Ermopoli
L'antica città della conoscenza
  
    
Torna indietro   Ermopoli > Forum > Piazza > Manifestazione pacifica del nostro volere

 
 
Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Vecchio 13-03-2011, 22.39.26   #1
webetina
Partecipa agli eventi
 
Data registrazione: 18-07-2009
Messaggi: 1,452
Predefinito Emergenza Giappone

Da persona evitante non guardo i tg, e se sento notizie come queste ci metto un pò ad avere il coraggio di sapere. Ho letto sul web, ho visto un video, si resta senza parole. Che peccato, quante vite in un attimo distrutte, quanto lavoro di moderna organizzazione spazzato via. E la paura per le centrali nucleari. Quanta gente in pena e non sa nemmeno se si aggiungerà altro danno.
Leggevo che il Giappone dava i segni di una ripresa economica che ora si bloccherà. Non ho molto da dire, ma mi sento bloccata pure io e molte cose se ci penso mi sembrano inutili e di poco conto allora.
Leggo anche che i verdi in Italia ora chiedono:"Niente centrali in nessuna parte del globo" . Verrebbe voglia di dire che sarebbe meglio. Ma mi chiedo anche se sia veramente possibile volere tutti i vantaggi e le comodità della tecnologia senza il nucleare. Così stasera parlandone a casa uscivano frasi del tipo: " E' meglio vivere meno ma senza l'inquinamento, senza certe cure?"...
Quesiti davanti ai quali la mia mente pensa che non c'è la risposta giusta. E nucleare a parte, mi sentivo di scrivere qualcosa pensando a quella parte della terra così duramente colpita come se non avesse valore che sia povera , ricca. La natura non guarda in faccia nessuno, l'uomo non può far nulla.
webetina non è connesso  
Vecchio 14-03-2011, 15.19.45   #2
diamantea
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di diamantea
 
Data registrazione: 29-03-2010
Messaggi: 2,696
Predefinito

E' una sorte che noi siciliani conosciamo bene, vuoi per i terremoti vuoi per lo tzunami, anche se non l'abbiamo vissuto direttamente ma la nonna raccontava di parenti che tornavano a piedi da Messina fino al paese e di averci messo dei giorni.
La gente allora ignara dopo il terremoto andò a ripararsi nel porto sicuro vicino la spiaggia, certi che non vi era crollo di case o di strade spaccate, poveretti ignari che di li a poco l'onda anomala li avrebbe travolti. Si racconta che dopo dentro le case nuotavano i pesci.
Una città rasa al suolo, e quasi tutti morti.
E' una notizia che annichilisce soprattutto per la centrale nucleare che non si sa cosa accadrà. Questo fa accrescere maggiormente la paura.
Tutta la tecnologia del mondo non può nulla contro la Natura che fa il suo corso e ciclicamente spazza via l'opera dell'uomo azzerando il conto. Una volta non vi era inquinamento ma la gente moriva di fame, di freddo, di malattie, di terremoti e inondazioni. Oggi si vive più a lungo, con più comodità ma si vivono altri disagi, altri pericoli e la Natura è incontrastabile.
Non credo che l'uomo rinunci al progresso, alla tecnologia, anzi penso che si accanirà di più, vuole essere invincibile, immortale, avere la meglio sulla Natura, se necessario e possibile colonizzare un altro pianeta.
Sinceramente in questo momento ho paura per il futuro, per come si potrà vivere o non vivere.
Questi disastri naturali ci fanno pensare che davvero la fine del mondo è prossima. Prima o poi dobbiamo morire tutti ma quello che mi preoccupa è il come...
Non so se c'è realmente qualcosa che possiamo fare o arrenderci all'ineluttabile destino.
diamantea non è connesso  
Vecchio 14-03-2011, 15.35.39   #3
Astral
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Astral
 
Data registrazione: 01-08-2006
Residenza: Roma
Messaggi: 3,424
Predefinito

Sembra quasi che ogni paese deve caversela da se...
Astral non è connesso  
Vecchio 14-03-2011, 15.39.28   #4
Edera
Bannato/a
 
Data registrazione: 28-04-2009
Messaggi: 1,834
Predefinito

Ogni volta in cui mi trovo davanti a catastrofi di questo tipo non posso che riflettere sulla nostra piccolezza, so che è una riflessione banale però quando queste cose non sono sotto gli occhi in genere l'uomo si sente abbastanza onnipotente rispetto all'universo in cui si trova immerso... E ogni volta le mie convizioni su un Dio buono che ci protegge ecc ecc vacillano, di fronte a queste cose mi nasce sempre l'idea che in realtà l'Universo (o Dio) non è nè buono nè cattivo ma solo una bilancia perfetta, cadono tutte le qualità umane che la mia mente per bisogno tende ad attribuirgli.
Edera non è connesso  
Vecchio 14-03-2011, 15.47.18   #5
Astral
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Astral
 
Data registrazione: 01-08-2006
Residenza: Roma
Messaggi: 3,424
Predefinito

io però non credo che sia tutto frutto di una casualità, seppure è drammatico ciò che è successo.
Astral non è connesso  
Vecchio 14-03-2011, 15.53.17   #6
Edera
Bannato/a
 
Data registrazione: 28-04-2009
Messaggi: 1,834
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Astral Visualizza messaggio
io però non credo che sia tutto frutto di una casualità, seppure è drammatico ciò che è successo.
Nemmeno io Astral credo nella casualità ma credo che questo sia un Ordine talmente fuori dalla mia capacità che percepisco poca differenza tra esso e il caso. Probabilmente a chi possiede visuali più ampie la cosa appare più contestualizzabile

Ultima modifica di Edera : 14-03-2011 alle ore 15.56.50.
Edera non è connesso  
Vecchio 14-03-2011, 17.21.53   #7
Astral
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Astral
 
Data registrazione: 01-08-2006
Residenza: Roma
Messaggi: 3,424
Predefinito

Posso comprendere i tuoi sentimenti di sgomento e impotenza, che spesso cozzano cogli insegnamenti che ci sono stati insegnati da piccolo, di un Dio che protegge.

Questo mi ricorda quanto troppo spesso ci perdiamo in cose inutili e non cerchiamo di sviluppare l'occassione che ci da la vita per creare o trovare il nostro scopo nella vita.
Purtroppo la sola mente umana non può darsi risposte, se non quelle di tragiche fatalità che succedono.
In parole povere perdiamo la vista d'insieme, ma perchè la domanda spontanea è: e se succedesse a noi?
Astral non è connesso  
Vecchio 14-03-2011, 18.09.55   #8
diamantea
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di diamantea
 
Data registrazione: 29-03-2010
Messaggi: 2,696
Predefinito

Astral secondo me è sbagliato dire "se succedesse a noi". A noi è già accaduto, il terremoto e il maremoto che distrusse Messina e Reggio è di cento anni fa e non per la prima volta, mentre i terremoti catastrofici sono recenti in Italia, hai dimenticato l'Abruzzo? Hai dimenticato il crollo di una montagna a Scaletta? Oppure per dire che è accaduto a noi si deve distruggere tutta l'Italia?
Tra l'altro l'economia mondiale risentirà molto e questo ci tocca tutti, senza contare il pericolo maggiore delle radiazioni provenienti dalla centrale nucleare se non riuscissero ad evitare il pericolo di esplosione.
Il problema ci tocca a livello mondiale sia umanitario che economico.
diamantea non è connesso  
Vecchio 14-03-2011, 18.52.52   #9
Astral
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Astral
 
Data registrazione: 01-08-2006
Residenza: Roma
Messaggi: 3,424
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da diamantea Visualizza messaggio
Astral secondo me è sbagliato dire "se succedesse a noi". A noi è già accaduto, il terremoto e il maremoto che distrusse Messina e Reggio è di cento anni fa e non per la prima volta, mentre i terremoti catastrofici sono recenti in Italia, hai dimenticato l'Abruzzo? Hai dimenticato il crollo di una montagna a Scaletta? Oppure per dire che è accaduto a noi si deve distruggere tutta l'Italia?
Tra l'altro l'economia mondiale risentirà molto e questo ci tocca tutti, senza contare il pericolo maggiore delle radiazioni provenienti dalla centrale nucleare se non riuscissero ad evitare il pericolo di esplosione.
Il problema ci tocca a livello mondiale sia umanitario che economico.
Se succedesse a noi, che fossimo i diretti interessati intendevo...noi come persona, non come italiani.
Astral non è connesso  
Vecchio 14-03-2011, 19.13.42   #10
diamantea
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di diamantea
 
Data registrazione: 29-03-2010
Messaggi: 2,696
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Astral Visualizza messaggio
Se succedesse a noi, che fossimo i diretti interessati intendevo...noi come persona, non come italiani.

A me il terremoto bello forte mi ha danneggiato la casa prima dei miei genitori nel '75 poi casa mia 20 anni fa, certo lo tzunami non mi è capitato per fortuna. Conosco molti amici che hanno perso la casa durante i terremoti e vivono ancora nei prefabbricati in attesa della loro casa, e altre persone che l'hanno persa coperta dalla lava, lo scorso anno ho perso un caro amico a Scaletta Zanclea quando è venuta giù la montagna inghiottendolo con la sua auto.
Forse vuoi dire che non hai mai vissuto questa esperienza e non sai cosa si prova?
diamantea non è connesso  
Vecchio 14-03-2011, 19.56.09   #11
Astral
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Astral
 
Data registrazione: 01-08-2006
Residenza: Roma
Messaggi: 3,424
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da diamantea Visualizza messaggio
A me il terremoto bello forte mi ha danneggiato la casa prima dei miei genitori nel '75 poi casa mia 20 anni fa, certo lo tzunami non mi è capitato per fortuna. Conosco molti amici che hanno perso la casa durante i terremoti e vivono ancora nei prefabbricati in attesa della loro casa, e altre persone che l'hanno persa coperta dalla lava, lo scorso anno ho perso un caro amico a Scaletta Zanclea quando è venuta giù la montagna inghiottendolo con la sua auto.
Forse vuoi dire che non hai mai vissuto questa esperienza e non sai cosa si prova?
Ognuno ha le proprie esperienze e i propri fardelli, non so se è peggio vedersi casa crollare, o non potersela permettere dall'inizio...anche questo succede in Italia, ma nonostante vari crolli, distruzione, la gente va a riedificare negli stessi punti di prima e dopo un po' è come se nulla fosse. E sopratutto non impara gli errori del passato...
Ricollegandomi a Webettina per non andare OT, nonostante la brutta esperienza delle centrali del nucleare, c'è chi da noi si ostina a volerle mettere, con la bella differenza che noi non siamo il Giappone.
Astral non è connesso  
Vecchio 14-03-2011, 20.34.48   #12
diamantea
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di diamantea
 
Data registrazione: 29-03-2010
Messaggi: 2,696
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Astral Visualizza messaggio
Ognuno ha le proprie esperienze e i propri fardelli, non so se è peggio vedersi casa crollare, o non potersela permettere dall'inizio...anche questo succede in Italia
Non capisco cosa c'entra con il fatto "se dovesse toccare a noi" comunque... questo non succede solo in Italia e poi sono due cose diverse che non puoi paragonare a mio avviso, anche perchè chi si è visto crollare la casa davanti a parte che non sempre è casa propria, non perde solo il bene immobile, in quel momento perde tutto se stesso.

Citazione:
, ma nonostante vari crolli, distruzione, la gente va a riedificare negli stessi punti di prima e dopo un po' è come se nulla fosse. E sopratutto non impara gli errori del passato...
E' la solita risposta generalizzante che si da in casi come questi, come fosse una colpa meritata per aver vissuto in zone a rischio e per non doversi sentire in dovere di immedesimarsi o dare aiuti. Immagina la parte d'Italia a rischio sismico se si trasferisse al Nord, a Milano ad esempio... Generalizzando allo stesso modo potrei dire che chi si ostina a voler vivere in una città specie se grande rischia di non comprarsi mai una casa.

Mi sa che così polemizziamo, meglio lascio la parola a Webettina... però Bettina è un bel diminuitivo!
diamantea non è connesso  
Vecchio 14-03-2011, 21.13.41   #13
Grey Owl
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Grey Owl
 
Data registrazione: 24-01-2006
Messaggi: 2,100
Predefinito

I giapponesi hanno saputo negli secoli convivere coi terremoti, il giappone si appoggia sull’intersezione di quattro placche tettoniche e non è casuale che accadono terremoti ma è certamente eccezzionale il terremoto che si è scatenato venerdì.

Il giappone è una nazione orgogliosa e composta che ha saputo rialzarsi dopo due bombe atomiche e una seconda guerra mondiale che la mise in ginocchio. E' attualmente la terza potenza economica mondiale e per ottenere un così grande risultato ha dovuto trovare energie alternative alle naturali. Ha costruito centrali elettronucleari sapendo che dovevano resistere a magnitudo elevate e onde anomale, ma quella di venerdì è stata eccezzionale.

La scelta del nucleare è stata obbligata dal fatto che il giappone è un'isola che non offre energie naturali sufficenti per il suo fabbisogno politico-economico. In totale il giappone ha 18 centrali elettronucleari con un totale di 55 reattori operativi.

Sono scelte obbligate (e non), i giapponesi convivono coi terremoti da sempre perchè il giappone è la zona geologica più attiva del pianeta. Ma non è prevedibile un cataclisma come quello di venerdì ed anche se ci si prepara al meglio, ed i giapponesi sono formidabili in questo, nulla può l'uomo di fornte alla violenza della natura.

Anche la Faglia di Sant'Andrea sarà per la la California la causa di un devastante terremoto e da anni lo stanno aspettando, lo chiamano il big one.

Poi le isole della polinesia, il krakatoa, yellowstone, il marsili, l'etna, il vesuvio, etc... la terra è un pianeta giovane ed è per questo che è sempre in movimento.

I vulcani, le faglie, le placche tettoniche, i terremoti sono una costante su questa terra, purtroppo accade eccezzionalmente che la natura si manifesti in modo violento e l'uomo ne subisce le conseguenze.
Grey Owl non è connesso  
 


Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire nuovi messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare files
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice vB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Vai al forum

Discussioni simili
Discussione Autore discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Importazioni dal giappone andrea89 Avvocato e Commercialista 23 04-04-2012 10.08.12
RESCUE REMEDY rimedio di emergenza Era Fiori di Bach 12 06-11-2009 13.08.20


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 12.56.34.




Powered by vBulletin Copyright ©2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.
Questo sito non è, nè può ritenersi assimilabile ad una testata giornalistica, viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale. Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina della l. n. 62 del 2001. Il materiale pubblicato è sotto la responsabilità dei rispettivi autori, tutti i diritti sono di Ermopoli.it che incoraggia la diffusione dei contenuti, purchè siano rispettati i seguenti principi: sia citata la fonte, non sia alterato il contenuto e non siano usati a scopo di lucro. P.iva 02268700271