Ermopoli
L'antica città della conoscenza
  
    
Torna indietro   Ermopoli > Forum > Tempio > Divinazione e tecniche conoscitive

 
 
Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Vecchio 24-11-2008, 20.54.24   #26
William
Ristruttura la casa
 
L'avatar di William
 
Data registrazione: 24-10-2008
Residenza: FIRENZE
Messaggi: 143
Predefinito

Grazie Uno.
William non è connesso  
Vecchio 24-11-2008, 21.52.01   #27
nikelise
Organizza eventi
 
L'avatar di nikelise
 
Data registrazione: 29-09-2007
Messaggi: 2,329
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Uno Visualizza messaggio
"Libera" è inteso nel senso che se c'è da fare un tot di cose sei libero solo quando le hai fatte, o puoi fare delle pause ma sempre poi in qualche modo devi farle.
Non è un liberarsi nel senso di evitare ciò che ereditiamo, quello è impossibile, qualcuno si illude di poterlo fare, qualcuno penso che sia sufficiente capire come stanno le cose, magari lavorarci psicologicamente... magari pensare che ci siano dei blocchi che possono essere rimossi, in realtà delle cose sono da fare, punto... non c'è altro mezzo.
E' come se il mio bisnonno abbia tirato su una parete, mio nonno la seconda parete, mio padre la terza ed io per avere la casa finita devo tirare su la quarta parete.
A quel punto potrei pensare che il mio bisnonno aveva idee strane sulle case etc... potrei mentalmente ribellarmi all'idea di dover finire la cosa, ma per quanto io mi sforzi se mi siedo e contemplo la parete mancante questa non crescerà da sola.
Certo posso prendere la mazza e buttare tutto giù, la cosiddetta ribellione, così mi ritroverò invece che con una parete da fare con tutte e 4 mancanti.

Se mi rimbocco le maniche e tiro su la quarta parete invece dopo posso decidere che a me quella casa non serve più... e posso decidere di buttarla giù, o più semplicemente andare a fare altre cose e lasciare quella casa li per usi futuri.

Poi nel discorso bisogna ricordare che come io sono il nipote di mio nonno, sono il nonno di mio nipote......

Il detto sulle tre generazioni racchiude e nasconde un principio più profondo (il 3 non è casuale ma ora è O.T.), il principio per cui per distruggere realmente una cosa questa deve essere matura, altrimenti potrai danneggiarla finchè vuoi, ma non la distruggi, come non puoi creare realmente se non hai il nulla in mano.
Ho capito e devo dire e' quello che sentivo :
abbiamo un compito e dobbiamo svolgerlo ,
questo compito e' scritto anche nel nome che porti e lo puoi comprendere se riprendi da dove quell'ordine parte da quel contesto sociale , da quell'ambiente .
Io ho il nome di mio nonno , del quale mio padre mi ha sempre parlato , mio figlio ha il nome di mio padre e devo dire che gli somiglia gia' anche se ha 8 anni .
Non scappi da quello che ti e' regalato e imposto .
Peccato che per svolgere quel compito ti va via una vita
nikelise non è connesso  
Vecchio 24-11-2008, 22.22.20   #28
jezebelius
Organizza eventi
 
L'avatar di jezebelius
 
Data registrazione: 27-02-2005
Messaggi: 1,865
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Uno Visualizza messaggio
L'innesto è inteso come il preciso punto dell'universo in cui sei collegato, nel micro la famiglia. Questo ti da determinate possibilità ma anche determinati limiti, la libertà totale è quando poi riuscirai a tagliare ogni radice, ma per far questo le radici vanno conosciute prima.
Continuo ad avere le idee poco chiare.

Allora, la famiglia, hai detto, è il " preciso" punto dell'universo al quale son collegato. La rappresentazione di questo punto, nel mondo e dunque della posizione che " occupo" è la famiglia.
Ora, la famiglia non deve essere solo intesa come semplice punto/rappresentazione ma, nel micro, anche come potenziale contenitore in quanto, posto che devo ripercorrere nuovamente per risolvere le questioni collegate - che si riproporranno in maniera più o meno simile passte dal predecessore di cui porto il nome, mio nonno nella specie - ed è nella famiglia stessa che individuo gli strumenti adatti.
Pertanto se da un lato ho gia gli strumenti, questi si pongono, anche, come limitazione nel senso che ci son quegli strumenti ( e basta ! ) per cui sarò costretto necessariamente a muovermi entro quel solco...tracciato precedentemente.

Per libertà totale, allora si intende la possibilità di scegliere - da me - gli strumenti per risolvere ciò che deve essere affrontato ( ? ).
Tutto ciò, dunque passa per il fatto che devo necessariamente procedere nella conoscenza di me stesso per evidenziare i punti che devo affrontare ma anche per conoscere quegli strumenti. Non si potrebbe altrimenti!

Queste questioni pertanto da affrontare continuano necessariamente per un cammino di " costruzione" iniziato dai miei predecessori per l'appunto le pareti costruite, ed ora si chiederebbe la costruzione della restante -parete - quale risultato delle altre.
__________________
Dr. Marc Haven
“Non deve essere l’alba di luce che deve iniziare ad avvisare la tua anima di tali doveri giornalieri e dell’ora in cui gli incensi devono bruciare sui fornelli; è la tua voce, solo lei che deve chiamare l’alba di luce e farla brillare sulla tua opera, alfine che tu possa dall’alto di questo Oriente, riversarla sulle nazioni addormentate nella loro inattività e sradicarle dalle tenebre in cui versano.”
jezebelius non è connesso  
Vecchio 26-11-2008, 20.31.35   #29
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,111
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da nikelise Visualizza messaggio
Peccato che per svolgere quel compito ti va via una vita
Non è detto, può essere che non ti basti, come che "finisci" prima.

Citazione:
Originalmente inviato da jezebelius Visualizza messaggio
Continuo ad avere le idee poco chiare.

Allora, la famiglia, hai detto, è il " preciso" punto dell'universo al quale son collegato. La rappresentazione di questo punto, nel mondo e dunque della posizione che " occupo" è la famiglia.
Ora, la famiglia non deve essere solo intesa come semplice punto/rappresentazione ma, nel micro, anche come potenziale contenitore in quanto, posto che devo ripercorrere nuovamente per risolvere le questioni collegate - che si riproporranno in maniera più o meno simile passte dal predecessore di cui porto il nome, mio nonno nella specie - ed è nella famiglia stessa che individuo gli strumenti adatti.
Pertanto se da un lato ho gia gli strumenti, questi si pongono, anche, come limitazione nel senso che ci son quegli strumenti ( e basta ! ) per cui sarò costretto necessariamente a muovermi entro quel solco...tracciato precedentemente.

Per libertà totale, allora si intende la possibilità di scegliere - da me - gli strumenti per risolvere ciò che deve essere affrontato ( ? ).

In un certo senso la libertà è non scappare da quello che devi fare, ma trovare anche il modo di fare altro. Questo detto in maniera ultra-sintetica.
Quindi anche gli strumenti.. quelli che hai vanno usati come meglio è possibile, possibilmente nel modo adatto a questi strumenti -con una forbice puoi anche piantare un piccolo chiodo, ma un martello è meglio- ma nulla ci vieta di cercarne anche altri.
Quote:


Queste questioni pertanto da affrontare continuano necessariamente per un cammino di " costruzione" iniziato dai miei predecessori per l'appunto le pareti costruite, ed ora si chiederebbe la costruzione della restante -parete - quale risultato delle altre.
Ti faccio ( e lo faccio ad altri) un esempio. Se San Francesco non fosse stato ricco, non avesse soggiornato nel divertimento e lusso, non avrebbe potuto essere San Francesco.
Per divenire quello che è divenuto ha dovuto prima continuare la tradizione di famiglia.

Per altri Santi (o personaggi profani) le cose sono diverse, ma sempre chi adempie lo scopo della propria vita deve passare per la sua tradizione, in senso più o meno profondo, che sia solo della sua famiglia o più ampio.
Uno non è connesso  
Vecchio 26-11-2008, 21.08.23   #30
Era
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Era
 
Data registrazione: 29-05-2004
Messaggi: 2,671
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Uno Visualizza messaggio
Se ci fate caso c'è anche una gran moda della ricerca del nome strano o esotico/straniero, un'inconscio desiderio di spezzare le catene e le tradizioni della famiglia, senza sapere che così non si spezza nulla, si perde solo la forza.

.
Si parla di nome come impronta (tendenze carattere capacità ecc..) sono nomi scelti da genitori per i propri figli da noi s' impone con il battesimo (sacramento-iniziazione) quindi il nome ha una sua sacralità..mi chiedo se un nome scelto per se stesso da adulto (niente cerimonia nè iniziazione)...voglio dire ho un nome che non mi piace per sfizio o per motivo più intimo forse proprio per spezzare le catene..come dici tu..e me lo cambio e tutti mi conoscono con quello scelto personalmente...non cambio nulla..non spezzo nulla? e la forza che si perde indebolisce in che modo?

__________________
Dio mi conceda
la serenità di accettare
le cose che non posso cambiare
il coraggio di cambiare
quelle che posso cambiare
e la saggezza
di distinguere tra le une e le altre
Era non è connesso  
Vecchio 27-11-2008, 16.57.13   #31
griselda
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di griselda
 
Data registrazione: 07-01-2006
Messaggi: 7,533
Predefinito

Il mio nome l'ha scelto solo mio padre amava un'attrice e mi ha dato il suo nome, (mai visto un suo film chissà forse dovrei) se come detto da Uno i nomi o vogliono legarsi alla tradizione oppure vogliono in qualche modo distaccarsene, mio padre mi viene da pensare, dato che a mio fratello invece diede il nome di suo padre che non volesse avere niente a che vedere con sua madre e con la sua tradizione? Oppure la tradizione vale solo per i maschi? E poi tradizione di quale filo paterno o materno o di entrambi?

Mi sto chiedendo cosa si intenda per tradizione, si ho capito che se uno è commerciante di solito arrivava a fare il commerciante per poi magari arrivare a capire che quello non gli bastava più, che non fa per lui.
(Che poi Francesco era il come che gli aveva dato il voltastomaco penso io eh)

Scritto questo mi viene da pensare che almeno uno ci deve provare ad essere i suoi genitori e la loro tradizione?
Eppure mi domando ancora: se i nostri genitori sono comunque dentro di noi perchè la destra e la sinistra maschile e femminile sono loro e anche come educazione siamo già nella tradizione o no?

Inoltre io non ho mai conosciuto i miei nonni e di loro so poco e niente e così mio figlio. Come se qualcuno avesse già tentato di tagliare una catena che stava stretta di cui non riconosceva ne la paternità ne la maternità. Non onorati oserei dire.

Se da figlio ti rendi conto che qualcosa non andava nei tuoi genitori non lo accetti e poi non lo accetterai in te pure essendoci, perchè la trasmissione avviene comunque che noi lo vogliamo o no. A me è capitato che non mi piacessero certe cose e poi mi sono ritrovata ad averle e per questo poi a biasimarmi. Anche se la logica dovrebbe portare ad accettare che da un pero non nasce un melo come recitava quell'antico detto. Ed anche che ciò che non ci hanno trasmesso non lo abbiamo e non possiamo trasmetterlo.

Ok sono ai vecchi minestroni sperem che non vada pure a male. Sta cosa la vedo talmente complicata che mi sto attorcigliando.
__________________
------------------------

ORDINE RITMO ARMONIA
griselda non è connesso  
Vecchio 07-01-2009, 14.31.38   #32
Sole
Conosce ogni vicolo
 
Data registrazione: 31-08-2005
Messaggi: 5,443
Predefinito

Ho una curiosità a cui penso da un pò.
Abbiamo detto che il nome collega la memoria e le questioni da risolvere degli appartenenti al filo genetico della famiglia.
Un figlio dovrebbe poter chiudere i fatti passati creati dai padri dei padri e aprire il suo nuovo flusso. Ma cosa succede se in una famiglia non si procrea più?
Se ad un certo punto in un nucleo familiare si smette di generare figli cosa succede? A chi va in carico di trasformare il passato in un nuovo flusso?
La risposta che mi son data per ora è che in potenza l'ultimo figlio della catena ha tutto in se sia del passato che del futuro. Potrebbe, sempre in potenza, trasformare il passato ed aprire il nuovo, quindi nelle sue mani è la responsabilità del ceppo che non si rigenera più? In lui è tutto il potenziale oppure si chiude e basta, nessuna più possibilità.
C'è anche da dire che un filo genetico non è poi così semplice da chudere perchè non si dovrebbe parlare di una sola famiglia come nucleo ma come passaggi infiniti tra zii, cugini, nipoti ecc ecc, prima di arrivare all'ultimo possibile c'è ne vuole.. ma cosa succede in un nucleo? Si perde tutto o da qualche parte si recupera?

Spero sia chiaro e di non portare troppo fuori il discorso.
__________________
Se non sarò me stesso chi lo sarà per me? E se non ora, quando?
Sole non è connesso  
Vecchio 07-01-2009, 16.47.41   #33
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,149
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Sole Visualizza messaggio
Ho una curiosità a cui penso da un pò.
Abbiamo detto che il nome collega la memoria e le questioni da risolvere degli appartenenti al filo genetico della famiglia.
Un figlio dovrebbe poter chiudere i fatti passati creati dai padri dei padri e aprire il suo nuovo flusso. Ma cosa succede se in una famiglia non si procrea più?
Se ad un certo punto in un nucleo familiare si smette di generare figli cosa succede? A chi va in carico di trasformare il passato in un nuovo flusso?
La risposta che mi son data per ora è che in potenza l'ultimo figlio della catena ha tutto in se sia del passato che del futuro. Potrebbe, sempre in potenza, trasformare il passato ed aprire il nuovo, quindi nelle sue mani è la responsabilità del ceppo che non si rigenera più? In lui è tutto il potenziale oppure si chiude e basta, nessuna più possibilità.
C'è anche da dire che un filo genetico non è poi così semplice da chudere perchè non si dovrebbe parlare di una sola famiglia come nucleo ma come passaggi infiniti tra zii, cugini, nipoti ecc ecc, prima di arrivare all'ultimo possibile c'è ne vuole.. ma cosa succede in un nucleo? Si perde tutto o da qualche parte si recupera?

Spero sia chiaro e di non portare troppo fuori il discorso.
Credo che in assenza di procreazione, e quindi di trasmissione, o l'ultimo/ultimi della catena riescono a usare e trasformare oppure quel che è stato passato, sia il bene che il male, muoia con loro (che poi riapparirà sotto altra forma da qualche parte eccetera)
Ray non è connesso  
Vecchio 11-01-2009, 14.14.57   #34
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,111
Predefinito

In ogni caso siamo immersi nella società, anche se siamo persone comuni, non tanto conosciute e con poca influenza in mode, usi e costumi, comunque il nostro vissuto è
un piccolo ingranaggio dell'enorme macchinario che è l'insieme di tutti noi.
Comunque sarà interessante esplorare come discorso a se stante le catene trasmissive, metto nell'agendina
Uno non è connesso  
Vecchio 14-01-2009, 16.24.19   #35
Sole
Conosce ogni vicolo
 
Data registrazione: 31-08-2005
Messaggi: 5,443
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Ray Visualizza messaggio
Credo che in assenza di procreazione, e quindi di trasmissione, o l'ultimo/ultimi della catena riescono a usare e trasformare oppure quel che è stato passato, sia il bene che il male, muoia con loro (che poi riapparirà sotto altra forma da qualche parte eccetera)
Citazione:
Originalmente inviato da Uno Visualizza messaggio
In ogni caso siamo immersi nella società, anche se siamo persone comuni, non tanto conosciute e con poca influenza in mode, usi e costumi, comunque il nostro vissuto è
un piccolo ingranaggio dell'enorme macchinario che è l'insieme di tutti noi.
Comunque sarà interessante esplorare come discorso a se stante le catene trasmissive, metto nell'agendina
Se ho capito, considerando che siamo tutti fratelli sia fisicamente che non derivando da un primo uomo e donna, nulla si perde, al più si trasforma, perchè è un unico ceppo con infinite diramazioni.
__________________
Se non sarò me stesso chi lo sarà per me? E se non ora, quando?
Sole non è connesso  
Vecchio 08-02-2009, 00.25.56   #36
dafne
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di dafne
 
Data registrazione: 24-09-2007
Messaggi: 3,528
Predefinito

scusate io ho una domanda più banale
l'altra sera in tv una concorrente di un quiz aveva un nome assurdo...Arca

Ora, al di là della possibile vitaccia che avrà fatto (buon per lei che è una bella donna sennò apriti cielo..) mi chiedo se nomi strampalati come questo che, a mio avviso, non sarebbero neanche nomi, che influenza esprimono ed esercitano sulle persone?

Voglio dire, già con Asia,America, Azzurra ecc ci si fà venire qualche dubbietto ma Arca...

per carità magari è questione di abitudine, la mitica Summer dei telefilm in realtà è la nostra Estate ma..boh..mi sembra che chiamare Arca qualcuno sia un pò come chiamarla Seggiola o Calesse...
E di nomi simili ne ho già sentiti altri ma adesso mi scappano
dafne non è connesso  
Vecchio 08-02-2009, 00.33.03   #37
Grey Owl
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Grey Owl
 
Data registrazione: 24-01-2006
Messaggi: 2,100
Predefinito

Nella tradizione contadina delle mie parti i figli venivano chiamati coi nomi della classifica di arrivo. Ancora oggi si trovano persone col nome di Primo, Secondo, Terzo,ecc...
Per dire che il nome Arca ricorda quella dell'alleanza o quella di Noè, ma chiamarsi con un numero denota poca fantasia.
Grey Owl non è connesso  
Vecchio 08-02-2009, 00.39.24   #38
Sole
Conosce ogni vicolo
 
Data registrazione: 31-08-2005
Messaggi: 5,443
Predefinito

Anch'io ho pensato all'Arca dell'alleanza e se fosse quella l'intenzione sarebbe un gran bel nome.
__________________
Se non sarò me stesso chi lo sarà per me? E se non ora, quando?
Sole non è connesso  
Vecchio 08-02-2009, 00.47.32   #39
griselda
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di griselda
 
Data registrazione: 07-01-2006
Messaggi: 7,533
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Sole Visualizza messaggio
Anch'io ho pensato all'Arca dell'alleanza e se fosse quella l'intenzione sarebbe un gran bel nome.
Anche a me pare un bellissimo nome, hai parlato di intenzione, in effetti quando scelsi il nome per mio figlio, lo scelsi in base a ciò che sentivo/provavo per lui....a ciò che lui era per me.
__________________
------------------------

ORDINE RITMO ARMONIA
griselda non è connesso  
Vecchio 06-04-2009, 19.52.30   #40
filoumenanike
Organizza eventi
 
L'avatar di filoumenanike
 
Data registrazione: 05-12-2008
Messaggi: 1,712
Predefinito

Il fatto che il cognome ci vincoli al passato della famiglia mi è chiaro, anche se non capisco come il passato della madre possa perdersi nel nulla dal momento che il figlio prende il cognome paterno, ho, invece, dei dubbi sull'importanza del nome che portiamo e su quello che diamo ai figli, quasi che influenzi in qualche misura il loro futuro.

Mi ricordo di aver scelto il nome di mio figlio senza esitazione, al terzo mese di gravidanza, sapevo intimamente che sarebbe nato maschio fin dall'inizio e il suo nome era già dentro di me e venne accettato tranquillamente dal padre!

Vorrà dire qualcosa la scelta così spontanea di un nome?
filoumenanike non è connesso  
Vecchio 06-04-2009, 20.13.13   #41
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,149
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da filoumenanike Visualizza messaggio
ho, invece, dei dubbi sull'importanza del nome che portiamo e su quello che diamo ai figli,
Citazione:
Originalmente inviato da filoumenanike Visualizza messaggio
Vorrà dire qualcosa la scelta così spontanea di un nome?
Non capisco: non ha importanza o vuole dire qualcosa?
Ray non è connesso  
Vecchio 06-04-2009, 21.14.10   #42
filoumenanike
Organizza eventi
 
L'avatar di filoumenanike
 
Data registrazione: 05-12-2008
Messaggi: 1,712
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Ray Visualizza messaggio
Non capisco: non ha importanza o vuole dire qualcosa?
Ray, scusa, vorrei capire se abbia importanza oppure no, lo sto chiedendo, non contestando

E' un argomento che non conosco, non posso dare giudizi, la storia dei nomi mi ha sempre affascinato, per questo ho posto il quesito...
filoumenanike non è connesso  
Vecchio 06-04-2009, 21.19.19   #43
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,149
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da filoumenanike Visualizza messaggio
Ray, scusa, vorrei capire se abbia importanza oppure no, lo sto chiedendo, non contestando

E' un argomento che non conosco, non posso dare giudizi, la storia dei nomi mi ha sempre affascinato, per questo ho posto il quesito...
Ah scusa, mi sembrava una domanda retorica.
Ray non è connesso  
Vecchio 07-04-2009, 09.54.28   #44
filoumenanike
Organizza eventi
 
L'avatar di filoumenanike
 
Data registrazione: 05-12-2008
Messaggi: 1,712
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Ray Visualizza messaggio
Ah scusa, mi sembrava una domanda retorica.
Bene, ok
filoumenanike non è connesso  
Vecchio 03-04-2012, 21.04.44   #45
Arianna
Cittadino/a
 
L'avatar di Arianna
 
Data registrazione: 16-03-2012
Messaggi: 137
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da nikelise Visualizza messaggio
Ho letto qualcosa da qualche parte ma a prescindere ,
ho questa sensazione :
il mio nome e cognome non mi sembra abbia o assuma significato particolare qui dove sono nato io .
Del tutto diverso se '' colloco '' lo stesso nome e cognome nell'ambiente sociale in cui e' nato mio padre molto lontano da qui .
Ha un senso o e' solo una mia impressione , sensazione .
Il nome e il cognome e' qualcosa di piu' che non la nostra identificazione e' un'impronta , un marchio , il solco del nostro destino ?
O e' un po' troppo ?
Nella mia zona d'origine l'operazione del dare ad un figlio il nome d'uno dei propri genitori viene detta "puntellare", come se fosse messo lì a sostenere...

I miei si sono regolati così coi primi tre figli, poi con me c'è stata una variazione, beh, veramente c'è stata quasi un'abdicazione dato che a quanto pare il nome definitivo l'ha scelto il medico ed io da un lato ringrazio perché le alternative erano obbrobriose, dall'altro l'idea che abbiano lasciato scegliere ad un estraneo mica m'è piaciuta troppo
__________________
Arianna non è connesso  
Vecchio 03-04-2012, 23.40.32   #46
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,149
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Arianna Visualizza messaggio
Nella mia zona d'origine l'operazione del dare ad un figlio il nome d'uno dei propri genitori viene detta "puntellare", come se fosse messo lì a sostenere...

I miei si sono regolati così coi primi tre figli, poi con me c'è stata una variazione, beh, veramente c'è stata quasi un'abdicazione dato che a quanto pare il nome definitivo l'ha scelto il medico ed io da un lato ringrazio perché le alternative erano obbrobriose, dall'altro l'idea che abbiano lasciato scegliere ad un estraneo mica m'è piaciuta troppo
Va che ti è andata bene... non ti hanno puntellata. Nata leggera... il nome lo ha scelto l'universo, il medico passava di la per caso.
__________________

Ray non è connesso  
Vecchio 04-04-2012, 00.50.49   #47
gibbi
Partecipa agli eventi
 
L'avatar di gibbi
 
Data registrazione: 15-05-2007
Messaggi: 764
Predefinito

E' la citazione riportata all'inzio del libro che sto leggendo...

"Il nome come radice , e il nome come recipiente : nomi di modesto peso specifico : palloni che si alzano veloci nell'aria. Nomi pesanti , che trascinano a terra chi li porta senza averne diritto . Coppie di nomi , che formano le loro masse doppie . Nomi affamati e nomi sazi"

La rapidità dello spirito
Elias Canetti
gibbi non è connesso  
Vecchio 04-04-2012, 09.28.40   #48
Arianna
Cittadino/a
 
L'avatar di Arianna
 
Data registrazione: 16-03-2012
Messaggi: 137
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Ray Visualizza messaggio
Va che ti è andata bene... non ti hanno puntellata. Nata leggera... il nome lo ha scelto l'universo, il medico passava di la per caso.
Mi sa di sì, perché poi col fratello nato dopo ha scelto mio padre e per l'altro che sarebbe dovuto nascere, mia madre aveva già pronto il nome.

L'universo, eh? c'è andato mica piano allora... ogni tanto devo prendermi a scappellotti per le botte di megalomania che mi vengono a constatare che pur nella sua semplicità ce l'ho solo io, così (questa è una, mi pare evidente )
__________________
Arianna non è connesso  
Vecchio 04-04-2012, 12.24.49   #49
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,149
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Arianna Visualizza messaggio
pur nella sua semplicità ce l'ho solo io,
L'hai visto il tread sul significato dei nomi nella sottosezione simboli? Perchè inizia ad incuriosirmi...
__________________

Ray non è connesso  
Vecchio 04-04-2012, 12.31.58   #50
Faltea
Partecipa agli eventi
 
Data registrazione: 18-03-2007
Messaggi: 1,164
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da gibbi Visualizza messaggio
E' la citazione riportata all'inzio del libro che sto leggendo...

"Il nome come radice , e il nome come recipiente : nomi di modesto peso specifico : palloni che si alzano veloci nell'aria. Nomi pesanti , che trascinano a terra chi li porta senza averne diritto . Coppie di nomi , che formano le loro masse doppie . Nomi affamati e nomi sazi"
Questo mi incuriosisce..
Chi porta un nome senza averne il diritto?
__________________
Non ho bisogno di chi la pensa come me, ma di crescere aprendo la mente a diversi modi di vedere e di pensare.
Faltea non è connesso  
 


Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire nuovi messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare files
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice vB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Vai al forum

Discussioni simili
Discussione Autore discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
origine e interpretazione dei nomi Ray Simboli 189 04-04-2012 12.45.18
Comandamenti (Ebrei, Cristiani etc) Uno Tradizioni Spirituali ed Esoteriche 108 08-06-2011 23.56.19
Quando il nome fa il monaco... RedWitch Negozio RisoAllegro 2 04-09-2007 20.25.41
Libertà Era Letteratura & Poesia 2 12-04-2005 18.12.52


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 09.47.24.




Powered by vBulletin Copyright ©2000 - 2018, Jelsoft Enterprises Ltd.
Questo sito non è, nè può ritenersi assimilabile ad una testata giornalistica, viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale. Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina della l. n. 62 del 2001. Il materiale pubblicato è sotto la responsabilità dei rispettivi autori, tutti i diritti sono di Ermopoli.it che incoraggia la diffusione dei contenuti, purchè siano rispettati i seguenti principi: sia citata la fonte, non sia alterato il contenuto e non siano usati a scopo di lucro. P.iva 02268700271