Ermopoli
L'antica città della conoscenza
  
    
Torna indietro   Ermopoli > Forum > Tempio > Psicologia moderna e antica

 
 
Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Vecchio 07-05-2007, 01.42.33   #51
Kael
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Kael
 
Data registrazione: 06-08-2005
Messaggi: 3,153
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Uno Visualizza messaggio
Insomma compenso, compensato etc indica una certa "fissità"... equilibrio una certa "dinamicità" non è precisissimo ma suppongo che sia quello che rende meglio tutto il pappone che ho scritto sopra e che pochi sapranno leggere con attenzione...

Se le due cose coincidono allora c'è l'equilibrio perfetto, cosa che coincide anche con una cristallizzazione... la quale potrebbe esistere anche con una totale compensazione non in equilibrio (urca e questa come la "spiegherei"? )
Se dovessi mettere in avverbi l'esempio direi che la fissità del compenso coincide con il "come", mentre la dinamicità dell'equilibrio coincide con il "quando"...

Una moto, per quanto bilanciata e dunque in equilibrio finchè ferma nel box (riposo in se stessa), diventa instabile se messa a correre in strada (influenze esterne), e il pilota che la governa deve possedere il giusto "quando" per far fronte alle sollecitazioni cui andrà incontro (curve, macchine, ecc..) Diversamente, cadrà... (i maghi neri mi sembra siano caduti...)

A questo punto se la cristallizzazione avviene, il come e il quando si fondono insieme dando vita ad una nuova moto che non può "cadere" nè stando ferma nè mentre corre... Una moto che si potrebbe definire immortale o, quantomeno, assai più permanente di quanto non fosse prima...
Kael non è connesso  
Vecchio 07-05-2007, 14.44.40   #52
Faltea
Partecipa agli eventi
 
Data registrazione: 18-03-2007
Messaggi: 1,164
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Ray Visualizza messaggio
A me invece risulta difficile comprendere com'è che rischi di ripescare problemi non risolti (altrimenti non genererebbero ansie ecc) senza avere squilibri o anomalie. Se non hai squilibri nessuna indagine può scatenare problemi. Certo, possiamo essere compensati, ma chiamare questo equilibrio...
Secondo me qui ci azzecca proprio il "compenso", magari ho latenti delle problematiche acquisite nell'infanzia, un trauma o che so...
Il mio corpo per ri-equilibrarsi ha utilizzato un procedimento legato alla compensazione (come diceva Gris con l'esempio dell'ernia)si è adattato al problema magari modificandone il ricordo o cancellandolo completamente, creando un finto equilibrio di parvenza stabile.
Se rimesto, posso ledere la compensazione e di rimando l'equilibrio diventa instabile....

Ps: parlo in prima persona, ma sono esempi.. mi è più facile esprimermi se "entro" nella parte...


Citazione:
Originalmente inviato da Uno Visualizza messaggio
Esiste qualcuno che non ha scompensi?

Il discorso psicotropici e sostanze esterne è sempre pericoloso, voglio sottolineare (già fatto da RedW ma meglio abbondare) che in un percorso avrebbe senso solo sotto una guida, il fai da te è impossibile... inoltre... vorrei proprio vedere chi mi trova il peyote puro a Milano, Roma o Canigattì etc... usare cocaina, marijuana o altro non è la stessa cosa.
Il discorso secondo me esula dal senso del thread... comunque come accenni per rispondere a qualche interrogativo di Faltea....
Saprai che il nostro corpo produce endogenamente sostanze di tutti i tipi... molte di esse hanno effetti molto simili alle sostanze psicotropiche e alle droghe, l'esempio più classico potrebbe essere l'adrenalina che in caso di produzione abbondante per un qualche episodio che scateni la cosa, ci da l'impressione (non solo l'impressione però e vedremo perchè) di essere invincibili.
Non solo l'impressione perchè comunque nel momento della sua entrata in circolo effettivamente abbiamo una lucidità maggiore ed altre caratteristiche che potremmo anche definire superiori... il problema nasce quando qualcuno scoprendo questo cerca di stimolarne la produzione ponendosi in situazioni di pericolo... vedi i vari sport estremi il cui fine sotto sotto è questo, in questo modo il meccanismo si altera, il corpo si abitua a quelle dosi e appena scende il livello si "addormenta".. ne ha fame ed entra nel circolo vizioso di volerne ancora.
Quindi entrando più nello specifico poniamo che qualcuno abbia caratteristiche psicofisiche dormienti (e chi non ne ha? ), un Maestro studiandole potrebbe decidere di utilizzare un catalizzatore... una miccia da accendere... cioè far sperimentare all'allievo degli spostamenti (perchè come detto sono alterazioni, non allargamenti ) di coscienza...
Se leggete con attenzione i resoconti tramandati scoprite come c'è un fattore comune, i Maestri spingono sempre verso l'esplorazione di alcune parti del subconscio facendo emergere dei mostri... i nostri mostri... l'effetto è molto potente ma avendo usato sostanze esterne è solo un assaggio... "adesso vedi che c'è, poi devi arrivarci da solo" e può prendere forme diverse (cioè il materializzarsi dei mostri, quando con un percorso lungo può non succedere).
Per incompleti che siano come accenni spero che diano un'idea... ma ribadisco: chiunque (in Italia soprattutto.. ma comunque ovunque facendolo senza sapere cosa fa) assuma sostanze stupefacenti, alcoolici o faccia sport estremi, corra come un pazzo in auto, sia sessodipendente etc etc anche se inconsciamente cerca una via, non la troverà in quel modo.
Grazie, ora tutto è più chiaro. Quantomeno la motivazione dell'uso di queste sostanze che non mi era chiara.

Scompensi.. disequilibrio.

Penso.... la compensazione avviene quando c'è una carenza, l'equilibrio ha carenza se il centro si sposta a dx o a sx, ne deduco che avviene una compensazione dell'equilibrio?
Ossia, l'equilibrio si compensa? La compensazione è un sotto-fattore dell'equilibrio allora.....

mubble mubble...
Faltea non è connesso  
Vecchio 08-05-2007, 12.36.54   #53
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,629
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da MoonCat Visualizza messaggio
Io sono proprio fuori pista..
.... ormai comincio a pensare che il mio quoziente intellettivo non sia abbastanza alto per starvi dietro... Sob....
Ma no, non è questione di quozienti intellettivi... non ho mai fatto test ma non mi stupirei se risultassi averlo basso ... il "trucco" sta nel non dare mai nulla per scontato.... anche se adesso fanno i saldi tutti i giorni
Non entro troppo sul personale perchè non gradisci.... (peggio per te ) però...
Senza togliere nulla a quelli che hanno "fatto" la storia un nome più o meno grande non mi condiziona minimamente quando affronto un argomento, parliamo di psicologia? Ok Freud, Jung ed altri l'hanno reinventata, onore al merito, ma sono uomini, quindi perfettibili... quindi devo conoscere quello che dicono loro... non posso rifiutarli a priori, ma subito dopo posso decidere se ciò che io ho sperimentato (direttamente o indirettamente, e quest'ultimo allarga notevolmente le possibilità se fatto con spirito critico) allarga ulteriormente le prospettive, le contraddice o le conferma semplicemente.

--------------------------------------------------------------------------------------------------

Sapete quando è possibile Creare veramente?
Vabbeh, non aspetto le risposte.... quando si raggiunge, si trova l'equilibrio perfetto (anche se relativo solo al "settore" dove dobbiamo creare) cioè compensato... equilibrio che da vivi non si può mantenere a lungo... a meno di non porsi in una sorta di "ibernazione"... quando si raggiunge, con un atto di volontà si rompe in una determinata direzione... da questa rottura scaturisce una reale Creazione... del resto Nostro Padre docet

-----------------------------------------
Questo da Harry Potter si impara solo al 5° anno , per cui è presto... ma impara l'arte e.......
Uno non è connesso  
Vecchio 08-05-2007, 19.23.22   #54
MoonCat
Utente Cancellato
 
Data registrazione: 05-01-2007
Residenza: Milano
Messaggi: 92
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Uno Visualizza messaggio
Ma no, non è questione di quozienti intellettivi... non ho mai fatto test ma non mi stupirei se risultassi averlo basso ... il "trucco" sta nel non dare mai nulla per scontato.... anche se adesso fanno i saldi tutti i giorni
.....
Caspita ti sto proprio simpatica eh?
va beh...
quello che volevo dire è che non capivo cosa c'entrasse tutto quello che è stato detto sulla differenza tra i termini equilibrio e compensazione con il blog...
non è necessario parlare di Freud e Jung, anche se mi sembra d'obbligo almeno nominarli se si parla di psicologia...comunque...
non importa...
MoonCat non è connesso  
Vecchio 08-05-2007, 20.39.30   #55
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,629
Predefinito

Ancora con questa cosa della simpatia? Si ok non importa.... ma se parli di quozienti intellettivi riferendoti ad un fuori tema o non sai mettere le parole in riga o ci hai dato degli scemi... e finiamola qui... posso fare a meno di quotarti e/o risponderti ma riservami lo stesso trattamento, grazie.
Uno non è connesso  
Vecchio 08-05-2007, 21.04.30   #56
MoonCat
Utente Cancellato
 
Data registrazione: 05-01-2007
Residenza: Milano
Messaggi: 92
Predefinito

la mia era una battuta...

Ultima modifica di MoonCat : 08-05-2007 alle ore 21.43.27.
MoonCat non è connesso  
Vecchio 09-05-2007, 00.58.22   #57
Shanti
Partecipa agli eventi
 
L'avatar di Shanti
 
Data registrazione: 19-12-2004
Messaggi: 1,350
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Faltea
Pensavo al concetto delle sostanze definite allucinogene.
C'è chi ne faceva e fa uso per "aprire le porte della percezione" ma mi sono sempre chiesta, non avendolo sperimentato, se è considerabile come apertura o solamente si entra maggiormente in sé stessi e la mente "gioca" nell'nconscio facendo vedere/immaginare siuazioni irreali..
Citazione:
Originalmente inviato da Ray
PS: le sostanze psicotrope, più che "aprire porte" spostano il fuoco. Tipo presente i riflettori di teatro? Ma a mio avviso non si tratta quasi mai, se non mai, di allargamento della coscienza. Quindi certo che si deve avere un grande equilibrio... posto che basti.
Citazione:
Originalmente inviato da RedWitch
Per quel che riguarda queste sostanze, a me sorge una domanda.. a seguito di quel che ha scritto Moon, ma anche ricordando la Tradizione che ci racconta Castaneda nei suoi libri. Lui ha fatto uso di sostanze psicotrope,seguendo un ben determinato percorso, e non da solo, ma seguito da un Maestro.
Citazione:
Originalmente inviato da Uno
Quindi entrando più nello specifico poniamo che qualcuno abbia caratteristiche psicofisiche dormienti (e chi non ne ha? ), un Maestro studiandole potrebbe decidere di utilizzare un catalizzatore... una miccia da accendere... cioè far sperimentare all'allievo degli spostamenti (perchè come detto sono alterazioni, non allargamenti ) di coscienza...
Ehm...scusate, ho un mio modo di capire le cose e poi rapportare

Tornando a queste sostanze Castaneda secondo i suoi racconti ne faceva uso, per usare i suoi termini, per spostare il punto di assemblaggio (o fissaggio che dir si voglia) dalla posizione usuale di percezione ordinaria a un'altra, e questo credo intendano Ray con “spostano il fuoco”e Uno con “spostamenti di coscienza“.
Quindi riferito al primo post che ho quotato di Faltea, nell’assunzione di queste sostanze, è davvero la mente che fa vedere immagini irreali, fare un viaggio più colorato di un sogno come dice Grey, oppure è uno spostamento della coscienza in un’altra realtà? All’interno dell’inconscio, se non sono completamente fuori strada?
Comunque Castaneda sembra le abbia prese solo il tempo sufficiente per conoscere e accettare, vista la sua "indole", l’esistenza di altri livelli quindi completamente d’accordo che sono deleterie.
Shanti non è connesso  
Vecchio 09-05-2007, 01.28.28   #58
griselda
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di griselda
 
Data registrazione: 07-01-2006
Messaggi: 7,949
Predefinito

Credo si chiamino stati alterati di coscienza che come ha detto Uno si possono ottenere in diversi modi anche senza intossicarsi, ma per quanto ne so volerci arrivare invece che arrivarci può essere solo deleterio.
Qualcuno mi corregga se sbaglio
P.S. per Shanti verrò a scuola di pazienza da te, tutti quei quote
griselda non è connesso  
Vecchio 09-05-2007, 07.28.55   #59
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,218
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Shanti Visualizza messaggio
Quindi riferito al primo post che ho quotato di Faltea, nell’assunzione di queste sostanze, è davvero la mente che fa vedere immagini irreali, fare un viaggio più colorato di un sogno come dice Grey, oppure è uno spostamento della coscienza in un’altra realtà? All’interno dell’inconscio, se non sono completamente fuori strada?
Non sono così sicuro che ci sia questa netta contrapposizione.

La nostra percezione, quella solita, è limitata ad un determinato range di "realtà". Se la coscienza si amplia possiamo ipotizzare un allargamento di questo range, d'altra parte, se si sposta (artificialmante o meno) possiamo ipotizzare uno spostamento, totale o parziale, di quel range... non varierebbe di ampiezza ma di focalizzazione.

Quindi, in caso di spostamento, potremmo pensare di percepire "cose" tanto reali quanto le solite o, ancora meglio, tanto irreali quanto le solite. Interne o esterna che siano... anche qui, molte tradizioni veicolano l'idea che anche quello che percepiamo solitamente sia interno, insomma non è molto chiara la cosa, ma sempre per via della limitatezza del range.

Lo spostamento artificiale controllato può dare a qualcuno la nozione che la "realtà" è molto più ampia di quel che immaginava, anche se poi non riesce ancora ad ampliare il range, dovrà ben ampliare il suo concetto di realtà e quindi si sforzerà di ampliare anche il range successivamente... o almeno credo questo sia l'intento.
Ray non è connesso  
Vecchio 09-05-2007, 14.14.59   #60
griselda
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di griselda
 
Data registrazione: 07-01-2006
Messaggi: 7,949
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da MoonCat Visualizza messaggio
quello che volevo dire è che non capivo cosa c'entrasse tutto quello che è stato detto sulla differenza tra i termini equilibrio e compensazione con il blog...
Si chiamano thread non blog.
griselda non è connesso  
Vecchio 09-05-2007, 14.30.14   #61
Faltea
Partecipa agli eventi
 
Data registrazione: 18-03-2007
Messaggi: 1,164
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Ray Visualizza messaggio
Non sono così sicuro che ci sia questa netta contrapposizione.

La nostra percezione, quella solita, è limitata ad un determinato range di "realtà". Se la coscienza si amplia possiamo ipotizzare un allargamento di questo range, d'altra parte, se si sposta (artificialmante o meno) possiamo ipotizzare uno spostamento, totale o parziale, di quel range... non varierebbe di ampiezza ma di focalizzazione.

Quindi, in caso di spostamento, potremmo pensare di percepire "cose" tanto reali quanto le solite o, ancora meglio, tanto irreali quanto le solite. Interne o esterna che siano... anche qui, molte tradizioni veicolano l'idea che anche quello che percepiamo solitamente sia interno, insomma non è molto chiara la cosa, ma sempre per via della limitatezza del range.

Lo spostamento artificiale controllato può dare a qualcuno la nozione che la "realtà" è molto più ampia di quel che immaginava, anche se poi non riesce ancora ad ampliare il range, dovrà ben ampliare il suo concetto di realtà e quindi si sforzerà di ampliare anche il range successivamente... o almeno credo questo sia l'intento.
Credo... "credo" di aver capito, ma allora è una percezione più ampia della "realtà" (virgolettata perché diversa da quella di tutti i giorni)?
Non so... mi è difficile comprendere una realtà vista con occhi "impuri", per quanto ampia o più ampia possa essere....
Anche quando sei alterato dall'alcool hai una visione di una diversa realtà, può sembrare assurdo il paragone ma l'alcool spesso porta a galla ciò che c'è sotto (inconscio?), tendi a vedere le cose sotto un'ottica diversa dal solito, spesso subisci anche una mutazione caratteriale, a seconda dello stato emotivo in cui ci si trova la si definisce balla felice o balla triste... Di conseguenza mi viene naturale pensare che anche l'assunzione di sostanze debba sottostare allo stato emotivo del momento...
Comunque, concordo sul deleterio ma principalmente sul non produttivo.
Faltea non è connesso  
Vecchio 09-05-2007, 21.33.34   #62
Shanti
Partecipa agli eventi
 
L'avatar di Shanti
 
Data registrazione: 19-12-2004
Messaggi: 1,350
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Faltea Visualizza messaggio
Non so... mi è difficile comprendere una realtà vista con occhi "impuri", per quanto ampia o più ampia possa essere....
Anche quando sei alterato dall'alcool hai una visione di una diversa realtà, può sembrare assurdo il paragone ma l'alcool spesso porta a galla ciò che c'è sotto (inconscio?), tendi a vedere le cose sotto un'ottica diversa dal solito, spesso subisci anche una mutazione caratteriale, a seconda dello stato emotivo in cui ci si trova la si definisce balla felice o balla triste... Di conseguenza mi viene naturale pensare che anche l'assunzione di sostanze debba sottostare allo stato emotivo del momento...
Comunque, concordo sul deleterio ma principalmente sul non produttivo.
Eh non lo so, però ricordo una testimonianza: tre persone che sotto l'effetto di queste sostanze si erano trovate tutte e tre a vivere la stessa identica situazione "irreale". Vabbeh più OT di così , a meno che non lo si agganci all'inconscio collettivo di cui ho letto qualche post indietro.

Citazione:
Originalmente inviato da griselda Visualizza messaggio
P.S. per Shanti verrò a scuola di pazienza da te, tutti quei quote
Naaa non ti conviene, però me la cavo bene con l'arte del "tacere"
Shanti non è connesso  
Vecchio 09-05-2007, 22.36.15   #63
griselda
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di griselda
 
Data registrazione: 07-01-2006
Messaggi: 7,949
Predefinito

Magari sbaglio ma mi da l'idea per la legge che il simile attrae il simile che entrare con il proprio inconscio nell'incoscio collettivo potrebbe essere un po' pericoloso
P.S. Shanti eventualmente vengo anche per quello visto che era un complimento sincero. dove posso imparare qualcosa vado volentieri.
griselda non è connesso  
Vecchio 09-05-2007, 23.00.35   #64
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,218
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Faltea Visualizza messaggio
Credo... "credo" di aver capito, ma allora è una percezione più ampia della "realtà" (virgolettata perché diversa da quella di tutti i giorni)?
Non so... mi è difficile comprendere una realtà vista con occhi "impuri", per quanto ampia o più ampia possa essere....
Anche quando sei alterato dall'alcool hai una visione di una diversa realtà, può sembrare assurdo il paragone ma l'alcool spesso porta a galla ciò che c'è sotto (inconscio?), tendi a vedere le cose sotto un'ottica diversa dal solito, spesso subisci anche una mutazione caratteriale, a seconda dello stato emotivo in cui ci si trova la si definisce balla felice o balla triste... Di conseguenza mi viene naturale pensare che anche l'assunzione di sostanze debba sottostare allo stato emotivo del momento...
Comunque, concordo sul deleterio ma principalmente sul non produttivo.
Provo a cercare un esempio per quello che intendevo, anche se non sono certo che reggerà.

Mettiamo che la "realtà" tutta sia una scacchiera. La nostra percezione solita, il range limitato a cui mi riferivo, fa si che noi percepiamo, poniamo, solo le quattro caselle centrali. Essendo questa l'unica percezione di cui abbiamo esperienza, siamo continuamente tentati di convincerci che quelle quattro caselle rappresentino la realtà tutta. C'è chi suppone o ha la sensazione che esistano altre caselle o altre cose (e mantiene il dubbio) e chi invece si radica sempre più sulla convinzione.

Ma non finisce qui. Normalmente noi percepiamo quelle quattro caselle con addosso degli occhiali colorati, occhiali che sono il nostro abituale modo di vedere il mondo, la serie dei nostri atteggiamenti mental-emotivi se vogliamo, ma c'è anche altro. Se io ho addosso sempre occhiali poniamo rossi, vedrò quelle sole quattro caselle e per di più velate di rosso. Se non cambio mai modo di vedere mi convinco che siano rosse. Fortunatamente mi basta ubriacarmi o anche essere eccitato o triste per cambiare colore agli occhiali ed ecco che percepirò sempre quelle quattro caselle, ma in un altro modo, da un altro punto di vista. Quindi non è facile convincersi che gli occhiali non esistano e che le caselle siano proprio rosse (alcuni lo fanno comunque)... inoltre ognuno ha occhiali diversi (personalità se si vuole) e mi basta un minimo di comunicazione (vera però, anche se di basso livello), un minimo di considerazione esterna, per rendermi conto che ho degli occhiali e che anche gli altri li hanno e ognuno diversi.

Se invece, con ausilio di sostanze o meno, sposto il range ma senza allargarlo) vedrò altre quattro caselle o magari due di prima più altre due.
Questo modificherà il mio modo di essere... anche se non riuscirò ad allargare la mia percezione a tutte le caselle di cui ho fatto esperienza, almeno però saprò che ce ne sono altre e, magari cercherò di ripetere l'esperienza fino ad arrivare a percepirle tutte assieme.
Quando le percepirò tutte assieme avrò allargato la coscienza.

Per alcuni (per alcune forme mentis) questa esperienza può essere utile, ovviamente con il controllo di chi sa (percepisce tutte le caselle in questione) in modo da non dover subire le spiacevoli conseguenze di uno spostamento forzato.
Ray non è connesso  
Vecchio 10-05-2007, 14.31.31   #65
Faltea
Partecipa agli eventi
 
Data registrazione: 18-03-2007
Messaggi: 1,164
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Shanti Visualizza messaggio
Eh non lo so, però ricordo una testimonianza: tre persone che sotto l'effetto di queste sostanze si erano trovate tutte e tre a vivere la stessa identica situazione "irreale". Vabbeh più OT di così , a meno che non lo si agganci all'inconscio collettivo di cui ho letto qualche post indietro.
Sul concetto di inconscio collettivo... bé mi sembra un po' azzardato. Anche se non mi sento di escludere nulla..



Citazione:
Originalmente inviato da Ray Visualizza messaggio
Provo a cercare un esempio per quello che intendevo, anche se non sono certo che reggerà.

Mettiamo che la "realtà" tutta sia una scacchiera. La nostra percezione solita, il range limitato a cui mi riferivo, fa si che noi percepiamo, poniamo, solo le quattro caselle centrali. Essendo questa l'unica percezione di cui abbiamo esperienza, siamo continuamente tentati di convincerci che quelle quattro caselle rappresentino la realtà tutta. C'è chi suppone o ha la sensazione che esistano altre caselle o altre cose (e mantiene il dubbio) e chi invece si radica sempre più sulla convinzione.

Ma non finisce qui. Normalmente noi percepiamo quelle quattro caselle con addosso degli occhiali colorati, occhiali che sono il nostro abituale modo di vedere il mondo, la serie dei nostri atteggiamenti mental-emotivi se vogliamo, ma c'è anche altro. Se io ho addosso sempre occhiali poniamo rossi, vedrò quelle sole quattro caselle e per di più velate di rosso. Se non cambio mai modo di vedere mi convinco che siano rosse. Fortunatamente mi basta ubriacarmi o anche essere eccitato o triste per cambiare colore agli occhiali ed ecco che percepirò sempre quelle quattro caselle, ma in un altro modo, da un altro punto di vista. Quindi non è facile convincersi che gli occhiali non esistano e che le caselle siano proprio rosse (alcuni lo fanno comunque)... inoltre ognuno ha occhiali diversi (personalità se si vuole) e mi basta un minimo di comunicazione (vera però, anche se di basso livello), un minimo di considerazione esterna, per rendermi conto che ho degli occhiali e che anche gli altri li hanno e ognuno diversi.

Se invece, con ausilio di sostanze o meno, sposto il range ma senza allargarlo) vedrò altre quattro caselle o magari due di prima più altre due.
Questo modificherà il mio modo di essere... anche se non riuscirò ad allargare la mia percezione a tutte le caselle di cui ho fatto esperienza, almeno però saprò che ce ne sono altre e, magari cercherò di ripetere l'esperienza fino ad arrivare a percepirle tutte assieme.
Quando le percepirò tutte assieme avrò allargato la coscienza.

Per alcuni (per alcune forme mentis) questa esperienza può essere utile, ovviamente con il controllo di chi sa (percepisce tutte le caselle in questione) in modo da non dover subire le spiacevoli conseguenze di uno spostamento forzato.
Ora posso dire di aver compreso grazie Ray.
Ma non so dilungarmi oltre, diventerei ripetitiva. Mi frulla in testa la solita domanda... il filo che separa ciò che la mente crea dalla realtà.
Un momento o l'altro vado in crisi...
Viaggio su un filo sottile sottile tra ciò che ritengo (?) relatà e ciò che penso sia illusione.....
Faltea non è connesso  
Vecchio 10-05-2007, 14.50.35   #66
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,218
Predefinito

Credo che potremmo farne un tread a parte, ma perchè considerare illusione opposto a realtà?
Se la realtà è la totalità di ciò che esiste allora le illusioni ne fanno parte, se invece realtà ed "tutto ciò che esiste" sono ambiti diversi (con reatà più ristretto) allora potrei dire che le illusioni esistono ma non sono reali...

PS: l'inconscio collettivo è parte di quella scacchiera...
Ray non è connesso  
Vecchio 10-05-2007, 22.49.23   #67
Shanti
Partecipa agli eventi
 
L'avatar di Shanti
 
Data registrazione: 19-12-2004
Messaggi: 1,350
Predefinito

Ma che cos'è in fondo che di una cosa mi fa domandare se è illusione o reltà? Il fatto che non sono soltanto io a vederla, sono più persone a vivere la stessa cosa, che fanno di questa una realtà.
Shanti non è connesso  
 


Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire nuovi messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare files
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice vB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Vai al forum

Discussioni simili
Discussione Autore discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
incoscio collettivo isaefrenk Psicologia moderna e antica 23 01-08-2005 15.32.44


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 05.49.12.




Powered by vBulletin Copyright ©2000 - 2022, Jelsoft Enterprises Ltd.
Questo sito non è, nè può ritenersi assimilabile ad una testata giornalistica, viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale. Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina della l. n. 62 del 2001. Il materiale pubblicato è sotto la responsabilità dei rispettivi autori, tutti i diritti sono di Ermopoli.it che incoraggia la diffusione dei contenuti, purchè siano rispettati i seguenti principi: sia citata la fonte, non sia alterato il contenuto e non siano usati a scopo di lucro. P.iva 02268700271