Ermopoli
L'antica città della conoscenza
  
    
Torna indietro   Ermopoli > Forum > Accademia > Scienza

 
 
Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Vecchio 29-08-2007, 23.38.23   #1
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,218
Predefinito La Matematica (i Numeri)

La matematica è la Scienza per eccellenza. Questo vale specificatamente in questa sezione, quindi parlando di "scienze" nel senso moderno del termine, infatti tutte le altre scienze per definirsi tali usano la matematica, mentre essa può fare a meno di qualunque altra, ma vale anche in tutto il forum in generale, per quanto riguarda tutti gli argomenti cari a questa cittadina. La parola "matematica" vuol dire "insegnamento".

Lo studio dell'esoterismo richiede delle basi matematiche. Di più: richiede la conoscenza di alcuni basilari procedimenti matematici, in quanto questi procedimenti sono a loro volta alla base dello stesso pensiero, senza definirlo meglio, quella cosa che ci permette di collegare.
Questa necessità viene dal fatto che studiare matematica corrisponde a studiare simbologia. Essa infatti studia le correlazioni di concetti astratti a cui si da il compito di rappresentare la realtà. Cercando le Leggi dietro al mondo fenomenico essa dunque tende alla ri-salita. Si può definire la simbologia allo stesso modo.

Non voglio annoiarvi con lunghe introduzioni, mi limito a proporre uno studio serio sulle basi di quella che chiamiamo matematica (altri tread su geometria e altro seguiranno). Per basi intendo più o meno quel che si fa alle elementari (o si dovrebbe fare). Perchè serio? Perchè a mio avviso al giorno d'oggi quel che viene insegnato a scuola non è che l'ombra, il simulacro della matematica e da ciò dipende la maggior parte dei cattivi sentimenti e delle false "mancate predisposizioni" oggidì così comuni. Cattivi sentimenti e false mancate predisposizioni che poi si traducono in mancate comprensioni a fondo di concetti dati per scontati ma per nulla semplici in realtà e che invece, se capiti a fondo, aprono la Mente in modi che pochi riescono ad immaginare.

Prima di concludere mi preme dire un'altra cosa. Moltissime persone associano alla matematica qualcosa che chiamano "fredda logica". Questo corrisponde a quanto di più lontano dalla realta ci possa essere.
Come prima cosa la logica non è fredda ma rigorosa. Ma più importante di tutto la matematica, quella vera, è enormemente emozionale, richiede logica e intuizione quasi nella stessa misura ed è capace di produrre nell'essere quelle emozioni "intellettuali" che si ottengono solo quando si coglie un collegamento nuovo, quando qualcosa "torna". Nulla più della matematica permette di "scoprire". La matematica fatta bene richiede e sviluppa l'uso di entrambe le parti del cervello.
Solo per fare due esempi riduttivi, la matematica nascosta nella Divina Commedia e l'esplosione di Archimede (eureka!) mostrano decisamente quanto sia "fredda" se usata bene.

Mi fermo o mi scappa un'ode... lascio ad eventuali commenti prima di partire coi numeri (forse il concetto più difficle che esista)...

Ultima modifica di Ray : 29-08-2007 alle ore 23.41.33.
Ray non è connesso  
Vecchio 30-08-2007, 02.10.51   #2
jezebelius
Organizza eventi
 
L'avatar di jezebelius
 
Data registrazione: 27-02-2005
Messaggi: 1,865
Predefinito

Sinceramente...ho sempre avuto problemi ( ma guarda un po.. ) con la matematica.
Quella, per cosi dire, insegnata a scuola, quella tradizionalmente seguente programmi ministereriali ( che avranno pure la loro utilità sicuramente ) non mi ha mai " attirato" più di tanto, anche se, devo dire, enormemente interessante.
Sicuramente per una sorta di svogliatezza derivante da una "chiusura " nei confronti di " una " matematica, come hai detto te, per certi versi " fredda ".
Nulla di più sbagliato ma questo, ed è l'altro aspetto, trova la sua fonte anche nel trasmettere, o anche trasmettere parzialmente, e per quello che si può, "concetti freddi " ovvero sia privi di quella passione che l'insegnamento e dunque l'insegnante dovrebbe possedere.
Devo aggiungere che non lo trovavo inutile - anche se a volte la mia passività innanzi a concetti matematici era enorme e a questa svogliatezza sostituivo l'inutilità della materia - ma se per un verso pensavo che non sarei mai arrivato a capire un concetto, per l'altro rifiutavo la " freddura " con la quale il Prof veniva a lezione ed elargiva ragionamenti interessanti ma freddi per l'appunto. Capisco allora cosa si intende quando si parla di fredda logica.
Certamente, poi, il tutto risultante dalla mia incapacità di chiedere di esser chiarito un concetto o un ragionamento ( matematico nella fattispecie).
Vabbè...tutto questo per dire...che leggo
__________________
Dr. Marc Haven
“Non deve essere l’alba di luce che deve iniziare ad avvisare la tua anima di tali doveri giornalieri e dell’ora in cui gli incensi devono bruciare sui fornelli; è la tua voce, solo lei che deve chiamare l’alba di luce e farla brillare sulla tua opera, alfine che tu possa dall’alto di questo Oriente, riversarla sulle nazioni addormentate nella loro inattività e sradicarle dalle tenebre in cui versano.”
jezebelius non è connesso  
Vecchio 10-09-2007, 00.52.59   #3
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,218
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da jezebelius Visualizza messaggio
Sinceramente...ho sempre avuto problemi ( ma guarda un po.. ) con la matematica.
Oltre a quanto già detto da entrambi sulla situazione odierna riguardante l'insegnamento di questa materia, se hai sempre avuto problemi con la matematica, psicologicamente, ti consiglierei di indagare sui rapporti con le figure maschili di riferimento, paterna in primis. La matematica permette collegamenti insospettati...

Ma veniamo al concetto di numero. Sopra ho detto che è uno dei concetti più difficili che esistano, eppure fanno parte del bagaglio di nozioni di tutti. Tuttavia, per rendervi conto di quanto vado sostenendo è sufficiente che proviate a dare una definizione di numero. Chi ha voglia provi a pensarci e fare dei tentativi... mi interesserebbe molto sviscerare i percorsi mentali e le varie difficoltà incontrate.

Per anticipare qualcosa dico che, generalmente, il numero viene considerato un'entità astratta (non sensibile) che serve per descrivere una quantità. Questo non fa altro che spostare le difficoltà - e neanche tutte - sul termine quantità. Si finisce in filosofia e non vorrei appensatire il tutto più del necessario, accenno solo per il momento che ci scontriamo con la "quantità" quasi da subito nel nostro percorso cognitivo del mondo, forse già dalla prima partizione: me-altro da me.

Attualmente si tende a utilizzare il concetto di "insieme" per parlare di numeri. Si sfrutta una struttura da applicare a qualcosa che è prettamente intuitivo... ed ecco che "due" indica l'insieme delle mie mani, ma anche per indicare l'insieme delle zampe di un gatto mi serve "quattro". Tecnicamente si rileva una corrispondenza biunivoca (terminologia che vedremo) tra i numeri e degli ambienti semantici... quindi una correlazione con qualcosa altro. Questo in sintesi (ma se non si capisce approfondiamo - è più importante di quanto si possa pensare) il motivo per cui alle elementari si inizia dall'insiemistica... motivo abbastanza valido a mio avviso... lo spiegassero sarebbe pure meglio.

Nonostante ciò (collegamento con ambiti semantici o "insiemi"), ovvero il collegamento tra numero e contesti di riferimento, il numero si ostina ad esistere anche deprivato di tali contesti. Dimostro subito quanto dico: ognuno di voi può fare questa esperienza... pensare un numero o il concetto di numero, senza collegarlo a nulla, neanche al segno con cui viene indicato. E' una specie di piccola meditazione a tema... se provate (e vi ci sforzate un pochetto) potreste avere delle sorprese...

Proseguendo (ovviamente possiamo tornare su qualsiasi punto) asserisco qualcosa di forse inaspettato. Quel che viene normalmente inteso come "numeri" in realtà non esiste. Di solito la gente pensa che ci siano molti numeri, alcuni pensano che ce ne sono 10 e le loro combinazioni, la stessa matematica, per semplificare i termini, dice che i numeri sono infiniti.

In realtà esiste solo il numero 1. Tutti gli altri non sono numeri nel pieno senso del termine, sono solo delle cifre o dei segni che indicano brevemente sequenze più o meno lunghe di uni. Già dire sequanze è inesatto... una sequenza, una sequenza di sequenze e via così sarebbe meglio...

Che cosa vuol dire? Che l'unico vero concetto è il numero 1, tutto gli altri sono ripetizioni di quel concetto... concetti figli che, se analizzati, dipendono direttamente dall'uno, mentre egli non dipende da nessun altro.

In matematica servono solo due cose: il numero uno e la sequenza, ovvero quel che in realtà è una pratica: contare.


Forse post un po' complesso... pausa per interventi.
Ray non è connesso  
Vecchio 10-09-2007, 01.19.17   #4
griselda
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di griselda
 
Data registrazione: 07-01-2006
Messaggi: 7,994
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Ray Visualizza messaggio

Ma veniamo al concetto di numero. Sopra ho detto che è uno dei concetti più difficili che esistano, eppure fanno parte del bagaglio di nozioni di tutti. Tuttavia, per rendervi conto di quanto vado sostenendo è sufficiente che proviate a dare una definizione di numero. Chi ha voglia provi a pensarci e fare dei tentativi... mi interesserebbe molto sviscerare i percorsi mentali e le varie difficoltà incontrate.
Il numero per me è un simbolo grafico che mi da l'idea della quantità dell'oggetto di cui stiamo parlando. Ma questo lo hai già detto sotto ma altro non saprei aggiungere. Forse non ho capito la domanda.

Citazione:
Originalmente inviato da Ray Visualizza messaggio

Nonostante ciò (collegamento con ambiti semantici o "insiemi"), ovvero il collegamento tra numero e contesti di riferimento, il numero si ostina ad esistere anche deprivato di tali contesti. Dimostro subito quanto dico: ognuno di voi può fare questa esperienza... pensare un numero o il concetto di numero, senza collegarlo a nulla, neanche al segno con cui viene indicato. E' una specie di piccola meditazione a tema... se provate (e vi ci sforzate un pochetto) potreste avere delle sorprese...
Proverò perchè così a mente non mi riesce nulla senza pensare alla forma o alla rappresentazione dello stesso.

Citazione:
Originalmente inviato da Ray Visualizza messaggio
Proseguendo (ovviamente possiamo tornare su qualsiasi punto) asserisco qualcosa di forse inaspettato. Quel che viene normalmente inteso come "numeri" in realtà non esiste. Di solito la gente pensa che ci siano molti numeri, alcuni pensano che ce ne sono 10 e le loro combinazioni, la stessa matematica, per semplificare i termini, dice che i numeri sono infiniti.

In realtà esiste solo il numero 1. Tutti gli altri non sono numeri nel pieno senso del termine, sono solo delle cifre o dei segni che indicano brevemente sequenze più o meno lunghe di uni. Già dire sequanze è inesatto... una sequenza, una sequenza di sequenze e via così sarebbe meglio...

Che cosa vuol dire? Che l'unico vero concetto è il numero 1, tutto gli altri sono ripetizioni di quel concetto... concetti figli che, se analizzati, dipendono direttamente dall'uno, mentre egli non dipende da nessun altro.

In matematica servono solo due cose: il numero uno e la sequenza, ovvero quel che in realtà è una pratica: contare.
Intendi dire che esiste il gatto e che gatto, gatto, gatto, gatto, 1 2 3 4, sono 1 + 1 + 1 + 1 sono 4 gatti ?


Si possono richiedere ripetizioni ?
Grazie
griselda non è connesso  
Vecchio 10-09-2007, 01.50.20   #5
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,218
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da griselda Visualizza messaggio
Intendi dire che esiste il gatto e che gatto, gatto, gatto, gatto, 1 2 3 4, sono 1 + 1 + 1 + 1 sono 4 gatti ?

Proprio così, hai colto perfettamente.

L'unica cosa è che non abbiamo ancora detto nulla di "+"... diciamo per adesso che esiste gatto e gatto e gatto e gatto...
Ray non è connesso  
Vecchio 10-09-2007, 10.44.32   #6
RedWitch
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di RedWitch
 
Data registrazione: 20-12-2004
Messaggi: 3,529
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Ray Visualizza messaggio
Ma veniamo al concetto di numero. Sopra ho detto che è uno dei concetti più difficili che esistano, eppure fanno parte del bagaglio di nozioni di tutti. Tuttavia, per rendervi conto di quanto vado sostenendo è sufficiente che proviate a dare una definizione di numero. Chi ha voglia provi a pensarci e fare dei tentativi... mi interesserebbe molto sviscerare i percorsi mentali e le varie difficoltà incontrate.

Per anticipare qualcosa dico che, generalmente, il numero viene considerato un'entità astratta (non sensibile) che serve per descrivere una quantità. Questo non fa altro che spostare le difficoltà - e neanche tutte - sul termine quantità. Si finisce in filosofia e non vorrei appensatire il tutto più del necessario, accenno solo per il momento che ci scontriamo con la "quantità" quasi da subito nel nostro percorso cognitivo del mondo, forse già dalla prima partizione: me-altro da me.

Anche per me il termine numero definisce qualcosa di astratto, che non fa parte della mia realtà, pero' nello stesso tempo, è significa avere un riferimento ben preciso. Un gatto è un gatto.. due gatti sono due... se penso ad un solo gatto posso visualizzare la situazione mentalmente , idem se penso a due gatti etc. Paragonerei il numero ad un alfabeto.. le lettere messe una vicino all'altra ci permettono di comunicare, e lo stesso vale per i numeri, è una forma di comunicazione..

Citazione:
Originalmente inviato da Ray Visualizza messaggio
Attualmente si tende a utilizzare il concetto di "insieme" per parlare di numeri. Si sfrutta una struttura da applicare a qualcosa che è prettamente intuitivo... ed ecco che "due" indica l'insieme delle mie mani, ma anche per indicare l'insieme delle zampe di un gatto mi serve "quattro". Tecnicamente si rileva una corrispondenza biunivoca (terminologia che vedremo) tra i numeri e degli ambienti semantici... quindi una correlazione con qualcosa altro. Questo in sintesi (ma se non si capisce approfondiamo - è più importante di quanto si possa pensare) il motivo per cui alle elementari si inizia dall'insiemistica... motivo abbastanza valido a mio avviso... lo spiegassero sarebbe pure meglio.

Nonostante ciò (collegamento con ambiti semantici o "insiemi"), ovvero il collegamento tra numero e contesti di riferimento, il numero si ostina ad esistere anche deprivato di tali contesti. Dimostro subito quanto dico: ognuno di voi può fare questa esperienza... pensare un numero o il concetto di numero, senza collegarlo a nulla, neanche al segno con cui viene indicato. E' una specie di piccola meditazione a tema... se provate (e vi ci sforzate un pochetto) potreste avere delle sorprese...
Ecco... questo è quel che dicevo sopra.. il mio concetto di numero è legato all'associazione ... se penso solo ad un numero, riesco a visualizzarlo mentalmente, ma non ha nessun significato, se non quello grafico.. come quando vedo la lettera di un alfabeto che non conosco..astratto...
senza altri collegamenti (l'ambiente?)non potrei avere un concetto di numero...

Citazione:
Originalmente inviato da Ray
In realtà esiste solo il numero 1. Tutti gli altri non sono numeri nel pieno senso del termine, sono solo delle cifre o dei segni che indicano brevemente sequenze più o meno lunghe di uni. Già dire sequanze è inesatto... una sequenza, una sequenza di sequenze e via così sarebbe meglio...

Che cosa vuol dire? Che l'unico vero concetto è il numero 1, tutto gli altri sono ripetizioni di quel concetto... concetti figli che, se analizzati, dipendono direttamente dall'uno, mentre egli non dipende da nessun altro.

In matematica servono solo due cose: il numero uno e la sequenza, ovvero quel che in realtà è una pratica: contare.
Questo mi fa venire in mente che per esempio il pc , utilizza un sistema che viene chiamato binario, composto esclusivamente dai numeri 1 e 0. Il pc riesce attraverso questi due, a tradurre tutto il resto, ma se vedesse un 2 o un 3 non lo riconoscerebbe ...

Quindi è dall'1 che deriva tutto il resto.. (toh )
RedWitch è connesso ora  
Vecchio 10-09-2007, 11.35.16   #7
stella
Organizza eventi
 
L'avatar di stella
 
Data registrazione: 09-04-2006
Messaggi: 2,225
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Ray Visualizza messaggio
Nonostante ciò (collegamento con ambiti semantici o "insiemi"), ovvero il collegamento tra numero e contesti di riferimento, il numero si ostina ad esistere anche deprivato di tali contesti. Dimostro subito quanto dico: ognuno di voi può fare questa esperienza... pensare un numero o il concetto di numero, senza collegarlo a nulla, neanche al segno con cui viene indicato. E' una specie di piccola meditazione a tema... se provate (e vi ci sforzate un pochetto) potreste avere delle sorprese...
Non riesco a pensare a un numero senza visualizzare mentalmente il suo simbolo.... ad eccezione dell'uno che vedo ogni volta che guardo un oggetto singolo...

Ma se guardo le mie mani vedo che sono due volte una mano, ognuna con cinque dita....
Citazione:
Originalmente inviato da Ray Visualizza messaggio

In realtà esiste solo il numero 1. Tutti gli altri non sono numeri nel pieno senso del termine, sono solo delle cifre o dei segni che indicano brevemente sequenze più o meno lunghe di uni. Già dire sequanze è inesatto... una sequenza, una sequenza di sequenze e via così sarebbe meglio...
Che cosa vuol dire? Che l'unico vero concetto è il numero 1, tutto gli altri sono ripetizioni di quel concetto... concetti figli che, se analizzati, dipendono direttamente dall'uno, mentre egli non dipende da nessun altro.
E lo zero ???? vuol dire assenza di uno.... ma anche completezza dell'uno se scritto dopo l'uno....

Per esempio, se io sono una e ho due mani che hanno dieci dita, per rappresentare questo scriverò 10 per dire che la sequenza è completa, cioè con lo zero indico che si può ripartire per iniziare un'altra sequenza....
stella è connesso ora  
Vecchio 10-09-2007, 12.46.13   #8
griselda
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di griselda
 
Data registrazione: 07-01-2006
Messaggi: 7,994
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Ray Visualizza messaggio
E' una specie di piccola meditazione a tema... se provate (e vi ci sforzate un pochetto) potreste avere delle sorprese...
Stanotte ho meditato sul numero in generale e poi sul numero 1 beh non sapevo se dirlo o no perchè magari non c'entra, ma ho sognato ...diciamo un uomo nudo in particolare la sua parte anatomica procreatrice.

Non fate battuttacce
griselda non è connesso  
Vecchio 10-09-2007, 16.37.07   #9
turaz
Richiesta Cancellazione
 
Data registrazione: 27-06-2007
Messaggi: 2,098
Predefinito

si... ora magari associaci gli "annessi" e ottieni il numero 3...))))
turaz non è connesso  
Vecchio 10-09-2007, 16.59.07   #10
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,654
Predefinito

Poi guardati allo specchio Turi e vedi un 6...
Dai... non costringetemi a cancellare post, non mi piace farlo,
il discorso è interessante ed è peccato frammentarlo.
Uno non è connesso  
Vecchio 10-09-2007, 17.03.19   #11
turaz
Richiesta Cancellazione
 
Data registrazione: 27-06-2007
Messaggi: 2,098
Predefinito

sono d'accordo sull'uno come "membro" (fonte maschile)
1 poi è anche aleph in ebraico ed è rappresentato dalla rosa mistica
turaz non è connesso  
Vecchio 10-09-2007, 18.28.00   #12
jezebelius
Organizza eventi
 
L'avatar di jezebelius
 
Data registrazione: 27-02-2005
Messaggi: 1,865
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Ray Visualizza messaggio
Oltre a quanto già detto da entrambi sulla situazione odierna riguardante l'insegnamento di questa materia, se hai sempre avuto problemi con la matematica, psicologicamente, ti consiglierei di indagare sui rapporti con le figure maschili di riferimento, paterna in primis. La matematica permette collegamenti insospettati...

Ma veniamo al concetto di numero.
Sopra ho detto che è uno dei concetti più difficili che esistano, eppure fanno parte del bagaglio di nozioni di tutti. Tuttavia, per rendervi conto di quanto vado sostenendo è sufficiente che proviate a dare una definizione di numero. Chi ha voglia provi a pensarci e fare dei tentativi... mi interesserebbe molto sviscerare i percorsi mentali e le varie difficoltà incontrate.

Per anticipare qualcosa dico che, generalmente, il numero viene considerato un'entità astratta (non sensibile) che serve per descrivere una quantità. Questo non fa altro che spostare le difficoltà - e neanche tutte - sul termine quantità. Si finisce in filosofia e non vorrei appensatire il tutto più del necessario, accenno solo per il momento che ci scontriamo con la "quantità" quasi da subito nel nostro percorso cognitivo del mondo, forse già dalla prima partizione: me-altro da me.

Attualmente si tende a utilizzare il concetto di "insieme" per parlare di numeri. Si sfrutta una struttura da applicare a qualcosa che è prettamente intuitivo... ed ecco che "due" indica l'insieme delle mie mani, ma anche per indicare l'insieme delle zampe di un gatto mi serve "quattro". Tecnicamente si rileva una corrispondenza biunivoca (terminologia che vedremo) tra i numeri e degli ambienti semantici... quindi una correlazione con qualcosa altro. Questo in sintesi (ma se non si capisce approfondiamo - è più importante di quanto si possa pensare) il motivo per cui alle elementari si inizia dall'insiemistica... motivo abbastanza valido a mio avviso... lo spiegassero sarebbe pure meglio.

Nonostante ciò (collegamento con ambiti semantici o "insiemi"), ovvero il collegamento tra numero e contesti di riferimento, il numero si ostina ad esistere anche deprivato di tali contesti. Dimostro subito quanto dico: ognuno di voi può fare questa esperienza... pensare un numero o il concetto di numero, senza collegarlo a nulla, neanche al segno con cui viene indicato. E' una specie di piccola meditazione a tema... se provate (e vi ci sforzate un pochetto) potreste avere delle sorprese...

Proseguendo (ovviamente possiamo tornare su qualsiasi punto) asserisco qualcosa di forse inaspettato. Quel che viene normalmente inteso come "numeri" in realtà non esiste. Di solito la gente pensa che ci siano molti numeri, alcuni pensano che ce ne sono 10 e le loro combinazioni, la stessa matematica, per semplificare i termini, dice che i numeri sono infiniti.

In realtà esiste solo il numero 1. Tutti gli altri non sono numeri nel pieno senso del termine, sono solo delle cifre o dei segni che indicano brevemente sequenze più o meno lunghe di uni. Già dire sequanze è inesatto... una sequenza, una sequenza di sequenze e via così sarebbe meglio...

Che cosa vuol dire? Che l'unico vero concetto è il numero 1, tutto gli altri sono ripetizioni di quel concetto... concetti figli che, se analizzati, dipendono direttamente dall'uno, mentre egli non dipende da nessun altro.

In matematica servono solo due cose: il numero uno e la sequenza, ovvero quel che in realtà è una pratica: contare.


Forse post un po' complesso... pausa per interventi.
Dopo questa piccola meditazione a tema, non so quanto riuscita, mi viene da pensare al concetto di " uno " come fonte( più o meno si avvicina a ciò che Gris ha postato ). Fonte dalla quale " sgorgano", susseguendosi, i numeri. Come un fiume, insomma, dove la fonte rappresenta l'uno e l'acqua che ne vien fuori i numeri in sequenza .
Confesso che ciò che hai consigliato e cioè indagare sui rapporti con le figure maschili di riferimento per indagare di conseguenza sui problemi che ho con la matematica ha determinato un po di curiosità ma probabilmente questa non è la sede adatta per parlarne.
Continuo dicendo che anche quando cerco di immaginare un insieme ( ad esempio due alberi o due mani ) ci vedo l'uno.
Come se l'insieme "uno" racchiudesse il due ( alberi ); l'altro insieme " uno " racchiudesse, come prima, il due ( mani ).
Certo qui il collegamento con l'ambiente è inevitabile. Il concetto mi pare venga riempito da ciò che troviamo in natura ( ad esempio le " quattro " zampe del gatto, il cui insieme " uno" racchiude il quattro ). Senza questi collegamenti, credo, potrebbe rivelarsi abbastanza difficile il " richiamare " il concetto stesso di numero ma probabilmente mi sbaglio.
Va a finire che a botta di sbagliare inizierò ad imparare la matematica
Ad ogni modo, in riferimento al neretto su, mi rendo conto, per difficoltà mie, che non riesco a " pigliare" ciò che mi serve, per cui se possiamo approfondire...sono certo che mi serve.
__________________
Dr. Marc Haven
“Non deve essere l’alba di luce che deve iniziare ad avvisare la tua anima di tali doveri giornalieri e dell’ora in cui gli incensi devono bruciare sui fornelli; è la tua voce, solo lei che deve chiamare l’alba di luce e farla brillare sulla tua opera, alfine che tu possa dall’alto di questo Oriente, riversarla sulle nazioni addormentate nella loro inattività e sradicarle dalle tenebre in cui versano.”
jezebelius non è connesso  
Vecchio 10-09-2007, 21.48.48   #13
Era
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Era
 
Data registrazione: 29-05-2004
Messaggi: 2,671
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Ray Visualizza messaggio
Ma veniamo al concetto di numero. Sopra ho detto che è uno dei concetti più difficili che esistano, eppure fanno parte del bagaglio di nozioni di tutti. Tuttavia, per rendervi conto di quanto vado sostenendo è sufficiente che proviate a dare una definizione di numero. Chi ha voglia provi a pensarci e fare dei tentativi... mi interesserebbe molto sviscerare i percorsi mentali e le varie difficoltà incontrate.
.
difficile si...mi porta all' espressione "fare numero"
nel senso di aumentare...gonfiare... quindi anche se
numero (singolare) porta l' idea dell' unità...è un insieme
di cifre che portano al valore (si può dire?) del
numero stesso...

__________________
Dio mi conceda
la serenità di accettare
le cose che non posso cambiare
il coraggio di cambiare
quelle che posso cambiare
e la saggezza
di distinguere tra le une e le altre
Era non è connesso  
Vecchio 11-09-2007, 00.02.43   #14
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,218
Predefinito

Bene bene bene, sono uscite parecchie cose interessanti. Rispondo ad uno alla volta che, come stiamo iniziando a vedere, è l'unico modo possibile di procedere.

Citazione:
Originalmente inviato da RedWitch Visualizza messaggio
Paragonerei il numero ad un alfabeto.. le lettere messe una vicino all'altra ci permettono di comunicare, e lo stesso vale per i numeri, è una forma di comunicazione..
Su questa cosa mi soffermo. Qui c'è uno degli scogli iniziali sui quali ci si dovrebbe soffermare in prima elementare... è poi difficile solvere questioni cristallizzate male. Ovvio che non mi riferisco a te, continuo ad avercela con la scuola odierna. Ma adesso iniziate a vedere cosa intendevo per "concetto difficile" e "banalità per nulla banali date per scontate". Se non capiamo bene queste cose non ha senso andare avanti, se le capiamo invece tutto fluirà con estrema morbidezza.

Nell'alfabeto tutte le lettere hanno lo stesso valore, ovvero ognuna è riferita ad un suono. Anche se volendo si potrebbe fare una gerarchia, ognuna esiste di per se. La F non necessita della A e della B per esistere.
Per i numeri non è affatto così. Le notazioni che siamo abituati ad usare, ovvero le cifre usuali come 2, 3 ecc. rappresentano diverse ripetizioni dell'1. Ma invece del segno 2 o 3 potremmo usare qualsiasi disegno con lo stesso significato o, come facevano i romani (sui numeri romani torniamo) indicare II e III o potremmo inventarcene altri.
Il fatto è che, qualunque notazione volessimo usare, avremmo bisogno di basarci sulla nozione di unità. Sul concetto di numero 1. Il punto è che non esistono i numeri, esiste solo il numero uno (con qualunque segno vorremmo esprimerlo).

In quelli che noi chiamiamo numeri esiste una gerarchia precisa. L'uno determina tutto e gli altri sono sue conseguenze che potrebbero benissimo non esserci... potremmo scrivere qualsiasi cifra con file di uni più o meno lunghe. Stessa cosa per il pensiero... possiamo immaginare qualsiasi numero, ma se non abbiamo l'immagine di "uno" anche le altre spariscono.

Mi rendo conto che quanto sto dicendo è assai inusuale e faccio fatica a trovare modi diversi di esprimere (continuerò a sforzarmi), purtroppo ciò è dovuto alle false idee che ci viene permesso di cristallizzare in tenera età... come l'idea che tutti i numeri valgano lo stesso dal punto di vista qualitativo... che sia 2 o 3 concettualmente poco importa è vero, ma l'uno è tutta un'altra storia. Vi prego di pensarci, di far rimbalzare in voi questa idea, magari mi aiutate a dirla. Il fatto che vi abbia proposto una piccola meditazione non è un caso... si tratta di uno dei concetti più difficili, richiede intuizione... e la comprensione profonda di quel che dico (che esiste solo l'uno) è un piccolo satori.

Vabbeh, ci torneremo, passo avanti.
Ray non è connesso  
Vecchio 11-09-2007, 00.05.49   #15
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,218
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da stella Visualizza messaggio
E lo zero ???? vuol dire assenza di uno.... ma anche completezza dell'uno se scritto dopo l'uno....

Per esempio, se io sono una e ho due mani che hanno dieci dita, per rappresentare questo scriverò 10 per dire che la sequenza è completa, cioè con lo zero indico che si può ripartire per iniziare un'altra sequenza....
Allo zero ci arriviamo, necessita di un discorso a parte. A rischio di incasinare anticipo che, nella gerarchia dei numeri, c'è l'uno poi lo zero e a seguire tutti gli altri che contano come il due ( ) di picche.

Tu a scuola eri una di quelle che anticipavano i discorsi no? Gli insegnianti li trovano insopportabili

Ray non è connesso  
Vecchio 11-09-2007, 00.08.48   #16
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,218
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da griselda Visualizza messaggio
Stanotte ho meditato sul numero in generale e poi sul numero 1 beh non sapevo se dirlo o no perchè magari non c'entra, ma ho sognato ...diciamo un uomo nudo in particolare la sua parte anatomica procreatrice.

Non fate battuttacce
Non andrei OT, cmq non trovo per nulla strano che questo sia il risultato di una piccola meditazione. Infatti, archetipicamente, l'uno è la forza attiva (se poi dico che il tre è la passiva e il due la neutra rischio di incasinare qualcuno, quindi non lo dico... tanto mica vale sempre )
Ray non è connesso  
Vecchio 11-09-2007, 00.10.42   #17
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,218
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da jezebelius Visualizza messaggio
Continuo dicendo che anche quando cerco di immaginare un insieme ( ad esempio due alberi o due mani ) ci vedo l'uno.
Come se l'insieme "uno" racchiudesse il due ( alberi ); l'altro insieme " uno " racchiudesse, come prima, il due ( mani ).
Colto in pieno. Riporto la frase perchè sottolinearla può tornare utile a molti.

Sicuro di avere (ancora) problemi con le figure maschili?
Ray non è connesso  
Vecchio 11-09-2007, 00.14.31   #18
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,218
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Era Visualizza messaggio
difficile si...mi porta all' espressione "fare numero"
nel senso di aumentare...gonfiare... quindi anche se
numero (singolare) porta l' idea dell' unità...è un insieme
di cifre che portano al valore (si può dire?) del
numero stesso...

Anche questa va riportata. E' un altro modo di dirlo, ma se ho capito che intendi allora hai capito.

Per sviluppare l'intuizione, sperando di non incasinare, aggiungo che la parola "numero" è connessa con "Nume" e con "nemesi" (che riporta al concetto di dividere, di partizione... un "uno" lo colgo quando determino qualcosa, come ad esempio me/altro da me)
Ray non è connesso  
Vecchio 11-09-2007, 00.19.45   #19
griselda
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di griselda
 
Data registrazione: 07-01-2006
Messaggi: 7,994
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Ray Visualizza messaggio
(che esiste solo l'uno)
Non so l'unica cosa che mi viene è che l'1 è l'origine, l'idea originale, l'archetipo.
sorry Grazie Leggo e divoro assimilo a gradi.

Ultima modifica di griselda : 11-09-2007 alle ore 00.21.11. Motivo: Non avevo ancora letto gli altri post di Ray sorry, va più veloce di me
griselda non è connesso  
Vecchio 11-09-2007, 02.41.46   #20
Grey Owl
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Grey Owl
 
Data registrazione: 24-01-2006
Messaggi: 2,100
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Ray Visualizza messaggio
Il punto è che non esistono i numeri, esiste solo il numero uno (con qualunque segno vorremmo esprimerlo).
Per aiutare il concetto può tornare utile immaginare il vecchio pallottoliere... si contano sferette poste su di un asse... varie linee di sferette mosse da destra a sinistra...
La pallina è 1...

Se penso ad (1) penso al manifesto... quello che emerge dal nulla di quel piano considerato ovvero (0)...

Le sequenze di (1) determinano le gerarchie... quelle che indichiamo con 2,3,4,5,6,7,8,9 sono gerarchie di numeri...

0=0
1=1
2=11
3=111
4=1111
5=11111
6=111111
7=1111111
8=11111111
9=111111111
10=10
11=10
12=110
... etc

in questo caso lo zero determina il "ricordo" di un piano precedente... di un livello

Siamo abituati a ragionare in base 10... ma si possono utilizzare differenti basi...

binaria:
0=00
1=01
2=10
3=11

oppure.... in ottale... 0,1,2,3,4,5,6,7
esadecimale... 0,1,2,3,4,5,6,7,8,9,A,B,C,D,E,F

...le basi numeriche le vedo come livelli, piani...
Grey Owl non è connesso  
Vecchio 11-09-2007, 18.03.07   #21
RedWitch
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di RedWitch
 
Data registrazione: 20-12-2004
Messaggi: 3,529
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Ray Visualizza messaggio
Bene bene bene, sono uscite parecchie cose interessanti. Rispondo ad uno alla volta che, come stiamo iniziando a vedere, è l'unico modo possibile di procedere.
Vediamo se ho capito... se rispondessi a tutti per dare un'idea generale, dovresti comunque usare il numero uno.. cioè rispondere per esempio ad una di Jez , una di Era , una mia e via così, utilizzando un "insieme" (un unico post), ma comunque basandoti su una domanda alla volta e su una persona per volta.

Citazione:
Originalmente inviato da Ray Visualizza messaggio
Su questa cosa mi soffermo. Qui c'è uno degli scogli iniziali sui quali ci si dovrebbe soffermare in prima elementare... è poi difficile solvere questioni cristallizzate male. Ovvio che non mi riferisco a te, continuo ad avercela con la scuola odierna. Ma adesso iniziate a vedere cosa intendevo per "concetto difficile" e "banalità per nulla banali date per scontate". Se non capiamo bene queste cose non ha senso andare avanti, se le capiamo invece tutto fluirà con estrema morbidezza.

Nell'alfabeto tutte le lettere hanno lo stesso valore, ovvero ognuna è riferita ad un suono. Anche se volendo si potrebbe fare una gerarchia, ognuna esiste di per se. La F non necessita della A e della B per esistere.
Per i numeri non è affatto così. Le notazioni che siamo abituati ad usare, ovvero le cifre usuali come 2, 3 ecc. rappresentano diverse ripetizioni dell'1. Ma invece del segno 2 o 3 potremmo usare qualsiasi disegno con lo stesso significato o, come facevano i romani (sui numeri romani torniamo) indicare II e III o potremmo inventarcene altri.
Il fatto è che, qualunque notazione volessimo usare, avremmo bisogno di basarci sulla nozione di unità. Sul concetto di numero 1. Il punto è che non esistono i numeri, esiste solo il numero uno (con qualunque segno vorremmo esprimerlo).
"Sotto" ad ogni numero ci deve per forza essere l'1 altrimenti gli altri non possono esistere, ho comunque bisogno dell'1 per poter rappresentare gli altri... è molto chiaro l'esempio con i numeri romani... se il 5 posso graficamente scriverlo 5, o V ,nulla mi vieterebbe di scriverlo IIIII. Pero' se non potessi pensare ad un gatto per esempio, non esisterebbe in me il concetto di 2,3,4 5 gatti...
Hai acceso una lampadina...
RedWitch è connesso ora  
Vecchio 11-09-2007, 18.22.44   #22
turaz
Richiesta Cancellazione
 
Data registrazione: 27-06-2007
Messaggi: 2,098
Predefinito

0= assoluto immanifesto
1= assoluto manifesto
fatto di molti uno assemblati e che costituiscono insieme una "somma" di uno (ammappus questi insiemi)

mi viene in mente ciò banalmente
turaz non è connesso  
Vecchio 11-09-2007, 18.23.34   #23
griselda
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di griselda
 
Data registrazione: 07-01-2006
Messaggi: 7,994
Predefinito

Ho pensato potesse essere carino mettere i vari numeri del passato.
Icone allegate
Clicca sull'immagine per ingrandirla

Nome:  Numeri.JPG
Visite: 589
Dimensione:  32.1 KB  
griselda non è connesso  
Vecchio 11-09-2007, 22.51.57   #24
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,218
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da RedWitch Visualizza messaggio
Vediamo se ho capito... se rispondessi a tutti per dare un'idea generale, dovresti comunque usare il numero uno.. cioè rispondere per esempio ad una di Jez , una di Era , una mia e via così, utilizzando un "insieme" (un unico post), ma comunque basandoti su una domanda alla volta e su una persona per volta.



Pero' se non potessi pensare ad un gatto per esempio, non esisterebbe in me il concetto di 2,3,4 5 gatti...


Sottolineo quanto detto da RedW... può servire a qualcuno. Ripeto: questo concetto è tutto meno che banale quindi meglio ripeterlo una volta di più che una di meno. Se non lo si com-prende il resto è inutile (dico davvero... inutile).
Ray non è connesso  
Vecchio 11-09-2007, 22.59.24   #25
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,218
Predefinito

Premesso che Grey mi ha fatto un favore (utilizzeremo l'ottima faccenda del pallottoliere) ribadisco che a mio modo di vedere, prima è necessario introdurre gli altri numenri (siamo ancora all'uno) e poi si potrà cercare di parlare dello zero. Perchè? Perchè in realtà non abbiamo la più vaga idea di cosa sia (se ci basiamo sul niente imparato a scuola ovvio)... abbiamo una scarsa idea anche dell'uno, figuriamoci lo zero.

Infatti

Citazione:
Originalmente inviato da turaz Visualizza messaggio
0= assoluto immanifesto
1= assoluto manifesto
fatto di molti uno assemblati e che costituiscono insieme una "somma" di uno (ammappus questi insiemi)

mi viene in mente ciò banalmente
Non ne sarei così sicuro (dai che se ti sforzi intuisci meglio). Questo modo di vedere le cose (se interpreto bene le parole) porrebbe uno e zero come degli opposti e/o dei complementari.
Ma come può l'uno avere dei complementari (ad esempio) se è "uno"?

Iniziate a intravedere la sua importanza?


PS (x Turi): lo zero come passaggio tra piani diversi di manifestazione ma collegati come lo vedi?
Ray non è connesso  
 


Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire nuovi messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare files
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice vB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Vai al forum

Discussioni simili
Discussione Autore discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Numerologia...accenni Era Divinazione e tecniche conoscitive 17 17-07-2007 18.52.06
I vettori Ray Scienza 39 11-06-2007 00.52.27
Associazioni tra i 9 numeri e 9 colori acquaefuoco Esoterismo 22 09-11-2006 20.16.10


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 16.05.28.




Powered by vBulletin Copyright ©2000 - 2023, Jelsoft Enterprises Ltd.
Questo sito non è, nè può ritenersi assimilabile ad una testata giornalistica, viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale. Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina della l. n. 62 del 2001. Il materiale pubblicato è sotto la responsabilità dei rispettivi autori, tutti i diritti sono di Ermopoli.it che incoraggia la diffusione dei contenuti, purchè siano rispettati i seguenti principi: sia citata la fonte, non sia alterato il contenuto e non siano usati a scopo di lucro. P.iva 02268700271