Ermopoli
L'antica città della conoscenza
  
    
Torna indietro   Ermopoli > Forum > Botteghe > Ecologia, Altro consumo, Dietrologia etc etc

 
 
Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Vecchio 08-11-2008, 15.03.13   #1
nikelise
Organizza eventi
 
L'avatar di nikelise
 
Data registrazione: 29-09-2007
Messaggi: 2,329
Predefinito Obama e la sua campagna elettorale

In questi giorni di celebrazione del new president una riflessione:
se il programma di Obama e' quello che ha dichiarato :
di un ritorno al sociale in America , piu' ricchezza per tutti , wall steet non puo' guadagnare se la gente non ha benessere ( o una cosa simile) , energia alternativa a scapito evidentemente del petrolio e delle 7 sorelle , piu' chances per tutti , meno stok option per i managers ecc. ecc.
se vuole fare questo ed altro che non ricordo ,
chi ha finanziato la sua campagna elettorale , la piu' dispendiosa della storia d'America ?
Non e' la prova che e' un bluf anche lui , non sara' il maggiordomo o il cameriere di turno ?
Almeno Bush si sapeva quali interessi rappresentava quale miliardario petroliere .
nikelise non è connesso  
Vecchio 08-11-2008, 20.15.53   #2
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,247
Predefinito

Che non sia arrivato Babbo Natale è chiaro, che abbia speso tanti di quei soldi in immagine pure... ma quello che non mi convince di questi discorsi (chiunque li faccia) è che oggi la società ha la tecnologia per permetterci volendo di lavorare 4/5 ore al giorno a dir tanto... chi mai volesse cambiare qualcosa veramente non dovrebbe cercare di creare lavoro e produzione, ma fare in modo che il lavoro sia sufficiente per mantenersi bene.
Il problema però è sempre quello... se solo i cinesi decidessero di usare la carta igienica come noi (per dire un piccolissimo ed insignificante lusso che abbiamo oggi) le risorse planetarie per fabbricare carta potrebbero iniziare ad entrare in crisi.
C'è poco da idealizzare, con 6 miliardi e passa di abitanti, la terra non ha risorse perchè tutti possano avere le stesse possibilità, tra l'altro popoli non pronti (mica che noi siamo meglio) con troppo tempo a disposizione invece che dover lavorare, si inventerebbero solo guerre, di religione o no, di supremazia razziale o meno....
E' triste da dire, ma non è ancora possibile un cambiamento reale, il sistema deve ancora mantenersi sul lavoro ore su ore, per produrre oggetti in più e tenere occupata la gente.
Uno non è connesso  
Vecchio 08-11-2008, 20.28.17   #3
jezebelius
Organizza eventi
 
L'avatar di jezebelius
 
Data registrazione: 27-02-2005
Messaggi: 1,865
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da nikelise Visualizza messaggio
In questi giorni di celebrazione del new president una riflessione:
se il programma di Obama e' quello che ha dichiarato :
di un ritorno al sociale in America , piu' ricchezza per tutti , wall steet non puo' guadagnare se la gente non ha benessere ( o una cosa simile) , energia alternativa a scapito evidentemente del petrolio e delle 7 sorelle , piu' chances per tutti , meno stok option per i managers ecc. ecc.
se vuole fare questo ed altro che non ricordo ,
chi ha finanziato la sua campagna elettorale , la piu' dispendiosa della storia d'America ?
Non e' la prova che e' un bluf anche lui , non sara' il maggiordomo o il cameriere di turno ?
Almeno Bush si sapeva quali interessi rappresentava quale miliardario petroliere .
Condivido la tua riflessione ed anche aggiungerei azzardando e spingendomi nell'ipotetico, che la questione potrebbe risolversi in due modi.
Il primo è quello che hai descritto ossia, qualora si tratti un " vero" Presidente le cose a cui l'America e per conseguenza il resto del mondo dovrà aspettarsi saranno necessariamente quelle che ha dichiarato anche se non tutte realizzate a stretto giro di posta.
Per giunta, con questi presupposti, potrebbe " ripetersi" la storia - americana - come quella che vide protagonista Kennedy e la sua famiglia, assieme alla sua tragica fine per evidenti contrasti, come ad esempio citi, con le sette sorelle e tutto ciò che ruota attorno a queste.

Il secondo è che, invece, come durante la campagna elettorale passata, quella prima di questa che vide Bush e Kerry fronteggiarsi almeno formalmente quando poi venne fuori la notizia che entrambi appartenevano alla " Skulls and Bones ", la quale aveva interessi in gioco che andavano al di la della umana comprensione, con collegamenti in ogni parte del mondo economico e non solo, la figura di Obama potrebbe svelarsi per quella che segue questa teoria vale a dire un'altro della stessa pasta anche se cambiati i tempi, cambiata ( doveva essere cambiata ! ) il tipo di persona.

A sto punto una domanda. Posto che stiamo solo cercando di dare un volto nei limiti del possibile a quello che è accaduto e che si trova talvolta al di sotto di ciò che normalmente viene immesso nel circuito dell'informazione; che del resto sappiamo che un entusiamo generato dal formale risanamento di una frattura - tra bianchi e neri - può portare a lasciare in secondo piano altri problemi, e dunque forse condizionare i ragionamenti, mi chiedo: Come mai un uomo potente come McCain ha speso " soltanto" pochi spiccioli - in confronto alle quantità enormi di Obama ovviamente - in pubblicità?
Sappiamo che in queste occasioni chi ha più soldi - e potere, se non addirittura appoggiati dai centri da cui questo deriva - vince.
Allora come mai McCain non ha investito?
Forse perchè qualcun altro è diventato referente di quel potere e qui in gioco, a prescindere dalla adesioni ideologiche e partitiche, ci sono posizioni altre che vanno tutelate.

Bisognerebbe vedere quanto ha raccolto l'uno e quanto l'altro per la campagna elettorale ma questo potrebbe, comunque, rimanere un dato su cui fondare mere ipotesi.
__________________
Dr. Marc Haven
“Non deve essere l’alba di luce che deve iniziare ad avvisare la tua anima di tali doveri giornalieri e dell’ora in cui gli incensi devono bruciare sui fornelli; è la tua voce, solo lei che deve chiamare l’alba di luce e farla brillare sulla tua opera, alfine che tu possa dall’alto di questo Oriente, riversarla sulle nazioni addormentate nella loro inattività e sradicarle dalle tenebre in cui versano.”
jezebelius non è connesso  
Vecchio 08-11-2008, 21.32.28   #4
Astral
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Astral
 
Data registrazione: 01-08-2006
Residenza: Roma
Messaggi: 3,424
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Uno Visualizza messaggio
Che non sia arrivato Babbo Natale è chiaro, che abbia speso tanti di quei soldi in immagine pure... ma quello che non mi convince di questi discorsi (chiunque li faccia) è che oggi la società ha la tecnologia per permetterci volendo di lavorare 4/5 ore al giorno a dir tanto... chi mai volesse cambiare qualcosa veramente non dovrebbe cercare di creare lavoro e produzione, ma fare in modo che il lavoro sia sufficiente per mantenersi bene.
Il problema però è sempre quello... se solo i cinesi decidessero di usare la carta igienica come noi (per dire un piccolissimo ed insignificante lusso che abbiamo oggi) le risorse planetarie per fabbricare carta potrebbero iniziare ad entrare in crisi.
C'è poco da idealizzare, con 6 miliardi e passa di abitanti, la terra non ha risorse perchè tutti possano avere le stesse possibilità, tra l'altro popoli non pronti (mica che noi siamo meglio) con troppo tempo a disposizione invece che dover lavorare, si inventerebbero solo guerre, di religione o no, di supremazia razziale o meno....
E' triste da dire, ma non è ancora possibile un cambiamento reale, il sistema deve ancora mantenersi sul lavoro ore su ore, per produrre oggetti in più e tenere occupata la gente.
Io la vedo un po' diversamente, credo che la Terra abbia sempre risorse per tutti, ma non le sappiamo coltivare, cè tanto spreco comunque, non potremmo forse avere tutti la villa con la piscina, ma un esistenza dignitosa per tutti è proprio l'obbiettivo possibile, e la forza lavoro mancante dovrebbe essere applicata proprio in tal senso.

Il fatto del tempo poi mi sembra un falso problema: ci sono cosi tante attività a cui si potrebbe dedicare al tempo libero: amici, famiglia, figli, per non parlare di tutte le forme di hobby che ci sono tra scienza e arte.
Astral non è connesso  
Vecchio 09-11-2008, 13.00.00   #5
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,247
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Astral Visualizza messaggio
Io la vedo un po' diversamente, credo che la Terra abbia sempre risorse per tutti, ma non le sappiamo coltivare, cè tanto spreco comunque, non potremmo forse avere tutti la villa con la piscina, ma un esistenza dignitosa per tutti è proprio l'obbiettivo possibile, e la forza lavoro mancante dovrebbe essere applicata proprio in tal senso.

Il fatto del tempo poi mi sembra un falso problema: ci sono cosi tante attività a cui si potrebbe dedicare al tempo libero: amici, famiglia, figli, per non parlare di tutte le forme di hobby che ci sono tra scienza e arte.
Si la terra avrebbe risorse per tutti, anche se più di 6 miliardi, voluti da pressioni di vario tipo, iniziano ad essere tantini. Il problema è che tipo di risorse, di certo non quelle per la normale vita occidentale a cui siamo abituati. Prova a dare un automobile, 3kw minimo di energia elettrica, riscaldamento o aria condizionata, frigoriferi, tv etc.... a tutto il pianeta e dimmi se la Terra ha risorse per tutti.
Lo so che il mio discorso può essere frainteso, può sembrare che io voglia che le cose rimangano così.... non lo voglio no, ma in una visione più ampia bisognerebbe vedere alcune cose. Dovremmo considerare che per portare tutti sullo stesso livello dovremmo rinunciare non ai lussi ma proprio a tutto.
Pensateci un secondo, prima di dire pieni di entusiasmo che lo fareste, poi discutiamo sul fatto che forse una progressione nella storia dei singoli paesi c'è ed ha un senso... quello che ha creato il patatrac è che si è spinta una globalizzazione selvaggia il cui unico scopo era ed è arricchire i soliti noti.
L'indigeno africano (per fare un esempio) stava benissimo con i suoi ritmi naturali, magari fra 300 anni sarebbe arrivato come siamo noi oggi, ma ci sarebbe arrivato in modo naturale... e allo stesso tempo avrebbe iniziato a controllare le nascite come accade qui da noi. Stesso discorso per molti paesi asiatici etc....
Insomma il discorso è ampio, ma non si parla solo di rinunciare alla villa con la piscina (cioè quello che ora non abbiamo) si parlerebbe di rinunciare a quello che abbiamo.

L'umano comunque non è pronto per avere più tempo libero, lo userebbe per viziarsi... ne possiamo parlare a lungo, poi dovremmo discutere su cosa intendiamo per dignitoso, nell'occidente barboni a parte tutti hanno una vita dignitosa, ma anche in Africa o in Asia se non ragioniamo secondo i nostri parametri moltissimi hanno una vita dignitosa, il problema, e torniamo li, è che non siamo in grado di portare tutto il pianeta al livello in cui viviamo noi, prima di fare discorsi (non mi riferisco a te Astral) buonistici dovremmo pensare a cosa siamo disposti a rinunciare, se ne vale la pena e se cambierebbe qualcosa. Mi fermo ma sono sicuro che non passerà molto di quello che intendo.
Uno non è connesso  
Vecchio 09-11-2008, 13.33.24   #6
Era
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Era
 
Data registrazione: 29-05-2004
Messaggi: 2,671
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Uno Visualizza messaggio
dovremmo pensare a cosa siamo disposti a rinunciare, se ne vale la pena e se cambierebbe qualcosa. Mi fermo ma sono sicuro che non passerà molto di quello che intendo.
Hai ragione d' impulso avrei risposto che ero disposta a rinunciare a molto...pensandoci invece dico che potrei provare a rinunciare ad alcune cose ad altre no...
Casa mia come molte delle vostre non ha piscina tuttavia una serie di comodità si...lavatrice...lavastoviglie..frullatori vari frigorifero e mille altre cosette alle quali non do quasi più importanza ci sono...sono li a mia disposizione come un fatto del tutto naturale...Poi proprio perchè lavoro e me lo merito (parlo di anni fa) vado in vacanza e siccome mi piace la natura (se no tanto vale che mi metta a girare per città) vado in una delle nostre meravigliose isole...maròòò che beraviglia! tra casetta e mare c'è giusto una quindicina di metri di spiaggia...che c...lo! Ora di cucinare....l' acqua c'è si ma è salmastra (dicono loro per me era salatissima) quindi vai a cercare la fonte che scende dai monti ecc..eccc.. Ora di fare la doccia...e si c'è la doccia e pure l' acqua la solita salmastra che esci e ti senti un merluzzo cotto sotto sale!!! Solo un esempio ma a pensarci bene non è facile rinunciare anche se si hanno buoni propositi...però eliminare un sacco di min...ate ci si può provare...
__________________
Dio mi conceda
la serenità di accettare
le cose che non posso cambiare
il coraggio di cambiare
quelle che posso cambiare
e la saggezza
di distinguere tra le une e le altre
Era non è connesso  
Vecchio 09-11-2008, 13.58.59   #7
Astral
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Astral
 
Data registrazione: 01-08-2006
Residenza: Roma
Messaggi: 3,424
Predefinito

Il problema è che principalmente l'uomo sa produrre, ma non sa riprodurre, senza la scoperta di nuova energia e senza di reciclaggio dell'inutile non si può sperare in un miglioramento.

Per vita dignitosa intendo, cibo, acqua e igiene, e questo è a prescindere dai parametri mentali, è un valore universale per tutti gli esseri umani, persino un uomo primitivo aveva bisogno di queste cose, e non mi risulta che tutti le hanno.
In ogni caso non credo che il discorso verta sul fatto che la rinuncia sia consapevole, ma sarà obbligata in certi casi.
Astral non è connesso  
Vecchio 09-11-2008, 14.42.18   #8
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,247
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Astral Visualizza messaggio

Per vita dignitosa intendo, cibo, acqua e igiene, e questo è a prescindere dai parametri mentali, è un valore universale per tutti gli esseri umani, persino un uomo primitivo aveva bisogno di queste cose, e non mi risulta che tutti le hanno.
Ma questo non dipende da noi, dipende dai loro governanti, per non dire dittatori, che hanno i bagni con i rubinetti d'oro e spendono follie in armamenti (che "noi" gli vendiamo).
Cosa possiamo farci? Mandare eserciti a far fuori tutti quei dittatori?
Se dipendesse da me non lo farei... tra l'altro nessuno può dare la libertà ad altri, la libertà va conquistata.
In ogni caso il discorso sull'enorme mole di bisogni artificiali che sono stati creati a questa gente, molti di loro non hanno problemi per l'acqua o il cibo (certo non hanno il rubinetto che gli da l'acqua calda per farsi la doccia) ma cercando di arrivare qui perchè gli si è fatto vedere che è tutto bello qui.

Io provo ad immaginare la scoperta di un pianeta abitato da extraterrestri, in cui tutti stanno benissmo, in cui tutti hanno tutto quello che desiderano etc....
Se ce lo facessero vedere in tv andremmo in cerca dei barconi galattici per andare la clandestinamente... però saremmo come pesci fuor d'acqua....
Uno non è connesso  
Vecchio 09-11-2008, 17.28.57   #9
Grey Owl
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Grey Owl
 
Data registrazione: 24-01-2006
Messaggi: 2,100
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da nikelise Visualizza messaggio
chi ha finanziato la sua campagna elettorale , la piu' dispendiosa della storia d'America ?
Non e' la prova che e' un bluf anche lui , non sara' il maggiordomo o il cameriere di turno ?
Almeno Bush si sapeva quali interessi rappresentava quale miliardario petroliere .
Obama ha ricevuto per questa campagna elettorale ben 640 milioni di dollari oltre ai 220 milioni di dollari avuti dai democratici per Hilary Clinton.
Fra i loro maggiori contribuenti figurano le banche tra cui spuntano i nomi di Goldman Sachs, JP Morgan, Citigroup, Morgan Stanley, pure la Lehman Brothers finché non è fallita (è fallita vero?).

Ma anche assicurazioni, industrie militari (costruttori di armi) e petrolieri.
Non cè da stupirsi se compare nella lista anche microsoft, Google, IBM che ovviamente hanno collaborato all'impresa mediatica sul web a cui si deve buona parte della sua vittoria. Un'ondata mediatica che ha girato ne web.

Le famose "Sette sorelle", le multinazionali del petrolio sono sempre lì a tenere i fili del nuovo presidente-fantoccio Obama.

Certo che è un bluf, chi pagherà per le incapacità di quei manager che ha messo in ginocchio l'economia americana? Dove sono i colpevoli di questo immenso crack?

Aspettiamo le prime mosse del neo presidente, dopo il 20 gennaio e si capiranno meglio i nuovi assetti politici del Senatore dell'illinois... Ops del nuovo Presidente degli Stati Uniti d'America.

Non sarebbe il primo presidente degli Stati Uniti che volta le spalle ai suoi creditori, con ahimè risultati drammatici.
Grey Owl non è connesso  
Vecchio 09-11-2008, 17.36.53   #10
Astral
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Astral
 
Data registrazione: 01-08-2006
Residenza: Roma
Messaggi: 3,424
Predefinito

Scusa Grey ma mi piacerebbe sapere dove prendi queste informazioni, sono veramente attendibili?

Io sapevo che la maggiorparte della campagna è stata fatta via web, cosa che in Italia manco ci sognamo.
Astral non è connesso  
Vecchio 09-11-2008, 17.48.28   #11
nikelise
Organizza eventi
 
L'avatar di nikelise
 
Data registrazione: 29-09-2007
Messaggi: 2,329
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Uno Visualizza messaggio
Ma questo non dipende da noi, dipende dai loro governanti, per non dire dittatori, che hanno i bagni con i rubinetti d'oro e spendono follie in armamenti (che "noi" gli vendiamo).
Cosa possiamo farci? Mandare eserciti a far fuori tutti quei dittatori?
Se dipendesse da me non lo farei... tra l'altro nessuno può dare la libertà ad altri, la libertà va conquistata.
In ogni caso il discorso sull'enorme mole di bisogni artificiali che sono stati creati a questa gente, molti di loro non hanno problemi per l'acqua o il cibo (certo non hanno il rubinetto che gli da l'acqua calda per farsi la doccia) ma cercando di arrivare qui perchè gli si è fatto vedere che è tutto bello qui.

Io provo ad immaginare la scoperta di un pianeta abitato da extraterrestri, in cui tutti stanno benissmo, in cui tutti hanno tutto quello che desiderano etc....
Se ce lo facessero vedere in tv andremmo in cerca dei barconi galattici per andare la clandestinamente... però saremmo come pesci fuor d'acqua....
Ma la schiavitu' l'abbiamo portata noi in Africa ed il colonialismo dell'800 e quello attuale fatto di farmaci carissimi per curare l'aids o di sfruttamento delle loro materie prime , pure, l'ultima appresa e' il coltan di Grey.
Quei dittatori se non li abbiamo messi la' noi , ci servono e li usiamo .
Beh potevano far le cose con un po' di criterio se non altro per non provocare reazioni quali il terrorismo islamico o cose simili .
E' l'era del predominio dell'occidente ma proprio per questo le responsabilita' da parte nostra ci sono .
Quei popoli come dici tu non pretendevano poi molto .
Invece niente di niente per loro .
nikelise non è connesso  
Vecchio 09-11-2008, 17.53.08   #12
Grey Owl
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Grey Owl
 
Data registrazione: 24-01-2006
Messaggi: 2,100
Predefinito

Dove prendo queste informazioni? Beh, ovviamente dal web...
Faccio zapping ne web, passo da una notizia all'altra e mi faccio un'idea complessiva.
Faccio circa come faceva Fox Mulder (della serie X-File) quando si metteva a leggere i giornali scandalistici per trovare il trafiletto particolare che lo portava alla ricerca degli x-file...

Tutto quello che scrivo è basato su supposizioni e informazioni trovate nel web. Una mia personalissima interpretazione delle (spesso frammentarie ed incomplete) informazioni che navigano nel web.




Inizio OT.
Se Obama nei primi mesi di presidenza manderà truppe in Africa per risolvere i conflitti attuali allora avrà fatto la prima mossa giusta...
Dico questo perchè ridurrebbe l'aumentato potere della Cina in Africa a discapito della Russia (dello Zar Putin) che si troverebbe a dover spartire con la Cina le risorse della Siberia.
AGGIUNGO: Chiaro che non lo farebbe "solo" a scopo umanitario (ONU), anzi con la scusa umanitaria otterrebbe il controllo di risorse petrolifere,di metalli ed molto altro che oggi sono in mano a predoni in abiti militari che svendono le ricchezze dell'Africa al miglior offerente, Cina in testa.
Fine OT.

Ultima modifica di Grey Owl : 09-11-2008 alle ore 18.00.57. Motivo: Aggiungo il chiarimento
Grey Owl non è connesso  
Vecchio 09-11-2008, 19.44.07   #13
Astral
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Astral
 
Data registrazione: 01-08-2006
Residenza: Roma
Messaggi: 3,424
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da nikelise Visualizza messaggio
Ma la schiavitu' l'abbiamo portata noi in Africa ed il colonialismo dell'800 e quello attuale fatto di farmaci carissimi per curare l'aids o di sfruttamento delle loro materie prime , pure, l'ultima appresa e' il coltan di Grey.
Quei dittatori se non li abbiamo messi la' noi , ci servono e li usiamo .
Beh potevano far le cose con un po' di criterio se non altro per non provocare reazioni quali il terrorismo islamico o cose simili .
E' l'era del predominio dell'occidente ma proprio per questo le responsabilita' da parte nostra ci sono .
Quei popoli come dici tu non pretendevano poi molto .
Invece niente di niente per loro .
Questo è un interessante punto di vista, abbiamo alterato equlibri di nazioni e culture diverse dalla nostra, ora quanto meno abbiamo l'obbligo di riparare, e tra l'altro se non lo facciamo ci troveremo sempre piu ondate di gente che viene qui.

Oltretutto se stessi in uno di questi paesi sotto dittatura e non avessi avuto la forza di intervenire avrei sperato nell'intervento esterno delle nazioni, proprio come l'America intervenne contro la Germania nella seconda guerra mondiale ( senno col cavolo ce la cavavamo).

Che poi un popolo deve camminare da solo va bene, ma spesso in certi posti la paura è talmente radicata, che non avverrà manco tra un millenio se non c'è un intervento esterno, intervento che non è detto sia sempre bene omettere, lasciando fare al cosidetto caso o natura.

Citazione:
Originalmente inviato da Grey Owl Visualizza messaggio
Dove prendo queste informazioni? Beh, ovviamente dal web...
Faccio zapping ne web, passo da una notizia all'altra e mi faccio un'idea complessiva.
Faccio circa come faceva Fox Mulder (della serie X-File) quando si metteva a leggere i giornali scandalistici per trovare il trafiletto particolare che lo portava alla ricerca degli x-file...

Tutto quello che scrivo è basato su supposizioni e informazioni trovate nel web. Una mia personalissima interpretazione delle (spesso frammentarie ed incomplete) informazioni che navigano nel web.




Inizio OT.
Se Obama nei primi mesi di presidenza manderà truppe in Africa per risolvere i conflitti attuali allora avrà fatto la prima mossa giusta...
Dico questo perchè ridurrebbe l'aumentato potere della Cina in Africa a discapito della Russia (dello Zar Putin) che si troverebbe a dover spartire con la Cina le risorse della Siberia.
AGGIUNGO: Chiaro che non lo farebbe "solo" a scopo umanitario (ONU), anzi con la scusa umanitaria otterrebbe il controllo di risorse petrolifere,di metalli ed molto altro che oggi sono in mano a predoni in abiti militari che svendono le ricchezze dell'Africa al miglior offerente, Cina in testa.
Fine OT.
Si era per sapere Grey ne leggo e ne sento di tutti i colori e sinceramente a volte certe notizie mi sembrano divulgate dai movimenti politici di turno.
Astral non è connesso  
Vecchio 09-11-2008, 20.13.11   #14
Grey Owl
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Grey Owl
 
Data registrazione: 24-01-2006
Messaggi: 2,100
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Astral Visualizza messaggio
Si era per sapere Grey ne leggo e ne sento di tutti i colori e sinceramente a volte certe notizie mi sembrano divulgate dai movimenti politici di turno.
Siamo meramente OT...
Non ho mai posseduto una tessera politica per principio, sono nato in una casa di comunisti (presente il film di Benigni "Berlinguer ti voglio bene"?), cresciuto in un'ambiente anarchico (quello degli anni '75) ed illuso negli anni dalla corruzione politia (in generale)... ma ho sempre cercato di tenere un giudizio aperto e libero.
Non sono mai andato troppo a destra anche se ho ammirato la coerenza di Almirante e comprendo le ragioni della destra.
La sintesi che traggo dalle info pescate nel web sono certamente influenzate dal mio occhio (e ragione) ma di certo non leggo le veline di partito (preso).
Giusto per andare oltre OT...
La sapete quella barzelletta del comunista che legge l'unità? (giornale del partito comunista)
Un tizio dice a un comunista:" Hai letto che gli asini volano?"
Il comunista:"ma che dici? gli asini non volano mica!"
il tizio replica:" Hey, ma è scritto in prima pagina sull'unità!"
Il comunista" ahh, beh...si... i svulazen (traduzione: svolazzano)"
..hahahaha
Grey Owl non è connesso  
Vecchio 10-11-2008, 12.46.45   #15
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,247
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da nikelise Visualizza messaggio
Ma la schiavitu' l'abbiamo portata noi in Africa ed il colonialismo dell'800 e quello attuale fatto di farmaci carissimi per curare l'aids o di sfruttamento delle loro materie prime , pure, l'ultima appresa e' il coltan di Grey.
Quei dittatori se non li abbiamo messi la' noi , ci servono e li usiamo .
Beh potevano far le cose con un po' di criterio se non altro per non provocare reazioni quali il terrorismo islamico o cose simili .
E' l'era del predominio dell'occidente ma proprio per questo le responsabilita' da parte nostra ci sono .
Quei popoli come dici tu non pretendevano poi molto .
Invece niente di niente per loro .
A noi proprio no... ai nostri governi (almeno in facciata) neanche, caso mai alle nostre fabbriche di armi, di "medicine" etc....

Togliamo il discorso armi che è proprio assurdo ed è solo collaterale (per continuare a controllare) ma sul discorso medicinali sarebbe interessante fare un'altro discorso.
Quando diamo soldi alle varie maratone televisive e iniziative, (posto che arriva si e no solo il 30% scarso, il resto serve per pagare l'organizzazione) con quei soldi finanziamo anche le sperimentazioni selvagge.
Quando qualcuno ha in famiglia qualcuno malato con una malattia grave, rara etc... non pensa che per trovare "una cura" bisogna usare cavie umane non consapevoli.
Ecco che non è solo la Chiesa che ha i propri scopi nell'impedire il controllo delle nascite, anche le case farmaceutiche godono nell'avere un "parco" di sperimentazione infinito.

Lo so che sono cose crude... ma è realtà.
Se fossimo malati e ci dicessero, possiamo curarti ma dobbiamo testare il farmaco che ti daremo su 100 villaggi africani di 500 persone (esempio a caso eh), saremo capaci di dire: "no grazie"?
Certo è vero che normalmente non si sanno queste cose perchè tutti abbiamo internet, tutti siamo informatissimi, ma non riusciamo nella nostra coscienza a collegare le cose e aspettiamo che le cose miracolosamente accadano.
Uno non è connesso  
Vecchio 10-11-2008, 13.04.57   #16
Grey Owl
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Grey Owl
 
Data registrazione: 24-01-2006
Messaggi: 2,100
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Uno Visualizza messaggio
Lo so che sono cose crude... ma è realtà.
Basta informarsi presso i siti dell'unicef, della rivista dei missionari d'africa, sito dell'europarlamento... insomma non serve fare molta fatica per scoprire che il traffico di esseri umani colpisce tutti i paesi africani. Esseri umani che non devono essere per forza vivi, anzi... gli organi sono la cosa importante mica l'essere che li ha.
Se si riesce a portare vivi questi poveretti (molti sono bambini) dove serve operare e' meglio, perche' il trasporto di organi ha un costo.

Non faccio nomi ma abbiamo risarcito un paese nord africano che e' famoso per il suo colonnello che doveva essere abbattuto con un razzo u.s.a. mentre volava sui cieli di ustica...eccc

Bene, non e' una novita' che traffica droga e organi umani e tante altre schifezze, eppure e' nostro "amico" e faremo molti affari in futuro.
Grey Owl non è connesso  
Vecchio 10-11-2008, 13.34.59   #17
Faltea
Partecipa agli eventi
 
Data registrazione: 18-03-2007
Messaggi: 1,164
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Uno Visualizza messaggio
Si la terra avrebbe risorse per tutti, anche se più di 6 miliardi, voluti da pressioni di vario tipo, iniziano ad essere tantini. Il problema è che tipo di risorse, di certo non quelle per la normale vita occidentale a cui siamo abituati. Prova a dare un automobile, 3kw minimo di energia elettrica, riscaldamento o aria condizionata, frigoriferi, tv etc.... a tutto il pianeta e dimmi se la Terra ha risorse per tutti.
Lo so che il mio discorso può essere frainteso, può sembrare che io voglia che le cose rimangano così.... non lo voglio no, ma in una visione più ampia bisognerebbe vedere alcune cose. Dovremmo considerare che per portare tutti sullo stesso livello dovremmo rinunciare non ai lussi ma proprio a tutto.
Pensateci un secondo, prima di dire pieni di entusiasmo che lo fareste, poi discutiamo sul fatto che forse una progressione nella storia dei singoli paesi c'è ed ha un senso... quello che ha creato il patatrac è che si è spinta una globalizzazione selvaggia il cui unico scopo era ed è arricchire i soliti noti.
L'indigeno africano (per fare un esempio) stava benissimo con i suoi ritmi naturali, magari fra 300 anni sarebbe arrivato come siamo noi oggi, ma ci sarebbe arrivato in modo naturale... e allo stesso tempo avrebbe iniziato a controllare le nascite come accade qui da noi. Stesso discorso per molti paesi asiatici etc....
Insomma il discorso è ampio, ma non si parla solo di rinunciare alla villa con la piscina (cioè quello che ora non abbiamo) si parlerebbe di rinunciare a quello che abbiamo.

L'umano comunque non è pronto per avere più tempo libero, lo userebbe per viziarsi... ne possiamo parlare a lungo, poi dovremmo discutere su cosa intendiamo per dignitoso, nell'occidente barboni a parte tutti hanno una vita dignitosa, ma anche in Africa o in Asia se non ragioniamo secondo i nostri parametri moltissimi hanno una vita dignitosa, il problema, e torniamo li, è che non siamo in grado di portare tutto il pianeta al livello in cui viviamo noi, prima di fare discorsi (non mi riferisco a te Astral) buonistici dovremmo pensare a cosa siamo disposti a rinunciare, se ne vale la pena e se cambierebbe qualcosa. Mi fermo ma sono sicuro che non passerà molto di quello che intendo.
Condivido pienamente.

Sto provando a buttar giu due righe del mio pensiero... ma è assai complicato in quanto non so quanto verrà realmente capito.. boh riprovo...

Provo con degli esempi:
ho il vicino di casa particolarmente sfortunato, sempre pieno di rogne, fatica ad arrivare alla fine del mese, spesso malato, i figli vanno male a scuola, sono maleducati e si cacciano spesso nei guai, ha la macchina tutta rotta, la moglie sciatta a carico ed invalida ma senza poter avere diritto all'assegno..
Quando lo vediamo passare lo salutiamo con garbo, ci fermiamo a parlare con la moglie ed ascoltiamo i suoi sfoghi....
Poi arriviamo a casa e raccontiamo tutto al marito/moglie/amico/genitore, ma dentro di noi mentre raccontiamo siamo felici di non essere al suo posto e la nostra vita ci sembra migliore.
Una piccola parte di noi, che ci piaccia o meno, si sente realizzata proprio per la situazione familiare e sociale disagiata del nostro vicino. Abbiamo bisogno di paragonarci a chi è più "in alto" di noi per avere degli obbiettivi concreti da realizzare, e paragonarci a chi è più sfortunato per sentirci realizzati ed appagati... "migliori".

Ricordo un pezzo di Matrix, quando Smith dice a Morpheus che avevano progettato una Matrix perfetta dove tutti erano felici e non c'erano problemi e diceva che erano andati persi interi raccolti, così hanno creato l'attuale Matrix piena di sofferenza e guerre e tutto funzionava alla meglio.

Basta ipocrisie...
L'essere umano è perfettamente imperfetto e cattivo, non scappiamo dalla nostra indole solo perché abbiamo la zucca... pochi la sanno usare e di fronte ai soldi ritengo che quasi tutti siano corruttibili... purtroppo.
E i quasi sono pochi pochi...

Tornando ad Obama... il mio pensiero è il solito:
bla, bla, bla... spero solo che chi è "sopra" abbia interesse per un motivo o per l'altro almeno a stabilizzare l'economia mondiale...
Faltea non è connesso  
Vecchio 10-11-2008, 15.28.03   #18
Astral
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Astral
 
Data registrazione: 01-08-2006
Residenza: Roma
Messaggi: 3,424
Predefinito

Ma chi te l'ha detto che per essere felici bisogna paragonarsi a chi sta peggio o meglio di noi?
Quello è un problema della gente che non sa godersi la felicità, forse sarai cosi cattiva tu, io non godo per chi sta peggio di me, ne tanto meno chi "apparentemente sta meglio di me.
Non si possono giudicare soltanto i criteri economici o di salute, per dire se uno sta meglio o peggio.

Quanto riguarda la sperimentazione sulle cavie umane, sono cose che accadevano anche durante il periodo di Hitler, in quel caso però la chiesa ha taciuto lo stesso.
Non tutti i fondi per la sperimentazioni di vaccini sono cosi, e se lo sono spesso le cavie umane sono dei volontari che sanno dei rischi che corrono. Ogni azione diversamente da questa è un abuso.

Purtroppo vedo che la filosofia un po' che sta girando ultimamente qui è che per avere qualcosa deve pagare sempre qualcuno, ma fortunatamente non è sempre cosi, e non c'è sempre dietrismo dietro le azioni umanitarie.
Astral non è connesso  
Vecchio 10-11-2008, 15.36.56   #19
jezebelius
Organizza eventi
 
L'avatar di jezebelius
 
Data registrazione: 27-02-2005
Messaggi: 1,865
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Faltea Visualizza messaggio
Tornando ad Obama... il mio pensiero è il solito:
bla, bla, bla... spero solo che chi è "sopra" abbia interesse per un motivo o per l'altro almeno a stabilizzare l'economia mondiale...
Dipende cosa si intende per "stabilizzare" l'economia mondiale, come dici.
Si potrebbe dire che si ha interesse a stabilizzare nella misura in cui questo potrà giovare a Tizio o Caio, non necessariamente posizionati nei posti bassi della scala.
Il fatto è che per arrivare ad un obiettivo, ormai prefissato da qualche anno - si fa per dire saranno molti di più secondo me se non addirittura qualche secolo - quale è quello, per esempio, di un controllo generalizzato, bisogna passare necessariamente per la creatività naturale dell'uomo; che sia finanza creativa o operazioni umanitarie creative poco importa. Il fine altro, quello che sta dietro non è visibile ai più anche se in evidenzia c'è l'aiuto per quella o quell'altra popolazione.

Ciò che è da considerare è che bisogna fare di tutto per raggiungere un punto.
Quale è sto punto?
Passando per il mantenimento di equilibri mondiali - ed a volte anche locali se necessario, se questi possono contribuire a minare una sorta di stabilità, causando ripercussioni sul resto quasi a catena - attraverso mezzi anche poco ortodossi come le guerre o rivoluzioni, si può immaginare, pure superficialmente quanti interessi in gioco ci sono. Interessi che sono il mezzo per altro, più esteso, in mano ai soliti noti.
Ora si può discutere su quale potrebbe essere uno scenario ipotetico per quel o l'altro paese in caso questo sia parte integrante di una guerra o di votazioni " democratiche" - e quindi ipoteticamente di un piano di riequilibrio mondiale, poiché questo deve essere mantenuto a vantaggio di qualcuno ma a scapito di qualche altro - che contribuiscono ad artefare una realtà che altrimenti potrebbe essere capita.

Ora non dico che, ad esempio, le operazioni di voto possono subire - e potrebbero, almeno in quei paesi dove per esempio il sistema è regolato da apparecchi elettronici o da sistemi dittatorioali o attraversante un periodo post bellico di ricostruzione - come dire, una qualche pressione all'atto del voto ma semplicemente l'atto del votare è conseguenziale ad altro, venuto precedentemente a contatto con determinati tipi di pressione, psicologica, sociale o quanto altro, non genera che un risultato prevedibile.
Ed i numerosi esperti di questi settori, ancorché a volte inconsapevoli loro stessi, non fanno che escogitare ulteriori sistemi per mezzo dei quali si dovrà raggiungere un fine determinato.

Detto così può sembrare fantascienza, mi rendo conto, ma il semplice fermarsi un attimo a pensare quante cose durante la giornata facciamo in maniera automatica per svariati motivi, potrebbe darci approssimativamente l'idea che ciò che mettiamo in campo spesso subisce un'azione esterna - non necessariamente intensa o generata da tensioni -e può tranquillamente condizionare la nostra vita.

Detto questo, tornando ad Obama è ipotesi che egli sia, o possa essere, un qualche ulteriore referente di poteri più forti, anche occultati agli occhi dei più come è ipotesi che egli non lo sia ma nei flussi mondiali del potere c'è, secondo me, da tenere presente entrambe le cose assieme alle conseguenze che si possono generare dall'una o dall'altra circostanza.
__________________
Dr. Marc Haven
“Non deve essere l’alba di luce che deve iniziare ad avvisare la tua anima di tali doveri giornalieri e dell’ora in cui gli incensi devono bruciare sui fornelli; è la tua voce, solo lei che deve chiamare l’alba di luce e farla brillare sulla tua opera, alfine che tu possa dall’alto di questo Oriente, riversarla sulle nazioni addormentate nella loro inattività e sradicarle dalle tenebre in cui versano.”

Ultima modifica di jezebelius : 10-11-2008 alle ore 16.07.01. Motivo: correzione di " dittatoriali "
jezebelius non è connesso  
Vecchio 10-11-2008, 15.58.04   #20
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,247
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Astral Visualizza messaggio
Ma chi te l'ha detto che per essere felici bisogna paragonarsi a chi sta peggio o meglio di noi?
Quello è un problema della gente che non sa godersi la felicità, forse sarai cosi cattiva tu, io non godo per chi sta peggio di me, ne tanto meno chi "apparentemente sta meglio di me.
Non si possono giudicare soltanto i criteri economici o di salute, per dire se uno sta meglio o peggio.

Quanto riguarda la sperimentazione sulle cavie umane, sono cose che accadevano anche durante il periodo di Hitler, in quel caso però la chiesa ha taciuto lo stesso.
Non tutti i fondi per la sperimentazioni di vaccini sono cosi, e se lo sono spesso le cavie umane sono dei volontari che sanno dei rischi che corrono. Ogni azione diversamente da questa è un abuso.

Purtroppo vedo che la filosofia un po' che sta girando ultimamente qui è che per avere qualcosa deve pagare sempre qualcuno, ma fortunatamente non è sempre cosi, e non c'è sempre dietrismo dietro le azioni umanitarie.
Astral penso che se rileggi con calma il post di Faltea non le dai della cattiva
Non ha parlato di felicità in senso assoluto, ha detto che ci sentiamo felici di non essere al posto del vicino sfortunato... ed è vero, altrimenti saremo tutti Francescani cosa che non è.

Vediamo se si può chiarire un'altra cosa:
Puoi farmi un esempio di qualcosa che si ottiene senza pagare, lavorare etc....?

Uno non è connesso  
Vecchio 10-11-2008, 16.31.22   #21
nikelise
Organizza eventi
 
L'avatar di nikelise
 
Data registrazione: 29-09-2007
Messaggi: 2,329
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Faltea Visualizza messaggio
Condivido pienamente.

Sto provando a buttar giu due righe del mio pensiero... ma è assai complicato in quanto non so quanto verrà realmente capito.. boh riprovo...

Provo con degli esempi:
ho il vicino di casa particolarmente sfortunato, sempre pieno di rogne, fatica ad arrivare alla fine del mese, spesso malato, i figli vanno male a scuola, sono maleducati e si cacciano spesso nei guai, ha la macchina tutta rotta, la moglie sciatta a carico ed invalida ma senza poter avere diritto all'assegno..
Quando lo vediamo passare lo salutiamo con garbo, ci fermiamo a parlare con la moglie ed ascoltiamo i suoi sfoghi....
Poi arriviamo a casa e raccontiamo tutto al marito/moglie/amico/genitore, ma dentro di noi mentre raccontiamo siamo felici di non essere al suo posto e la nostra vita ci sembra migliore.
Una piccola parte di noi, che ci piaccia o meno, si sente realizzata proprio per la situazione familiare e sociale disagiata del nostro vicino. Abbiamo bisogno di paragonarci a chi è più "in alto" di noi per avere degli obbiettivi concreti da realizzare, e paragonarci a chi è più sfortunato per sentirci realizzati ed appagati... "migliori".

Ricordo un pezzo di Matrix, quando Smith dice a Morpheus che avevano progettato una Matrix perfetta dove tutti erano felici e non c'erano problemi e diceva che erano andati persi interi raccolti, così hanno creato l'attuale Matrix piena di sofferenza e guerre e tutto funzionava alla meglio.

Basta ipocrisie...
L'essere umano è perfettamente imperfetto e cattivo, non scappiamo dalla nostra indole solo perché abbiamo la zucca... pochi la sanno usare e di fronte ai soldi ritengo che quasi tutti siano corruttibili... purtroppo.
E i quasi sono pochi pochi...

Tornando ad Obama... il mio pensiero è il solito:
bla, bla, bla... spero solo che chi è "sopra" abbia interesse per un motivo o per l'altro almeno a stabilizzare l'economia mondiale...

Ecco l'altro post relativo agli scenari apocalittici mi ha fatto pensare che forse oggi l'America ha bisogno ed e' quindi costretta a spiazzare tutto il mondo che la vuole '' finita '' , pronto a sbranarla , con una nuova fonte di energia a bassissimo costo .

Questo gioverebbe a tutti , anche a chi in questa era e' costretto a soccombere .
Chissa' , ma continuo a pensare che con un po' di lungimiranza potrebbero fare le stesse cose ma con un maggiore beneficio per tutti .
In fondo a volte noi stessi riusciamo talvolta ad elevarci dai bassi istinti che hai ben descritto .....per cui se il piccolo e' come il grande .....

E poi i perdenti di turno per essere cavie umane attendibili devono almeno essere decentemente in salute o no?

Ultima modifica di Uno : 10-11-2008 alle ore 16.38.14. Motivo: correzione quote
nikelise non è connesso  
Vecchio 10-11-2008, 18.08.35   #22
Astral
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Astral
 
Data registrazione: 01-08-2006
Residenza: Roma
Messaggi: 3,424
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Uno Visualizza messaggio
Astral penso che se rileggi con calma il post di Faltea non le dai della cattiva
Non ha parlato di felicità in senso assoluto, ha detto che ci sentiamo felici di non essere al posto del vicino sfortunato... ed è vero, altrimenti saremo tutti Francescani cosa che non è.

Vediamo se si può chiarire un'altra cosa:
Puoi farmi un esempio di qualcosa che si ottiene senza pagare, lavorare etc....?

Ogni cosa donata non la paghi, la vita stessa ti è data senza che l'hai chiesto, si potrebbero fare molti esempi, ma poi sono sicuro che si troverebbe comunque il modo di eludere il concetto.

In teoria è la razionalità ed il sistema che è basato su questo: conosco gente che lavora non viene pagata,e gente che non lavora e non ha bisogno di esserlo.

Tornando alla sperimentazione, non significa che il prezzo della vita di alcuni deve necessariamente coincidere con la morte di altri. Questo prezzo non dico che non esista (esiste e come) ma è il prezzo di chi ottiene le cose a tutti i costi.
E' come per l'amore c'è chi lo dona naturalmente e lo trova, chi lo compra a prostitute, perchè vuole avere quella cosa a tutti i costi.

Noi purtroppo siamo abituati a pensare che se ci capita qualcosa di bello chissà cosa abbiamo fatto o avremmo dovuto fare o faremò per compensare questo dono.

Poi ovviamente se parliamo di economia e relazioni, il dare e avere sono normali, ma è una questione di scambio.

Astral non è connesso  
Vecchio 10-11-2008, 21.27.39   #23
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,247
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Astral Visualizza messaggio
Ogni cosa donata non la paghi, la vita stessa ti è data senza che l'hai chiesto, si potrebbero fare molti esempi, ma poi sono sicuro che si troverebbe comunque il modo di eludere il concetto.

In teoria è la razionalità ed il sistema che è basato su questo: conosco gente che lavora non viene pagata,e gente che non lavora e non ha bisogno di esserlo.

Tornando alla sperimentazione, non significa che il prezzo della vita di alcuni deve necessariamente coincidere con la morte di altri. Questo prezzo non dico che non esista (esiste e come) ma è il prezzo di chi ottiene le cose a tutti i costi.
E' come per l'amore c'è chi lo dona naturalmente e lo trova, chi lo compra a prostitute, perchè vuole avere quella cosa a tutti i costi.

Noi purtroppo siamo abituati a pensare che se ci capita qualcosa di bello chissà cosa abbiamo fatto o avremmo dovuto fare o faremò per compensare questo dono.

Poi ovviamente se parliamo di economia e relazioni, il dare e avere sono normali, ma è una questione di scambio.

Io non ci trovo nulla di strano nel pensare che se uno/a mi dona un sorriso posso ricambiarlo con un sorriso e non trovo neanche strano pensare che se uno mi fa un sorriso e io lo guardo male la prossima volta si gira altrove... chiama la cosa come vuoi ma quel primo sorriso va pagato se ci piace. Poi può essere che tu trovi uno che continuerà a sorridere anche se lo guardi male, ma è un caso raro... e non è neanche bontà o amore incondizionato
Ma questo è un esempio piuttosto stupido, non sempre le cose si pagano direttamente, ma in qualche modo si pagano.



Sul discorso sperimentazione, se non è un essere umano è un animale, non è detto che muoia ma bene non gli facciamo, ora non voglio fare il moralista è la legge della giungla, il più forte vince, ma trovo ipocriti certi discorsi (non i tuoi con cui stiamo cercando di discutere), non esiste o comunque non ci si può sempre aspettare la manna dal cielo, non si creano da soli ricchezza e benessere, la stessa redistribuzione dei medesimi è utopia sopra un certo livello, non puoi dare in mano un astronave ad un indigeno del borneo... non saprà cosa farsene.
Lo so che questo che dico non è facilmente comprensibile, ma chiedo solo di rifletterci un secondo, poi esce il senso.

Uno non è connesso  
Vecchio 10-11-2008, 22.29.59   #24
Astral
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Astral
 
Data registrazione: 01-08-2006
Residenza: Roma
Messaggi: 3,424
Predefinito

Se qualcuno mi regala qualcosa, non è detto che lo fa per ricevere in cambio.
In ogni caso parliamo di prezzi proporzionati.

Sono le utopie a mandare avanti il mondo,chissà qualche secolo fa forse era un utopia, poter comunicare in modo veloce e simultaneo come avviene oggi.

In ogni caso io non sono per l'indigeno che deve avere il tv color, però se permetti tra l'indigeno che muore di fame e stenti e quello che vive in un villaggio di paglia, corre una gran bella differenza, ed è nostro dovere ( non ci è stato dato di piu per caso) portare alla gente meno evoluta quello che è necessario per farli crescere, proprio come a noi è necessario ricevere da chi sta al di sopra di noi.

Io non credo che la ricchezza totale sia sempre 100 e che se tutti abbiamo 1, saremmo tutti uguali nella povertà ( che poi è il principio del comunismo).

In ogni caso potremmo essere tutti ricchi o benestanti però secondo le nostre evoluzioni: per me in Italia potrebbe semplicemente significare di possedere un appartamento, per uno in Svezia una villa, per uno in Zambia una Capanna, purchè tutti abbiamo una casa.
E' questo il mio discorso.

In ogni caso se da una parte condivido il discorso che hai fatto per certi versi sul fatto che alcune civiltà è giusto che rimangono nel loro contesto naturale, dall'altra mi sembra un po' un discorso di comodo per alcuni ( non mi riferisco a te) il fatto di non dar modo ad altre civiltà di evolversi, tenendole schiave, perchè poi non ci saranno risorse per tutti.
Una cosa che apprezzo per esempio della chiesa, sono le missioni umanitarie di alfabetizzazione, dove a ragazzi poverissimi viene permesso di studiare e lavorare, eppure questo a mio avviso non va a discapito di nessuno ( non c''è il prezzo da pagare, apparte quello dei volontari) e questo produce ricchezza sia a livello economica, che a livello di civiltà umana.
Astral non è connesso  
Vecchio 11-11-2008, 09.43.02   #25
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,247
Predefinito

Astral rispetto il tuo pensare e non insisto, ma le cose non stanno così

Citazione:
Se qualcuno mi regala qualcosa, non è detto che lo fa per ricevere in cambio.

Sono le utopie a mandare avanti il mondo

Io non credo che la ricchezza totale sia sempre 100
Uno non è connesso  
 


Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire nuovi messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare files
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice vB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Vai al forum


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 03.54.53.




Powered by vBulletin Copyright ©2000 - 2021, Jelsoft Enterprises Ltd.
Questo sito non è, nè può ritenersi assimilabile ad una testata giornalistica, viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale. Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina della l. n. 62 del 2001. Il materiale pubblicato è sotto la responsabilità dei rispettivi autori, tutti i diritti sono di Ermopoli.it che incoraggia la diffusione dei contenuti, purchè siano rispettati i seguenti principi: sia citata la fonte, non sia alterato il contenuto e non siano usati a scopo di lucro. P.iva 02268700271