Ermopoli
L'antica città della conoscenza
  
    
Torna indietro   Ermopoli > Forum > Piazza > Manifestazione pacifica del nostro volere

 
 
Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Vecchio 27-03-2012, 16.55.18   #1
Edera
Bannato/a
 
Data registrazione: 28-04-2009
Messaggi: 1,834
Question Tibet, stato violento e feudale?

Ho letto un articolo su un blog che parla del Tibet.
L'articolo avrebbe lo scopo di rompere quell'immagine collettiva che si è fatto l'Occidente, cioè quella di un posto popolato da simpatici nanetti che passavano il giorno a pregare, a suonare il gong, e a cospargere il suolo di petali di rosa. [Così è scritto]

In realtà l'autore sostiene che nel 1959 quando il Tibet cadde nella mani dei Cinesi era uno stato feudale, dove la maggior parte della terra coltivata era controllata dai Signori o dai ricchi Dalai Lama, un paese in mano a una casta sacerdotale che non si faceva alcun problema di sorta nell'usare la forza per perpetrare il suo dominio. L'idea occidentale era che i monaci lavorassero spontaneamente per osservare la legge del karma, in realtà sembra che persino i Dalai Lama (tutti tranne l'ultimo che li ha aboliti) disponessero di un vero e proprio armamentario di tortura completo di strumenti per cavare nasi e orecchie per far rispettare la propria volontà.. I lavoratori erano senza diritti e le donne dovevano soddisfare qualsiasi desiderio dei proprietari terrieri..
L'invasione cinese quindi sarebbe stata sì, una dittatura feroce ma paradossalmente avrebbe portato anche qualche beneficio come l'assistenza sanitaria (se la famiglia non supera i tre figli) e il blocco di qualsiasi attività di mutilazione operata dai monaci sui contadini.
E' davvero così? Confesso che anch'io ho sempre avuto in testa l'immagine di un Tibet tollerante e pacifico... O per lo meno dotato di una spiritualità profonda, non avrei mai pensato a certe barbarie... Boh
Certo sarà un questione di cultura, quello che ai miei occhi può apparire crudele forse ai loro è giustificato.. E così via.
Edera non è connesso  
Vecchio 27-03-2012, 17.04.06   #2
Cubo
Inizia a fare amicizie
 
L'avatar di Cubo
 
Data registrazione: 22-02-2012
Messaggi: 391
Predefinito

io penso che alla fine quando sei cosi' lontana puoi solo avere notizie da propagande opposte.

quello che so per certo è che la cina è un paese dove non esiste il concetto di diritti umani fondamentali come noi li conosciamo. dove una ricerca su internet non è "virtualmente" possibile (poi in realtà mezza cina viaggia illegalmente su internet), e se digiti palden choetso probabilmente esce una marca di croccantini.

nel dubbio, quindi, io sto dalla parte dell'autodeterminazione. oggi c'e' uno stato invasore e una protesta estrema contro questo stato di cose, e quindi Free Tibet.

Se poi in un free tibet ci saranno di nuovo nasi estirpati, conto che ci saranno persone che manifesteranno contro i monaci, si spera senza la necessità degli estremi mezzi usati in questi anni. e saremo tutti contro i monaci. ma non adesso.

attenzione: NON cercate palden se non sopportate la visione di immagini ESTREMAMENTE forti. questo non è un videogioco, purtroppo.
__________________
"I shall tell you the truth as seen by a perfect cube.
It may not be the truth of your dimension, but it is mine."
Cubo non è connesso  
Vecchio 28-03-2012, 09.22.59   #3
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,171
Predefinito

Beh non serve tanta immaginazione per capire che il paese chiuso, prima dell'occupazione cinese, era rimasto su schemi simili a quelli che regolavano la vita qui da noi intorno all'anno 1000 o poco più.
Idem per quanto riguarda l'aspetto religioso/esoterico, ci sono pratiche, in forme diverse ma sostanzialmente uguali a quelle praticate dagli ultimi (o meglio conosciuti) sciamani europei, cioè anche piuttosto cruente e violente.
Questo non toglie che sono d'accordo con Cubo sull'autodeterminazione, sopratutto finchè si facevano i loro affari senza rompermi le scatole.
Se si fossero messi a giocare con le bombe atomiche era un altro discorso e l'autodeterminazione sarebbe passata in secondo piano, ma visto che la loro tecnologia militare era quasi ancora all'arco e frecce non vedo perchè non lasciarli decidere da se.
Uno non è connesso  
Vecchio 28-03-2012, 09.55.50   #4
Edera
Bannato/a
 
Data registrazione: 28-04-2009
Messaggi: 1,834
Predefinito

Anch'io sono per l'autodeterminazione, mi sembra sacrosanto che un popolo possa avere la possibilità di scegliere da chi farsi governare, la Cina poi mi sembra davvero indifendibile.
Volevo capire se il modo in cui l'articolo dipinge il Tibet è pertinente o solo propaganda (visto che l'autore è palesamente schierato, ateo ecc...)
Ero convinta che il buddismo fosse una religione non-violenta invece a quanto pare è stato il fondamento di una teocrazia che ha schiacciato i diritti della povera gente, altro che buddismo=bontà e sterotipi vari...
L'articolo dice che l'ultimo Dalai Lama è diverso da quelli di prima solo perchè il contatto con l'Occidente gli ha fatto maturare idee un pochino più tolleranti, se la prende inoltre con una sua dichiarazione in cui avrebbe detto "Non ci sono buone ragioni per ribellarsi contro quelli che hanno ricchezza e fortuna. Meglio sviluppare un’attitudine positiva”. L'autore afferma che è un invito a rassegnarsi alla povertà di 3/4 del mondo.
Qui avrei qualcosa da ridere nel senso che ci vedo più un invito a lavorare su di sè per raggiungere le condizioni di vita che si vorrebbero, piuttosto che prendersela esternamente con qualcuno (sarebbe tempo perso...) Ma forse questo chi ha scritto l'articolo non riesce a coglierlo.
Edera non è connesso  
Vecchio 28-03-2012, 10.00.27   #5
Cubo
Inizia a fare amicizie
 
L'avatar di Cubo
 
Data registrazione: 22-02-2012
Messaggi: 391
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Edera Visualizza messaggio
Volevo capire se il modo in cui l'articolo dipinge il Tibet è pertinente o solo propaganda
in quel senso rispondevo che o qui c'e' qualcuno che ha conoscenze di prima mano o purtroppo scambieresti una propaganda per un'altra...

Citazione:
Qui avrei qualcosa da ridire nel senso che ci vedo più un invito a lavorare su di sè per raggiungere le condizioni di vita che si vorrebbero, piuttosto che prendersela esternamente con qualcuno (sarebbe tempo perso...)
ma anche no. il miglioramento delle condizioni di vita che si hanno qui ed ora non è nel podio delle cose importanti da fare in questa vita per parecchie visioni religiose. il buddhismo, per quel poco che ne so, non fa eccezione.
__________________
"I shall tell you the truth as seen by a perfect cube.
It may not be the truth of your dimension, but it is mine."
Cubo non è connesso  
Vecchio 28-03-2012, 10.56.32   #6
Edera
Bannato/a
 
Data registrazione: 28-04-2009
Messaggi: 1,834
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Cubo Visualizza messaggio
ma anche no. il miglioramento delle condizioni di vita che si hanno qui ed ora non è nel podio delle cose importanti da fare in questa vita per parecchie visioni religiose. il buddhismo, per quel poco che ne so, non fa eccezione.
Dici Cubo? Da quello che ho capito invece 'sviluppare un'attitudine positiva' al posto che ribellarsi contro chi è ricco, nella visione di pensiero orientale sarebbe un invito a capire qual è il modo in cui l'uomo attrae la realtà materiale nella sua vita, per poi cambiarla... Se spreca le energie a prendersela con chi ha più soldi di lui, sarà destinato a rimanere tutta l'esistenza governato dalle leggi di quella sua condizione, senza rendersi conto che dipendono in buona parte da lui stesso. Almeno io ho capito questo ma potrebbe essere frutto di una comprensione sbagliata

[forse siamo o.t.]
Edera non è connesso  
Vecchio 28-03-2012, 11.07.41   #7
Cubo
Inizia a fare amicizie
 
L'avatar di Cubo
 
Data registrazione: 22-02-2012
Messaggi: 391
Predefinito

Attingendo alle mie limitate conoscenze, gli obiettivi primari della maggior parte delle "religioni" o "visioni spirituali" (non tuffiamoci nella semantica, chiamiamolo Egidio, tanto ci siamo capiti) sono nel miglioramento del se', non della vita del se'.

Per banalizzare, lavoro su me stesso per essere felice, non sulla realtà in cui vivo perche' aumentino le possibilità che io sia felice.

Molti Egidio dicono che gli sforzi, il cammino, devono essere nella direzione interna, non esterna. Su di me, non sulla realtà intorno.

E non lavorare "per ottenere le condizioni di vita che si vorrebbero", ma per "migliorare il modo in cui vivo nelle condizioni che ho".

Questo perche' io interpreto la tua battuta anche come "migliorare le condizioni di vita = miglior stato di salute, di igiene, di comfort...", dato che questa interpretazione mi sembra coerente con lo spirito del topic.

Se invece tu intendi "migliorare le condizioni di vita = migliore adattabilità mia allo stato di salute, di igiene, di comfort che mi toccano in questa vita" allora cancella tutto, prendiamoci un daiquiri e facciamoci una passeggiata parlando di pesca con la mosca, perche' non avevo capito nulla e non c'e' discussione.

(se siamo IT o no lo decidi tu, o signora del thread)
__________________
"I shall tell you the truth as seen by a perfect cube.
It may not be the truth of your dimension, but it is mine."
Cubo non è connesso  
Vecchio 28-03-2012, 11.30.37   #8
Edera
Bannato/a
 
Data registrazione: 28-04-2009
Messaggi: 1,834
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Cubo Visualizza messaggio
Attingendo alle mie limitate conoscenze,
Le mie non credo siano molto superiori.

Citazione:
gli obiettivi primari della maggior parte delle "religioni" o "visioni spirituali" (non tuffiamoci nella semantica, chiamiamolo Egidio, tanto ci siamo capiti) sono nel miglioramento del se', non della vita del se'.

Per banalizzare, lavoro su me stesso per essere felice, non sulla realtà in cui vivo perche' aumentino le possibilità che io sia felice.
Sì lavoro su di me e non sulla realtà ma la realtà per come la vedo io è uno specchio del lavoro che ho compiuto su di me, non riesco a separare le due cose. La spiritualità non mira a farti essere ricco ma vivere con un certo grado di comfort (ricco no, non serve) potrebbe essere una conseguenza spontanea del fatto che hai capito certe cose di te stesso e della realtà che ti circonda. E' l'attaccamento semmai ad essere condannato secondo me. Se ho (sia materialmente che immaterialmente) posso dare e essere utile agli altri, se non ho e faccio fatica a campà...

Citazione:

Se invece tu intendi "migliorare le condizioni di vita = migliore adattabilità mia allo stato di salute, di igiene, di comfort che mi toccano in questa vita" allora cancella tutto, prendiamoci un daiquiri e facciamoci una passeggiata parlando di pesca con la mosca, perche' non avevo capito nulla e non c'e' discussione.
L'adattabilità è molto molto importante, senza adattabilità non vado da nessuna parte, tuttavia non mi accontenterei di questo, sempre se posso, ovvio.
Sai pescare a mosca?

Citazione:
( o signora del thread)
eh?
Edera non è connesso  
Vecchio 28-03-2012, 14.59.01   #9
Cubo
Inizia a fare amicizie
 
L'avatar di Cubo
 
Data registrazione: 22-02-2012
Messaggi: 391
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Edera Visualizza messaggio
La spiritualità non mira a farti essere ricco ma vivere con un certo grado di comfort (ricco no, non serve) potrebbe essere una conseguenza spontanea del fatto che hai capito certe cose di te stesso e della realtà che ti circonda.
Ti faccio un esempio.
Abito in una baracca di lamiera a Mumbai, ai piedi di un grattacielo lussuosissimo. Fango e sterco. La mia vita è quello: di giorno cerco un modo per sopravvivere, di notte lotto con gli scarafaggi.
Non lavoro su me stesso per migliorare la mia condizione, trovare un lavoro, trasferirmi in un posto meno orribile.
Non lavoro su me stesso per accettare fango e scarafaggi.
Penso che se faccio questa vita c'e' un perche', fa parte di un disegno, di un'evoluzione. Penso che sto pagando un conto, sto riequilibrando. Accetto. Per questo giro è andata cosi', mi tocca questo, cerco di viverlo bene, di accettarlo.
Una parte di me si ribella a una visione del mondo cosi'.
Ma esiste (naturalmente in modo molto piu' articolato di come l'ho riassunto io). Quando leggo che l'autore contesta al Dalai Lama "un invito a rassegnarsi alla povertà di 3/4 del mondo" io rispondo dicendo: se anche fosse, non è diverso da accettare gli scarafaggi di Mumbai. In questo mondo va cosi', ci tocca questo...

Citazione:
L'adattabilità è molto molto importante, senza adattabilità non vado da nessuna parte, tuttavia non mi accontenterei di questo, sempre se posso, ovvio.
io la penso come te. ma io penso che migliorare le condizioni in cui vivo sia una responsabilità, e trovo conforto nel mio Egidio personale. riflettevo con te sul fatto che non possiamo, io e te, prendere questa nostra "visione" e applicarla al tipo che vive nella baracca, lui non la condivide, non la capisce, a lui va benissimo cosi'.

Citazione:
Sai pescare a mosca?
no, ma dopo un sufficiente numero di daiquiri condivisi diventa secondario.

Citazione:
eh?
tu hai dato il nome al topic. e' tuo. sei tu che decidi cosa è IT e cosa no. io quindi non ho problemi, sarebbe come preoccuparsi del ritardo a scuola proprio la mattina che ti da' un passaggio in macchina il preside.
__________________
"I shall tell you the truth as seen by a perfect cube.
It may not be the truth of your dimension, but it is mine."
Cubo non è connesso  
Vecchio 28-03-2012, 15.30.55   #10
Edera
Bannato/a
 
Data registrazione: 28-04-2009
Messaggi: 1,834
Predefinito

Citazione:
Non lavoro su me stesso per migliorare la mia condizione, trovare un lavoro, trasferirmi in un posto meno orribile.Non lavoro su me stesso per accettare fango e scarafaggi questo giro è andata cosi', mi tocca questo, cerco di viverlo bene, di accettarlo.Una parte di me si ribella a una visione del mondo cosi'.
Ma esiste (naturalmente in modo molto piu' articolato di come l'ho riassunto io).
Sì, sono d'accordo ed è diffusa come visione, anzi direi che è ciò a cui ti porta seguire una religione senza comprendere, devi accettare e basta.

Citazione:
io la penso come te. ma io penso che migliorare le condizioni in cui vivo sia una responsabilità, e trovo conforto nel mio Egidio personale. riflettevo con te sul fatto che non possiamo, io e te, prendere questa nostra "visione" e applicarla al tipo che vive nella baracca, lui non la condivide, non la capisce, a lui va benissimo cosi'.
Certo, non possiamo estendere niente a nessuno, riflettevo sul fatto che chi ha scritto l'articolo potrebbe aver interpretato le parole del Dalai Lama in maniera incompleta.

Citazione:
no, ma dopo un sufficiente numero di daiquiri condivisi diventa secondario.
Haahahahahhahhah.

Non bevo.
Edera non è connesso  
 


Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire nuovi messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare files
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice vB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Vai al forum

Discussioni simili
Discussione Autore discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
La Quarta Via - Gurdjieff Kael Tradizioni Spirituali ed Esoteriche 168 17-01-2012 15.14.06
Pacs Uno Discorsi da Comari 14 26-09-2008 11.57.40
Tibet e Cina Uno Gogna 15 10-07-2008 19.05.31
Dove è stato l'aereo di Stato? DonChisciotte Gogna 8 15-09-2007 23.10.03


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 22.31.49.




Powered by vBulletin Copyright ©2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.
Questo sito non è, nè può ritenersi assimilabile ad una testata giornalistica, viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale. Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina della l. n. 62 del 2001. Il materiale pubblicato è sotto la responsabilità dei rispettivi autori, tutti i diritti sono di Ermopoli.it che incoraggia la diffusione dei contenuti, purchè siano rispettati i seguenti principi: sia citata la fonte, non sia alterato il contenuto e non siano usati a scopo di lucro. P.iva 02268700271