Ermopoli
L'antica città della conoscenza
  
    
Torna indietro   Ermopoli > Forum > Giardino Filosofico > Parole Connesse ma non Troppo

 
 
Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Vecchio 18-02-2011, 13.49.50   #1
griselda
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di griselda
 
Data registrazione: 07-01-2006
Messaggi: 7,587
Predefinito Elaborare

Chiedo scusa per la mia ignoranza e confido sulla pazienza di qualcuno che abbia la voglia di spiegarmi cosa vuol dire elaborare, ovvero se può confermare o no quel che penso dell'elaborare che spesso viene menzionato in forum

Ad esempio Uno lo dice proprio qui in riferimento all'attenzione che altri a volte ci prestano per aiutarci a fare così ordine per riuscire ad elaborare le cose che passano attraverso di noi.
Poi ho letto anche l'elaborazione di un lutto e quindi quello che ho dedotto è che elaborare voglia dire arrivare ad accettare qualcosa attraverso....cosa?
Il ragionamento?
Non credo.
Attraverso il passaggio nel cuore e attraverso la sofferenza che ci provoca la cosa, l'avvenimento, l'offesa...accettare questa sofferenza nel cuore come un nostro momento di crescita, come qualcosa che ci serve per maggiorare la ristrettezza del cuore stesso
Un po' come si diceva una volta che "quel che non ammazza" ingrossa
Bene pensavo di non avere idee sull'argomento e invece da qualche parte è uscito quanto ho scritto e adesso non so più se postarlo o no ma bon magari si può allargare, precisare, rettificare
__________________
------------------------

ORDINE RITMO ARMONIA
griselda non è connesso  
Vecchio 18-02-2011, 18.00.09   #2
Sole
Conosce ogni vicolo
 
Data registrazione: 31-08-2005
Messaggi: 5,455
Predefinito

Io penso sempre ad un computer che elabora dati e come e cosa fa.
__________________
Se non sarò me stesso chi lo sarà per me? E se non ora, quando?
Sole non è connesso  
Vecchio 18-02-2011, 18.10.50   #3
RedWitch
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di RedWitch
 
Data registrazione: 20-12-2004
Messaggi: 3,370
Predefinito

A me viene in mente l'elaboratore di calcolo... Inserisci i dati gli dai i comandi da eseguire e lui ti restituisce il risultato, che è l'elaborazione dei dati in suo possesso.

Credo che da un certo punto di vista sia uguale, quando viviamo qualsiasi cosa, incameriamo dati, che pero' se non elaboriamo rimangono li e non possono essere archiviati.

Un'altra cosa che mi viene in mente è la pietanza elaborata... quando mischiamo gli ingredienti, in un certo ordine, con i tempi giusti, otteniamo come risultato la pietanza, che sono il risultato degli ingredienti lavorati..
RedWitch è connesso ora  
Vecchio 18-02-2011, 18.50.34   #4
diamantea
Cittadino/a Emerito/a
 
Data registrazione: 29-03-2010
Messaggi: 2,662
Predefinito

L'elaborazione dovrebbe essere un processo che non viene fatto a caso ma con cognizione di causa, competenza. Così come un piatto elaborato viene fatto da persona esperta o che abbia esperienza nell'utilizzare gli ingredienti così elaborare un pensiero indica lo stesso impegno e competenza nel trattare i dati ed ottenerne un certo risultato. L'elaborazione richiede anche il tempo, la capacità, a volte la pazienza e la dedizione, quindi anche la fatica.
Anche nel caso di un computer, più l'elaborazione dei dati è complessa più avanzato deve essere il programma che li elabora.

Ultima modifica di diamantea : 18-02-2011 alle ore 19.10.35. Motivo: C'era un quindi in più...
diamantea è connesso ora  
Vecchio 18-02-2011, 19.03.20   #5
griselda
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di griselda
 
Data registrazione: 07-01-2006
Messaggi: 7,587
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da RedWitch Visualizza messaggio
Un'altra cosa che mi viene in mente è la pietanza elaborata... quando mischiamo gli ingredienti, in un certo ordine, con i tempi giusti, otteniamo come risultato la pietanza, che sono il risultato degli ingredienti lavorati..
Per quanto abbia idea che gli elaboratori dati hanno quella funzione non riesco a comprendere scusate.
Mentre per riesco a cogliere quello sulla cucina, grazie comunque

In effetti in cucina si dice di un piatto molto lavorato, ovvero che ha necessitato di molto tempo e anche di conoscenza dell'arte culinaria, dicevo viene definito: molto elaborato.

Per cui alla base di un elaborazione vi è la conoscenza di regole, di indicazioni, di modalità, di procedimenti insomma tutta una serie di cose che creano uno chef che può elaborare quegli ingredienti che insieme alla ricetta danno modo di elaborare il piatto
qui credo di esserci ora devo provare a girarlo sull'elaborare altro
grazie
__________________
------------------------

ORDINE RITMO ARMONIA

Ultima modifica di griselda : 18-02-2011 alle ore 19.03.51. Motivo: Diam non aveva ancora postato quindi non l'ho letta
griselda non è connesso  
Vecchio 18-02-2011, 19.05.00   #6
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,149
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da diamantea Visualizza messaggio
Quindi l'elaborazione dovrebbe essere un processo che non viene fatto a caso ma con cognizione di causa, competenza. Così come un piatto elaborato viene fatto da persona esperta o che abbia esperienza nell'utilizzare gli ingredienti così elaborare un pensiero indica lo stesso impegno e competenza nel trattare i dati ed ottenerne un certo risultato. L'elaborazione richiede anche il tempo, la capacità, a volte la pazienza e la dedizione, quindi anche la fatica.
Anche nel caso di un computer, più l'elaborazione dei dati è complessa più avanzato deve essere il programma che li elabora.
Elabora gli ingredienti anche chi cucina per la prima volta e magari si inventa cosa fare. Certo, il risultato rischia di non essere dei migliori, per quello ci vuole soprattutto esperienza, ma sempre elaborazione è.
Restando sulla cucina, che è una buona metafora, cosa distingue ingredienti elaborati da quelli di partenza? Ci sono ricette che prevedono diverse elaborazioni come qualità e quantità?
Ray non è connesso  
Vecchio 18-02-2011, 19.07.57   #7
griselda
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di griselda
 
Data registrazione: 07-01-2006
Messaggi: 7,587
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Ray Visualizza messaggio
Ci sono ricette che prevedono diverse elaborazioni come qualità e quantità?
Sì e dipendono dal grado di studi e di esperienza dello chef
__________________
------------------------

ORDINE RITMO ARMONIA
griselda non è connesso  
Vecchio 18-02-2011, 20.30.40   #8
luke
Organizza eventi
 
L'avatar di luke
 
Data registrazione: 27-03-2009
Messaggi: 1,995
Predefinito

L'etimologia di elaborare mi dice ex -laborare, quindi un lavoro, una fatica fatta con zelo.
Lavorare a sua volta ha a che fare con concetti come afferrare, impossessarsi.

Quindi un'elaborazione la vedrei come una operazione da compiere, magari con fatica o anche in modo burrascoso (c'è anche la "bora" nella parola, vabbè scusate l piccolo esperimento fonetico fatto in casa ), anche al fine di cogliere degli aspetti , il succo di qualcosa per poterla passare meglio ad altri piani e situazioni.

Penso anche io che la metafora culinaria sia indicativa..ci vuole il fuoco, le dosi, l'ingrediente o gli ingredienti giusti, gli abbinamenti migliori, il tutto potrà essere poi cucinato secondo varie modalità, vie diverse , concetti molto "alchemici", a mio modo di vedere.

Poi credo possiamo elaborare qualcosa in vista di avere un prodotto finito da consumarsi subito oppure un semilavorato che potrà essere di nuovo rielaborato per avere una nuova gamma di funzionalità e applicazioni.

Ultima modifica di luke : 18-02-2011 alle ore 20.43.22.
luke non è connesso  
Vecchio 18-02-2011, 21.31.03   #9
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,149
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da griselda Visualizza messaggio
Sì e dipendono dal grado di studi e di esperienza dello chef
A me sembra che dipendano dalle materie prime e dal risultato che si vuole ottenere. Una macedonia richiede un'elaborazione diversa di un'anatra all'arancia.
Ray non è connesso  
Vecchio 19-02-2011, 01.07.05   #10
griselda
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di griselda
 
Data registrazione: 07-01-2006
Messaggi: 7,587
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Ray Visualizza messaggio
A me sembra che dipendano dalle materie prime e dal risultato che si vuole ottenere. Una macedonia richiede un'elaborazione diversa di un'anatra all'arancia.
Mi spiace, è evidente che ho frainteso la tua domanda ma rende bene l'idea della difficoltà che ho con la parola
__________________
------------------------

ORDINE RITMO ARMONIA
griselda non è connesso  
Vecchio 19-02-2011, 01.31.53   #11
griselda
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di griselda
 
Data registrazione: 07-01-2006
Messaggi: 7,587
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Ray Visualizza messaggio
cosa distingue ingredienti elaborati da quelli di partenza?

Gli ingredienti non elaborati sono, lo dici già tu nella domanda, quelli di partenza, ovvero la materia prima
Quote:


Ci sono ricette che prevedono diverse elaborazioni come qualità e quantità?
Ci riprovo
Sì ad esempio se prendiamo le lasagne...prevedono diverse elaborazioni rispetto alla pasta in bianco oppure crostata alla frutta, rispetto ad una margherita, ogni ingrediente, quindi materia prima va lavorata e questa lavorazione si può definire elaborazione?
Si parte dalla materia prima e attraverso una lavorazione si trasfoma quello che si ha in altro
Ce l'ho fatta stavolta?
__________________
------------------------

ORDINE RITMO ARMONIA
griselda non è connesso  
Vecchio 19-02-2011, 14.21.57   #12
griselda
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di griselda
 
Data registrazione: 07-01-2006
Messaggi: 7,587
Predefinito

A me pare che abitualmente le elaborazioni che faccio avvengano da sole.
Quando inserisco un dato nuovo tra quelli che sono in mio "possesso", esso va ad incasellarsi da solo e mi appaiono alla "vista" automaticamente alcuni vissuti e definiti in un certo modo sotto un ottica diversa, ma il tutto avviene automaticamente non faccio un elaborazione consapevolmente.
Mi domando se ci sono più metodi/modi per di elaborare?
....................
Mentre quando parlo di un argomento con un'altra persona con cui mi trovo in sintonia ( in pratica se non mi genera tensione e di conseguenza mi scatta l'ansia che mi annebbia tutto) che interessa ad entrambe, ho come l'impressione che l'argomento entri e in me, io lo lavoro ma automaticamente, poi lo ripasso a lei, lei mi passa la sua elaborazione e via dicendo e alla fine quell'argomento è cucinato al punto da poter essere digerito da entrambe.
A volte non lo è completamente ma è il limite dei nostri attuali enzimi digestivi.
__________________
------------------------

ORDINE RITMO ARMONIA
griselda non è connesso  
Vecchio 19-02-2011, 20.44.48   #13
griselda
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di griselda
 
Data registrazione: 07-01-2006
Messaggi: 7,587
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da griselda Visualizza messaggio
Mi domando se ci sono più metodi/modi per di elaborare?
Un altro è quello con il ragionamento, tipo quando si elabora una strategia, eppure prima pareva che non lo sapessi
speriamo non serva anche la logica perchè i miei... mi dicono in continuazione che non so dove stia di casa
__________________
------------------------

ORDINE RITMO ARMONIA

Ultima modifica di griselda : 19-02-2011 alle ore 20.46.51.
griselda non è connesso  
 


Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire nuovi messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare files
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice vB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Vai al forum

Discussioni simili
Discussione Autore discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Vibrazioni e pensieri griselda Esoterismo 107 26-12-2011 13.59.47
Elaborare un lutto Ray Psicologia moderna e antica 54 04-10-2010 23.36.47


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 12.17.23.




Powered by vBulletin Copyright ©2000 - 2018, Jelsoft Enterprises Ltd.
Questo sito non è, nè può ritenersi assimilabile ad una testata giornalistica, viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale. Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina della l. n. 62 del 2001. Il materiale pubblicato è sotto la responsabilità dei rispettivi autori, tutti i diritti sono di Ermopoli.it che incoraggia la diffusione dei contenuti, purchè siano rispettati i seguenti principi: sia citata la fonte, non sia alterato il contenuto e non siano usati a scopo di lucro. P.iva 02268700271