Ermopoli
L'antica città della conoscenza
  
    
Torna indietro   Ermopoli > Forum > Accademia > Tecnologia

 
 
Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Vecchio 16-05-2009, 14.49.58   #1
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,171
Predefinito Tv - Digitale terrestre

Ormai quasi tutti saprete che piano piano dal vecchio sistema analogico si passerà a questo digitale per la tv.
Purtroppo, commercialmente parlando, questo sarà l'occasione per far porcate. I vecchi tv verrano svenduti e molti allettati dal prezzo basso li acquisteranno scoprendo solo dopo che se non aggiungono una buona somma per il decoder a parte quella televisione sarà buona solo per farci un acquario. Alla fin fine queste vecchie televisioni+ decoder costeranno come una nuova con decoder integrato che ha il vantaggio di non dover avere due telecomandi.

In questi giorni sta partendo in piemonte il passaggio, rai 2 e rete 4 non saranno più visibili analogicamente. Debbo dire che sebbene di questo passaggio (in generale non solo del piemonte) si sappia ormai da un bel pezzo, immagino l'anziano che non si interessa tanto di tecnologia e che magari usa molto la tv. Di colpo si trova senza canali (di cui uno con un canone pagato) e se vuol rivederli deve correre a comprare il decoder. Dite che tutti i negozianti saranno corretti e lasceranno il prezzo di una settimana fa? Io lo spero, sinceramente, ma non ne sono così certo. L'obbligatorietà di qualsiasi cosa la rende più cara (non sempre più preziosa).

Problemi e risvolti economici a parte, tecnologicamente non è completamente una brutta cosa questo passaggio, la televisione si vede meglio è innegabile, ci sarà più spazio per altri emittenti anche se poi alla fine sto vedendo che i soliti noti stanno già occupando tutte le frequenze, di fatto da quel punto di vista cambierà poco.

Sappiamo che tecnolgicamente il segnale digitale ha una portata inferiore, quindi per coprire tutte le zone dovranno essere aumentati i ripetitori. Verrebbe spontaneo chiedersi perchè non passare direttamente ad un sistema via cavo visto che la telecom con la struttura arriva praticamente ovunque? Forse perchè tramite un colegamento online (tipo internet e poggiato su questa) non ci sarebbero più limiti di nessun tipo al numero di canali e di scelta.
Prima di leggere commenti troppo veloci, specifico che questa situazione è stata voluta da tutta la nostra politica, destra, sinistra e centro.

Bisogna dire che in parte è anche colpa nostra e della nostra mentalità, immagino il nonnino a cui si dicesse: "adesso per vedere la tv avrai questo apparecchio, collegato alla presa del telefono e che funziona tutto su menu a video"
Uno non è connesso  
Vecchio 16-05-2009, 21.47.46   #2
ellebi111
Ristruttura la casa
 
L'avatar di ellebi111
 
Data registrazione: 25-03-2006
Residenza: Torino
Messaggi: 317
Predefinito

Non guardo molto la tv e quella che guardo arriva dal satellite. Il digitale terrestre dunque non mi tocca molto, ho però toccato con mano pregi e difetti. Fra i primi pregi non molto noti che posso inserire c'è la drastica diminuzione di energia elettromagnetica presente nell'aria. Un inquinamento subdolo e potente. Ogni canale trasmesso in analogico necessitava di un trasmettitore sulle frequenza uhf (frequenze non molto distanti da quelle dei.. forni a microonde) della potenza di decine / centinaia di megaWatt. I sette canali nazionali dunque irrorano l'aria che ci circonda di questa energia. Ora i trasmettitori digitali sono distribuiti sul territorio ma proprio per questo permettono potenze (e concentrazioni elettromagnetiche) molto più basse trasmettendo su una sola onda portante un centinaio di canali. Il secondo vantaggio è che il costo di trasmissione è decisamente più basso, permettendo teoricamente ad altri gruppi di inserirsi senza avere bisogno di investimenti impossibili. Purtroppo siamo in Italia, quindi penso che anche se le frequenze le regalassero quei canali non rusciranno a decollare per 1000 motivi. E' interessante anche notare come tutta la struttura di trasmissione ecc è stata interamente costruita e pagata dalla Rai, che si è accollata la spesa anche per le emitttenti che ne usufruiranno.
__________________
Ogni tecnologia sufficientemente avanzata e' indistinguibile dalla magia.
ellebi111 non è connesso  
Vecchio 18-05-2009, 11.41.13   #3
stefano
Richiesta Cancellazione
 
Data registrazione: 11-05-2009
Messaggi: 1,322
Predefinito

oltre a ciò la porcata che "mi aspetto" (è che in parte è gia visibile in modi più o meno velati) è che tra qualche anno la televisione sarà quasi esclusivamente a pagamento (e non parlo del solo canone).

purtroppo è la mia sensazione
stefano non è connesso  
Vecchio 18-05-2009, 13.32.54   #4
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,171
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da ellebi111 Visualizza messaggio
I sette canali nazionali dunque irrorano l'aria che ci circonda di questa energia. Ora i trasmettitori digitali sono distribuiti sul territorio ma proprio per questo permettono potenze (e concentrazioni elettromagnetiche) molto più basse trasmettendo su una sola onda portante un centinaio di canali.
Visto che un passaggio s'aveva da fare io avrei preferito comunque il passaggio al via cavo (eventualmente con un wimax nelle zone non raggiunte da Telecom), Però se questo non è stato voluto prendiamoci quel che viene e speriamo che sia meno inquinante, anche se penso che irrorazione minore con maggior punti non sarà tanto meglio in generale
Quote:

E' interessante anche notare come tutta la struttura di trasmissione ecc è stata interamente costruita e pagata dalla Rai, che si è accollata la spesa anche per le emitttenti che ne usufruiranno.
Che lo faccia una sola azienda non ci vedo nulla di strano, se no sai che casino.... la speranza sarebbe che le altre pagassero almeno un bonus di entrata e un canone di manutenzione, cosa di cui dubito

Citazione:
Originalmente inviato da stefano Visualizza messaggio
oltre a ciò la porcata che "mi aspetto" (è che in parte è gia visibile in modi più o meno velati) è che tra qualche anno la televisione sarà quasi esclusivamente a pagamento (e non parlo del solo canone).

purtroppo è la mia sensazione
Non credo, ci salverà la tanto odiata pubblicità, è un mercato troppo prezioso...

A me piacerebbe molto pagare a contenuto, mi dai un tot di film, trasmissioni etc... per ogni periodo, e pagando una giusta cifra (che so dai 10 ai 50 cent) vedo quello che voglio.
Altro che auditel... allora si che vedresti cose di qualità (o almeno potresti sceglierle piuttosto che certe altre trasmissioni che comunque continuerebbero ad avere il loro mercato)

E' il solito discorso, adesso la tv ci sembra libera perchè si paga un canone (rai) e per il resto nulla, in realtà paghiamo lo stesso e dobbiamo subire quello che passa il convento.
Con un abbonamento (flat o a contenuto) finalmente avrei un pò di più scelta. Altrimenti mi affitterò i miei bei dvd e che si tengano la tv
Uno non è connesso  
Vecchio 18-05-2009, 13.39.08   #5
stefano
Richiesta Cancellazione
 
Data registrazione: 11-05-2009
Messaggi: 1,322
Predefinito

beh considerando che il canone TV è una tassa sul possesso dell'apparecchio (così sulla carta) mentre poi sarebbe una tassa su quanto si vede la TV...
è paritetico (a livello di principio) a mettere l'acqua a pagamento...
con la differenza che l'acqua è un bene primario che dovrebbe essere garantito a tutti a livello "puro" (di pensiero)

io non amo chi "impone" un servizio alla collettività, poi lo rende "necessario" e infine lo tassa...
ed è questo il "muoversi" di alcuni individui in ambito economico.
stefano non è connesso  
Vecchio 18-05-2009, 14.24.19   #6
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,171
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da stefano Visualizza messaggio
beh considerando che il canone TV è una tassa sul possesso dell'apparecchio (così sulla carta) mentre poi sarebbe una tassa su quanto si vede la TV...
è paritetico (a livello di principio) a mettere l'acqua a pagamento...
con la differenza che l'acqua è un bene primario che dovrebbe essere garantito a tutti a livello "puro" (di pensiero)

io non amo chi "impone" un servizio alla collettività, poi lo rende "necessario" e infine lo tassa...
ed è questo il "muoversi" di alcuni individui in ambito economico.
Paragoni l'acqua ai programmi televisivi?

Non si muore mica se non vedi la tv....
Comunque l'acqua la paghi al metro cubo... o meglio paghi le tubazioni e la manutenzione ma anche paghi se eccedi nei consumi.

Qualsiasi servizio è come dici tu... perfino il pane potresti fartelo volendo, anzi potresti coltivare la terra, far crescere il grano e poi farti il pane. Se non sei capace o non vuoi e ti occorre lo paghi.
La tv ti occorre?
La paghi come vuole chi la "produce"

Nessuno ti impone o ti rende necessario quello che non vuoi farti rendere necessario.
Uno non è connesso  
Vecchio 18-05-2009, 14.33.27   #7
stefano
Richiesta Cancellazione
 
Data registrazione: 11-05-2009
Messaggi: 1,322
Predefinito

su questo punto sono d'accordo.
ma posso esprimere un certo disappunto per il modus operandi dei "Potenti" a livello economico?

ecco io penso che per un reale cambiamento sarebbe auspicabile un "cambio" nella coscienza del potente
al fine di consentire una vita più a "misura d'uomo" nell'individuo "normale"

(parlo in senso globale non limitato al mio orticello)

sarò un purista, un sognatore ma la sento così
stefano non è connesso  
Vecchio 18-05-2009, 15.36.04   #8
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,149
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da stefano Visualizza messaggio
ecco io penso che per un reale cambiamento sarebbe auspicabile un "cambio" nella coscienza del potente
al fine di consentire una vita più a "misura d'uomo" nell'individuo "normale"
Ah se aspetti quella hai voglia a sognare... e perchè dovrebbe cambiare il potente? Gli va bene così...
Eppoi. quando siamo li ad aspettare che cambino gli altri, si passa dal cuscino alla scatola di legno senza che nulla cambi.
Cambiassero le nostre il potente di coscienze sarebbe meno potente...
Ray non è connesso  
Vecchio 18-05-2009, 15.43.12   #9
stefano
Richiesta Cancellazione
 
Data registrazione: 11-05-2009
Messaggi: 1,322
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Ray Visualizza messaggio
Ah se aspetti quella hai voglia a sognare... e perchè dovrebbe cambiare il potente? Gli va bene così...
Eppoi. quando siamo li ad aspettare che cambino gli altri, si passa dal cuscino alla scatola di legno senza che nulla cambi.
Cambiassero le nostre il potente di coscienze sarebbe meno potente...
beh ma mi pare di averlo detto nel 3d sulla situazione economica attuale.
sta di fatto che una persona che sa di essere diverso e che lavora seriamente (non sto parlando di me sto parlando in genere) a volte si sente "sola" tutto qua.

in più io non mi aspetto che "cambi" il potente.
di fatto non mi aspetto nulla da lui.
ma come scritto sopra se cambia il "sotto" automaticamente "cambia" il sopra.
solo che il sotto si deve svegliare e a quel punto "sceglierà" (se gli sarà permesso e consentito farlo) qualcuno che in alto sia più cosciente.
non ti pare consequienziale?

Ultima modifica di stefano : 18-05-2009 alle ore 15.45.10. Motivo: correzione
stefano non è connesso  
Vecchio 18-05-2009, 19.42.09   #10
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,171
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da stefano Visualizza messaggio
sta di fatto che una persona che sa di essere diverso e che lavora seriamente (non sto parlando di me sto parlando in genere) a volte si sente "sola" tutto qua.
Siamo estremamente O.t. qua intendevo parlare più che altro dal punto di vista tecnico della nuova tv... ci sta anche qualche considerazione socio-economico-politica... però tanto per "chiudere" il discorso ti dico che se una persona fa un certo tipo di lavoro su se stessa, se si accorge di determinate cose non si sente sola... anzi....
Al di la della sua vita esteriore e di ciò che sembra.
Invece chi dorme, in un barlume di autoriflessione (o all'inzio di un percorso) si sente solo... tanto, il famoso non essere ne carne (o pensare di non esserlo) ne pesce.
E chiuderei l'o.t. magari, volendo, riprendendo il discorso altrove
Uno non è connesso  
 


Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire nuovi messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare files
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice vB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Vai al forum

Discussioni simili
Discussione Autore discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Grafologia digitale Uno Psicologia moderna e antica 94 16-10-2008 00.10.18
La nuova dimensione Terrestre LightEntity Esoterismo 22 14-05-2007 19.39.51


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 07.28.08.




Powered by vBulletin Copyright ©2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.
Questo sito non è, nè può ritenersi assimilabile ad una testata giornalistica, viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale. Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina della l. n. 62 del 2001. Il materiale pubblicato è sotto la responsabilità dei rispettivi autori, tutti i diritti sono di Ermopoli.it che incoraggia la diffusione dei contenuti, purchè siano rispettati i seguenti principi: sia citata la fonte, non sia alterato il contenuto e non siano usati a scopo di lucro. P.iva 02268700271