Ermopoli
L'antica città della conoscenza
  
    
Torna indietro   Ermopoli > Forum > Botteghe > Antiquario e Rigattiere

 
 
Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Vecchio 03-03-2009, 11.48.23   #1
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,595
Predefinito Cara vecchia spia

Ero indeciso se postare sulla sezione riso allegro per quanto è divertente (oggi) la foto dell'avviso che allego, però mi fa pure pensare come ciò, che adesso sembrerebbe assurdo visti i mezzi di comunicazione che abbiamo, circa 100 anni fa erano fonte di preoccupazione per chi voleva tenere in mano il potere.

Clicca sull'immagine per ingrandirla

Nome:  11122005.jpg
Visite: 464
Dimensione:  43.2 KB

Ho visto questo avviso in una mostra parecchi mesi fa, poi non ho mai trovato il tempo per passare la foto dal telefono al pc ed inviarla. A me a prescindere dal testo affascina comunque quando ho occasione di vedere queste carte ingiallite dal tempo, documenti che usano una forma linguistica diversa da quella che usiamo oggi (a prescindere che questo avviso credo sia una traduzione dal tedesco) e in un certo senso ci possono far immergere per quanto poco in attimi di passato.
Non è nostalgia la mia, sebbene di fronte a certi comportamenti che vedo oggi a volte mi piacerebbe tornare nell'ottocento, ma è importante ricordare il passato per vedere i passi fatti in avanti e quelli indietro, ciò che si è acquistato e ciò che si è perso.

Tornando in tema: 5 anni per un piccione... adesso se uccidi una persona tra una cosa e un'altra con 3 anni te la cavi

Ah dimenticavo, non è una cosa poi così lontana nel tempo che c'era chi teneva i piccioni per mangiare, me li immagino dopo quest'ordinanza a dover uccidere tutto quello che in quel tempo poteva essere fonte di nutrimento, meno male che oggi i cellulari e simili non si mangiano
Uno non è connesso  
Vecchio 03-03-2009, 13.50.30   #2
griselda
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di griselda
 
Data registrazione: 07-01-2006
Messaggi: 7,865
Predefinito

A me ha fatto pensare a ciò che hanno vissuto i miei genitori e che mi raccontavano e che io non posso minimamente comprendere anche se quando si immagina si crede di si.
La mancanza di cibo che gli rende la giusta importanza, l'importanza della vita di un uccello che può essere indispensabile per la sopravvivenza dell'uomo e che rende l'idea del suo sacrificio per noi, quando lo si va a mangiare.
In quel caso ad ucciderli senza un senso nutrizionale, si sentiva dentro tutta la disperazione delle assurdità che l'uomo spesso compie.
__________________
------------------------

ORDINE RITMO ARMONIA
griselda è connesso ora  
 


Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire nuovi messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare files
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice vB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Vai al forum

Discussioni simili
Discussione Autore discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
La doppietta della vecchia cinquecento, come funziona la mente Uno Psicologia moderna e antica 56 29-03-2012 18.55.53
La vecchia scuola Sole Antiquario e Rigattiere 30 06-06-2009 20.26.14
cara vecchia scuola dafne Esperienze 42 07-12-2007 09.24.48
Cara pizza... quanto mi costi! RedWitch Ecologia, Altro consumo, Dietrologia etc etc 23 28-11-2007 20.49.53
Cara, ti darò la Luna! Ray Discorsi da Comari 19 27-10-2007 16.00.16


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 19.36.40.




Powered by vBulletin Copyright ©2000 - 2022, Jelsoft Enterprises Ltd.
Questo sito non è, nè può ritenersi assimilabile ad una testata giornalistica, viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale. Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina della l. n. 62 del 2001. Il materiale pubblicato è sotto la responsabilità dei rispettivi autori, tutti i diritti sono di Ermopoli.it che incoraggia la diffusione dei contenuti, purchè siano rispettati i seguenti principi: sia citata la fonte, non sia alterato il contenuto e non siano usati a scopo di lucro. P.iva 02268700271