patrona della musica e della danza, generalmente rappresentata con l’aspetto di vacca. Tiene in mano il sistro, il suo emblema, che era lo strumento abituale delle sue sacerdotesse. Intorno alla cornice del sistro serpeggiano quattro onde orizzontali che rappresentano i quattro elementi che risuonano insieme armoniosamente nel cosmo.

Thor e Hator tengono in equilibrio i piatti della bilancia, su uno dei quali è posto un cuore, nella forma egiziana dell’urna. Nell’altro piatto si trova la piuma bianca della verità e della giustizia di Maat, sorella di Thot.


Mercurio e venere si trovano rispettivamente a sinistra e a destra dei piatti, in accordo con la Cabala in cui Hod, sephira che governa l’intelletto dell’uomo, è posta sulla base dell’albero di sinistra della colonna della vita insieme a Netsah, il sentire, che è posto di fronte, ai piedi della colonna di destra, quella della misericordia. Anche qui abbiamo l’equilibrio perfetto fra la ragione e l’emozione. La ragione senza emozioni è sterile e mortale, mentre l’emozione senza la ragione si limita al sentimentalismo e crea il caos.


Appena sotto questo simbolo c’è quello cinese Yang-Yin, che si riferisce in questo caso ai vari aspetti dell’”unione degli opposti”.

Più sotto le due sfingi assire illustrano ancora il dualismo armoniosamente risolto dal segno della Bilancia. Esse si riferiscono alla carta dei Tarocchi associata al segno, cioè il Carro della Vittoria. Le sfingi rappresentano anche i quattro elementi della natura, contemporaneamente positivi (sfinge maschio) e negativi (sfinge femmina): la testa è l’elemento acqua, le zampe anteriori da leone il fuoco, le ali rappresentano l’aria e, le zampe posteriori di un bue, la terra. Tra l’altro queste ricordano le quattro creature della visione di Ezechiele.

Il pavimento a scacchi bianchi e neri è un altro riferimento al lavoro delle energie dei poli, oltre a ricordarci quello del tempio massonico. Il giglio in primo piano rappresenta la serenità, risultato del perfetto equilibrio fra la testa e il cuore, tanto per cambiare.

Anche il cubo rappresenta un altro simbolo massonico (ho letto La chiave di Hiram, anche se a un certo punto cominciava a stridere con quello che sentivo io): la pietra angolare, il Cristo, la pietra filosofale degli alchimisti. E’ anche l’”altare sacro nel tempio in cui la luce degli Spiriti risplende sempre e non muore mai”, qui rappresentato dalle due mani appena sopra che indicano il simbolo indù corrispondente al nostro segno della Bilancia.
Il cubo dovrebbe essere nero ma l’autore l’ha dipinto come un cristallo perché potesse comparire la palla al suo interno sulla quale è disegnato il segno astrologico della Bilancia, ancora all’interno di una stella a sette punte.
Se il cubo fosse aperto verso l’esterno le sue sei superfici rappresenterebbero la croce cristiana e l’embrione dorato sarebbe nel centro della croce, riferendosi al credo dei Rosa-Croce che pone la rosa nel centro di essa. (come non ti sarà sicuramente sfuggito nella parte superiore della bilancia).
Anche i Rosa-Croce hanno cercato l’equilibrio fra testa e cuore nella formazione della persona perfetta; la rosa rossa è il fiore di Venere e simbolizza l’amore che si offre in sacrificio.

Manca ancora la lemniscata, simbolo dell’infinito, in alto, con i due poteri polari del sole e della luna, spirito e anima, che si influenzano reciprocamente, in eterno.
Questo mi fa venire in mente che Venere, la grande stella del mattino, era anche chiamata Luna-Sole o Ishtar, e per gli Esseni rappresentava il mistero e la luce. Dico questo perché gli Esseni mi affascinano molto, come la figura del Cristo d'altronde, pur essendo un livello abbastanza basso rispetto a un filone di tradizioni dell Est, come mi ha fatto gentilmente notare qualcUno in privata sede. angel4.gif

Chissà perché ma ho la sensazione che i coccodrilli che mi aspettano prossimamente saranno mooooolto feroci . E soprattutto mooooooooooolto affamati. Per la serie “ognuno ha quello che si merita”... ben vengano, e si prendano tutto quello che non mi può servire. Sarò felice di offrirglielo, sono anche certa che si faranno una bella scorpacciata...anzi lo spero!



Shanti non è connesso