Ermopoli
L'antica città della conoscenza
  
    
Torna indietro   Ermopoli > Forum > Giardino Filosofico > Filosofia

 
 
Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Vecchio 24-10-2009, 20.31.48   #1
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,171
Predefinito Dio in senso filosofico

Sappiamo che ognuno può dare il suo senso a questa parola, ma la parola in se, in senso filosofico o anche semplicemente nel senso del significato da dizionario, ha delle valenze indipendenti da religioni, credi etc.

Un Dio in un certo senso deve essere irraggiungibile anche se ci circonda, permea etc..
Se mi è possibile raggiungere (intendo come condizione, comprensione o che altro) Dio le possibilità sono due: o non stiamo parlando di un Dio o sono Dio anche io.
Potremmo portare il discorso sugli dei senza parlare di un Dio assoluto, per poter usare metafore più semplici, metafore che poi potrebbero essere applicate anche ad un Dio assoluto.

Prendiamo anche il comune e volgare modo di dire " essere un dio in..."
mettiamo che di uno si possa dire che quando ha in mano una penna e scrive romanzi è un dio nella (o della, come preferite) narrazione.
L'esempio metaforico credo che sia semplice, per chi è un dio quello scrittore? Per tutti i lettori che lo amano anche se tra essi alcuni diranno che non adorano nessuno.
La condizione di "irraggiungibilità" è rispettata, quei romanzi li scrive quel dio della scrittura. I lettori possono leggere, comprendere, amare, commentare o che altro quei romanzi, ma non possono scriverli ed avere a loro volta un parterre di lettori con quegli stessi romanzi. Potranno in caso scrivere altri romanzi etc... ma questo ai fini del discorso non ci interessa.
Addirittura, continuando la metafora, questi lettori non possono incontrare lo scrittore come gli gira, possono desiderare il farlo, informarsi su dove questo scrittore sarà presente in persona, ma sarà questo scrittore che deciderà di essere presente ad una presentazione, ad un evento etc... altro senso di "irraggiungibilità".

Il discorso non è finito ma penso di averlo introdotto abbastanza.
Uno non è connesso  
Vecchio 25-10-2009, 00.27.27   #2
filoumenanike
Organizza eventi
 
L'avatar di filoumenanike
 
Data registrazione: 05-12-2008
Messaggi: 1,712
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Uno Visualizza messaggio
Sappiamo che ognuno può dare il suo senso a questa parola, ma la parola in se, in senso filosofico o anche semplicemente nel senso del significato da dizionario, ha delle valenze indipendenti da religioni, credi etc.

Un Dio in un certo senso deve essere irraggiungibile anche se ci circonda, permea etc..
Se mi è possibile raggiungere (intendo come condizione, comprensione o che altro) Dio le possibilità sono due: o non stiamo parlando di un Dio o sono Dio anche io.
Potremmo portare il discorso sugli dei senza parlare di un Dio assoluto, per poter usare metafore più semplici, metafore che poi potrebbero essere applicate anche ad un Dio assoluto.

Prendiamo anche il comune e volgare modo di dire " essere un dio in..."
mettiamo che di uno si possa dire che quando ha in mano una penna e scrive romanzi è un dio nella (o della, come preferite) narrazione.
L'esempio metaforico credo che sia semplice, per chi è un dio quello scrittore? Per tutti i lettori che lo amano anche se tra essi alcuni diranno che non adorano nessuno.
La condizione di "irraggiungibilità" è rispettata, quei romanzi li scrive quel dio della scrittura. I lettori possono leggere, comprendere, amare, commentare o che altro quei romanzi, ma non possono scriverli ed avere a loro volta un parterre di lettori con quegli stessi romanzi. Potranno in caso scrivere altri romanzi etc... ma questo ai fini del discorso non ci interessa.
Addirittura, continuando la metafora, questi lettori non possono incontrare lo scrittore come gli gira, possono desiderare il farlo, informarsi su dove questo scrittore sarà presente in persona, ma sarà questo scrittore che deciderà di essere presente ad una presentazione, ad un evento etc... altro senso di "irraggiungibilità".

Il discorso non è finito ma penso di averlo introdotto abbastanza.
Mi piacerebbe pensare che il dio scrittore nel suo romanzo abbia messo anche me, magari in una piccola parte, la comparsa di una riga, sarei comunque parte della mente di quel dio scrittore, sì perchè, per un momento seppur breve, avrebbe posto l'attenzione su di me, come creatura umana, come umanità...intendo!
filoumenanike non è connesso  
Vecchio 25-10-2009, 01.17.47   #3
dafne
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di dafne
 
Data registrazione: 24-09-2007
Messaggi: 3,528
Predefinito

In linea generale meno una cosa la possiamo avere più aumenta il desiderio di averla.
Così come il mistero solletica la nostra curiosità, assieme forse all'incredibile sensazione di tendere verso un qualcosa di irraggiungibile ma che nonostante questo riusciamo a percepire.

eppure ci sono cose lontane che non ci attraggono quindi dio, come lo scrittore, deve avere su di noi una certa forza attrattiva, non so ben se perchè ci ritroviamo in ciò che scrive o se perchè ha qualcosa che potenzialmente avremmo ma ci manca...bon questa mi sà che l'ho capita solo io ci rifletto.
dafne non è connesso  
Vecchio 25-10-2009, 10.13.25   #4
Grey Owl
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Grey Owl
 
Data registrazione: 24-01-2006
Messaggi: 2,100
Predefinito

Un Dio si trova al vertice di una piramide, sotto di lui la sua emanazione, come in una caduta a pioggia tutto gli appartiene in quanto parte della sua manifestazione.

Un Dio è irraggiungibile essendo al vertice, esso vede tutto dall'alto della sua posizione. Per raggiungerlo bisogna salire la piramide e sono sempre meno gli elementi che compongono la piramide verso il vertice.
Non è possibile essere a fianco del Dio in quanto esso è assoluto, è al vertice.
Se accadesse di trovarsi a fianco di un Dio ciò vorrebbe dire che saremmo due Dei e sopra ci sarebbe il Dio assoluto (al vertice).
Grey Owl non è connesso  
Vecchio 25-10-2009, 22.16.14   #5
stella
Organizza eventi
 
L'avatar di stella
 
Data registrazione: 09-04-2006
Messaggi: 2,038
Predefinito

Dio è Dio proprio perchè è irraggiungibile e invisibile anche se vediamo dappertutto le sue manifestazioni e quindi una testimonianza della sua presenza.
Se di uno scrittore diciamo che scrive come un dio già in questa definizione mettiamo un'enorme distanza tra noi e lui, anche se sappiamo che si manifesta e ci permea con i suoi scritti sappiamo che potremmo seguirne l'esempio per imitazione ma non saremo mai come lui e neanche lo vorremmo perchè altrimenti non ci piacerebbe più.
Quindi Dio per essere Dio deve mantenere le distanze ma anche entrare nella vita delle singole persone, non saprei al momento definirlo altrimenti.
stella non è connesso  
Vecchio 25-10-2009, 23.06.51   #6
luke
Organizza eventi
 
L'avatar di luke
 
Data registrazione: 27-03-2009
Messaggi: 2,003
Predefinito

Mi colpisce il fatto che Dio pur essendo dappertutto sia però irragiungibile, può dare segni della sua presenza (poi magari noi non li cogliamo), potremmo arrivare a svelarne in parte l'agire ma raggiungerlo non è possibile, quindi abbiamo davanti una possibilità di evolvere infinita, al limite anche questo può essere un segno di amore verso di noi.

Teoricamente dovremmo poi essere in grado di ricambiare questo amore, per come possiamo, ma non è una cosa facile, io almeno non ci riesco, non posso dire "Dio quanto ti amo", cerco intanto di conoscerlo, poi per l'amore si vedrà anche se riuscire a farlo vorrebbe dire ricevere una"botta" evolutiva enorme, che magari non sono ancora in grado di reggere.
luke non è connesso  
Vecchio 25-10-2009, 23.57.26   #7
filoumenanike
Organizza eventi
 
L'avatar di filoumenanike
 
Data registrazione: 05-12-2008
Messaggi: 1,712
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da luke Visualizza messaggio
Mi colpisce il fatto che Dio pur essendo dappertutto sia però irragiungibile, può dare segni della sua presenza (poi magari noi non li cogliamo), potremmo arrivare a svelarne in parte l'agire ma raggiungerlo non è possibile, quindi abbiamo davanti una possibilità di evolvere infinita, al limite anche questo può essere un segno di amore verso di noi.

Teoricamente dovremmo poi essere in grado di ricambiare questo amore, per come possiamo, ma non è una cosa facile, io almeno non ci riesco, non posso dire "Dio quanto ti amo", cerco intanto di conoscerlo, poi per l'amore si vedrà anche se riuscire a farlo vorrebbe dire ricevere una"botta" evolutiva enorme, che magari non sono ancora in grado di reggere.
Per me Dio si manifesta attraverso noi, giustamente i filosofi dicono conosci te stesso, sì perchè attraverso le tue emozioni percepirai la vita, la coscienza di far parte di Dio.
E in fondo lo ami molto perchè nessuno ama un altro più di sè stesso e se ciascuno fa parte di Dio dunque ama molto anche Dio..sembra un pò cinica l'espressione eppure molti psicologi la affermano, se ci pensi siamo molto attaccati alla vita e vorremmo viverla felici, con desideri spesso irrealizzabili.

Ultima modifica di filoumenanike : 26-10-2009 alle ore 00.09.11.
filoumenanike non è connesso  
Vecchio 26-10-2009, 12.24.57   #8
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,171
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Grey Owl Visualizza messaggio
Un Dio si trova al vertice di una piramide, sotto di lui la sua emanazione, come in una caduta a pioggia tutto gli appartiene in quanto parte della sua manifestazione.

Un Dio è irraggiungibile essendo al vertice, esso vede tutto dall'alto della sua posizione. Per raggiungerlo bisogna salire la piramide e sono sempre meno gli elementi che compongono la piramide verso il vertice.
Non è possibile essere a fianco del Dio in quanto esso è assoluto, è al vertice.
Se accadesse di trovarsi a fianco di un Dio ciò vorrebbe dire che saremmo due Dei e sopra ci sarebbe il Dio assoluto (al vertice).
In realtà no Grey, Dio è tutta la piramide altrimenti non sarebbe Dio.
Il discorso sulla piramide come simbolo lo affronterei altrove, qui rimarrei al discorso filosofico fuori da ogni Tradizione.

-----------

In altro 3d sta uscendo il discorso infinito, in effetti, sempre filosoficamente parlando, senza dare connotati di una religione o un'altra, il dio è infinito (fosse pure un dio non assoluto come quello dell'esempio) mentre ciò che è che rende questo un dio è finito.
Lo scrittore dell'esempio sopra può scrivere qualsiasi tipo di romanzo. Nella sua mente chissà quante idee, manifestate solo quando messe nere su bianco e pubblicate. I lettori leggono un libro per volta ed a volte (spesso) neanche tutti i libri di quell'autore.

Certo, filosoficamente parlando questo apre un'altra prospettiva che io tentai di esternare tempo fa ma è rimasta un pò oscura. Quel dio scrittore se non pubblica o se riesce a pubblicare ma nessuno legge i suoi libri, rimane un dio potenziale ma non manifesto.
Il discorso si allarga sul tipo di argomento che tratta in determinati libri, la lingua usata etc..

-----------------------
Accenno solo brevemente (poi lo riprenderei più a fondo, ma intanto ci si può iniziare a pensare) al concetto espresso sopra da Filo
Citazione:
Mi piacerebbe pensare che il dio scrittore nel suo romanzo abbia messo anche me, magari in una piccola parte, la comparsa di una riga, sarei comunque parte della mente di quel dio scrittore, sì perchè, per un momento seppur breve, avrebbe posto l'attenzione su di me, come creatura umana, come umanità...intendo!
lo scrittore non può mettere me direttamente in un suo libro, altrimenti non avrei io una vita reale e sarei solo una idea scritta nero su bianco, però lo scrittore narrando le sue storie può (se io voglio) ispirare la mia vita.
(questa parte io la riprendo dopo, ma se volete potete pure espanderla)
Uno non è connesso  
Vecchio 28-10-2009, 22.38.32   #9
Sole
Conosce ogni vicolo
 
Data registrazione: 31-08-2005
Messaggi: 5,478
Predefinito

Provo ad esplorare qualcosa.
Citazione:
Originalmente inviato da Uno Visualizza messaggio
il dio è infinito (fosse pure un dio non assoluto come quello dell'esempio) mentre ciò che è che rende questo un dio è finito.
Mi ha catturato quel "che è" che messo nella frase sembra di troppo. Però da il senso di qualcosa che esiste, che si manifesta appunto. Il Dio diventa Dio della manifestazione e nella scoperta. Provo a spostarla un pò meno filosoficamente forse su Babbo Natale. L'energia che manifesta a Natale questo spirito è viva fintanto che l'uomo la alimenta, fintanto che la lascia manifestare, ma quando non è più nota, inizia a tornare nel non manifesto, nel potenziale. Lo spirito c'è ancora ma l'uomo non ha più accesso.
Questa manifestazione è quindi finita ed è contenuta dal Dio che manifesta.
Quote:


Certo, filosoficamente parlando questo apre un'altra prospettiva che io tentai di esternare tempo fa ma è rimasta un pò oscura. Quel dio scrittore se non pubblica o se riesce a pubblicare ma nessuno legge i suoi libri, rimane un dio potenziale ma non manifesto.
Però se pubblica è possibile accedervi per cui è manifesto, allora ad alimentare è solo chi legge?
__________________
Se non sarò me stesso chi lo sarà per me? E se non ora, quando?
Sole non è connesso  
Vecchio 10-02-2012, 20.12.56   #10
Edera
Bannato/a
 
Data registrazione: 28-04-2009
Messaggi: 1,834
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Uno Visualizza messaggio
Quel dio scrittore se non pubblica o se riesce a pubblicare ma nessuno legge i suoi libri, rimane un dio potenziale ma non manifesto.
Quindi dio con la lettera piccola ha bisogno del lettore per manifestarsi e Dio assoluto? Ha bisogno dell'uomo per manifestarsi o esisterebbe a prescindere dalla manifestazione? Mm..non lo saprò mai e se lo sapessi calerebbe il sipario su tutto lo spettacolo, Dio deve essere irragiungibile in modo che lo spirito possa tendere a lui all'infinito..Come un miraggio di acqua sul deserto, appena arrivi la vedi spostata un po' più avanti...allora corri di nuovo e durante la strada se vuoi scopri nuove piante che non avevi mai visto, nuovi frutti che non avevi mai mangiato e li metti nella borsa, così non li dimentichi ...Se sei bravo.
Edera non è connesso  
 


Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire nuovi messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare files
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice vB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Vai al forum

Discussioni simili
Discussione Autore discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Relatività di Dio e della sua potenza Uno Esoterismo 117 08-05-2011 20.20.15
Litigare con dio dafne Esperienze 37 21-03-2011 09.36.51
Dio esiste filoumenanike Letteratura & Poesia 0 06-03-2009 00.20.45
differenze e buon senso Era Discorsi da Comari 10 17-07-2008 14.55.36
Eppure Sentire (Un Senso Di Te) griselda Testi Canzoni 0 28-02-2007 10.06.14


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 12.55.37.




Powered by vBulletin Copyright ©2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.
Questo sito non è, nè può ritenersi assimilabile ad una testata giornalistica, viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale. Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina della l. n. 62 del 2001. Il materiale pubblicato è sotto la responsabilità dei rispettivi autori, tutti i diritti sono di Ermopoli.it che incoraggia la diffusione dei contenuti, purchè siano rispettati i seguenti principi: sia citata la fonte, non sia alterato il contenuto e non siano usati a scopo di lucro. P.iva 02268700271