Ermopoli
L'antica città della conoscenza
  
    
Torna indietro   Ermopoli > Forum > Piazza > Manifestazione pacifica del nostro volere

 
 
Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Vecchio 17-07-2008, 10.09.29   #1
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,171
Predefinito Impronte digitali

Non la metto in gogna e neanche tra le premiazioni perchè dal mio punto di vista ha qualcosa di buono e qualcosa che non va.
Prima di tutto per chi non avesse ancora sentito, la proposta è che sulle prossime carte di identità sarà anche inserita l'impronta digitale, e di conseguenza questa immagazzinata in schedari elettronici.
Che il cittadino comune sia schedato a tal punto è un pelo offensivo, d'altro canto chiunque è un cittadino comune, onesto e irreprensibile finchè non commette delitti... compresi i rom ultimamente tanto citati, gli stranieri etc...
Bisogna ammettere che per una persona nata e cresciuta in Italia, rom a parte appunto, anche senza impronte digitali è un pò difficile non essere conosciuta, abbiamo una residenza, una famiglia di solito certa, un posto di lavoro e molte carte in giro che parlano di noi... d'altro canto, non possiamo negare che in campi rom vengono fatti nascere bambini in catena di montaggio, ne vengono presi in giro altri (rubati è la parola giusta) e molti di tutti questi non hanno neanche un certificato di battesimo. Molto spesso, se non sempre, non vanno a scuola (altro posto in cui conservano traccia di chi siamo), non fanno praticamente mai lavori in regola e non hanno fissa dimora e se l'hanno questa "fissa dimora" che poi si limita ad una roulotte o una baracca non è in una via registrata e con numero civico.
Questo un quadro abbastanza preciso della realtà, poi non dico che non ci siano anche persone di etnia rom che vivono in campi ben organizzati con vie e numeri, che vivono in questo campo stabilmente, che lavorano in regola, che registrano i figli etc etc..... ma percentualmente credo che siano vicini all'1 per mille o probabilmente molto meno.
Il concetto è sempre il solito, quello che anche in piccole comunità come queste online ritorna di continuo, qualcuno vuole avere i privilegi ed i vantaggi di un certo tipo di società ma non ne vuole i doveri, non accetta le regole e le leggi. Sarebbe semplice andar ad abitare in una delle poche zone sperdute del mondo, che so in una foresta della nuova Guinea, ma li bisognerebbe arrangiarsi sul serio...
E anche in questo caso torna un'altro discorso ciclico, siccome è da razzisti schedare chi vuole vivere ai margini (non mi si racconti che non vogliono e che dobbiamo noi aiutarli ad integrarsi) per un buonismo melenso di pochi dobbiamo schedarci tutti.
Ok non ho nulla da nascondere, tanto chi sono, quello che faccio per vivere, dove abito e tutto il resto lo sanno già tutti, a volte meglio di me... darò anche le mie impronte digitali, però poi non voglio sentire discorsi sul grande fratello di orwelliana memoria da quegli stessi che mi stanno costringendo a questo per un buonismo improducente.

Lo stesso discorso si può applicare al fatto che prossimamente per prendere (o rinnovare credo anche) la patente bisognerà sottoporsi ad un test antidroga.
Uno non è connesso  
Vecchio 17-07-2008, 11.51.10   #2
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,149
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Uno Visualizza messaggio

Lo stesso discorso si può applicare al fatto che prossimamente per prendere (o rinnovare credo anche) la patente bisognerà sottoporsi ad un test antidroga.
Io non ne farei lo stesso discorso. Vedo assai peggio la cosa delle impronte digitali che quella del test antidroga. Per guidare lo facciamo pure un test della vista... test che per limitarsi ad abitare non facciamo. Se ad un test annunciato mi beccano positivo a droghe vuol dire che ne faccio uso abituale... beh liberissimo, ma allora non farò uso abituale dell'auto. Mi pare lecita come posizione.
Ray non è connesso  
Vecchio 17-07-2008, 12.14.05   #3
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,171
Predefinito

Se sopporto di farmi analizzare per dimostrare che non mi drogo (io lo so che non mi drogo come so che non vado a rubare) posso pure sopportare di farmi prendere le impronte digitali.....
Però sarebbe più giusto che quando fermo qualcuno alla guida di un auto drogato (o ubriaco) gli impedisco di nuocere e lascio in pace chi è ligio... nella stessa maniera sarebbe più giusto cercare di controllare chi non accetta le regole piuttosto che chi le accetta già.
Questo intendevo, io non avrei trovato per nulla razzista prendere le impronte ai rom, semmai una possibilità di un tipo di vita diverso per i più piccoli, lavorare oggi per il futuro.
Uno non è connesso  
Vecchio 17-07-2008, 13.52.56   #4
Era
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Era
 
Data registrazione: 29-05-2004
Messaggi: 2,671
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Uno Visualizza messaggio
Se sopporto di farmi analizzare per dimostrare che non mi drogo (io lo so che non mi drogo come so che non vado a rubare) posso pure sopportare di farmi prendere le impronte digitali.....
Però sarebbe più giusto che quando fermo qualcuno alla guida di un auto drogato (o ubriaco) gli impedisco di nuocere e lascio in pace chi è ligio... nella stessa maniera sarebbe più giusto cercare di controllare chi non accetta le regole piuttosto che chi le accetta già.
Questo intendevo, io non avrei trovato per nulla razzista prendere le impronte ai rom, semmai una possibilità di un tipo di vita diverso per i più piccoli, lavorare oggi per il futuro.
vuoi dire che chi fa le leggi in questo caso drogato/ubriaco alla guida...è lo stesso che mette in libertà l' autistaubriacodell'autoimpazzita? mica è così raro che un investitore reinvesta...
tornando alle impronte digitali...chissà come lo risolveranno il caso di quelli...rom o non rom che se le cancellano con l' acido? bah ? qualcosa s' inventeranno
__________________
Dio mi conceda
la serenità di accettare
le cose che non posso cambiare
il coraggio di cambiare
quelle che posso cambiare
e la saggezza
di distinguere tra le une e le altre
Era non è connesso  
Vecchio 17-07-2008, 15.05.33   #5
griselda
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di griselda
 
Data registrazione: 07-01-2006
Messaggi: 7,629
Predefinito

Qualche giorno fa, proprio in occasione della notizia, sono stata accusata di razzismo, perchè mi ero dimostrata a favore di questa proposta di prendere le impronte digitali a quelle persone che non sono "schedate" come noi.
E non sono d'accordo che mi prendano le impronte quando di me sanno tutto dall'anagrafe... alla carta di credito.
Se passerà la legge anche io andrò a farmele prendere ma vorrei comunque far sentire il mio dissenso perchè non lo trovo giusto è come se mi dovessi vaccinare ancora per il vaiolo quando ho già fatto questa vaccinazione per dimostare che siamo tutti uguali. Trovo che non abbia senso.
Per quanto riguarda il test sull'idoneità alla guida, mi pare che già facciano degli esami, basterebbe aggiungere quelli delle urine... ma mi immagino che per un errore che a volte succede alla macchine che falsano il risultato quante ore dovrà perdere una persona che ne si droga ne beve per far valere la sua idoneità, il tutto perchè per via dei pochi ci vanno sempre di mezzo i molti
.
__________________
------------------------

ORDINE RITMO ARMONIA
griselda non è connesso  
Vecchio 17-07-2008, 20.03.12   #6
gibbi
Partecipa agli eventi
 
L'avatar di gibbi
 
Data registrazione: 15-05-2007
Messaggi: 764
Predefinito

Debbo dire che sin dall'inizio la polemica sull'opportunità o meno di registrare le impronte dei Rom , grandi e piccoli , mi ha lasciata perplessa posto che per noi italiani è gia prevista .Si tratta di un progetto regolato con un decreto dell'8.11.2007 del Ministero dell'Interno in collaborazione con una cinquantina di comuni italiani , decreto che contiene le "Regole tecniche della Carta d'identità elettronica" , la cosidetta CIE .
E' un nuovo documento di ricoscimento che deve obbligatoriamente contenere , oltre alle generalità, nazionalità,foto , codice fiscale , firma ecc. anche l'impronta digitale del dito indice della mano sinistra.
Ne sono in possesso dal febbraio di quest'anno .
Alla scadenza ho preferito rinnovare il vecchio documento cartaceo con questa tessera in policarbonato che ha le dimensioni di una carta di credito. Tutte le informazioni sono anche memorizzate su un microchip e su una banda ottica , per permettere il controllo dell'identità del cittadino e per garantire l'inalterabilità dei dati.
Non è obbligatoria trattandosi di un progetto diretto a disciplinarne l'utilizzo oltre che come documento di identità anche come carta di servizi fra il cittadino e la Pubblica Amminitrazione (operazioni ed invio telematico di dichiarazioni , effettuazione di pagamenti ,presentazione di istanze ecc.) e quindi ancora in fase di "sperimentazione" .
Il costo di 25,00 euro , la necessità di prenotare l'appuntamento e la scarsa pubblicità la rendono purtroppo sconosciuta ai più , ma c'è come c'è la normativa (europea) che prevede dal giugno 2009 il rilascio delle impronte quale condizione per il rinnovo del passaporto.
A chiunque si rechi negli USA sia per turismo che per lavoro all'areoporto viene richiesta l'impronta del dito indice ( non ne sono certissima , ma credo ora anche la foto dell' iride).
Sono d'accordo con Uno e condivido quanto ha detto ma i tempi in cui viviamo sono tali per cui non è più questione di giusto o sblagliato ,loro piuttosto o prima di noi , è una necessità per tutti e non solo per le impronte digitali , ma anche per il DNA .
Proprio con riferimento ai bambini Rom , è stato già detto da più parti che molti di quelli portati in Italia per rubare non sono figli del capobanda ma sonbo stati rapiti o comprati e l'unico modo per stabilirne l' origine è il DNA . E' solo questione di tempo , prima o dopo ( forse ora si accellereranno i tempi) si arriverà ad una vera e propria carta di identità genetica.
Personalmente non ho avuto difficoltà al rilascio dell'impronta per la CIE e non avrei difficoltà a depositare il mio DNA e non solo perchè non ho nulla da nascondere ma perchè sono certa che quando vorranno avere informazioni su di me ( oltre a quelle che già hanno ) se le andranno a prendere senza chiedermi alcun permesso.Non mettere a disposizione i miei dati per sottrarmi a ingiusti e ingiustificati controlli è solo un'illusione , siamo di fatto controllati e non siamo in grado di impedirlo.

Ultima modifica di gibbi : 17-07-2008 alle ore 20.21.50.
gibbi non è connesso  
 


Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire nuovi messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare files
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice vB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Vai al forum

Discussioni simili
Discussione Autore discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
La Cura Era Testi Canzoni 7 29-10-2004 15.39.42


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 15.24.51.




Powered by vBulletin Copyright ©2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.
Questo sito non è, nè può ritenersi assimilabile ad una testata giornalistica, viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale. Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina della l. n. 62 del 2001. Il materiale pubblicato è sotto la responsabilità dei rispettivi autori, tutti i diritti sono di Ermopoli.it che incoraggia la diffusione dei contenuti, purchè siano rispettati i seguenti principi: sia citata la fonte, non sia alterato il contenuto e non siano usati a scopo di lucro. P.iva 02268700271