Ermopoli
L'antica città della conoscenza
  
    
Torna indietro   Ermopoli > Forum > Botteghe > Arte

 
 
Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Vecchio 27-12-2004, 19.26.34   #1
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,171
Predefinito

Fin'ora sono stato impegnato con altri discorsi e questa sezione è rimasta un pò trascurata, la si potrebbe inglobare in altre, ma nella mia idea aveva un posto a se, perchè anche se io non mi sono mai molto interressato ad essa negli anni so, capisco e comprendo che ha un valore molto alto come veicolo dell'essere nelle sue molte forme.
Distinguerei in due tipi di arte, una non la considererei neanche arte... ed quella che per una serie di aberrazioni della mente umana ha più valore (economico soltanto però) e un'arte incosciente..."l'artista" pesca a caso qualcosa dal subconscio e la espone in qualche modo... può essere, pittura, scultura, etc..... chi è di fronte percepisce un messaggio (se lo fa) in base al suo essere soggettivo... in base al fatto che questo autore va di moda e ha uno stuolo di "critici" che lo definisce in un modo.... per cui messaggio non definito accoglimento dello stesso casuale, nel senso che non capita a caso ma in base a chi è chi percepisce e allo stato d'animo del momento.... in base a quello che gli è successo 5 minuti prima... al se vede la vita rosa o grigia (questo è reale non solo poetico)
Altra arte... quella che io definisco vera arte..... è quella espressa da un essere cosciente che imbottisce la creazione di infiniti messaggi, percepibili si in maniera diversa a seconda del "livello" a cui si trova il percipiente, ma nella stessa maniera per due individui allo stesso livello che abbiano superato il livello minimo di consapevolezza...

Ci avete capito qualcosa? Comunque devo anche continuare..... ma se volete intervenite...
Uno non è connesso  
Vecchio 29-12-2004, 00.04.19   #2
Shanti
Partecipa agli eventi
 
L'avatar di Shanti
 
Data registrazione: 19-12-2004
Messaggi: 1,350
Predefinito

...L'ho letto una ventina di volte, ci ho rimuginato un po', poi ci ho dormito sopra e... magari aspetto la continuazione...
Shanti non è connesso  
Vecchio 29-12-2004, 00.04.42   #3
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,171
Predefinito

Chiediamoci da dove viene fuori la definizione "Maestro d'arte" e perchè vengono definite arti anche i prodotti o meglio il produrre dell'artigianato (coloro che producono oggetti con un certo gusto artistico)....
perchè si dice "a regola d'arte".... stranamente i cosidetti artisti moderni (ma solo quelli che io ho definito della prima categoria....) più sono sregolati e più sembra che valgano.... invece un pittore di qualche secolo fa, doveva anche procurarsi le materie prime e prodursi i colori per avere ciò che gli serviva per dipingere con determinate caratteristiche.... un opera che doveva per forza suscitare (in base al livello di elevazione della persona) determinate percezioni, emozioni e anche intuizioni.... io pur non essendo un esperto ho visto quadri che sono disseminati di simboli nascosti.... ma visibili... ciò significa che certi monumenti del passato immortali racchiudono oltre la bellezza e una tecnica costruttiva capace di resistere molto a lungo (queste due cose sarebbero già da sole molto) un messaggio ai posteri.... un qualcosa che pur non essendo scritto tramite alfabeto, può essere più chiaro che se scritto su papiro (o carta o cd nei secoli) .....
Uno non è connesso  
Vecchio 29-12-2004, 00.08.25   #4
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,171
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da shanti
...L'ho letto una ventina di volte, ci ho rimuginato un po', poi ci ho dormito sopra e... magari aspetto la continuazione...
Abbiamo postato insieme
ci hai dormito sopra (sempre una buona cosa per interiorizzare) e...... cosa ti viene d'istinto?
Uno non è connesso  
Vecchio 29-12-2004, 01.37.47   #5
Shanti
Partecipa agli eventi
 
L'avatar di Shanti
 
Data registrazione: 19-12-2004
Messaggi: 1,350
Predefinito

Meno male che dici di non esserti mai interessato molto e di non essere un esperto di arte! Non oso immaginare che cosa avresti scritto altrimenti.
Io non ci provo neanche a parlare di arte, non sono in grado, anche se mi piace ammirare certe opere se mi danno emozioni e se mi dicono qualcosa. Ma penso di avere capito che cosa intendi dire.
Mi viene in mente un certo personaggio, che aveva l'abitudine di fare dei bellssimi disegni con le biro colorate. Poi li faceva dipingere da dei pittori (un tempo anche lui dipingeva poi, non so perché, a un certo punto ha smesso) e infine ci metteva la sua firma e li vendeva.
A chi gli domandava se disegnava ciò che vedeva, rispondeva che i suoi disegni non descrivevano la realtà, ma il suo modo di percepirla. Diceva che alcuni artisti danno una rappresentazione delle loro percezioni, mentre altri esprimono soltanto la loro follia.
E concludeva dicendo che non tutti gli artisti sono un po' folli, ma che tutti i folli sono un po' artisti.
Sono andata un po' fuori tema? Sì, è meglio che ci dorma sopra un altro po'...

Proverò a mettere qui sotto uno di questi disegni, anche se non è dei più belli, sperando di cavarmela meglio che con le citazioni (mi sto allenando, sai?)
Icone allegate
Clicca sull'immagine per ingrandirla

Nome:  m.1.jpg
Visite: 2007
Dimensione:  25.4 KB  
Shanti non è connesso  
Vecchio 29-12-2004, 10.55.29   #6
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,171
Predefinito

No... no perfetto l'esempio che allarga il discorso.... io mi ero riferito ai due estremi ma ci sono (come in tutto) infinite sfumature...
Allora se da un estremo ci sono gli "artisti" che esprimono solo la loro follia.... quelli adesso quotati dai critici (sarebbe da fare, e prima o poi lo faremo, un discorso su chi sono e come lavorano questi personaggi ) al lato opposto ci sono coloro che percepiscono oltre la realtà ordinaria e la impressionano (che sia tela, marmo, carta etc..) con determinate regole che danno all'opera universalità.... in mezzo ci sono infinte sfumature di percezione ... certo preferisco un opera di un mediocre piuttosto che di un semplice folle, ma se riesco a "lavorare" con le opere dei Grandi è molto meglio.... ricordiamoci che anche senza Comprendere l'osservare con cura.... "sentire" l'opera ci può predisporre a determinati stati d'animo per il principio di risonanza.... come quando una nota perfetta mette in risonanza tutte le minori (non è proprio una definizione perfetta ma non sono esperto neanche di musica ).
Se si riesce distinguere già a priori la levatura dell'opera sarebbe anche meglio entrare in sintonia solo con quelle migliori (sono quelle che diventano/sono diventate immortali) ma non ci vieta di valutare le sensazioni anche di quelle sconosciute, ma sarebbe consigliabile non entrarci in risonanza finchè non si capisce il valore.... Es se vedo un quadro di un folle perchè devo immergermi nella sua follia? E' pur vero che il simile attira il simile e incosciamente saremmo attratti da ciò che più si avvicina al nostro essere...

P.s. ad un livello di percezione diverso dal nostro comune la nostra realtà fisica è geometrica... le rette intersecanti del disegno che hai postato Shanti sono il tentativo di tradurre la percezione di altri stati percettivi
Uno non è connesso  
Vecchio 30-12-2004, 00.14.12   #7
Shanti
Partecipa agli eventi
 
L'avatar di Shanti
 
Data registrazione: 19-12-2004
Messaggi: 1,350
Predefinito

Più vai avanti col discorso più diventa interessante, e te lo dice una che non si è mai interessata molto di arte. Non finirò mai di imparare qualcosa!


Citazione:
Es se vedo un quadro di un folle perchè devo immergermi nella sua follia? E' pur vero che il simile attira il simile e incosciamente saremmo attratti da ciò che più si avvicina al nostro essere...
Totalmente d'accordo.


Citazione:
Originalmente inviato da Uno
P.s. ad un livello di percezione diverso dal nostro comune la nostra realtà fisica è geometrica... le rette intersecanti del disegno che hai postato Shanti sono il tentativo di tradurre la percezione di altri stati percettivi
Puoi spiegarmi meglio questo concetto? Ho guardato a lungo quel disegno e anche se a prima vista sembra solo un granchio, mi dà delle sensazioni che non riesco a definire. Non ti so spiegare, quando lo guardo da lontanto noto l'ombreggiatura che ha fatto ai bordi del foglio, come se il granchio, tra tutte quelle linee e colori, avesse intorno una luce. Mi viene da domandarmi che cosa stava "vedendo" mentre lo disegnava.


Nel tuo secondo post scrivi che hai visto quadri disseminati di simboli nascosti e visibili. Puoi farmi qualche esempio?
Shanti non è connesso  
Vecchio 30-12-2004, 16.58.42   #8
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,171
Predefinito

Tento.... quello che ordinariamente percepiamo come vuoto in realtà non lo è, nella forma fisica è tutto pieno di particelle che normalmente non vediamo... per far esempi, la scienza è arrivata a scoprire cose come gli infrarossi, raggi x etc... non visibili ma reali, e questa è solo la punta dell'iceberg non c'è vuoto nella tridimensionaltà, per cui se venissero esclusi i filtri che ci impediscono la visione di quello che non ci farebbe apparire il mondo come ci appare vedremmo delle cose che non sarebbero esprimibili se non per tentativi, come presumo abbia fatto chi ha disegnato il granchio etc.... ( pensandoci bene, potrebbe anche aver disegnato solo la tovaglia, io non lo conosco e bisognerebbe vedere altri disegni)

Era mia intenzione mettere degli esempi appena riesco anche a trovare le immagini
Uno non è connesso  
Vecchio 31-12-2004, 13.56.11   #9
Shanti
Partecipa agli eventi
 
L'avatar di Shanti
 
Data registrazione: 19-12-2004
Messaggi: 1,350
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Uno
... ciò significa che certi monumenti del passato immortali racchiudono oltre la bellezza e una tecnica costruttiva capace di resistere molto a lungo (queste due cose sarebbero già da sole molto) un messaggio ai posteri.... un qualcosa che pur non essendo scritto tramite alfabeto, può essere più chiaro che se scritto su papiro (o carta o cd nei secoli) .....
Vediamo se ho capito. I simboli sono segni grafici che agiscono indipendentemente dal fatto che siano conosciuti sul piano intellettivo. Se è vero, cosa che io credo, che tutti abbiamo dentro di noi a livello inconscio la verità i simboli possono portare la conoscenza di essa a livello della coscienza.
Un simbolo archetipo universale quindi opera in profondità nella persona e raggiunge il suo inconscio operando dall'interno. Naturalmente è soggettivo , può essere interpretato in vari modi e, come uno specchio, riflette immagini diverse a seconda di chi lo guarda.
Invece le parole scritte raggiungono la sfera intellettiva o la "ragione". Ma un approccio simbolico opera in modo differente da un approccio intellettuale perchè è comunque un costrutto del pensiero. E il pensiero è un prodotto della mente. Ma la mente non è lo Spirito!

Visto che tu sei della bilancia come me, ti metto qui sotto un dipinto, che forse avrai visto in giro, nel quale l'autore rappresenta i molteplici aspetti di questo segno zodiacale attraverso i simboli. Simboli che egli ha tratto da tre principali sistemi filosofici: Neoplatonismo, Ermetismo e Cabala ebraica. Buon divertimento!
Icone allegate
Clicca sull'immagine per ingrandirla

Nome:  libra.jpg
Visite: 810
Dimensione:  95.9 KB  
Shanti non è connesso  
Vecchio 31-12-2004, 14.38.40   #10
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,171
Predefinito

Beh questo è mooooolto esplicito (a livello simbolico).... c'è di tutto e di più..... è abbastanza moderno o sbaglio? Tu che vedi?
Dai esprimiti.... poi ti dico quello che ci vedo (in maniera sintetica, ci si può scrivere un libro solo su questo disegno)

Il discorso simbolo che hai fatto è interessante, distinguerei solo l'archetipo come conoscibile attraverso il simbolo (non come la stessa cosa, può essere che lo hai scritto diversamente e intendevi la stessa cosa, comunque specifichiamo)
il discorso mente-spirito pure mi piace, diciamo che con il simbolo portiamo l'archetipo nella mente... archetipo che dallo spirito è ben Compreso ma dalla mente no senza l'ausilio del simbolo



P.s. appena trovo metto qualcosa di meno esplicito (come opera d'arte) ma significativo
Uno non è connesso  
Vecchio 01-01-2005, 20.05.03   #11
Shanti
Partecipa agli eventi
 
L'avatar di Shanti
 
Data registrazione: 19-12-2004
Messaggi: 1,350
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Uno

Il discorso simbolo che hai fatto è interessante, distinguerei solo l'archetipo come conoscibile attraverso il simbolo (non come la stessa cosa, può essere che lo hai scritto diversamente e intendevi la stessa cosa, comunque specifichiamo)
Hai ragione! Inciampando nelle parole intendevo dire che l’archetipo evoca un’immagine simbolica, grazie per aver specificato! Come avrai capito è la prima volta che scrivo in un forum, e per me è un’esperienza tutta nuova che mi permette prima di tutto di parlare con qualcuno di tutto quel guazzabuglio di concetti,idee e pensieri che ho dentro di me, secondo di metterci un po’ di ordine, terzo imparare a esprimerli con le parole il più correttamente possibile visto che finora non ne ho mai avuto occasione! Quindi ti capiterà di correggermi spesso, preparati perché metterò a dura prova la tua pazienza con la mia Grande Confusione!!! Tanto per farti un esempio di quest’ultima, noto nel mio post precedente che, lì dove volevo intendere che un archetipo racchiude un simbolo, scrivo che esso raggiunge l’inconscio. Ma poi finisco intendendo che lo Spirito Sa (o Comprende come dici tu)!!! Inizio usando un concetto della psicologia e termino con uno spirituale.

Quanto al dipinto è moderno, se non sbaglio è del 1973, so che Johfra, l’autore, venne incaricato di illustrare i dodici segni zodiacali per poterne realizzare dei posters. Però visto che esistevano già delle illustrazioni, tutte più o meno uguali, da centinaia di anni, Johfra decise di realizzarne una serie combinando tra loro una serie di simboli, tutti in rapporto con il segno zodiacale che man mano eseguiva.
Quindi io se vuoi ti dico che cosa ci vedo, però devi capire che io ho queste illustrazioni da tempo, e visto che Johfra ha elencato tutti i simboli in una descrizione, pur non scrivendo “questo vuol dire quello” ecc., io mi sono limitata a compiere una ricerca su ogni simbolo rappresentato. Ora è chiaro che ogni persona può vedere qualcosa di diverso nei simboli che Johfra ha utilizzato, rispetto ai significati che egli sentiva personalmente, però comunque è anche vero che il suo “sentire” mi può avere condizionato!
E adesso vado alla lavagna!

Nella Bilancia l’accento viene posto sull’anima. E’ un segno positivo, aria in espansione, governato dal pianeta Venere. Venere, dea dell’amore, dell’armonia e della bellezza governa questo segno il cui tratto dominante è, innanzitutto, l’equilibrio tra la testa e il cuore, fra l’intelligenza e il sentire.
Johfra ha aggiunto al simbolismo di questo segno Mercurio,che governa il sapere, sotto la forma egizia di Thot.
Non so se riesci a vedere bene il file, ma Thot ha sul “gonnellino” il segno astrologico che rappresenta il pianeta Mercurio, lì dove ha la cintura. Thot è il dio di Hermopolis , messaggero degli dei e dio della saggezza, della scrittura, delle arti magiche e delle fasi lunari. Nell’oltretomba assiste alla pesatura del cuore del defunto. Qui viene rappresentato con la testa di ibis, intorno alla quale si avvolgono i famosi serpenti della bacchetta di Mercurio, che indicano i poteri positivi e negativi che si uniscono nell’armonia. In mano Thot tiene la croce ansata, simbolo di immortalità nell’antico Egitto. Ah! Noto adesso che Thot ha anchele ali, penso che sia sempre per rappresentare anche Mercurio...
Alla sua destra simmetricamente è rappresentata Venere, nella forma egizia di Hathor, dea delle feste e dell’amore raffigurata con orecchie e corna di vacca. In mezzo alle corna c’è il segno astrologico del pianeta Venere, e appena sopra una stella a sette punte che rappresenta sempre Venere, essendo sette il suo numero, visto che, nell’Albero della Vita della Cabala, è posizionata nella settima sephira.
Hathor era la dea di Afroditopolis e di Dendera. Dea dell’amore, patrona della musica e della danza, generalmente rappresentata con l’aspetto di vacca. Tiene in mano il sistro, il suo emblema, che era lo strumento abituale delle sue sacerdotesse. Intorno alla cornice del sistro serpeggiano quattro onde orizzontali che rappresentano i quattro elementi che risuonano insieme armoniosamente nel cosmo.

Thor e Hator tengono in equilibrio i piatti della bilancia, su uno dei quali è posto un cuore, nella forma egiziana dell’urna. Nell’altro piatto si trova la piuma bianca della verità e della giustizia di Maat, sorella di Thot.


Mercurio e venere si trovano rispettivamente a sinistra e a destra dei piatti, in accordo con la Cabala in cui Hod, sephira che governa l’intelletto dell’uomo, è posta sulla base dell’albero di sinistra della colonna della vita insieme a Netsah, il sentire, che è posto di fronte, ai piedi della colonna di destra, quella della misericordia. Anche qui abbiamo l’equilibrio perfetto fra la ragione e l’emozione. La ragione senza emozioni è sterile e mortale, mentre l’emozione senza la ragione si limita al sentimentalismo e crea il caos.


Appena sotto questo simbolo c’è quello cinese Yang-Yin, che si riferisce in questo caso ai vari aspetti dell’”unione degli opposti”.

Più sotto le due sfingi assire illustrano ancora il dualismo armoniosamente risolto dal segno della Bilancia. Esse si riferiscono alla carta dei Tarocchi associata al segno, cioè il Carro della Vittoria. Le sfingi rappresentano anche i quattro elementi della natura, contemporaneamente positivi (sfinge maschio) e negativi (sfinge femmina): la testa è l’elemento acqua, le zampe anteriori da leone il fuoco, le ali rappresentano l’aria e, le zampe posteriori di un bue, la terra. Tra l’altro queste ricordano le quattro creature della visione di Ezechiele.

Il pavimento a scacchi bianchi e neri è un altro riferimento al lavoro delle energie dei poli, oltre a ricordarci quello del tempio massonico. Il giglio in primo piano rappresenta la serenità, risultato del perfetto equilibrio fra la testa e il cuore, tanto per cambiare.

Anche il cubo rappresenta un altro simbolo massonico (ho letto La chiave di Hiram, anche se a un certo punto cominciava a stridere con quello che sentivo io): la pietra angolare, il Cristo, la pietra filosofale degli alchimisti. E’ anche l’”altare sacro nel tempio in cui la luce degli Spiriti risplende sempre e non muore mai”, qui rappresentato dalle due mani appena sopra che indicano il simbolo indù corrispondente al nostro segno della Bilancia.
Il cubo dovrebbe essere nero ma l’autore l’ha dipinto come un cristallo perché potesse comparire la palla al suo interno sulla quale è disegnato il segno astrologico della Bilancia, ancora all’interno di una stella a sette punte.
Se il cubo fosse aperto verso l’esterno le sue sei superfici rappresenterebbero la croce cristiana e l’embrione dorato sarebbe nel centro della croce, riferendosi al credo dei Rosa-Croce che pone la rosa nel centro di essa. (come non ti sarà sicuramente sfuggito nella parte superiore della bilancia).
Anche i Rosa-Croce hanno cercato l’equilibrio fra testa e cuore nella formazione della persona perfetta; la rosa rossa è il fiore di Venere e simbolizza l’amore che si offre in sacrificio.

Manca ancora la lemniscata, simbolo dell’infinito, in alto, con i due poteri polari del sole e della luna, spirito e anima, che si influenzano reciprocamente, in eterno.
Questo mi fa venire in mente che Venere, la grande stella del mattino, era anche chiamata Luna-Sole o Ishtar, e per gli Esseni rappresentava il mistero e la luce. Dico questo perché gli Esseni mi affascinano molto, come la figura del Cristo d'altronde, pur essendo un livello abbastanza basso rispetto a un filone di tradizioni dell Est, come mi ha fatto gentilmente notare qualcUno in privata sede. angel4.gif

Chissà perché ma ho la sensazione che i coccodrilli che mi aspettano prossimamente saranno mooooolto feroci . E soprattutto mooooooooooolto affamati. Per la serie “ognuno ha quello che si merita”... ben vengano, e si prendano tutto quello che non mi può servire. Sarò felice di offrirglielo, sono anche certa che si faranno una bella scorpacciata...anzi lo spero!



Shanti non è connesso  
Vecchio 01-01-2005, 21.24.50   #12
Era
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Era
 
Data registrazione: 29-05-2004
Messaggi: 2,671
Predefinito

Shanti....mi hai lasciata senza parole!!!!
se anche t'inciampi...come dici tu...lo fai in modo
delizioso.....spirito d' osservazione da invidiare...

bellissima questa discussione... con interesse
__________________
Dio mi conceda
la serenità di accettare
le cose che non posso cambiare
il coraggio di cambiare
quelle che posso cambiare
e la saggezza
di distinguere tra le une e le altre
Era non è connesso  
Vecchio 02-01-2005, 14.13.55   #13
Shanti
Partecipa agli eventi
 
L'avatar di Shanti
 
Data registrazione: 19-12-2004
Messaggi: 1,350
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Era
spirito d' osservazione da invidiare...

bellissima questa discussione... con interesse

Grazie Era , tu sei molto gentile, ma se non avessi avuto l'elenco non credo che avrei visto tutto quanto. Tempo fa, quando mi sono capitate in mano queste immagini, c'erano simbologie che pur avendo notato, non conoscevo. Ma devo dire che al tempo, grazie alla mia insaziabile curiosità, avevo iniziato una ricerca entusiasmante approfondendo svariati argomenti: la Cabala, l'Antico Egitto, la Massoneria, i Rosa-Croce... E tutto quanto si aggancia a qualcos'altro...
Uno ha ragione: c'è di tutto e di più in quella illustrazione!

Mi sa che siamo andati un po' fuori tema, con questa discussione!

Era di che segno sei?
Shanti non è connesso  
Vecchio 02-01-2005, 15.01.08   #14
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,171
Predefinito

Beh per il andare fuori tema, se ci interessa quello che scriviamo no problem... ma non mi sembra poi.... stiamo semplicemente disegnando una mappa di come si può guardare l'arte anche tecnicamente (cioè con la conoscenza) oltre che con i sentimenti cioè mettendoci davanti e lasciandoci "prendere" da essa. Io trovo che andrebbero sempre usate insieme.

Devo dire che io non conosco a memoria tutte le belle cose (soprattutto i nomi e le derivazioni) che hai scritto sopra su quell'immagine, anche se per analogia ne ho la mia comprensione... in linea sintetica hai fatto un bel lavoro di riassunto a cui non credo di dover aggiungere molto, l'unica cosa.... che in mezzo al simbolo dell'infinto, del yin yang, al posto della rosa, e all'interno del cubo è la nostra posizione nell'universo.... certo la rosa deve sbocciare, e lo stesso vale per l'apertura del cubo, per cui due sono la condizione in cui siamo tutti (infinito e yin yang) e due sono le potenzialità ( rosa e stella a sette punte)
La sfinge è anche un simbolo molto complesso una lettura può essere quella da te descritta, un 'altra (questa è una mia lettura prendetela con discernimento, e non è l'unica possibile) visto anche l'evoluzione di essa (sfinge) in varie forme (certe hanno solo il corpo di leone e testa umana, tipo quella egizia) ci vedo anche l'evoluzione e la possibile evoluzione umana, partendo dalla coda di drago o serpente di alcune di esse la genesi(anche in queste mi sembra di intravedere la coda di serpente) sino alla testa umana (uomo completo), passando per il corpo di bue (corpo animale) corpo di leone (passione)
le ali dell'aquila (spirito)
Uno non è connesso  
Vecchio 02-01-2005, 15.11.55   #15
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,171
Predefinito

Prova con questa... non cercare di capire chi sono le statue sui lati etc... ci saranno vari simboli e chiavi di lettura ma io vedo principalmente quello centrale.... quello protagonista

Non è solo un discorso tra noi due, chi vuole può partecipare
Icone allegate
Clicca sull'immagine per ingrandirla

Nome:  tre.jpg
Visite: 800
Dimensione:  49.2 KB  
Uno non è connesso  
Vecchio 02-01-2005, 15.18.49   #16
Era
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Era
 
Data registrazione: 29-05-2004
Messaggi: 2,671
Predefinito

forse andiamo fuori tema....forse no...

mi ha affascinato l' immagine che hai postato
e ti avrei chiesto l' immagine del mio segno
sono acquario ascendente scorpione..

come te sono curiosa di questi argomenti...
a dire la verità..curiosa è poco....purtroppo
ho poco tempo...e difficoltà a ricercare...
(e qui Uno gongolerà perchè vede affermarsi
la sua teoria della mia imbranataggine )

per restare in tema...dirò che davanti all' arte
ho reazioni diverse...nel senso che non sono
intenditrice...."guardando" un' opera "sento"
a volte emozione altre volte disagio...
mi perdo nella notte stellata o tra gli iris
di van gogh presa dall' intensità dei colori..
se lascio poi entrare la mente..so che lui era tormentato...
impazzì se non sbaglio...
mentre l' arte di picasso non mi trasmette nulla..
quindi forse...all' arte dell' artista...si aggiunge l' "arte" di colui che guarda....

ora si sono fuori tema

__________________
Dio mi conceda
la serenità di accettare
le cose che non posso cambiare
il coraggio di cambiare
quelle che posso cambiare
e la saggezza
di distinguere tra le une e le altre
Era non è connesso  
Vecchio 02-01-2005, 19.45.08   #17
Shanti
Partecipa agli eventi
 
L'avatar di Shanti
 
Data registrazione: 19-12-2004
Messaggi: 1,350
Predefinito

Ok! Me la guardo con calma, nel frattempo metto l'immagine del segno dell'acquario per Era. A presto
Icone allegate
Clicca sull'immagine per ingrandirla

Nome:  acquarius.jpg
Visite: 776
Dimensione:  63.0 KB  
Shanti non è connesso  
Vecchio 03-01-2005, 00.47.14   #18
Ladymind
Utente Cancellato
 
L'avatar di Ladymind
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 317
Predefinito

Beh Shanti... alla faccia dell'inciampo te la cavi egregiamente, se tutti inciampassimo così... sarebbe un bell'andare

Vi leggo con molto interesse ma non sono in grado di intervenire su queste simbologie... se ti và metti pure anche l'immagine del segno del toro (il mio)
Ladymind non è connesso  
Vecchio 03-01-2005, 02.06.25   #19
Shanti
Partecipa agli eventi
 
L'avatar di Shanti
 
Data registrazione: 19-12-2004
Messaggi: 1,350
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da ladymind
se ti và metti pure anche l'immagine del segno del toro (il mio)
Leggo adesso il tuo post, certo che mi va di metterlo, sarà la prima cosa che farò domani appena riesco a connettermi. Purtroppo devo ancora scannerizzarlo!

Uno il dipinto che hai messo lì mi ha fatto lavorare un bel po', perché prima di tutto l'ho dovuto individuare, perché non riuscivo a ingrandirlo in modo che si vedesse meglio. Finalmente l'ho trovato: la Scuola di Atene di Raffaello.

Raffaello ha ritratto nel quadro un bel gruppo di antichi filosofi nelle loro caratteristiche occupazioni.
Mi sono persa ad individuarli tutti e non riuscivo a capire cosa dovevo "vedere". Ma almeno mi sono fatta una bella cultura! Ho perfino scoperto che Raffaello ha inserito la sua immagine!

Probabilmente ci sono tante simbologie , ma quella più lampante è questa: al centro del dipinto sono ritratti Platone e Aristotele.
Platone è quello che punta l'indice verso l'alto, sembra che indichi il cielo o Dio, mente Aristotele è al suo fianco con la mano aperta verso il basso.
Sembra che vogliano dire: " Ciò che è in basso è come ciò che è in alto e ciò che sta in alto è come ciò che è in basso".

Vediamo se dormendoci sopra mi viene in mente qualcos'altro!
Shanti non è connesso  
Vecchio 03-01-2005, 14.27.29   #20
Era
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Era
 
Data registrazione: 29-05-2004
Messaggi: 2,671
Predefinito

grazie shanti..sono immagini bellissime....

prima che tu vada avanti...metterei qualche mia piccola osservazione...
dopo la tua riflessione di Platone che indica verso l' alto
noto...mentre quell'altro più che verso il basso sembra indicare:
avanti in orizzontale così come tiene il libro
altra cosa sono tutti uomini...come se la sapienza o la
filosofia appunto...fosse appannaggio solo maschile (chissà
come mai la donna...in tutti i settori è tenuta ai margini?)
e non tutti così anziani...c'è anche qualche giovane...
segno che la saggezza non è solo data dall'età?
molti dei filosofi tengono tra le mani...o mostrano il loro strumento...
che so...compasso...più che libri o altro....
a parte le statue...come dice Uno...noto l' ambiente imponente
e luminoso...fuori dovrebbe esserci il sole....

vabbhè ci provo...da qualche parte bisogna pur iniziare...
e al di la delle conoscenze...credo ci si debba esporre....
le critiche sono ben accolte e fanno ragionare...almeno
per quanto mi riguarda....
vedo che altro posso vedere

__________________
Dio mi conceda
la serenità di accettare
le cose che non posso cambiare
il coraggio di cambiare
quelle che posso cambiare
e la saggezza
di distinguere tra le une e le altre
Era non è connesso  
Vecchio 03-01-2005, 15.02.57   #21
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,171
Predefinito

Vorrei darvi un.... aiutino... più che altro un impostazione, che non vuole essere però un condizionamento ma un modo di vedere.... Shanti ha subito cercato di inquadrare il dipinto, di chi è... di che periodo... cosa ci è rappresentato secondo ciò che si conosce intellettualmente... cioè lo ha analizzato con la testa.... Era come al solito (e mi stupirà quando lo farà in maniera diversa ) lo ha guardato con il cuore.... in questo caso ha anche cercato dei particolari razionali (si è sforzata, ).... Un trucco sta nel prendere l'opera come se la trovassimo tra 10000 anni in un anfora e senza sapere niente di essa la osservassimo a mente pulita, senza preconcetti su di lei, ovvio le nostre conoscenze sui simboli ci inidirizzeranno in una direzione ma dobbiamo farli entrare solo in un secondo momento.... in un primo l'assaporiamo.... senza mettere a fuoco niente.... poi ne osserviamo i particolari (e non serve l'ingrandimento Shanti, anche se questo potrebbe aiutarci volendo scendere più nel profondo) e poi troviamo la simbologia e ne facciamo un tutt'uno.....
Quello che possiamo scrivere dovrebbe rappresentare solo una minima parte di ciò che vediamo, però allo stesso tempo chi ci vede le stesse cose Sa che anche noi le vediamo... lo sente......
Uno non è connesso  
Vecchio 03-01-2005, 16.02.55   #22
Shanti
Partecipa agli eventi
 
L'avatar di Shanti
 
Data registrazione: 19-12-2004
Messaggi: 1,350
Predefinito

E' vero, io ho una mente molto rumorosa, e per me è un grande problema perchè molte volte mi ha invalidato le esperienze. Invece di viverle e basta ho crcato di razionalizzarle e mi sono persa il "succo".
Probabilmente è la paura di lasciarmi andare, ho molto da lavorare su questo!


Ed ecco qui sotto il dipinto del Toro. Ammira Lady: è un trionfo della natura (e di simboli...)!!!
Icone allegate
Clicca sull'immagine per ingrandirla

Nome:  taurus.jpg
Visite: 802
Dimensione:  74.1 KB  
Shanti non è connesso  
Vecchio 05-01-2005, 01.27.40   #23
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,171
Predefinito

Vabbeh... vediamo se ci vedete quello che ci vedo io....

prendo in mano questo dipinto senza sapere niente (in effetti l'ho preso da un sito di sfondi, e se Shanti non mi diceva di chi era non lo sapevo) presumo che nell'assembramento di persone c'è un centro di comunicazione (che può essere una scuola), ci sono molte persone che parlano e due (io non so chi sono) evidenziate rispetto alle altre che vengono avanti (si vede dai piedi) dietro di loro c'è una galleria che è un percorso una Via... questo percorso ha 3 volte.... 3 tetti (che dividono dal cielo) 3 porte.... cioè arrivano al centro in due (la dualità insieme) passando tre porte.... istinti sentimenti e ragione o tutto ciò che nell'universo è sotto la legge del tre..... potremmo poi contare le statue nei passaggi io ne vedo 4 per lato..... queste sono le cose principali che ho visto....
Uno non è connesso  
Vecchio 05-01-2005, 01.37.48   #24
Shanti
Partecipa agli eventi
 
L'avatar di Shanti
 
Data registrazione: 19-12-2004
Messaggi: 1,350
Predefinito

Touché...
Shanti non è connesso  
Vecchio 06-01-2005, 15.53.52   #25
Era
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Era
 
Data registrazione: 29-05-2004
Messaggi: 2,671
Predefinito

si può anche dire che i due personaggi centrali
sembrano gli unici che conferiscono a quattrocchi...
gli altri più o meno stanno in gruppo...

mha!
__________________
Dio mi conceda
la serenità di accettare
le cose che non posso cambiare
il coraggio di cambiare
quelle che posso cambiare
e la saggezza
di distinguere tra le une e le altre
Era non è connesso  
 


Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire nuovi messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare files
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice vB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Vai al forum

Discussioni simili
Discussione Autore discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Come utilizzarli e altro (domande e risposte sul generale) Marib Fiori di Bach 9 07-01-2006 14.17.58
Linux in generale ( vantaggi - svantaggi ) Uno Pc 0 05-01-2006 12.31.08
Arte spaziale Uno Arte 2 18-01-2005 14.29.26


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 02.11.05.




Powered by vBulletin Copyright ©2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.
Questo sito non è, nè può ritenersi assimilabile ad una testata giornalistica, viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale. Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina della l. n. 62 del 2001. Il materiale pubblicato è sotto la responsabilità dei rispettivi autori, tutti i diritti sono di Ermopoli.it che incoraggia la diffusione dei contenuti, purchè siano rispettati i seguenti principi: sia citata la fonte, non sia alterato il contenuto e non siano usati a scopo di lucro. P.iva 02268700271