Ermopoli
L'antica città della conoscenza
  
    
Torna indietro   Ermopoli > Forum > Tempio > Tradizioni Spirituali ed Esoteriche

 
 
Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Vecchio 29-12-2011, 13.48.36   #151
luke
Organizza eventi
 
L'avatar di luke
 
Data registrazione: 27-03-2009
Messaggi: 2,272
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Faltea Visualizza messaggio
Personalmente non l'ho trovato illuminante Incontri con uomini straordinari , lo pensavo molto più "succulento", un buon pranzetto insomma
Anche io non sono ancora riuscito ad apprezzarlo molto...
Le nove persone descritte, se ho ben capito, dovrebbero rappresentare le 9 personalità dell'eneagramma, ho cercato di leggerlo immedesimandomi nei protagonisti, cercando di scovare qualche simbologia particolare, ma è ancora poco...
__________________
in tenebris lux factus sum
luke non è connesso  
Vecchio 29-12-2011, 15.52.39   #152
gibbi
Partecipa agli eventi
 
L'avatar di gibbi
 
Data registrazione: 15-05-2007
Messaggi: 764
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da luke Visualizza messaggio
Anche io non sono ancora riuscito ad apprezzarlo molto...
Le nove persone descritte, se ho ben capito, dovrebbero rappresentare le 9 personalità dell'eneagramma, ho cercato di leggerlo immedesimandomi nei protagonisti, cercando di scovare qualche simbologia particolare, ma è ancora poco...
L'ho letto tempo fa con molto piacere , ma ha lasciato anche a me un fondo di insoddisfazione tanto che l'ho rimesso in lista. Lo riprenderò durante questa breve pausa lavorativa ....non sapevo che i personaggi rappresentassero le 9 personalità dell'eneagramma , proverò a rileggerlo tenendone conto .Grazie Luke
gibbi non è connesso  
Vecchio 30-12-2011, 11.51.21   #153
Faltea
Partecipa agli eventi
 
Data registrazione: 18-03-2007
Messaggi: 1,164
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Kael Visualizza messaggio
Questa cosa non deve mica essere negativa per forza...
(anzi, nel tuo caso direi che ti fa un gran bene )
No, no infatti... ma non mi basta il caos ed il mettere in dubbio perché la piccola saccente Faltea scenda dal pulpito, chissà quante cose mi perdo per colpa di questo mio lato.
Ogni tanto le tiro pigne così rotola giù e torna tra i comuni mortali
Ora riprendo la lettura, e se la piccola saccente rompe gliela metto in bocca la pigna!
__________________
Non ho bisogno di chi la pensa come me, ma di crescere aprendo la mente a diversi modi di vedere e di pensare.
Faltea non è connesso  
Vecchio 02-01-2012, 01.27.35   #154
Fufi
Alloggiato/a
 
Data registrazione: 01-01-2012
Messaggi: 67
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da luke Visualizza messaggio
Anche io non sono ancora riuscito ad apprezzarlo molto..
Le nove persone descritte, se ho ben capito, dovrebbero rappresentare le 9 personalità dell'eneagramma, ho cercato di leggerlo immedesimandomi nei protagonisti, cercando di scovare qualche simbologia particolare, ma è ancora poco...
Salve a tutti sono nuovo.
Mi conforta che la lettura di Incontri ha su altri lo stesso effetto che ha avuto su di me.
Un po' di delusione.
Associare le nove personalità all'enneagramma potrebbe esse un buon esercizio ma tenendo a mente -così mi sembra- che G. non ha mai associato l'enneagramma ai nove tipi psicologici.
Qualcuno parla dell'enneagramma come del "Gigante addormentato".
Fufi non è connesso  
Vecchio 02-01-2012, 11.25.30   #155
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,654
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Fufi Visualizza messaggio
G. non ha mai associato l'enneagramma ai nove tipi psicologici.
Non sbagli, questa è un invenzione moderna e postuma su cui ci mangiano per un sacco di corsi e seminari.
Sul libro invece debbo dire sotto la trama romanzata nasconde interessanti stimoli e idee da cogliere. Come tutti i suoi libri (ma non solo i suoi) non può essere "tradotto", nel senso di interpretazione precotta. Va sperimentato.
Uno non è connesso  
Vecchio 02-01-2012, 12.40.51   #156
luke
Organizza eventi
 
L'avatar di luke
 
Data registrazione: 27-03-2009
Messaggi: 2,272
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Uno Visualizza messaggio
Non sbagli, questa è un invenzione moderna e postuma su cui ci mangiano per un sacco di corsi e seminari.
Sul libro invece debbo dire sotto la trama romanzata nasconde interessanti stimoli e idee da cogliere. Come tutti i suoi libri (ma non solo i suoi) non può essere "tradotto", nel senso di interpretazione precotta. Va sperimentato.
Credo , infatti, che sia un libro da tenere sempre a disposizione per ulteriori letture, per vedere se cogliamo nuovi aspetti, o nuovi punti di vista.
Una prova che ho fatto, come dicevo prima , è provare a immedesimarmi nei diversi attori del libro per vedere come mi sarei comportato io nelle varie situazioni e come invece viene descritto il loro di comportamento, anche se non è facile passare dalla vita oridnaria a situazioni avventurose, tempeste di sabbia o viaggi fantastici in territori mistici.

Evidentemente è questo uno degli scopi del libro, lasciare insoddisfatti perchè non si è riusciti a cogliere davvero il senso più profondo e stimolare in tal modo ulteriori tentativi e ricerche.
__________________
in tenebris lux factus sum
luke non è connesso  
Vecchio 02-01-2012, 14.55.08   #157
Fufi
Alloggiato/a
 
Data registrazione: 01-01-2012
Messaggi: 67
Predefinito

Uno dei risultati voluti, forse, è proprio questo: "lasciare l'amaro in bocca".

Una sensazione simile l'ho provata leggendo Il Monte Analogo di Daumal, ma lì la bellezza del libro -per me- è proprio la sua incompiutezza (dovuta alla morte dello scrittore) perchè lascia spazio alla fantasia di ognuno nel crearsi il finale.

Peraltro Daumal era esplicitamente in sintonia con le idee di G..
Fufi non è connesso  
Vecchio 02-01-2012, 15.38.57   #158
luke
Organizza eventi
 
L'avatar di luke
 
Data registrazione: 27-03-2009
Messaggi: 2,272
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Fufi Visualizza messaggio
Uno dei risultati voluti, forse, è proprio questo: "lasciare l'amaro in bocca".

Una sensazione simile l'ho provata leggendo Il Monte Analogo di Daumal, ma lì la bellezza del libro -per me- è proprio la sua incompiutezza (dovuta alla morte dello scrittore) perchè lascia spazio alla fantasia di ognuno nel crearsi il finale.

Peraltro Daumal era esplicitamente in sintonia con le idee di G..
L'ho messo in lista tra i libri da leggere...
Quindi debbo prepararmi ad un altro pò di amaro in bocca?
Ho letto che in effetti finisce all'improvviso, con una parola lasciata a metà...
__________________
in tenebris lux factus sum
luke non è connesso  
Vecchio 02-01-2012, 16.26.51   #159
Fufi
Alloggiato/a
 
Data registrazione: 01-01-2012
Messaggi: 67
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da luke Visualizza messaggio
L'ho messo in lista tra i libri da leggere...
Quindi debbo prepararmi ad un altro pò di amaro in bocca?
Ho letto che in effetti finisce all'improvviso, con una parola lasciata a metà...
Se non lo hai letto Il Monte Analogo, son felice di non essere stato io a svelarti il finale.
Secondo me, il massimo è leggerlo sino alla fine senza sapere che il libro non ha una fine.

Lì dove si parla di simboli si dovrebbe sempre tenere a mente che, generalmente, lo scrittore concepisce l'opera come un algoritmo che porta -alla fine- il lettore ad un risultato, più o meno, previsto 'a tavolino'.

Nel caso de Il Monte, invece, la morte dell'autore -rompendo il meccanismo dall'esterno- corre in aiuto del lettore lasciandolo 'libero' di scrivere il libro.



E' come se Daumal
Fufi non è connesso  
Vecchio 03-01-2012, 13.58.50   #160
Faltea
Partecipa agli eventi
 
Data registrazione: 18-03-2007
Messaggi: 1,164
Predefinito

No, è tremendo!
Solo la tua frase finale Fufi mi ha dato un subbuglio nevrotico, pensa leggere un libro che non ha fine. Non è per me, lo farei in mille pezzi dalla rabbia.
__________________
Non ho bisogno di chi la pensa come me, ma di crescere aprendo la mente a diversi modi di vedere e di pensare.
Faltea non è connesso  
Vecchio 04-01-2012, 01.12.20   #161
Fufi
Alloggiato/a
 
Data registrazione: 01-01-2012
Messaggi: 67
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Faltea Visualizza messaggio
No, è tremendo!
Solo la tua frase finale Fufi mi ha dato un subbuglio nevrotico, pensa leggere un libro che non ha fine. Non è per me, lo farei in mille pezzi dalla rabbia.
Nel mio piccolo -lasciando la mia ultima frase in sospeso ("E' come se Daumal ...")- ho cercato di rendere l'effetto del finale.

Comunque, Faltea, c'è anche da tenere in considerazione che Daumal è morto e che io sono vivo.

Il libro, comunque, non è bello...
è bellissimo !!!

Io l'ho letto in un pomeriggio.

Ultima modifica di Fufi : 04-01-2012 alle ore 01.18.34. Motivo: errore di digitazione
Fufi non è connesso  
Vecchio 15-01-2012, 21.24.49   #162
Fufi
Alloggiato/a
 
Data registrazione: 01-01-2012
Messaggi: 67
Thumbs up

Citazione:
Originalmente inviato da Uno Visualizza messaggio
Non sbagli, questa è un invenzione moderna e postuma su cui ci mangiano per un sacco di corsi e seminari.
Sul libro invece debbo dire sotto la trama romanzata nasconde interessanti stimoli e idee da cogliere. Come tutti i suoi libri (ma non solo i suoi) non può essere "tradotto", nel senso di interpretazione precotta. Va sperimentato.
Riguardo alla Quarta via, paradossalmente sembra che ciò che riusciamo a comprendere lo dobbiamo più ad Ouspensky che a Gurdjieff.
Come se il Maestro abbia nascosto il tesoro più in profondità del discepolo.
Gurdjeff complica, infatti, volutamente un ingresso facilitato alle sue idee.
E' la sperimentazione dei suoi metodi (contro gli automatismi) applicata ai limiti manifesti del supporto letterario.
Basta iniziare a leggere i Racconti di Belzebù al suo piccolo nipote per scoprire l'originalità del metodo ed il conseguente travaglio generato da G. nel lettore che abbia, poi, la costanza di arrivare sino alla fine del libro.
Fufi non è connesso  
Vecchio 16-01-2012, 13.51.44   #163
Faltea
Partecipa agli eventi
 
Data registrazione: 18-03-2007
Messaggi: 1,164
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Fufi Visualizza messaggio
Riguardo alla Quarta via, paradossalmente sembra che ciò che riusciamo a comprendere lo dobbiamo più ad Ouspensky che a Gurdjieff.
Come se il Maestro abbia nascosto il tesoro più in profondità del discepolo.
Gurdjeff complica, infatti, volutamente un ingresso facilitato alle sue idee.
E' la sperimentazione dei suoi metodi (contro gli automatismi) applicata ai limiti manifesti del supporto letterario.
Basta iniziare a leggere i Racconti di Belzebù al suo piccolo nipote per scoprire l'originalità del metodo ed il conseguente travaglio generato da G. nel lettore che abbia, poi, la costanza di arrivare sino alla fine del libro.
Anche lo stesso libro "la quarda via" scritto da Oupensky non è che sia di facile lettura, però sono d'accordo con te, questo lo finisci, lentamente , i racconti di Belzebù... lo so, avevo detto che lo riprendevo, ma proprio non ci riesco
Leggo un capitolo e mi incavolo perché non ci capisco un fico! E confesso... sarebbe finito contro il muro del bagno se non amassi così tanto i libri.
Per ora è parcheggiato...
__________________
Non ho bisogno di chi la pensa come me, ma di crescere aprendo la mente a diversi modi di vedere e di pensare.
Faltea non è connesso  
Vecchio 16-01-2012, 17.14.38   #164
Fufi
Alloggiato/a
 
Data registrazione: 01-01-2012
Messaggi: 67
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Faltea Visualizza messaggio
Anche lo stesso libro "la quarda via" scritto da Oupensky non è che sia di facile lettura, però sono d'accordo con te, questo lo finisci, lentamente , i racconti di Belzebù... lo so, avevo detto che lo riprendevo, ma proprio non ci riesco
Leggo un capitolo e mi incavolo perché non ci capisco un fico! E confesso... sarebbe finito contro il muro del bagno se non amassi così tanto i libri.
Per ora è parcheggiato...


Non ci capisci un fico?

Insisti !!!

G. inserisce 'I racconti' nella prima serie di 'Di tutto e del tutto'; lo scopo fondamentale delle opere inserite in questa Prima serie è di estirpare senza pietà dal 'pensiero' e dal 'sentimento' di chi legge ogni riferimento a quanto prima già sedimentato.

Se si parte da questo unico presupposto certo (visto che lo attesta l'Autore stesso), comprendere -sulla base di quello che si sa già- I Racconti potrebbe equivalere ad impedire la realizzazione della distruzione programmata da G..

E senza la predetta necessaria distruzione non è possibile nè il successivo lavoro (di cui alla Seconda serie) nè il raggiungimento del risultato (di cui alla Terza serie).

La difficile (in tutti i sensi) lettura dei circa 10 cm di altezza del libro-mattone (I racconti) potremmo provare a ricondurla al consenso che noi lettori diamo a G. perchè inizi a farci violenza senza commettere reato.

Anche io all'inizio -come ha detto di aver fatto qualcun altro (chiedo perdono se non ne ricordo il nome)- alle prime difficoltà mi ero munito di una specie di rubrichetta dove annotavo i singoli termini ed i loro (miei) possibili significati ma poi ho desistito visto che lo stesso G. raccomanda benevolmente al lettore di procedere almeno meccanicamente, così come siamo abituati a fare per altri "libri e giornali".

Secondo me non è vero che I racconti sia un libro per 'mentaloni' dal momento che tocca ogni lettore in modo diverso.

Quindi, Faltea, stringi i denti e -se puoi- riprendi la lettura de "I racconti" senza aspettarti nulla di miracoloso,
dal momento che "lo specifico beneficio" che G. ti augura di ricevere alla fine della 'cura' si dovrebbe ottenere solo dopo la terza e diversa lettura delle 1024 pagine del libro.
Fufi non è connesso  
Vecchio 16-01-2012, 19.53.41   #165
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,218
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Fufi Visualizza messaggio
Secondo me non è vero che I racconti sia un libro per 'mentaloni' dal momento che tocca ogni lettore in modo diverso.
Concordo. Anzi, un mentalone che lo affronti con la mente non può uscirne che sconfitto... e così un sentimentalone con la pancia e via andare.
All'inizio del libro, ovviamente, ci ho provato anch'io... poi le incongruenze del mio personale dizionario Gurdjeff-umano erano tante e tali che l'ho mandato a quel paese e me lo sono sparato senza pensarci, lasciando che ogni termine si depositi in me un po' alla volta man mano che veniva menzionato e se si creava un significato preciso bon, altrimenti cicce.
Risultato: me lo sono goduto da matti, arrivando a sganasciarmi dal ridere su certi passaggi che descrivevano il comportamento umano "visto da fuori" e in cui riconoscevo e mi riconoscevo in modo talmente tragico da diventare spassoso (se ti ci arrendi).

Certo, prima avevo letto tutto Ouspenski... chissà come sarebbe andata se l'avessi letto "vergine". Probabilmente, conoscendo come ero, l'avrei presto abbandonato, però in realtà non lo saprò mai.
__________________

Ray non è connesso  
Vecchio 16-01-2012, 20.48.20   #166
Fufi
Alloggiato/a
 
Data registrazione: 01-01-2012
Messaggi: 67
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Ray Visualizza messaggio
... Certo, prima avevo letto tutto Ouspenski... chissà come sarebbe andata se l'avessi letto "vergine". Probabilmente, conoscendo come ero, l'avrei presto abbandonato, però in realtà non lo saprò mai.
Percorso identico al tuo, Ray, e stessi rimpianti.

Devo confessarti che dopo aver detto "1024 pagine X 3 letture" ho pensato che tu avresti detto 3000 + 60 + 12.

Scherzi a parte, anche il tuo tema sui calcoli mentali potrebbe avere molti punti di contatto
sia con le 'pratiche' delle Scuole della Quarta Via per la lotta contro gli automatismi
sia con lo studio della simbologia dei numeri di G. (matematica modulare).
Fufi non è connesso  
Vecchio 17-01-2012, 13.17.27   #167
Faltea
Partecipa agli eventi
 
Data registrazione: 18-03-2007
Messaggi: 1,164
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Fufi Visualizza messaggio
Non ci capisci un fico?

Insisti !!!

(....)

dal momento che "lo specifico beneficio" che G. ti augura di ricevere alla fine della 'cura' si dovrebbe ottenere solo dopo la terza e diversa lettura delle 1024 pagine del libro.
Ma l'avete letto tre volte (tu, Ray, Sole...)?

Tre volte... non credo di reggerle

Citazione:
Originalmente inviato da Fufi Visualizza messaggio
Scherzi a parte, anche il tuo tema sui calcoli mentali potrebbe avere molti punti di contatto
sia con le 'pratiche' delle Scuole della Quarta Via per la lotta contro gli automatismi
sia con lo studio della simbologia dei numeri di G. (matematica modulare).
Se non è una cosa troppo lunga (allora ti chiederei di aprire un 3d apposito) cos'è la simbologia dei numeri di Gurdji?
__________________
Non ho bisogno di chi la pensa come me, ma di crescere aprendo la mente a diversi modi di vedere e di pensare.
Faltea non è connesso  
Vecchio 17-01-2012, 15.28.01   #168
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,218
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Fufi Visualizza messaggio
Scherzi a parte, anche il tuo tema sui calcoli mentali potrebbe avere molti punti di contatto
sia con le 'pratiche' delle Scuole della Quarta Via per la lotta contro gli automatismi
sia con lo studio della simbologia dei numeri di G. (matematica modulare).
Una mezza (più un quarto va) idea del genere l'avevo in effetti quando ho aperto il tread.
__________________

Ray non è connesso  
Vecchio 17-01-2012, 16.14.06   #169
Fufi
Alloggiato/a
 
Data registrazione: 01-01-2012
Messaggi: 67
Thumbs up

Citazione:
Originalmente inviato da Faltea Visualizza messaggio
Se non è una cosa troppo lunga (allora ti chiederei di aprire un 3d apposito) cos'è la simbologia dei numeri di Gurdji?
Qualcuno dice che G. sia un pitagorico e noi sappiamo come Pitagora studiasse i numeri non solo come quantità ma soprattutto nella loro qualità.

Pitagora studiava le note musicali (o meglio i rapporti matematici tra le note) e G. parla dell'ottava.

Il salto dalle note ai cosmi è poi conseguenziale.

I numeri, poi, qualche volta in G. ci sono ma non si vedono.

Per ricollegarmi al 3d potrei dire che quando Ouspensky parla di uomini 1,2,3 e 4 parla della Tetractis pitagorica.

Prendiamo la storiella del cavolo, della pecora, del lupo e del barcaiolo, raccontata sempre da G..
Solo in indovinello per bambini o un grande mistero velato?
Qualche politico potrebbe dire:
"ma che c'azzecca la Tetractis pitagorica con la stroriella di G.?".
Niente o potrebbero essere la stessa cosa, dico io.

Trova, Faltea, il Valore Segreto di ogni sigolo numero con la formula di Gauss n (n+1)/2

1,3,6,10
1,2,3, 4

o rappresentati la sequenza in maniera triangolare
.
. .
. . .
. . . .

Per comprendere il V.S. immagina un magna-magna generale come nella canzoncina di Branduardi "Alla fiera dell'Est" (il 4 mangia il 3, che mangia il 2, che mangia l'1).

Torniamo, ora, all'indovinello e noterai che anche i termini (cavolo, pecora ,lupo) usati da G. potrebbero permettere il magna-magna generale: l'1 con il suo V.S. identico a sè stesso (1) (cavolo) sta lì da solo [il termine è riduttivo] con riferimento al suo numero precedente (0) ma può essere mangiato dal seguente (pecora) ;
il V.S. di 2 (pecora) mangia l'1 (cavolo) 2+1=3;
il V.S. del lupo può mangiare sia la pecora (2) che il cavolo mangiato dalla pecora (1); 3+2+1=6.

Il segreto potrebbe essere rappresentato dal barcaiolo (4) il quale deve portare incolumi sia il lupo che la pecora che il cavolo sull'altra sponda del fiume.
Segna che il V.S. del barcaiolo è 10 (1+2+3+4=10).

Siamo arrivati -potrei dire io- alla sacra Tetractis pitagorica.

I significati, mi chiedi, Faltea?

Risposta: i significati li dovrestii cercare Tu.

Ti posso dire che 'io' noto come per arrivare al V.S. del n. 4 bisogna necessariamente passare sia per l'1 che per il 2 che per il 3.

Ma l'indovinello potrebbe dire molto di più ...
potrebbe anche non dire niente o ...
-addirittura- dire che 'io' mi sono innamorato delle mie idee.

Per l'enneagramma -sempre secondo me- non basterebbe un 3d a parte (visto che G. lo definisce la pietra filisofale dell'antichità) ed il discorso potrebbe essere 'materialmente' infinito.

Basta pensare ai numeri periodici ciclici (es. 0.142857 = 1/7) che ci riportano alle note musicali, agli intervalli, alla legge del 3, alla legge del 7, al 9, alla disposizione degli shocs, etc... etc....


I simboli stanno lì immobili,
sei tu che cambi
e -cambiando-
cambi anche il loro significato.


Nel frattempo -Faltea (se non mastichi bene i numeri)- ti suggerisco di seguire il 3d di Ray sulle tecniche di calcolo mnemonico.

Non a caso, a giorni, Ray dovrebbe spiegare i quozienti del 7 (numero tanto caro a G.).
Fufi non è connesso  
 


Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire nuovi messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare files
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice vB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Vai al forum


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 13.55.25.




Powered by vBulletin Copyright ©2000 - 2023, Jelsoft Enterprises Ltd.
Questo sito non è, nè può ritenersi assimilabile ad una testata giornalistica, viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale. Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina della l. n. 62 del 2001. Il materiale pubblicato è sotto la responsabilità dei rispettivi autori, tutti i diritti sono di Ermopoli.it che incoraggia la diffusione dei contenuti, purchè siano rispettati i seguenti principi: sia citata la fonte, non sia alterato il contenuto e non siano usati a scopo di lucro. P.iva 02268700271