Ermopoli
L'antica città della conoscenza
  
    
Torna indietro   Ermopoli > Forum > Piazza > Manifestazione pacifica del nostro volere > Gogna

 
 
Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Vecchio 02-07-2009, 23.10.59   #1
filoumenanike
Organizza eventi
 
L'avatar di filoumenanike
 
Data registrazione: 05-12-2008
Messaggi: 1,712
Predefinito Saramago

La casa editrice Einaudi non pubblica il libro del premio Nobel Saramago, 87 anni, per motivi di inopportunità per il proprietario della casa editrice. Ora l'informazione, la divulgazione, i pareri diversi possono sottostare al giudizio personale di chi guida la casa editrice? Premetto che non ho letto il libro inquisito, ne faccio solo una questione di etica giornalistica-editoriale.
filoumenanike non è connesso  
Vecchio 02-07-2009, 23.51.05   #2
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,218
Predefinito

Scusa Filo ma la tua comunicazione, in questo caso, è tendenziosa. Non stai dando notizie in modo obiettivo, nemmeno ci provi. Poi però accusi della stessa cosa.

Saramago, scrittore e premio nobel, nel suo ultimo libro "il quaderno" frutto di un collage del suo blog, parla a detta di tutti molto male del nostro attuale presidente del consiglio.
La casa editrice einaudi, che finora ha in catalogo una ventina di libri dell'autore, appartiene al presidente del consiglio in questione.
Per questo motivo, pare, ha scelto di non pubblicare il libro.
A pubblicarlo invece sarà la casa editrice bollati boringhieri.

Ora, volendo, possiamo discutere delle scelte della casa editrice... possiamo criticarla o appoggiarla, possiamo cercare di capire le sue motivazioni, possiamo cercare le parti buone e le aprti cattive della scelta e possiamo chiederci cosa avremmo fatto noi al suo posto. Insomma possiamo discuterne.

Ultima modifica di Ray : 02-07-2009 alle ore 23.53.16.
Ray non è connesso  
Vecchio 03-07-2009, 00.27.58   #3
filoumenanike
Organizza eventi
 
L'avatar di filoumenanike
 
Data registrazione: 05-12-2008
Messaggi: 1,712
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Ray Visualizza messaggio
Scusa Filo ma la tua comunicazione, in questo caso, è tendenziosa. Non stai dando notizie in modo obiettivo, nemmeno ci provi. Poi però accusi della stessa cosa.
Saramago, scrittore e premio nobel, nel suo ultimo libro "il quaderno" frutto di un collage del suo blog, parla a detta di tutti molto male del nostro attuale presidente del consiglio.
La casa editrice einaudi, che finora ha in catalogo una ventina di libri dell'autore, appartiene al presidente del consiglio in questione.
Per questo motivo, pare, ha scelto di non pubblicare il libro.
A pubblicarlo invece sarà la casa editrice bollati boringhieri.

Ora, volendo, possiamo discutere delle scelte della casa editrice... possiamo criticarla o appoggiarla, possiamo cercare di capire le sue motivazioni, possiamo cercare le parti buone e le aprti cattive della scelta e possiamo chiederci cosa avremmo fatto noi al suo posto. Insomma possiamo discuterne.
Dove vedi la mia poca obiettività?
Voglio, come te, discutere sulle scelte della casa editrice...voglio capire se le motivazioni siano valide, opportune oppure impediscano la libera divulgazione...
Insomma possiamo discuterne...
forse non dovevo mettere il post alla gogna, sai ci ho riflettuto...ma spontaneamente ho pensato che fosse il posto giusto, ahimè!
Volendo possiamo spostare il post, poi, solo alla fine della discussione lo potremmo inserire in altro modo, a seconda di quanto emrgerà dalle varie tesi!

Ultima modifica di filoumenanike : 03-07-2009 alle ore 00.31.11.
filoumenanike non è connesso  
Vecchio 03-07-2009, 00.36.26   #4
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,218
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da filoumenanike Visualizza messaggio
Dove vedi la mia poca obiettività?
Citazione:
Originalmente inviato da filoumenanike Visualizza messaggio
La casa editrice Einaudi non pubblica il libro del premio Nobel Saramago, 87 anni, per motivi di inopportunità per il proprietario della casa editrice. Ora l'informazione, la divulgazione, i pareri diversi possono sottostare al giudizio personale di chi guida la casa editrice? Premetto che non ho letto il libro inquisito, ne faccio solo una questione di etica giornalistica-editoriale.
Non spieghi, dai per scontato che si sappia, come prima cosa. Ma tutto il tuo post è teso già a un giudizio, tu hai già condannato la casa editrice. Non hai letto il libro, fai considerazioni solo da una parte, non concedi spazio alcuno a diversi pareri, metti in gogna (questo ci può stare) e parli di etica.
Se questo è essere obiettivi... almeno provarci no?

Poi, se proprio vogliamo, quando chiedi se una ditta privata deve sottostare ai pareri del suo proprietario, ti dai la zappa sui piedi da sola visto dove vuoi andare a parare.
Ray non è connesso  
Vecchio 03-07-2009, 00.46.48   #5
filoumenanike
Organizza eventi
 
L'avatar di filoumenanike
 
Data registrazione: 05-12-2008
Messaggi: 1,712
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Ray Visualizza messaggio
Non spieghi, dai per scontato che si sappia, come prima cosa. Ma tutto il tuo post è teso già a un giudizio, tu hai già condannato la casa editrice. Non hai letto il libro, fai considerazioni solo da una parte, non concedi spazio alcuno a diversi pareri, metti in gogna (questo ci può stare) e parli di etica.
Se questo è essere obiettivi... almeno provarci no?

Poi, se proprio vogliamo, quando chiedi se una ditta privata deve sottostare ai pareri del suo proprietario, ti dai la zappa sui piedi da sola visto dove vuoi andare a parare.
Bene, ammesso che io abbia già espresso un giudizio negativo sulla limitazione divulgativa, questo non esclude che si possa discuterne, che si possa avere un'idea migliore della mia e magari potrei anche arrivare a cambiare idea, il fatto che io sia sempre frontale nell'affrontare le discussioni evidenzia il mio carattere
In quanto alla lettura del libro non era necessaria, pensavo di parlare sulla decisione di pubblicare o no un libro perchè in contrasto con il proprietario della casa editrice, non intendevo parlare della giustezza o meno delle cose dette da Saramago.

Ultima modifica di filoumenanike : 03-07-2009 alle ore 00.49.46.
filoumenanike non è connesso  
Vecchio 03-07-2009, 00.49.45   #6
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,218
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da filoumenanike Visualizza messaggio
Bene, ammesso che io abbia già espresso un giudizio negativo sulla limitazione divulgativa, questo non esclude che si possa discuterne, che si possa vere un'idea migliore della mia e magari potrei anche arrivare a cambiare idea, il fatto che io sia sempre frontale nell'affrontare le discussioni evidenzia il mio carattere, di sicuro poco diplomatico o meglio dire ipocrita...
In quanto alla lettura del libro non era necessaria, pensavo di parlare sulla decisione di pubblicare o no un libro perchè in contrasto con il proprietario della casa editrice, non intendevo parlare della giustezza delle cose dette da Saramago.
Tu puoi partire benissimo dal tuo giudizio negativo di una cosa di cui ti sei già fatta un'idea, ma non puoi pretendere di dare le notizie a pezzetti in modo da cercare di imporre quella tua stessa idea.
Perchè non hai detto che il libro parla male del padrone della casa editrice?
Perchè non hai detto che il libro verrà comunque pubblicato?
Ray non è connesso  
Vecchio 03-07-2009, 00.53.03   #7
filoumenanike
Organizza eventi
 
L'avatar di filoumenanike
 
Data registrazione: 05-12-2008
Messaggi: 1,712
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Ray Visualizza messaggio
Tu puoi partire benissimo dal tuo giudizio negativo di una cosa di cui ti sei già fatta un'idea, ma non puoi pretendere di dare le notizie a pezzetti in modo da cercare di imporre quella tua stessa idea.
Perchè non hai detto che il libro parla male del padrone della casa editrice?
Perchè non hai detto che il libro verrà comunque pubblicato?
Pensavo di parlarne con calma, se l'argomento avesse suscitato qualche interesse, qualche curiosità sui costumi editoriali italiani!
filoumenanike non è connesso  
Vecchio 03-07-2009, 01.01.31   #8
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,218
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da filoumenanike Visualizza messaggio
Pensavo di parlarne con calma, se l'argomento avesse suscitato qualche interesse, qualche curiosità sui costumi editoriali italiani!
Ok. Con questo ammetti che non hai fatto il primo post con calma e che hai cercato di suscitare interesse e che avresti dato tutte le informazini solo dopo e se ci fosse stato questo interesse. Cioè hai intenzionalmente manipolato l'informazione a tuo uso e consumo.
La critica che però fai alla casa editrice è proprio quella di non dare intenzionalmente delle informazioni (che poi sono opinioni) che remano contro i suoi interessi. Critica lecita e magari pure condivisibile... ma c'è modo e modo.

Adesso forse possiamo parlarne, con i dati che ho messo io tutti possono cercare e approfondire e farsi un'idea propria da confrontare con la tua. Adesso anche io potrò dire la mia opinione, senza essere costretto ad assumere posizioni che equilibrano la tua.
Ray non è connesso  
Vecchio 03-07-2009, 01.05.36   #9
filoumenanike
Organizza eventi
 
L'avatar di filoumenanike
 
Data registrazione: 05-12-2008
Messaggi: 1,712
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Ray Visualizza messaggio
Ok. Con questo ammetti che non hai fatto il primo post con calma e che hai cercato di suscitare interesse e che avresti dato tutte le informazini solo dopo e se ci fosse stato questo interesse. Cioè hai intenzionalmente manipolato l'informazione a tuo uso e consumo.
La critica che però fai alla casa editrice è proprio quella di non dare intenzionalmente delle informazioni (che poi sono opinioni) che remano contro i suoi interessi. Critica lecita e magari pure condivisibile... ma c'è modo e modo.

Adesso forse possiamo parlarne, con i dati che ho messo io tutti possono cercare e approfondire e farsi un'idea propria da confrontare con la tua. Adesso anche io potrò dire la mia opinione, senza essere costretto ad assumere posizioni che equilibrano la tua.
Queta frase non corrisponde al vero, non ho manipolato l'informazione, caso mai l'ho data molto concisa proprio per timore che non trovasse interessi condivisibili da tutti...io non sono una casa editrice!
filoumenanike non è connesso  
Vecchio 03-07-2009, 01.13.51   #10
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,218
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da filoumenanike Visualizza messaggio
Queta frase non corrisponde al vero, non ho manipolato l'informazione, caso mai l'ho data molto concisa proprio per timore che non trovasse interessi condivisibili da tutti...io non sono una casa editrice!
ehnnò, comodo così. Anche io l'ho data concisa, ma non ho saltato quello che non mi comodava.
Hai o non hai omesso parti di informazione in tuo possesso? E l'idea immediata che uno si può fare dalla tua non è forse diversa dalla mia? Dalla tua, guarda caso, risulta facile pensare alla censura (che non è dato che il libro esce) e dell'arbitrarietà di una scelta senza motivi validi (che non è perchè il libro parla male del padrone della casa editrice). Quindi non si parla di opportunità della scelta, ma si parte criticandola sotto tutti gli aspetti come immotivata.
Le informazioni non si possono dare dopo aver ottenuto un'opinione. L'interesse deve nascere per la cosa su cui dare un'opinione non per la tua opinione.
Come fai a dire che avresti detto le cose come stanno solo dopo aver rilevato interesse? E' come dire che ti dico che il sesso è pericoloso e solo se mi dimostri interesse ti dico che è pericoloso solo se lo fai senza protezioni e con chi è portatore di un virus trasmissibile sessualmente.
Ray non è connesso  
Vecchio 03-07-2009, 01.21.25   #11
filoumenanike
Organizza eventi
 
L'avatar di filoumenanike
 
Data registrazione: 05-12-2008
Messaggi: 1,712
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Ray Visualizza messaggio
ehnnò, comodo così. Anche io l'ho data concisa, ma non ho saltato quello che non mi comodava.
Hai o non hai omesso parti di informazione in tuo possesso? E l'idea immediata che uno si può fare dalla tua non è forse diversa dalla mia? Dalla tua, guarda caso, risulta facile pensare alla censura (che non è dato che il libro esce) e dell'arbitrarietà di una scelta senza motivi validi (che non è perchè il libro parla male del padrone della casa editrice). Quindi non si parla di opportunità della scelta, ma si parte criticandola sotto tutti gli aspetti come immotivata.
Le informazioni non si possono dare dopo aver ottenuto un'opinione. L'interesse deve nascere per la cosa su cui dare un'opinione non per la tua opinione.
Come fai a dire che avresti detto le cose come stanno solo dopo aver rilevato interesse? E' come dire che ti dico che il sesso è pericoloso e solo se mi dimostri interesse ti dico che è pericoloso solo se lo fai senza protezioni e con chi è portatore di un virus trasmissibile sessualmente.
Ma sei proprio capzioso o...fai finta di non capire... mi sono limitata a gettare un amo, sperando che qualcuno fosse interessato all'argomento che poi avrebbe avuto tutto il tempo di essere dibattuto, magari da persone molto più informate di me.
Mi stai attaccando e non abbiamo neppure iniziato a parlare del fatto in sè!
Cerchiamo di superare l'inizio e tentiamo di capire quanto è accaduto, sebbene, mi pare di intuire chje siamo già su posizioni opposte.

Ultima modifica di filoumenanike : 03-07-2009 alle ore 01.23.50.
filoumenanike non è connesso  
Vecchio 03-07-2009, 01.28.57   #12
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,218
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da filoumenanike Visualizza messaggio
Ma sei proprio capzioso o...fai finta di non capire... mi sono limitata agettare un amo, sperando che qualcuno fosse interessato all'argomento che poi avrebbe avuto tutto il tempo di essere dibattuto, magari da persone molto più informate di me.
Mi stai attaccando e non abbiamo neppure iniziato a parlare del fatto in sè!
Cerrchiamo di superare l'inizio e tentiamo di capire quanto è accaduto, sebbene, mi pare di intuire
Vuoi superare l'inizio ma io sono capzioso e non voglio capire. Quando quella che si arrampica sugli specchi sei tu. La cosa del gettare un amo non sta in piedi... trovami una sola discussione in forum che non abbia alcuna risposta. Qui si parla di tutto e non occorre manipolare le cose per attirare risposte. Anzi, meglio le cose sono esposte più interesse suscitano... solo che quello che esce è l'idea delle persone e non quella che tu vuoi ci si faccia.
Qui semplicemente ti sei limitata a dire solo la parte che ti comodava del fatto, dal che si deduce che non volevi il parere degli altri, volevi solo leggere altre critiche oltre la tua, per goderne.

Vuoi superare l'inizio? Bene, inizia a parlarne in modo obiettivo. Prova questo ad esempio: esponi almeno due motivazioni a sfavore della casa editrice e almeno due a favore.
Ray non è connesso  
Vecchio 03-07-2009, 01.43.32   #13
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,630
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da filoumenanike Visualizza messaggio
La casa editrice Einaudi non pubblica il libro del premio Nobel Saramago, 87 anni, per motivi di inopportunità per il proprietario della casa editrice. Ora l'informazione, la divulgazione, i pareri diversi possono sottostare al giudizio personale di chi guida la casa editrice? Premetto che non ho letto il libro inquisito, ne faccio solo una questione di etica giornalistica-editoriale.
Ripartendo da qui, dico che si, se una casa editrice è privata chi la guida può decidere cosa pubblicare o cosa non pubblicare. Lo fanno tutte.

Non ho letto il libro, comunque se è stato pubblicato da altra casa editrice* non vedo il problema.
Vogliamo mettere alla gogna l'Enaudi per la sua libertà di scelta?


*=non lo dubitavo, se scrivessi qualcosa di interessante non di cose politiche e volessi farci un libro non troverei chi mi pubblica, ma basta scrivere di politica o da una parte o dall'altra si trova sempre.
Uno non è connesso  
Vecchio 03-07-2009, 01.55.07   #14
filoumenanike
Organizza eventi
 
L'avatar di filoumenanike
 
Data registrazione: 05-12-2008
Messaggi: 1,712
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Ray Visualizza messaggio
Vuoi superare l'inizio ma io sono capzioso e non voglio capire. Quando quella che si arrampica sugli specchi sei tu. La cosa del gettare un amo non sta in piedi... trovami una sola discussione in forum che non abbia alcuna risposta. Qui si parla di tutto e non occorre manipolare le cose per attirare risposte. Anzi, meglio le cose sono esposte più interesse suscitano... solo che quello che esce è l'idea delle persone e non quella che tu vuoi ci si faccia.
Qui semplicemente ti sei limitata a dire solo la parte che ti comodava del fatto, dal che si deduce che non volevi il parere degli altri, volevi solo leggere altre critiche oltre la tua, per goderne.

Vuoi superare l'inizio? Bene, inizia a parlarne in modo obiettivo. Prova questo ad esempio: esponi almeno due motivazioni a sfavore della casa editrice e almeno due a favore.
Ma che come hobby fai lo psicologo? sai quasi hai centrato le motivazioni...volevo godere delle critiche altrui, mi comodava farti capire che la penso in modo diverso

motivazioni a sfavore:

I^ motivazione: la casa editrice, come ho già detto e tu non hai letto, avrebbe dovuto pubblicare il libro, per onore di oggettività dell'informazione.

II^ motivazione: una casa editrice non deve rispondere al proprietario ma ai lettori che, se ne avranno l'opportunità, giudicheranno in bene o in male quanto gli è dato leggere.

III^ motivazione: la casa editrice avvrebbe dovuto trovare almeno altre scappatoie se non voleva pubblicarle un libro scomodo, così facendo ha alimentato la curiosità delle persone e ha fatto da cassa di risonanza ad un libro che forse non meritava tanta pubblicità

Le motivazioni a favore:

I^ motivazione: la casa editrice deve dare il suo redde rationem al proprietario e si è trovata in gravi difficoltà decisionali

II^motivazione: la casa editrice non condivide il contenuto del libro e prende una posizione
filoumenanike non è connesso  
Vecchio 03-07-2009, 02.06.21   #15
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,218
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da filoumenanike Visualizza messaggio
sai quasi hai centrato le motivazioni...volevo godere delle critiche altrui, mi comodava farti capire che la penso in modo diverso

Hai ragione, non dovevo interpretare con la faccenda del godimento. Anche questa è manipolazione. Non solo la tua (non vuoi capire eccetera).
Dovevo limitarmi a rilevare che hai sezionato ad arte le informazioni da dare.
Anche qui però giri la frittata come ti fa comodo. Non ho detto che ti faceva comodo farmi capire come la pensi, ho detto e sostengo che hai cercato di far pensare gli altri come te. E questo è proprio comodo obiettivamente, non è interpretazione.

Comunque ripsonderò ai tuoi punti, così esprimerò la mia opinione sul tema finalmente.
Ray non è connesso  
Vecchio 03-07-2009, 17.45.20   #16
Sole
Conosce ogni vicolo
 
Data registrazione: 31-08-2005
Messaggi: 5,614
Predefinito

Sinceramente non ci trovo niente di male, se non un tendenzioso tentativo di screditare (non è riferito a te Filo, ma in generale a chi fa attacchi di questo tipo).
Siamo nel libero commercio e possiamo scegliere cosa vendere e cosa no, allora perchè non dovrebbe valere per l'editoria privata? Diverso sarebbe se fosse una editoria pubblica, allora si che ci sarebbe motivo di battagliare. Tanto più che appunto un libro del genere trova sempre chi lo edita.
Se ho un negozio sono liberissima di non fornirmi di marche che non mi piacciono e non rispecchiano la mia idea, non nego niente a nessuno, i clienti possono comprarlo altrove.

Ci vedo solo movimenti propagandisctici. E poi per dire che non è etico l'atto di averlo escluso dalla produzione bisogna ben capire cosa dice l'autore, e valutare l'eticità dello stesso. A volte per onorare l'informazione si mettono in piazza i morti dell'Abruzzo...
__________________
Se non sarò me stesso chi lo sarà per me? E se non ora, quando?
Sole non è connesso  
Vecchio 03-07-2009, 18.20.15   #17
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,218
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da filoumenanike Visualizza messaggio
I^ motivazione: la casa editrice, come ho già detto e tu non hai letto, avrebbe dovuto pubblicare il libro, per onore di oggettività dell'informazione.

II^ motivazione: una casa editrice non deve rispondere al proprietario ma ai lettori che, se ne avranno l'opportunità, giudicheranno in bene o in male quanto gli è dato leggere.

III^ motivazione: la casa editrice avvrebbe dovuto trovare almeno altre scappatoie se non voleva pubblicarle un libro scomodo, così facendo ha alimentato la curiosità delle persone e ha fatto da cassa di risonanza ad un libro che forse non meritava tanta pubblicità

Le motivazioni a favore:

I^ motivazione: la casa editrice deve dare il suo redde rationem al proprietario e si è trovata in gravi difficoltà decisionali

II^motivazione: la casa editrice non condivide il contenuto del libro e prende una posizione
Come altri, anch'io penso che la casa editrice è innanzitutto un'azienda privata e come tale ha diritto di sceglliere cosa vendere e cosa no. Altrimenti scrivo una qualsiasi scemenza e pretendo che la si pubblichi... e che poi giudichino i lettori se è una scemenza.
Ehnnò, questo lo posso fare solo se pubblico a mie spese e con i miei macchinari.

Inoltre non si pone il problema dell'informazione, essendo il libro in questione la mera espressione di un'opinione. Per quanto valida possa risultare, resta opinione e non informa.
Non sussiste alcuna censura dato che il libro esce con altra casa editrice, per altro altrettanto conosciuta e con lo stesso livelllo di distribuzione. Quindi di fatto la einaudi non ha fatto nulla contro il libro o l'autore, si è limitata a non fare nulla a favore, magari rinunciando al profitto per difendere le proprie idee (quali che siano). Se invece lo ha fatto per tornaconto, come dargli torto? Dovrebbe agire contro se stessa? Io dovrei pubblicare un libro che a mio avviso mi insulta e magari guadagnarci su? Ma che uomo sarei?

C'è tuttavia una domanda che sorge spontanea: ma perchè il libro è stato proposto proprio alla casa editrice il cui proprietario viene insultato nello stesso? Perchè la cosa, a prima vista, ha poco senso. Si aspettava davvero l'autore di venire pubblicato?
Credo, ma è un'opinione, che la spiegazione stia negli altri 20 e passa libri delllo stesso autore pubblicati da einaudi. Probabilmente esiste un contratto o un diritto di prelazione. Quindi magari il libro doveva essere presentato per prima ad einaudi, i quali avranno auto il diritto di rifiutare.
Ray non è connesso  
Vecchio 03-07-2009, 21.14.05   #18
filoumenanike
Organizza eventi
 
L'avatar di filoumenanike
 
Data registrazione: 05-12-2008
Messaggi: 1,712
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Sole Visualizza messaggio
Sinceramente non ci trovo niente di male, se non un tendenzioso tentativo di screditare (non è riferito a te Filo, ma in generale a chi fa attacchi di questo tipo).
Siamo nel libero commercio e possiamo scegliere cosa vendere e cosa no, allora perchè non dovrebbe valere per l'editoria privata? Diverso sarebbe se fosse una editoria pubblica, allora si che ci sarebbe motivo di battagliare. Tanto più che appunto un libro del genere trova sempre chi lo edita.
Se ho un negozio sono liberissima di non fornirmi di marche che non mi piacciono e non rispecchiano la mia idea, non nego niente a nessuno, i clienti possono comprarlo altrove.

Ci vedo solo movimenti propagandisctici. E poi per dire che non è etico l'atto di averlo escluso dalla produzione bisogna ben capire cosa dice l'autore, e valutare l'eticità dello stesso. A volte per onorare l'informazione si mettono in piazza i morti dell'Abruzzo...
Purtroppo penso che una casa editrice non sia un negozio, se rifiuta un libro perchè esprime delle idee malsane nega in automatico la veicolazione dellla libera informazione, comunque ho fatto una ricerca su internet per vedere le case editrici pubbliche, bhè decisamente sono poche e tutte sconosciute ai più...
In quanto all'etica ovviamente parlo di quella deontologica dell'editore, non del proprietario della casa, sono due cose ben distinte, quando, invece interferiscono l'una con l'altra i fatti si complicano.
Se poi sia giusto o meno giudicare il contenuto del libro prima di pubblicarlo rientra in un discorso più ampio relativo alla censura, che tra l'altro a me non è mai piaciuta.
La censura un tempo veniva applicata a molti libri di contenuto scabroso, si è molto combattuto per liberalizzare la cultura e anche la politica, certo se tutto quello che non ci piace lo dovessimo censurare la televisione dovrebbe essere oscurata!
filoumenanike non è connesso  
Vecchio 03-07-2009, 22.24.00   #19
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,630
Predefinito

Filo per un momento ho dubitato che tu abbia scritto alcune cose sul serio.

Domani io voglio scrivere un libro sulle cospirazioni occulte dei klingon (una razza extraterrestre su Star Trek) e come queste stanno influenzando la nostra politica.
Se non trovo una casa editrice che me lo vuol pubblicare perchè tutte lo reputano, una boiata, non adatto ai loro lettori, non vendibile perchè nessuno lo comprerà o mettici quello che vuoi.......... griderò alla censura e guai se tu non ti darai da fare per sancire il mio diritto di dare la mia informazione.
Oppure domani mando un articolo che parla male di Franceschini al giornale Repubblica (esempio opposto a quello fatto nel 3d, esempio che avrei evitato volentieri) e se non me lo pubblicano (pagandomelo anche bene) faccio un casino....

Ma scherziamo? Sono aziende ed imprese private e come tali pubblicano quello che vogliono senza minimamente dover giustificare il perchè delle loro scelte.
Diverso il discorso di eventuali case editrici pubbliche, anzi li sarei proprio curioso di vedere come funzionano le scelte, perchè mica potranno pubblicare tutto tutto. E allora li si che sarebbe interessante conoscere il metodo di cernita.

Chiariamo una cosa, censura significa che tu non puoi pubblicare il libro neanche a spese tue, che tu non puoi parlarne, non puoi venderlo, non puoi leggerlo, non puoi neanche tenerlo manoscritto in casa... etc....
Quella non piacerebbe neanche a me, ma da li a dire che quella di cui parli è censura ne corre.

Con lo stesso principio che affermi si potrebbe dire che tu stai censurando la libera scelta dell'editore di pubblicare o non pubblicare un libro. Una casa editrice non può mica pubblicare tutti i libri che le presentano, quindi sceglie... e sceglie come gli pare essendo privata.

Ripeto che non conosco la vicenda, ma da quello che avete scritto propendo anche io per l'ipotesi di Ray, ciò che la casa aveva un diritto di prelazione sui nuovi libri. Non escludo però neanche la mossa propagandistica, in fin dei conti è una bella pubblicità questa della falsa censura.
Uno non è connesso  
Vecchio 05-07-2009, 11.51.26   #20
filoumenanike
Organizza eventi
 
L'avatar di filoumenanike
 
Data registrazione: 05-12-2008
Messaggi: 1,712
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Uno Visualizza messaggio
Filo per un momento ho dubitato che tu abbia scritto alcune cose sul serio.

Domani io voglio scrivere un libro sulle cospirazioni occulte dei klingon (una razza extraterrestre su Star Trek) e come queste stanno influenzando la nostra politica.
Se non trovo una casa editrice che me lo vuol pubblicare perchè tutte lo reputano, una boiata, non adatto ai loro lettori, non vendibile perchè nessuno lo comprerà o mettici quello che vuoi.......... griderò alla censura e guai se tu non ti darai da fare per sancire il mio diritto di dare la mia informazione.
Oppure domani mando un articolo che parla male di Franceschini al giornale Repubblica (esempio opposto a quello fatto nel 3d, esempio che avrei evitato volentieri) e se non me lo pubblicano (pagandomelo anche bene) faccio un casino....

Ma scherziamo? Sono aziende ed imprese private e come tali pubblicano quello che vogliono senza minimamente dover giustificare il perchè delle loro scelte.
Diverso il discorso di eventuali case editrici pubbliche, anzi li sarei proprio curioso di vedere come funzionano le scelte, perchè mica potranno pubblicare tutto tutto. E allora li si che sarebbe interessante conoscere il metodo di cernita.

Chiariamo una cosa, censura significa che tu non puoi pubblicare il libro neanche a spese tue, che tu non puoi parlarne, non puoi venderlo, non puoi leggerlo, non puoi neanche tenerlo manoscritto in casa... etc....
Quella non piacerebbe neanche a me, ma da li a dire che quella di cui parli è censura ne corre.

Con lo stesso principio che affermi si potrebbe dire che tu stai censurando la libera scelta dell'editore di pubblicare o non pubblicare un libro. Una casa editrice non può mica pubblicare tutti i libri che le presentano, quindi sceglie... e sceglie come gli pare essendo privata.

Ripeto che non conosco la vicenda, ma da quello che avete scritto propendo anche io per l'ipotesi di Ray, ciò che la casa aveva un diritto di prelazione sui nuovi libri. Non escludo però neanche la mossa propagandistica, in fin dei conti è una bella pubblicità questa della falsa censura.
Ho riflettuto su quanto avete detto ed effettivamente penso che abbiate ragione, una casa editrice privata può decidere quali libri pubblicare, a suo inisindacabile giudizio.
Il problema è la concentrazione elevata della editoria pubblica su un'unica persona, nel campo editoriale il presidente del consiglio "è il principale editore italiano nel settore libri e periodici, in quanto azionista di maggioranza della Mondadori, della Einaudi, Della Le Monier, della Frassinelli e di altre minori." Da considerare che la Frassinelli e la Le Monier pubblicano la maggioranza dei testi scolastici e dunque possono scegliere facilmente a quali argomenti storici dare maggiore rilevanza.

Sull'azione propagandistica, da me citata all'inizio, sono d'accordo...qualcuno all'interno della Einaudi potrebbe aver fatto emergere il fatto, che è diventato appunto "il caso" proprio per dargli un'evidenza particolare.

Ultima modifica di filoumenanike : 05-07-2009 alle ore 11.53.44.
filoumenanike non è connesso  
Vecchio 05-07-2009, 17.17.30   #21
ellebi111
Ristruttura la casa
 
L'avatar di ellebi111
 
Data registrazione: 25-03-2006
Residenza: Torino
Messaggi: 317
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da filoumenanike Visualizza messaggio
editoria pubblica su un'unica persona, nel campo editoriale il presidente del consiglio "è il principale editore italiano nel settore libri e periodici, in quanto azionista di maggioranza della Mondadori, della Einaudi, Della Le Monier, della Frassinelli e di altre minori."
E' interessante notare che alcune di queste case pubblicano i libri dei leader dell'opposizione. Delle due l'una: o questi leader in realtà di opposizione ne fanno veramente poca oppure il controllo sul cosa pubblicare non è così forte.

Citazione:
Da considerare che la Frassinelli e la Le Monier pubblicano la maggioranza dei testi scolastici e dunque possono scegliere facilmente a quali argomenti storici dare maggiore rilevanza.
Problema di indubbia grandezza. Anche perchè le informazioni all'interno di questi libri è sempre più scarna, 20 pagine per cose che starebbero benissimo in una.
__________________
Ogni tecnologia sufficientemente avanzata e' indistinguibile dalla magia.
ellebi111 non è connesso  
Vecchio 05-07-2009, 17.55.56   #22
filoumenanike
Organizza eventi
 
L'avatar di filoumenanike
 
Data registrazione: 05-12-2008
Messaggi: 1,712
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da ellebi111 Visualizza messaggio
E' interessante notare che alcune di queste case pubblicano i libri dei leader dell'opposizione. Delle due l'una: o questi leader in realtà di opposizione ne fanno veramente poca oppure il controllo sul cosa pubblicare non è così forte.


Problema di indubbia grandezza. Anche perchè le informazioni all'interno di questi libri è sempre più scarna, 20 pagine per cose che starebbero benissimo in una.
Sarebbe interessante studiare quali siano questi libri dell'opposizione, i temi su cui vertono, l'importanza politica che rivestono, non sempre chi fa l'opposizione parla di cose interessanti!
Pienamente d'accordo sul fatto che i leader dell'opposizione non sanno realmente gestire il loro ruolo!
Il tema dell'editoria era comunque a prescindere dai colori politici, chi fa politica di qualsiasi colore non dovrebbe avere tante case editrici a disposizione.
filoumenanike non è connesso  
Vecchio 05-07-2009, 19.17.26   #23
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,218
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da filoumenanike Visualizza messaggio
Sarebbe interessante studiare quali siano questi libri dell'opposizione, i temi su cui vertono, l'importanza politica che rivestono, non sempre chi fa l'opposizione parla di cose interessanti!
Pienamente d'accordo sul fatto che i leader dell'opposizione non sanno realmente gestire il loro ruolo!
Il tema dell'editoria era comunque a prescindere dai colori politici, chi fa politica di qualsiasi colore non dovrebbe avere tante case editrici a disposizione.
Purtroppo il problema c'è sempre stato e vale per tutta l'editoria. Ci sono sempre stati giornali, case editrici eccetera schierati politicamente. Tra l'altro, è molto difficile che un qualsiasi leader di una casa editrice, anche se non è impeganto in politica, non sostenga una o l'altra parte.
La cosa però diventa un vero problema solo se si travalicano certi limiti. Uno di questi sarebbe, se ci fosse, la censura vera, ossia una situazione in cui una determinata posizione non abbia nessuna possibilità di venire divulgata... in realtà questo non accade, esiste anche la stampa alternativa che urla a gran voce cose che vengono taciute (a loro detta) da entrambe le fazioni.
Anche la questione dei libri di testo è annoso. Per decenni questo ambito, nonchè la stragrande maggioranza degli insegnanti, è stato appannaggio della fazione politica opposta. Tuttavia, che sia da una o dall'altra parte, come dice LB, la faziosità non può che ridurre la qualità... come molte altre cose, si equilibra sempre in basso purtroppo.
Ray non è connesso  
Vecchio 05-07-2009, 20.23.09   #24
filoumenanike
Organizza eventi
 
L'avatar di filoumenanike
 
Data registrazione: 05-12-2008
Messaggi: 1,712
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Ray Visualizza messaggio
Purtroppo il problema c'è sempre stato e vale per tutta l'editoria. Ci sono sempre stati giornali, case editrici eccetera schierati politicamente. Tra l'altro, è molto difficile che un qualsiasi leader di una casa editrice, anche se non è impeganto in politica, non sostenga una o l'altra parte.
La cosa però diventa un vero problema solo se si travalicano certi limiti. Uno di questi sarebbe, se ci fosse, la censura vera, ossia una situazione in cui una determinata posizione non abbia nessuna possibilità di venire divulgata... in realtà questo non accade, esiste anche la stampa alternativa che urla a gran voce cose che vengono taciute (a loro detta) da entrambe le fazioni.
Anche la questione dei libri di testo è annoso. Per decenni questo ambito, nonchè la stragrande maggioranza degli insegnanti, è stato appannaggio della fazione politica opposta. Tuttavia, che sia da una o dall'altra parte, come dice LB, la faziosità non può che ridurre la qualità... come molte altre cose, si equilibra sempre in basso purtroppo.
Vivo in umbria, "terra rossa" dalla fine della guerra e i giornali subiscono la pressione del partito dominante, per pubblicare qualche articolo contro l'amministrazione locale devo fare salti mortali, l'unico giornale umbro di colore diverso non ha la stessa risonanza degli altri, pertanto se devo manifestare un'idea resto come bloccata in un sistema chiuso, rigido, che non esagero a chiamare regime.
Per questo mi preoccupo in genere contro tutto ciò che limita la libertà di espressione, la divulgazione di pensieri diversi, anche se sbagliati, da sottoporre comunque alla opinione di tutti per renderli partecipi, capaci di pensare in modo più oggettivo possibile!
filoumenanike non è connesso  
 


Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire nuovi messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare files
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice vB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Vai al forum


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 09.57.22.




Powered by vBulletin Copyright ©2000 - 2022, Jelsoft Enterprises Ltd.
Questo sito non è, nè può ritenersi assimilabile ad una testata giornalistica, viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale. Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina della l. n. 62 del 2001. Il materiale pubblicato è sotto la responsabilità dei rispettivi autori, tutti i diritti sono di Ermopoli.it che incoraggia la diffusione dei contenuti, purchè siano rispettati i seguenti principi: sia citata la fonte, non sia alterato il contenuto e non siano usati a scopo di lucro. P.iva 02268700271