Ermopoli
L'antica città della conoscenza
  
    
Torna indietro   Ermopoli > Forum > Giardino Filosofico > Aforismi, Proverbi, Modi di dire

 
 
Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Vecchio 11-03-2010, 14.34.47   #1
griselda
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di griselda
 
Data registrazione: 07-01-2006
Messaggi: 7,629
Predefinito Ambasciator non porta pena

Questo proverbio pare sia appartenuto ad un codice d'onore.
Durante le guerre permetteva l'incolumità al messaggero, a chi trasportava e consegnava quel messaggio. Era stabilito come un patto, che venisse rispettato, e non dovesse fare le spese, della disputa in atto.

L'altro giorno mi è uscito automaticamente ma non per la solita interpretazione.
Cerco di spiegare quello che ho collegato.

Quando qualcuno ci fa un "danno" o ci offende, aggiungete quello che volete, quella persona l'ho vista come un ambasciatore.

Se teniamo conto che nell'economia dell'Universo dove tutto si pareggia perchè cerca il suo normale equilibrio, noi dovremmo solo prendere atto del messaggio e non massacrare l'ambasciatore.

In vendetta abbiamo parlato ad esempio che piuttosto che poi marcire nel risentimento è meglio vendicarci, anche se dobbiamo tenere sempre conto che noi dilatiamo il nostro sentire, per cui non essendo mai obbiettivi, dobbiamo ricordarcene, e poi fare il minimo indispensabile.
Ma se tenessimo conto del senso dell'ambasciatore e che non porta pena, potremmo lasciar stare anche la seppur minima vendetta?

Spiego in tre parole, mi succede qualcosa, la persona che ha fatto quel qualcosa, secondo me va vista in un disegno più ampio, lei è quella che ristabilisce l’ordine nella mia vita. Se mi succede quel qualcosa è perché io ho fatto un altro qualcosa che questa pareggia. Se io reagisco vado a creare ancora un altro qualcosa che poi qualche altro ambasciatore mi riporterà come messaggio di pagamento. E la catena diventerà infinita.
Non solo, quel messaggero, mio malgrado, dovrei ringraziarlo.
Ecco perché non porta pena vera è solo illusoria, ne sua perché non posso prendermela con lui, ma anche sua perché andrebbe rispettato proprio per il suo “mestiere” che per via del codice va rispettato.
Però, però sento che qualcosa invece mi sfugge, che questo mio dire manca di qualcosa chi mi aiuta?
__________________
------------------------

ORDINE RITMO ARMONIA
griselda non è connesso  
 


Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire nuovi messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare files
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice vB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Vai al forum

Discussioni simili
Discussione Autore discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
chiudere piano la porta filoumenanike Esperienze 9 19-03-2009 20.53.49
L'eclissi di sole porta sventura, e l'eclissi di luna? Sole Aforismi, Proverbi, Modi di dire 6 19-08-2008 11.18.18
Pavarotti che pena! Un saluto all' artista Era Discorsi da Comari 17 21-09-2007 00.22.35
Dietro quella porta *Sissi* Letteratura & Poesia 5 28-07-2004 12.41.05


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 04.41.47.




Powered by vBulletin Copyright ©2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.
Questo sito non è, nè può ritenersi assimilabile ad una testata giornalistica, viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale. Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina della l. n. 62 del 2001. Il materiale pubblicato è sotto la responsabilità dei rispettivi autori, tutti i diritti sono di Ermopoli.it che incoraggia la diffusione dei contenuti, purchè siano rispettati i seguenti principi: sia citata la fonte, non sia alterato il contenuto e non siano usati a scopo di lucro. P.iva 02268700271