Ermopoli
L'antica città della conoscenza
  
    
Torna indietro   Ermopoli > Forum > Giardino Filosofico > Filosofia

 
 
Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Vecchio 23-02-2011, 11.33.43   #1
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,171
Predefinito Verità concentriche

Citazione:
Un fisico, un ingegnere e un matematico se ne vanno in treno per la Scozia, quando dal finestrino scorgono una pecora nera. "Ah!", dice il fisico, "vedo che in Scozia le pecore sono tutte nere!" "Hmmm...", replica l'ingegnere. "possiamo solo dire che qualche pecora scozzese è nera...". "No!", conclude il matematico," tutto quello che sappiamo è che esiste in Scozia almeno una pecora con uno dei due lati di colore nero!..."
Non sbaglia, dal suo punto di vista, nessuno dei personaggi di questa storiella e volendo riassumere la verità assoluta e dimostrabile è che esistono le pecore con del pelo nero e ce ne sono anche (o solo) in Scozia.
Teoricamente il matematico è quello che si avvicina di più alla verità, in pratica è anche quello che più vi arriva con il ragionamento ed un successivo filtraggio del percepito.
Il Fisico vede una pecora, vede solo quella di quel paese, non ci ragiona più di tanto, in Scozia lui ha visto solo una pecora nera, le pecore scozzesi sono nere, non ne ha vista anche una bianca. In un certo senso non si pone il problema che potrebbe esistere anche ciò che non vede.
L'ingegnere inizia a filtrare con la mente, si dice: "ok ho visto una pecora nera, ho visto solo quella in questo paese, ma potrebbero anche essercene altre non nere".
Il matematico va ancora oltre, quella pecora che ho visto non è detto che sia completamente nera, ne ho vista solo una parte....

La morale è:
Paradossalmente chi crede in Dio (o nella sua possibile esistenza) è più razionale di chi non ci crede... e i matematici sono i più spirituali tra gli scienziati moderni.
Uno non è connesso  
Vecchio 23-02-2011, 11.37.42   #2
Enoch
Ristruttura la casa
 
L'avatar di Enoch
 
Data registrazione: 21-03-2006
Messaggi: 305
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Uno Visualizza messaggio
La morale è:
Paradossalmente chi crede in Dio (o nella sua possibile esistenza) è più razionale di chi non ci crede... e i matematici sono i più spirituali tra gli scienziati moderni.
Quindi, paradossalmente, la persona che è veramente spirituale è quella che ha meno certezze (o clichè prestabiliti).
Enoch non è connesso  
Vecchio 23-02-2011, 11.43.16   #3
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,171
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Enoch Visualizza messaggio
Quindi, paradossalmente, la persona che è veramente spirituale è quella che ha meno certezze (o clichè prestabiliti).
Si, ma anche che non si ferma all'apparenza
Uno non è connesso  
Vecchio 23-02-2011, 13.33.21   #4
Kael
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Kael
 
Data registrazione: 06-08-2005
Messaggi: 3,131
Predefinito

In un'altra storia il nonno porta Pierino in tribunale ad assistere ad una causa. Dopo che l'accusa espone le sue ragioni, Pierino sussurra al nonno "L'accusa ha ragione".
Poi è la volta della difesa. Anche stavolta Pierino dice "La difesa ha ragione".
E quando il giudice si ritira per deliberare, Pierino commenta "Cavolo nonno è difficile decidere per me hanno ragione entrambi!"
Il nonno ci pensa un attimo e poi risponde: "Ma lo sai che hai ragione anche tu?"


La morale in questa storia è diversa da quella sopra, però rimanda ancora al concetto che la verità non è mai così lampante, per afferrarla bisogna scavare in profondità, liberarla dalle apparenze, farla venire alla luce. E soprattutto che una verità non esclude per forza l'altra, a volte una include l'altra, altre volte è inclusa, spesso si completano a vicenda.
Ma parlando di verità concentriche potremmo dire che tanto più ci si avvicina al centro ("filtrando" l'apparenza che ci arriva dalla periferia) tanto più la verità diventa stabile e permanente.
Kael non è connesso  
Vecchio 23-02-2011, 13.48.26   #5
Faltea
Partecipa agli eventi
 
Data registrazione: 18-03-2007
Messaggi: 1,164
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Kael Visualizza messaggio
Ma parlando di verità concentriche potremmo dire che tanto più ci si avvicina al centro ("filtrando" l'apparenza che ci arriva dalla periferia) tanto più la verità diventa stabile e permanente.
Non credo possa esistere una verità stabile e permanente.
Tutto muta secondo dopo secondo è ciò che è verità ora, adesso, può non essere più verità fra qualche secondo.
Non credo si possa definire un limite alla vera verità, più si scava più si può trovare una verità diversa...
La pecora potrebbe non essere affatto nera, un effetto ottico che falsa il colore di base... chessò il vetro del treno
Faltea non è connesso  
Vecchio 23-02-2011, 14.01.05   #6
nikelise
Organizza eventi
 
L'avatar di nikelise
 
Data registrazione: 29-09-2007
Messaggi: 2,329
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Uno Visualizza messaggio
La morale è:
Paradossalmente chi crede in Dio (o nella sua possibile esistenza) è più razionale di chi non ci crede... e i matematici sono i più spirituali tra gli scienziati moderni.
Vero .
Io direi pero' i piu' potenzialmente spirituali .
Poi per esserlo veramente devono smettere i panni del matematico o almeno metterli da parte quei panni.
Peccato che lo fanno di rado .
nikelise non è connesso  
Vecchio 23-02-2011, 17.38.44   #7
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,149
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Uno Visualizza messaggio
Teoricamente il matematico è quello che si avvicina di più alla verità, in pratica è anche quello che più vi arriva con il ragionamento ed un successivo filtraggio del percepito.
Non sono d'accordo, o perlomeno non la metterei così. Concordo che il matematico è quello che più si avvicina alla vertià, ma per farlo egli si basa più possibile unicamente su ciò che ha percepito, si potrebbe dire sui fatti e non sulle ipotesi. Se per farlo, a differenza degli altri due che invece interpretano (aggiungo in maniera automatica come hanno imparato) ha bisogno di un maggiore ragionamento degli altri questo implica che partiamo da una base di automatici ragionamenti fuorvianti da eliminare.
Invece credo sia una questione di impostazione della forma mentis (e di sua pulizia). Coloro che interpretano i dati senza rendersene conto e stabiliscono, di conseguenza, delle "verità" assolutamente ipotetiche e molto probabilmente false, realtà fanno più passaggi di chi non lo fa, e quindi dovrebbero consumare di più (che facciano anche più fatica è altra questione).

Non nego che per attenersi ai fatti e dichiarare enunciati più precisi possibile sia necessario uno sforzo di pulizia mentale, ma il problema è che quando iniziamo a farlo ci scontriamo con abitudini acquisite in anni di pessime pratiche di pensiero.

Riagganciandomi invece alla conclusione che il matematico è quello più spirituale dei tre, ritengo che questo derivi dal fatto che la pulizia mentale che si impone (o che gli viene) lo obbliga a non trarre conclusioni e quindi a non con-chiudere (conclusione) ambiti che in base a ciò che sanno in realtà sono aperti. Restano quindi appunto aperti a molte possibilità, riconoscendo quello che sanno non escludente altro a priori (il fatto che vedo un lato nero non esclude che l'altro possa essere di un altro colore... quindi non posso mai escludere Dio).

Se ci chiediamo, con mente onesta, cosa sappiamo realmente su una qualunque cosa, dobbiamo sempre riconoscere che ne sappiamo pochissimo, molto molto meno di quel che ci sembra a prima vista.
Ray non è connesso  
Vecchio 23-02-2011, 17.42.00   #8
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,149
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da nikelise Visualizza messaggio
Vero .
Io direi pero' i piu' potenzialmente spirituali .
Poi per esserlo veramente devono smettere i panni del matematico o almeno metterli da parte quei panni.
Peccato che lo fanno di rado .
Se per panni intendi forma mentis gli basterebbe occuparsi del tema, pur restando in quei panni, se invece intendi numeri e formule allora ti do ragione. Però anche numeri e formule gli tornerebbero utili se portassero l'attenzione sull'altro tema.
Ray non è connesso  
 


Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire nuovi messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare files
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice vB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Vai al forum

Discussioni simili
Discussione Autore discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Verità o Debunker? Elohim Misteri 16 15-05-2010 13.43.00
ancora sulla verità Ray Aforismi, Proverbi, Modi di dire 14 20-02-2010 17.28.37
Falsi storici o verità? Astolfo Ecologia, Altro consumo, Dietrologia etc etc 4 31-08-2006 13.40.14
la verità Sole Aforismi, Proverbi, Modi di dire 10 05-05-2006 22.48.12
In cammino verso la Verità Iside@ Esoterismo 5 19-01-2006 14.23.59


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 03.15.34.




Powered by vBulletin Copyright ©2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.
Questo sito non è, nè può ritenersi assimilabile ad una testata giornalistica, viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale. Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina della l. n. 62 del 2001. Il materiale pubblicato è sotto la responsabilità dei rispettivi autori, tutti i diritti sono di Ermopoli.it che incoraggia la diffusione dei contenuti, purchè siano rispettati i seguenti principi: sia citata la fonte, non sia alterato il contenuto e non siano usati a scopo di lucro. P.iva 02268700271