Ermopoli
L'antica città della conoscenza
  
    
Torna indietro   Ermopoli > Forum > Giardino Filosofico > Aforismi, Proverbi, Modi di dire

 
 
Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Vecchio 23-03-2009, 16.22.07   #1
dafne
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di dafne
 
Data registrazione: 24-09-2007
Messaggi: 3,535
Predefinito il lavoro nobilita l'uomo

E' curioso come vi sia un controsenso storico in questo modo di dire.
Una volta la caratteristica principale della nobiltà (beh anche quella di una certa èlite oggi) era proprio quella di non lavorare.
Eppure ci si sente dire da sempre che proprio il lavorare nobilita l'uomo.
Certo, si tratterà di un "innalzamento", passatemi il termine, di natura diversa da quella economica ma reasta comunque un modo di dire curioso.

C'era una discussione su ora et labora mi pare, su come entrambe le cose fossero necessarie e strettamente correlate...che c'entri qualcosa?
dafne non è connesso  
Vecchio 23-03-2009, 16.44.02   #2
Sole
Conosce ogni vicolo
 
Data registrazione: 31-08-2005
Messaggi: 5,497
Predefinito

I nobili si chiamavano nobili ma non erano Nobili.
L'uomo per natura io lo vedo pigro, e il lavoro gli serve per mantenersi sveglio, senza il lavoro ozierebbe come i nobili di un tempo, in giochi e sollazzi vari ma senza dare uno scopo ed un obiettivo alla vita (l amaggior parte almeno).
Il lavoro è pur sempre un modo di vivere.
Poi c'è il Lavoro che Nobilita, tanti livelli dello stesso discorso.
__________________
Se non sarò me stesso chi lo sarà per me? E se non ora, quando?
Sole è connesso ora  
Vecchio 23-03-2009, 17.55.59   #3
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,149
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da dafne Visualizza messaggio
E' curioso come vi sia un controsenso storico in questo modo di dire.
Una volta la caratteristica principale della nobiltà (beh anche quella di una certa èlite oggi) era proprio quella di non lavorare.
Eppure ci si sente dire da sempre che proprio il lavorare nobilita l'uomo.
Certo, si tratterà di un "innalzamento", passatemi il termine, di natura diversa da quella economica ma reasta comunque un modo di dire curioso.

C'era una discussione su ora et labora mi pare, su come entrambe le cose fossero necessarie e strettamente correlate...che c'entri qualcosa?
Beh, ma nn è unn controsenso, anche se lo prendiamo in senso letterale. Il lavoro nobilita... quindi chi lavora non è nobile ma ci vuole diventare, magari per non lavorare. Poi se sei nobile non serve. Forse si voleva far passare sto concetto al popolo da parte dei nobili...

Al di la delle battute, il lavoro nobilita indica un da fare per i non nobili... non dice i nobili lavorano.
Ray non è connesso  
Vecchio 23-03-2009, 18.24.11   #4
griselda
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di griselda
 
Data registrazione: 07-01-2006
Messaggi: 7,679
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Sole Visualizza messaggio
I nobili si chiamavano nobili ma non erano Nobili.
L'uomo per natura io lo vedo pigro, e il lavoro gli serve per mantenersi sveglio, senza il lavoro ozierebbe come i nobili di un tempo, in giochi e sollazzi vari ma senza dare uno scopo ed un obiettivo alla vita (l amaggior parte almeno).
Il lavoro è pur sempre un modo di vivere.
Poi c'è il Lavoro che Nobilita, tanti livelli dello stesso discorso.
Io trovo molta verità nelle tue parole, l'uomo lasciato senza direzione direi non lavoro a mi avviso, si perde.
Quando ero bambina mi ricordo che alle feste di paese c'era sempre una bancarella con appesi dei quadretti con degli aforismi un po' grotteschi e un recitava:
"Il lavoro nobilita l'uomo ma lo rende simile alla bestia e c'era un somaro disegnato."
Questo per dire come è stato detto anche altre volte che il lavoro serve ma non di solo lavoro si può vivere, quando succede che il lavoro è il primo posto si perde tanto del resto.
I nobili di un tempo, e non si può fare di tutta un'erba un fascio, si ritrovavano la nascita nobile ma essendosi persa la tradizione, alla fine, si perdevano pure la continuazione della stessa, forse.
Il Lavoro rende l'uomo nobile il lavoro fa si che non diventi un parassita.
Alla fine credo seguendo un po' il modo di dire del dialetto: lavoro=faticare che il lavoro nobilita quando si fa fatica, perchè la strada in discesa porta prima o poi a finire in un buco ho sentito dire, mentre quella in salita è faticosa ma...nobilità.
__________________
------------------------

ORDINE RITMO ARMONIA
griselda non è connesso  
Vecchio 23-03-2009, 21.27.22   #5
Shanti
Partecipa agli eventi
 
L'avatar di Shanti
 
Data registrazione: 18-12-2004
Messaggi: 1,350
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Sole
Poi c'è il Lavoro che Nobilita, tanti livelli dello stesso discorso.
Questo potrebbe spiegare la seconda parte del detto: il lavoro nobilita l'uomo e lo rende libero.
Shanti non è connesso  
Vecchio 23-03-2009, 23.39.04   #6
filoumenanike
Organizza eventi
 
L'avatar di filoumenanike
 
Data registrazione: 05-12-2008
Messaggi: 1,712
Predefinito

pensando all'etimo antico del termine lavoro si potrebbe pensare a "volgere l'intento, l'opera a qualcosa" e dunque il lavoro sarebbe il mezzo attraverso il quale raggiungiamo ciò che desideriamo effettuare...così inteso il lavoro migliora l'uomo, permettendogli di compiere azioni che lo gratificano.
ogni lavoro espressione della volontà perfeziona l'essere umano, tutta l'evoluzione è frutto di questo lavoro, in qualsiasi campo sia stato attuato.
dopo la industrializzazione il lavoro diventa un'altra cosa, sottosta al volere coercitivo di altri, non più fatica per raggiungere una meta, ma fatica per sopravvivere, si è snaturato il concetto di lavoro e dunque è valido il proverbio di gris che il lavoro nobilita l'uomo e lo rende simile alla bestia.
anche il termine nobile deriva da gnoscere, noscere=conoscere e dunque colui che sa diventa insigne, nobile, nel tempo tuttavia la conoscenza non sempre si è affiancata alla nobiltà!

Ultima modifica di filoumenanike : 23-03-2009 alle ore 23.45.04.
filoumenanike non è connesso  
Vecchio 07-06-2009, 01.02.25   #7
jezebelius
Organizza eventi
 
L'avatar di jezebelius
 
Data registrazione: 27-02-2005
Messaggi: 1,865
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Sole Visualizza messaggio
I nobili si chiamavano nobili ma non erano Nobili.
L'uomo per natura io lo vedo pigro, e il lavoro gli serve per mantenersi sveglio, senza il lavoro ozierebbe come i nobili di un tempo, in giochi e sollazzi vari ma senza dare uno scopo ed un obiettivo alla vita (l amaggior parte almeno).
Il lavoro è pur sempre un modo di vivere.
Poi c'è il Lavoro che Nobilita, tanti livelli dello stesso discorso.
In effetti se pigliamo il discorso lavoro e lo portiamo a vari livelli, quel che ci viene è che lavorando, realizzando una determinata attività in una direzione specifica, può portarci a traguardi più diversi. C'è chi lavora per guadagnare, per esempio facendo il manager di una qualche società; c'è chi lavora, ahimè, per sopravvivere e, infine, c'è chi lavora per altri scopi. Ovviamente le categorie non sono esaustive dell'ampio spettro che si potrebbe definire.

Credo che da questo punto di vista però, il lavoro visto come " azione voluta" ma allo stesso tempo come " azione impiegata" per raggiungere un fine pone comunque da fare delle osservazioni.
Se è vero che ci sono diversi tipi di lavoro è anche vero, per conseguenza, che l'obiettivo che si vuole raggiungere è diversificato. Cioè a variare del tipo di lavoro varia l'obiettivo. Scontato forse ma non del tutto in quanto " lavorare" in un settore può darci le basi per affrontarne altri, sia di settori che di lavori.

Ad esempio se faccio il manovale, non è detto che voglia aspirare alla carica di direttore ma anche potrebbe approssimarsi tale eventualità non appena mi accorgo che quel lavoro non fa più per me, nel senso che ho acquisito quelle caratteristiche tali da poterle impiegare per altro.
Ora voglio dedicarmi ad investire per svolgere il lavoro ( ruolo! ) di direttore.

Se il lavoro nobilita, da altro punto di vista allora, secondo me, lo fa qualsiasi tipo di lavoro.
Ci rende, all'opposto, " bestia" quando, ormai, data l'esperienza nel settore, lo si fa automaticamente: dunque tutto ciò tiene conto di come si svolge il lavoro ossia di come si impiega se stessi nel lavoro. Tiene conto di quell'alienazione della quale probabilmente molti non sanno di esserne posseduti!
Bisognerebbe, per questo, tenere un equilibrio tra la possibilità di divenire nobili e quella di divenire bestia!
__________________
Dr. Marc Haven
“Non deve essere l’alba di luce che deve iniziare ad avvisare la tua anima di tali doveri giornalieri e dell’ora in cui gli incensi devono bruciare sui fornelli; è la tua voce, solo lei che deve chiamare l’alba di luce e farla brillare sulla tua opera, alfine che tu possa dall’alto di questo Oriente, riversarla sulle nazioni addormentate nella loro inattività e sradicarle dalle tenebre in cui versano.”
jezebelius non è connesso  
Vecchio 06-06-2011, 20.20.08   #8
Astral
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Astral
 
Data registrazione: 01-08-2006
Residenza: Roma
Messaggi: 3,424
Predefinito

Il Lavoro nobilità l'uomo, ma la schiavitù gli toglie la dignità. Bisogna vedere sempre a cosa è riferito. In generale penso si tratti per lo più di impegnarsi in un attività.

Il lavoro di una casalinga non è retribuito, ma sicuramente nobilita la famiglia.
E poi i nobili di origine e i signori della terra, prima della loro degenerazione, avevano la responsabilità di sfamare e dare condizioni dignitose ai sudditi, di conseguenza era un bel lavoro.
Astral non è connesso  
 


Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire nuovi messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare files
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice vB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Vai al forum

Discussioni simili
Discussione Autore discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
La Quarta Via - Gurdjieff Kael Tradizioni Spirituali ed Esoteriche 168 17-01-2012 15.14.06
Maggiorenni: fino a quando è obbligatorio mantenerli? AzzeccaGarbugli Punti di vista legali 1 05-10-2008 19.19.50
Fuga dal "mio" lavoro Sole Esperienze 25 06-05-2008 12.07.52


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 00.13.24.




Powered by vBulletin Copyright ©2000 - 2020, Jelsoft Enterprises Ltd.
Questo sito non è, nè può ritenersi assimilabile ad una testata giornalistica, viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale. Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina della l. n. 62 del 2001. Il materiale pubblicato è sotto la responsabilità dei rispettivi autori, tutti i diritti sono di Ermopoli.it che incoraggia la diffusione dei contenuti, purchè siano rispettati i seguenti principi: sia citata la fonte, non sia alterato il contenuto e non siano usati a scopo di lucro. P.iva 02268700271