Ermopoli
L'antica città della conoscenza
  
    
Torna indietro   Ermopoli > Forum > Giardino Filosofico > Aforismi, Proverbi, Modi di dire

 
 
Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Vecchio 06-02-2008, 22.54.03   #1
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,654
Predefinito Per restare fermo dovrai correre

Per restare fermo dovrai correre.
Se invece vorrai andare avanti, dovrai correre ad una velocità almeno doppia.

Lewis Carrol, La regina in "Alice nel Paese delle Meraviglie"


Non è un errore di digitazione, è una grande verità.
C'è anche l'altro detto (titolo di un film se non sbaglio) che in un certo senso dice la stessa cosa: "Chi si ferma è perduto"

Basta guardare le cose più semplici della natura, un fiore quando interrompe lo sviluppo inizia ad appassire. D'altro canto un fiore non dovrebbe svilupparsi più velocemente di quello che il ciclo naturale in cui è immerso... quindi cosa dovrebbe muoversi ad una velocità almeno doppia?
Uno non è connesso  
Vecchio 07-02-2008, 00.01.24   #2
soren
Alloggiato/a
 
L'avatar di soren
 
Data registrazione: 11-10-2007
Messaggi: 57
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Uno Visualizza messaggio
Per restare fermo dovrai correre.
Se invece vorrai andare avanti, dovrai correre ad una velocità almeno doppia.

Lewis Carrol, La regina in "Alice nel Paese delle Meraviglie"

Basta guardare le cose più semplici della natura, un fiore quando interrompe lo sviluppo inizia ad appassire. D'altro canto un fiore non dovrebbe svilupparsi più velocemente di quello che il ciclo naturale in cui è immerso... quindi cosa dovrebbe muoversi ad una velocità almeno doppia?
uhm,lo spirito?solo cosi' puo' dare il frutto?Cioè serve un impegno maggiore per sviluppare qualcosa,per fiorire ed aprirsi..
soren non è connesso  
Vecchio 07-02-2008, 00.05.10   #3
Shanti
Partecipa agli eventi
 
L'avatar di Shanti
 
Data registrazione: 19-12-2004
Messaggi: 1,350
Predefinito

E' un po' come nelle scale mobili o il tapis roulant, se non corri come minimo torni indietro altrimenti stai nello stesso punto, per andare avanti devi correre il doppio.
Come anche nell'esempio del fiore penso che sia la resistenza a dover raddoppiare...
Shanti non è connesso  
Vecchio 07-02-2008, 10.45.02   #4
RedWitch
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di RedWitch
 
Data registrazione: 20-12-2004
Messaggi: 3,529
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Uno Visualizza messaggio
Per restare fermo dovrai correre.
Se invece vorrai andare avanti, dovrai correre ad una velocità almeno doppia.

Lewis Carrol, La regina in "Alice nel Paese delle Meraviglie"


Non è un errore di digitazione, è una grande verità.
C'è anche l'altro detto (titolo di un film se non sbaglio) che in un certo senso dice la stessa cosa: "Chi si ferma è perduto"

Basta guardare le cose più semplici della natura, un fiore quando interrompe lo sviluppo inizia ad appassire. D'altro canto un fiore non dovrebbe svilupparsi più velocemente di quello che il ciclo naturale in cui è immerso... quindi cosa dovrebbe muoversi ad una velocità almeno doppia?
La capacità di adattamento?
Se penso allo sviluppo naturale delle cose è chiaro che il più forte sopravvive, chi ha capacità di adattamento si ri-abitua velocemente a qualsiasi situazione o imprevisto possa capitare. L'uomo nel tempo si è dovuto adattare ai cambiamenti climatici per esempio, alcuni animali (e credo anche vegetali) non ce l'hanno fatta e si sono estinti. Altri (anche l'uomo stesso) si sono modificati per potersi adattare all'ambiente. Questo in natura..

Se dalle scuole medie passo alle scuole superiori, cambio tutto, professori, scuola, compagni di classe , magari questi professori pretenderanno più di quanto io non fossi abituata a studiare.
Se riesco ad adattarmi in fretta a quei ritmi, al nuovo ambiente , troverò un modo di studiare che sia compatibile con quello che mi viene chiesto, ma il tempo che ho a disposizione per studiare è sempre lo stesso che avevo alle medie.
Poi se riesco ad affinare (e velocizzare) ulterioremente la mia tecnica di studio potrò addirittura trovare il tempo per fare sport per esempio...

Ora.. non penso che sia sufficiente questo, nell'uomo il riuscire a velocizzarsi, dipende da più cose secondo me, ma l'adattamento credo che mi permetta di risparmiare tempo.

Poi immagino l'uomo come un tubo in cui per rendere al massimo deve passare sempre più energia, e che quindi nel tempo si debba in qualche modo "allargare". Per fare questo la resistenza che diceva Sha è indispensabile, devo fortificarmi in modo che il corpo svolga il suo compito. Se non reggo quello che passa, non posso utilizzarlo.. e si perde in mille venature.
Credo che questo "allargamento", se si lavora costantemente (chi si ferma è perduto..) coinvolga tutto il nostro Essere e ci permetta in qualche modo di andare più veloci..
RedWitch non è connesso  
Vecchio 07-02-2008, 19.01.10   #5
Astral
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Astral
 
Data registrazione: 01-08-2006
Residenza: Roma
Messaggi: 3,424
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Uno Visualizza messaggio
Per restare fermo dovrai correre.
Se invece vorrai andare avanti, dovrai correre ad una velocità almeno doppia.
Lewis Carrol, La regina in "Alice nel Paese delle Meraviglie"


Non è un errore di digitazione, è una grande verità.
C'è anche l'altro detto (titolo di un film se non sbaglio) che in un certo senso dice la stessa cosa: "Chi si ferma è perduto"

Basta guardare le cose più semplici della natura, un fiore quando interrompe lo sviluppo inizia ad appassire. D'altro canto un fiore non dovrebbe svilupparsi più velocemente di quello che il ciclo naturale in cui è immerso... quindi cosa dovrebbe muoversi ad una velocità almeno doppia?
La interpreto che lo stare fermi rappresenta staticità, stagnazione, e può portare persino al regresso.

Mi sono venuti in mente i tarocchi ( forse non centrano) dove ad ogni fase attiva, ne segue un'altra ricettiva o statica.

Il rischio della fase attiva è quello di correre nella direzione sbagliata e sprecare tutta l'energia prima di arrivare alla fase ricettiva o dell'accumulo dove si possono godere un po' i frutti.

Il rischio della fase ricettiva, è non tentare nulla di nuovo, rimanere aggrappati nelle proprie acque che senza rinnovamento stagnano.

Tuttavia questa frase non mi trova molto daccordo: cosa si ferma?

Di quale movimento si tratta?

Il fiore appassisce? Però al livello di decadimento fisico mi sembra che si consuma molto più chi faccia una vita piena di lavoro, piuttosto di chi fa una vita un po' piu adagiata...

Astral non è connesso  
Vecchio 08-02-2008, 01.16.58   #6
Grey Owl
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Grey Owl
 
Data registrazione: 24-01-2006
Messaggi: 2,100
Predefinito

...quindi cosa dovrebbe muoversi ad una velocità almeno doppia?

Mi viene da dire la consapevolezza, per muoverci dobbiamo raddoppiare la consapevolezza in quanto se non sviluppata arretra, ci si cristallizza.

Mi è tornato alla mente un post in cui parlavo della vita dei salmoni.
Qui

Ultima modifica di Grey Owl : 08-02-2008 alle ore 01.33.25.
Grey Owl non è connesso  
Vecchio 08-02-2008, 01.36.57   #7
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,218
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Uno Visualizza messaggio
D'altro canto un fiore non dovrebbe svilupparsi più velocemente di quello che il ciclo naturale in cui è immerso...
Eh, ma forse dipende da che ciclo naturale si vuole abitare...
Ray non è connesso  
Vecchio 08-02-2008, 12.08.29   #8
soren
Alloggiato/a
 
L'avatar di soren
 
Data registrazione: 11-10-2007
Messaggi: 57
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Astral Visualizza messaggio
La interpreto che lo stare fermi rappresenta staticità, stagnazione, e può portare persino al regresso.

Il rischio della fase attiva è quello di correre nella direzione sbagliata e sprecare tutta l'energia prima di arrivare alla fase ricettiva o dell'accumulo dove si possono godere un po' i frutti.

Il rischio della fase ricettiva, è non tentare nulla di nuovo, rimanere aggrappati nelle proprie acque che senza rinnovamento stagnano.
forse un po' OT pero' mi viene in mente che il fiore è simbolo si di ricettività (è aperto,a coppa)sia di attività (fiorisce e sboccia)..infatti c'e' il fiore di loto in oriente e la rosa in occidente che sono simboli spirituali molto forti.
soren non è connesso  
Vecchio 08-02-2008, 12.26.37   #9
griselda
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di griselda
 
Data registrazione: 07-01-2006
Messaggi: 7,996
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Uno Visualizza messaggio
.. quindi cosa dovrebbe muoversi ad una velocità almeno doppia?
La coscienza?
__________________
------------------------

ORDINE RITMO ARMONIA
griselda non è connesso  
Vecchio 14-02-2008, 00.06.45   #10
Sole
Conosce ogni vicolo
 
Data registrazione: 31-08-2005
Messaggi: 5,644
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Uno Visualizza messaggio
Basta guardare le cose più semplici della natura, un fiore quando interrompe lo sviluppo inizia ad appassire. D'altro canto un fiore non dovrebbe svilupparsi più velocemente di quello che il ciclo naturale in cui è immerso... quindi cosa dovrebbe muoversi ad una velocità almeno doppia?
E' la terra che gira e per poter star fermi dovremmo correre in senso opposto ad essa alla stessa velocità. Per poterci quindi muovere dovremmo andare al doppio della velocità della terra nel suo stesso senso. La rotazione della terra è lo scorrere del tempo, andando più veloci è come anticipare il tempo. Il corpo deve essere in grado di anticipare il tempo che passa.

Riferito al fiore mi vien da dire anche la linfa. Con essa il fiore porta il nutrimento, che è vita e movimento, necessario allo sviluppo.Se la linfa in qualche modo impara a trasportare più velocemente i nutrimenti è come se fossero costantemente presenti nel ricircolo.
__________________
Se non sarò me stesso chi lo sarà per me? E se non ora, quando?
Sole non è connesso  
Vecchio 14-02-2008, 18.29.52   #11
RedWitch
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di RedWitch
 
Data registrazione: 20-12-2004
Messaggi: 3,529
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Sole Visualizza messaggio
Riferito al fiore mi vien da dire anche la linfa. Con essa il fiore porta il nutrimento, che è vita e movimento, necessario allo sviluppo.Se la linfa in qualche modo impara a trasportare più velocemente i nutrimenti è come se fossero costantemente presenti nel ricircolo.
Vista così trasportandolo all'umano a me viene in mente l'energia.. avendone abbastanza a disposizione e avendo un corpo preparato al suo "passaggio", saremmo in grado di sopportare una maggiore velocità dell'energia in circolo.... e quindi a velocizzarci noi..
RedWitch non è connesso  
Vecchio 15-02-2008, 00.52.42   #12
MaxFuryu
Cittadino/a Stabile
 
L'avatar di MaxFuryu
 
Data registrazione: 03-04-2005
Messaggi: 425
Predefinito

è da giorni che ci penso, l'unica cosa che mi ciene in mente è che dato che bisogna correre, c'è una cosa nella quale ci troviamo che corre di suo, mi viene in mente il tempo, se si sta fermi si muore, se si corre alla sua velocità si sta fermi, per avanzare si deve andare al doppio, in questo caso potrebbe essere che la natura vera sia quella di usarlo tutto e di non "perderne", inteso come perdita di altro.
MaxFuryu non è connesso  
Vecchio 15-02-2008, 16.41.33   #13
Sole
Conosce ogni vicolo
 
Data registrazione: 31-08-2005
Messaggi: 5,644
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da RedWitch Visualizza messaggio
Vista così trasportandolo all'umano a me viene in mente l'energia.. avendone abbastanza a disposizione e avendo un corpo preparato al suo "passaggio", saremmo in grado di sopportare una maggiore velocità dell'energia in circolo.... e quindi a velocizzarci noi..
Io pensavo più al sangue ma effettivamente il sangue raffinato potrebbe essere un elemento più sottile. E poi se il sangue\linfa non circolano più nel corpo\stelo si muore.
Però continua a sfuggirmi qualcosa nel discorso... non so ci sto pensando.
__________________
Se non sarò me stesso chi lo sarà per me? E se non ora, quando?
Sole non è connesso  
Vecchio 15-02-2008, 16.56.13   #14
dafne
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di dafne
 
Data registrazione: 24-09-2007
Messaggi: 3,603
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Uno Visualizza messaggio
Per restare fermo dovrai correre.
Se invece vorrai andare avanti, dovrai correre ad una velocità almeno doppia.

Basta guardare le cose più semplici della natura, un fiore quando interrompe lo sviluppo inizia ad appassire. D'altro canto un fiore non dovrebbe svilupparsi più velocemente di quello che il ciclo naturale in cui è immerso... quindi cosa dovrebbe muoversi ad una velocità almeno doppia?
un fiore si sviluppa seguendo un ciclo e quanto gli permette di svilupparsi non deve essere forzato, tu dici, quindi non è ciò che fà crescere a dover essere velocizzato. Quanto ci fà sviluppare, ci fà crescere deve seguire la velocità naturale quindi è un qualcos'altro a dover aumentare se vogliamo andare avanti.
Curiosa stà cosa, in pratica anche solo per stare fermi stiamo già correndo e per andare avanti invece dobbiamo faticare il doppio.
Se imparo a eseguire delle operazioni ho fatto uno sforzo, ho corso, se mi fermo, non faccio più esercizio, molto se non tutto quello che ho appreso va perduto, se continuo a fare esercizi corro e quindi resto fermo, (continuerò a eseguire espressioni di quella difficoltà)per andare avanti, per eseguire operazioni più complesse dovrò fare un ulteriore sforzo oltre al correre, olte al fare esercizio, studiando operazioni più complesse. Correndo il doppio.
cos'è che deve viaggiare a doppia velocità? l'intelligenza? L'ho detta grossa?
dafne non è connesso  
Vecchio 15-02-2008, 17.37.31   #15
griselda
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di griselda
 
Data registrazione: 07-01-2006
Messaggi: 7,996
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Uno Visualizza messaggio
"Chi si ferma è perduto"
"Chi si ferma è perduto"
chi smette di sperimentare rimane fermo sulle sue posizioni, sempre quelle che portano sempre allo stesso risultato stesso punto quindi si rimane fermi.
Chi vuole muoversi deve sperimentare qualcosa di diverso. In questo caso ci si muove dal punto dove si è per esperire nuove cose e facendolo ci si muove.
Questo funziona anche quando il punto è solo nella mente idea fissa, convinzione, si è fermi, ascoltando altri punti di vista ci muove dal nostro per andare sino a quello dell’altro e poi si torna indietro con qualcosa in più. Quindi la velocità diviene doppia andata e ritorno. Ci muove in avanti e indietro in tutte le cose portando con se nel ritorno un bagaglio in più e magari nel frattempo si perde anche peso, inteso come zavorre.
__________________
------------------------

ORDINE RITMO ARMONIA
griselda non è connesso  
Vecchio 20-02-2008, 00.25.25   #16
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,218
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Uno Visualizza messaggio
Per restare fermo dovrai correre.
Se invece vorrai andare avanti, dovrai correre ad una velocità almeno doppia.
Lewis Carrol, La regina in "Alice nel Paese delle Meraviglie"
A rigirarmi questa frase nella mente mi viene un altro aforsima, di non mi ricordo più chi, che dice: "tutto ciò che è umano è destinato a retrocedere se non avanza".

Mi viene in mente anche che "tutto ciò che non muta, muore".

In effetti la vita è movimento.. il che però implica che essa, avendo già un movimento suo, richiede un minimo di movimento solo per starle dietro, solo per sopravvivere. Per stare fermi (al passo con la vita) si deve correre... altrimenti si arretra.

Ma stare al passo con la vita, sopravvivere, seguire il "corso naturale degli eventi", può non bastare. Si può voler emergere, accelerare, svilupparsi al di la del "naturale" movimento imposto dalla corrente. Per farlo è necessario correre più di lei... più della "vita".
Ray non è connesso  
Vecchio 20-02-2008, 00.29.55   #17
Sole
Conosce ogni vicolo
 
Data registrazione: 31-08-2005
Messaggi: 5,644
Predefinito

Seguire il corso naturale degli eventi sarebbe percorrere le strade del destino alla velocità che lui ci impone e quindi cambiare andatura significa spezzarne le catene.
__________________
Se non sarò me stesso chi lo sarà per me? E se non ora, quando?
Sole non è connesso  
Vecchio 20-02-2008, 00.44.11   #18
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,218
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Sole Visualizza messaggio
Seguire il corso naturale degli eventi sarebbe percorrere le strade del destino alla velocità che lui ci impone e quindi cambiare andatura significa spezzarne le catene.
Già. Molto bello quello che hai detto. Più veloci del destino. Precedere il destino è necessario al risveglio...

Precedere che è anche un andare incontro, visto dall'altra parte. Andare incontro a ciò che ti arriva dal "futuro".
Ray non è connesso  
Vecchio 20-02-2008, 11.50.12   #19
stella
Organizza eventi
 
L'avatar di stella
 
Data registrazione: 09-04-2006
Messaggi: 2,225
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Ray Visualizza messaggio
Già. Molto bello quello che hai detto. Più veloci del destino. Precedere il destino è necessario al risveglio...
Ma si può andare più veloci del destino ???
Sarebbe come andare più veloci della luce...
Andare incontro al futuro non equivale ad anticipare il futuro...
La vita stessa è movimento, ma se una cosa deve accadere domani per quanto possa correre devo comunque aspettare domani...
stella non è connesso  
Vecchio 21-02-2008, 11.07.12   #20
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,654
Predefinito

Il discorso si collega con il nuovo 3d su un'altro modo di dire Sono dietro
Uno non è connesso  
Vecchio 21-02-2008, 16.29.56   #21
turaz
Richiesta Cancellazione
 
Data registrazione: 27-06-2007
Messaggi: 2,098
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Ray Visualizza messaggio
Già. Molto bello quello che hai detto. Più veloci del destino. Precedere il destino è necessario al risveglio...

Precedere che è anche un andare incontro, visto dall'altra parte. Andare incontro a ciò che ti arriva dal "futuro".

"D-io invitò tutti alle nozze ma alla fine fece entrare solo quelli con l'abito bianco" (libera citazione dal vangelo)
da una parte ci sei tu che lavori per connetterti a questo Turaz che da sempre è lì
tu ti muovi verso di lui, lui da sempre ti invita a seguirlo ))

ciauzz
turaz non è connesso  
Vecchio 23-02-2008, 20.30.02   #22
Kael
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Kael
 
Data registrazione: 06-08-2005
Messaggi: 3,153
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Uno Visualizza messaggio
Basta guardare le cose più semplici della natura, un fiore quando interrompe lo sviluppo inizia ad appassire. D'altro canto un fiore non dovrebbe svilupparsi più velocemente di quello che il ciclo naturale in cui è immerso... quindi cosa dovrebbe muoversi ad una velocità almeno doppia?
L'Uomo.

Un fiore infatti (ma tutto il regno vegetale e anche quello animale), se si muovesse ad una velocità superiore di quella che il suo ciclo naturale prevede, non sarebbe più fiore ma semplicemente passerebbe ad essere altro. Un uomo invece ha la possibilità di rimanere uomo anche andando avanti nella scala evolutiva, anche "vibrando" a velocità maggiori, che da uomo gli permetterebbe di diventare Uomo fino al massimo grado raggiungibile conoscibile in questa forma/sistema solare, fino a raggiungere il Divino.
Kael non è connesso  
 


Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire nuovi messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare files
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice vB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Vai al forum


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 05.36.41.




Powered by vBulletin Copyright ©2000 - 2023, Jelsoft Enterprises Ltd.
Questo sito non è, nè può ritenersi assimilabile ad una testata giornalistica, viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale. Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina della l. n. 62 del 2001. Il materiale pubblicato è sotto la responsabilità dei rispettivi autori, tutti i diritti sono di Ermopoli.it che incoraggia la diffusione dei contenuti, purchè siano rispettati i seguenti principi: sia citata la fonte, non sia alterato il contenuto e non siano usati a scopo di lucro. P.iva 02268700271