Ermopoli
L'antica città della conoscenza
  
    
Torna indietro   Ermopoli > Forum > Piazza > Manifestazione pacifica del nostro volere

 
 
Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Vecchio 16-09-2011, 12.07.33   #1
Sole
Conosce ogni vicolo
 
Data registrazione: 31-08-2005
Messaggi: 5,478
Predefinito Siamo solo consumatori

..e non persone.
Il ruolo delle persone all'interno della società è un ruolo di consumatore ed in quanto tale deve consumare e spendere e non fare altro. Soprattutto non deve pensare. Se avesse benessere potrebbe scegleire. Non gli è dato di averlo perchè non deve scegliere ma deve consumare ciò che viene deciso che consumi. Volete vivere così?
Detto ciò vi dico cosa mi muove, sono un pò tanto arrabbiata. Ho appena intravisto la nuova finanziaria e quello che mi ha fatto per l'ennesima volta arrabbiare è che come al solito ricadrà sul consumatore finale tutta la crisi, vera o presunta, il consumatore la pagherà tutta, proprio il consumatore finale, la gente, il popolo, quello che non può scaricarsi nulla.
Sono riusciti a farlo: hanno aumentato l'IVA dal 20 al 21% mentre noi ci indegnavamo tra questioni di escort e santo patrono. Tutti i beni di maggior consumo ricadranno in questa aliquota. Benzina (non bastava l'aumento dell'accise?), vestiti, creme, trucchi per le donne, scarpe, libri, oggetti per la casa, mobilio, elettrodomestici, sigarette, servizi di ogni genere (idraulico, elettricista tutto) servizi legali e commerciali. Tutto (ciò che era 4 e 10 restarà tale.... ci mancherebbe che aumntino l'aliquota sul cibo!). E a pagarla sarà solo la gente ed i dipendenti. La signora pensionata che potrà permettersi ben pochi sfizi ormai.
Sapete chi è l'altro paese europeo che ha un'aliquota così alta (23%)? La Grecia... che ha evidentemetne risolto brillantemente la crisi con tale aumento nel tempo, no?

Le auto blu le hanno diminuite, si si.... alla polizia e alla guardia di finanza...... vogliamo commentare sta cosa? Per diminuzione della spesa pubblica hanno inteso i non aumenti dei contratti nel settore pubblico (i dipendenti) e non una matita di meno a testa ai parlamentari....
Mah, non mi ricordo se è la Danimarca o la Svezia in cui i parlamentari vanno al lavoro in bicicletta e non hanno nessun tipo di privilegio. Sono dei dipendenti statali pagati adeguatamente alle loro responsabilità verso il paese. E di fatti se così fosse anche qui chi andrebbe a fare il politico se non uno che ha cuore il bene del paese? Chissà se arriverebbero a 600.... dubito molto!

Per risolvere il problema della produzione hanno spostato il santo patrono alla domenica... humm.. si. una risoluzione universale. Tra un pò diranno che il natale lo si può festeggiare lavorando.

Bisogna aumentare i consumi e come si fa? Impoverire impoverire impoverire di modo che si è costretti a indebitarsi per poter comprare. Questo già accade.

Riprenderò la discussione sul metodo di Ghandi che nella situazione attuale propone e da soluzione a questo imbroglio.
Ci invitano a consumare oltre le nostre possibilità? Bene prendo l'autobus o vado al lavoro con i colleghi in 5 in macchina. Vogliono che compriamo più di quel che ci seerve? Ma ci serve??? No? Non lo compro!
Siamo davvero arrabbiati per questa situazione? Ma davvero? Allora rivoluzioniamo noi il mercato, smettiamo di subire le angherie della pubblicità. Ci servono le merendine? Ci servono 5 paia di scarpe? Ci serve il telefonino ultimo modello di cui il precendente era di 6 mesi fa?
A mio figlio serve il telefonino a 10 anni a scuola? Oddio ma come ho fatto io e mia madre che a 10 anni andavo a scuola senza cellulare.... ah si! C'era un telefono pubblico in corridoio... ah si, c'era la vigilatrice che si occupava di noi qualunque cosa accadesse.... eh si, tempi duri!!!

Basta! Diciamo basta! Iniziamo ad agire per stare bene, per stare meglio. Non facciamoci ingannare e credere che stiamo male. Quanto basta per vivere? Pochissimo.

Io voglio arrivare al punto in cui il popolo possa essere sovrano e valutare e decidere che se una gestione statale non va abbia l'autorità effettiva e non solo scritta sulla carta di liquidare quella gestione.

Dobbiamo impegnarci per tornare a livelli più normali, più sani smettere di consumare nell'inutile. E allora si che saranno costretti o a fallire o trovare soluzioni eque.



Scusate il lungo sfogo, ma quando arrivano bollette assurde che ti impediscono ad arrivare alla fine del mese.. e per risolvere il disagio del mancato adeguamento degli stipendi all'Euro... perchè nasce quasi tutto da li, loro aumentano l'iva alla gente, mentre aumenta il costo della spesa da un mese all'altro con grosse differenze tra nord e sud, mentre i contratti sono nazionali.... beh la gente dovrebbe svegliarsi e non andare a comprare l'ennesimo inutile e stupido telefonino! Non è quello il mercato che deve muoversi, siete d'accordo?

Io son stufa. Voglio che la gente si svegli sul consumo, voglio che si ricordino delle famiglie di 50 anni fa in cui non c'era bisogno di tante cose, con i pregi di oggi e il buon senso di ieri.
__________________
Se non sarò me stesso chi lo sarà per me? E se non ora, quando?

Ultima modifica di Sole : 16-09-2011 alle ore 12.14.10.
Sole non è connesso  
Vecchio 16-09-2011, 12.14.19   #2
luke
Organizza eventi
 
L'avatar di luke
 
Data registrazione: 27-03-2009
Messaggi: 2,003
Predefinito

Condivido....
Come già detto altrove spesso i carnefici esistono perchè c'è chi si compiace di recitare il ruolo della vittima...ed inoltre una classe politica può esistere e prendere determinate decisioni perchè esiste un determinato popolo da cui proviene.
Posso al limite fare eccezione per persone realmente disagiate, al limite della povertà sul serio, per le altre, cioè per la stragrande maggioranza, i consumat(t)ori, no.
__________________
...cercare e saper riconoscere chi e cosa, in mezzo all'inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio.

C'è una pace che si trova soltanto al di là della guerra. Se quella battaglia deve arrivare, io la combatterò.

Flectere si nequeo superos, Acheronta movebo

Ultima modifica di luke : 16-09-2011 alle ore 12.21.12.
luke non è connesso  
Vecchio 16-09-2011, 12.37.32   #3
Astral
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Astral
 
Data registrazione: 01-08-2006
Residenza: Roma
Messaggi: 3,424
Predefinito

Si stanno distruggendo tutto, quando basterebbe mandarli a casa per vedere il paese rifiorire.
Il nostro grande problema è che non abbiamo una rivoluzione alle spalle, rispetto ad altri paesi. Non importa se in Italia non si arriva a fine mese, l'importante è che vince il Milan, o che il cantante di Maria di Filippi a vinto, o i pettegolezzi di uomini e donne etc. etc.

Tocca fare come hanno fatto a Montecitorio qualche sera fa, pomodori, dardi e fuochi, e mettergli paura, poi voglio proprio vedere. Queste scelte non rappresentano il popolo, rappresenta una dittatura velata, che praticamente ci siamo scelti, perchè siamo tutti addormentati.
Disoccupazione al 30%, chi vuole aprire un'attività è scoraggiata, o evadi le tasse come loro, oppure non arrivi a fine mese.

Quando poi qualcuno cerca di fare qualcosa lo si critica sempre, ma noi cosa facciamo?

Ok, a livello di singolo individuo io posso risparmiare, posso non comprare, posso uscire fuori dal consumismo, ma sta di fatto che ci sono certe cose comunque indispensabili come il cibo, il riscaldamento, ed in alcune città anche l'auto purtroppo (si perchè se non sei automunito è un punto in meno).

Dovremmo fare come l'Islanda uscire fuori dal debito e dalla comunità europea, disconoscere queste politiche.
I popoli arabi sono riusciti a togliersi dai dittatori, per noi è diverso, perchè la struttura che dobbiamo combatte è invisibile, non si vede ma c'è.
E' il sistema che è marcio, ed invece di ribellarsi o comunque fare qualcosa, sembra quasi che sia una rassegnazione.

Ma certo chi non ha lavoro è disperato, chi lavora 14 ore al giorno per arrivare a fine mese, figuriamoci se ha l'energia per cambiare qualcosa.

Tuttavia qualcosa si è smosso, ma dobbiamo essere di più. Ci sono cose che al telegiornale non dicono, c'è gente che viene da tutta Italia per assediare il palazzo e fare manifestazioni.

Ma il problema è l'ignoranza italiana perchè sai la gente che risponde?

1) Se lavoro lo vuoi, lo trovi
2) Bisogna accontentarsi di quello che c'è
3) Tanto non cambia mai nulla
4) E' stato sempre cosi e sempre lo sarà
5) Quando ti sposi? quando ti fai una famiglia=
6) A 30 anni stai ancora coi tuoi?
7) A 30 anni ormai è tardi per assumerti
8) Cercarsi persone esperte 10 anni di esperienza e massimo 25 anni
9) Se non hai 1300 euro al mese il mutuo non te lo diamo
10) Hai fatto male a studiare dovevi fare i lavori manuali


Il problema sono gli adolescenti fino a 20 anni che consumano in modo spropositato credendo che i soldi vengano dal cielo. E gli ultra 65 enni che sono rimasti alla loro epoca di un Italia che bastava impegnarsi per lavorare.
Questa è pura ignoranza.

E' vero che tanto dipende da noi, è vero che il percorso individuale può essere scinto dal percorso globale, ma è anche vero che se c'è un sistema che non va, e una classe politica che non va, non si possono trovare mille giustificazioni, per non dire che devono andare tutti a casa!

Ma il debito chi l'ha creato? noi nella nostra mente, ma in realtà non esiste nessun debito e nessun credito, potrebbe azzerarsi tutto.
Astral non è connesso  
Vecchio 16-09-2011, 12.52.14   #4
Sole
Conosce ogni vicolo
 
Data registrazione: 31-08-2005
Messaggi: 5,478
Predefinito

hemm... vi cito solo questa per chi volesse pensare di fare lavori in casa o pensasse di essere tutelato per un reddito basso.

Citazione:
Tagli alle agevolazioni fiscali, in questo caso l'intervento comporterà un aumento della pressione fiscale di circa l'un per cento; tra le voci da tagliare ci sono i figli a carico, le spese sanitarie e di istruzione, i redditi da lavoro dipendente, gli asili nido, gli studenti universitari, le ristrutturazioni edilizie, il terzo settore, le Onlus, l'Iva, le accise e i crediti d'imposta. Le riduzioni previste sono del 5 per cento per l'anno 2013 e del 20 per cento a partire dal 2014.
Se ho capito bene, vuol dire che per esempio le spese sanitarie che ora diventavano rimborsabile al 19% con franchigia di 125,00 euro, abbatterà l'aliquota. Oppure che la detrazione di imposta automatica per scaglioni di reddito di lavoro dipendente dimiinuirà... vuol dire in soldoni che il lordo resta uguale ma il netto diminuirà, impoverendo di fatto le famiglie.
Io spero, approfondirò magari se non lo fate prima voi o se non mi correggete se siete meglio informati, che abbattono le detrazioni per redditi alti... cosa difficile perchè ad averla tale agevolazione sono per propria natura i redditi bassi. E anche le agevolazioni per i lavori della casa.. speriamo che chi li ha già aperti non li perda e non si trovi ad aver speso molto di più...

Spero che qualcuno mi corregga perchè di fatto questa cosa impoverisce le famiglie.
__________________
Se non sarò me stesso chi lo sarà per me? E se non ora, quando?
Sole non è connesso  
Vecchio 16-09-2011, 13.07.08   #5
Sole
Conosce ogni vicolo
 
Data registrazione: 31-08-2005
Messaggi: 5,478
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Astral Visualizza messaggio
Ok, a livello di singolo individuo io posso risparmiare, posso non comprare, posso uscire fuori dal consumismo, ma sta di fatto che ci sono certe cose comunque indispensabili come il cibo, il riscaldamento, ed in alcune città anche l'auto purtroppo (si perchè se non sei automunito è un punto in meno).
Ma non è poco cosa può fare il singolo. E' tutto lì. Se inizia a farlo uno poi l'idea iniza a muoversi, piano piano se lo si fa senza ricriminare... eh ma tanto se lo faccio solo io... tutto si muove, tutto inizia a viaggiare, e prima pochi e poi piano quei pochi fanno i tanti. Il fatto è che i pochi sono scoraggiati dall'aspettativa. Fare e basta. E poi comunicare questa cosa, muovere la gente verso un consumo ragionato. merendine in pubblicità e tg che mette al bando la ciccia? Ma è evidente una incongruenza, no?
Quote:




Ma certo chi non ha lavoro è disperato, chi lavora 14 ore al giorno per arrivare a fine mese, figuriamoci se ha l'energia per cambiare qualcosa.
Infatti è quello che fanno muovere. Togleire la possibilità di scelta. Ma una scelta resta sempre, ma ci vuole buon senso da parte di tutti. Cambiamo noi, cambia la gente in parlamente Astral.. è così, ne sono convinta! Il detto dei moschettieri com'era? Tutti per uno.... ma uno per tutti. Quell'uno fa il suo
Quote:


Ma il problema è l'ignoranza italiana perchè sai la gente che risponde?

1) Se lavoro lo vuoi, lo trovi
2) Bisogna accontentarsi di quello che c'è
Queste due però sono vere... il lavoro lo trovi solo che le condizioni che ti offrono sono molto tristi.
Quote:


Il problema sono gli adolescenti fino a 20 anni che consumano in modo spropositato credendo che i soldi vengano dal cielo. E gli ultra 65 enni che sono rimasti alla loro epoca di un Italia che bastava impegnarsi per lavorare.
Loro sono la conseguenza non il problema. Il perfetto risultato di ciò che hanno creato.
Quote:


E' vero che tanto dipende da noi, è vero che il percorso individuale può essere scinto dal percorso globale, ma è anche vero che se c'è un sistema che non va, e una classe politica che non va, non si possono trovare mille giustificazioni, per non dire che devono andare tutti a casa!
Ma non è con due pomodori che gli fai male... è da dentro le famiglie che deve iniziare una costante lenta e profonda e solida rivoluzione.
Quote:


Ma il debito chi l'ha creato? noi nella nostra mente, ma in realtà non esiste nessun debito e nessun credito, potrebbe azzerarsi tutto.
Potrebbe, ma di fatto ci servono troppe cose... se ci servono.
__________________
Se non sarò me stesso chi lo sarà per me? E se non ora, quando?
Sole non è connesso  
Vecchio 16-09-2011, 13.35.32   #6
griselda
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di griselda
 
Data registrazione: 07-01-2006
Messaggi: 7,629
Predefinito

Ci sono già famiglie che lo fanno Sole, come la mia, se vogliono arrivare alla fine del mese.
Ma vedo che da quando vado in certi discount dove prima ero sola contorniata da extracomunitari ora inizio a vedere anceh gente del paese dove risiedo, ma tutti che si nascondono che vanno alle ore più impensate per cui non è neppure per loro una scelta visto che si vergognano.
E' la mentalità che deve cambiare è ora di incaxxarci di gridare e smetterla con le rate con cui atrofizzano la mente delle persone!
In ogni caso concordo che dove si muove uno altri seguono, non so quale sia il motivo ma ho visto che è così. Sarà per quel discorso che le persone muovono gli stessi passi...booh ma non importante l'importante è fare qualcosa
Ribelliamoci gente!
__________________
------------------------

ORDINE RITMO ARMONIA
griselda non è connesso  
Vecchio 16-09-2011, 18.20.24   #7
Astral
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Astral
 
Data registrazione: 01-08-2006
Residenza: Roma
Messaggi: 3,424
Predefinito

L'unico modo per fare veramente qualcosa a livello fisico, è fare la rivoluzione o entrare noi stessi in politica, oppure fare dei referendum con le firme, se non lo facciamo, siamo fregati, e peggio ancora i vostri figli.

A livello spirituale, oltre a pregare che smuove anche le montagna dubito si possa fare altro.
Noi lo facciamo a livello individuale, ma ciò non è sufficiente.

Parlavo di assaltare il palazzo, perchè nemmeno le manifestazioni servono a qualcosa, non gliene importa nulla di noi, ma soltanto del loro gozzo, la loro avidità è arrivata in un maniera disumana, unita all'incompetenza e alla voglia di mandare tutto a rotoli.
Tanto pensano che noi siamo le solite pecore che non hanno il coraggio di fare le cose.

E cosa si fa quando nonostante il popolo faccia sentire il suo malcontento, loro ti ignorano?
No, bisogna per forza di cose cambiare chi ti governa, altrimenti per quanti sforzi individuali fai, ci sarà sempre qualcuno che ti opprime.
Questa oppressione non è soltanto economica, è sociale e culturale, e non mi riferisco soltanto al governo attuale che ha rovinato l'Italia da 15 anni, ma a tutte le parti politiche.

Se non ci fossero veramente soldi, non avrebbero privilegi nobiliari e stipendi d'oro.

Poi mi ricollego a quello che diceva Sole, ma secondo me prima ancora di essere consumatori, siamo soltanto dei numeri. Uno deve pagare tonnellate di tasse e avere servizi da schifo, eppure eppure... manco questo serve a smuoverci.
Astral non è connesso  
Vecchio 16-09-2011, 18.24.20   #8
luke
Organizza eventi
 
L'avatar di luke
 
Data registrazione: 27-03-2009
Messaggi: 2,003
Predefinito

Secondo me puoi anche assaltare il palazzo e distruggerlo, ma è come se avessi distrutto un megafono che trasmette una canzone...a fare un altro megafono ci vuole poco e sta tranquillo che al cantante non ci arriverai mai...
__________________
...cercare e saper riconoscere chi e cosa, in mezzo all'inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio.

C'è una pace che si trova soltanto al di là della guerra. Se quella battaglia deve arrivare, io la combatterò.

Flectere si nequeo superos, Acheronta movebo
luke non è connesso  
 


Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire nuovi messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare files
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice vB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Vai al forum

Discussioni simili
Discussione Autore discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
paghiamo per ciò che siamo..? dafne Esoterismo 31 02-12-2009 10.30.01
Natale ferragosto solo andata Era Via dell'Arca di Noè 2 30-09-2009 11.05.58
Chi siamo? Shanti Letteratura & Poesia 4 12-02-2005 20.50.41


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 18.17.35.




Powered by vBulletin Copyright ©2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.
Questo sito non è, nè può ritenersi assimilabile ad una testata giornalistica, viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale. Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina della l. n. 62 del 2001. Il materiale pubblicato è sotto la responsabilità dei rispettivi autori, tutti i diritti sono di Ermopoli.it che incoraggia la diffusione dei contenuti, purchè siano rispettati i seguenti principi: sia citata la fonte, non sia alterato il contenuto e non siano usati a scopo di lucro. P.iva 02268700271