Ermopoli
L'antica città della conoscenza
  
    
Torna indietro   Ermopoli > Forum > Giardino Filosofico > Aforismi, Proverbi, Modi di dire

 
 
Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Vecchio 19-11-2009, 14.17.15   #1
Sole
Conosce ogni vicolo
 
Data registrazione: 31-08-2005
Messaggi: 5,478
Predefinito Apprendere e riflettere

"Apprendere e non meditare è vano. Riflettere senza studio è pericoloso"
Confucio

Trovo vera questa frase.
Quando studiamo e non cerchiamo di approfondire o riflettere su ciò che abbiamo letto o farlo nostro, è del tutto vano, appena più di una perdita di tempo. Ma pensare da soli su certe cose, qualunque esse siano, senza lo studio di filosofi o letterati o anche senza il confronto con le idee altrui e l'esterno è pericoloso perchè ci cristalizza su un'idea senza mai avere la controprova che sia reale. E' quando un ignorante pensa di sapere.

Così a prima lettura mi dice questo.
__________________
Se non sarò me stesso chi lo sarà per me? E se non ora, quando?
Sole non è connesso  
Vecchio 19-11-2009, 23.37.46   #2
RedWitch
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di RedWitch
 
Data registrazione: 20-12-2004
Messaggi: 3,377
Predefinito

Penso che in entrambi i casi manchi qualcosa, apprendere, se non supportato dall'esperienza intima, dalla riflessione fa rimanere lo studio su un piano esclusivamente mentale, lo vedo strettamente legato al capire senza comprendere, riflettere senza il supporto dello studio è l'altro lato della medaglia.. non si puo' andare oltre un certo limite senza lo studio, che ad un certo momento dovrebbe diventare indispensabile...
RedWitch non è connesso  
Vecchio 20-11-2009, 00.15.44   #3
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,149
Predefinito

Però tra le due opzioni considerate dalla frase la seconda è migliore, o se volete, la meno peggio.
Infatti, se apprendere senza meditare è vano, ossia inutile, invece riflettere senza studio è pericoloso, quindi non necessariamente dannoso. Come dire che uno potrebbe anche riuscire solo riflettendo, senza studiare. D'altronde qualcuno deve pur averlo fatto, vuoi perchè non aveva la possibilità di studiare, vuoi perchè alla sua epoca c'era ben poco da studiare (intendo prodotto altrui).

Ribaltando la cosa tuttavia, mentre la seconda opzione è pericolosa, quindi forse arreca danno (e un danno è l'autoreferenzialità) la prima non comporta rischi. Nonostante ciò continuo a preferire la seconda, perchè pur rischiando ci si muove, mentre con la prima si resta fermi.
Ovvio che il meglio sarebbe studiare e riflettere, apprendere e meditare.
Ray non è connesso  
Vecchio 20-11-2009, 00.58.04   #4
filoumenanike
Organizza eventi
 
L'avatar di filoumenanike
 
Data registrazione: 05-12-2008
Messaggi: 1,712
Predefinito

la prima frase è chiara, la seconda appare quasi una contraddizione...nella parola riflettere c'è l'azione di chi medita, di chi non fa cose avventate, però questa azione così tranquilla in sè, senza studio, cioè senza applicazione pratica potrebbe dimostrarsi pericolosa, quasi che chi riflette e basta rimanga come sospeso per aria, senza scendere nel pratico! dunque studio = applicazione...
filoumenanike non è connesso  
 


Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire nuovi messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare files
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice vB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Vai al forum

Discussioni simili
Discussione Autore discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
LA CURA: il testo di una canzone per riflettere Ladymind Psicologia moderna e antica 13 16-07-2005 19.45.19


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 10.08.57.




Powered by vBulletin Copyright ©2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.
Questo sito non è, nè può ritenersi assimilabile ad una testata giornalistica, viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale. Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina della l. n. 62 del 2001. Il materiale pubblicato è sotto la responsabilità dei rispettivi autori, tutti i diritti sono di Ermopoli.it che incoraggia la diffusione dei contenuti, purchè siano rispettati i seguenti principi: sia citata la fonte, non sia alterato il contenuto e non siano usati a scopo di lucro. P.iva 02268700271