Discussione: Acqua di montagna
Visualizza messaggio singolo
Vecchio 24-08-2011, 08.49.32   #1
diamantea
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di diamantea
 
Data registrazione: 29-03-2010
Messaggi: 2,698
Predefinito Acqua di montagna

Stanotte un bel sogno.
A quanto pare sono andata a vivere in una zona di montagna, alta e lontana dal mare. D'estate è molto bello, fa caldo ma piacevole, ora siamo a fine agosto e mi toccherà vedere come ci si vive nella stagione invernale.
Percorro il viottolo che conduce alla casa. Fa molto freddo di già, come un autunno inoltrato di una zona molto fredda.
Il freddo è secco ma bisogna coprirsi per stare fuori.
Davanti l'uscio di casa una porta a vetri all'inglese, vetri doppi protettivi ma che lasciano passare la luce e la visuale. La porta non è molto grande, direi tre vetri per tre.
Entro chiedendo permesso, c'è già qualcuno ad aspettarmi, in questa casa è come si vi abitassero altre persone con il mio stesso scopo che ancora non so quale sia il motivo del trasferimento.
Dentro c'è subito molto calore ma non sembra provenga da stufe o caloriferi bensì un calore secco e avvolgente come naturale, come prodotto dalle viscere di questa montagna che ospita la casa al suo interno.
Dentro mi viene incontro il mio insegnante di yoga, mi saluta anche la sua compagna, erano a letto, in lettini separati, stavano solo riposando e mi aspettavano.
Sono piacevolmente sorpresa di vedere loro, persone amiche con cui ho un buon rapporto.
Parlo di più con lui però, sono più in confidenza, nella realtà oltre ad essere il mio insegnante di yoga è pure un mio collaboratore di lavoro.
Guardo l'interno, sembra tutto di pietra, ben ordinato e levigato, un aspetto asciutto di pulizia, ordine, calore e di oggetti indispensabili e belli. Non esiste il superfluo.
Anche loro due sembrano essere molto ordinati e puliti, non che non lo siano nella realtà ma c'è un non so che di perfezione intorno, loro compresi.
Parliamo un pò del posto e della casa, loro non staranno tanto, forse la casa appartiene a loro, io sono ospite ma passerò del tempo.
Sento ora un rumore di acqua, così lui con molta meraviglia mi porta fuori da un piccola porta che da sul retro della casa.
Appena fuori vedo una vallata grande, a perdita d'occhio, tutta a terrazze di colore verde, di diverse tonalità di verde, queste terrazze sono coltivate e molto fertili, e in ogni stagione danno i loro prodotti. L'erbetta che ricopre i campi è perfetta, non molto alta e fitta. Il mare non si vede, siamo in luogo molto alto.
Poi mi giro sulla destra e vedo dall'alto della montagna la cascata d'acqua, limpida, che scorre continua, come un rivo che si riversa prima sul tetto di questo abbaino da cui siamo usciti, e poi si riversa a canale sulla valle ad irrigare la terra intorno.
L'acqua penetra pure dentro l'abbaino per dare acqua in casa. Scorre come una lastra trasparente e dolce da potervi mettere il bicchiere di vetro infrangibile sotto e dissetarsi, come fa ora il mio insegnante. Mi dice che non ci sono bottiglie di vetro in casa, gliene servirebbero quattro da riempire giornalmente e portarsele per bere nei vari piani della casa, invece per bere può farlo solo da lì, e da quando ha scoperto questa acqua non beve più nulla, è un'acqua particolare che sostituisce ogni altro liquido, molto benefica per il corpo e lo spirito perchè molto pura.
Io guardo con meraviglia, l'acqua è veramente molto limpida e trasparente, e continua e abbondante. Penso che tornando a casa posso procurargli io le bottiglie di vetro ma non sarebbe la stessa cosa che bere direttamente dalla fonte, dove l'acqua esce viva e carica delle sue sostanze preziose che nelle bottiglie diventerebbero presto morte.
Mi sveglio.
__________________
"Ogni cosa che tu ami è molto probabile che tu la perderai, però alla fine l’amore muterà in una forma diversa".

Franz kafka
diamantea non è connesso