Ermopoli
L'antica città della conoscenza
  
    
Torna indietro   Ermopoli > Forum > Tempio > Divinazione e tecniche conoscitive

 
 
Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Vecchio 23-02-2006, 01.57.12   #1
Shanti
Partecipa agli eventi
 
L'avatar di Shanti
 
Data registrazione: 19-12-2004
Messaggi: 1,350
Predefinito I Tarocchi di Marsiglia

La Via dei Tarocchi è il titolo di un libro di Alexandre Jodorowski che ora riempie tutte le librerie, ma non avrei notato e tantomeno preso in considerazione né questo libro né il suo argomento prima di cinque settimane fa quando me lo sono trovato tra le mani dopo una serie di eventi concatenati che hanno attirato la mia attenzione sui Tarocchi.

Non ho mai provato interesse per questo che consideravo solo un metodo di divinazione, per carità quando ero ragazzina mi è capitato di farmi leggere le carte e addirittura di lasciarmi suggestionare… Insomma per farla breve dopo di allora ho sempre guardato ad essi e a chi li leggeva con una sorta di diffidenza e pregiudizio negativo, sull’onda dell’immagine errata che molti hanno, a causa della perdita di serietà avvenuta in questi tempi moderni. Diffidenza perchè mi sembra che chi cerca le previsioni, le risposte a fatti non ancora successi, consideri l'essere umano chiuso in un inesorabile destino da cui non potrà mai fuggire.
Fino a quando appunto una serie di coincidenze ha fatto sì che alla fine mi ponessi la domanda: “Perché tutto questo mi porta qui? Perché adesso?” Beh… non so ancora rispondere, ma sono contenta che non sia successo prima, perché conoscendo quella parte di me che quando scopre una passione ci si getta a capofitto con entusiasmo, avrei corso il rischio, nel caso dei Tarocchi, di rincorrere o lasciarmi attarre dalle invenzioni e rappresentazioni soggettive di tutti quei personaggi (numerosissimi) che hanno fatto di questo straordinario strumento antico di conoscenza, il proprio autoritratto. Hanno riempito i Tarocchi di superstizioni ed errati significati, stravolgendone l’originario messaggio profondo.

Da duecento anni sono apparsi più di settemila tipi nuovi di Tarocco, e centinaia di carte antiche sono state salvate dalle biblioteche nella speranza di recuperare quelli originali. Da tutto quel miscuglio di interpretazioni a volte limitate, a volte fantastiche, ingenue, vanitose e anche schizofreniche è nato il Tarocco di Marsiglia come un monumento, anonimo alla stregua di qualsiasi arte sacra.

Uno degli autori de “La Via dei Tarocchi”, Alexandre Jodorowsky, dopo aver studiato i Tarocchi per più di quarant’anni ha incontrato a Parigi Philippe Camoin, discendente diretto dell’ultimo tipografo marsigliese del Tarocco di Marsiglia.
Insieme hanno deciso di lavorare alla restaurazione per riportarlo a com’era in origine, grazie alle conoscenze sulle vicende segrete relative alla sua storia, fabbricazione, tradizione e il suo simbolismo e tavole per stampe originarie.
E dopo lunghi studi e confronti hanno voluto ricostruire e restituire agli appassionati il Tarocco originario.

Ed è così che ho conosciuto i Tarocchi soltanto oggi, grazie a loro, per quello che sono: come uno specchio dell'anima... e come un messaggio inviato secoli fa con lo scopo di diventare la chiave dell'Arcano Unico, la Coscienza.






Shanti non è connesso  
Vecchio 23-02-2006, 18.58.35   #2
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,171
Predefinito

Brava Shanti,
I Tarocchi ancora mancavano, non abbiamo finito neppure il resto.... ma almeno introdurre...
Sappiamo che sono divisi in arcani maggiori ed arcani minori,iniziamo intanto a vedere cosa significa arcano: etimo.it mi dà (riassunto) che è connesso con un 'arca, cassa, che è nascosto, protetto.
Per cui parlando di arcani... plurale... sappiamo che ognuno di essi nasconde qualcosa.
Come hai giustamente scritto oggi vengono usati per leggere il tempo... ed in maniera pure truffaldina spesso, in realtà come tutti i mezzi di divinazione sono un sistema di autoconoscenza, l'eventuale capire che in base a quello che sono mi si prospetta un certo possibile futuro è una conseguenza, non il principale significato.
Conosco una qui in Ermpoli che ci giochicchiava se iniziasse a scrivere una carta per volta (con un pò di introduzione e figura) potremmo poi insieme cercare di estrapolare un senso al simbolo che essa rappresenta.. per accorgerci che in realtà il mazzo è un lbro con le pagine staccate senza parole tranne i titoli delle carte su alcune versioni.
Uno non è connesso  
Vecchio 24-02-2006, 01.58.38   #3
RedWitch
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di RedWitch
 
Data registrazione: 20-12-2004
Messaggi: 3,376
Predefinito

Ho comprato anche io La Via dei Tarocchi, proprio perchè ho sentito dire grandi cose, di questo libro,l'ho appena iniziato, e Sha, con questo tuo post mi hai incuriosita ancora di piu'.. E' un bel po' che ho smesso di giochicchiare con i Tarocchi, pero' i significati li ricordo, almeno quelli degli Arcani maggiori, che da quel che ricordo, sono quelli piu' significativi.
Sono 22, mentre il mazzo completo è composto da 78 Arcani (i 22 maggiori + i 56 minori). Interessante la traduzione di Arcani maggiori dal francese Atous, (bons à tous), letteralmente "buoni a tutti", che ho sempre tradotto come, "contenenti tutto, capaci di dare una risposta a qualunque domanda", ma è probabile che abbia altri significati..
Mi piace molto l'idea di commentare insieme i diversi significati, inizio con i maggiori, nel frattempo faccio una ricerca sui minori ...


continuo
RedWitch non è connesso  
Vecchio 27-02-2006, 23.17.40   #4
RedWitch
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di RedWitch
 
Data registrazione: 20-12-2004
Messaggi: 3,376
Predefinito

- Il Matto -

Una piccola premessa: il Matto, è l'unico Arcano Maggiore a non avere numero, puo' quindi, essere considerato, il primo, o l'ultimo del mazzo, personalmente l'ho sempre messo all'inizio, perchè uno dei suoi principali significati è quello del viaggio… così come gli Arcani Maggiori possono simboleggiare le fasi della vita di un uomo, attribuivo l’inizio del viaggio con la nascita.
Oggi, la penso diversamente, e perché no, potrebbe simboleggiare il trait d’union tra il primo e l’ultimo, come in un cerchio… il Viaggio, non il viaggio.
Rappresenta dunque il viaggio interiore, la libertà assoluta, paragonata alla follia (se pensiamo ai folli, come gli unici che possano davvero essere liberi nelle proprie azioni, senza preoccuparsi dell’esterno), ai non condizionamenti, la sperimentazione di tutte le vie, senza fermarsi mai. Rappresenta l’entusiasmo, l’indipendenza, la liberazione da condizionamenti, nuovi progetti, o cambiamenti improvvisi,senza schemi; scelte che devono essere compiute, energia, situazioni positive, da cogliere rapidamente; in accezione negativa, puo’ significare fuga, blocchi, grosse crisi esistenziali, apatia, o l’aver imboccato la strada sbagliata, impulsività, scelte avventate.
Di recente ho invece letto, che il Matto, ci deve fare comprendere quanto il buon senso sia importante, necessario per non cercare di tentare di raggiungere mete troppo grandi, senza il giusto equilibrio.

Allego l'immagine, così possiamo vedere il simbolismo..

Icone allegate
Clicca sull'immagine per ingrandirla

Nome:  fou.jpg
Visite: 713
Dimensione:  15.7 KB  

Ultima modifica di RedWitch : 27-02-2006 alle ore 23.34.08.
RedWitch non è connesso  
Vecchio 28-02-2006, 10.51.58   #5
Kael
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Kael
 
Data registrazione: 06-08-2005
Messaggi: 3,131
Predefinito

Il Matto ha intrapreso un viaggio interiore, e cammina con lo sguardo rivolto verso l'alto... verso Dio.
C'è un animaletto che sembra un cane ai suoi piedi, che gli graffia le gambe, quasi a volerlo fermare. Sono i suoi istinti, la sua parte bassa, che cerca di impedire il suo Cammino.
Ha poi due bastoni. Di uno se ne serve per camminare, l'alto lo usa per sostenere il fardello che si porta appresso. Un fardello di cui lui si fa carico, tutte le sue azioni sono là racchiuse ed egli sa che deve portarle con sè. Le tiene in perfetto equilibrio sulla spalla destra, col bastone orizzontale, e qui è interessante notare come il francese Le Mat, da cui l'italiano Matto o più comunemente Matta, sembra derivare da Maat, la dea egizia che pesava l'anima dei morti mettendola su una bilancia e confrontandola con una piuma (anch'essa chiamata maat). Il bastone 'bilanciato' sulla spalla del Matto è forse il simbolo più evidente in questa carta...
Antiche tradizioni egizie arrivano fino ai Tarocchi...
__________________

Kael non è connesso  
Vecchio 28-02-2006, 12.19.39   #6
RedWitch
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di RedWitch
 
Data registrazione: 20-12-2004
Messaggi: 3,376
Predefinito

Citazione:
C'è un animaletto che sembra un cane ai suoi piedi, che gli graffia le gambe, quasi a volerlo fermare. Sono i suoi istinti, la sua parte bassa, che cerca di impedire il suo Cammino
Per quel che riguarda l'animaletto, a me risulta che non sia la parte bassa, nè gli istinti, bensì la razionalità, che lo spinge non lo trattiene.. e dalla quale il Matto fugge... continua insomma, per la sua strada .
RedWitch non è connesso  
Vecchio 28-02-2006, 12.25.33   #7
Kael
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Kael
 
Data registrazione: 06-08-2005
Messaggi: 3,131
Predefinito

Nella figura in questione è vedibile anche così, si Red.

Tuttavia, in altre carte questa "aggressione" si vede meglio, come in questa:

__________________

Kael non è connesso  
Vecchio 28-02-2006, 12.32.41   #8
Kael
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Kael
 
Data registrazione: 06-08-2005
Messaggi: 3,131
Predefinito

Ah.. altra cosa. Nella figura da me postata si vede anche che il Matto mostra il sedere, parte intima che scandalizza di solito...

Il fatto è che il Matto ha capito che deve spogliarsi di ciò che è superfluo, se vuole proseguire verso la Verità... Quindi non si fa nessun problema a farsi vedere seminudo dalla gente, lui ha deciso di spogliarsi delle menzogne.
__________________

Kael non è connesso  
Vecchio 01-03-2006, 22.36.49   #9
Shanti
Partecipa agli eventi
 
L'avatar di Shanti
 
Data registrazione: 19-12-2004
Messaggi: 1,350
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Kael
Antiche tradizioni egizie arrivano fino ai Tarocchi...
Riguardo le origini dei Tarocchi di Marsiglia niente è certo, come non è certa nemmeno l’origine della parola “tarocco”.
Non si sa nemmeno se all’inizio fosse un gioco di carte o il risultato di una lenta evoluzione cominciata con la creazione di un gioco “naibbe” (carte), al quale si sarebbero poi aggiunti gli Arcani Maggiori e le figure.
Un fatto certo è il divieto imposto di giocare a carte a Berna nel 1376; sempre intorno a quegli anni si ha notizia di queste carte anche in Spagna oltre che in Svizzera. Successivamente il Tarocco viene assimilato a un gioco d’azzardo e passa inosservato il suo senso profondo, mentre i suoi disegni vengono di volta in volta abbelliti, mutilati, copiati e via dicendo. Questo fino al 1700 quando un autore francese riscopre il Tarocco di Marsiglia e pensa bene di aggiungere, trasformare e togliere delle cose. Dice di correggere gli errori (bontà sua) ma il guaio è che dà al Tarocco un’origine puramente inventata: dice che gli Arcani Maggiori sarebbero geroglifici appartenenti al “Libro di Toth” salvato dalle rovine dei templi egiziani più di mille anni fa…

Dieci anni più tardi un indovino francese “restaura” il significato dei Tarocchi e si inventa fantasiosi legami con l’Astrologia e la Cabala e (come ho già scritto nel primo post) da lì in poi verranno scritti migliaia di libri per cercare di dimostrare che il Tarocco trae origine da Egiziani, Caldei, Arabi, Indiani e chi ne ha più ne metta, senza tralasciare Atlantide, gli Extraterrestri e perfino Adamo che ne avrebbe disegnato i primi schizzi (!!!)

Se proprio vogliamo immaginare l’origine dei Tarocchi dobbiamo risalire almeno fino all’anno 1000 dove, nel Sud della Francia e della Spagna, si potevano ancora vedere erette in santa pace, una accanto all’altra, una chiesa, una sinagoga e una moschea. Dove i saggi di ciascuna religione, Cristiana, Ebraica e Musulmana non evitavano di discutere ed arricchirsi a vicenda grazie al contatto con le altre chiese.

Infatti nei Tarocchi di Marsiglia restaurati dopo lunghi studi e ricerche, e riportati a come erano in origine, ci possiamo vedere influenze del Cristianesimo in alcuni Arcani Maggiori, influenze della Cabala ebraica in altri, mentre negli Arcani minori compaiono simboli musulmani.

Una probabile ipotesi potrebbe essere appunto che i saggi delle tre credenze, intuendo il declino della propria religione causata dalla sete di potere, si siano messi d’accordo per depositare la conoscenza in un umile mazzo di carte, preservando e tenendolo nascosto affinché in un lontano futuro esseri con un più elevato livello di coscienza, potessero decifrarne il messaggio.
Shanti non è connesso  
Vecchio 01-03-2006, 22.55.03   #10
Shanti
Partecipa agli eventi
 
L'avatar di Shanti
 
Data registrazione: 19-12-2004
Messaggi: 1,350
Predefinito



Visto che non c’è il due senza il tre posto un altro tipo del Matto, che poi è quello restaurato e riportato come era all’origine: nel primo postato se vedete i colori sono solo quattro. Perché? Perché l’autore di quel Tarocco (non ne sono ancora sicura, ma presumo si tratti di Paul Marteau) ha conservato i 4 colori base imposti dai macchinari tipografici invece di rispettare gli undici colori delle copie dipinte a mano. Non solo: si vede chiaramente che molti dettagli sono stati modificati. E caspita come cambia il significato!

I Tarocchi sono in rapporto gli uni con gli altri, creano coppie, temi, frasi, poemi e discorsi interi. Trasmettono la conoscenza tramite le figure, le forme ma anche i colori (senza escludere la possibilità di dare ad ogni Arcano anche un valore musicale).

Vi faccio un esempio: l’animale nella prima immagine (la seconda carta postata non la prendo nemmeno in considerazione e non me ne si voglia: il titolo di questo trhead non l’avevo messo a caso, ma proprio per evitare di partire per la tangente ) appare rosso, un colore attivo. Il fatto che nell’originale sia dipinto di azzurro cambia la prospettiva! L’azzurro è un colore ricettivo verso le forze celesti, e qui si può dire che la parte animale ha raggiunto un certo grado di maturità per capire che deve seguire l’essere. Poi può anche significare il passato, e il colore azzurro ci fa pensare a un avanzamento verso il futuro. E inoltre anche il terreno su cui Le Mat cammina è colorato di azzurro.

I colori dei Tarocchi originali sono 10 in tutto, più il viola che appare in qualche macchia: bianco, blu chiaro, blu scuro, giallo chiaro, giallo scuro, carne, verde chiaro e verde scuro, rosso e nero.
Quattro tra questi colori non sono divisi in chiaro e scuro: sono il Nero, il Bianco, il Rosso (i tre colori dell’Opera alchimista) e il Carne territorio dell’essere umano in cui opera la trasmutazione alchimista.
Per quanto riguarda la spiegazione del simbolismo dei colori, che sono poi anche una chiave di lettura della carta, chiedo aiuto all'esperta

Vedete che anche il fagotto è color rosa carne illuminato dall‘interno? mentre il bastone che lo regge è a cucchiaio e per di più azzurro, quindi un asse ricettivo che porta la luce della Coscienza.

E oltre ai colori guardate quanti dettagli che nella prima immagine postata mancano: solo per dirne qualcuno le due mezze lune sul cappello giallo (almeno qui il colore è uguale) una rivolta verso il basso rossa,l‘altra gialla verso l‘alto; la fogliolina verde nella mano sinistra (segno dell‘eternità, ma la troveremo anche in altri Arcani), e in quella destra che tiene il bastone rosso si può vedere un uovo, che ritroveremo nell’Arcano II, la Papessa. Purtroppo l’immagine è un po’ piccola ma sulla punta del bastone rosso ci sono tre puntini e anche questi si ripeteranno più avanti.


Shanti non è connesso  
Vecchio 02-03-2006, 00.50.40   #11
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,149
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Shanti
Una probabile ipotesi potrebbe essere appunto che i saggi delle tre credenze, intuendo il declino della propria religione causata dalla sete di potere, si siano messi d’accordo per depositare la conoscenza in un umile mazzo di carte, preservando e tenendolo nascosto affinché in un lontano futuro esseri con un più elevato livello di coscienza, potessero decifrarne il messaggio.
Trovo decisamente plausibile. D'altra parte il meccanismo che hai descritto avviene anche per favole, leggende, tradizioni ed usi popolari... in qualche modo viene affidata una certa conoscenza all'inconsapevolezza popolare che la tramanda... e questo avviene quando, per qualche motivo, si teme sia il caso di farlo, o semplicemente è giunto il momemto di farlo... quello di cui invece non sono del tutto convinto è che sia stata operazione di saggi esclusivamente religiosi, preoccupati del declino esclusivamente religioso... il messaggio (percorso, pratica) che si voleva preservare e relegare nell'inconsapevolezza per poter poi essere decifrato da chi potesse, ritengo sia stato d'altro ordine.

Venendo al Matto - qui chiedo conferme e chiarimenti - mi pare si possa dire che non è ne maschio ne femmina. Questo ricollegherebbe ad uno stato di indifferenziamento primordiale-caotico da una parte... ma anche ad uno stato di re-unione dall'altra. Altra cosa, mi pare come che la bestia che lo segue-sospinge-frena (o come si preferisce) si appoggi in un punto specifico del matto... e che forse ce ne sono in qualche modo indicati anche altri sei...
Ray non è connesso  
Vecchio 02-03-2006, 02.04.42   #12
Shanti
Partecipa agli eventi
 
L'avatar di Shanti
 
Data registrazione: 19-12-2004
Messaggi: 1,350
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Ray
Trovo decisamente plausibile. D'altra parte il meccanismo che hai descritto avviene anche per favole, leggende, tradizioni ed usi popolari... in qualche modo viene affidata una certa conoscenza all'inconsapevolezza popolare che la tramanda... e questo avviene quando, per qualche motivo, si teme sia il caso di farlo, o semplicemente è giunto il momemto di farlo... quello di cui invece non sono del tutto convinto è che sia stata operazione di saggi esclusivamente religiosi, preoccupati del declino esclusivamente religioso... il messaggio (percorso, pratica) che si voleva preservare e relegare nell'inconsapevolezza per poter poi essere decifrato da chi potesse, ritengo sia stato d'altro ordine.
Infatti ho scritto: potrebbe essere una probabile ipotesi.
Citazione:
Originalmente inviato da Ray
Altra cosa, mi pare come che la bestia che lo segue-sospinge-frena (o come si preferisce) si appoggi in un punto specifico del matto... e che forse ce ne sono in qualche modo indicati anche altri sei...
Sì Ray, la bestia appoggia le zampe alla base della colonna vertebrale, all'altezza del perineo.
Shanti non è connesso  
Vecchio 02-03-2006, 13.59.21   #13
Kael
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Kael
 
Data registrazione: 06-08-2005
Messaggi: 3,131
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Shanti
Infatti nei Tarocchi di Marsiglia restaurati dopo lunghi studi e ricerche, e riportati a come erano in origine, ci possiamo vedere influenze del Cristianesimo in alcuni Arcani Maggiori, influenze della Cabala ebraica in altri, mentre negli Arcani minori compaiono simboli musulmani.
I tarocchi discendono in parte dal Cristianesimo, e il Cristianesimo non ha in parte influenze egizie? Non è questo il post adatto, ma se ne potrebbe aprire un altro in cui discutere delle tante analogie che vi si trovano.

Resta il fatto che niente è stato "inventato"... tutto si tramanda nel tempo, cambiando via via sempre più la forma.
__________________

Kael non è connesso  
Vecchio 02-03-2006, 17.37.36   #14
Sole
Conosce ogni vicolo
 
Data registrazione: 31-08-2005
Messaggi: 5,478
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Shanti
Sì Ray, la bestia appoggia le zampe alla base della colonna vertebrale, all'altezza del perineo.

.. e dunque è corretto dire che la bestia rappresenta gli istinti, che poggiano nel centro della paura e dell'attacamento alla materia, e che il matto gli volta le spalle, fuggendolo nonostante nè avverta la "violenza".
Come dire che gli istinti saranno sempre qualcosa da tenere a bada lungo il cammino!

potrebbe essere ?
Sole non è connesso  
Vecchio 02-03-2006, 17.41.21   #15
Sole
Conosce ogni vicolo
 
Data registrazione: 31-08-2005
Messaggi: 5,478
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Kael
I tarocchi discendono in parte dal Cristianesimo, e il Cristianesimo non ha in parte influenze egizie? Non è questo il post adatto, ma se ne potrebbe aprire un altro in cui discutere delle tante analogie che vi si trovano.

I tarocchi, come tutti i libri muti ... non appartengono a nessuno e non derivano da nessuna cultura. Rappresentano la Conoscenza che appartiene all'Uomo!

E' un pò come dire ... i rotoli del mar morto appartengono al paese dove son stati trovati o a Gerusalemme ?
Secondo me appartengono all'Umanità.

Così i Tarocchi, delle cui origini si fantastica ma certezze non ci sono, appartengono all'uomo e derivano dall'Uomo.
Sole non è connesso  
Vecchio 02-03-2006, 18.30.38   #16
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,171
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Ray
Trovo decisamente plausibile. D'altra parte il meccanismo che hai descritto avviene anche per favole, leggende, tradizioni ed usi popolari... in qualche modo viene affidata una certa conoscenza all'inconsapevolezza popolare che la tramanda... e questo avviene quando, per qualche motivo, si teme sia il caso di farlo, o semplicemente è giunto il momemto di farlo... quello di cui invece non sono del tutto convinto è che sia stata operazione di saggi esclusivamente religiosi, preoccupati del declino esclusivamente religioso... il messaggio (percorso, pratica) che si voleva preservare e relegare nell'inconsapevolezza per poter poi essere decifrato da chi potesse, ritengo sia stato d'altro ordine.
In realtà li hanno fatti altri (al di sopra delle parti) che proprio per non comparire hanno dato la storia molto poetica e bella delle tre chiese, questa storia come tutte le storie spirituali non mente ma neanche dice tutto, lascia che l'individuo interpreti secondo il proprio grado di coscienza.
anche l'arte, l'archittettura e gli usi comuni sono mezzi usati per tramandare a chi vuole vedere, a volte il segnale (sono un pò off topic ma mi sembra simpatico) è l'incongruenza riconoscibile solo conoscendo la forma/sequenza giusta (esempio se avessi una sequenza da 1 a 10 e al posto del 6 ci fosse un 7 li chi ha lasciato il messaggio mi vuole far notare qualcosa)
Bravi bella discussione, con calma torno sui tarocchi invece che parlare di tutt'altro
Uno non è connesso  
Vecchio 03-03-2006, 01.39.58   #17
Shanti
Partecipa agli eventi
 
L'avatar di Shanti
 
Data registrazione: 19-12-2004
Messaggi: 1,350
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Sole
.. e dunque è corretto dire che la bestia rappresenta gli istinti, che poggiano nel centro della paura e dell'attacamento alla materia, e che il matto gli volta le spalle, fuggendolo nonostante nè avverta la "violenza".
Come dire che gli istinti saranno sempre qualcosa da tenere a bada lungo il cammino!

potrebbe essere ?
Sì Sole, ma proprio il fatto che sia rappresentato con il colore azzurro fa pensare che anche se lo insegue sempre è comunque stato domato.
Shanti non è connesso  
Vecchio 03-03-2006, 01.42.07   #18
Shanti
Partecipa agli eventi
 
L'avatar di Shanti
 
Data registrazione: 19-12-2004
Messaggi: 1,350
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Sole
Secondo me appartengono all'Umanità.
Anche seconde me
Shanti non è connesso  
Vecchio 03-03-2006, 16.52.08   #19
BiblioTopo
Alloggiato/a
 
L'avatar di BiblioTopo
 
Data registrazione: 23-02-2006
Messaggi: 35
Predefinito This is a job for Bybliomouse

Citazione:
Originalmente inviato da Shanti
Riguardo le origini dei Tarocchi di Marsiglia niente è certo, come non è certa nemmeno l’origine della parola “tarocco”.
Eh, ma come facevate prima, senza di me?

Tralasciando le fantasioserie propinate da molti fantasiosi e cercando bibliotopicamente l'origine della parola "tarocco" si scoprono cose curiosette.
Tarocco è sostantivazione del verbo "taroccare" il cui etimo è latino. Per il francese tarot è la stessa cosa, mi sono consultato col mio collega parigino TransalTopo.
Taroccare viene da modificazione di alter-cari... che, nei giuochi veniva usato per intendere che si rispondeva ad un attacco usando una carta più potente... altra... se la si possedeva. Il taroccamento era una mossa potente. Per inciso un alter-co è un alter-narsi di botte e risposte.
Quindi i "tarocchi" sono propriamente le "carte potenti"... che fan la differenza.

C'è anche un altro fatterello. Le "tare" erano impressioni o stampe ornamentali fatte con una foratura (tarare) punteggiata lineare che, tra le altre cose, stavano dietro le carte da gioco.

Stando ai vostri bislacchi ragionamenti esostrani questo segnalerebbe un giochino costruito ad hoc dai saggi di cui ciarlate... che utilizzano appositamente parole racchiudenti vari spunti e varie indicazioni per scoprire vari nulla...

L'utilizzo moderno del termine "taroccare" che sottende una falsificazione deriva da successivo assimilamento del tarocco all'imbroglio, burla, farsa, superstizione. Ma è molto posteriore alla comparsa della parola.

Questo per la precisione. Se serve altro chiedete... adesso potete continuare coi vostri vaneggiamenti... segnalo solo al vostro capo che etimo.it non è sempre affidabile, meglio rivolgersi alla topitudine.

__________________________________________________ ___________

dovesse interessare a qualcuno anche la verità delle cose, oltre alle bambinate a cui giocate, segnalo che i tarocchi sono scopiazzature umane dei Topocchi... i cui arcani maggiori sono Grana, Parmigiano, Gorgonzola e via così... essi sono 21 più uno senza numero, come le vostre insulse copiuzze. Quello che voi chiamate il Matto è la mala comprensione del nostro il Gatto... che credevate che fosse la bestia azzura? solo che voi interpretate tutto dal vostro punto di vista umano ristretto e credevate ci si riferisse nel titolo all'umano... nada, al gatto. Ah, ovviamente è una carta negativissima, molto pericolosa, ma che il topo sulla Via deve imparare a dominare. Il topo Arrivato è colui che ha invertito l'ordine attuale delle cose e domina il gatto invece di farsi dominare... quindi se viene alla fine è positiva.
__________________
your friendly neighbourhood Bybliomouse
BiblioTopo non è connesso  
Vecchio 03-03-2006, 20.09.59   #20
Cat
Inizia a fare amicizie
 
L'avatar di Cat
 
Data registrazione: 26-07-2005
Residenza: Presto a Milano....
Messaggi: 201
Predefinito

Gentile BiblioTopo, vorrei chiederLe se per caso, i Tarocchi (intendendo con questo termine le arance rosse della Sicilia), hanno un qualche legame con i Tarocchi (intesi come carte).
Forse l'argomento è un po' OT....ma mi è sembrato quantomeno curioso che abbiano lo stesso nome, chissà magari Lei riuscirà a trovare un nesso tra le due cose....
Cat non è connesso  
Vecchio 03-03-2006, 21.18.42   #21
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,171
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da BiblioTopo
Questo per la precisione. Se serve altro chiedete... adesso potete continuare coi vostri vaneggiamenti... segnalo solo al vostro capo che etimo.it non è sempre affidabile, meglio rivolgersi alla topitudine.
Egr BiblioTopo se con "capo" si riferisce a me, sappia che utilizzo etimo.it a volte per pigrizia ma che arrivo al senso delle parole per.... un chiamiamolo dono naturale
In questo specifico caso Le consiglierei di erudirci su un'altra possibile e secondo me più precisa versione ta-rocco
Uno non è connesso  
Vecchio 04-03-2006, 01.18.25   #22
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,149
Predefinito

vabbeh, mentre attendiamo pazienti che il nostro sorcio si di-meni e si di-speri (proprio un bell'acquisto, bon che costa poco...) sulle due richieste... secondo me mai più ne esce, dovrebbe sapere della differenza tradizionale tra via regale e sacerdotale, dovrebbe sapere di scacchi, di persiani e di cammelli... ma impazzirà veramente con le arance... mica parla arabo... vabbeh meglio così, brava Cat che lo teniamo buono per un po'...

dicevo, mentre attendiamo le prossime sorciate, possiamo però riprendere il discorso interessante no? Tipo i prossimi arcani, i vari significati... ecc. ecc.
Ray non è connesso  
Vecchio 09-03-2006, 19.22.23   #23
RedWitch
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di RedWitch
 
Data registrazione: 20-12-2004
Messaggi: 3,376
Predefinito

- Il Bagatto (Mago) -

Il Bagatto è l'Arcano Maggiore contrassegnato con il numero 1. Rappresenta un giovane Iniziato alla Magia. Va da sè, che uno dei suoi (tanti) significati, è l'inizio, l'Iniziazione . Un giovane che ha intrapreso una Strada, che l'ha appena imboccata, e che sa che deve ancora essere percorsa. Alcuni dei significati che puo' assumere il Bagatto sono: sforzi iniziali, iniziativa, ricerca, studio, abilità, buone possibilità di successo, entusiasmo verso le novità o ricerca delle stesse. In accezione negativa: indecisione, mancanza di volontà, pigrizia, poca energia.
Arcano ricco di simboli, il primo che salta all'occhio, è il cappello, che riprende l'immmagine a forma di 8 dell'infinito.
Tra le interpretazioni che ho letto di recente, mi ha colpito, il richiamo al Divino, ma nello stesso tempo, il contatto con la terra, con la materia. Le soluzioni, che devono essere trovate sul piano materiale per essere trasferite....

Metto l'immagine per vedere la simbologia (Sha questa volta è quella giusta scusa per la precedente )
Icone allegate
Clicca sull'immagine per ingrandirla

Nome:  bateleur.gif
Visite: 625
Dimensione:  37.0 KB  
RedWitch non è connesso  
Vecchio 11-03-2006, 13.04.39   #24
Shanti
Partecipa agli eventi
 
L'avatar di Shanti
 
Data registrazione: 19-12-2004
Messaggi: 1,350
Predefinito

RedW... (un po' più grande non ce l'hai? scherzo )

Sul tavolo tra gli oggetti si vedono i 4 semi degli arcani (Denari, Coppe, Bastoni e Spade simboleggiate dal coltello), questo fa pensare che il Bagatto ha a disposizione tutto il Tarocco fino a realizzarsi nell'ultimo Arcano. Infatti anche prendendo in considerazione i numeri visibili nei tre dadi ecco che la somma fa 21, il valore numerico più elevato degli Arcani, il Mondo.

Nella mano destra tiene una bacchetta, simbolo attivo e nella sinistra un denaro ricettivo che si può vedere come un piccolo sole: ricorda la perfezione ma allo stesso tempo il Bagatto non dimentica i bisogni quotidiani. Nella mando destra tra l'altro ha un misterioso dito in più, forse indica destrezza, caratteristica che si ritrova anche nell'Arcano XI, la Forza.

Tra i capelli ci sono 8 cerchi arancioni che possono anche rimandare all'Arcano VIII la Giustizia, figura materna, dando l'idea di un giovane che ha ancora in testa le idee della madre.

La cintura del Bagatto è doppia, vedendolo come un simbolo di Volontà si può dedurre che riesca a esercitarla tanto sull'intelletto quanto sulla parte animale, istintiva. Allo stesso tempo questo dualismo indica che non ha ancora portato a termine la realizzazione di se stesso.

Ancora le scarpe: sono gialle e possono indicare che l'intelligenza del Bagatto tocca la terra, quindi una mente che cerca le soluzioni nella vita materiale.
Shanti non è connesso  
Vecchio 11-03-2006, 13.35.43   #25
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,171
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Shanti
RedW... (un po' più grande non ce l'hai? scherzo )
Off topic... ma mi tocca dire che se cliccate sulle immagini in anteprima si ingrandisce... mi tocca dire che in questo caso sarebbe bene che le allegaste come ha fatto RedW altrimenti linkandole se il sito da dove le avete prese cambia o chiude noi perdiamo tutte le immagini...
Uno non è connesso  
 


Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire nuovi messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare files
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice vB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Vai al forum

Discussioni simili
Discussione Autore discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Numerologia...accenni Era Divinazione e tecniche conoscitive 17 17-07-2007 18.52.06


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 02.25.57.




Powered by vBulletin Copyright ©2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.
Questo sito non è, nè può ritenersi assimilabile ad una testata giornalistica, viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale. Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina della l. n. 62 del 2001. Il materiale pubblicato è sotto la responsabilità dei rispettivi autori, tutti i diritti sono di Ermopoli.it che incoraggia la diffusione dei contenuti, purchè siano rispettati i seguenti principi: sia citata la fonte, non sia alterato il contenuto e non siano usati a scopo di lucro. P.iva 02268700271