Ermopoli
L'antica città della conoscenza
  
    
Torna indietro   Ermopoli > Forum > Giardino Filosofico > Filosofia

 
 
Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Vecchio 26-08-2011, 00.19.43   #126
webetina
Partecipa agli eventi
 
Data registrazione: 18-07-2009
Messaggi: 1,452
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Sole Visualizza messaggio
Ogni attimo può essere per noi anche se dobbiamo dare attenzione ad altri.
Scusa ma non credo sia così, saremmo dei generatori perenni di energia senza il bisogno di ricaricarsi. Sono buone parole che sentivo dire fin da adolescente ma poi non sempre l'esperienza è questa pur mettendoci cuore e impegno.
webetina non è connesso  
Vecchio 26-08-2011, 00.22.28   #127
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,214
Predefinito

Non cito nessuno perchè la discussione è andata molto avanti e non avrebbe senso. Dico solo che forse andrebbe spostata in esoterismo, se si vuole esplorare un minimo alcuni aspetti che sono emersi.

In ogni caso, tornando alla natura e agli istinti, vi siete mai chiesti alla natura a cosa serve l'umanità? Perchè vuole la nostra riproduzione? Parlo dell'umanità, non del singolo uomo... così come uno qualsiasi di noi tiene alle sue cellule, non gliene può fregare di meno di quella singola cellula convinta di chiamarsi Mario e di poter diventare chissà che, magari un intero organo.

Gli serve allo stesso modo in cui gli servono le zanzare... l'umanità fa parte di un insieme più grande, appunto la natura, e nutre e viene nutrita, a vari livelli (e qui rischiamo di ricascare in arogmenti esoterici, ma possiamo anche evitarlo) altre parti e da altre parti di essa.
Come la cosa delle cellule... il nostro fegato è composto da svariate cellule, che continuamente nascono e muoiono. Noi siamo interessati alla sana continuazione di questo processo e abbiamo, a questo scopo, dei meccanismi che lo preservano. Eliminiamo le cellule di troppo, ne produciamo di altre, scartiamo quelle troppo piccole e quelle che crescono troppo e cose di questo genere.
Se ci poniamo dal punto di vista delle cellule, quei meccanismi che preservano il nostro fegato, potrebbero essere vissuti, ad esempio, come istinti alla riproduzione. Come morte inevitabile delle singole entità, come leggi che regolano il mantenimento della specie.
Ammettiamo adesso che, potenzialmente, ognuna di queste cellule, come per altro sotto certi aspetti è, possa a sua volta diventare fegato, o addirittura umano o semplicemete un'altra cellula di qualcos'altro che magari non mi danneggia di per se. Beh, sicuramente avrei bisogno, io fegato, di quelche meccanismo che mi difenda da ciò. Non tanto perchè rischio il danneggiamento, ho altri meccanismi che mi preservano, ma quanto perchè quelle cellule mi servono. Mi servono per scopi più complessi... il fegato produce altre cose che servono ad altri organi che fanno funzionare un sistema più complesso e così via.
Posso tollerare che qualche singola cellula sfugga in qualche maniera al meccanismo generale, posso tollerare che le difese non siano perfette, che ci sia qualche buco nella rete, ma non posso tollerare che questo avvenga per un numero significativo di esse. Lo chiamerei cancro.
Potrei tollerarlo solo se tutto il sistema fosse pronto a cambiare in qualcos'altro, ma questo prevede cambiamenti che alla singola cellula che pur si evolve sfuggono del tutto (per quanto illuminati c'è sempre qualcosa di più luminoso... di gran lunga più luminoso).

Forse adesso il discorso della mia evoluzione che influenza gli altri in modo poco significativo torna un po' di più... forse torna un po' di più anche a Diam, anche se c'è da approfondire la cosa del risveglio parziale e del risveglio in genere che, dalle sue parole, vedo un concetto un po' confuso.
Ray non è connesso  
Vecchio 26-08-2011, 00.52.30   #128
webetina
Partecipa agli eventi
 
Data registrazione: 18-07-2009
Messaggi: 1,452
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Ray Visualizza messaggio
In ogni caso, tornando alla natura e agli istinti, vi siete mai chiesti alla natura a cosa serve l'umanità? Perchè vuole la nostra riproduzione? Parlo dell'umanità, non del singolo uomo... così come uno qualsiasi di noi tiene alle sue cellule, non gliene può fregare di meno di quella singola cellula convinta di chiamarsi Mario e di poter diventare chissà che, magari un intero organo.

Gli serve allo stesso modo in cui gli servono le zanzare...

Così sembrerebbe che quasi tu sia indignato di volerci ognuno di noi considerare qualcosa di più di una cellula del corpo. E alla fine parli di essere luminoso. Ma io non la penso così per me l'umanità è fatta dal singolo. Potrei dire quindi che mi frega poco degli altri che si levano mentre io perisco. Scusa ma non trovo molto di spirituale io quelle frasi, è scritto male secondo me. Ramesh parla anche lui così ma non per paragonarci alle zanzare.
webetina non è connesso  
Vecchio 26-08-2011, 00.55.21   #129
diamantea
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di diamantea
 
Data registrazione: 29-03-2010
Messaggi: 3,108
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Ray Visualizza messaggio
Forse adesso il discorso della mia evoluzione che influenza gli altri in modo poco significativo torna un po' di più... forse torna un po' di più anche a Diam, anche se c'è da approfondire la cosa del risveglio parziale e del risveglio in genere che, dalle sue parole, vedo un concetto un po' confuso.
Si c'è da approfondire Ray, tu non hai parlato di evoluzione ma di risveglio. Da quello che hai scritto non mi chiarisci nulla di quanto ti ho chiesto nello specifico di una tua affermazione, malgrado il discorso fila, lo conosco già, ma non vedo come lo si possa associare alla tolleranza di un risveglio parziale in chi ha già figliato.
Se vuoi apri dove ritieni più opportuno, non lo faccio io visto che ho il concetto un pò confuso, e vorrei chiarimelo se è possibile, andando dritti alla questione.
__________________
"Due è meglio di una, la felicità si raddoppia!"
diamantea non è connesso  
Vecchio 26-08-2011, 01.06.21   #130
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,214
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da webetina Visualizza messaggio
Così sembrerebbe che quasi tu sia indignato di volerci ognuno di noi considerare qualcosa di più di una cellula del corpo. E alla fine parli di essere luminoso. Ma io non la penso così per me l'umanità è fatta dal singolo. Potrei dire quindi che mi frega poco degli altri che si levano mentre io perisco. Scusa ma non trovo molto di spirituale io quelle frasi, è scritto male secondo me. Ramesh parla anche lui così ma non per paragonarci alle zanzare.
Ti sbagli non sono per nulla indignato, figuriamoci poi per quello che chiunque ha piacere di considerarsi. Anzi, ti assicuro che ho scritto quello che ho scritto in modo del tutto neutro e la cosa delle zanzare e delle cellule era un esempio che ho elaborato per mostrare quella che può essere una variazione di scala nel punto di vista... per rispondere alla domanda che ho fatto, come può vederci la natura.
Se il discorso in qualche modo ti turba è il discorso a farlo, non io
Ray non è connesso  
Vecchio 26-08-2011, 01.13.27   #131
Sole
Conosce ogni vicolo
 
Data registrazione: 31-08-2005
Messaggi: 5,572
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da webetina Visualizza messaggio
Scusa ma non credo sia così, saremmo dei generatori perenni di energia senza il bisogno di ricaricarsi. Sono buone parole che sentivo dire fin da adolescente ma poi non sempre l'esperienza è questa pur mettendoci cuore e impegno.

Non ho detto che non ci debbano essere momenti di isolamento, ma che ogni momento è un ottimo momento di crescita per cui a nessuno è negato. Il Vivere stesso è anche un momento di ricarica.
__________________
Se non sarò me stesso chi lo sarà per me? E se non ora, quando?
Sole non è connesso  
Vecchio 26-08-2011, 09.09.23   #132
Astral
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Astral
 
Data registrazione: 01-08-2006
Residenza: Roma
Messaggi: 3,424
Predefinito

Qui si parla di Natura, che secondo me non è Dio, ma è la veste di Dio, o meglio il sistema che c'è in questo pianeta o universo.
Secondo me dipende da come si vive, ci sono per esempio persone che avrebbero anche tutta la giornata libera, ma sono comunque prese da altre cose, e non hanno mai tempo per se stesse, altre che durante gli impegni possono sempre trovare degli spazi ed in più è l'esperienza stessa vissuta nel quotidiano ed insieme agli altri a fare la differenza.
Uno può risvegliarsi anche anche facendo l'imprenditore che lavora tutto il giorno o la casalinga che deve spicciare casa, ma lo fa in un certo modo.
Astral non è connesso  
Vecchio 26-08-2011, 09.37.05   #133
Sole
Conosce ogni vicolo
 
Data registrazione: 31-08-2005
Messaggi: 5,572
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Astral Visualizza messaggio
Uno può risvegliarsi anche anche facendo l'imprenditore che lavora tutto il giorno o la casalinga che deve spicciare casa, ma lo fa in un certo modo.
Già, basterebbe cambiare l'atteggiamento mentale.
__________________
Se non sarò me stesso chi lo sarà per me? E se non ora, quando?
Sole non è connesso  
Vecchio 26-08-2011, 12.57.04   #134
Faltea
Partecipa agli eventi
 
Data registrazione: 18-03-2007
Messaggi: 1,164
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Ray Visualizza messaggio
.....l'umanità fa parte di un insieme più grande, appunto la natura, e nutre e viene nutrita, a vari livelli (e qui rischiamo di ricascare in arogmenti esoterici, ma possiamo anche evitarlo) altre parti e da altre parti di essa.
....Posso tollerare che qualche singola cellula sfugga in qualche maniera al meccanismo generale, posso tollerare che le difese non siano perfette, che ci sia qualche buco nella rete, ma non posso tollerare che questo avvenga per un numero significativo di esse. Lo chiamerei cancro.
Potrei tollerarlo solo se tutto il sistema fosse pronto a cambiare in qualcos'altro, ma questo prevede cambiamenti che alla singola cellula che pur si evolve sfuggono del tutto (per quanto illuminati c'è sempre qualcosa di più luminoso... di gran lunga più luminoso).
Quotarlo tutto era impossibile

Trovo sconcertante ma perfettamente calzante questo tuo esempio, molto chiarificatore.


Brrr... siamo cellule cancerogene
__________________
Non ho bisogno di chi la pensa come me, ma di crescere aprendo la mente a diversi modi di vedere e di pensare.
Faltea non è connesso  
Vecchio 26-08-2011, 13.10.53   #135
griselda
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di griselda
 
Data registrazione: 07-01-2006
Messaggi: 7,869
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Ray Visualizza messaggio
Non cito nessuno perchè la discussione è andata molto avanti e non avrebbe senso. Dico solo che forse andrebbe spostata in esoterismo, se si vuole esplorare un minimo alcuni aspetti che sono emersi.

In ogni caso, tornando alla natura e agli istinti, vi siete mai chiesti alla natura a cosa serve l'umanità? Perchè vuole la nostra riproduzione? Parlo dell'umanità, non del singolo uomo... così come uno qualsiasi di noi tiene alle sue cellule, non gliene può fregare di meno di quella singola cellula convinta di chiamarsi Mario e di poter diventare chissà che, magari un intero organo.

Gli serve allo stesso modo in cui gli servono le zanzare... l'umanità fa parte di un insieme più grande, appunto la natura, e nutre e viene nutrita, a vari livelli (e qui rischiamo di ricascare in arogmenti esoterici, ma possiamo anche evitarlo) altre parti e da altre parti di essa.
Come la cosa delle cellule... il nostro fegato è composto da svariate cellule, che continuamente nascono e muoiono. Noi siamo interessati alla sana continuazione di questo processo e abbiamo, a questo scopo, dei meccanismi che lo preservano. Eliminiamo le cellule di troppo, ne produciamo di altre, scartiamo quelle troppo piccole e quelle che crescono troppo e cose di questo genere.
Se ci poniamo dal punto di vista delle cellule, quei meccanismi che preservano il nostro fegato, potrebbero essere vissuti, ad esempio, come istinti alla riproduzione. Come morte inevitabile delle singole entità, come leggi che regolano il mantenimento della specie.
Ammettiamo adesso che, potenzialmente, ognuna di queste cellule, come per altro sotto certi aspetti è, possa a sua volta diventare fegato, o addirittura umano o semplicemete un'altra cellula di qualcos'altro che magari non mi danneggia di per se. Beh, sicuramente avrei bisogno, io fegato, di quelche meccanismo che mi difenda da ciò. Non tanto perchè rischio il danneggiamento, ho altri meccanismi che mi preservano, ma quanto perchè quelle cellule mi servono. Mi servono per scopi più complessi... il fegato produce altre cose che servono ad altri organi che fanno funzionare un sistema più complesso e così via.
Posso tollerare che qualche singola cellula sfugga in qualche maniera al meccanismo generale, posso tollerare che le difese non siano perfette, che ci sia qualche buco nella rete, ma non posso tollerare che questo avvenga per un numero significativo di esse. Lo chiamerei cancro.
Potrei tollerarlo solo se tutto il sistema fosse pronto a cambiare in qualcos'altro, ma questo prevede cambiamenti che alla singola cellula che pur si evolve sfuggono del tutto (per quanto illuminati c'è sempre qualcosa di più luminoso... di gran lunga più luminoso).

Forse adesso il discorso della mia evoluzione che influenza gli altri in modo poco significativo torna un po' di più... forse torna un po' di più anche a Diam, anche se c'è da approfondire la cosa del risveglio parziale e del risveglio in genere che, dalle sue parole, vedo un concetto un po' confuso.
Caspita mi viene un'immagine di un uomo gigantesco noi siamo le sue cellule c'è quella del fegato del cuore del pancreas della milza.....ogni volta che una cellula detesta un'altra cellula perchè diversa con qualità pregi diversi dall'altra tanto da farli apparire difetti noi creiamo problemi all'insieme a quel grande corpo.
Vedere Ray cellula del cuore e giudicarlo male perchè io sono cellula del fegato, o vedere tizio che ha funzione di globulo bianco e paragonarlo a caio che ha funzione di globulo rosso e per questo motivo diversi porta disturbo all'unità.
Se vedessimo noi come parte di un tutto meraviglioso nella sua diversità e nelle sue peculiarità, superando lo spavento di vederci soli e coocausanti i propri guai probabilmente sentire questo dentro di noi sarebbe meraviglioso e ci sarebbe sempre da sprone.
__________________
------------------------

ORDINE RITMO ARMONIA
griselda non è connesso  
Vecchio 26-08-2011, 13.13.51   #136
nikelise
Organizza eventi
 
L'avatar di nikelise
 
Data registrazione: 29-09-2007
Messaggi: 2,329
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Ray Visualizza messaggio
In ogni caso, tornando alla natura e agli istinti, vi siete mai chiesti alla natura a cosa serve l'umanità? Perchè vuole la nostra riproduzione? Parlo dell'umanità, non del singolo uomo... così come uno qualsiasi di noi tiene alle sue cellule, non gliene può fregare di meno di quella singola cellula convinta di chiamarsi Mario e di poter diventare chissà che, magari un intero organo.

Gli serve allo stesso modo in cui gli servono le zanzare... l'umanità fa parte di un insieme più grande, appunto la natura, e nutre e viene nutrita, a vari livelli (e qui rischiamo di ricascare in arogmenti esoterici, ma possiamo anche evitarlo) altre parti e da altre parti di essa.
Come la cosa delle cellule... il nostro fegato è composto da svariate cellule, che continuamente nascono e muoiono. Noi siamo interessati alla sana continuazione di questo processo e abbiamo, a questo scopo, dei meccanismi che lo preservano. Eliminiamo le cellule di troppo, ne produciamo di altre, scartiamo quelle troppo piccole e quelle che crescono troppo e cose di questo genere.
Se ci poniamo dal punto di vista delle cellule, quei meccanismi che preservano il nostro fegato, potrebbero essere vissuti, ad esempio, come istinti alla riproduzione. Come morte inevitabile delle singole entità, come leggi che regolano il mantenimento della specie.
Ammettiamo adesso che, potenzialmente, ognuna di queste cellule, come per altro sotto certi aspetti è, possa a sua volta diventare fegato, o addirittura umano o semplicemete un'altra cellula di qualcos'altro che magari non mi danneggia di per se. Beh, sicuramente avrei bisogno, io fegato, di quelche meccanismo che mi difenda da ciò. Non tanto perchè rischio il danneggiamento, ho altri meccanismi che mi preservano, ma quanto perchè quelle cellule mi servono. Mi servono per scopi più complessi... il fegato produce altre cose che servono ad altri organi che fanno funzionare un sistema più complesso e così via.
Posso tollerare che qualche singola cellula sfugga in qualche maniera al meccanismo generale, posso tollerare che le difese non siano perfette, che ci sia qualche buco nella rete, ma non posso tollerare che questo avvenga per un numero significativo di esse. Lo chiamerei cancro.
Potrei tollerarlo solo se tutto il sistema fosse pronto a cambiare in qualcos'altro, ma questo prevede cambiamenti che alla singola cellula che pur si evolve sfuggono del tutto (per quanto illuminati c'è sempre qualcosa di più luminoso... di gran lunga più luminoso).

.
E' quanto anche sostiene Gurdjeff .
Ma quello che non e' chiaro e' perche' non si parla di indifferenza della natura verso l'evoluzione spirituale ed invece si parla di opposizione di quella su questa .
Come se l'illuminato non fosse anch'esso soggetto alle leggi della natura , le migliori leggi che la natura mette a disposizione e non la nutrisse anch'esso.
La natura non da' tutto a tutti ma a chi chiede da' tutto quello che serve .Vogliamo parlare delle capacita' extrasensooriali e di tutto quanto non e' ordinario ma e' pure a disposizione dell'uomo ?

L'illUminato o il risvegliato con la sua influenza indiretta sulle cose e le persone non sarebbe allora un cancro ma un enzima o un aminoacido con riferimento alle loro funzioni di ''collegaemnto '' tra le varie sostanze di cui e' composto il corpo umano .
Non vedo e non capisco questa incompatibilita' tra chi si e' risvegliato e la natura , tutto e' natura , cambia solo la qualita' del sistema organico uomo pur migliore ma sempre uomo e' .

Sui figli e l'evoluzione solo una cosa : se , dico se , si fosse capaci di crescere con loro rispettandoli non ci sarebbe spinta migliore che il rapporto genitori figli .
E' vero che i figli sono doni in prestito ma molto di quello che facciamo incide sulla loro vita e sulla nostra .
Per cui dico , il rapporto genitori figli se affrontato nel giusto modo favorisce piu' che altri sistemi di lavoro l'evoluzione .

Ultima modifica di nikelise : 26-08-2011 alle ore 13.53.26.
nikelise non è connesso  
Vecchio 26-08-2011, 16.29.10   #137
Sole
Conosce ogni vicolo
 
Data registrazione: 31-08-2005
Messaggi: 5,572
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Faltea Visualizza messaggio

Brrr... siamo cellule cancerogene

Si si! Però siamo carini, tutti colorati diversi!
A parte gli scherzi, rendersi conto che siamo solo quello per la Natura che è la Madre e che ha la stessa radice etimologica di Materia... da una enorme spinta a dirigersi verso un'esistenza migliore.
Rendersi conto che non siamo proprio niente di così importante, piccoli esserini di passaggio in un mondo che ha milioni di anni.. e noi che non raggiungiamo nemmeno i 100 anni... appena un secondo per Tiamat (come la chiamavano i Sumeri)... cosa siamo se non il suo nutrimento... che finiremo nella terra a far da concime, tutto questo fa solo venir voglia di muovere il cu.....ore.
__________________
Se non sarò me stesso chi lo sarà per me? E se non ora, quando?
Sole non è connesso  
Vecchio 26-08-2011, 17.20.23   #138
Sole
Conosce ogni vicolo
 
Data registrazione: 31-08-2005
Messaggi: 5,572
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da nikelise Visualizza messaggio
E' quanto anche sostiene Gurdjeff .
Ma quello che non e' chiaro e' perche' non si parla di indifferenza della natura verso l'evoluzione spirituale ed invece si parla di opposizione di quella su questa .
Non so se ho capito bene la questione che ti poni. In sostanza non capisci o non hai trovato riscontro del fatto che la natura dovrebbe secondo te essere indifferente o forse con l'affermazione che la Natura se ne frega dell'uomo pensi che sia indifferente ad esso? Comunque abbozzo un pensiero: la Natura tende per natura.. alla ciclicità, alla continua rinascita ma per farlo deve trovare il suo nutrimento altrimenti muore. Così come noi non siamo indifferenti al cibo di qualsiasi levatura esso sia, anche la Materia ne ha bisogno continuo. Altrimenti il sistema esploderebbe.
Quote:

Come se l'illuminato non fosse anch'esso soggetto alle leggi della natura , le migliori leggi che la natura mette a disposizione e non la nutrisse anch'esso.
La natura non da' tutto a tutti ma a chi chiede da' tutto quello che serve .Vogliamo parlare delle capacita' extrasensooriali e di tutto quanto non e' ordinario ma e' pure a disposizione dell'uomo ?
Eh ma appunto, non è ordinario... lo rilevi tu stesso dicendo anche che sono a disposizione. Ma se fossero ordinariamente naturali li avremmo di defaul. Si dice infatti testualmente in molti trattati: che bosogna uscire dall'ordine naturale delle cose. Quell'uscire dall'ordine naturale delle cose crea un vero e proprio disordine nella calma e segnata vita umana.
Quote:


L'illUminato o il risvegliato con la sua influenza indiretta sulle cose e le persone non sarebbe allora un cancro ma un enzima o un aminoacido con riferimento alle loro funzioni di ''collegaemnto '' tra le varie sostanze di cui e' composto il corpo umano .
Non vedo e non capisco questa incompatibilita' tra chi si e' risvegliato e la natura , tutto e' natura , cambia solo la qualita' del sistema organico uomo pur migliore ma sempre uomo e' .

.


Si parla di andare contro Natura nel senso degli istinti, della meccanicità, di uscire dal numero elevato di leggi che governano l'uomo medio, per rimanere nella citazione di Gurdijeff, ma che non solo lui ha riportato parlando delle leggi che l'uomo subisce. Si parla di abbattere le catene di quelle leggi, di accellerare all'iverosimile certi processi, di creare veri squarci tra i veli che tutte quelle leggi pongono tra noi e una sempre più vera realtà. Tutto questo è potenziale e non ordinario.

Un risvegliato inizia a percepire realtà diverse dalla ordinaria naturale, che gli permette di accedere ad un "Mondo" che ha meno leggi sotto cui sottostare. I poteri extrasensoriali non sono altro che la connessione con una realtà che la Natura continuamente ci vela. Extra-sensoriali: oltre ciò che si percepisce, si ma ordinariamente.

Volevo chiarire però un punto. Un Uomo non subisce più i fortissimi influssi che la Natura emana, come fosse un magnete. Ma non subire non vuol dire che le leggi di questo mondo non si debbano rispettare. Ma se un bambino le rispetta sempre senza capire esattamente perchè e come, e solo perchè esistono e non sa fare altro, e non sa che c'è altro (the Truman Show è carino in questo senso) un Uomo evoluto sa come rispettare il luogo dove abita pur non subendolo, quindi equilibrando se stesso continuamente con la Natura di questa realtà, una scelta quotidiana. Un dare ed un ricevere. Mentre l'uomo comune non fa altro che subire e non sapere, un Uomo evoluto decide come quando e cosa dare alla Natura e questa è libertà, libertà che l'uomo comune non ha.

Continuerei ancora, si aprono talmente tante porte e discorsi, ma non so se ho centrato cosa intendevi dire.
__________________
Se non sarò me stesso chi lo sarà per me? E se non ora, quando?

Ultima modifica di Sole : 26-08-2011 alle ore 17.23.16.
Sole non è connesso  
Vecchio 26-08-2011, 17.21.20   #139
nikelise
Organizza eventi
 
L'avatar di nikelise
 
Data registrazione: 29-09-2007
Messaggi: 2,329
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Sole Visualizza messaggio
Si si! Però siamo carini, tutti colorati diversi!
A parte gli scherzi, rendersi conto che siamo solo quello per la Natura che è la Madre e che ha la stessa radice etimologica di Materia... da una enorme spinta a dirigersi verso un'esistenza migliore.
Rendersi conto che non siamo proprio niente di così importante, piccoli esserini di passaggio in un mondo che ha milioni di anni.. e noi che non raggiungiamo nemmeno i 100 anni... appena un secondo per Tiamat (come la chiamavano i Sumeri)... cosa siamo se non il suo nutrimento... che finiremo nella terra a far da concime, tutto questo fa solo venir voglia di muovere il cu.....ore.
Anche questo e' vero ma non completo noi siamo anche vicinissimi a Dio , a Brahman ecc, lo abbiamo in noi ( vedi il concetto di l'atman piu' volte richiamato ) , per Natura .
Per questo e' troppo semplicistico tranciare il discorso in un senso o nell'altro .
Questo piccolo uomo anche se non illuminato puo' raggiungere in certi momenti vette altissime .
Il Risvegiato ha ''solo '' , credo , in piu' la capacita' di rendere permanenti e coscienti questi livelli di conoscenza o consapevolezza .
nikelise non è connesso  
Vecchio 26-08-2011, 17.30.05   #140
nikelise
Organizza eventi
 
L'avatar di nikelise
 
Data registrazione: 29-09-2007
Messaggi: 2,329
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Sole Visualizza messaggio
Si parla di andare contro Natura nel senso degli istinti, della meccanicità, di uscire dal numero elevato di leggi che governano l'uomo medio, per rimanere nella citazione di Gurdijeff, ma che non solo lui ha riportato parlando delle leggi che l'uomo subisce. Si parla di abbattere le catene di quelle leggi, di accellerare all'iverosimile certi processi, di creare veri squarci tra i veli che tutte quelle leggi pongono tra noi e una sempre più vera realtà. Tutto questo è potenziale e non ordinario.

Un risvegliato inizia a percepire realtà diverse dalla ordinaria naturale, che gli permette di accedere ad un "Mondo" che ha meno leggi sotto cui sottostare. I poteri extrasensoriali non sono altro che la connessione con una realtà che la Natura continuamente ci vela. Extra-sensoriali: oltre ciò che si percepisce, si ma ordinariamente.

Volevo chiarire però un punto. Un Uomo non subisce più i fortissimi influssi che la Natura emana, come fosse un magnete. Ma non subire non vuol dire che le leggi di questo mondo non si debbano rispettare. Ma se un bambino le rispetta sempre senza capire esattamente perchè e come, e solo perchè esistono e non sa fare altro, e non sa che c'è altro (the Truman Show è carino in questo senso) un Uomo evoluto sa come rispettare il luogo dove abita pur non subendolo, quindi equilibrando se stesso continuamente con la Natura di questa realtà, una scelta quotidiana. Un dare ed un ricevere. Mentre l'uomo comune non fa altro che subire e non sapere, un Uomo evoluto decide come quando e cosa dare alla Natura e questa è libertà, libertà che l'uomo comune non ha.

Continuerei ancora, si aprono talmente tante porte e discorsi, ma non so se ho centrato cosa intendevi dire.
Stai confermando quello che volevo dire e cioe' che sia l'uomo che l'UOMO sono entrambi soggetti a leggi della natura pur se diverse .
l'UOMO pertanto non puo' essere paragonato ad un elemento estraneo alla Natura ad una cellulla cancerosa ma semmai ad un enzima o ad un'aminoacido o ad una cellula totipotente del corpo umano .
Insomma alla natura e' indifferente se nasce o meno un UOMO od un uomo ma se questo nasce : un UOMO , e' anche lui parte integrante al massimo grado con Essa .
Dunque non c'e' opposizione tra Natura ed un Risvegliato anzi .
nikelise non è connesso  
Vecchio 26-08-2011, 17.34.29   #141
Sole
Conosce ogni vicolo
 
Data registrazione: 31-08-2005
Messaggi: 5,572
Predefinito

Non ho letto questo tuo prima di inviare il mio ultimo post. Molte cose le ho detto in quello.

Citazione:
Originalmente inviato da nikelise Visualizza messaggio
Anche questo e' vero ma non completo noi siamo anche vicinissimi a Dio , a Brahman ecc, lo abbiamo in noi ( vedi il concetto di l'atman piu' volte richiamato ) , per Natura .
Per questo e' troppo semplicistico tranciare il discorso in un senso o nell'altro .
Questo piccolo uomo anche se non illuminato puo' raggiungere in certi momenti vette altissime .
Il Risvegiato ha ''solo '' , credo , in piu' la capacita' di rendere permanenti e coscienti questi livelli di conoscenza o consapevolezza .
Si piccolissimi satori li abbiamo, è vero, soprattutto quando iniziamo a riflettere su certe cose elevate iniziamo a far muovere parti di noi diverse che spostano l'attenzione da questo piccolo uomo a Dio. BIsogna impegnarsi ad usare certi tipi di sensibilità... ma in questo caso dal satori che è una piccola Grazia che viene dal Cielo e non dalla Natura, al Lavoro per raggiungerlo... c'è tutto quello sforzo di cui parliamo per evolverci. Certo, se non ci fosse la Luce del Bianco penseremmo che sia tutto Nero e basta e non potremmo mai pensare che ci sia altro.

Però un Satori è appunto una Grazia. Un Regalo Divino. Un richiamo un sussulto dell'anima, un ricordo lontano. Una piccola iniziazione a qualcosa che poi dobbiamo fare di nuovo da soli. Tutti ne hanno, pochi però tentano di realizzarlo, moltissimi lo pretendono. Si son d'accordo con la definizione di Risvegliato che dai.
__________________
Se non sarò me stesso chi lo sarà per me? E se non ora, quando?
Sole non è connesso  
Vecchio 26-08-2011, 17.39.55   #142
stella
Organizza eventi
 
L'avatar di stella
 
Data registrazione: 09-04-2006
Messaggi: 2,165
Predefinito

Interessante questo discorso sulle cellule... ma c'è qualcosa che non mi torna... continuando sul discorso della natura, io la vedo così:

Siamo sottoposti alle stesse leggi a cui è sottoposta tutta la natura, nascita, vita, riproduzione, morte, per permettere al sistema di continuare a vivere...
Ma l'uomo ha il potere di modificare la natura, attraverso le scoperte scientifiche, quindi può cambiare il funzionamento del sistema... con l'inquinamento, l'effetto serra, e cose di questo genere...
Un'evoluzione spirituale porterebbe l'uomo in primo luogo a rispettare veramente la natura che è lo specchio di Dio e quindi gioverebbe al sistema...
Quindi non vedo come l'evoluzione spirituale sia contro la natura, ma secondo me la migliorerebbe.

Con il decadimento dell'uomo nel peccato, anche la natura è stata penalizzata, come un corpo con un'infezione che porta piano piano alla morte.... evolvendosi, cioè tirando fuori ciò che di buono ognuno ha (i famosi talenti) e mettendoli a frutto, è come dare una piccola dose di antibiotico, un piccolo blocco all'infezione mortale, e ogni cellula dando il meglio di se stessa al sistema svolgerebbe al meglio il suo compito, e si guadagnerebbe l'immortalità...

Un'ultima cosa: anche se il singolo che cerca di migliorarsi spiritualmente è come una goccia d'acqua nel deserto, penso che sapere che esiste questa possibilità, che l'uomo può scegliere o rifiutare, rende ogni singolo uomo (o singola cellula del sistema) responsabile del suo comportamento, cooperatore della buona riuscita sua e del sistema o della sua morte...
e secondo me questo non è poco.

P.s. Non avevo letto i due post precedenti
__________________
स्तेल्ल

Ultima modifica di stella : 26-08-2011 alle ore 17.51.28.
stella non è connesso  
Vecchio 26-08-2011, 17.40.29   #143
Sole
Conosce ogni vicolo
 
Data registrazione: 31-08-2005
Messaggi: 5,572
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da nikelise Visualizza messaggio
Stai confermando quello che volevo dire e cioe' che sia l'uomo che l'UOMO sono entrambi soggetti a leggi della natura pur se diverse .
l'UOMO pertanto non puo' essere paragonato ad un elemento estraneo alla Natura ad una cellulla cancerosa ma semmai ad un enzima o ad un'aminoacido o ad una cellula totipotente del corpo umano .
Insomma alla natura e' indifferente se nasce o meno un UOMO od un uomo ma se questo nasce : un UOMO , e' anche lui parte integrante al massimo grado con Essa .
Dunque non c'e' opposizione tra Natura ed un Risvegliato anzi .

Ok, non capivo che intendessi con "indifferente" ed "opposizione".
Con identificare come un cancro un Uomo bisogna pensare ai diversi livelli di Realtà. Le Leggi di questa Natura/Realtà trova un virus infestante nell'Uomo che cerca di svcegliare altri uomini. Nell'Ordine Generale delle cose tutto è come deve essere ed ognuno ha il suo giusto posto. Yang e Yin continuano a scendere e salire.
__________________
Se non sarò me stesso chi lo sarà per me? E se non ora, quando?
Sole non è connesso  
Vecchio 26-08-2011, 18.38.24   #144
luke
Organizza eventi
 
L'avatar di luke
 
Data registrazione: 27-03-2009
Messaggi: 2,181
Predefinito

Per riprendere l'esempio di Ray delle cellule del fegato, posso comprendere come quest'ultimo metta in atto meccanismi per ostacolare o non favorire lo sviluppo o meglio l'evoluzione di una cellula in qualcosa di estreneo al fegato, però ad un certo punto questo qualcosa d'altro nel quale si sta trasformando la cellula dovrebbe anche prenderla in carico, visto che ne avrebbe vantaggio.
Forse quasta presa in carico avviene più in là, c'è una fase transitoria nella quale non siamo nè cellula del fegato nè alro bendefinito, ma dal momento che , per esempio, stiamo diventanto, abbiamo dei tratti da cellula cardiaca, allora, a mio parere, accanto all'ostacolo del fegato dovremmo trovare il sostegno del cuore.

Per concretizzare la questione, io ho sempre avuto la sensazione che molte persone che si accontentano di una vita "ordinaria", inquadrati nella massa e nelle sue correnti, beneficino di una sorta di cappa protettiva, che magari non gli consene di avere slanci verso l'alto eccessivi, ma gli evita anche di andare a fondo.Se qualcuno per indole, carattere o quel che sia inizia ad uscire dalla "massa", alllora questa cappa non funziona su di lui, tante situazioni o eventi che sono rodinari per gli altri, per lui non lo sono più, non beneficia di una certa "protezione" che mi sembra di scorgere in tanti casi, magari al posto di protezione si può parlare di influssi o di qualcosa d'altro.

Teoricamene a quel punto potrebbe puntare più in alto, ma la prima cosa che gli succede è scendere di parecchio verso il basso, e continuare a scendere nonostante i lavoro più o meno proficuo che prova a fare su se stesso, ma si sente totalmente solo, quasi un fuoriuscito, ed è in quel moemnto, a mio avviso, che sarebbe importante la presa in carico da parte di altro, un sovrasistema della natura , una dimensione con meno leggi , cosa che nonriesco ancora a scorgere
__________________
in tenebris lux factus sum
luke non è connesso  
Vecchio 26-08-2011, 19.11.29   #145
Astral
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Astral
 
Data registrazione: 01-08-2006
Residenza: Roma
Messaggi: 3,424
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da stella Visualizza messaggio
Interessante questo discorso sulle cellule... ma c'è qualcosa che non mi torna... continuando sul discorso della natura, io la vedo così:

Siamo sottoposti alle stesse leggi a cui è sottoposta tutta la natura, nascita, vita, riproduzione, morte, per permettere al sistema di continuare a vivere...
Ma l'uomo ha il potere di modificare la natura, attraverso le scoperte scientifiche, quindi può cambiare il funzionamento del sistema... con l'inquinamento, l'effetto serra, e cose di questo genere...
Un'evoluzione spirituale porterebbe l'uomo in primo luogo a rispettare veramente la natura che è lo specchio di Dio e quindi gioverebbe al sistema...
Quindi non vedo come l'evoluzione spirituale sia contro la natura, ma secondo me la migliorerebbe.

Si parla di un'altra natura, non tanto di quella dell'ecosistema, ma della natura umana. La natura umana è di per se animale. E' abituata a scappare o attaccare, si aspetta delle minacce, è spinta dalla paura della morte, e dall'istinto di riproduzione e autoconservazione.
Infatti la società ci imposta in questo livello: ci fa nascere, ci fa crescere, cerca in tutti i modi di farci riprodurre (e mantenerci) e poi ci fa morire.

Una volta uccisi una mosca, e prima di morire, che fece? fece uscire delle larve.
Cosa fa l'uomo in consapevole, spesso deve mettere su famiglia prima dei 30 anni sennò è vecchio, o senno dopo è tardi, perchè è come se si sentisse morire.
Quante persone addirittura sento che devono sposarsi entro i 30 anni, e spesso sta scelta manco è data dall'amore tra l'altro.

Un uomo che ha compreso questi meccanismi non si sposera ne farà figli (ed uguale una donna) per istinto naturale, ma semmai per una consapevolezza superiore. Non si "accoppierà" ma condividerà con una persona il suo cammino.

Il percorso spirituale in un certo senso è contro natura perchè certe cose non crescono naturalmente, ma ci vuole sempre un minimo di volontà. Già il fatto per esempio di essere presenti a noi stessi, di non lamentarsi, e di non giudicare, non ci viene affatto naturale, anzi infatti quello che viene naturale è esternare le lamentale, fare terzi gradi alle persone ed entrare in un loop mentale dove spesso siamo pensati. Questo è tutto naturale
Astral non è connesso  
Vecchio 26-08-2011, 21.08.11   #146
nikelise
Organizza eventi
 
L'avatar di nikelise
 
Data registrazione: 29-09-2007
Messaggi: 2,329
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Sole Visualizza messaggio
Ok, non capivo che intendessi con "indifferente" ed "opposizione".
Con identificare come un cancro un Uomo bisogna pensare ai diversi livelli di Realtà. Le Leggi di questa Natura/Realtà trova un virus infestante nell'Uomo che cerca di svcegliare altri uomini. Nell'Ordine Generale delle cose tutto è come deve essere ed ognuno ha il suo giusto posto. Yang e Yin continuano a scendere e salire.
Questo per me non e' vero , non lo condivido e non sta neppure nelle tue osservazioni precedenti : non parliamo di un alieno , di un essere di un'altra dimensione , parliamo di un uomo che e' diventato UOMO .
E' un frutto della natura della sua particolare natura e agisce secondo leggi particolari , non ordinarie , della natura quelle che a poco a poco la scienza va scoprendo .
nikelise non è connesso  
Vecchio 26-08-2011, 21.17.42   #147
nikelise
Organizza eventi
 
L'avatar di nikelise
 
Data registrazione: 29-09-2007
Messaggi: 2,329
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da luke Visualizza messaggio

Per concretizzare la questione, io ho sempre avuto la sensazione che molte persone che si accontentano di una vita "ordinaria", inquadrati nella massa e nelle sue correnti, beneficino di una sorta di cappa protettiva, che magari non gli consene di avere slanci verso l'alto eccessivi, ma gli evita anche di andare a fondo.Se qualcuno per indole, carattere o quel che sia inizia ad uscire dalla "massa", alllora questa cappa non funziona su di lui, tante situazioni o eventi che sono rodinari per gli altri, per lui non lo sono più, non beneficia di una certa "protezione" che mi sembra di scorgere in tanti casi, magari al posto di protezione si può parlare di influssi o di qualcosa d'altro.

Teoricamene a quel punto potrebbe puntare più in alto, ma la prima cosa che gli succede è scendere di parecchio verso il basso, e continuare a scendere nonostante i lavoro più o meno proficuo che prova a fare su se stesso, ma si sente totalmente solo, quasi un fuoriuscito, ed è in quel moemnto, a mio avviso, che sarebbe importante la presa in carico da parte di altro, un sovrasistema della natura , una dimensione con meno leggi , cosa che nonriesco ancora a scorgere
Ecco la cappa protettiva non e' la natura che protegge l'uomo ordinario ma sono le religioni , le leggi ordinarie della convivenza civile ecc tutte cose inventate per organizzare la massa degli uomini ordinari .
Certamente un UOMO e' al di fuori delle convenzioni ma non certo al di fuori delle leggi della natura visto che ne e' un prodotto almeno biologicamente parlando .
nikelise non è connesso  
Vecchio 26-08-2011, 21.42.41   #148
luke
Organizza eventi
 
L'avatar di luke
 
Data registrazione: 27-03-2009
Messaggi: 2,181
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da nikelise Visualizza messaggio
Ecco la cappa protettiva non e' la natura che protegge l'uomo ordinario ma sono le religioni , le leggi ordinarie della convivenza civile ecc tutte cose inventate per organizzare la massa degli uomini ordinari .
Certamente un UOMO e' al di fuori delle convenzioni ma non certo al di fuori delle leggi della natura visto che ne e' un prodotto almeno biologicamente parlando .
Io più che altro la cappa protettiva la vedrei formata dalle mentalità che si generano, frutto magari del lasciarsi dominare da istinti ed istanze di basso livello, energie a bassa vibrazione che forse in questo piano dell'esistenza sono moolto presenti, e di conseguenza dell'essere in balia di invidie, importanza personale, fanatismi vari, senso di far parte per forza di un gruppo ecc., con l'eventuale corredi di influssi , di "eggregori" anche se non è il termine più adatto , che si generano e che sostengono, instradano, agevolano i movimenti di un certo tipo di persone, che sono la stragrande maggioranza, e che invece hanno un effetto contrario per chi va o prova ad andare in una certa direzione, magari il fatto stesso di muovrsi in quella direzione ti va avere automaticamente il vento contro.

Influenze di altro tipo (spero) ne esisteranno anche qui sulla terra, magari in misura minore che in altri luoghi/dimensioni, sono più difficili da captare e da sfruttare , però ci debbono pur essere qui da qualche parte, altrimenti se non ci si appiattisce cosa si diventa? delle sottospecie di rinnegati destinati a sentirsi altro a vita?

Mi ricordo, magari non c'entra nulla, di un cartone animato che vedevo da bambino, Devilman, nel quale un demone si ribellava al resto dei demoni e cercava di diventare un umano,(quindi una cosa simile all'uomo che cerca di diventare UOMO, ) e da allora si è trovato ad affrontare il regno delle tenebre che ha iniziato a combatterlo ed ostacolarlo in ogni modo.Alla fine mi pare riuscisse nel suo intento soprattutto grazie all'amore provato per una ragazza, cosa che potrebbe assimilarsi alla presa in carico della quale parlavo prima.

E' ovvio che se vivo in uno stagno e voglio andarmene, non troverò più "L'ecosistema stagno " che mi nutre e protegge a suo modo non prechè è buono e bravo ma perchè gli sono funzionale.Sulla terraferma, ne troverò un altro che mi proteggerà e mi nutrirà, magari a patto ovviamente di riconfigurarmi in modo a lui confacente, altrimenti sarei solo un pesce sulla terraferma ed a quel punto sono guai.
Magari se già da anfibio qualcosa mi arrivasse sarebbe estremamene ben gradita
__________________
in tenebris lux factus sum

Ultima modifica di luke : 26-08-2011 alle ore 21.53.31.
luke non è connesso  
Vecchio 26-08-2011, 23.05.01   #149
Sole
Conosce ogni vicolo
 
Data registrazione: 31-08-2005
Messaggi: 5,572
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da nikelise Visualizza messaggio
Questo per me non e' vero , non lo condivido e non sta neppure nelle tue osservazioni precedenti : non parliamo di un alieno , di un essere di un'altra dimensione , parliamo di un uomo che e' diventato UOMO .
E' un frutto della natura della sua particolare natura e agisce secondo leggi particolari , non ordinarie , della natura quelle che a poco a poco la scienza va scoprendo .
Hai mai visto Matrix? Neo fa parte del mondo ma sceglie di risvegliarsi e da quel momento sceglie ogni giorno di entrare in Matrix per cercare di svegliare il mondo e poi torna nella vita reale, nel mondo reale. Ma quando entra in Matrix il guardiano tenta di ucciderlo in tuttele maniere possibili.
__________________
Se non sarò me stesso chi lo sarà per me? E se non ora, quando?
Sole non è connesso  
Vecchio 26-08-2011, 23.57.11   #150
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,214
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da luke Visualizza messaggio
Per riprendere l'esempio di Ray delle cellule del fegato, posso comprendere come quest'ultimo metta in atto meccanismi per ostacolare o non favorire lo sviluppo o meglio l'evoluzione di una cellula in qualcosa di estreneo al fegato, però ad un certo punto questo qualcosa d'altro nel quale si sta trasformando la cellula dovrebbe anche prenderla in carico, visto che ne avrebbe vantaggio.
Certo. Infatti, come avete più o meno detto dopo, esistono entrambi gli impulsi.
Volevo chiarire una cosa riguardo alla natura e a quella questione del cancro. A parte il fatto che anche il cancro fa parte della natura, ed è dannoso, nel nostro esempio, solo per il fegato e le aprti a lui dipendenti, in realtà tutto fa parte della natura, non si può certo uscire da essa. Si può però uscire da un "mondo"... ovviamente per entrare in un altro. Si dice che il risvegliato è nel mondo ma non del mondo... e questo può dire molto. Non appartiene più al mondo di partenza per lui, non è più soggetto a quelle leggi ma ad altre. Per il mondo di partenza egli è libero... ma è chiaro che se c'è riuscito ha dovuto in qualche modo andargli contro.
E' vero che sia l'umano che l'Uomo fanno parte della natura ma è anche vero che l'umano, in quanto tale, ha delle funzioni in essa e quest'ultima tenderà a conservarle. D'altronde ragazzi, se non fosse così, sarebbe semplice svegliarsi... accadrebbe naturalmente. Sappiamo che non accade no? Quindi la cosa non dovrebbe porre grandi dubbi.

Quando parlavo di cancro ero dentro un esempio particolare. Non sto certo dicendo che siamo un fegato. Il che non significa che non possiamo essere, o diventare in determinate occasioni o comportamenti, cellule cancerose del pianeta, ma non è per forza così. L'umanità (non l'uomo o il singolo umano, il collettivo) ha una sua funzione nella natura così com'è. L'umanità è composta da miriadi di singoli umani... ognuno dei quali ha determinate possibilità di evolvere... ma significa uscire dall'umanità. E' chiaro che la natura può sopportare una certa percentuale... fintanto che le funzioni dell'umanità sono conservate. Ma più di quello...

Ma dove voglio arrivare? Voglio avvicinarmi da un'altra parte alla questione che attanagliava Faltea qualche post fa. Se gli evoluti possono o debbano in qualche modo far evolvere il collettivo.
Beh, se vediamo le cose da questo punto di vista (quello dell'esempio del fegato) mi sa che gli tocca. Il fatto è che perchè il collettivo possa evolvere qualcun altro deve svolgere quei compiti. Qui si aprono due discorsi... che in realtà sono uno. Il primo è quello piramidale... io per evolvere oltre un certo livello devo trovare qualcuno che prenda il mio posto nella piramide. Perchè siamo inseriti in un tutto... non possiamo semplicemente andar via. Non possiamo evolvere danneggiando il tutto. Che poi non sarebbe vero miglioramento. Quindi alla lunga, chi evolve deve far evolvere anche altri. Con la difficoltà non da poco che non può farlo lui ma devono farlo loro... lui può solo fornire un ambiente un po' più adatto. Ma non si può salire se non c'è uno scalino.
L'altro discorso è che, banalmente, se tizio ha un compito, una volta che si è evoluto può certamente svolgerlo meglio di prima. Potrebbe, per assurdo, svolgere il compito per il quale ad altri serve figliare senza figliare. "adottando" per così dire tutti i figli del mondo (siete tutti figli miei...). Questo alla lunghissima modifica l'ambiente rendendolo più favorevole all'evoluzione degli altri. Ma per un'evoluzione del collettivo serve che qualcosa prende il posto di quel collettivo nello svolgere il suo compito.

Capite ora l'assurdità di certe teorie che prevedono salti quantici imminenti e cose simili, magari in date buone per farci film catastrofici?

Vabbeh, non so quanto son riuscito a far passare, ma parlando e parlando...
Ray non è connesso  
 


Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire nuovi messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare files
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice vB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Vai al forum

Discussioni simili
Discussione Autore discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Sul fumare Shanti Discorsi da Comari 17 26-10-2008 20.25.56
can che abbaia non morde... dafne Esperienze 10 12-06-2008 11.02.38
Numerologia...accenni Era Divinazione e tecniche conoscitive 17 17-07-2007 17.52.06
Arte in generale Uno Arte 28 02-08-2006 14.42.43
incoscio collettivo isaefrenk Psicologia moderna e antica 23 01-08-2005 14.32.44


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 07.45.43.




Powered by vBulletin Copyright ©2000 - 2022, Jelsoft Enterprises Ltd.
Questo sito non è, nè può ritenersi assimilabile ad una testata giornalistica, viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale. Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina della l. n. 62 del 2001. Il materiale pubblicato è sotto la responsabilità dei rispettivi autori, tutti i diritti sono di Ermopoli.it che incoraggia la diffusione dei contenuti, purchè siano rispettati i seguenti principi: sia citata la fonte, non sia alterato il contenuto e non siano usati a scopo di lucro. P.iva 02268700271