Ermopoli
L'antica città della conoscenza
  
    
Torna indietro   Ermopoli > Forum > Piazza > Manifestazione pacifica del nostro volere

 
 
Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Vecchio 19-04-2010, 09.04.16   #26
filoumenanike
Organizza eventi
 
L'avatar di filoumenanike
 
Data registrazione: 05-12-2008
Messaggi: 1,712
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Sole Visualizza messaggio
Effettivamente leggere la lettera così non alcun senso.

Mi attengo al titolo; di Saviano non so bene che pensare, inizialmente pensavo che ci è voluto coraggio a denunciare per poi fare una vita da segregato. Ma poi, i già nominati Falcone e Borsellino, non si sono esposti per poi farsi proteggere a spese dello stato, sapevano meglio di chiunque altro il rischio eppure sono rimasti li, con la famiglia e hanno creato un precedente nel cuore della gente, questo voglio crederlo. Dico una cosa forte, che va un pò contro la tendenza comune, ma far sapere ciò che già si sa (son questioni note) a cosa serve davvero?
Falcone e Borsellino non avevano la scorta ma erano comunque seguiti da tutta la polizia, avevano alle spalle le istituzioni e poi se non erro Falcone è morto insieme alla sua scorta.
Il tema del tread l'ho impostato sul silenzio, la gente della criminalità vive indisturbata proprio perchè nessuno parla di loro, fanno le loro cose, appunto cosa nostra, senza che nessuno parli e chi parla lo ammazzano!
Se di questi fatti non se ne parla è come se non esistessero, questo avviene in tutti i fatti di cronaca, nel momento dei riflettori accesi su L'Aquila tutti eravamo impressionati, già ora a riflettori spenti, pensiamo che tutto sia finito.
La televisione ha un impatto maggiore del libro ma può essere di un momento, mentre i libri restano, sono documenti cui accedere sempre, da far leggere ai giovani, da divulgare e se necessario da smentire.
filoumenanike non è connesso  
Vecchio 19-04-2010, 10.31.17   #27
luke
Organizza eventi
 
L'avatar di luke
 
Data registrazione: 27-03-2009
Messaggi: 2,003
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da filoumenanike Visualizza messaggio
Falcone e Borsellino non avevano la scorta ma erano comunque seguiti da tutta la polizia, avevano alle spalle le istituzioni e poi se non erro Falcone è morto insieme alla sua scorta.
Mi sembra giusto ricordare che pure nel caso di Borsellino rimasero uccisi anche gli agenti di scorta.
luke non è connesso  
Vecchio 19-04-2010, 10.33.05   #28
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,171
Predefinito

Filo.... stai cercando di convincere qualcuno?
Così pare leggendoti

Ma certo che Falcone e Borsellino avevano la scorta, ci mancherebbe che non l'avessero, ma se tu leggessi i post altrui senza aver gli occhi pieni avresti capito. Sole diceva "non si sono esposti per poi farsi proteggere a spese dello stato", stavano facendo un servizio pubblico, non hanno scritto un libro scopiazzando atti di processi e simili per riempire il loro conto in banca.
A l'Aquila i riflettori si sono spenti, e meno male dico io. Certo per chi è stato coinvolto non è ancora finita, chi ha perso dei cari avrà da lavorarci su per decenni ancora, ma io come comunità che altro posso/devo fare? Hanno avuto o stanno riavendo le case? Si a quello che mi risulta quindi mi pare bene.
Il problema c'è quando come in Irpinia (di quanti anni fa?) o in Umbria la gente è ancora nei container... ma anche se gli accendi i riflettori cosa cambia? Ogni tanto fanno qualche speciale, il videospettatore si indigna 2 secondi e loro continuano a stare nelle baraccopoli. Si dovrebbe parlare dei fondi stanziati all'epoca, ma adesso saremmo fuori discorso, quello che volevo evidenziare è che o ne parli o non ne parli se chi è ai posti di comando nel momento non fa un bel lavoro non cambia nulla.

Ripeto per l'ennesima volta, voglio darti fiducia Filo. Lo scrivo più sinteticamente possibile così ti ci puoi concentrare:
Se un libro è scritto sulle testimonianze dei pentiti e questi accuserebbero pure la madre pur di uscire dal carcere e fare bella vita....... quanto vale la "verità" di quel libro?
Anzi, visto che come dici tu rimane scritta nero su bianco per decenni se non per sempre... sei così sicura che sia un così grande servizio all'informazione? O alla menzogna?
O ce lo vedi solo perchè è supportato da certi correnti filopolitiche?
Si sincera... lo so che risponderai che no etc... ma la risposta non devi darla a me, devi darla a te stessa se hai un pò di onestà intelletuale.
Uno non è connesso  
Vecchio 19-04-2010, 10.36.50   #29
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,171
Predefinito

Aggiungo una cosa per chiarezza.
Da quello che ho scritto sopra può passare che io sia per il silenzio, in realtà non è così altrimenti non avrei neanche aperto questo sito.
Però sono per il parlare con coscienza e consapevolezza e con scopo nobile. In questo modo ha senso anche martellare, negli altri modi serve solo ad addormentare sempre più le coscienze.
Uno non è connesso  
Vecchio 19-04-2010, 14.31.56   #30
filoumenanike
Organizza eventi
 
L'avatar di filoumenanike
 
Data registrazione: 05-12-2008
Messaggi: 1,712
Predefinito

Mi sembrava di aver capito che con me ci rinunciavi e così ho ripreso il discorso di Sole che mi appare più in dubbio di te.
Certo che non devo convincere nessuno, ci mancherebbe siamo tutti adulti, poi non sto parlando di politica, invece tu di contro mi affibbi idee e pensieri, cosa che io non faccio con te sebbene anche tu sia abbastanza trasparente.

Aggiungo di non aver letto il libro e dunque non posso risponderti sul nerettato...possiamo rimandare il tread a quando conoscerò meglio il testo?
filoumenanike non è connesso  
Vecchio 19-04-2010, 14.45.11   #31
stefano
Richiesta Cancellazione
 
Data registrazione: 11-05-2009
Messaggi: 1,322
Predefinito

l'utilizzo dei boss come "pentiti" era a quanto pare l'unico metodo reale (all'epoca) per capire determinate meccaniche e determinati nomi.
Secondo me l'errore fu fatto allora...
consapevolmente o meno mettere sotto i riflettori tale fenomeno causò di fatto la fine del suo utilizzo.
stefano non è connesso  
Vecchio 19-04-2010, 15.34.29   #32
diamantea
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di diamantea
 
Data registrazione: 29-03-2010
Messaggi: 2,696
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Sole Visualizza messaggio
Le fonti della verità sono i cittadini e li bisogna davvero fare qualcosa per aiutarli ad aver fiducia.
Sono d'accordo con la tua affermazione Sole. Il problema è chi tutela i cittadini? Lo Stato che garanzie offre?
A tutti piacerebbe denunciare ma a nessuno piace essere minacciato con la propria famiglia.
Un mio amico aveva una fabbrica di scarpe che garantiva a lui e a tante famiglie una vita dignitosa, l'ha chiusa per non darla in mano a loro, le forze dell'ordine non davano alcuna protezione valida, oggi fa l'impiegato, vive di stipendio con la cinghia stretta ma almeno è tranquillo.

E' facile parlarne a chi ci vive lontano ma a chi gli capita per vicino di casa con i figli che vanno a scuola insieme, magari uno di loro è un bravo medico che ti salva la vita, poi come fai a negargli il voto? Perchè di questo alla fine si parla.
diamantea non è connesso  
Vecchio 19-04-2010, 15.38.32   #33
stefano
Richiesta Cancellazione
 
Data registrazione: 11-05-2009
Messaggi: 1,322
Predefinito

lo scrivo qui ma potrei spostarlo se lo ritenete non inerente.
Avete visto per caso le Iene Show giovedi sera?
non avete notato nulla intorno alle 23,45?
stefano non è connesso  
Vecchio 19-04-2010, 15.39.04   #34
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,171
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da filoumenanike Visualizza messaggio
e così ho ripreso il discorso di Sole che mi appare più in dubbio di te.
Ogni tanto siamo d'accordo su qualcosa, cioè che ti pareva in dubbio, per questo ho scritto: "stai cercando di convincere qualcuno?"
Citazione:
poi non sto parlando di politica, invece tu di contro mi affibbi idee e pensieri, cosa che io non faccio con te sebbene anche tu sia abbastanza trasparente.
Beh l'argomento parte dalle lamentele di uno scrittore che è schierato... non sai neanche di che parla il libro ma ti schieri dove vedi il colore che ti piace, io sto cercando comunque di parlarne oggettivamente, se fosse stato, che so un giornalista di libero avrei detto le stesse cose se i fatti fossero stati questi, tu neghi le cose, è proprio il caso di dire, per partito preso.
Se mi avessi parlato di... che so Cacciari per esempio, molto probabilmente sarei riuscito a tirare fuori qualcosa di buono, perchè è una persona che ho visto ha fatto buone cose, cerca di capire questa cosa. Quando voto faccio ogni volta (ogni volta) delle scelte ma non sono schierato, potrei cambiare ogni volta se fosse il caso.
Citazione:
Aggiungo di non aver letto il libro e dunque non posso risponderti sul nerettato...possiamo rimandare il tread a quando conoscerò meglio il testo?
Non l'ho letto neanche io, mi baso su quello che si dice in giro e soprattutto sulla logica. Se avesse informazioni di prima mano non inerenti processi e pentiti e non l'avesse cedute alle autorità non sarebbe tanto meglio dei mafiosi e questo non lo voglio pensare.
Anzi sarebbe nella possibilità di essere incriminato per favoreggiamento...
Ritengo più logico che abbia fatto una sorta di cronaca di quello che gira negli ambienti, con la differenza che sopra ho scritto.
Gli investigatori ascoltano i pentiti e indagando vedono se possono ricavarci qualcosa di buono, anche se secondo me oggi è diventato un modo per distrarre gli investigatori e fargli perdere tempo dietro false piste. Messo tutto su un libro senza discernimento (o magari con strumentalizzazione, ma questo non lo affermo, lo metto solo come ipotesi possibile) qualsiasi voce condanna chi il pentito vuole indicare per chissà quale motivo....


@Stefano, come ha scritto Tina penso che nei primi casi la cosa abbia avuto successo e prodotto dei buoni risultati, poi bisognava cambiare e trovare altri sistemi. Del resto in Italia tranne la mafia credo che nessuno disconosca l'ingegno ed il grande valore del lavoro fatto dai due giudici uccisi.
Uno non è connesso  
Vecchio 19-04-2010, 15.48.48   #35
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,171
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da diamantea Visualizza messaggio
E' facile parlarne a chi ci vive lontano
Sto giro ti do piena ragione, io non ci vivo ma per vari motivi conosco abbastanza bene i problemi e il resto.

Spesso sento gente che abita al nord (ma a volte basta più su di Rieti) dare sentenze.... e abbeverare la curiosità da giornali, libri etc...

Se sentissi.... "ah se fossi IO... li prenderei a calci quando vengono a chiedrmi il pizzo", "se la cercano perchè non denunciano..." e cose molto peggio.
Poi se dicessi loro di pagare 1 euro in più al mese per pagare 1000 poliziotti in più ti direbbero che sono per la non violenza o qualcosa di simile... basta girarsi dall'altra parte e mettere un libro in libreria, o anche no.

E' pur vero che la mafia non è solo quella con la lupara e la si dovrebbe conoscere anche al nord... che ce n'è, ma questa è meno invasiva quindi si può fare finta che non esiste
Uno non è connesso  
Vecchio 19-04-2010, 15.50.03   #36
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,171
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da stefano Visualizza messaggio
lo scrivo qui ma potrei spostarlo se lo ritenete non inerente.
Avete visto per caso le Iene Show giovedi sera?
non avete notato nulla intorno alle 23,45?
No, non ho visto quindi non posso dire se è inerente o meno
Uno non è connesso  
Vecchio 19-04-2010, 16.02.05   #37
stefano
Richiesta Cancellazione
 
Data registrazione: 11-05-2009
Messaggi: 1,322
Predefinito

beh alle 23,40 circa è partito un servizio ambientato presumibilmente in calabria /campania (dall'accento)
ove un infiltrato delle iene mostrava come avviene la compravendita dei voti.
insomma ogni voto viene pagato dai 30 ai 50 euro.
Veniva mostrata la sede di un partito (non si vedeva il simbolo giustamente) e si veniva a sapere che erano già circa 10.000 i voti "comprati"
quindi il tutto per il "modico" costo di 300.000-500.000 euro... chiaramente pagati con i finanziamenti pubblici...

Beh fatto sta che a metà servizio parte la pubblicità... e finita la pubblicità è partito chiambretti night.
in pratica hanno oscurato il tutto.
e nessuno il giorno dopo ne ha parlato...
quindi quando si vuole "silenziare"... si silenzia eccome in Italia...
stefano non è connesso  
Vecchio 19-04-2010, 16.21.50   #38
filoumenanike
Organizza eventi
 
L'avatar di filoumenanike
 
Data registrazione: 05-12-2008
Messaggi: 1,712
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Uno Visualizza messaggio
... non sai neanche di che parla il libro ma ti schieri dove vedi il colore che ti piace, io sto cercando comunque di parlarne oggettivamente...
non sono schierato, potrei cambiare ogni volta se fosse il caso.


Non l'ho letto neanche io, mi baso su quello che si dice in giro e soprattutto sulla logica. .
Di che parla il libro lo so come lo sai tu da quello che ho letto sulle recensioni, sui giornali etc. e soprattutto sulla mia logica.
Comunque leggerò il libro...
filoumenanike non è connesso  
Vecchio 19-04-2010, 16.27.05   #39
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,171
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da filoumenanike Visualizza messaggio
e soprattutto sulla mia logica.
E dimmi qual'è la tua logica, ti ascolto volentieri
Uno non è connesso  
Vecchio 19-04-2010, 17.44.13   #40
Sole
Conosce ogni vicolo
 
Data registrazione: 31-08-2005
Messaggi: 5,478
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da diamantea Visualizza messaggio

E' facile parlarne a chi ci vive lontano ma a chi gli capita per vicino di casa con i figli che vanno a scuola insieme, magari uno di loro è un bravo medico che ti salva la vita, poi come fai a negargli il voto? Perchè di questo alla fine si parla.
Già.. come è facile parlare a tutte le tv e poi andare a vivere a Milano.
__________________
Se non sarò me stesso chi lo sarà per me? E se non ora, quando?
Sole non è connesso  
Vecchio 19-04-2010, 18.57.33   #41
filoumenanike
Organizza eventi
 
L'avatar di filoumenanike
 
Data registrazione: 05-12-2008
Messaggi: 1,712
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Uno Visualizza messaggio
E dimmi qual'è la tua logica, ti ascolto volentieri
la mia logica è semplice, non mi pongo il problema della persona che scrive, che se ne va dal sud per andare a vivere al nord per stare più sicuro, io credo che il messaggio importante sia quello di poter parlare della mafia come un male da debellare in qualsiasi modo e maniera, perchè per uno che se ne va a Milano, ci sono tantissimi altri che soccombono nella loro terra.
Non ho paura delle parole, le prendo in esame, le giudico, potrei anche arrivare a dire che Saviano sia un approfittatore, uno che se la spassa...andando in giro con la scorta che gli fa da status symbol, però non penserò mai di porre dei freni a nessuno, la censura dovrebbe essere roba d'altri tempi.
La mia logica è semplice, è quella di una cittadina che si informa sui mali di una società che sta annegando, non ne faccio una questione di colore, tu non sai quante volte ho scelto il meno peggio pur di andare a votare, non chiudo gli occhi davanti al crimine, ai soprusi e parlo tranquilla perchè vivo in una realtà ancora non colpita da un'organizzazione malavitosa così pericolosa, sebbene abbiano costruito un carcere di massima sicurezza che sta portando nella nostra zona il fior fiore della delinquenza meridionale!
Qual è dunque il mio pensiero, io penso che più se ne parla e più si da fastidio ai malviventi, tacere è fare il loro gioco e lasciare da soli gli impotenti, i giovani che stanno reagendo a un ordine atavico di sudditanza.
filoumenanike non è connesso  
Vecchio 19-04-2010, 20.06.33   #42
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,171
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da filoumenanike Visualizza messaggio
la mia logica è semplice, non mi pongo il problema della persona che scrive, che se ne va dal sud per andare a vivere al nord per stare più sicuro, io credo che il messaggio importante sia quello di poter parlare della mafia come un male da debellare in qualsiasi modo e maniera, perchè per uno che se ne va a Milano, ci sono tantissimi altri che soccombono nella loro terra.
Non ho paura delle parole, le prendo in esame, le giudico, potrei anche arrivare a dire che Saviano sia un approfittatore, uno che se la spassa...andando in giro con la scorta che gli fa da status symbol, però non penserò mai di porre dei freni a nessuno, la censura dovrebbe essere roba d'altri tempi.
La mia logica è semplice, è quella di una cittadina che si informa sui mali di una società che sta annegando, non ne faccio una questione di colore, tu non sai quante volte ho scelto il meno peggio pur di andare a votare, non chiudo gli occhi davanti al crimine, ai soprusi e parlo tranquilla perchè vivo in una realtà ancora non colpita da un'organizzazione malavitosa così pericolosa, sebbene abbiano costruito un carcere di massima sicurezza che sta portando nella nostra zona il fior fiore della delinquenza meridionale!
Qual è dunque il mio pensiero, io penso che più se ne parla e più si da fastidio ai malviventi, tacere è fare il loro gioco e lasciare da soli gli impotenti, i giovani che stanno reagendo a un ordine atavico di sudditanza.
Filo, stavamo parlando sulla logica di cosa potrà contenere il libro senza averlo letto.
Tutto il resto viene dopo, perchè secondo la logica che ti ho esposto (non la mia, se no non sarebbe veramente logica) con quel libro in mezzo a delle verità ci saranno anche... non voglio dire falsità ma pettegolezzi non confermati probabilmente si.

Io dico che parlarne va bene, ma non in questo modo. A differenza di Berlusconi non metto sullo stesso piano le fiction intitolate "La piovra" (non ne ho vista neanche una) e i libri di Saviano tanto per darti una idea. Le fiction, anche se pettegolezzi dicono che erano seguite dai capi mafia, tutti sanno che sono ricostruzioni artistiche, un libro che dice di essere molto documentato viene preso per verità assoluta da chi lo legge superficialmente.
Tra le due scelgo mille volte le fiction (anche se non le ho viste) ed i film che comunque smuovono le coscienze (anche quelle meno intellettualoidi) ma non hanno pretesa di storicità.

E adesso veniamo alla fatidica parola: CENSURA.
Ma quale censura? Uno (io o un altro) non può neanche dire che non gli piace quello che scrive tizio? Non è che la censura è verso l'opinione di chi non la pensa uguale?

C'è stato qualcuno che ha portato i libri di Saviano in piazza e li ha bruciati? Non mi risulta...
Qualcuno gli impedisce di pubblicarli? Non mi pare, anzi la casa editrice della famiglia di chi lo critica glieli fa pubblicare. Semmai è lui che adesso che se lo può permettere ricatta che non pubblicherà più con tale casa se non gli leccano i piedi.... ma dai...
Lui egoicamente parlando fa bene, se può farlo e quello è ciò che gli interessa fa bene a farlo, ma non lo incensiamo.
Uno non è connesso  
Vecchio 19-04-2010, 20.47.42   #43
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,149
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da filoumenanike Visualizza messaggio
Qual è dunque il mio pensiero, io penso che più se ne parla e più si da fastidio ai malviventi, tacere è fare il loro gioco e lasciare da soli gli impotenti, i giovani che stanno reagendo a un ordine atavico di sudditanza.
Questo può allargare la direzione del tread, distaccandoci dal mero tema del libro ad uno più generale e cioè se è vero quanto dici oppure no.

Posto che concordo che tacere non va bene e che è vero che per molto tempo parte del potere dell'organizzazione malavitosa si è basato proprio su questo, non è necessariamente vero che "più se ne parla più si da fastidio ai malviventi".
Generalizzando ancora di più, non è vero che più si parla di una cosa e meglio è per quella cosa. La quantità non sostituisce la qualità, anzi a volte la debella. Basti pensare, solo a titolo di esempio, all'enorme quantità di sciocchezze che vengono pubblicate sui vari temi esoterici e che hanno la conseguenza di annegare le pubblicazioni serie e utili, rendendone di molto più difficile la distinzione.

Detto ciò mi e vi chiedo: è bene parlarne (di mafia) il più possibile e in qualunque modo? Così facendo si mette davvero i bastoni tra le ruote ai mafiosi? E se no (per me le domande sono retoriche, ma non pretendo lo siano per tutti) quale potrebbe essere un buon parametro di discernimento per stabilire come e quanto parlarne?

Per capirci, non sto partendo dal presupposto che sia assolutamente necessario parlare solo di fatti assodati per dare fastidio ai mafiosi, ad esempio non vedrei male campagne pubblicitarie che li screditino (tipo il capo clan, lungo dal chiamarlo altisonantemente "boss", mi piacerebbe venisse apostrofato in maniera derisoria ed isultante e che venissero messe in dubbio le sue capacità riproduttive a spiegazione del suo comportamento prepotente... per dare un messaggio a certi giovani che magari lo guardano ammirati ) o iniziative addirittura diffamatorie. Mi sto solo ponendo domande.
Ray non è connesso  
Vecchio 19-04-2010, 23.48.37   #44
stefano
Richiesta Cancellazione
 
Data registrazione: 11-05-2009
Messaggi: 1,322
Predefinito

se non erro Giorgio Bongiovanni da anni fa nomi e cognomi senza paura
stefano non è connesso  
Vecchio 20-04-2010, 00.31.24   #45
webetina
Partecipa agli eventi
 
Data registrazione: 18-07-2009
Messaggi: 1,452
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Ray Visualizza messaggio
...non è necessariamente vero che "più se ne parla più si da fastidio ai malviventi".
La penso così e prendo spunto per dire qualcosa che eppure volevo evitare di scrivere, tanto per me è pesante questo argomento.

Con la uccisione di Falcone e Borsellino penso sia persa una occasione che non si ripresenterà. Se tutti gli apparati dello stato avessero sostenuto quell’impegno con la convinzione che fosse utile a tutti e necessario, l’attacco alla mafia chissà sarebbe stato forse mortale. Non avremo mai la controprova.
Due persone preparate, vissute nel territorio, e in più, di Falcone, quel carisma che gli permise di attirare la confessione del primo pentito che portò soprattutto a conoscenza della struttura e del modo di agire di cosa nostra.
Sono tra coloro che non pensano si possano cambiare le cose parlandone. Sono leggermente informata e bisognerebbe esserlo di più, ma per descrivere i fatti c’è già chi lo fa in televisione di tanto in tanto, non mi risulta che non se ne parla. Ma Filoumenanike solleva la questione se sia utile che la gente normale ne parli. Penso che sia inutile, come parlare se mandare soldati in un paese straniero o no. La gente comune non può far nulla per me, specialmente chi non vive in certe regioni. Cosa fa la gente che vive a contatto con certe realtà? Qualcosa fà, emargina innanzitutto. Certe persone si riconoscono subito, dalla postura, dallo sguardo, da come ti parlano quando entrano nel tuo negozio. Si guardano intorno e fingono un interesse che non hanno, ci si augura sempre che non entrino, poi vanno via. Ad uno così non chiedi mai l’ora, non lo guardi, non chiedi niente di niente, e loro lo sanno, ma non gliene frega nulla. Settimanalmente ne vedi uno sul giornale, ma poi esce dal carcere. I carabinieri sanno , conoscono i bar, le loro macchine, ma non hanno nessun potere. Alla emarginazione si aggiunge la resistenza. Spesso accade che mettono esplosivo nelle saracinesche perché hanno avuto risposta negativa, molti non pagano lo stesso ,aggiustano i danni, denunciano, si vivono tremendi momenti di stress familiare nel timore, si ha paura a prendere il telefono in quei giorni, se si tratta di piccole attività, altrimenti non sono fatti di cui sappiamo qualcosa, possiamo solo immaginare. Qualcuno dice che ci sono fughe riguardo notizie dei nostri conti correnti, lo sappiamo se è vero e in quale misura? Boh, certo è che se uno non possiede nulla è più tranquillo e immaginiamo lo stessodi essere sotto controllo in un modo o in un altro. La gente non ci fa l’abitudine, si guarda intorno, non si sente tranquilla basta che possiede una piccola attività, cerca di opporre piccolo escamotage, di non apparire, ma di più non può fare, se potesse lo farebbe, perché a parte che le attività hanno un sacco di problemi da un po’ di tempo, ma c’è che la sensibilizzazione c’è stata eccome, proprio a seguito delle vicende degli anni novanta, della morte tremenda di quelle persone in cui credevamo. La gente sa, serpeggia nelle loro teste questo pericolo. Più difficile viene di capire a chi non vedere il nemico in faccia.E’ una dittatura criminale dentro lo stato, la popolazione di certe parti dello stato lo subisce. Il resto della popolazione di uno stato si stufa perché sente questo come una zavorra, perché è indubbio che non potrà mai fiorire come meriterebbe per esempio la bellissima Sicilia e la creatività e il sentimento dei suoi abitanti che non sono solo lenti e passivi. Non c’è modo di liberarsi da una eredità tanto cattiva. Apprezzo Filoumenanike che auspica maggiore consapevolezza, ma questo nemico è molto duro, la gente ha ben pochi mezzi. Mentre scrivevo pensavo chi parla spende, e suggerisce al nemico e lo sto facendo proprio adesso anche io. Penso di non dire altro ancora.

Ultima modifica di webetina : 20-04-2010 alle ore 00.34.42.
webetina non è connesso  
Vecchio 20-04-2010, 00.55.55   #46
filoumenanike
Organizza eventi
 
L'avatar di filoumenanike
 
Data registrazione: 05-12-2008
Messaggi: 1,712
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da webetina Visualizza messaggio
Mentre scrivevo pensavo chi parla spende, e suggerisce al nemico e lo sto facendo proprio adesso anche io. Penso di non dire altro ancora.
filoumenanike non è connesso  
Vecchio 20-04-2010, 01.02.19   #47
webetina
Partecipa agli eventi
 
Data registrazione: 18-07-2009
Messaggi: 1,452
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da filoumenanike Visualizza messaggio
Grazie Filo, mi hai proprio tentata.Notte
webetina non è connesso  
Vecchio 17-03-2011, 17.00.59   #48
Astral
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Astral
 
Data registrazione: 01-08-2006
Residenza: Roma
Messaggi: 3,424
Predefinito

In Italia è bene che di certi argomenti se ne parla, sopratutto tra i giovani troppo interessati al grande fratello, al calcio e a Maria de Filippi.

Tuttavia sono daccordo con Uno, perchè anche se quello che dice nei libri e nelle trasmissioni è piuttosto giusto, queste persone ci prendono uno stipendio e ci guadagnano su un sentimento popolare che alla gente sta a cuore, e cioè quello di vedere un paese migliore, o una situazione politica che tende al cambiamento e alla diversità.
Non c'è cosa che mi fa più arrabbiare, quando vedo che dietro movimenti, associazioni, che dovrebbero essere atte a tutelare un cittadino, in realtà ci sia chi specula sui problemi delle persone.

Detesto il governo attuale, ma che Saviano sia di parte non è proprio un mistero. Se dovesse salire un governo di sinistra, vorrei vedere poi se certi argomenti usciranno ancora fuori...

Per carità non dico che quello che dice è sbagliato, però occorre discernimento. Se ne parla, da una parte è un bene, dall'altra rimane comunque tutto uguale a prima...
Astral non è connesso  
Vecchio 17-03-2011, 17.41.52   #49
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,171
Predefinito

Volevo evitare di scrivere una cosa che è uscita proprio in questi giorni, o almeno io l'ho sentita in questi giorni. Però visto che hai ritirato su la discussione Astral, mi pare giusto dirla.

In estrema sintesi Saviano in novembre ad un'intervista da Mentana racconta di un aneddoto su Benedetto Croce il filosofo.
Quello che succede poi è che la nipote del suddetto filosofo scrivendo a dei giornali dice che l'aneddoto non corrisponde al vero.
Saviano riascoltato in seguito da Mentana dice di aver preso la storia da un articolo di un giornale del 1950.

Il fatto è che l'aneddoto racconta di una frase detta dal padre di Benedetto durante il terremoto in cui lo stesso padre morì. Frase che avrebbe potuto sentire solo Benedetto Croce. Invece quel tal giornalista dell'epoca ci scrisse un articolo che poi Saviano ha usato come fonte.

Ora non voglio dire che questo sistema sia quello usato da Saviano per scrivere tutti i libri, però la cosa potrebbe far pensare.

E' come se oggi mentre sono in camera mia con una persona questa persona mi dice una frase. Poi domani un giornalista che non c'era e a cui io non ho detto nulla si inventa una storia. Poi fra 60 anni un romanziere riprende questo articolo e racconta la storia come vera.
Uno non è connesso  
Vecchio 17-03-2011, 18.24.17   #50
Sole
Conosce ogni vicolo
 
Data registrazione: 31-08-2005
Messaggi: 5,478
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Uno Visualizza messaggio

In estrema sintesi Saviano in novembre ad un'intervista da Mentana racconta di un aneddoto su Benedetto Croce il filosofo.
Quello che succede poi è che la nipote del suddetto filosofo scrivendo a dei giornali dice che l'aneddoto non corrisponde al vero.
Saviano riascoltato in seguito da Mentana dice di aver preso la storia da un articolo di un giornale del 1950.
Ho sentito anche io l'intervista della nipote. Saviano lo aveva raccontato in una puntata della sua trasmissione che se fosse vero che non può parlare e che rischia la censura.... non avrebbe mai potuto fare.

Trovo molto grave che un personaggio come lui vuole sembrare si basi su articoli di giornali ... è grave perchè lo stesso Saviano denuncia a grande voce che i giornali monopolizzano l'opinione pubblica, dirigone i giudizi della gente ecc ecc. Ha fatto una puntata intera di una trasmissione su questo. Quindi quanto meno per coerenza non avrebbe dovuto usare una simile fonte che lui stesso dichiara non attendibile.

Che figuraccia che ha fatto. E non è la prima.
Penso che a lungo andare non si possa nascondere certe pecche.
__________________
Se non sarò me stesso chi lo sarà per me? E se non ora, quando?
Sole non è connesso  
 


Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire nuovi messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare files
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice vB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Vai al forum


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 13.36.59.




Powered by vBulletin Copyright ©2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.
Questo sito non è, nè può ritenersi assimilabile ad una testata giornalistica, viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale. Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina della l. n. 62 del 2001. Il materiale pubblicato è sotto la responsabilità dei rispettivi autori, tutti i diritti sono di Ermopoli.it che incoraggia la diffusione dei contenuti, purchè siano rispettati i seguenti principi: sia citata la fonte, non sia alterato il contenuto e non siano usati a scopo di lucro. P.iva 02268700271