Ermopoli
L'antica città della conoscenza
  
    
Torna indietro   Ermopoli > Forum > Giardino Filosofico > Aforismi, Proverbi, Modi di dire

 
 
Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Vecchio 07-09-2007, 11.08.11   #1
Sole
Conosce ogni vicolo
 
Data registrazione: 31-08-2005
Messaggi: 5,478
Predefinito fare il callo

Viene usato generalmente in senso negativo.
Quando si "fa il callo" a qualcosa sembra che ci si sia abituati alla cosa, la si sopporta. "Ho fatto il callo a quella situazione, non mi urta più".
Pperò se analiziamo la cosa fare il callo vuol dire aumentare al resistenza. Per cui non è una sopportazione o abitudine ( ci son cose a cui non ci si abitua mai) ma è proprio una capacità dell'uomo di adattarsi, aumentare la resistenza dei nervi...

Il mio solito dilemma è questo: trattasi di repressione di emozioni fastidiose? trattasi di reale resistenza?
Se tocchiamo i calli delle mani, la parte di pelle è insensibile e quindi non soffre più, non ha tatto.. è insensibile... e quindi? Si tratta di desensibilizzarsi?

Che ne pensate?
Sole non è connesso  
Vecchio 07-09-2007, 11.21.31   #2
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,171
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Sole Visualizza messaggio
Viene usato generalmente in senso negativo.
Quando si "fa il callo" a qualcosa sembra che ci si sia abituati alla cosa, la si sopporta. "Ho fatto il callo a quella situazione, non mi urta più".
Pperò se analiziamo la cosa fare il callo vuol dire aumentare al resistenza. Per cui non è una sopportazione o abitudine ( ci son cose a cui non ci si abitua mai) ma è proprio una capacità dell'uomo di adattarsi, aumentare la resistenza dei nervi...

Il mio solito dilemma è questo: trattasi di repressione di emozioni fastidiose? trattasi di reale resistenza?
Se tocchiamo i calli delle mani, la parte di pelle è insensibile e quindi non soffre più, non ha tatto.. è insensibile... e quindi? Si tratta di desensibilizzarsi?

Che ne pensate?
Non è aumentare la resistenza, lo sarebbe se la pelle mantenendo le sue varie proprietà/capacità non si rovinasse più a determinate attività, invece ricopre con un strato che equivale ad una piccola armatura... che non si possa neanche dire abbia le proprietà dei guanti (di cui avevamo parlato da qualche parte)
si desensibilizzazione.
Uno non è connesso  
Vecchio 08-09-2007, 11.54.12   #3
jezebelius
Organizza eventi
 
L'avatar di jezebelius
 
Data registrazione: 27-02-2005
Messaggi: 1,865
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Uno Visualizza messaggio
Non è aumentare la resistenza, lo sarebbe se la pelle mantenendo le sue varie proprietà/capacità non si rovinasse più a determinate attività, invece ricopre con un strato che equivale ad una piccola armatura... che non si possa neanche dire abbia le proprietà dei guanti (di cui avevamo parlato da qualche parte)
si desensibilizzazione.
In pratica equivale a dire che si perde quella sensibilità che serve per venire a contatto con le cose.
Credo forse che si possa parlare di durezza nel senso che perdendo la sensibilità, la pelle, come ha detto Sole, si " abitua ", proteggendosi alla sollecitazione che le arriva dall'esterno.
Come se ciò che arrivasse dall'esterno, anzicchè essere assorbito...trovasse un muro e rimbalzasse.
__________________
Dr. Marc Haven
“Non deve essere l’alba di luce che deve iniziare ad avvisare la tua anima di tali doveri giornalieri e dell’ora in cui gli incensi devono bruciare sui fornelli; è la tua voce, solo lei che deve chiamare l’alba di luce e farla brillare sulla tua opera, alfine che tu possa dall’alto di questo Oriente, riversarla sulle nazioni addormentate nella loro inattività e sradicarle dalle tenebre in cui versano.”

Ultima modifica di jezebelius : 08-09-2007 alle ore 11.57.15.
jezebelius non è connesso  
Vecchio 08-09-2007, 12.02.30   #4
Sole
Conosce ogni vicolo
 
Data registrazione: 31-08-2005
Messaggi: 5,478
Predefinito

Un'armatura.
Quindi invece che aprirsi alla difficoltà che si incontra ci si chiude interiormente e si costruisce un'armatura esterna per evitare che passi la sofferenza o disagio della sitiazione, infatti ci si rende insensibili, non si sente più nulla, non si ha percezione dell'esterno.
Quello che mi colpisce è il fatto che renderesi insensibili significa chiudersi internamente per manifestare esternamente dei sintomi.
Se ci si apre internamente anche il corpo resta morbido e sensibile ma ciò che entra esce.. così invece resta ammaccata l'armatura e i colpi non hanno modo di ammortizzarsi.
Dovremmo limare... i calli.
Sole non è connesso  
Vecchio 08-09-2007, 12.47.48   #5
griselda
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di griselda
 
Data registrazione: 07-01-2006
Messaggi: 7,629
Predefinito

Il callo è un abitudine essersi abituati ma sotto il callo c'è comunque la sensibilità. I calli ai piedi ad esempio dolgono molto con l'andare del tempo, perchè sopra si è creata la parte dura ma sotto rimane l'infiammazione?
Questa metafora per dire che nell'osservazione mi pare di aver notato che a volte a qualcosa di fastidioso non reagisco ma la reazione sotto c'è ma sopra c'è il callo mi sono abituata a sentirmi dire quella cosa e invece che tenerla d'occhio c'ho fatto il callo. Ecco che si è creata una finta protezione che però non ha tolto il fastidio lo ha solo spostato nel tempo e nel modo. Ma è come se fingessi di non sentirla.

Ultima modifica di griselda : 08-09-2007 alle ore 12.50.59. Motivo: correzione
griselda non è connesso  
Vecchio 08-09-2007, 13.42.52   #6
Faltea
Partecipa agli eventi
 
Data registrazione: 18-03-2007
Messaggi: 1,164
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Sole Visualizza messaggio
Un'armatura.
Quindi invece che aprirsi alla difficoltà che si incontra ci si chiude interiormente e si costruisce un'armatura esterna per evitare che passi la sofferenza o disagio della sitiazione, infatti ci si rende insensibili, non si sente più nulla, non si ha percezione dell'esterno.
Quello che mi colpisce è il fatto che renderesi insensibili significa chiudersi internamente per manifestare esternamente dei sintomi.
Se ci si apre internamente anche il corpo resta morbido e sensibile ma ciò che entra esce.. così invece resta ammaccata l'armatura e i colpi non hanno modo di ammortizzarsi.
Dovremmo limare... i calli.

Forse no, (dovremmo limare i calli), se non si formasse il callo, non potremmo continuare a lavorare (mani) camminare (piedi). Il callo ci permette di continuare, di perpetrare l'azione.
I "calli emotivi" idem (credo), se non si formassero ci impedirebbero di proseguire, di avanzare, saremmo sempre turbati da questo o da quello, perdendo di vista il lavoro (psiche) e il camminare (percorso).
Faltea non è connesso  
Vecchio 08-09-2007, 14.45.48   #7
Era
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Era
 
Data registrazione: 29-05-2004
Messaggi: 2,671
Predefinito

faccio un esempio musicale....
il batterista si ritrova sui palmi delle mani una bella
"impalcatura" callosa....che gli evita i rossori e le piaghette che le bacchette...sfregando sulla pelle creano...ma sotto....la cute sente pressioni che talvolta
possono dolere.....quindi se il callo protegge non è detto
che risolva.....
quando si parla di emozioni invece....credo sia un palliativo....
è sufficente che chi vuol "ferire" sappia centrare
il punto giusto ed ecco che il callo o farci il callo
non serve più...
utile sarebbe capire perchè quel tipo o quella cosa mi
"tocca" e modificare la causa del callo all' origine..
__________________
Dio mi conceda
la serenità di accettare
le cose che non posso cambiare
il coraggio di cambiare
quelle che posso cambiare
e la saggezza
di distinguere tra le une e le altre
Era non è connesso  
Vecchio 08-09-2007, 14.49.42   #8
Era
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Era
 
Data registrazione: 29-05-2004
Messaggi: 2,671
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Faltea Visualizza messaggio
Forse no, (dovremmo limare i calli), se non si formasse il callo, non potremmo continuare a lavorare (mani) camminare (piedi). Il callo ci permette di continuare, di perpetrare l'azione.
I "calli emotivi" idem (credo), se non si formassero ci impedirebbero di proseguire, di avanzare, saremmo sempre turbati da questo o da quello, perdendo di vista il lavoro (psiche) e il camminare (percorso).
non centra ma mi fai ricordare che in reflessologia si
tiene molto conto del punto in cui il callo si forma...
sono indicazioni utilissime...proprio a livello emotiva...
(comunque è una discussione da salute e benessere
appena pronta la scrivo/scriviamo)
__________________
Dio mi conceda
la serenità di accettare
le cose che non posso cambiare
il coraggio di cambiare
quelle che posso cambiare
e la saggezza
di distinguere tra le une e le altre
Era non è connesso  
Vecchio 08-09-2007, 15.05.18   #9
Sole
Conosce ogni vicolo
 
Data registrazione: 31-08-2005
Messaggi: 5,478
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Faltea Visualizza messaggio
Forse no, (dovremmo limare i calli), se non si formasse il callo, non potremmo continuare a lavorare (mani) camminare (piedi). Il callo ci permette di continuare, di perpetrare l'azione.
I "calli emotivi" idem (credo), se non si formassero ci impedirebbero di proseguire, di avanzare, saremmo sempre turbati da questo o da quello, perdendo di vista il lavoro (psiche) e il camminare (percorso).
Non so se hai un callo da qualche parte.. passaci la mano è del tutto insensibile. Non credo ci sia differenza tra quello e il callo della psiche. Ti desensibilizzi, non arriva più nulla, sei chiuso, impermeabile. A volte non sai di averloperchè è tanta la non sensibilità che hai dimenticato. Comunque si servono anche quelli..
Sole non è connesso  
Vecchio 08-09-2007, 15.12.11   #10
griselda
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di griselda
 
Data registrazione: 07-01-2006
Messaggi: 7,629
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Era Visualizza messaggio
quando si parla di emozioni invece....credo sia un palliativo....
è sufficente che chi vuol "ferire" sappia centrare
il punto giusto ed ecco che il callo o farci il callo
non serve più...
Sono d'accordo con Era in effetti ci stavo proprio ragionando in questi giorni e sono arrivata alla conclusione che quel callo è atto a sopportare una certa "forza" per cui basta imprimerne di più per creare lo scompenso. Il risultato è un bruciore che ti fa riprendere immediatamente consapevolezza di avere sotto il callo la pelle sensibile.
Ah ah ah mi è venuto in mente il detto " non pestarmi i calli." vi suona?
griselda non è connesso  
Vecchio 08-09-2007, 15.16.17   #11
griselda
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di griselda
 
Data registrazione: 07-01-2006
Messaggi: 7,629
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Faltea Visualizza messaggio
Forse no, (dovremmo limare i calli), se non si formasse il callo, non potremmo continuare a lavorare (mani) camminare (piedi). Il callo ci permette di continuare, di perpetrare l'azione.
I "calli emotivi" idem (credo), se non si formassero ci impedirebbero di proseguire, di avanzare, saremmo sempre turbati da questo o da quello, perdendo di vista il lavoro (psiche) e il camminare (percorso).
Credo che in quel momento che si forma il callo è perchè non riusciamo/possiamo fare altro per poter come dici tu continuare a camminare però nel momento che ce ne rendiamo conto si può lavorare la parte per cercare di capire prima cosa l'ha creato e poi come poterlo rimuovere senza creare un altro danno, perchè i calli tagliati ricrescono più profondi. Va eliminata la radice per farlo ci vuole un lavoro lungo di cura e attenzione.
griselda non è connesso  
Vecchio 09-09-2007, 02.09.34   #12
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,149
Predefinito

Il callo non desensibilizza, è una parte insensibile che si forma (è un di più che prima non c'era) per proteggere una parte sensibile. Si forma in virtù del fatto che quella parte è ripetutamente sollecitata in modo pernicioso. Ed è la miglior protezione che l'organismo automatico è riuscito ad escogitare. Infatti, oltre a proteggere quella parte, ne protegge anche la sensibilità stessa... se ci si pensa potrebbe essere più comodo che la parte si desensibilizzi e non si formi il callo (materia in più)... invece, forse in previsione di un cessare di quelle sollecitazioni, viene preservata la sensibilità.

Questo da anche una possibilità di scelta... posso continuare ad espormi alle sollecitazioni e tenermi il callo, oppure posso evitarle ed il callo non mi servirà più.

UNa volta che c'è il callo quella sollecitazione non avrà più lo stesso effetto pernicioso, tuttavia potrebbe essere il callo a dolermi (a domostrazione che la parte sotto è ancora sensibile)... quindi la sollecitazione mi fa ancora effetto. Parliamo di sollecitazioni alle quali la pelle non è in grado di rispondere moficando la propria struttura e quindi si forma una sovra-struttura.

In termini psicologici siamo pieni di calli (sovrastrutture) che hanno lo scopo di proteggerci da sollecitazioni che risulterebbero perniciose... restando nel superficiale, basti pensare al callo che ci facciamo per guardare i tg o al fatto che ogni giorno muore qualcuno sotto i 25 anni in auto o cose simili... certo che psicologicamente possiamo lavorare sulla materia che sta sotto il callo... forse certe sollecitazioni possono diventare per noi meno perniciose, ma dolorose restano...

Mi fermo o scrivo un romanzo, mi verrebbe da andare in varie direzioni... forse è da approfondire cmq...
Ray non è connesso  
Vecchio 09-09-2007, 14.51.04   #13
Faltea
Partecipa agli eventi
 
Data registrazione: 18-03-2007
Messaggi: 1,164
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da griselda Visualizza messaggio
Credo che in quel momento che si forma il callo è perchè non riusciamo/possiamo fare altro per poter come dici tu continuare a camminare però nel momento che ce ne rendiamo conto si può lavorare la parte per cercare di capire prima cosa l'ha creato e poi come poterlo rimuovere senza creare un altro danno, perchè i calli tagliati ricrescono più profondi. Va eliminata la radice per farlo ci vuole un lavoro lungo di cura e attenzione.
Si, hai aggiunto un pensiero che condivido completamente...
Faltea non è connesso  
Vecchio 27-10-2011, 14.47.08   #14
griselda
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di griselda
 
Data registrazione: 07-01-2006
Messaggi: 7,629
Predefinito Callo=repressione

Riporto questo 3d in alto perchè interessante secondo me più di quello che può apparire a prima vista se poi valutato in se stessi e al nostro modo di relazionarci.

Il callo mi da tanto l'idea di uno che reprime e ci fa poi il callo l'abitudine a non sentire a non provare dolore è un modo che ha la pelle e la psiche per non patire più.
Ma il problema è che poi manca di sensibilità la pelle ma anche quella parte di psiche nel rapporto con gli altri.
Se io ho il callo non sento e non percepisco dolore ma allo stesso tempo non ho la sensibilità aduegata per non farne a chi il callo non l'ha.
Osservarsi e scoprire i propri calli ci permette prima di non reprimere e poi di non far soffrire gli altri.
Si?
__________________
------------------------

ORDINE RITMO ARMONIA
griselda non è connesso  
 


Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire nuovi messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare files
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice vB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Vai al forum

Discussioni simili
Discussione Autore discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Non fare il bagno Uno Negozio RisoAllegro 11 05-04-2007 15.10.43
Scuole esoteriche, iniziazioni, vie mano destra, secche e mano sinistra, umide Uno Esoterismo 1 05-03-2007 12.46.54


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 03.14.47.




Powered by vBulletin Copyright ©2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.
Questo sito non è, nè può ritenersi assimilabile ad una testata giornalistica, viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale. Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina della l. n. 62 del 2001. Il materiale pubblicato è sotto la responsabilità dei rispettivi autori, tutti i diritti sono di Ermopoli.it che incoraggia la diffusione dei contenuti, purchè siano rispettati i seguenti principi: sia citata la fonte, non sia alterato il contenuto e non siano usati a scopo di lucro. P.iva 02268700271