Ermopoli
L'antica città della conoscenza
  
    
Torna indietro   Ermopoli > Forum > Giardino Filosofico > Filosofia

 
 
Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Vecchio 29-11-2006, 12.36.48   #1
Arjuna
Alloggiato/a
 
L'avatar di Arjuna
 
Data registrazione: 23-11-2006
Messaggi: 43
Predefinito Parmenide

Non so, è la sezione giusta?

Comunque... cosa pensate di quest' uomo? Aveva ragione?

Personalmente non mi piace l' Eleatismo, quindi manco Parmenide (io sto con la Scuola di Cirene, di Aristippo).
Perchè non mi piace?
Perchè (avete notato che ho fatto quattro alliterazioni?)
la sua massima ''L' essere è e non può non essere, il non essere non è e non può non essere'' e il concetto di inesprimibilità del non essere mi paiono false.

Allora... dici che il non essere è inesprimibile e inintelleggibile: allora perchè dici che ''non è'' ? L' hai appena espresso e intelletto con un avverbio negativo e una copula... e sicuramente lo hai immaginato!

Poi... il non essere, per non essere, deve essere, se no non ci passerebbe neanche in testa che non fosse, no?
Allora, per essere più chiari... il buon Democrito diceva che l' Eleatismo, Zenone compreso, erano baggianate; infatti il non essere esiste eccome (il vuoto d' aria, per esempio, è una forma di non essere) e già il fatto che lo si menzioni (come ho detto pure io) comporta, anche magari per un istante, la sua presenza effettiva.

E andando nello specifico... avete presente l' anti materia? Ecco, secondo me è quello il non essere rappresentato materialmente.

Se il non essere non ci fosse, perchè l' uomo avrebbe paura del vuoto, della morte, dell' oscurità?

L' essere parmenideo è come una sorta di anima comune a tutte le cose, per esempio: l' essere pervade me, come pervade un sasso e un piccione.

Sembra quasi che siamo tutti parti di un unico... essere
Non è assurdo? Se fosse così, dovremmo essere tutti orientati a un medesimo scopo (il benessere dell' essere, se ne siamo gli organi; il suo aspetto e manifestazione, se ne siamo l' apparenza).
Io non vedo l 'uomo che lavora con i suoi simili unicamente per un medesimo scopo.

In sintesi: penso che il non essere non possa non esistere, perchè se anche noi ne facciamo una proiezioni, in quel momento l' abbiamo fatto esistere nel nostro immaginario, l' abbiamo intelletto ed espresso. Di conseguenza, se anche non è stato portato sul piano materiale (ma l' anti materia sembra averlo fatto), nel piano intellettuale e filosofico è sempre esistito e sempre esisterà.

Chiaramente ora mi sono limitato ad analizzare il pensiero eleatico STRETTAMENTE di Parmenide.
Voi che ne pensate?
__________________
... è il drappo che porti nel cuore per l' eternità.
Arjuna non è connesso  
Vecchio 29-11-2006, 14.14.51   #2
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,171
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Arjuna Visualizza messaggio
Non so, è la sezione giusta?
[off topic] Adesso si, ho deciso che come ho aperto verso la semplicità sezioni che si prestano in tal senso devo aprire anche verso chi vuole arrovellarsi il cervello con terminologie meno comuni
[/off topic]

Citazione:
Comunque... cosa pensate di quest' uomo? Aveva ragione?
Personalmente non mi piace l' Eleatismo, quindi manco Parmenide (io sto con la Scuola di Cirene, di Aristippo).
Perchè non mi piace?
Perchè (avete notato che ho fatto quattro alliterazioni?)
(le ho cercate, ma non le vedo)

Citazione:
la sua massima ''L' essere è e non può non essere, il non essere non è e non può non essere'' e il concetto di inesprimibilità del non essere mi paiono false.

Allora... dici che il non essere è inesprimibile e inintelleggibile: allora perchè dici che ''non è'' ? L' hai appena espresso e intelletto con un avverbio negativo e una copula... e sicuramente lo hai immaginato!

Poi... il non essere, per non essere, deve essere, se no non ci passerebbe neanche in testa che non fosse, no?
Perchè no? Non essere non è uguale a non esistente come non esiste l'essere assoluto se non equiparato ad infinito e neanche il non essere (zero) assoluto.

per il resto ripasso... hai messo troppe cose insieme
Uno non è connesso  
Vecchio 29-11-2006, 15.32.07   #3
isaefrenk
Bannato/a
 
Data registrazione: 14-12-2004
Messaggi: 55
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Uno Visualizza messaggio
Perchè no? Non essere non è uguale a non esistente come non esiste l'essere assoluto se non equiparato ad infinito e neanche il non essere (zero) assoluto.
Non essere è non esistere per logica quindi non è sentito da nessuno. Il non essere assoluto è idem come sopra, non è sentito da alcuno.
isaefrenk non è connesso  
Vecchio 29-11-2006, 15.53.17   #4
Arjuna
Alloggiato/a
 
L'avatar di Arjuna
 
Data registrazione: 23-11-2006
Messaggi: 43
Predefinito

Citazione:
(le ho cercate, ma non le vedo)
Personalmente, perchè, Parmenide, perchè

Citazione:
Perchè no? Non essere non è uguale a non esistente come non esiste l'essere assoluto se non equiparato ad infinito e neanche il non essere (zero) assoluto.

per il resto ripasso... hai messo troppe cose insieme
Parmenide intendeva il non essere come il non esistere (come potrai constatare tu stesso nel tuo ripasso) e da questa sua voglia di intendere parte la mia discussione.
__________________
... è il drappo che porti nel cuore per l' eternità.
Arjuna non è connesso  
Vecchio 29-11-2006, 17.14.39   #5
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,171
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da isaefrenk Visualizza messaggio
Non essere è non esistere per logica quindi non è sentito da nessuno. Il non essere assoluto è idem come sopra, non è sentito da alcuno.
ti copio le definizioni del dizionario che forse faccio prima...

Citazione:
Esistere
Dal lat. exsiste°re, comp. di e°x- 'da, fuori' e siste°re 'porsi, stare, fermarsi'; propr. 'uscire, levarsi (dalla terra)' e quindi 'apparire, esistere
v. intr. [pass. rem. io eSistéi o eSistètti, tu eSistésti ecc.; part. pass. eSistito; aus. essere]
1 avere realtà effettiva: i fantasmi non esistono
2 esserci, trovarsi: non esistono dubbi; per lui non esiste che il lavoro, l'unica cosa che conta è il lavoro
3 (lett.) vivere: ha cessato di esistere.
Citazione:
Essere
v. intr. [pres. io sóno, tu sèi, egli è, noi siamo (ant. o region. sémo), voi siète (ant. o region. sète),...
s. m.
1 (filos.) ciò che è, la qualità di ciò che è; anche, l'insieme di ciò che è: l'essere e il divenire; l'essere e...
Essere e esistere non sono la stessa cosa


----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Arj-Lao il ripasso nel senso quando ripasso su questo post con calma
Uno non è connesso  
Vecchio 29-11-2006, 17.46.16   #6
ellebi111
Ristruttura la casa
 
L'avatar di ellebi111
 
Data registrazione: 25-03-2006
Residenza: Torino
Messaggi: 317
Predefinito

Ok, la parte filsofica la lascio a chi vuole il mal di testa, mi limito a dire che l'antimarteria è una forma di materia opposta alla materia che noi conosciamo e di cui siamo fatti, semplicemente (semplifico alla grande) di segno opposto. NON è il vuoto o la non materia, non la userei quindi come esempio del non essere o non esistere.
__________________
Ogni tecnologia sufficientemente avanzata e' indistinguibile dalla magia.
ellebi111 non è connesso  
Vecchio 29-11-2006, 18.20.26   #7
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,149
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Arjuna Visualizza messaggio
Parmenide intendeva il non essere come il non esistere (come potrai constatare tu stesso nel tuo ripasso) e da questa sua voglia di intendere parte la mia discussione.
Beh dai, questa te la sei inventata. Oppure quel che hai letto è spiegato assai male.

La questione se vi sia differenza tra essere ed esistere è cosa banale, già mostrata da Uno. Il fatto che non siano la stessa cosa è già evidente dalla sussistenza di due diverse parole (che hanno due diverse origini e due diversi significati): essere è antichissima (la radice è comune a quasi tutte le lingue) ed ha valore durativo, ex-sistere significa più o meno "zompar fuori" (dall'Essere).

Quando Parmenide dice che il non-essere non può essere (e che l'essere non può non-essere) egli delimita il campo dell'essenza e non dell'esistenza, piano che ne consegue ( e non ne sussegue). Quindi ciò che è può esistere, può non esistere e può passare dall'esistenza alla non esistenza (e viceversa), ciò che non è non può nulla, dato che per esistere o meno si deve essere. Quindi certamente non esiste, ma non sono sinonimi, è il secondo conseguenza del primo.

Dal che i tuoi esempi non reggono. Parmenide avrebbe ribadito che è il non esistente che può benissimo essere.

Cmq anche a me piace più Democrito...

Per il resto (hai davvero messo molti spunti) torniamoci dai...
Ray non è connesso  
Vecchio 29-11-2006, 19.20.27   #8
Arjuna
Alloggiato/a
 
L'avatar di Arjuna
 
Data registrazione: 23-11-2006
Messaggi: 43
Predefinito

Ti assicuro che non me lo sono inventato.
Controlla tu stesso come le qualità dell' Essere, troverai chiaramente i segni che ciò che ho detto è vero, a cominciare dal fatto che Parmenide dice che l' Essere è ingenerato, in quanto se fosse nato, prima non sarebbe (e non sarebbe esistito) e ciò va contro tutta la sua teoria.
Questo particolare già dimostra come Parmenide collegava l' essere (e l' Essere) all' esistere (infatti diceva che tutte le cose che ci circondano non esistono, sono solo mera apparenza ed esiste solo l' Essere unico, eterno, ingenerato, finito, immobile, perfetto e forse qualcos' altro, ma siamo lì).
Quindi i miei esempi reggono
__________________
... è il drappo che porti nel cuore per l' eternità.
Arjuna non è connesso  
Vecchio 30-11-2006, 10.52.34   #9
Grey Owl
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Grey Owl
 
Data registrazione: 24-01-2006
Messaggi: 2,100
Predefinito Booleana

Citazione:
Originalmente inviato da Arjuna Visualizza messaggio
Cosa pensate di quest' uomo? Aveva ragione?
...la sua massima ''L' essere è e non può non essere, il non essere non è e non può non essere'' e il concetto di inesprimibilità del non essere mi paiono false.

...Voi che ne pensate?
Ti dico come la penso io... uso la logica booleana...

“L' (essere è) e non può (non essere), il (non essere) non è e non può (non essere)''

Assunto che:
(essere è) = A (stato 0)
(non essere) = B (stato 1)
e non può = funzione Booleana NOT (negato)

A=NOT B, [B NOT ](A) NOT = B

0= NOT 1, [1NOT](0) NOT= 1

Degno sofismo riportato alla logica Booleana…
Essere o non essere, questo e' il problema...hahahaha

Personalmente mi piace analizzare altro... in verita' il pensiero eleatico strettamente di Parmenide... non m'incuriosisce.

Ti lascio una citazione dal KIBALION:
"Allo stesso modo che tutto è nel Tutto, il Tutto è in tutto. Chi ben afferra questa verità, ha in se un grande sapere."

Come amo questo divino paradosso...

Ciao Arjuna... bello lo scudo... ma anche la tutina rossa non era male...hehehehe

Ultima modifica di Grey Owl : 30-11-2006 alle ore 10.57.06.
Grey Owl non è connesso  
Vecchio 30-11-2006, 17.21.03   #10
isaefrenk
Bannato/a
 
Data registrazione: 14-12-2004
Messaggi: 55
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Uno Visualizza messaggio
ti copio le definizioni del dizionario che forse faccio prima...





Essere e esistere non sono la stessa cosa


----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Arj-Lao il ripasso nel senso quando ripasso su questo post con calma
Scusa ma noi non abbiamo capito bene cosa dica il dizionario di diverso tra essere e esistere se ce lo spieghi con le tue parole può darsi che se ne venga a capo.
Noi rimaniamo sul fatto che essere e esistere sono complementari se non c'è uno non c'è l'altro
isaefrenk non è connesso  
Vecchio 30-11-2006, 17.26.28   #11
isaefrenk
Bannato/a
 
Data registrazione: 14-12-2004
Messaggi: 55
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Ray Visualizza messaggio
per esistere o meno si deve essere. Quindi certamente non esiste, ma non sono sinonimi, è il secondo conseguenza del primo.
ti contraddici, prima dici che esistere e essere sono due cose diverse poi dici che per esistere si deve essere e che l'uno è la conseguenza dell'altro...
tutti quelli che esistono si sentono di essere e l'essere sente minimo di esistere, è così logica la cosa se si vuol vedere, no?
cià

Ultima modifica di isaefrenk : 30-11-2006 alle ore 17.29.19.
isaefrenk non è connesso  
Vecchio 30-11-2006, 21.58.31   #12
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,149
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da isaefrenk Visualizza messaggio
ti contraddici, prima dici che esistere e essere sono due cose diverse poi dici che per esistere si deve essere e che l'uno è la conseguenza dell'altro...
Non vi è alcuna contraddizione. Se una cosa è conseguenza di un'altra, ovvero l'una implica l'altra, le due cose non possono essere sinonimi, cioè coincidere.
Conseguenza indica un rapporto di causa-effetto e la causa deve differire dall'effetto. Altrimenti è come dire che la sazietà e il mangiare sono la stessa cosa, mentre il mangiare implica (forse) la sazietà, ovvero la sazietà è conseguenza del mangiare.
Nello specifico ribadisco che esistere è conseguenza dell'essere... ovvero che se una cosa è allora può anche (forse) esistere.

Con la vostra definizione invece cambiate del tutto la cosa. Per dimostrare che sono la stessa cosa ne tirate in ballo una terza: il sentire. Chiamare questo metodo "logica" è operazione alquanto inconsueta. Spiegate la coincidenza di due cose con la concomitanza (supposta) di un attributo. E' come dire che la mela e la ferrari sono la stessa cosa in quanto entrambe rosse.

Per non dire del fatto che affermate con certezza che "tutti quelli che esistono si sentono di essere"... che è una vostra supposizione a mio modo di vedere, piuttosto ingenua.

Per Arj: quello che dici sul pensiero di Parmenide è corretto. Solo che quelle che tu chiami contraddizioni invece non lo sono. Non ho mai detto che lui non collegasse essere ad esistere, ho solo detto che non ne fa dei sinonimi, ma che certamente sono due cose collegate. Purtroppo è assai difficile disquisire di filosofi antichi (e tradotti) senza prima mettersi daccordo molto bene sui termini (che equivarrebbe a mettersi daccordo su quel che dicono senza necessità ulteriori di interpretare). Faccio un esempio che probabilmente ti piace: da come l'hai messa tu Parmenide sosterrebbe che tutte le cose che ci paiono esistere sono invece mera apparenza. Verrebbe da chiedergli se, allora, l'apparenza esiste... e non solo, ma se l'apparenza ha una condizione di esistenza migliore (maggiore) delle cose che appaiono. Sarebbe una domanda imbarazzante per lui secondo te?
Ray non è connesso  
Vecchio 01-12-2006, 17.13.11   #13
Arjuna
Alloggiato/a
 
L'avatar di Arjuna
 
Data registrazione: 23-11-2006
Messaggi: 43
Predefinito

Citazione:
Per Arj: quello che dici sul pensiero di Parmenide è corretto. Solo che quelle che tu chiami contraddizioni invece non lo sono. Non ho mai detto che lui non collegasse essere ad esistere, ho solo detto che non ne fa dei sinonimi, ma che certamente sono due cose collegate. Purtroppo è assai difficile disquisire di filosofi antichi (e tradotti) senza prima mettersi daccordo molto bene sui termini (che equivarrebbe a mettersi daccordo su quel che dicono senza necessità ulteriori di interpretare).
Beh, Parmenide forse si esprimeva da cani (usava la poesia per spiegare la sua filosofia ed è parere comune che come poete fosse davvero pessimo, io ho dato un' occhiata alla sua poesia in traduzione e confermo ), però, grazie anche ad altri filosofi e agli studi delle epoche successive, siamo riusciti a ricostruire il suo pensiero e penso che la disquisizione, difficile o meno, sia possibile. Quello che io contesto di Parmenide è la sua posizione sul non essere e la sua teoria che dietro tutto c' è l' Essere, perchè se così fosse, dovrei avere la mia anima condivisa con un sasso (perchè dando retta a Parmenide abbiamo tutti questo Essere in noi) e con le altre persone; sinceramente mi pare assurdo (se avessi l' anima in comune con l' umanità, tutti sapremmo tutto di tutti e magari saremmo una sorta di formicaio, va a sapere...).


Citazione:
Faccio un esempio che probabilmente ti piace: da come l'hai messa tu Parmenide sosterrebbe che tutte le cose che ci paiono esistere sono invece mera apparenza. Verrebbe da chiedergli se, allora, l'apparenza esiste... e non solo, ma se l'apparenza ha una condizione di esistenza migliore (maggiore) delle cose che appaiono. Sarebbe una domanda imbarazzante per lui secondo te?
Da buon greco (quando si studia una lingua, si entra un po' nella mentalità di chi la parla), farebbe due cose:

1) Se quel giorno fosse incavolato, ti direbbe che ha scritto la sua filosofia in poesia perchè è una verità per pochi

2) Se volesse essere garbato, ti sommergerebbe di parole e versi per spiegari che l' apparenza esiste, lui la chiamava MOLTO IMPROPRIAMENTE ''doxa'' (opinione, per me che studio il greco chiamare apparenza con ''doxa'' è un insulto, se vuoi ti spiego perchè), poi, rendendosi conto che usando impropriamente la parola ''doxa'' fa confusione (e arrabbiare qualcuno), ti direbbe...

''Ci sono tre vie: quella della ricerca (buonissima), quella dell' opinione (cattiva), quella della BUONA opione(buona)''.

Per farla breve, ti direbbe che l' apparenza esiste ed è malvagia, l' unica ''apparenza buona'' è l' elogio verso chi segue la sua via (è proprio vero che l' uomo filosofo è sempre uomo).
__________________
... è il drappo che porti nel cuore per l' eternità.
Arjuna non è connesso  
Vecchio 01-12-2006, 17.41.15   #14
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,149
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Arjuna Visualizza messaggio
2) Se volesse essere garbato, ti sommergerebbe di parole e versi per spiegari che l' apparenza esiste, lui la chiamava MOLTO IMPROPRIAMENTE ''doxa'' (opinione, per me che studio il greco chiamare apparenza con ''doxa'' è un insulto, se vuoi ti spiego perchè), poi, rendendosi conto che usando impropriamente la parola ''doxa'' fa confusione (e arrabbiare qualcuno), ti direbbe...
Oh, finalmente si può divertirsi un po'.

Una sola domanda: dato che prima lui ha scritto e poi altri han tradotto, non sarebbe meglio dire che è la traduzione ad essere impropria? Se ha scritto doxa, forse intendeva doxa...

Effettivamente il termine apparenza non rende bene, è un adattamento moderno. Con "opinione" ci si avvicina di più al carattere di soggettività che la cosa prende all'interno di chi percepisce, mentre se si lascia apparenza pare che la soggettività sia espressa dalla cosa stessa, all'esterno di chi percepisce. Il che è contraddittorio e le mie domande risulterebbero davvero imbarazzanti. Alla fin fine, se ci pensiamo, dire che le cose (i percepita) sono opinione (presente il discorso aristotelico sulla suddivisione arbitraria del reale?) è decisamente più ragionevole che dire che sono apparenza.
Cmq ti propongo una traduzione ancora diversa per il contesto... dimmi tu che ne pensi: doxa=congettura

Per il discorso sul non-essere, che contesti, non so se siamo d'accordo sull'interpretazione. Da come la metti tu pare che l'essere che tutti condividiamo sia una caratteristica comune (per Parmenide), una cosa più piccola di noi, come dire che tutti abbiamo una mano.
Mentre è l'Essere che ha noi... siamo noi parte di esso, non lui parte di noi, di tutti noi. Quindi, essendo noi compresi in qualcosa di più ampio, la tua individualità è salva, pur non negando il presupposto. Ma forse nn ho capito che intendevi...
Ray non è connesso  
Vecchio 01-12-2006, 18.54.11   #15
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,171
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da isaefrenk Visualizza messaggio
Scusa ma noi non abbiamo capito bene cosa dica il dizionario di diverso tra essere e esistere se ce lo spieghi con le tue parole può darsi che se ne venga a capo.
Noi rimaniamo sul fatto che essere e esistere sono complementari se non c'è uno non c'è l'altro
Non scrivo per te perchè sono certo che opporrai altre resistenze, ma l'argomento può essere interessante per qualcuno.

Uno è la mia esistenza, Ray è l'esistenza del nostro amico, ma Uno non è tutto il mio Essere, è solo una parte, una manifestazione di esso, come scritto da Ray sopra, l'esistenza può essere una conseguenza dell'Essere ma non è l'Essere, la punta dell'iceberg è l'esistenza, quello che emerge dal mare magnum della non esistenza, del non manifesto, cioè ciò che prende forma nell'esistenza... la forma può essere una chiave di lettura... tutto ciò che esiste ha una forma, l'Essere non ha forma, l'Essere crea la forma, in soldoni Isae Frank esiste ma non è l'Essere completo, se così fosse saremmo già tutti come ci vediamo e confrontiamo, non avremmo possibilità di cambiare, saremmo perfetti e nell'immobilità il nostro Essere coinciderebbe con l'esistere.... anche il Grande Gesù nella sua manifestazione fisica, proprio perchè tale (fisica), ha mostrato solo lati del suo Essere, sfaccettature a seconda di chi di fronte poteva cogliere (o possiamo oggi) questo o quello.... certo nella sua Grandezza lui Era/E' in grado di mostrare tutto lo spettro (come raggi ) del suo Essere, siamo noi che non riusciamo a cogliere (com-prendere) la sua complessità e totalità.
Per Comprendere bene questi concetti bisogna aver chiari, e/o chiarire, i concetti di manifesto e non manifesto, concetti che non sono confinati alla metafisica e neanche nella filosofia.
Uno non è connesso  
Vecchio 01-12-2006, 19.26.32   #16
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,171
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Arjuna Visualizza messaggio
Beh, Parmenide forse si esprimeva da cani (usava la poesia per spiegare la sua filosofia ed è parere comune che come poete fosse davvero pessimo, io ho dato un' occhiata alla sua poesia in traduzione e confermo ),
Magari potresti un giorno scoprire che lo faceva volutamente, non è il primo e non è l'ultimo....

Comunque ho un grande rispetto per qualcuno che a grandi distanze temporali è ancora capace di crearci degli spunti di riflessione, questa è una forma di immortalità.
Uno non è connesso  
Vecchio 01-12-2006, 20.01.44   #17
isaefrenk
Bannato/a
 
Data registrazione: 14-12-2004
Messaggi: 55
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Uno Visualizza messaggio
Non scrivo per te perchè sono certo che opporrai altre resistenze, ma l'argomento può essere interessante per qualcuno.

Uno è la mia esistenza, Ray è l'esistenza del nostro amico, ma Uno non è tutto il mio Essere, è solo una parte, una manifestazione di esso, come scritto da Ray sopra, l'esistenza può essere una conseguenza dell'Essere ma non è l'Essere, la punta dell'iceberg è l'esistenza, quello che emerge dal mare magnum della non esistenza, del non manifesto, cioè ciò che prende forma nell'esistenza... la forma può essere una chiave di lettura... tutto ciò che esiste ha una forma, l'Essere non ha forma, l'Essere crea la forma, in soldoni Isae Frank esiste ma non è l'Essere completo, se così fosse saremmo già tutti come ci vediamo e confrontiamo, non avremmo possibilità di cambiare, saremmo perfetti e nell'immobilità il nostro Essere coinciderebbe con l'esistere.... anche il Grande Gesù nella sua manifestazione fisica, proprio perchè tale (fisica), ha mostrato solo lati del suo Essere, sfaccettature a seconda di chi di fronte poteva cogliere (o possiamo oggi) questo o quello.... certo nella sua Grandezza lui Era/E' in grado di mostrare tutto lo spettro (come raggi ) del suo Essere, siamo noi che non riusciamo a cogliere (com-prendere) la sua complessità e totalità.
Per Comprendere bene questi concetti bisogna aver chiari, e/o chiarire, i concetti di manifesto e non manifesto, concetti che non sono confinati alla metafisica e neanche nella filosofia.
a ma allora bisogna per forza essere daccordo su ciò che esprimi te altrimenti volti le spalle come i bambini, bene ne prendiamo atto un'ulteriore volta.
capiamo perchè il nome del tuo nik è uno, ti illudi di essere il primo...
se tu per non manifestato intendi non esistenza mi sa che li devi chiarire te un pò i concetti di manifesto e non.
infatti il cambiamento è un'illusione, come il movimento, noi siamo esseri completi, non siamo divenire, ma appunto ESSERE, la parte di noi che è in essere è ciò che tu dici che non esiste e cioè il non manifestato, il non manifestato caro è l'Assoluto, hai detto niente, se non esiste l'Assoluto non esisterebbe niente.
Gesù era sì un uomo, ma molto evoluto, in lui si manifestava quasi appieno il suo essere, ma essendo uomo anche il suo divenire, ma questa è un'altra storia da approfondire.
cià
isaefrenk non è connesso  
Vecchio 01-12-2006, 20.16.09   #18
isaefrenk
Bannato/a
 
Data registrazione: 14-12-2004
Messaggi: 55
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Ray Visualizza messaggio
Non vi è alcuna contraddizione. Se una cosa è conseguenza di un'altra, ovvero l'una implica l'altra, le due cose non possono essere sinonimi, cioè coincidere.
Conseguenza indica un rapporto di causa-effetto e la causa deve differire dall'effetto. Altrimenti è come dire che la sazietà e il mangiare sono la stessa cosa, mentre il mangiare implica (forse) la sazietà, ovvero la sazietà è conseguenza del mangiare.
Nello specifico ribadisco che esistere è conseguenza dell'essere... ovvero che se una cosa è allora può anche (forse) esistere.

Con la vostra definizione invece cambiate del tutto la cosa. Per dimostrare che sono la stessa cosa ne tirate in ballo una terza: il sentire. Chiamare questo metodo "logica" è operazione alquanto inconsueta. Spiegate la coincidenza di due cose con la concomitanza (supposta) di un attributo. E' come dire che la mela e la ferrari sono la stessa cosa in quanto entrambe rosse.

Per non dire del fatto che affermate con certezza che "tutti quelli che esistono si sentono di essere"... che è una vostra supposizione a mio modo di vedere, piuttosto ingenua.
in effetti sono la stessa cosa.
l'essere E', l'esistenza E' l'essere. (quando arrivi scrivi)
quel forse non è che ci stia a dire molto se si segue la logica, quindi un'incertezza che non si lega a ciò che vorresti così audacemente sostenere, allora qui si parla per ragionamento o per evitare il ragionamento?
l'essere non sente secondo te? come minima cosa, cosa fa l'essere? non capiamo perchè ti sembra fuori luogo, visto che siamo formati da sentire in senso lato e di coscienza.
se l'esistenza non è sentire cos'altro è?
cià

Ultima modifica di isaefrenk : 01-12-2006 alle ore 20.23.22.
isaefrenk non è connesso  
Vecchio 01-12-2006, 20.19.28   #19
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,171
Predefinito

Sebbene non do valore alla mia persona, in base a regole di buona convivenza non posso permetterti di attaccare essa quando non sei in grado di dialogare, ho tollerato anche troppo attacchi alla conduzione del forum, cosa che da regolamento non è permessa, ti chiedo ufficialmente di evitare altre polemiche in tal senso....

-----------------------------------------------------------------------------

nell'argomento l'Assoluto è manifesto + non manifesto altrimenti non sarebbe Assoluto
Uno non è connesso  
Vecchio 01-12-2006, 20.33.09   #20
isaefrenk
Bannato/a
 
Data registrazione: 14-12-2004
Messaggi: 55
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Uno Visualizza messaggio
Sebbene non do valore alla mia persona, in base a regole di buona convivenza non posso permetterti di attaccare essa quando non sei in grado di dialogare, ho tollerato anche troppo attacchi alla conduzione del forum, cosa che da regolamento non è permessa, ti chiedo ufficialmente di evitare altre polemiche in tal senso....

-----------------------------------------------------------------------------

nell'argomento l'Assoluto è manifesto + non manifesto altrimenti non sarebbe Assoluto
Sono fatti, non attacchi, prendere atto di una cosa e esprimerla è un portare avanti il dialogo al contrario di quello che dici te e che anzi chiudi subito con un "evitare polemiche" cosa che dovrebbe essere seguita da tutti e se non viene fatto se ne parla, non ci si pone come primi a priori.
certo che l'Assoluto comprende il manifesto e il non manifesto, nessuno ha detto il contrario, di certo è che ciò che sta nel non manifestato non può non esistere
cià
isaefrenk non è connesso  
Vecchio 01-12-2006, 20.42.46   #21
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,171
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da isaefrenk Visualizza messaggio
di certo è che ciò che sta nel non manifestato non può non esistere
cià
Questo secondo il dizionario di Isa.... se io non ti manifesto odio, esiste un mio odio verso te? Certo in questo esempio può essere che io non lo manifesto ma lo provo internamente, però comunque non esiste nell'esterno....

Nel non manifesto le cose non esistono... altrimenti non sarebbe non manifesto... nel non manifesto le cose Sono.... ed è diverso....
Perdonami ma non sono proprio in grado di esprimerlo meglio, forse un giorno capirai cosa intendo.... cosa è... o forse no, va bene lo stesso
Uno non è connesso  
Vecchio 01-12-2006, 20.53.10   #22
isaefrenk
Bannato/a
 
Data registrazione: 14-12-2004
Messaggi: 55
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Uno Visualizza messaggio
Questo secondo il dizionario di Isa.... se io non ti manifesto odio, esiste un mio odio verso te? Certo in questo esempio può essere che io non lo manifesto ma lo provo internamente, però comunque non esiste nell'esterno....

Nel non manifesto le cose non esistono... altrimenti non sarebbe non manifesto... nel non manifesto le cose Sono.... ed è diverso....
Perdonami ma non sono proprio in grado di esprimerlo meglio, forse un giorno capirai cosa intendo.... cosa è... o forse no, va bene lo stesso
bravo lo provi internamente, ma lo provi, esiste ed è manifestato, in un'altro piano, ma è manifestato e comunque si manifesterà anche nel piano fisico attraverso alle tue azioni e comportamenti, proprio perchè ciò che si è non lo si può nascondere (chissà perchè come esempio hai usato la parola odio anzichè amore?..., sapessi cosa fa vibrare quella parola intorno agli esseri, non la pronunceresti più).
se sono esistono, sotto un'altra forma, ma esistono.
fammi un esempio di qualcosa che non esiste nel manifestato e nel non manifestato, sempre se ti va.
noi sentiamo chiarezza in questo concetto che esprimiamo, a buon intenditor poche parole.
isaefrenk non è connesso  
Vecchio 01-12-2006, 21.04.58   #23
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,171
Predefinito

La parola esistenza non può essere usata nel non manifesto, questo è il problema fondamentale, lo scoglio su cui ci areniamo.

ho usato la parola odio invece che amore perchè l'amore coincide con l'Essere, l'odio con l'esistenza smemore dell'Essere.... quindi per l'esempio era più inidicata.
Conosco bene le vibrazioni di questa parola e non la temo, anche questa è una cosa che può dare da pensare.
Uno non è connesso  
Vecchio 01-12-2006, 21.25.16   #24
isaefrenk
Bannato/a
 
Data registrazione: 14-12-2004
Messaggi: 55
Predefinito

ma chi lo dice che l'esistenza non può esserci nel non manifesto? quindi secondo te il non manifestato non esiste? se esiste è l'esistenza dell'Uno (non te).
hai usato quella parola perchè hai provato un sentimento di quel genere e noi abbiamo sentito ciò.
non conosci ciò che smuove quella parola, altrimenti non l'avresti espressa e avresti usato l'altro esempio, l'amore, qui non si tratta di paure, ma di consapevolezza e responsabilità e questo la dice ancor più lunga.
cià
isaefrenk non è connesso  
Vecchio 01-12-2006, 21.34.49   #25
Kael
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Kael
 
Data registrazione: 06-08-2005
Messaggi: 3,131
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da isaefrenk Visualizza messaggio
quindi secondo te il non manifestato non esiste?
Ma non si tratta di secondo chi.
Se una cosa non esiste sta nel non manifesto, altrimenti esisterebbe e sarebbe nel manifesto.

Provo un esempio. E' il tuo compleanno e io per regalo ti scrivo una poesia. Questa poesia esiste, è manifesta.
Ma io potrei scegliere di regalarti un orsetto di peluche, e allora la mia poesia non sarebbe mai esistita...

Sta a me, perchè la poesia E' (dentro di me) ma poi se la faccio esistere o no dipende da me. Se non la scrivo, ovvio che non esiste, però E' (in potenza)
__________________


Ultima modifica di Kael : 01-12-2006 alle ore 21.36.52.
Kael non è connesso  
 


Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire nuovi messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare files
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice vB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Vai al forum


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 18.21.25.




Powered by vBulletin Copyright ©2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.
Questo sito non è, nè può ritenersi assimilabile ad una testata giornalistica, viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale. Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina della l. n. 62 del 2001. Il materiale pubblicato è sotto la responsabilità dei rispettivi autori, tutti i diritti sono di Ermopoli.it che incoraggia la diffusione dei contenuti, purchè siano rispettati i seguenti principi: sia citata la fonte, non sia alterato il contenuto e non siano usati a scopo di lucro. P.iva 02268700271