Ermopoli
L'antica città della conoscenza
  
    
Torna indietro   Ermopoli > Forum > Piazza > Manifestazione pacifica del nostro volere

 
 
Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Vecchio 24-01-2009, 19.09.57   #1
filoumenanike
Organizza eventi
 
L'avatar di filoumenanike
 
Data registrazione: 05-12-2008
Messaggi: 1,712
Predefinito violenze sulle donne

la donna vittima di stupro, di violenze fisiche, sempre la donna al centro di violenze familiari, vittima consacrata perchè più debole, più fragile fisicamente. io credo, come donna che vive tra gli uomini, che lavora in mezzo ad una società di uomini, dove a stento e con tanta fatica si riesce ad emergere , non verrà tutelata dall'esercito, nè dalle pene esemplari, secondo me la donna si deve difendere da sola, deve portare con sè possibili armi di difesa, spray o quanto di simile, invece di ginnastica semplice deve imparare l'arte di difendersi con poche mosse, soprattutto le giovani vanno educate alla difesa personale, la società sa solo fare scoop giornalistici, la politica si fa pubblicità con belle parole e chi soffre dilaniata e spezzata è la donna, sola tra i lupi.
filoumenanike non è connesso  
Vecchio 24-01-2009, 20.37.40   #2
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,171
Predefinito

Mah... Filo... se 5 bruti accerchiano una ragazza di 50 kg, potrà anche essere cintura nera di karatè ma dubito che si salvi. Vanno impedite in qualsiasi maniera, se l'esercito aiutasse, piuttosto che stare in caserma a giocare a carte, o peggio andare all'estero a far guerre ben pagati, preferirei vederne di più in giro a controllare.
Sugli spray abbiamo scritto tempo fa quanto assurdo sia che vengano considerati arma illegale.
Da una parte questa è come la storia dei cani che mordono, degli ubriachi che investono, della lotta all'evasione e pure della crisi economica (o meglio delle famiglie che fanno fatica a tirare avanti).
Sono cose che ci sono sempre ma quando i giornali partono tutti i giorni trovano qualcosa... sono certo che, purtroppo, anche due mesi fa c'erano stupri quotidiani etc...
Bisogna trovare il modo di fermarli e consentire a ragazze e donne di poter girare senza dover avere paura, non ci sono se e ma.... e pur non essendo razzista vorrei che i buonisti riflettessero sul bisogno di maggiore controllo sull'immigrazione.
Non è colpa solo degli stranieri, quello di capodanno era un ragazzo italiano fatto, però se abbiamo già qualche problema di nostro non vedo perchè aggiungerne altri.
In fin dei conti un maggiore controllo non crea nessun problema a chi viene per vivere e lavorare, anzi li renderebbe meno additati e visti male, io conosco diversi lavoratori extracomunitari e comunitari ma dei paesi dell'est a cui ci si può togliere il cappello, però per colpa dei delinquenti c'è gente stupida che fa di tutta l'erba un fascio.
Non si può fare ne in bene ne in male.
Uno non è connesso  
Vecchio 24-01-2009, 20.56.25   #3
filoumenanike
Organizza eventi
 
L'avatar di filoumenanike
 
Data registrazione: 05-12-2008
Messaggi: 1,712
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Uno Visualizza messaggio
Mah... Filo... se 5 bruti accerchiano una ragazza di 50 kg, potrà anche essere cintura nera di karatè ma dubito che si salvi.
certo questo è l'evento più difficile da poter gestire, sono tuttavia convinta che per quanto esercito o poliziotti ci siano in giro, quando ti serve aiuto sei sola in mezzo a uomini malati e delinquenti, se hai la possibilità di poterti difendere, con gli spry o quant'altro di simile, è sempre meglio di essere sprovvedute, gli uomini, non faccio differenza tra bianchi neri o slavi o cinesi... si sono considerati superiori alla donna proprio per la forza della violenza fisica, fin dall'epoca delle caverne, occorre che le donne siano più abili nel riconoscere il pericolo e nel difendersi, invece di danza classica o moderna facciamo corsi di sopravvivenza!
filoumenanike non è connesso  
Vecchio 25-01-2009, 16.11.36   #4
jezebelius
Organizza eventi
 
L'avatar di jezebelius
 
Data registrazione: 27-02-2005
Messaggi: 1,865
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da filoumenanike Visualizza messaggio
certo questo è l'evento più difficile da poter gestire, sono tuttavia convinta che per quanto esercito o poliziotti ci siano in giro, quando ti serve aiuto sei sola in mezzo a uomini malati e delinquenti, se hai la possibilità di poterti difendere, con gli spry o quant'altro di simile, è sempre meglio di essere sprovvedute, gli uomini, non faccio differenza tra bianchi neri o slavi o cinesi... si sono considerati superiori alla donna proprio per la forza della violenza fisica, fin dall'epoca delle caverne, occorre che le donne siano più abili nel riconoscere il pericolo e nel difendersi, invece di danza classica o moderna facciamo corsi di sopravvivenza!
Mah... il problema dal mio punto di vista, non è delle donne ma è della società tutta.
Il fatto è che dal periodo in cui l'uomo viveva in caverne ed andava in giro a cacciare il cibo, non è cambiato poi tanto. Oggi in sostituzione, viviamo in case ed abbiamo il supermercato e pur non avendo la clava, comunque ce la portiamo addosso!
Quel che voglio dire è che c'è bisogno di una " presenza" sociale. Presenza che, in generale, non si limiti soltanto ed esclusivamente ad una fisicità, come si diceva nell'altra discussione, ma che sia capace di investire il " vivere".
Diceva Uno, sempre nell'altra discussione, che sarebbe bastato, tanto per cominciare, una "presenza " del cittadino.
Troppo spesso infatti ci addoloriamo per episodi come quello accaduto, soltanto quando la Tv ne parla mentre invece è un problema, questo come altri, che "investe" ogni momento.
Dal canto mio sarei per una maggiore presenza dell'esercito in situazioni particolarmente gravi e/o condizioni disagiate anche in città. Il fatto stesso di prevedere una presenza ( se pure meramente fisica ) dovrebbe sfiduciare chi ha intenzione di commettere un reato; gia questo non lo farei passare in sordina come aspetto e presupposto principale.

Per altro è vero, ci sono corsi di sopravvivenza o di difesa personale ma ti assicuro che senza una preparazione dell'allievo si potrebbero generare casini sia per lui, andando oltre le sue possibilità di controllo e non solo in situazioni di emergenza, e sia per chi ne viene investito. Peggio, insomma, che avere lo spray talvolta!
Opinione meramente personale ma se c'è chi è deputato all'ordine pubblico a garanzia della mia ( nostra ovviamente ) incolumità, perché mi devo attrezzare per proteggermi?
__________________
Dr. Marc Haven
“Non deve essere l’alba di luce che deve iniziare ad avvisare la tua anima di tali doveri giornalieri e dell’ora in cui gli incensi devono bruciare sui fornelli; è la tua voce, solo lei che deve chiamare l’alba di luce e farla brillare sulla tua opera, alfine che tu possa dall’alto di questo Oriente, riversarla sulle nazioni addormentate nella loro inattività e sradicarle dalle tenebre in cui versano.”
jezebelius non è connesso  
Vecchio 25-01-2009, 18.33.58   #5
stella
Organizza eventi
 
L'avatar di stella
 
Data registrazione: 09-04-2006
Messaggi: 2,038
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da jezebelius Visualizza messaggio
Opinione meramente personale ma se c'è chi è deputato all'ordine pubblico a garanzia della mia ( nostra ovviamente ) incolumità, perché mi devo attrezzare per proteggermi?
Anche io la penso così, se si prende l'abitudine di andare in giro "armati" fosse anche di uno spray, si dà per sottinteso che si è intenzionati a difendersi da sè, anche se ciò non guasta, in certi casi, ma visto che gli aggressori di solito sono più di uno e agiscono di sorpresa, anche se si riesce a immobilizzarne uno gli altri fanno in tempo ad agire...
Se si tratta di una persona sola penso che l'approccio sia diverso, prima stringe una certa amicizia e fiducia con la vittima, come si è visto in qualche caso, quindi quando scatta la violenza la vittima viene presa alla sprovvista e di ciò ne approffitta l'aggressore.
Penso che lo stato dovrebbe offrire maggior sicurezza alle donne, con maggior presenza di agenti di polizia o dell'esercito, questo farebbe desistere eventuali malitenzionati...
Poi penso anche che ci vuole un po' di buon senso evitando di cacciarsi in situazioni potenzialmente pericolose, rispettando comunque sempre la libertà e la privacy delle persone.
stella non è connesso  
Vecchio 25-01-2009, 18.40.00   #6
griselda
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di griselda
 
Data registrazione: 07-01-2006
Messaggi: 7,629
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da stella Visualizza messaggio
Anche io la penso così, se si prende l'abitudine di andare in giro "armati" fosse anche di uno spray, si dà per sottinteso che si è intenzionati a difendersi da sè, anche se ciò non guasta, in certi casi, ma visto che gli aggressori di solito sono più di uno e agiscono di sorpresa, anche se si riesce a immobilizzarne uno gli altri fanno in tempo ad agire...
Se si tratta di una persona sola penso che l'approccio sia diverso, prima stringe una certa amicizia e fiducia con la vittima, come si è visto in qualche caso, quindi quando scatta la violenza la vittima viene presa alla sprovvista e di ciò ne approffitta l'aggressore.
Penso che lo stato dovrebbe offrire maggior sicurezza alle donne, con maggior presenza di agenti di polizia o dell'esercito, questo farebbe desistere eventuali malitenzionati...
Poi penso anche che ci vuole un po' di buon senso evitando di cacciarsi in situazioni potenzialmente pericolose, rispettando comunque sempre la libertà e la privacy delle persone.
Anche io sono d'accordo con voi, se almeno ci si muovesse per far capire che l'essere donna, la femminilità è qualcosa che va perservato dalla violenza a partire dallo stato in poi, (in modo che entri nella testa delle persone e nel cuore) chissà forse le donne potrebbero vivere la loro femminilità senza stravolgerla per difendersi da qualcosa che non dovrebbe esistere: la bestialità umana.
Penso se avvenisse davvero questo in tutti noi, poi anche se entrasse nel nostro paese chichessia si troverebbe "sotto osservazione" e ci penserebbe maggiormente prima di muoversi in tal senso.
__________________
------------------------

ORDINE RITMO ARMONIA
griselda non è connesso  
Vecchio 25-01-2009, 19.06.25   #7
Era
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Era
 
Data registrazione: 29-05-2004
Messaggi: 2,671
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da filoumenanike Visualizza messaggio
secondo me la donna si deve difendere da sola, deve portare con sè possibili armi di difesa, spray o quanto di simile, invece di ginnastica semplice deve imparare l'arte di difendersi con poche mosse, soprattutto le giovani vanno educate alla difesa personale, la società sa solo fare scoop giornalistici, la politica si fa pubblicità con belle parole e chi soffre dilaniata e spezzata è la donna, sola tra i lupi.
Chi mi conosce sa bene come la penso non condanno in toto l' uomo ne assolvo in toto la donna...detto questo dal punto di vista del bersaglio la donna è ai primi posti...però però però se tutti coloro che si sentono colpiti si difendessero da soli immagini che casino? Non sarebbe meglio invece una sistematica educazione generale? non dimentichiamoci che il ragazzo ubriaco o fatto...piuttosto che l' immigrato sciagurato o ancora il vecchio satiro in cerca di carne fresca e giovanissima e aggiungiamoci il branco di periferia (che presi uno alla volta li farebbe piangere anche cappuccettorosso) hanno avuto una madre (femmina) e un padre con il preciso compito (legge naturale) di crescerli nutrirli ed educarli...è vero che se uno è fatto o fumato l' etica e l' educazione se la scorda...ma è anche vero che se alla base ci sono sani principi magari non si arriva a questi estremi no?
Voglio essere autolesionista e so che magari ti alteri un pochetto ma vorrei aggiungere una cosa sulla tua ultima frase...è verissimo che la ragazza che ha subito violenza viene spesso "condannata" da un maschilismo becero che siano avvocati giurati o quant' altro..ma credimi ho visto lupi terribili nel mondo femminile...quindi il peggio e il meglio sta in entrambe le gategorie..

Citazione:
Originalmente inviato da griselda Visualizza messaggio
Anche io sono d'accordo con voi, se almeno ci si muovesse per far capire che l'essere donna, la femminilità è qualcosa che va perservato dalla violenza a partire dallo stato in poi,
Tutto va preservato dalla violenza e secondo me a partire dal singolo con i fatti non con una delle tante giornate di qualunque cosa...ma è sempre molto facile scaricare sullo stato che ad ogni modo è assente nel momento in cui una ragazza è assalita in pieno giorno ma il passante no...quello è presente ma è talmente "discreto" che per non "disturbare" e non avere grane si volta dall' altra parte alla velocità della luce...

__________________
Dio mi conceda
la serenità di accettare
le cose che non posso cambiare
il coraggio di cambiare
quelle che posso cambiare
e la saggezza
di distinguere tra le une e le altre
Era non è connesso  
Vecchio 25-01-2009, 19.14.07   #8
griselda
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di griselda
 
Data registrazione: 07-01-2006
Messaggi: 7,629
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Era Visualizza messaggio


Tutto va preservato dalla violenza e secondo me a partire dal singolo con i fatti non con una delle tante giornate di qualunque cosa...ma è sempre molto facile scaricare sullo stato che ad ogni modo è assente nel momento in cui una ragazza è assalita in pieno giorno ma il passante no...quello è presente ma è talmente "discreto" che per non "disturbare" e non avere grane si volta dall' altra parte alla velocità della luce...

Si si infatti è quello che credevo di aver detto anche io, l'ho messo male probabilmente, ma il senso è proprio questo.
__________________
------------------------

ORDINE RITMO ARMONIA
griselda non è connesso  
Vecchio 25-01-2009, 19.52.51   #9
filoumenanike
Organizza eventi
 
L'avatar di filoumenanike
 
Data registrazione: 05-12-2008
Messaggi: 1,712
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da jezebelius Visualizza messaggio
Mah... il problema dal mio punto di vista, non è delle donne ma è della società tutta.
Quel che voglio dire è che c'è bisogno di una " presenza" sociale. Presenza che, in generale, non si limiti soltanto ed esclusivamente ad una fisicità, come si diceva nell'altra discussione, ma che sia capace di investire il " vivere".
Diceva Uno, sempre nell'altra discussione, che sarebbe bastato, tanto per cominciare, una "presenza " del cittadino.
Per altro è vero, ci sono corsi di sopravvivenza o di difesa personale ma ti assicuro che senza una preparazione dell'allievo si potrebbero generare casini sia per lui, andando oltre le sue possibilità di controllo e non solo in situazioni di emergenza, e sia per chi ne viene investito. Peggio, insomma, che avere lo spray talvolta!
Opinione meramente personale ma se c'è chi è deputato all'ordine pubblico a garanzia della mia ( nostra ovviamente ) incolumità, perché mi devo attrezzare per proteggermi?
Citazione:
Originalmente inviato da stella Visualizza messaggio
Anche io la penso così, se si prende l'abitudine di andare in giro "armati" fosse anche di uno spray, si dà per sottinteso che si è intenzionati a difendersi da sè,...Penso che lo stato dovrebbe offrire maggior sicurezza alle donne, con maggior presenza di agenti di polizia o dell'esercito, questo farebbe desistere eventuali malitenzionati...
Poi penso anche che ci vuole un po' di buon senso evitando di cacciarsi in situazioni potenzialmente pericolose, rispettando comunque sempre la libertà e la privacy delle persone.
Citazione:
Originalmente inviato da griselda Visualizza messaggio
Anche io sono d'accordo con voi, se almeno ci si muovesse per far capire che l'essere donna, la femminilità è qualcosa che va perservato dalla violenza a partire dallo stato in poi, (in modo che entri nella testa delle persone e nel cuore) chissà forse le donne potrebbero vivere la loro femminilità senza stravolgerla per difendersi da qualcosa che non dovrebbe esistere: la bestialità umana.
Citazione:
Originalmente inviato da Era Visualizza messaggio
Non sarebbe meglio invece una sistematica educazione generale? ...Voglio essere autolesionista e so che magari ti alteri un pochetto ma vorrei aggiungere una cosa sulla tua ultima frase...è verissimo che la ragazza che ha subito violenza viene spesso "condannata" da un maschilismo becero che siano avvocati giurati o quant' altro..ma credimi ho visto lupi terribili nel mondo femminile...quindi il peggio e il meglio sta in entrambe le gategorie..
il punto debole sono le donne, donne che si cacciano nei guai perchè vestono male, perchè vanno in luoghi sbagliati ecc. in conclusione dovremmo tornare a stare in casa, vestite da monache, girare solo in compagnia di uomini...bhè...non mi piace!
io credo che ogni donna possa decidere di andare dove vuole, senza per questo sentirsi in pericolo, la società dovrebbe difenderla con l'esercito!? abbiamo dunque bisogno di uno stato militare? questo significherebbe aver fallito e nell'educazione sociale e nel concetto di libertà! lo stato deve prevenire rendendo le strade illuminate, insegnando a scuola come comportarsi civilmente, dovrebbe punire le azioni di bullismo che sempre più si manifestano e sono anche convinta che imparare a difendersi in situazioni di pericolo non stravolga la femminilità, le donne sono facile bersaglio di violenze soprattutto in famiglia ma questo genere di sopruso resta nascosto, non detto per vergogna, in famiglia non può certo intervenire l'esercito...
non mi altero quando dici, cara Era, che anche le donne sanno essere dei lupi terribili, sono convinta anch'io che in entrambe le categorie ci sono persone buone e cattive
saper individuare i pericoli dovrebbe essere innato negli esseri umani, anche i maschi che vanno in giro di notte sanno che alcune zone sono a rischio, il fatto negativo è che per le donne anche in centri abitati e di giorno ci sono pericoli, benvengano gli spray quando occorre e soprattutto impariamo ad usarli bene
filoumenanike non è connesso  
Vecchio 25-01-2009, 20.18.59   #10
jezebelius
Organizza eventi
 
L'avatar di jezebelius
 
Data registrazione: 27-02-2005
Messaggi: 1,865
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da filoumenanike Visualizza messaggio
io credo che ogni donna possa decidere di andare dove vuole, senza per questo sentirsi in pericolo, la società dovrebbe difenderla con l'esercito!? abbiamo dunque bisogno di uno stato militare?
Si parla di " presenza" non di esercito per costituire uno Stato militare, ossia più specificamente si parla di utilizzo di risorse dello Stato per finalità sociali, come potrebbe essere un finanziamento pubblico, ottimizzate al meglio per la società stessa.
Insomma, dipende da come si usano tali risorse. Anche con i fondi, giacché ci sono e " dati" al richiedente, purtroppo, non si arriva talvolta a finalità sociali completamente indiscutibili.
Voglio dire che, lungi da me e credo anche di chi porta avanti una idea di questo tipo ove per idea si intende la possibilità di sorvegliare, regolare il territorio e le sue dinamiche funzionalizzandone le risorse, in questo caso, gestite e dirette per altri fini - dunque guardando all'interno della società - l'esercito possa affiancare le forse dell'ordine come sta avvenendo in paesi del Casertano al fine di contrastare i clan di quella zona ed i loro traffici.

A prescindere però dal messaggio pubblicitario ( per la politica ) che ne potrebbe conseguire, guardavo l'aspetto positivo e cioè che al momento la " vita" di un clan è resa più dura anche se non debellata totalmente la sua presenza e relative dinamiche negative.
Beh..a questo punto, quindi, renderci conto che come società ( non soltanto quella Italiana che pure ha i suoi pregi, ma anche difetti, come altre ) non abbiamo raggiunto determinati obbiettivi, sarebbe il primo passo per riuscire a vedere dove è questa " pecca ".

Si potrebbe vedere la cosa come ad un incrocio. Posto che nessuno, per ipotesi, è capace di autoregolamentazione poiché una volta arrivati all'incrocio ognuno fa quel che vuole, non seguendo il codice della strada, la semplice presenza di un vigile " potrebbe " regolare la situazione affinché, successivamente, la si possa traghettare verso una normalità strutturata; affiancando a tutto questo ovviamente una rinnovata educazione stradale.
Visto ciò che accde che almeno si inizi a regolare il traffico...!
__________________
Dr. Marc Haven
“Non deve essere l’alba di luce che deve iniziare ad avvisare la tua anima di tali doveri giornalieri e dell’ora in cui gli incensi devono bruciare sui fornelli; è la tua voce, solo lei che deve chiamare l’alba di luce e farla brillare sulla tua opera, alfine che tu possa dall’alto di questo Oriente, riversarla sulle nazioni addormentate nella loro inattività e sradicarle dalle tenebre in cui versano.”
jezebelius non è connesso  
Vecchio 25-01-2009, 20.45.43   #11
Era
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Era
 
Data registrazione: 29-05-2004
Messaggi: 2,671
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da filoumenanike Visualizza messaggio
il punto debole sono le donne, donne che si cacciano nei guai perchè vestono male, perchè vanno in luoghi sbagliati ecc. in conclusione dovremmo tornare a stare in casa, vestite da monache, girare solo in compagnia di uomini...bhè...non mi piace!
io credo che ogni donna possa decidere di andare dove vuole, senza per questo sentirsi in pericolo, la società dovrebbe difenderla con l'esercito!? abbiamo dunque bisogno di uno stato militare? questo significherebbe aver fallito e nell'educazione sociale e nel concetto di libertà! lo stato deve prevenire rendendo le strade illuminate, insegnando a scuola come comportarsi civilmente, dovrebbe punire le azioni di bullismo che sempre più si manifestano e sono anche convinta che imparare a difendersi in situazioni di pericolo non stravolga la femminilità, le donne sono facile bersaglio di violenze soprattutto in famiglia ma questo genere di sopruso resta nascosto, non detto per vergogna, in famiglia non può certo intervenire l'esercito...
non mi altero quando dici, cara Era, che anche le donne sanno essere dei lupi terribili, sono convinta anch'io che in entrambe le categorie ci sono persone buone e cattive
saper individuare i pericoli dovrebbe essere innato negli esseri umani, anche i maschi che vanno in giro di notte sanno che alcune zone sono a rischio, il fatto negativo è che per le donne anche in centri abitati e di giorno ci sono pericoli, benvengano gli spray quando occorre e soprattutto impariamo ad usarli bene
dai mica ho invitato le donne a starsene rintanate in casa e a coprirsi con una sorta di burka...le donne sono esseri umani soggette ad errori come tutti...e non è un errore vestirsi come cavolo aggrada dal saio alla mini gonna e dovrebbero essere altrettanto libere di muoversi a piacimento...il nocciolo della questione è che i tempi son quelli che sono..le strade di notte buie come nella più sperduta frazione in capo al mondo...e il mondo femminile ha scoperto la parità/libertà che usa senza testa....hai sentito parlare delle piccole cubiste? sono per lo più ragazzette di 12-13 anni che da brave figlie vanno in discoteca il pomeriggio con i loro coetanei...ebbene le cucciolotte escono di casa in jeans e maglietta per poi cambiarsi nei bagni del locale..abbigliandosi con...ti lascio immaginare..abitini che vengono fornite loro dai gestori che sono tutt' altro che ragazzini...13enni che si comportano come 20enni..giocano a fare la lap dance..giocano a fare le grandi...giocano appunto...e il fiutare il pericolo è innato negli animali...nell' uomo era innato e se non insegni a un bambino certe regole che vuoi che ne sappia di pericolo? Se una donna è maltrattata dal marito (e ce ne sono a centinaia moltiplicato altrettanto) ma non denuncia per paura o per vergogna che si può fare?
Tornando al discorso certo che ci sono le bombolette al peperoncino (ne avevamo parlato gia e se non sbaglio sono state vietate ) ma che si risolve? quello molla la presa s' inca....ppera ancora di più e passato il fuoco agli occhi..la prossima pagherà anche per la precedente...non ho soluzioni ma non è certo la bomboletta che risolve...

Che ne dici di un corpo armato di femmine con anfibi ai piedi è un' ottima mira?
__________________
Dio mi conceda
la serenità di accettare
le cose che non posso cambiare
il coraggio di cambiare
quelle che posso cambiare
e la saggezza
di distinguere tra le une e le altre
Era non è connesso  
Vecchio 26-01-2009, 00.54.31   #12
dafne
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di dafne
 
Data registrazione: 24-09-2007
Messaggi: 3,528
Predefinito

Fossero le strade buie o i localacci o le super.fighe stratirate .... ma ormai si violenta ovunque (ve la ricordate l'infermiera violentata nel parco dell'ospedale, o la ragazzi ai bordi dell'autostrada?) a qualunque ora, persino in orari di punta come mezzogiorno e...ehm...qualsiasi donna respiri e si muova...ne ho sentite troppe di signore anziane derubate e violentate....
Penso che l'esercito non sia la soluzione ma nel mentre si cerca di risolvere la causa scatenante perchè no?
Oggi non puoi più dire sono brutta, mi vesto male, esco solo in zone trafficate e illuminate...oggi puoi anche essere un maschio, magari pure disabile, e ritrovarti rinchiuso e seviziato per giorni...

Ho smesso di chiedermi perchè dio mandò il diluvio.........
dafne non è connesso  
Vecchio 26-01-2009, 00.58.51   #13
filoumenanike
Organizza eventi
 
L'avatar di filoumenanike
 
Data registrazione: 05-12-2008
Messaggi: 1,712
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Era Visualizza messaggio
dai mica ho invitato le donne a starsene rintanate in casa e a coprirsi con una sorta di burka...le donne sono esseri umani soggette ad errori come tutti...e non è un errore vestirsi come cavolo aggrada dal saio alla mini gonna e dovrebbero essere altrettanto libere di muoversi a piacimento...hai sentito parlare delle piccole cubiste? sono per lo più ragazzette di 12-13 anni che da brave figlie vanno in discoteca
...e il fiutare il pericolo è innato negli animali...nell' uomo era innato e se non insegni a un bambino certe regole che vuoi che ne sappia di pericolo? Se una donna è maltrattata dal marito (e ce ne sono a centinaia moltiplicato altrettanto) ma non denuncia per paura o per vergogna che si può fare?
Che ne dici di un corpo armato di femmine con anfibi ai piedi è un' ottima mira?
non hai detto che le donne dovrebbero starsene tappate in casa, tuttavia mi porti l'esempio delle ragazzine tredicenni che fanno le cubiste....scusa ma stavamo parlando di donne mature stuprate in pieno giorno, quando escono dalla metropolitana per tornare a casa queste donne dovrebbero vivere in una città dove anche i sobborghi siano illuminati, non solo i centri storici o le vie dei benestanti sarebbe comunque una buona idea che avevo trascurata quella di poter essere difese da un manipolo di donne, ben esercitate e con anfibi ai piedi che sicuramente comprenderebbero molto meglio il dramma di quelle stuprate...

quanto ai drammi famigliari mi pare di capire che anche lì ha colpa la donna perchè subisce passivamente, anzi gode di essere oggetto di violenza, secondo me la donna ha colpa soprattutto... di essere donna
filoumenanike non è connesso  
Vecchio 26-01-2009, 01.08.00   #14
dafne
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di dafne
 
Data registrazione: 24-09-2007
Messaggi: 3,528
Predefinito

Non avete mai la sensazione che si stia regredendo? Che in genere si sia totalmente presi dalla sopravvivenza, dai bisogni primari dall'istinto che non si riesca più a ragionare per bene?
Gli atti di violenza sono aumentati di numero e d'intensità e si è abbassata la soglia in cui certi atti possono essere concepiti.
Una sorta di decivilizzazione di massa.........tanto che per arginare il problema si rende necessario un atto di forza di repressione quale l'esercito, a me non inquieta tanto il soldato che gira per la città quanto questo in realtà rappresenta.
Per tutti.
dafne non è connesso  
Vecchio 26-01-2009, 01.11.14   #15
jezebelius
Organizza eventi
 
L'avatar di jezebelius
 
Data registrazione: 27-02-2005
Messaggi: 1,865
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da filoumenanike Visualizza messaggio
non hai detto che le donne dovrebbero starsene tappate in casa, tuttavia mi porti l'esempio delle ragazzine tredicenni che fanno le cubiste....scusa ma stavamo parlando di donne mature stuprate in pieno giorno, quando escono dalla metropolitana per tornare a casa queste donne dovrebbero vivere in una città dove anche i sobborghi siano illuminati, non solo i centri storici o le vie dei benestanti sarebbe comunque una buona idea che avevo trascurata quella di poter essere difese da un manipolo di donne, ben esercitate e con anfibi ai piedi che sicuramente comprenderebbero molto meglio il dramma di quelle stuprate...

quanto ai drammi famigliari mi pare di capire che anche lì ha colpa la donna perchè subisce passivamente, anzi gode di essere oggetto di violenza, secondo me la donna ha colpa soprattutto... di essere donna
Credo che Era intendesse, poi dirà meglio lei, che in fondo abbiamo davanti un problema di mancanza di regole - ove per regola si intende anche quella che bisogna insegnare pure attraverso un certo tipo di comportamento che in questo caso potrebbe essere riferita alla ragazzina ma più generico alla società; educazione, rispetto e quanto altro. Se gia pensiamo di essere anni luce dai cavernicoli non riusciremo mai a individuare cosa genera questo tipo di problemi e se pure li vedessimo ciò non significa avere capacità risolutive. Son cose per cui, secondo me, ci vogliono anni affinchè si possa parlare di risoluzione.
Insomma se da un lato è la passività che ci contraddistingue, se non affrontiamo gli argomenti civici, sociali etc, in primis l'educazione, ci troveremo dall'altro sempre davanti questo tipo di problema.
In accordo con Daf ripeto, l'esercito non è la soluzione ma un possibile mezzo per l'attivazione di quel controllo, funzionale e preliminare per la vita in comunità.
__________________
Dr. Marc Haven
“Non deve essere l’alba di luce che deve iniziare ad avvisare la tua anima di tali doveri giornalieri e dell’ora in cui gli incensi devono bruciare sui fornelli; è la tua voce, solo lei che deve chiamare l’alba di luce e farla brillare sulla tua opera, alfine che tu possa dall’alto di questo Oriente, riversarla sulle nazioni addormentate nella loro inattività e sradicarle dalle tenebre in cui versano.”
jezebelius non è connesso  
Vecchio 26-01-2009, 01.25.13   #16
filoumenanike
Organizza eventi
 
L'avatar di filoumenanike
 
Data registrazione: 05-12-2008
Messaggi: 1,712
Predefinito

a ma gli eserciti non piacciono, per quello che rappresentano e per quello che fanno, non credo alla storia che difendano l'ordine pubblico o le donne in difficoltà, sono uomini addestrati ad uccidere in guerra e neppure le guerre mi piacciono...
preferirei parlare di volontariato fatto da persone che possano alternarsi, gruppi di pensionati, di gente in cassa integrazione, di giovani con ancora validi principi morali e ce ne sono tanti...nonostante tutto il male che viene pubblicizzato, dovrebbe essere un volontariato fatto da persone adeguate e sotto il controllo della legge, non penso certo a bande punitive. se vivessi ai bordi di una città come roma, in un quartiere pericoloso, forse, e il mondo dei se poco costruisce, ma la necessità aguzza l'ingegno, mi organizzerei con altri genitori disponibili per salvaguardare la sicurezza delle ragazze. se lo stato non mi aiuta bhè oltre che reclamare a viva voce nel frattempo mi darei da fare in prima persona, mi piace agire oltre che disquisire.

Ultima modifica di filoumenanike : 26-01-2009 alle ore 01.41.26.
filoumenanike non è connesso  
Vecchio 26-01-2009, 01.36.42   #17
filoumenanike
Organizza eventi
 
L'avatar di filoumenanike
 
Data registrazione: 05-12-2008
Messaggi: 1,712
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da jezebelius Visualizza messaggio
Insomma se da un lato è la passività che ci contraddistingue, se non affrontiamo gli argomenti civici, sociali etc, in primis l'educazione, ci troveremo dall'altro sempre davanti questo tipo di problema.
In accordo con Daf ripeto, l'esercito non è la soluzione ma un possibile mezzo per l'attivazione di quel controllo, funzionale e preliminare per la vita in comunità.
sono perfettamente d'accordo con quanto da te espresso e con quanto ha detto era, relativamente all'educazione che è fondamentale,come è importante l'esempio da dare ai nostri figli, una maggiore severità nella scuola e per come si vestono e soprattutto per come si esprimono alcuni giovani, ma ci vuole tempo, intanto come dice dafne siamo agnelli in mezzo a lupi inferociti e occorre difendersi
filoumenanike non è connesso  
Vecchio 26-01-2009, 03.08.50   #18
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,171
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da filoumenanike Visualizza messaggio

quanto ai drammi famigliari mi pare di capire che anche lì ha colpa la donna perchè subisce passivamente, anzi gode di essere oggetto di violenza, secondo me la donna ha colpa soprattutto... di essere donna
Questa mi sembra un pò forte, quelle e quelli che godono così di solito si mettono dei completini di pelle nera... spero che tu con la parola godere intendessi altro, altrimenti sei parte integrante e non meno responsabile sebbene passivo, del sistema che alimenta questo stato di cose.

Sai che c'è? Troppo spesso ho sentito parlare di mafia (tanto per farti un esempio) da gente che abita all'estremo nord dell'Italia con discorsi tipo: "ah se fossi io, a me il pizzo non lo chiederebbero, io a calci in culo li prenderei". (vorrei vedere chiunque che sapesse che magari ti uccidono la moglie o i figli prima di te)
Però bisogna trovarcisi nell'impotenza per poter parlare, io per fortuna (anche se non credo alla fortuna) non posso dire di esserci mai trovato in pieno al 100%, però ho vissuto metà della mia vita in una città molto grande (Roma) e metà in un paesino tranquillo e ricordo ancora quello che ho visto.
Dover sottostare a tutta una serie di limitazioni, stai attento a dove vai, stai attento a come lasci l'automobile, stai attento all'autoradio. Prendi l'autobus? Attento che al tuo vicino con la lametta gli hanno tagliato il cappotto per prendergli il portafoglio. Poi sta attento a come ti vesti, se a venti anni sembri troppo di destra ti corrono dietro i "compagni", se sembri troppo di sinistra non trovarti mai a passare vicino agli estremisti di destra... ma cavolo tu sei vestito normale e non te ne frega nulla della politica!!
Etc etc...
E allora per sopravvivere stai attento, ma a me non sarebbe per nulla dispiaciuto vedere in giro qualche divisa in più e aver un pò meno paura...
Ed io sono un uomo e neanche fifone, solo prudente, e non stiamo parlando di stupri anche se... quando avevo 15 anni un mezzo pedofilo gay ha rischiato di prenderle...

Se picchio io uno che mi vuole rubare mi abbasso al suo stesso livello, se lo fa (che poi non lo picchia) uno che è pagato e lo fa per professione il discorso è diverso, c'è, o dovrebbe esserci, un'oggettività diversa. Ma mi rendo conto che non sarà facile entrare nella logica di questo mio ragionamento.
Uno non è connesso  
Vecchio 26-01-2009, 13.24.09   #19
filoumenanike
Organizza eventi
 
L'avatar di filoumenanike
 
Data registrazione: 05-12-2008
Messaggi: 1,712
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Uno Visualizza messaggio
Questa mi sembra un pò forte, quelle e quelli che godono così di solito si mettono dei completini di pelle nera... spero che tu con la parola godere intendessi altro, altrimenti sei parte integrante e non meno responsabile sebbene passivo, del sistema che alimenta questo stato di cose.

E allora per sopravvivere stai attento, ma a me non sarebbe per nulla dispiaciuto vedere in giro qualche divisa in più e aver un pò meno paura...
Ed io sono un uomo e neanche fifone, solo prudente, e non stiamo parlando di stupri anche se... quando avevo 15 anni un mezzo pedofilo gay ha rischiato di prenderle...

Se picchio io uno che mi vuole rubare mi abbasso al suo stesso livello, se lo fa (che poi non lo picchia) uno che è pagato e lo fa per professione il discorso è diverso, c'è, o dovrebbe esserci, un'oggettività diversa. Ma mi rendo conto che non sarà facile entrare nella logica di questo mio ragionamento.
per quanto riguarda la mia affermazione in neretto era rivolta ad era, in tono ovviamente ironico

l'esempio della mafia è calzante, è proprio vero, da noi si dice "un conto è morire e un conto è parlar di morte" sono d'accordo, io poi ho scelto di vivere in un piccolo paese a dimensione umana, comunque conosco i pericoli delle grandi città.
mi permetto alla fine di ribadire che la violenza sulle donne è sentita in modo diverso da chi è donna, è un pò come parlare di mafia , mi dispiace ma penso che un esercito maschile che debba fare il lavoro sporco per noi donne mi lascia un bel pò titubante, sono abituata a credere che bisogna migliorare i rapporti sociali con la politica non con la forza hai visto il caso di quel poliziotto che per errore ha ucciso un giovane che non c'entrava niente!? chi usa le armi, come anche i cacciatori, sono persone che non valutano bene la portata del potere micidiale che hanno in mano, non vorrei che le città si trasformassero in luoghi assediati, presidiati, dove chiunque potrebbe sentirsi in pericolo per possibili errori, non hai letto dove parlo di volontariato? sono certa che l'italia ha una potenzialità enorme nelle persone che fanno volontariato, non dovrebbero agire con violenza solo avvisare la polizia per situazioni di pericolo...è un'utopia?
filoumenanike non è connesso  
Vecchio 26-01-2009, 14.39.46   #20
jezebelius
Organizza eventi
 
L'avatar di jezebelius
 
Data registrazione: 27-02-2005
Messaggi: 1,865
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da filoumenanike Visualizza messaggio
per quanto riguarda la mia affermazione in neretto era rivolta ad era, in tono ovviamente ironico

l'esempio della mafia è calzante, è proprio vero, da noi si dice "un conto è morire e un conto è parlar di morte" sono d'accordo, io poi ho scelto di vivere in un piccolo paese a dimensione umana, comunque conosco i pericoli delle grandi città.
mi permetto alla fine di ribadire che la violenza sulle donne è sentita in modo diverso da chi è donna, è un pò come parlare di mafia , mi dispiace ma penso che un esercito maschile che debba fare il lavoro sporco per noi donne mi lascia un bel pò titubante, sono abituata a credere che bisogna migliorare i rapporti sociali con la politica non con la forza hai visto il caso di quel poliziotto che per errore ha ucciso un giovane che non c'entrava niente!? chi usa le armi, come anche i cacciatori, sono persone che non valutano bene la portata del potere micidiale che hanno in mano, non vorrei che le città si trasformassero in luoghi assediati, presidiati, dove chiunque potrebbe sentirsi in pericolo per possibili errori, non hai letto dove parlo di volontariato? sono certa che l'italia ha una potenzialità enorme nelle persone che fanno volontariato, non dovrebbero agire con violenza solo avvisare la polizia per situazioni di pericolo...è un'utopia?
Forse si o forse no secondo me, dipende da una serie di cose, innanzitutto dalla zona in cui si vive e quindi chi è portato, anche se per volontariato, a fare un certo tipo di lavoro, come avvisare la polizia in Sicilia ad esempio svolgerebbe un qualcosa di delicato.
Ripeto il mio punto di vista, non si tratta solo di una situazione che riguarda le donne ma la società in generale.
L'esercito, ad oggi, è composto anche di donne. Non si parla di espansione di questo sul territorio a mo di controllo militare o limitazione del cittadino ma si vuole individuare una soluzione temporanea affinché si possa tornare a ciò che è definita " convivenza civile" !
Peraltro non sarebbe da escludere quel che proponi, anzi forse lo si potrebbe integrare a quel lavoro, servizio di controllo del territorio, ovviamente non escludendone l'utilizzazione su altri versanti.

Insomma, per venire a quel che ha detto Uno nel suo precedente intervento, una cosa però è che lo faccia, tale controllo , il volontario - che per esempio potrebbe essere trasportato da situazioni " personali " e quindi essere influenzato in un certo modo - altro è " consentire " alle forze dell'ordine - ivi compreso temporaneamente l'esercito ( e qua mi pare che tu non abbia letto ciò che si diceva su, non si è parlato di forza ) - di esplicare il proprio ruolo, servizio e controllo nel migliore dei modi.
Nessuno ha mai parlato di stadio d'assedio, ci mancherebbe, ma di utilizzazione di risorse al meglio per affrontare condizioni di emergenza.
Tutto ciò ovvio, non escludendo la politica, il dialogo ed una reale voglia di risolvere il problema.
Ma da qui a risolverlo ci vorrà un po di tempo e fino ad allora che si fa?
Parliamo agli automobilisti di quell'incrocio dicendogli che quelle manovre sono azzardate e che creano pericolo, a se e agli altri ma potremmo pure trovare colui al quale degli altri non interessa, nella speranza che pratichino, poi, una guida sicura o si cerca di accompagnarli in quella nuova visione, senza forzature ovviamente, con l'esplicazione del ruolo del vigile che controlla e in un certo senso " educa "? ( L'esempio, volendo, può essere portato a vari livelli )
__________________
Dr. Marc Haven
“Non deve essere l’alba di luce che deve iniziare ad avvisare la tua anima di tali doveri giornalieri e dell’ora in cui gli incensi devono bruciare sui fornelli; è la tua voce, solo lei che deve chiamare l’alba di luce e farla brillare sulla tua opera, alfine che tu possa dall’alto di questo Oriente, riversarla sulle nazioni addormentate nella loro inattività e sradicarle dalle tenebre in cui versano.”
jezebelius non è connesso  
Vecchio 26-01-2009, 15.11.09   #21
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,171
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da filoumenanike Visualizza messaggio
non hai letto dove parlo di volontariato? sono certa che l'italia ha una potenzialità enorme nelle persone che fanno volontariato, non dovrebbero agire con violenza solo avvisare la polizia per situazioni di pericolo...è un'utopia?
Se fai una ricerca, ho parlato di volontariato e ronde (anche se il nome da l'idea di qualcosa di completamente diverso) già tempo fa, però se ho un pò di malessere mi curo anche con tisane e rimedi naturali ma se ho 42 di febbre non posso aspettare che la tisana me la faccia calare.

Immaginavo anche che venisse fuori il discorso: "tu sei un uomo quindi non puoi capire il discorso degli stupri", è una forma di violenza anche questa.
Ho già parlato in passato con donne come te, la tentazione forte sarebbe di dire: "ok, gli uomini non possono capire, le forze dell'ordine non le volete, nessuno può capire, allora arrangiatevi..."
Mi dici che piuttosto che parole preferisci muoverti, però poi alla resa dei fatti insegui l'utopia (almeno per ora, mi auguro io per primo che in futuro l'umanità evolva e le cose cambino) che tutti gli uomini sappiano dominare gli istinti e che chiunque (io ci metto le donne ma anche gli uomini) possa girare liberamente come vuole se non reca fastidi e disturbi ad altri.
Adesso questa situazione non c'è, quindi qualcosa bisogna fare, dici che basta armare tutte di peperoncino e fargli un corsetto di autodifesa?
Prova a vedere le statistiche di stupro in Usa, li molte donne girano anche armate di pistola...
Qua in Italia tutto sommato anche le città più grandi sono ancora gestibili in qualche modo, ma questa gestione va fatta, se non vuoi vedere un esercito in divisa e con delle regole allora vedrai un esercito di malfattori senza divisa e senza regole, scegli quale è il male minore...
Uno non è connesso  
Vecchio 26-01-2009, 23.25.11   #22
filoumenanike
Organizza eventi
 
L'avatar di filoumenanike
 
Data registrazione: 05-12-2008
Messaggi: 1,712
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Uno Visualizza messaggio
Immaginavo anche che venisse fuori il discorso: "tu sei un uomo quindi non puoi capire il discorso degli stupri", è una forma di violenza anche questa.
Ho già parlato in passato con donne come te, la tentazione forte sarebbe di dire: "ok, gli uomini non possono capire, le forze dell'ordine non le volete, nessuno può capire, allora arrangiatevi..."

anche le città più grandi sono ancora gestibili in qualche modo, ma questa gestione va fatta, se non vuoi vedere un esercito in divisa e con delle regole allora vedrai un esercito di malfattori senza divisa e senza regole, scegli quale è il male minore...
donne come me...come? donne come me che lavorano, hanno una famiglia, sono cresciute con padri che avrebbero voluto un maschio, che hanno dovuto segliere un lavoro adatto ad una donna, che si sono sentite dire fin da bambine che bisogna vestire in modo casto per non suscitare desideri negli uomini, donne che anche la religione tiene in subordine,donne che vivono in mezzo ad una società di uomini che per proteggerci vorrebbero mettere l'esercito nelle città dove viviamo, donne come me...,come me come?

la tentazione di dirmi arrangiati la puoi anche esaudire, non mi offendo, so che chi ci vuole aiutare ci mette la buona volontà, resta il problema di fondo che la violenza si esplica sempre sui più deboli e allora aiutiamo a cambiare la mentalità delle nuove generazioni, diamo ai nostri figli i valori per crescere meglio, diamo alle nostre figlie la forza di reagire, di essere sempre vigili e pronte anche a difendersi, apriamo gli occhi alle nostre figlie, la femminilità è altro, si esprime in tanti modi, l'animo gentile non deve soccombere agli insulti, se occorrono peperoncini o corsetti di autodifesa...benvengano, non saranno certo quattro sparuti soldati a difendere le donne per le tante e scure vie della città!

quando mi è nato un figlio maschio sono stata contenta non perchè fosse maschio...ma perchè lo immaginavo crescere senza le tante angosce che hanno turbato molte donne di oggi, pensavo che si sarebbe risparmiato delusioni, amarezze e umiliazioni.

ps. il discorso che sei un uomo e non puoi capire fino in fondo alla fine è anche vero, in qualche modo penso che siamo diversi, la parità dei sessi non comporta l'uguaglianza, ciò che attrae è l'essere opposti e diversi e in un certo modo simili
filoumenanike non è connesso  
Vecchio 27-01-2009, 13.24.37   #23
RedWitch
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di RedWitch
 
Data registrazione: 20-12-2004
Messaggi: 3,377
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da filoumenanike Visualizza messaggio
...........................

...................resta il problema di fondo che la violenza si esplica sempre sui più deboli e allora aiutiamo a cambiare la mentalità delle nuove generazioni, diamo ai nostri figli i valori per crescere meglio, diamo alle nostre figlie la forza di reagire, di essere sempre vigili e pronte anche a difendersi, apriamo gli occhi alle nostre figlie, la femminilità è altro, si esprime in tanti modi, l'animo gentile non deve soccombere agli insulti, se occorrono peperoncini o corsetti di autodifesa...benvengano, non saranno certo quattro sparuti soldati a difendere le donne per le tante e scure vie della città!

quando mi è nato un figlio maschio sono stata contenta non perchè fosse maschio...ma perchè lo immaginavo crescere senza le tante angosce che hanno turbato molte donne di oggi, pensavo che si sarebbe risparmiato delusioni, amarezze e umiliazioni.
Secondo me onestamente Filo è un po' utopistico pensare che si possa di colpo cambiare la mentalità di molti o trasmettere dei valori per crescere meglio... ognuno da ai figli ciò che ha e ciò che è, se esistono oggi tante violenze (che poi sono abbastanza sicura che oggi le veniamo a sapere perchè le sentiamo al tg ma non è che ieri ce ne fossero molte di meno, semplicemente non ci informavano come oggi ..) non è dal mio punto di vista frutto di una singola mancata educazione, ma da una serie di cause ben più lontane che purtroppo non possono essere risolte con i buoni propositi.
Scusa se mi permetto ma dire "diamo un'educazione migliore" mi pare un po' campato in aria, non che si possa fare granchè, ognuno puo' guardare nel suo di giardino e fare quel che puo' per i propri figli, e non è che io sia contraria ad un corso di difesa personale o allo spray al peperoncino, ma per esempio oggi sulle prime pagine dei quotidiani c'è scritto che hanno preso il branco che ha violentato la ragazza di quella coppia di Guidonia. Erano in 5, hanno picchiato e messo il ragazzo nel portabagagli e poi hanno abusato di lei. In 5. Se anche lei avesse fatto un corso o avesse avuto lo spray in borsa, a che le sarebbe servito? Ad avere l'illusione (prima del fatto) di essere al sicuro? O forse sarebbe più giusto dire che cose del genere non dovrebbero accadere? E se per ridurre questi fenomeni ci fosse maggior controllo, se le forze dell'ordine potessero intervenire anche in maniera massiccia, con ronde o controlli a tappeto che so nei locali e nelle strade io come donna, nella città in cui vivo, mi sentirei più tranquilla. Se quando ne prendessero uno, due, dieci fossero puniti in maniera adeguata e non rilasciati dopo poco o con pene ridicole, forse a qualcuno passerebbe la voglia.. e poi una cosa che ha detto sopra Uno e che è passata inosservata, anche un buon controllo sull'immigrazione limiterebbe certi tipi di criminalità, è chiaro che più gente c'è allo sbando, con problemi di lavoro, che vive in condizioni disagiate e più i fenomeni di criminalità aumentano.
Il corso di autodifesa o lo spray potrebbero essere il contorno, ma servirebbe qualcosa di ben diverso per ridurre le violenze, e non è il singolo che puo' intervenire ma lo Stato dovrebbe farlo (con l'esercito, altro che 4 sparuti soldati..) per come la vedo, la situazione è grave.

Citazione:
Originalmente inviato da filoumenanike
ps. il discorso che sei un uomo e non puoi capire fino in fondo alla fine è anche vero, in qualche modo penso che siamo diversi, la parità dei sessi non comporta l'uguaglianza, ciò che attrae è l'essere opposti e diversi e in un certo modo simili
Anche se non ti rivolgevi a me vorrei dirti una cosa che a fatica ho capito tempo fa, e che so non essere facile da accogliere, in caso mi prendo quel che viene e che mi risponderai, ma vorrei dirti Filo, che spesso, a me sembrava di essere l'unica ad aver sofferto sulla faccia della Terra, di aver dovuto portare dei pesi enormi e che gl altri non potessero comprendermi mai fino in fondo perchè solo io sapevo quali sofferenze comportasse portare quei pesi ma non era così, ho trovato chi è riuscito a comprendermi seppur con esperienze differenti dalle mie (ma non meno dolorose) ... la diversità a volte sta soprattutto nella nostra mente, e basta ascoltare attentamente per vedere che qualche volta, un uomo puo' comprendere bene una donna e viceversa..
RedWitch non è connesso  
Vecchio 27-01-2009, 15.49.43   #24
filoumenanike
Organizza eventi
 
L'avatar di filoumenanike
 
Data registrazione: 05-12-2008
Messaggi: 1,712
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da RedWitch Visualizza messaggio
Secondo me onestamente Filo è un po' utopistico pensare che si possa di colpo cambiare la mentalità di molti o trasmettere dei valori per crescere meglio... ognuno da ai figli ciò che ha e ciò che è, se esistono oggi tante violenze (che poi sono abbastanza sicura che oggi le veniamo a sapere perchè le sentiamo al tg ma non è che ieri ce ne fossero molte di meno, semplicemente non ci informavano come oggi ..) non è dal mio punto di vista frutto di una singola mancata educazione, ma da una serie di cause ben più lontane che purtroppo non possono essere risolte con i buoni propositi.
Scusa se mi permetto ma dire "diamo un'educazione migliore" mi pare un po' campato in aria, non che si possa fare granchè, ognuno puo' guardare nel suo di giardino e fare quel che puo' per i propri figli, e non è che io sia contraria ad un corso di difesa personale o allo spray al peperoncino, ma per esempio oggi sulle prime pagine dei quotidiani c'è scritto che hanno preso il branco che ha violentato la ragazza di quella coppia di Guidonia. Erano in 5, hanno picchiato e messo il ragazzo nel portabagagli e poi hanno abusato di lei. In 5. Se anche lei avesse fatto un corso o avesse avuto lo spray in borsa, a che le sarebbe servito? Ad avere l'illusione (prima del fatto) di essere al sicuro? O forse sarebbe più giusto dire che cose del genere non dovrebbero accadere? E se per ridurre questi fenomeni ci fosse maggior controllo, se le forze dell'ordine potessero intervenire anche in maniera massiccia, con ronde o controlli a tappeto che so nei locali e nelle strade io come donna, nella città in cui vivo, mi sentirei più tranquilla. Se quando ne prendessero uno, due, dieci fossero puniti in maniera adeguata e non rilasciati dopo poco o con pene ridicole, forse a qualcuno passerebbe la voglia.. e poi una cosa che ha detto sopra Uno e che è passata inosservata, anche un buon controllo sull'immigrazione limiterebbe certi tipi di criminalità, è chiaro che più gente c'è allo sbando, con problemi di lavoro, che vive in condizioni disagiate e più i fenomeni di criminalità aumentano.
Il corso di autodifesa o lo spray potrebbero essere il contorno, ma servirebbe qualcosa di ben diverso per ridurre le violenze, e non è il singolo che puo' intervenire ma lo Stato dovrebbe farlo (con l'esercito, altro che 4 sparuti soldati..) per come la vedo, la situazione è grave.
per cambiare una società che sta andando in malora occorre, secondo me, e non è utopia creare le basi di una buona educazione civica, prima nelle famiglie poi nelle scuole, mal gestite e guidate. un male non si può curare con un altro male, sono d'accordo quando dici che nel caso di violenza di gruppo poco ci si può fare, ma rispetto alle molte denunce di stupro ad opera di singoli individui, l'autodifesa potrebbe aiutarci. ieri ho fatto a piedi, appositamente, vari percorsi all'interno della mia città e devo dire che ho camminato spesso in zone scure, non illuminate, dove i pericoli potrebbero essere in agguato ovunque, prima di pensare all'esercito pensiamo di renderci le vie illuminate, la polizia che controlli le zone a rischio (le conoscono sai quali sono!), ho paura che per curare un problema ne causiamo altri.
sono anche d'accordo su pene più dure non ho mai detto il contrario, non capisco perchè le mie idee siano considerate utopia, perchè dare più forza alle donne possa generare ironia e perplessità!? ieri sera seguendo porta a porta sentivo che la percentuale di sturpri viene effettuata da italiani, certo questo non esclude i controlli sull'immigrazione ma stiamo attenti a non cadere in un fin troppo facile razzismo generalizzato!

ps. la risposta ad uno era dovuta al suo atteggiamento poco propenso al dialogo, del resto affermo che donne e uomini sono alla pari ma non necessariamente uguali.
filoumenanike non è connesso  
Vecchio 27-01-2009, 16.24.04   #25
nikelise
Organizza eventi
 
L'avatar di nikelise
 
Data registrazione: 29-09-2007
Messaggi: 2,329
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da filoumenanike Visualizza messaggio
per cambiare una società che sta andando in malora occorre, secondo me, e non è utopia creare le basi di una buona educazione civica, prima nelle famiglie poi nelle scuole, mal gestite e guidate. un male non si può curare con un altro male, sono d'accordo quando dici che nel caso di violenza di gruppo poco ci si può fare, ma rispetto alle molte denunce di stupro ad opera di singoli individui, l'autodifesa potrebbe aiutarci. ieri ho fatto a piedi, appositamente, vari percorsi all'interno della mia città e devo dire che ho camminato spesso in zone scure, non illuminate, dove i pericoli potrebbero essere in agguato ovunque, prima di pensare all'esercito pensiamo di renderci le vie illuminate, la polizia che controlli le zone a rischio (le conoscono sai quali sono!), ho paura che per curare un problema ne causiamo altri.
sono anche d'accordo su pene più dure non ho mai detto il contrario, non capisco perchè le mie idee siano considerate utopia, perchè dare più forza alle donne possa generare ironia e perplessità!? ieri sera seguendo porta a porta sentivo che la percentuale di sturpri viene effettuata da italiani, certo questo non esclude i controlli sull'immigrazione ma stiamo attenti a non cadere in un fin troppo facile razzismo generalizzato!

ps. la risposta ad uno era dovuta al suo atteggiamento poco propenso al dialogo, del resto affermo che donne e uomini sono alla pari ma non necessariamente uguali.

E' utopia perche' tra il karate' ed il peperoncino e....l'educazione civica delle persone ci sta un mare di ''qui e ora'' che non deve gestire il singolo ma chi governa.
Stiamo parlando di oggi non delle generazioni future.
Certo anche quello serve ma ''qui e ora'' io vorrei che mia figlia potesse andare a scuola sicura .
E pare che oggi non ci sia illuminazione che tenga .
Concretamente si puo' fare di piu' e senza passare per una stato di polizia.
nikelise non è connesso  
 


Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire nuovi messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare files
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice vB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Vai al forum

Discussioni simili
Discussione Autore discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Donne, mamme lavoratrici, solo mamme, solo lavoratrici? RedWitch Discorsi da Comari 5 15-04-2008 19.39.49
Donne Grey Owl Testi Canzoni 0 22-03-2008 20.12.07
le donne lasciano..gli uomini no? dafne Psicologia moderna e antica 11 15-02-2008 16.59.39
Pericolo intimo per le donne Uno Benessere fisico 14 01-02-2008 15.31.21
Storie di donne Era Letteratura & Poesia 6 19-07-2005 19.24.15


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 03.31.45.




Powered by vBulletin Copyright ©2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.
Questo sito non è, nè può ritenersi assimilabile ad una testata giornalistica, viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale. Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina della l. n. 62 del 2001. Il materiale pubblicato è sotto la responsabilità dei rispettivi autori, tutti i diritti sono di Ermopoli.it che incoraggia la diffusione dei contenuti, purchè siano rispettati i seguenti principi: sia citata la fonte, non sia alterato il contenuto e non siano usati a scopo di lucro. P.iva 02268700271