Ermopoli
L'antica città della conoscenza
  
    
Torna indietro   Ermopoli > Forum > Tempio > Psicologia moderna e antica > Sogni

 
 
Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Vecchio 24-04-2011, 10.56.27   #1
diamantea
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di diamantea
 
Data registrazione: 29-03-2010
Messaggi: 2,696
Predefinito Fiume di fango

Mi trovo nel salone di casa mia, ma la disposizione delle porte è quella del salone di mia madre. Tuttavia le porte di mia madre sono di alluminio con le tapparelle, mentre quelle di casa mia sono di castagno con le persiane esterne, mentre nel sogno sono di legno bianco come quelle nel sogno della casa piena di porte.
Ho persone a casa, ospiti insieme a familiari, non ricordo bene chi comunque, siamo sia dentro il salone che fuori in balcone. Il lampadario è acceso, dentro è ben illuminato a contrasto con fuori che c'è una luce grigia, siamo all'imbrunire.
So che da li a breve accadrà qualcosa di grave, sono attenta mentre comunque parlo con gli ospiti.
Passa un'ora esatta ed ecco che dalla montagna scende un enorme fiume di fango, subito rientriamo tutti e chiudo le porte del balcone ma non faccio in tempo a chiudere le persiane.
Il fango ora è arrivato dietro la porta in balcone e sta premendo contro la porta per entrare, spero tenga bene, la porta è robusta anche se è solo quella a vetri. Il tutto si svolge solo da un porta esterna che sarebbe quella centrale. Siamo ora tutti a guardare la porta sperando che il fango non entri in casa ma vedo ora dalla fessura della soglia il fango che entra denso, di colore marrone scuro, allora lo pesto con decisione con il piede destro per schiacciarlo e fermarlo. In effetti il fango si ferma ma genera una forte pressione esterna che fa scardinare la porta dalla parte alta. Mi faccio aiutare subito a toglierla prima che si danneggi ulteriormente, penso che una porta di castagno costi un patrimonio. Ora sono senza porta ma vedo che il livello del fiume di fango è sceso sulla strada, abito a primo piano, così il pericolo di essere inondati di fango è cessato. Guardo ancora il danno che non è eccessivo ma certo dovrò farlo riparare, la porta è intatta, solo le cerniere attaccate al muro hanno bisogno di restauro, il fango pestato è ancora sulla soglia ma non ha sporcato molto. Ancora non mi capacito di come sia potuto salire fino al mio balcone danneggiandomi la porta ma penso la cosa importante è che io sia riuscita a fermarlo pestandolo e salvare la casa.
Mi affaccio fuori per vedere cosa sta succedendo. Fuori è tutto un paesaggio di fango che cola e copre tutto intorno, soprattutto verso Nord arrivando fino al mare, quindi oltre la mia abitazione, poi a Ovest faccio il giro intorno alla casa, il mio terreno è stato risparmiato, gli alberi sono intatti ed anche la terra è libera. Giro ancora a Sud e guardo il grande terrazzo di mia madre e lo vedo tutto coperto di fango, lei non è riuscita a proteggerlo, ci vorrà tanto tempo e tanta fatica per ripulire tutto, un lavoro di cui mi dovrò occupare io sicuramente a chiamare qualcuno per farlo.
Tutta questa pressione ha però generato il distacco della retina all'occhio destro. Ora non so a chi si riferisce questo danno fisico, è solo un sapere questa cosa che conclude il sogno e mi sveglio.
diamantea è connesso ora  
Vecchio 25-04-2011, 00.17.29   #2
diamantea
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di diamantea
 
Data registrazione: 29-03-2010
Messaggi: 2,696
Predefinito

Di nuovo il piede destro che pesta, ferma, blocca. Come nel sogno del demonio anche in questo con il piede fermo l'entrata del fango in casa mia. Il piede che funziona bene ora, pienamente riabilitato, ha forza ed energia tanto da scacciare il demonio e scacciare il fango. Il gesto mi sembra quello di scacciare le cose infime, i vermi, tutto ciò che non va toccato con le mani. Il piede sopra la testa è segno di sottomissione, così come il piede che schiaccia scaccia, scaccia il male, il nemico.

La porta che chiudo verso l'esterno mi sembra indichi le mie barriere protettive che in altri sogni non hanno funzionato mai bene, ma ora ha tenuto abbastanza malgrado non è chiusa bene con la doppia porta, quella esterna. Il fango riesce a penetrare dalla fessura della soglia ma io pestandolo con il piede riesco a fermarla, quindi mi pare che da parte mia ci sia l'azione diretta della difesa contro l'invasione esterna anche se bloccandola la pressione aumenta fino a scardinare la porta, la mia difesa dall'alto.
Qui la preoccupazione per la porta, per il danno subito alla struttura, non è grave ma avrà un suo costo in termini di denaro e di tempo, fastidio... quindi guardo anche l'aspetto pratico delle cose.

Questo sogno mi pare pure che indichi come io difenda la mia casa e chi vi ospito dentro dall'invasione esterna.
Poi faccio la ronda esterna per controllare cosa è successo intorno a me, quantificare eventuali danni, faccio il giro esterno della casa, verifico che tutto sia a posto mentre il terrazzo di mia madre è pieno di fango... anche qui ci sarà qualche legame, ho già visto la sua terrazza nel sogno dell'abito da sposa, anche in quel sogno come in questo pezzi di casa dei genitori è mescolata alla mia casa.

L'ora esatta che passa... non ho guardato l'orologio ma so che è passata un'ora esatta... potrebbe indicare la cognizione che ho del tempo, oppure non saprei ma mi sembra significativo perchè è troppo preciso come particolare che ricordo.

Infine questo distacco della retina... cosa vuol dire? è un evento grave che porta la cecità all'occhio colpito, ma cosa colpisce? e a chi appartiene quest'occhio? sicuramente a me visto che è il mio sogno, ma perchè proprio l'occhio destro? cecità che non fa vedere cosa? eppure sono molto attenta a ciò che succede, accolgo ciò che sale anche se ne farei volentieri a meno.
diamantea è connesso ora  
Vecchio 25-04-2011, 11.22.29   #3
diamantea
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di diamantea
 
Data registrazione: 29-03-2010
Messaggi: 2,696
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da diamantea Visualizza messaggio
Passa un'ora esatta ed ecco che dalla montagna scende un enorme fiume di fango...
Riflettevo sul significato della montagna... in effetti per me la montagna è il vulcano da dove esce il magma lavico a causa della pressione interna. Nel sogno è un fiume in quanto vi è lo scorrere di questo fango anche liquido verso il mare, così come si dice fiume di lava, esce a pressione, è un evento che sento sta per accadere.
L'attività del vulcano indicherebbe le pulsioni o i drammi a lungo nascosti che non riuscendo più a contenerli fuoriescono a pressione investendo qualsiasi cosa si trovi sul percorso. Fango in quanto sporco, o Nero che va affrontato. Ma trattandosi di Nero può indicare anche poco chiaro o da chiarire.
E' un sogno profetico, come quello del demonio, in quanto sta realmente accadendo ma non a me, bensì ad un persona di famiglia che mi ha investita di questo dramma ed io in qualche modo sto cercando di contenere tuttavia senza far entrare troppo nel mio nucleo familiare.
Anche i punti cardinali penso indichino questo mio non voler farmi invadere nella sfera emotiva, ma lasciare tutto oltre la testa se il Nord indica la testa. I punti cardinali indicano i 4 elementi della terra e il Nord in quanto cielo, aria, indica i pensieri, quindi la testa. Tutto questo fiume infatti si riversa interamente a Nord, rendendo il paesaggio plumbleo, eliminando ogni costruzione davanti, ha ricoperto interamente la zona testa, pensieri che distruggono tutto quello che si è costruito, ma non sono miei, io lascio oltre la mia casa, tuttavia sono chiamata ad aiutare, a ripulire la terrazza di mia madre, l'unica cosa a Sud ricoperta di fango. Il Sud indica la terra e quindi la madre, e mia madre è chiamata in causa. La cosa mi investe in prima persona, è una dinamica familiare che mi riguarda in quanto membro di famiglia ma non proviene da me direttamente, ho deciso per ora di lasciare questa cosa fuori di casa mia pur occupandomene, e ci riesco infatti la mia casa nel sogno è salva almeno per ora.
Quello che mi preoccupa è il distacco della retina che mi arriva come un'informazione o un avvertimento non saprei.
Il distacco della retina deriva da una malattia che rende l'occhio cieco... qui potrei pensare che è qualcosa che non voglio vedere ma se fosse così dovevo avere già l'occhio cieco, ma io guardo, osservo, uso la vista per guardare, calcolo i danni, quindi il distacco della retina è provocato da qualcosa di grave, di malato, come il diabete, quindi un eccesso di zuccheri ovvero di emotività, che non fa vedere come dovrei, oppure dovrei pensare al distacco dell'osservatore, guardare senza farmi coinvolgere, altrimenti rischio di non poter più guardare qualcuno ad es. non saprei dire.

Un'ora è un tempo definito che può indicare un ciclo, come un anno ad es., un anno di Lavoro, di sogni, di rinforzo del maschile per poter affrontare e fronteggiare con i piedi a terra (pestare e schiacciare con il piede destro). Andare verso Sud può voler dire anche tornare alla terra, coi piedi a terra, ancorati a terra per non perdere il controllo se si sta troppo nella testa, nell'emotività dei pensieri distruttivi.
Solo non devo perdere la vista dell'occhio destro, ma non so dare significato preciso, non so se c'entra con il discorso dell'emisfero sinistro con cui guardare al lato emotivo, è solo una supposizione per cui se qualcuno di voi lo sa mi può dare indicazioni o Rayutini

Ultima modifica di diamantea : 25-04-2011 alle ore 11.26.41.
diamantea è connesso ora  
 


Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire nuovi messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare files
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice vB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Vai al forum

Discussioni simili
Discussione Autore discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Corsica mon amour griselda Viaggi 5 08-06-2008 00.41.32
Fango griselda Testi Canzoni 2 01-02-2008 03.33.31
Sono come il fiume che scorre... Aria Letteratura & Poesia 0 27-10-2007 01.55.43
Come un fiume che scorre Pandora Letteratura & Poesia 0 05-03-2007 18.29.15
L'acqua e il tempo Uno Aforismi, Proverbi, Modi di dire 14 28-07-2006 07.13.00


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 11.50.59.




Powered by vBulletin Copyright ©2000 - 2020, Jelsoft Enterprises Ltd.
Questo sito non è, nè può ritenersi assimilabile ad una testata giornalistica, viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale. Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina della l. n. 62 del 2001. Il materiale pubblicato è sotto la responsabilità dei rispettivi autori, tutti i diritti sono di Ermopoli.it che incoraggia la diffusione dei contenuti, purchè siano rispettati i seguenti principi: sia citata la fonte, non sia alterato il contenuto e non siano usati a scopo di lucro. P.iva 02268700271