Ermopoli
L'antica città della conoscenza
  
    
Torna indietro   Ermopoli > Forum > Giardino Filosofico > Aforismi, Proverbi, Modi di dire

 
 
Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Vecchio 19-04-2007, 23.41.44   #1
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,218
Predefinito La lingua batte dove il dente duole

Proverbio piuttosto noto, facente parte del parlar comune. Indica la tendenza a sottolineare o a tirare in ballo proprio le questioni che più spiacevoli.

E' in qualche modo un meccanismo automatico forse... ci accorgiamo di aver tirato fuori proprio l'argomento che facevamo meglio ad evitare... ma facevamo davvero meglio? Sta lingua fa bene o male a battere?
Ray non è connesso  
Vecchio 20-04-2007, 17.51.38   #2
jezebelius
Organizza eventi
 
L'avatar di jezebelius
 
Data registrazione: 27-02-2005
Messaggi: 1,865
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Ray Visualizza messaggio
Proverbio piuttosto noto, facente parte del parlar comune. Indica la tendenza a sottolineare o a tirare in ballo proprio le questioni che più spiacevoli.

E' in qualche modo un meccanismo automatico forse... ci accorgiamo di aver tirato fuori proprio l'argomento che facevamo meglio ad evitare... ma facevamo davvero meglio? Sta lingua fa bene o male a battere?
Mi sento di rispondere alle domande con un : " Dipende ".
Dipende perchè il tirar fuori un argomento che potrebbe risultare antipatico, da colui che lo subisce potrebbe esser visto come un torto. Mi pare che gia se ne sia parlato e mi pare allo stesso modo che potrebbe non essere un meccanismo " automatico" di chi fa in modo che la lingua " batta" su quel punto, quanto invece una tendenza, anche se inconsapevole, a sottolineare un fatto.
E spiacevole si ma ciò che più conta a mio avviso è l'intenzione che inevitabilmente riveste l'azione e come questa si usa.
__________________
Dr. Marc Haven
“Non deve essere l’alba di luce che deve iniziare ad avvisare la tua anima di tali doveri giornalieri e dell’ora in cui gli incensi devono bruciare sui fornelli; è la tua voce, solo lei che deve chiamare l’alba di luce e farla brillare sulla tua opera, alfine che tu possa dall’alto di questo Oriente, riversarla sulle nazioni addormentate nella loro inattività e sradicarle dalle tenebre in cui versano.”
jezebelius non è connesso  
Vecchio 20-04-2007, 22.47.15   #3
stella
Organizza eventi
 
L'avatar di stella
 
Data registrazione: 09-04-2006
Messaggi: 2,225
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da jezebelius Visualizza messaggio
Mi sento di rispondere alle domande con un : " Dipende ".
Dipende perchè il tirar fuori un argomento che potrebbe risultare antipatico, da colui che lo subisce potrebbe esser visto come un torto. Mi pare che gia se ne sia parlato e mi pare allo stesso modo che potrebbe non essere un meccanismo " automatico" di chi fa in modo che la lingua " batta" su quel punto, quanto invece una tendenza, anche se inconsapevole, a sottolineare un fatto.
E spiacevole si ma ciò che più conta a mio avviso è l'intenzione che inevitabilmente riveste l'azione e come questa si usa.
Secondo me questo modo di dire significa che se una cosa ci fa male si tende a ritornarci sopra, qualche volta anche in maniera controproducente.... però il dolore è positivo perchè è un campanello d'allarme che indica che qualcosa non va e ci dovrebbe far correre ai ripari prima dell'irreparabile....
Cioè tenendo quella cosa dentro di noi si cerca di reprimerla, battendoci sopra invece si fa emergere e in qualche maniera si cerca di lenire il dolore...
Che poi questo dolore ci sia provocato da qualcuno a cui insistendo su quel punto facciamo un torto, non credo sia intenzionale....
Il dolore provoca sempre una reazione a cui è naturale reagire.... la lingua batte sempre su quel punto fino a che non si elimina la causa del dolore....
O togliere il dente che causa il dolore, cioè eliminare la causa, o curarlo...
La lingua batte dove il dente duole direi quasi in maniera automatica..... e fa bene a battere, invece che far finta che non sia successo nulla... si evitano sicuramente guai peggiori...
stella non è connesso  
Vecchio 21-04-2007, 00.05.44   #4
RedWitch
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di RedWitch
 
Data registrazione: 20-12-2004
Messaggi: 3,529
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Ray Visualizza messaggio
Proverbio piuttosto noto, facente parte del parlar comune. Indica la tendenza a sottolineare o a tirare in ballo proprio le questioni che più spiacevoli.

E' in qualche modo un meccanismo automatico forse... ci accorgiamo di aver tirato fuori proprio l'argomento che facevamo meglio ad evitare... ma facevamo davvero meglio? Sta lingua fa bene o male a battere?
Se vado a toccare un argomento spiacevole per l'altra persona in maniera automatica, e mi accorgo dopo che questa persona non gradisce l'argomento, dopo che me ne sono accorta, cerco di non continuare a girare il coltello nella piaga, e di non fare del male inutilmente a chi mi sta davanti... diverso sarebbe il discorso se consapevolmente anche attraverso un argomento spiacevole, potessi dare una mano a chi ho di fronte.. in quel caso, varrebbe anche girare un po' il coltello nella piaga a fin di bene..
RedWitch non è connesso  
Vecchio 21-04-2007, 07.34.12   #5
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,218
Predefinito

Dalle vostre risposte deduco che il proverbio, nel parlar comune, viene utilizzato anche in maniera impropria.

Il significato dovrebbe essere la tendenza che uno ha a tirare fuori l'argomento che duole a lui e non ad un altro. Infatti la mia lingua non può battere sul dente che duole a te.

Che poi eventualmente, per il meccanismo degli specchi, lo si tenda a fare proprio con chi ha la stessa carie o una carie complementare in modo da avere risonanza ci può stare e rende la cosa più nebulosa. In ogni caso il discorso resta: la mia lingua batte dove il dente duole a me... se poi lo faccio con te e anche a te duole quel dente e anche la tua lingua si mette a battere li, beh...
Ray non è connesso  
Vecchio 21-04-2007, 11.29.44   #6
Faltea
Partecipa agli eventi
 
Data registrazione: 18-03-2007
Messaggi: 1,164
Predefinito

Ritengo anch'io che il concetto di "la lingua batte dove il dente duole" sia soggettivo, concordo con il pensiero di Ray.
Batte per risolvere per portare il corpo/mente all'attenzione del dolore di conseguenza alla causa.
Se poi il mio dente ha la stessa carie di chi mi sta di fronte non credo ci sia intenzionalità nel far dolere anche la carie altrui...
Anzi, l'effetto specchio può dar spunti per una maggiore considerazione delle cause, spunti che possono essere condivisi con chi ha lo stesso dolore in modo da affrontare e risolvere il problema in due (tre..) invece che da soli.
La lingua batte dove il dente duole se poi batte anche a te sullo stesso dente e per lo stesso motivo, meglio il confronto ci può portare alla risoluzione più velocemente che una meditazione/sofferenza solitaria.
Faltea non è connesso  
Vecchio 21-04-2007, 11.36.57   #7
RedWitch
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di RedWitch
 
Data registrazione: 20-12-2004
Messaggi: 3,529
Predefinito

Hai ragione avevo proprio capito male..

Effettivamente, basta pensare al gesto , fisicamente, la mia lingua, continua a cercare , a battere sul dente che duole (in maniera automatica, è vero che la lingua continua a cercare il dente che fa male, e più tocca e più il dente fa male e mi convinco ad andare dal dentista anche se vorrei evitarlo... ).

Se l'argomento che continua ad uscire, fa male, duole, e lo trovo "inopportuno", alla fin fine invece vuole proprio dire che è lì che devo andare a vedere cosa c'è che non va.. che c'è qualcosa da risolvere. Quindi non si tratta nemmeno di automatismo ma.. di inconscio?.. perchè è da dentro che continua a fare capolino, continua a tornarmi in mente proprio quell' argomento, e mi fa male, e anche se lo ricaccio giù continua a salire... da una parte di me che non conosco, ma che esiste...

RedWitch non è connesso  
Vecchio 21-04-2007, 12.25.55   #8
jezebelius
Organizza eventi
 
L'avatar di jezebelius
 
Data registrazione: 27-02-2005
Messaggi: 1,865
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da RedWitch Visualizza messaggio
Hai ragione avevo proprio capito male..
Se l'argomento che continua ad uscire, fa male, duole, e lo trovo "inopportuno", alla fin fine invece vuole proprio dire che è lì che devo andare a vedere cosa c'è che non va.. che c'è qualcosa da risolvere. Quindi non si tratta nemmeno di automatismo ma.. di inconscio?.. perchè è da dentro che continua a fare capolino, continua a tornarmi in mente proprio quell' argomento, e mi fa male, e anche se lo ricaccio giù continua a salire... da una parte di me che non conosco, ma che esiste...
Beh...figurati io...

Effettivamente per quel che accade a me l'avevo dato per scontato.
Credo però che il discorso sia espandibile anche nel senso altrui e cioè che noi stessi facciamo in modo che la lingua dell'altro possa battere sulla parte che gli fa male, anche semi rendo conto esula un po..

Una domanda: perchè la lingua in un modo che può sembrare automatico ma che in fondo non credo lo sia, continua a battere su un punto determinato? Forse perchè nel suo " muoversi all'interno della bocca " tende ad individuare tutto ciò che è al di fuori di una probabile normalità o almeno quella che lei considera tale?
__________________
Dr. Marc Haven
“Non deve essere l’alba di luce che deve iniziare ad avvisare la tua anima di tali doveri giornalieri e dell’ora in cui gli incensi devono bruciare sui fornelli; è la tua voce, solo lei che deve chiamare l’alba di luce e farla brillare sulla tua opera, alfine che tu possa dall’alto di questo Oriente, riversarla sulle nazioni addormentate nella loro inattività e sradicarle dalle tenebre in cui versano.”
jezebelius non è connesso  
Vecchio 21-04-2007, 12.34.28   #9
RedWitch
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di RedWitch
 
Data registrazione: 20-12-2004
Messaggi: 3,529
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da jezebelius Visualizza messaggio

Una domanda: perchè la lingua in un modo che può sembrare automatico ma che in fondo non credo lo sia, continua a battere su un punto determinato? Forse perchè nel suo " muoversi all'interno della bocca " tende ad individuare tutto ciò che è al di fuori di una probabile normalità o almeno quella che lei considera tale?
Ti rispondo per quel che è la mia esperienza.. ti è mai capitato che ti togliessero un dente? per un po', finchè non "diventa" normale , la lingua va a toccare sempre quel punto. Stesso discorso quando per esempio ti si rompe un dente.. o hai una carie.. in quel caso, io credo che sia proprio una questione di "abitudine"..
RedWitch non è connesso  
Vecchio 21-04-2007, 13.27.09   #10
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,654
Predefinito

Io metto vicino un'altra frase, non comunissima ma conosciuta da qualcuno (se non altro perchè l'ho già scritta ):

"ci accorgiamo di avere un braccio solo quando ci fa male"

che pur prendendo la cosa da un'altro punto di vista ha molto... tutto... in comune con il modo di dire più conosciuto.
Uno non è connesso  
Vecchio 21-04-2007, 17.29.00   #11
Faltea
Partecipa agli eventi
 
Data registrazione: 18-03-2007
Messaggi: 1,164
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da RedWitch Visualizza messaggio
Ti rispondo per quel che è la mia esperienza.. ti è mai capitato che ti togliessero un dente? per un po', finchè non "diventa" normale , la lingua va a toccare sempre quel punto. Stesso discorso quando per esempio ti si rompe un dente.. o hai una carie.. in quel caso, io credo che sia proprio una questione di "abitudine"..
Aggiungo solo che la salivazione è un cicatrizzante naturale, forse è anche per questo che la lingua, portatrice di saliva, "batte dove il dente duole"....
Faltea non è connesso  
Vecchio 22-04-2007, 15.43.57   #12
griselda
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di griselda
 
Data registrazione: 07-01-2006
Messaggi: 7,996
Predefinito

La lingua è il radar della bocca appena c'è qualcosa che lei realizza come anomalo lo segnala come un antifurto che suona in continuazione.
La lingua batte dove il dente duole.....l'ho sempre interpretato come un fastidio provocato da qualcosa che esce della nomalità e quindi si nota.
Ad esempio uno mi fa uno sgarbo ed ecco che la mente torna e ritorna su quell'episodio sino a che non si è "limato il dente" ovvero si chiarita la faccenda. Oppure quando non si è accettato qualcosa che riteniamo anomalo, come fa la lingua che non ci appartiene, che non è del proprio "habitat" continuando a "torturarci" scandagliando la parte in questione che sia fisica o psicologica.
Solo in quel momento che la lingua rileva quel difetto ci accorgiamo di averlo, come quando qualcuno ci fa rilevare qualcosa ci accorgiamo del rilievo che non vorremmo avere, attraverso il fastidio che proviamo.
Per quanto riguarda il braccio pure lui quando esce dalla normalità ci accorgiamo di averlo mentre prima non ne avevamo coscienza solo l'uscire dalla normalità delle cose ci fa rendere conto di ciò che esiste in noi e fuori di noi.
Wow mi mancavano i bei minestroni
griselda non è connesso  
Vecchio 23-04-2007, 11.27.08   #13
RedWitch
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di RedWitch
 
Data registrazione: 20-12-2004
Messaggi: 3,529
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Uno Visualizza messaggio
"ci accorgiamo di avere un braccio solo quando ci fa male"

Non prestiamo mai attenzione a ciò che diamo per scontato.. se siamo in salute, non ci accorgiamo nemmeno di avere un corpo, deve farci male il braccio per sentirlo.. allo stesso modo se abbiamo un malessere al livello psicologico, finchè non incorre qualcosa a farcelo notare per forza, facciamo finta di niente.. non ci ascoltiamo, ci dimentichiamo di farlo costantemente...
RedWitch non è connesso  
Vecchio 23-04-2007, 12.46.05   #14
jezebelius
Organizza eventi
 
L'avatar di jezebelius
 
Data registrazione: 27-02-2005
Messaggi: 1,865
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da RedWitch Visualizza messaggio
Non prestiamo mai attenzione a ciò che diamo per scontato.. se siamo in salute, non ci accorgiamo nemmeno di avere un corpo, deve farci male il braccio per sentirlo.. allo stesso modo se abbiamo un malessere al livello psicologico, finchè non incorre qualcosa a farcelo notare per forza, facciamo finta di niente.. non ci ascoltiamo, ci dimentichiamo di farlo costantemente...
Ecco " costantemente ".
Penso al fatto che ci accorgiamo, come hai detto te, del braccio solo quando fa male proprio perchè " non badiamo " a questa presenza,unitaria del corpo ma anche singola come arto.
Se invece sapessimo porre attenzione in maniera costante cosa accadrebbe?
Probabilmente sapremmo sempre di avere un braccio, coi suoi dolori o anche no. Ma in questo caso, l'approcccio al dolore potrebbe essere diverso?
__________________
Dr. Marc Haven
“Non deve essere l’alba di luce che deve iniziare ad avvisare la tua anima di tali doveri giornalieri e dell’ora in cui gli incensi devono bruciare sui fornelli; è la tua voce, solo lei che deve chiamare l’alba di luce e farla brillare sulla tua opera, alfine che tu possa dall’alto di questo Oriente, riversarla sulle nazioni addormentate nella loro inattività e sradicarle dalle tenebre in cui versano.”
jezebelius non è connesso  
Vecchio 23-04-2007, 14.52.53   #15
Faltea
Partecipa agli eventi
 
Data registrazione: 18-03-2007
Messaggi: 1,164
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da jezebelius Visualizza messaggio
Ecco " costantemente ".
Penso al fatto che ci accorgiamo, come hai detto te, del braccio solo quando fa male proprio perchè " non badiamo " a questa presenza,unitaria del corpo ma anche singola come arto.
Se invece sapessimo porre attenzione in maniera costante cosa accadrebbe?
Probabilmente sapremmo sempre di avere un braccio, coi suoi dolori o anche no. Ma in questo caso, l'approcccio al dolore potrebbe essere diverso?
Rispondo per esperienza personale:
Passibile di critiche peraltro

Quando praticavo la meditazione con una certa costanza, come primo passo usavo sempre la coscienza del corpo.
(L'insegnano anche a chi sta per avere un bimbo.... Respirazione, concentrazione su un'arto, rilassarlo e passare all'altro.)
Partivo dal dito mignolo e su fino alla spalla.. focalizzavo ogni singola parte del braccio.
Questa era il rilassamento poi si andava alla fase meditativa ma non è questo il post adatto per parlarne .
Questo mi ha portato (per quel periodo) ad avere maggior coscienza degli arti, e posso dire che quando sbattevo con un braccio o un piede contro qualcosa il dolore era.. difficile spiegare... circoscritto, esattamente ad un punto preciso.. definibile immediatamente, senza l'osservazione...
C'era più attenzione al dolore, più concentrazione.
Non più dolore, solo ci facevo più caso.
Ora sbatacchio in giro e due secondi dopo non ricordo più né il dolore né che ho preso la botta...


Me ne ricordo sotto la doccia quando faccio la piantina degli ematomi...

Forse sono un caso patologico di sbatacchio-psicosi...
Vabbé ho capito........................
Faltea non è connesso  
 


Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire nuovi messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare files
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice vB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Vai al forum


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 21.03.17.




Powered by vBulletin Copyright ©2000 - 2023, Jelsoft Enterprises Ltd.
Questo sito non è, nè può ritenersi assimilabile ad una testata giornalistica, viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale. Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina della l. n. 62 del 2001. Il materiale pubblicato è sotto la responsabilità dei rispettivi autori, tutti i diritti sono di Ermopoli.it che incoraggia la diffusione dei contenuti, purchè siano rispettati i seguenti principi: sia citata la fonte, non sia alterato il contenuto e non siano usati a scopo di lucro. P.iva 02268700271