Visualizza messaggio singolo
Vecchio 18-12-2007, 00.56.34   #27
RedWitch
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di RedWitch
 
Data registrazione: 20-12-2004
Messaggi: 3,373
Predefinito

Citazione:
9) Il conduttore dichiara di aver visitato l’unità immobiliare locatagli, di averla trovata adatta all’uso convenuto e, pertanto, di prenderla in consegna ad ogni effetto con il ritiro delle chiavi, costituendosi da quel momento custode della stessa. Il conduttore si impegna a riconsegnare l’unità immobiliare nello stato in cui l’ha ricevuta salvo il deperimento d’uso, pena il risarcimento del danno; si impegna, altresì, a rispettare le norme del regolamento dello stabile ove esistente, accusando in tal caso ricevuta dello stesso con la firma del presente contratto, così come si impegna ad osservare le deliberazioni dell’assemblea dei condomini. E’ in ogni caso vietato al conduttore di compiere atti, e tenere comportamenti, che possono recare molestia agli altri abitanti dello stabile.
Le parti danno atto, in relazione allo stato dell’immobile, ai sensi dell’ articolo 1590 del Codice Civile, di quanto segue:_______________
Sul punto 9 mi sembra tutto chiaro, qui potrebbe tornare utile il consiglio che dava Uno sulle fotografie da fare all'immobile nel momento in cui se ne prende possesso, per non avere poi brutte sorprese a fine locazione (questo potrebbe valere per entrambe le parti)
Il ritiro delle chiavi avviene alla firma del contratto, da quel momento il conduttore è custode dell'immobile , con tutti i diritti e doveri che ne conseguono.

Lo stato dell'immobile va segnalato sul contratto (in genere si scrive qualcosa tipo "immobile ordinato", "immobile perfettamente ordinato", fate attenzione a cosa si intende per ordinato..

Citazione:
10) Il conduttore non può apportare alcuna modifica, innovazione, miglioria o addizione ai locali locati e alla loro destinazione, o agli impianti esistenti, senza il preventivo consenso scritto del locatore.
Il conduttore esonera espressamente il locatore da ogni responsabilità per danni diretti o indiretti che possano derivargli da fatti dei dipendenti del locatore medesimo nonché per interruzioni incolpevoli dei servizi
Punto 10: Come per il contratto 4+4, il conduttore non puo' apportare nessuna modifica all'immobile senza il consenso scritto del locatore. La seconda parte che riguarda l'esonero da parte del conduttore al locatore non mi è del tutto chiaro il discorso dei dipendenti, mi informo meglio e poi vi dico..
Le interruzioni momentanee dei servizi (luce , gas etc) ovviamente non possono dipendere dal locatore, il quale va esonerato da questa responsabilità.


Citazione:
11) Il conduttore ha diritto di voto, in luogo del proprietario dell’unità immobiliare locatagli, nelle deliberazioni dell’assemblea condominiale relative alle spese e alle modalità di gestione dei servizi di riscaldamento e di condizionamento d’aria. Ha inoltre diritto di intervenire, senza voto, sulle delibere relative alla modificazione degli altri servizi comuni. Quanto stabilito in materia di riscaldamento e di condizionamento d’aria si applica anche ove si tratti di edificio non in condominio. In tale caso (e con l’osservanza, in quanto applicabili, delle disposizioni del Codice Civile sull’assemblea dei condomini) i conduttori si riuniscono in apposita assemblea, convocata dalla proprietà o da almeno tre conduttori.
Il punto 11 riguarda le assemblee condominiali , alle quali il conduttore puo' partecipare con le modalità su indicate (puo' partecipare ma non ha diritto al voto per eventuali modifiche da apportare)

Citazione:
12) Il conduttore - in caso di installazione sullo stabile di antenna televisiva centralizzata - si obbliga a servirsi esclusivamente dell’impianto relativo, restando fin d’ora il locatore, in caso di inosservanza, autorizzato a far rimuovere e demolire ogni antenna individuale a spese del conduttore, il quale nulla potrà pretendere a qualsiasi titolo, fatte salve le eccezioni di legge.
Per quanto attiene all’impianto termico autonomo, ove presente, vale la normativa del DPR n. 412/93, con particolare riferimento a quanto stabilito dall’articolo 11 comma 2 del citato DPR
Punto 12: Il conduttore non puo', (in caso di installazione di antenna televisiva centralizzata), servirsi di antenne private, pena la rimozione della stessa.
Il riscaldamento , se non centralizzato (e quindi facente parte delle spese condominiali), resta a carico del conduttore.

Citazione:
13) Il conduttore deve consentire l’accesso all’unità immobiliare al locatore, al suo amministratore, nonché ai loro incaricati ove gli stessi ne abbiano – motivandola – ragione.
Nel caso in cui il locatore intenda vendere l’unità immobiliare locata, il conduttore deve consentirne la visita una volta alla settimana, per almeno due ore con esclusione dei giorni festivi.
Punto 13: mi sembra tutto chiaro, sono le pattuizioni di visita che il conduttore deve accordare a locatore e amministratore in caso di necessità reali e motivate.

continua..
RedWitch non è connesso