Ermopoli
L'antica città della conoscenza
  
    
Torna indietro   Ermopoli > Forum > Botteghe > Antiquario e Rigattiere

 
 
Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Vecchio 13-03-2009, 00.54.05   #1
dafne
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di dafne
 
Data registrazione: 24-09-2007
Messaggi: 3,594
Predefinito "el magasìn"

Una volta i vecchi del mio paese (ma anche i più giovani direi) quando volevano farsi un goccetto andavano al magasìn...che altro non era l'osteria dove l'oste preparava per quello che era l'aperitivo della sera e metteva a disposizione delle ciotole con uova sode, polpettine o sopressa.

Il particolare delle uova sode l'ho trovato anche in un vecchio bar dalle parti di Pavia (zona lomellina si usa un pò anche adesso e ci trovate anche i nervetti di maiale qualche volta) e in qualche paese nella periferia di Brescia.

Dalle vostre parti si usa/usava?

dafne non è connesso  
Vecchio 13-03-2009, 09.26.45   #2
filoumenanike
Organizza eventi
 
L'avatar di filoumenanike
 
Data registrazione: 05-12-2008
Messaggi: 1,712
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da dafne Visualizza messaggio
Una volta i vecchi del mio paese (ma anche i più giovani direi) quando volevano farsi un goccetto andavano al magasìn...che altro non era l'osteria dove l'oste preparava per quello che era l'aperitivo della sera e metteva a disposizione delle ciotole con uova sode, polpettine o sopressa.

Il particolare delle uova sode l'ho trovato anche in un vecchio bar dalle parti di Pavia (zona lomellina si usa un pò anche adesso e ci trovate anche i nervetti di maiale qualche volta) e in qualche paese nella periferia di Brescia.

Dalle vostre parti si usa/usava?

da me in umbria i miei nonni usavano andare a farsi un goccetto prima di cena alla "bettola" del paese, dove insieme al vino servivano "bruscolini" salatissimi che mettevano sete e quindi bevevano ...e bevevano fino a tornare all'ora di cena leggermente ..."brilli", ricordo mia nonna che sgridava il marito e lui che piangeva solo con lacrime silenziose ed io che pensavo la nonna cattiva

tra i due vecchi nonni spesso la discussione verteva su quale bettola avesse il vino migliore e allora mio padre, che non voleva sentirli, li cacciava di casa...senza alcun risultato, continuavano tranquillamente a fumare l'ultimi sigaro davanti al camino e a bere l'ultimo bicchiere di vino
filoumenanike non è connesso  
Vecchio 13-03-2009, 17.17.57   #3
RedWitch
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di RedWitch
 
Data registrazione: 20-12-2004
Messaggi: 3,472
Predefinito

Qui dove vivo si usa prendere l'aperitivo nel paese dove sono andata per tanti anni in campagna, era, ma essendo in città difficilmente un bar diventa il luogo di ritrovo, è più facile che si cambi spesso... una specie di rito trovarsi tutti lì o prima di cena per l'aperitivo o dopo cena per il caffè, e a turno pagavano i ragazzi per tutti (chissà perchè nei paesi più piccoli c'è ancora una sorta di cavalleria verso le ragazze e le donne, che non dovevano mai pagare in denaro, mentre qui è facile che si paghi alla "romana"). Il bar era chiamato con il nome della padrona (che lo ha gestito per moltissimi anni) , tant'è che anche adesso che ci sono due nuovi gestori, in paese si continua a chiamarlo come prima . Altra usanza che ricordo era quella che a turno gli abitanti del paese offrissero vino e salumi e formaggio nelle cantine di loro proprietà.
Invece qui in città sono tipiche insieme agli aperitivi le frittelle salate, (sono palline di pasta di pane fritte, a volte aromatizzate con delle erbe) e anche se si trovano più raramente assaggini di torta di riso.
RedWitch non è connesso  
Vecchio 13-03-2009, 23.36.17   #4
Grey Owl
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Grey Owl
 
Data registrazione: 24-01-2006
Messaggi: 2,100
Predefinito

Dalle mie parti si andava all'osteria per bere un bianchetto prima di cena. Capita di vedere ancora oggi anziani bere la mattina un bicchiere di vino bianco. Ricordo come fosse ieri (sono passati 25 anni) quando andavo all'osteria "la pace", un luogo fumoso, ogni giorno dell'anno trovavi nel locale la nebbia di fumo di sigarette (in quel periodo si poteva ancora fumare anche al cinema). Si mangiava qualcosa come le tigelle ed il gnocco fritto, non era proprio una trattoria, gli affettati come la coppa di testa ed i ciccioli secchi (greppole) oppure formaggi come la caciotta o ancor meglio il parmigiano. I vivi più richiesti erano il lambrusco, il trebbiano, barbera e pignoletto.

Dalle mie parti questi luoghi si chiamano "ostàrie" e ce ne sono ancora oggi di molto belle, forse le più famose sono l'osteria di via Obici oppure l'osteria del canarino. La taverna dei tre mori si trova nelle cantine a ridosso delle vecchie mura, pare di tornare nel passato di un secolo.
Grey Owl non è connesso  
 


Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire nuovi messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare files
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice vB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Vai al forum


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 19.12.46.




Powered by vBulletin Copyright ©2000 - 2022, Jelsoft Enterprises Ltd.
Questo sito non è, nè può ritenersi assimilabile ad una testata giornalistica, viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale. Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina della l. n. 62 del 2001. Il materiale pubblicato è sotto la responsabilità dei rispettivi autori, tutti i diritti sono di Ermopoli.it che incoraggia la diffusione dei contenuti, purchè siano rispettati i seguenti principi: sia citata la fonte, non sia alterato il contenuto e non siano usati a scopo di lucro. P.iva 02268700271