Ermopoli
L'antica città della conoscenza
  
    
Torna indietro   Ermopoli > Forum > Tempio > Esoterismo

 
 
Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Vecchio 18-03-2012, 16.34.50   #1
Sole
Conosce ogni vicolo
 
Data registrazione: 31-08-2005
Messaggi: 5,504
Predefinito Differenza tra Ricapitolazione ed Analisi - quale e quando applicare/le

Tenendo come base questo Thread in cui tanto ne abbiamo parlato mi piacerebbe vedere insieme le sostanziali differenze che esistono e perchè una o l'altra e non insieme.

Fondamentalmente e sinteticamente mi verrebbe da dire che la ricapitolazione è una osservazione/visualizzazione di ciò che è accaduto. Una rivisitazione mentale ed emozionale senza nessun tipo di altra interferenza.

L'analisi mi verrebbe da difinirla come una, a volte, meticolosa ricerca dell'ago nel pagliaio. Una ricerca razionale e mentale dei fatti accaduti riportati al presente. In questo caso l'osservatore non si limita a ri-vivere ma anche a dare un giudizio di merito alla circostanza e agli attori della stessa.

Nel primo caso il ri-vissuto è una strana cosa perchè viene (ri) vissuto oggi qualcosa di passato (vissuto). Vuol dire che ciò che è accaduto ieri lo vivo con il cuore e la mente di oggi, senza opporre alla visualizzazione/ricordo nessuna resistenza mentale o di giudizio. E' un semplice filme che viene proiettato da noi verso noi.


Nell'anallisi la mente è attiva e guarda e giudica gli eventi attribuendo una serie di considerazioni. Un metodo che porta si a trovare meccanismi vari ma spesso pecca per l'eccesso di raziocinio nel farlo.


Queste le definizioni che ne farei, aspetto le vostre se vi va e poi andiamo un pochino avanti, credo che questo sia un argomento importante da sviscerare .
__________________
Se non sarò me stesso chi lo sarà per me? E se non ora, quando?

Ultima modifica di Sole : 18-03-2012 alle ore 16.38.16.
Sole non è connesso  
Vecchio 18-03-2012, 17.15.05   #2
luke
Organizza eventi
 
L'avatar di luke
 
Data registrazione: 27-03-2009
Messaggi: 2,031
Predefinito

Premetto che analisi in senso strettamente psicologico non l'ho mai fatta qundi non saprei esattamente definirla.
Parlo della mia auto-analisi, per il valore che può avere, cioè un'operazione di natura essenzialmente razionale/psicologica volta a descrivere certe situazioni, le loro presunte cause, i vari svolgimenti ecc.
A mio avviso andrebbero fatte entrambe, magari alternandole periodicamente.
La sensazione è che la ricapitolazione vaa piùà in profondità, non limitandosi allo sblocco psicologico in senso stretto, ma più complessivo, emotivo ed anche "corporeo".
In questo periodo sto essenzialmente ricapitolando e certe volte su cose verso le quali ho già fatto decine e decine di auto-analisi anche in tempo reale, proov comunque sensazioniforti , quasi come essere immerso in una cappa pesante, dalla quale avrei voglia di saltare fuori, di correre e sbattere contro un muro come per spaccare un guscio nel quale sono chiuso.

L'analisi, quella personale ripeto, queste esperienze così forti non le da, ma a mio avviso serve anche essa, per avere un quadro più generale, quasi orizzontale rispetto alla veritcalità della ricapitolazione, una mappa per vedere come ci siamo mossi e come ci potremmo/dovremmo muovere in futuro.

Una fase quindi precedente e preparatoria alle varie passate di ricapitolazione.
__________________
...cercare e saper riconoscere chi e cosa, in mezzo all'inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio.

C'è una pace che si trova soltanto al di là della guerra. Se quella battaglia deve arrivare, io la combatterò.

Flectere si nequeo superos, Acheronta movebo
luke non è connesso  
Vecchio 20-03-2012, 20.55.35   #3
Astral
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Astral
 
Data registrazione: 01-08-2006
Residenza: Roma
Messaggi: 3,424
Predefinito

Io non ho ancora provato la ricapitolazione, per cui non saprei di cosa si tratta, anche se ho letto qualcosina.

Sicuramente l'analisi serve per osservarsi ed avere una visione più obbiettiva su se stessi. Trovare un proprio lato è solo l'inizio poi occorre lavorarci.
Forse l'analisi agisce inizialmente a livello conscio, mentre la ricapitolazione come dice Luke, va in profondità e quindi fa uscire anche del rimosso in noi.
__________________
Astral
Astral non è connesso  
Vecchio 20-03-2012, 22.06.15   #4
Sole
Conosce ogni vicolo
 
Data registrazione: 31-08-2005
Messaggi: 5,504
Predefinito

Anche io penso che la ricapitolazione sia più potente. Più che altro penso che si porti dietro una serie di conseguenze per cui risulta più impressionante nell'animo.
Secondo me poi tra le due passa la stessa differenza che passa tra Ricerca e accontentarsi di star bene, il che che non è poco di certo.

Dico questo perchè quando analiziamo siamo a raccontare (tra noi stessi o ad altri) gli eventi e li consideriamo come situazioni in cui partecipano tanti attori, consideriamo tutti gli attori. Analizziamo attribuendo una serie di considerazioni e valori a tutti i partecipanti. Anche quando analizziamo solo le nostre azioni sono sempre in relazione a quella persona o quell'evento. Restiamo comunque legati esternamente a qualcosa... non so come dire meglio la sensazione che mi da. Resta qualcosa che non scende a fondo in noi e solo in noi.
Quando ricapitoliamo, non importa nulla più cosa e quando e come ha fatto l'altro. L'unica vera sola cosa importante è ciò che noi abbiamo provato e sentito. Non c'è nessuna analisi di chi e di cosa, ma solo il vissuto nostro e solo quello. Questo ci permette di conoscere noi stessi in una maniera molto più profonda, la scomìperta del meccanismo che poi quella volta era nato, è una conseguenza..e arriva in maniera più veloce.
Purtroppo per ricapitolare ci vuole una grande concetrazione e molta più forza ancora. Restare sull'emozione e solo su di noi è molto difficile. Ipiccoli io scappano da tutte le parti. Ecco un altro aspetto interessante... si è concentrati solo un io alla volta.

La visione oggettiva della situazione può venire solo quando dall'evento è stata tolta la nostra emotività... ma prima analizzare la situazione è sempre guardarla soggettivamente.

Sono solo un pò di mie idee e considerazioni. Per me con l'analisi si rischia di girare in tondo per tanto tempo. Ma non voglio assolutamente dire ne passare il messaggio che l'analisi non serva.. serve ma in un momento diverso.
__________________
Se non sarò me stesso chi lo sarà per me? E se non ora, quando?
Sole non è connesso  
Vecchio 21-03-2012, 00.13.49   #5
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,149
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Sole Visualizza messaggio
Dico questo perchè quando analiziamo siamo a raccontare (tra noi stessi o ad altri) gli eventi e li consideriamo come situazioni in cui partecipano tanti attori, consideriamo tutti gli attori. Analizziamo attribuendo una serie di considerazioni e valori a tutti i partecipanti. Anche quando analizziamo solo le nostre azioni sono sempre in relazione a quella persona o quell'evento. Restiamo comunque legati esternamente a qualcosa... non so come dire meglio la sensazione che mi da. Resta qualcosa che non scende a fondo in noi e solo in noi.
Io però vorrei capire di cosa si sta parlando. A che analisi ti riferisci?
__________________

Ray non è connesso  
Vecchio 21-03-2012, 00.23.02   #6
Sole
Conosce ogni vicolo
 
Data registrazione: 31-08-2005
Messaggi: 5,504
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Ray Visualizza messaggio
Io però vorrei capire di cosa si sta parlando. A che analisi ti riferisci?
Non dallo psicologo.
__________________
Se non sarò me stesso chi lo sarà per me? E se non ora, quando?
Sole non è connesso  
Vecchio 21-03-2012, 00.29.32   #7
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,149
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Sole Visualizza messaggio
Non dallo psicologo.
Ok, allora quale? Perchè la chiami analisi? Dove si fa, in forum? Spiegheresti meglio di cosa si tratta? Per la ricapitolazione è chiaro a cosa ti riferisci, ma l'altro termine di paragone a me non lo è per niente.
__________________

Ray non è connesso  
Vecchio 21-03-2012, 02.03.00   #8
RedWitch
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di RedWitch
 
Data registrazione: 20-12-2004
Messaggi: 3,393
Predefinito

Nemmeno io ho mai fatto analisi con un professionista, pero' in linea di massima quella che riesco a fare su me stessa la vedo come un lavoro della mente, a cui manca sempre qualcosa, in sostanza l'analisi è per me un lavoro di conoscenza ma non di risoluzione, mentre la Ricapitolazione permette di sciogliere realmente, e di lasciare andare le persone e le situazioni legate ad un certo ricordo.

L'analisi la associo più ad un lavoro psicologico, mentre la Ricapitolazione all'esoterismo, da una parte quindi un lavoro mentale, dall'altra un lavoro che comprende corpo cuore mente.. e Anima.

Per analisi intendo la ricerca meticolosa delle cause ad esempio di una paura, di una fobia, o visto che se ne sta parlando altrove, di un nodo. Mi è capitato a volte di cercare di andare a ritroso, per ritrovare il primo episodio che ha generato una paura, ma anche quando ci sono riuscita ( o mi è solo sembrato?) , questo non mi è servito a gestire la paura.. perchè manca/va sempre qualcosa. Puo' essere che con un professionista la cosa sia diversa, non saprei.
RedWitch non è connesso  
Vecchio 21-03-2012, 08.59.20   #9
dafne
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di dafne
 
Data registrazione: 24-09-2007
Messaggi: 3,535
Predefinito

Io ho fatto esperienza di counseling ed è stato molto proficuo anche se è andato in sinergia col lavoro fatto qui.
Ho una recente esperienza di ricapitolazione, è stato molto difficile riuscire a farlo perchè spostavo continuamente il fuoco dell'attenzione sull'altro..che cosa mi aveva detto, come mi faceva sentire, perchè poteva averlo fatto ecc.
Un'analisi accurata ma in effetti era come se quello che volessi cogliere, il mio sentire, venisse palleggiato da me verso l'altro per ritornare a me.

Quindi per quel che ne penso ora se siamo di fronte a un evento che ci provoca disagio e dolore (ma potrebbe benissimo anche essere entusiasmo sfrenato e incontrollabile) l'iniziale analisi dei fatti può permetterci di abbassare i toni, circoscrivere l'evento e arginarlo, capire in che direzione puntare osservando l'altro e la cosa che di lui ci dà tanto fastidio.
Ricapitolare invece ci mette dentro a quell'evento, si guarda a sè stessi, si sente quel che si prova.

Non ci riuscivo, se riuscivo a sentire la rabbia, ad esempio, la spostavo subito in fuori verso chi l'aveva povocata. Di fatto così è ma per ricapitolare, ossia riuscire a capire l'origine di un'emozone esagerata, bisogna cogliere quello che sotto fomenta e non ci si può ragionare troppo ma neanche non farlo. Suppongo che la mente ci permetta di mantenere quel minimo distacco necessario a non farsi travolgere di nuovo dal sentimento riuscendo così a sentire senza spostare.

Ecco magari ho intorcolato ancora di più ma sono nuova alla ricapitolazione ed è piuttosto difficile perchè c'è un forte conflitto interno tra il desiderio razionale di risolvere e il bisogno inconscio feroce di non sentire.
__________________
Una certa quantità in un dato momento in un dato luogo.
dafne non è connesso  
Vecchio 21-03-2012, 13.36.31   #10
Faltea
Partecipa agli eventi
 
Data registrazione: 18-03-2007
Messaggi: 1,164
Predefinito

Stavo riflettendo sulla reale obbiettività della ricapitolazione....

Ho recentemente riletto un libro che mi aveva segnato profondamente, mi aveva aperto gli occhi su una visuale diversa della realtà, rileggendolo però mi sono accorta di quanti fronzoli involontari la mia mente ci ha aggiunto e come ha distorto l'essenza di ciò che avevo letto..
__________________
Non ho bisogno di chi la pensa come me, ma di crescere aprendo la mente a diversi modi di vedere e di pensare.
Faltea non è connesso  
Vecchio 21-03-2012, 14.57.10   #11
Sole
Conosce ogni vicolo
 
Data registrazione: 31-08-2005
Messaggi: 5,504
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da RedWitch Visualizza messaggio

Per analisi intendo la ricerca meticolosa delle cause ad esempio di una paura, di una fobia, o visto che se ne sta parlando altrove, di un nodo. Mi è capitato a volte di cercare di andare a ritroso, per ritrovare il primo episodio che ha generato una paura, ma anche quando ci sono riuscita ( o mi è solo sembrato?) , questo non mi è servito a gestire la paura.. perchè manca/va sempre qualcosa.
Per come sento manca la conclusione della cosa, al copia del masterizatore che dopo aver finito ripassa sopra per verifica. Ci sono tutti i pezzi sul tavolo.. l'analisi ha portato a partizionare per benino l'evento in singoli meccanismi e momenti e magari anche visionari i piccoli io, magari viene anche finito di comporre il puzzle... ma manca che il puzzle venga definitivamente scomposto e archiviato. Come un Mandala che romanticamente viene portato via da un sol colpo.

Citazione:
Originalmente inviato da dafne Visualizza messaggio

Ecco magari ho intorcolato ancora di più ma sono nuova alla ricapitolazione ed è piuttosto difficile perchè c'è un forte conflitto interno tra il desiderio razionale di risolvere e il bisogno inconscio feroce di non sentire.
QUesta potremmo espanderla. Possiamo analizzare e spaccare il capello in quattro anche di una emozione che proviamo, scovando meccanismi, scovando eventi nel passato ecc ecc... siamo sempre però costretti a realzionarci con l'esterno e in maniera razionale o mentale. Ho l'impressione che la mente in qualche modo nell'analisi fa da filtro tra l'ambiente esterno a noi e l'essenza di noi. Una sorta di barriera...

Sono d'accordo quando dici che l'analisi è necessaria quando ci serve di fare ordine nel chiacchiericcio e caos della mente che proietta un disastro di cose fuori. E' anche urgente quando si cerca di non farsi tirare da una parte all'altra da tutte le nostre ragioni.. che spesso sono opposte. Poi però penso che è necessario avvicinarsi il più possibile al silenzio. QUesto per sfruttare al massimo le potenzialità di una e dell'altra.
Non ritengo però che le due strade vadana comunque praticate propedeuticamente insieme.

Una delle diffenze che vedo tra le due è che l'analisi è un gran chiecchierare, mentre la ricapitolazione si avvicina al silenzio, siamo solo noi.

Citazione:
Originalmente inviato da Ray Visualizza messaggio
Ok, allora quale? Perchè la chiami analisi? Dove si fa, in forum? Spiegheresti meglio di cosa si tratta? Per la ricapitolazione è chiaro a cosa ti riferisci, ma l'altro termine di paragone a me non lo è per niente.
Il dove potrebbe essere anche appesi con le dita di un piede ad una sequoia se ci è congeniale.
La chiamo analisi perchè di analizzare gli eventi in relazioni a noi stessi e viceversa si tratta.
__________________
Se non sarò me stesso chi lo sarà per me? E se non ora, quando?
Sole non è connesso  
Vecchio 21-03-2012, 16.02.22   #12
luke
Organizza eventi
 
L'avatar di luke
 
Data registrazione: 27-03-2009
Messaggi: 2,031
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Sole Visualizza messaggio
QUesta potremmo espanderla. Possiamo analizzare e spaccare il capello in quattro anche di una emozione che proviamo, scovando meccanismi, scovando eventi nel passato ecc ecc... siamo sempre però costretti a realzionarci con l'esterno e in maniera razionale o mentale. Ho l'impressione che la mente in qualche modo nell'analisi fa da filtro tra l'ambiente esterno a noi e l'essenza di noi. Una sorta di barriera...
La ricapitolazione è utile infatti perchè permette di avere sotto mano eventi passati , sotto il profile squisitamente cronologico, per vedere quante e quali cose non abbiamo sentito stando fermi sul mentale, cose che poi restano dentro di noi anche quasi a livello fisico.

E' ovvio che se poi non ci si pone nei confronti del presente in modo più sveglio, anche grazie al fatto di aver visto con la ricapitolazione cosa accade se dormiamo, allora stiamo sempre punto e daccapo.Come spalare la neve, poi rifiocca e dobbiamo ricominciare.
Se ho rivissuto x eventi vissuti da dormiente, ora voglio viverli da sveglio, in modo più pieno , anche perchè presumibilmente lì vivrò in maniera meno esasperata se li ho ricapitolati in modo almeno accettabile.
Per l'analisi io non l'associerei ad un mero chiacchiericcio mentale, se fatta bene è utile e spesso è una delle strade che portano ad accedere a livelli più profondi.
__________________
...cercare e saper riconoscere chi e cosa, in mezzo all'inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio.

C'è una pace che si trova soltanto al di là della guerra. Se quella battaglia deve arrivare, io la combatterò.

Flectere si nequeo superos, Acheronta movebo

Ultima modifica di luke : 21-03-2012 alle ore 16.11.17.
luke non è connesso  
Vecchio 21-03-2012, 16.29.48   #13
webetina
Partecipa agli eventi
 
Data registrazione: 18-07-2009
Messaggi: 1,452
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Sole Visualizza messaggio
Il dove potrebbe essere anche appesi con le dita di un piede ad una sequoia se ci è congeniale.
La chiamo analisi perchè di analizzare gli eventi in relazioni a noi stessi e viceversa si tratta.
Se ho capito bene nella ricapitolazione più che pensare ci si sintonizza col sentire e in silenzio con noi stessi, mentre invece nella analisi a cui accenni si sta a chiaccherare pur se appesi ad un albero, ma con chi? Immagino tu voglia dire utilizzando la mente, la mente che parla con se stessa?

In un primo momento avevo pensato proprio alla analisi psicologica, e perlomeno bisognerebbe potere fare un confronto perchè lo si è esperito di persona sia l'uno metodo che l'altro. A me manca quello della ricapitolazione, e non posso farlo il confronto, posso solo dire circa vantaggi di un tipo di lavoro che si chiama analisi pure.
__________________
"Le cose non sono sempre come sembrano...
Le cose sono esattamente come sembrano!"
webetina non è connesso  
Vecchio 21-03-2012, 17.05.27   #14
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,149
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Sole Visualizza messaggio
La chiamo analisi perchè di analizzare gli eventi in relazioni a noi stessi e viceversa si tratta.
Ah. Beh da come la descrivi anche negli altri post - e da come emerge da descrizioni altrui - semplicemente è qualcosa che serve poco o nulla.
__________________

Ray non è connesso  
Vecchio 21-03-2012, 17.33.24   #15
Sole
Conosce ogni vicolo
 
Data registrazione: 31-08-2005
Messaggi: 5,504
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da webetina Visualizza messaggio
A me manca quello della ricapitolazione, e non posso farlo il confronto, posso solo dire circa vantaggi di un tipo di lavoro che si chiama analisi pure.
Magari, sarebbe utilissimo ai fini del discorso. L'analisi alla fine è su stessi e su ciò che si vive.. pertanto se ti va, sarebbe interessante conoscere le conclusioni che ne hai tratto.
__________________
Se non sarò me stesso chi lo sarà per me? E se non ora, quando?
Sole non è connesso  
Vecchio 21-03-2012, 17.43.34   #16
Sole
Conosce ogni vicolo
 
Data registrazione: 31-08-2005
Messaggi: 5,504
Predefinito

Forse non serve, ma meglio chiarire che non ti chiedo le tue conclusioni personali, ma appunto descriverne i vantaggi che secondo te porta.
__________________
Se non sarò me stesso chi lo sarà per me? E se non ora, quando?
Sole non è connesso  
Vecchio 21-03-2012, 18.26.10   #17
Astral
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Astral
 
Data registrazione: 01-08-2006
Residenza: Roma
Messaggi: 3,424
Predefinito

Ci vorrebbe qualcuno che facesse un bel sunto del thread sulla ricapitolazione ^^
__________________
Astral
Astral non è connesso  
Vecchio 21-03-2012, 18.28.05   #18
Sole
Conosce ogni vicolo
 
Data registrazione: 31-08-2005
Messaggi: 5,504
Predefinito

In un certo senso l'ho fatto.
__________________
Se non sarò me stesso chi lo sarà per me? E se non ora, quando?
Sole non è connesso  
Vecchio 21-03-2012, 23.10.21   #19
webetina
Partecipa agli eventi
 
Data registrazione: 18-07-2009
Messaggi: 1,452
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Sole Visualizza messaggio
Magari, sarebbe utilissimo ai fini del discorso. L'analisi alla fine è su stessi e su ciò che si vive.. pertanto se ti va, sarebbe interessante conoscere le conclusioni che ne hai tratto.
Se ho capito bene lo scopo è di parlare di pratiche che possiamo adottare da soli per migliorare qualcosa di noi stessi, per capire meglio noi stessi. Hai messo analisi con la A maiuscola, a qualcosa di importante ti riferisci e aspetto di sentire le esperienze.

Il lavoro di analisi del vissuto in rapporto alle figure parentali dell'infanzia, che è solo una parte della psicoterapia, per non parlare di correnti psicoterapiche che lavorano solo sul sintomo, indicando anche il numero delle sedute che ci vogliono, è una cosa che si fa invece col il giusto professionista, e mi riferisco a questo. In questo senso non saprei cosa dire di utile che gli altri possano usare per se stessi da soli. Non che, a parte l'analisi degli eventi, non vengano insegnate alcune techiche per il rilassamento, o mirate a collegare pensiero emozione azione, ma prima di questo ci vuole una diagnosi, e chi la fa? Il percorso terapeutico è come quello medico infondo, il fai da te non serve. Se ci si riferisce alla autoanalisi, nememno quella per me può essere alla portata di chiunque, bisogna avere fatto un percorso di studi che qualifichino allo scopo.

L'unica analisi, con la a piccola che mi concedo è quando parlo dei miei sogni, ma è tacito da come scrivo che so di brancolare nel buio totale, e sono anni che ci provo. Li scrivo solo perchè spero che qualcuno voglia/possa dirmi qualcosa ogni tanto. Qualcosa di più ne ricavavo quando facevo un persorso guidato.

Riguardo la ricapitolazione di cui parlate bene, è necessario che io rilegga tutto il thread specifico per averne una idea mgliore se ci riesco, perchè mi ricordo che lo vidi come troppo teorico e non mi aveva lasciato il desiderio di provare. Lo rileggerò quindi.
__________________
"Le cose non sono sempre come sembrano...
Le cose sono esattamente come sembrano!"
webetina non è connesso  
Vecchio 22-03-2012, 02.17.32   #20
RedWitch
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di RedWitch
 
Data registrazione: 20-12-2004
Messaggi: 3,393
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Sole Visualizza messaggio
Per come sento manca la conclusione della cosa, al copia del masterizatore che dopo aver finito ripassa sopra per verifica. Ci sono tutti i pezzi sul tavolo.. l'analisi ha portato a partizionare per benino l'evento in singoli meccanismi e momenti e magari anche visionari i piccoli io, magari viene anche finito di comporre il puzzle... ma manca che il puzzle venga definitivamente scomposto e archiviato. Come un Mandala che romanticamente viene portato via da un sol colpo.
Secondo me la copia è "solo" la conseguenza di una ricapitolazione fatta bene, quello che manca, per quel che riguarda la mia esperienza è il colpo che porta via il mandala del tuo esempio, il perdono, che la ratio, da sola non può concedere. Tra analisi e ricapitolazione ci vedo un po' la differenza che c'è tra indagine psicologica ed esoterica, semplicemente la ricapitolazione è più completa e ha una valenza catartica. Ma forse questa è anche una caratteristica di un'analisi seguita da un professionista, non so, non ne ho esperienza. Sarebbe bello sentire opinioni di chi invece ha fatto o fa un percorso di analisi vera e propria, se ha tratto giovamento, e in che termini.
La mia sensazione è che alla fine tutte le inquietudini della vita si possano ricondurre alla paura della morte, o forse più genericamente all'ignoto per cui, l'unico modo credo sia quello di andare oltre l'analisi, oltre la psicologia.

Citazione:
Originalmente inviato da webetina Visualizza messaggio
...................................
Il lavoro di analisi del vissuto in rapporto alle figure parentali dell'infanzia, che è solo una parte della psicoterapia, per non parlare di correnti psicoterapiche che lavorano solo sul sintomo, indicando anche il numero delle sedute che ci vogliono, è una cosa che si fa invece col il giusto professionista, e mi riferisco a questo. In questo senso non saprei cosa dire di utile che gli altri possano usare per se stessi da soli. Non che, a parte l'analisi degli eventi, non vengano insegnate alcune techiche per il rilassamento, o mirate a collegare pensiero emozione azione, ma prima di questo ci vuole una diagnosi, e chi la fa? Il percorso terapeutico è come quello medico infondo, il fai da te non serve. Se ci si riferisce alla autoanalisi, nememno quella per me può essere alla portata di chiunque, bisogna avere fatto un percorso di studi che qualifichino allo scopo.

.....................
Ma una psicoterapia di questo tipo, fa ripercorrere, analizzandola, tutta la propria vita?

Non ho mai fatto una vera e propria psicoterapia ma poichè ho sofferto d'ansia mi sono rivolta ad uno specialista (era un neuropsichiatra precisamente), che riteneva inutile per me una psicoterapia perchè diceva che ricercare l'origine delle crisi di panico fosse come cercare un ago in un pagliaio. Mi chiedo e vi chiedo se trovare l'origine di una paura ad esempio, possa essere la soluzione del problema. Analizzare il vissuto puo' sicuramente essere un valido aiuto, ma fino dove dobbiamo permettere alla mente di arrivare? Perchè a me capita che se le permetto troppi "se ma.. perchè, come mai?" etc, poi non riesco più a recuperare il vissuto, a ricapitolare.
RedWitch non è connesso  
Vecchio 22-03-2012, 08.46.06   #21
diamantea
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di diamantea
 
Data registrazione: 29-03-2010
Messaggi: 2,773
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da RedWitch Visualizza messaggio
...diceva che ricercare l'origine delle crisi di panico fosse come cercare un ago in un pagliaio.
Ho conosciuto molti anni fa una persona che soffriva di crisi di panico. Prendeva qualche farmaco ansiolitico e aspettava chiuso in casa che passasse.
Poi con la psicoterapia riuscì a superare la cosa riuscendo a vivere in modo normale.
Può darsi che non si arriva a trovare l'ago ma a vivere meglio senza le crisi e farmaci sicuramente si.

Provengo anch'io da un lavoro molto lungo di analisi, 5 anni in tutto. Non sarei un soggetto trattabile senza quel lavoro.
Sicuramente avrei sviluppato forti nevrosi e sarei invecchiata malissimo. Il mio corpo si ammalava di continuo.
Probabilmente una persona normale, con un vissuto normale non ne ha bisogno. Però penso che finchè si sta bene non ci si pone questioni come esoterismo, analisi.

Io credo molto in questo tipo di analisi, anche se bisogna andare oltre a un certo punto, come in tutte le cose, non bisogna ancorarsi, è un percorso secondo me che deve arrivare prima di quello esoterico. Tranne che incontri il Maestro, ma secondo me non si incontra il Maestro in certe condizioni psicologiche...
L'analista funge da specchio e guida nel percorso, insegna un metodo di osservazione e di risoluzione. Poi ci sono cose che non si possono risolvere in un ciclo di vita, occorre tornarci su molte volte e da strade diverse, avendo fatto altra esperienza, altro vissuto. Ma quanto meno quando si presenta il problema so già di cosa si tratta e perchè non lo risolvo, conosco le resistenze mentali.
Un lavoro fatto bene non è come non averlo fatto.
Stare in analisi non è una passeggiata, è un lavoro molto duro. Per quanto bravo sia l'analista, se non si è disposti a lavorare seriamente e con costanza non si ottengono risultati come in tutti gli altri campi.
Certe pressioni psicologiche non si possono risolvere da soli, si esce di senno.
L'analisi fatta solo con se stessi non credo serva molto se non si ha appreso e sperimentato un metodo, una base di conoscenza e dei riferimenti precisi. E' come spostare la polvere da un mobile a un altro. E' solo un'illusione per me.
Io non mi sento di dire che ora analizzo da sola, lo faccio da sola qui, ma non sono sola, seguo una direzione, un riferimento importante, altrimenti non lo farei proprio.
E se Uno spazza tutto lo accetto, e ricomincio con il mattone che mi lascia sempre.

Però non conosco le vostre esperienze e il risultato ottenuto da queste analisi fatte da soli. Perchè quello che conta poi è il risultato.
__________________
"Ogni cosa che tu ami è molto probabile che tu la perderai, però alla fine l’amore muterà in una forma diversa".

Franz kafka
diamantea non è connesso  
Vecchio 22-03-2012, 09.43.58   #22
Astral
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Astral
 
Data registrazione: 01-08-2006
Residenza: Roma
Messaggi: 3,424
Predefinito

Non so bene come funziona la ricapitolazione, non l'ho provata e non ne parlerò (almeno credo).

Per analisi personale, io intendo un sistema che ci serve per esplorarsi senza scomodare lo psicologo.
Un esempio semplice?

Al termine della giornata, provate a ricostruire tutta la giornata all'indietro, da quello che avete fatto prima di sedervi sulla scrivania a scrivere queste cose, al vedere le altre azioni.
Poi senza giudizio annotare i propri comportamenti e le proprie reazioni senza leggerle.
A fine settimana rileggertelo come un diario e notate i cambiamenti.

Vedi quale sono le tue debolezze e fai una ricerca su come è possibile integrarle e rafforzarle.
__________________
Astral
Astral non è connesso  
Vecchio 22-03-2012, 09.52.14   #23
diamantea
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di diamantea
 
Data registrazione: 29-03-2010
Messaggi: 2,773
Predefinito

Ma tu Astral riesci ad usarlo questo esempio? ti ha dato risultati?
I metodi nella teoria vanno tutti bene, bisogna vedere poi se siamo in grado di applicarli correttamente, se danno il risultato giusto, magari danno un risultato ma se applichi sbagliato e non te ne rendi conto avrai un risultato sbagliato e ti convinci che è giusto.
__________________
"Ogni cosa che tu ami è molto probabile che tu la perderai, però alla fine l’amore muterà in una forma diversa".

Franz kafka
diamantea non è connesso  
Vecchio 22-03-2012, 09.55.02   #24
Astral
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Astral
 
Data registrazione: 01-08-2006
Residenza: Roma
Messaggi: 3,424
Predefinito

Io non posso rispondere per tutti, in ogni caso si in molti casi da risultati, però consiglio di lavorare un aspetto per volta, e non su tutti quanti.
Credo che non c'è soltanto la via dell'analisi o della ricapitolazione, ognuno deve trovare il metodo più consono per se stesso.

C'è chi si aiuta anche con altri metodi, ma vado fuori topic.
__________________
Astral
Astral non è connesso  
Vecchio 22-03-2012, 10.41.42   #25
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,149
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da RedWitch Visualizza messaggio
Tra analisi e ricapitolazione ci vedo un po' la differenza che c'è tra indagine psicologica ed esoterica,
Come è uscito anche dai discorsi di Diam e Tina, se per analisi intendiamo quel chiacchericcio mentale che ci facciamo da soli per tentare di spiegarci le cose, direi proprio di no. Non possiamo chiamarla indagine psicologica, è poco più che fuffa.
Se invece parliamo di un lavoro psicologico serio le cose stanno diversamente, ma in quel caso dovremmo dire quale (psicanalisi, analisi del profondo, altri approcci ecc.) e parlarne con qualche cognizione. In un lavoro psicologico, che quasi sempre è legato ad una determinata problematica anche se a volte può venire usato per una ricerca generica, l'obiettivo è comunque un cambiamento, direi pure radicale se la problematica non è propriamente una cosuccia. E molti orientamenti sono sufficientemente strutturati e dotati di strumenti per otterne. Quindi non è quell'indagine puramente mentale che è stata descritta in qualche post di questo tread, menchemeno è la mera ricerca delle cause di una determinata situazione, anche se spesso questa ricerca è presente e per natura richiede un certo tempo.
Detto questo, come già detto altrove, un'indagine psicologica seria e un lavoro esoterico sono due cose ben diverse e sopratutto con diversi obiettivi. L'obiettivo del lavoro esoterico è infinitamente più alto di quello psicologico (l'immortalità e la compensazione della psiche stanno su piani parecchio distanti) e quindi gli strumenti tentano di essere adeguati alle finalità... ovvio che non c'è paragone.

Poi c'è chi tenta di usare la ricapitolazione per darsi una sistemata alla psiche. Bon, si può usare una ferrari per andare a fare la spesa, ma non la si sfrutterà certo al massimo, per non dire nulla dei consumi.
__________________

Ray non è connesso  
 


Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire nuovi messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare files
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice vB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Vai al forum


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 10.09.02.




Powered by vBulletin Copyright ©2000 - 2020, Jelsoft Enterprises Ltd.
Questo sito non è, nè può ritenersi assimilabile ad una testata giornalistica, viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale. Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina della l. n. 62 del 2001. Il materiale pubblicato è sotto la responsabilità dei rispettivi autori, tutti i diritti sono di Ermopoli.it che incoraggia la diffusione dei contenuti, purchè siano rispettati i seguenti principi: sia citata la fonte, non sia alterato il contenuto e non siano usati a scopo di lucro. P.iva 02268700271