Ermopoli
L'antica città della conoscenza
  
    
Torna indietro   Ermopoli > Forum > Tempio > Tradizioni Spirituali ed Esoteriche

 
 
Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Vecchio 20-04-2010, 00.39.32   #1
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,218
Predefinito Alchimia: la questione della materia prima

E' da un po' che penso a come impostare questa discussione, argomento di discussione con un amico, e più ci penso più mi rendo conto che non è semplice. Ci provo... poi eventualmente via via mi correggerò.

Ci sono già altri tread sull'alchimia e ci sono anche molte discussioni correlate, tuttavia mi sembra inevitabile ribadire alcuni concetti più o meno di base... sia perchè non sono semplici, sia perchè introducono e forse illustrano il problema.

L'alchimia pratica ha come scopo la produzione della Pietra Filosofale. L'alchimia in se ha come scopo la Realizzazione dell'alchimista, ma, come abbiamo visto negli altri tread, il metodo consiste, per chi voglia praticare coi fornelli, nel produrre questa Pietra. Produzione della Pietra e Realizzazione personale vanno di pari passo e il lavoro esteriore è appoggio a quello interiore e viceversa... anzi, tutto il lavoro è in realtà interiore e le trasformazioni che avvengono, se avvengono, sono indotte dall'uno all'altro dei due ambiti di lavoro. In pratica l'alchimista utilizza il lavoro ai fornelli come specchio di quello su se e viceversa... e alla realizzazione della Pietra corrisponde la sua stessa Realizzazione... egli diventa pietra filosofale.

Ma cos'è questa Pietra Filosofale? E' la perfetta, o migliore possibile nella manifestazione, incorporazione dello Spiritus Mundi, l'anima del mondo, l'energia divina... quella "materia" in cui sono immersi i mondi e che è alla base della vita, di tutto ciò che è vivo.

Dato che tutto è più o meno vivo, in ogni cosa è contenuto, pur in modalità diverse, questo Spiritus Mundi. La Pietra Filosofale quindi, è la massima incarnazione dello spirito... insomma è spiritus mundi estremamente concentrato.

Siccome questa corrente vitale tende a far evolvere la materia che attraversa, tutto evolve verso la perfezione. Solo che lo fa con una velocità corrispondente al suo grado di perfezionamento... da cui all'uomo comune non basterebbe certo una vita, così come sempre all'uomo comune non è dato nella sua vita di assistere all'evoluzione di un metallo, a meno di accelerare in qualche modo il processo. Ed è proprio questo che l'alchimia vuole fare... nulla di innaturale, solo accelerare quello che la Natura fa comunque.
E' quindi chiaro che la Pietra, evoluzione perfetta della materia prima, ha la capacità di far evolvere fino alla perfezione ciò con cui entra in contatto... ed ecco che quindi può mutare il metallo "vile" in oro. Oro che rappresenta la massima espressione per la natura metallica. Ma questa trasformazione, lungi dall'essere la produzione di oro lo scopo dell'alchimista, è solo la controprova sperimentale che si è davvero prodotto la Pietra.


Chi legge i libri degli alchimisti scopre quasi subito che, chi più chi meno, chi questo chi quello, essi raccontano abbastanza dettagliatamente i processi necessari a questo scopo. Quello che non dicono è quale sia la materia prima, ossia la materia da cui partire, insomma cos'è che si deve usare per fare la Pietra. Anzi, questo è forse il più importante e oscuro mistero da esplorare.

Spero di aver illustrato decentemente la questione, ma non ne sono per niente sicuro. Quindi mi fermo un attimo, prima di rendervi partecipi delle considerazioni che finora sono stato in grado di produrre sul problema in se, ossia quale sia la materia da cui si debba, o si possa, partire.

Ultima modifica di Ray : 20-04-2010 alle ore 00.43.20.
Ray non è connesso  
Vecchio 20-04-2010, 01.14.40   #2
Kael
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Kael
 
Data registrazione: 06-08-2005
Messaggi: 3,153
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Ray Visualizza messaggio
Ed è proprio questo che l'alchimia vuole fare... nulla di innaturale, solo accelerare quello che la Natura fa comunque.
Fino ad un certo punto... poi diventa una produzione dell'Arte. L'alchimista cioè deve aiutare la Natura a fare qualcosa che da sola non potrebbe mai, visto che questa si ferma a causa di accidenti esterni (e infatti l'uomo nel sottosuolo trova oro, ma non pietre filosofali). Questo passaggio rappresenta anche il punto dove chimica e alchimia si dividono, dove non arriva più l'una inizia l'altra.

Per il momento mi fermo anch'io ma seguo con interesse...
Kael non è connesso  
Vecchio 20-04-2010, 11.43.47   #3
Enoch
Ristruttura la casa
 
L'avatar di Enoch
 
Data registrazione: 21-03-2006
Messaggi: 305
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Ray Visualizza messaggio
Spero di aver illustrato decentemente la questione, ma non ne sono per niente sicuro. Quindi mi fermo un attimo, prima di rendervi partecipi delle considerazioni che finora sono stato in grado di produrre sul problema in se, ossia quale sia la materia da cui si debba, o si possa, partire.
Credo che un'altro problema sia trovare un contenitore che 'resista' allo spirito in modo che se ne possa accumulare man mano sempre di più.
Un'altra considerazione è, avendo la materia prima, quella di come raffinare e concentrare ulteriormente lo spiritus.
Anche le condizioni ambientali esterne hanno una influenza importante sullo sviluppo del processo.

Per quanto riguarda dove iniziare a cercare penso che un buon punto di partenza siano i nostri fluidi corporei.
Enoch non è connesso  
Vecchio 20-04-2010, 15.05.06   #4
stefano
Richiesta Cancellazione
 
Data registrazione: 11-05-2009
Messaggi: 1,322
Predefinito

che la materia prima fisicamente siano le feci?
stefano non è connesso  
Vecchio 20-04-2010, 23.26.19   #5
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,218
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Kael Visualizza messaggio
Fino ad un certo punto... poi diventa una produzione dell'Arte. L'alchimista cioè deve aiutare la Natura a fare qualcosa che da sola non potrebbe mai, visto che questa si ferma a causa di accidenti esterni (e infatti l'uomo nel sottosuolo trova oro, ma non pietre filosofali). Questo passaggio rappresenta anche il punto dove chimica e alchimia si dividono, dove non arriva più l'una inizia l'altra.
Prima di continuare è bene che chiariamo questa cosa.

Quando dicevo che il procedimento è tutto naturale intendevo che non si va mai in direzione opposta di quella in cui va, o tenta di andare, o andrebbe, la natura. Ossia che il processo evolutivo è intrinseco nella natura stessa ed è tutt'uno con quello Spiritus Mundi che si tenta di imprigionare.
Che poi questi processi, visti nel particolare di un determinato essere vivente (metallo o umano che sia) e nello specifico momento incontrino tali e tanti ostacoli da incistarsi quasi sempre è storia di tutti i giorni... e la spiegazione la si può trovare anche studiando le legge delle ottave.

Da questo punto di vista l'alchimista, accelerando i processi, aiuta la natura. Anche perchè lavora ricreando un ambiente per così dire ideale... quell'atanor che la singola parte di natura ha quasi mai a disposizione e che rappresenta tanta cura e difficoltà operativa da parte dell'alchimista.

Tuttavia, per chiarezza, va ribadito che il processo di perfezionamento che possiamo chiamare alchemico è presente potenzialmente ovunque, anche se in pratica non giunge mai a termine da solo, almeno nel micro (anche nel macro... quanti "pianeti" diventano "stelle"? Beh, qualcuno si...).


Sottolineo anche un altro punto, che se pure non c'entra adesso direttamente col discorso, può prevenire future incomprensioni: la differenza fondamentale tra chimica e alchima (profana e sacra) è data sostanzialmente dalla presenza dell'alchimista, ovvero dalla sua partecipazione ai processi... intendo come parte attiva.
Se la chimica, giustamente dal suo punto di vista, pretende che un processo sia ripetibile ad libitum e che dipenda esclusivamente dall'interazione degli elementi e delle sostanze che vi prendono parte, l'alchimia richiede che l'operatore partecipi attivamente a questi processi. Il che significa che lo stesso processo, effettuato da due operatori diversi, e soprattutto con diversi intenti, può dare diversi risultati.
Questo accade perchè l'alchimista è parte integrante dell'ambiente del processo in atto, si può forse dire addirittura che è egli stesso l'ambiente e quindi influisce e determina l'esito del processo.
E con questo forse ho svelato un piccolissimo segreto alchemico... per altro però deducibile dalle basi... spero di no, quando si parla di queste cose si rischia sempre di incorrere, anche inconsapevolmente, nelle ire degli Adepti e dei Filosofi


PS: con calma rispondo anche agli altri.

Ultima modifica di Ray : 21-04-2010 alle ore 00.13.55. Motivo: agginuta ps
Ray non è connesso  
Vecchio 21-04-2010, 00.59.44   #6
Kael
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Kael
 
Data registrazione: 06-08-2005
Messaggi: 3,153
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Ray Visualizza messaggio
Prima di continuare è bene che chiariamo questa cosa.

Quando dicevo che il procedimento è tutto naturale intendevo che non si va mai in direzione opposta di quella in cui va, o tenta di andare, o andrebbe, la natura. Ossia che il processo evolutivo è intrinseco nella natura stessa ed è tutt'uno con quello Spiritus Mundi che si tenta di imprigionare.
Che poi questi processi, visti nel particolare di un determinato essere vivente (metallo o umano che sia) e nello specifico momento incontrino tali e tanti ostacoli da incistarsi quasi sempre è storia di tutti i giorni... e la spiegazione la si può trovare anche studiando le legge delle ottave.
Si, la Natura ha in sè tutte le potenzialità ma quando dicevo che l'alchimista deve aiutarla intendevo che deve metterla in condizione di Lavorare, condizione che da sola non è capace MAI di crearsi. Del resto lo dici dopo:
Citazione:
l'alchimia richiede che l'operatore partecipi attivamente a questi processi. Il che significa che lo stesso processo, effettuato da due operatori diversi, e soprattutto con diversi intenti, può dare diversi risultati.
Questo appunto comporta anche un terzo risultato, quello in assenza di operatore, cioè lasciando la Natura agire da sola. E la pietra filosofale in assenza dell'alchimista non può crearsi, perchè il processo si ferma prima. Un po' come nel discorso delle ottave, senza uno "shock" cosciente non si fa il salto e si ricade al punto di partenza.
Kael non è connesso  
Vecchio 21-04-2010, 01.06.17   #7
Kael
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Kael
 
Data registrazione: 06-08-2005
Messaggi: 3,153
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Enoch Visualizza messaggio
Per quanto riguarda dove iniziare a cercare penso che un buon punto di partenza siano i nostri fluidi corporei.
Perchè? Quali motivazioni ti portano a quest'idea?
Kael non è connesso  
Vecchio 21-04-2010, 11.36.22   #8
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,654
Predefinito

Kael, ma l'Alchimista è parte della Natura o no?

Ed inoltre, l'Alchimia è l'unica via per ottenere certi risultati?
Uno non è connesso  
Vecchio 21-04-2010, 12.09.47   #9
Kael
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Kael
 
Data registrazione: 06-08-2005
Messaggi: 3,153
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Uno Visualizza messaggio
Kael, ma l'Alchimista è parte della Natura o no?

Ed inoltre, l'Alchimia è l'unica via per ottenere certi risultati?
Alla prima domanda si naturalmente, il fatto è che quasi tutti si allontanano dalla Natura e per questo gli autori esortano sempre a seguirla. Resta il fatto però che senza l'Alchimista la Natura non può arrivare da sola alla Pietra Filosofale, così come non potrebbe nemmeno creare un pc sebbene tutti i componenti alla fin fine provengano da lei attraverso manipolazioni dell'uomo.

Poi certo, da un altro punto di vista possiamo dire che l'Alchimista fa parte della Natura e quindi la Natura fa tutto da sola... ma volevo sottolineare che non si pensi di poter trovare qualche pietra filosofale realizzatasi da sola nel sottosuolo.

Per la seconda domanda, se parliamo espressamente di pietra filosofale e intendiamo risultati che vadano al di là della semplice chimica, direi di si...
Kael non è connesso  
Vecchio 21-04-2010, 12.16.51   #10
stefano
Richiesta Cancellazione
 
Data registrazione: 11-05-2009
Messaggi: 1,322
Predefinito

cosa è la pietra filosofale?
la si vuole limitare solo al suo significato esterno?
stefano non è connesso  
Vecchio 21-04-2010, 12.41.20   #11
Enoch
Ristruttura la casa
 
L'avatar di Enoch
 
Data registrazione: 21-03-2006
Messaggi: 305
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Kael Visualizza messaggio
Perchè? Quali motivazioni ti portano a quest'idea?
Semplice, mi sono mangiato un poco di sale estratto dalla mia urina e i risultati sono stati alquanto psichedelici.
Enoch non è connesso  
Vecchio 21-04-2010, 12.49.09   #12
Kael
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Kael
 
Data registrazione: 06-08-2005
Messaggi: 3,153
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Enoch Visualizza messaggio
Semplice, mi sono mangiato un poco di sale estratto dalla mia urina e i risultati sono stati alquanto psichedelici.
Ho capito, ma prima di mangiartelo qualcosa ti aveva comunque indirizzato a cercare in tal senso, no? Questo chiedevo...
Kael non è connesso  
Vecchio 21-04-2010, 13.02.32   #13
Enoch
Ristruttura la casa
 
L'avatar di Enoch
 
Data registrazione: 21-03-2006
Messaggi: 305
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Kael Visualizza messaggio
Ho capito, ma prima di mangiartelo qualcosa ti aveva comunque indirizzato a cercare in tal senso, no? Questo chiedevo...
Si, ne avevo parlato già in tal senso nel thread alchimia.
Riporto un post dove avevo esposto le mie ragioni.

http://ermopoli.it/portale/showpost....&postcount=106
Enoch non è connesso  
Vecchio 22-04-2010, 00.03.00   #14
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,218
Predefinito

Scusatemi se salto alcuni interventi, ma ho bisogno di riprendere il filo del discorso e chiarire alcuni altri punti per poter arrivare ad esporre le mie riflessioni sull materia prima. Quando ci arriverò vedrete che direttamente o indirettamente risponderò anche alle domande saltate.

Innanzitutto precisiamo una cosa: per materia prima qui intendo la materia da cui partire per produrre la Pietra, senza per adesso pronunciarmi se questa sarà poi parte della Pietra o meno. Insomma che sostanza usare. Da questa sostanza poi si dovrà procedere con le varie operazioni (argomento forse di altri tread), che in linea di massima consistono nell'estrarre da questa materia prima quel famoso spiritus mundi, o quintessenza, che poi si dovrà concentrare ed improgionare nella Pietra, qualunque sia la sua natura.
Abbiamo detto che questo Spiritus è contenuto in qualsiasi cosa. Tuttavia, evidentemente, si parte dal presupposto che vi sia qualcosa da cui sia più conveniente estrarlo, o perchè ve n'è di più, e/o perchè è più facile da lavorare in tal senso e/o perchè unico possibile da lavorare. Unico o parte di pochi.

Chiarisco anche perchè spesso per Materia Prima si intende invece quella che dobbiamo estrarre, questa quintessenza, che poi in effetti sarà la base della Pietra, se non la Pietra stessa.

Torniamo al rapporto che sussiste tra l'alchimista e il lavoro che fa. Abbiamo detto che sono correlati ed analoghi e che le trasformazioni avvengono in entrambi gli ambiti e sono indotte da un ambito e l'altro e viceversa.
Risulta plausibile quindi che, se consideriamo l'operatore, nel suo ambito, sarà egli la materia prima, dato che non può partire altro che da se stesso.
Questo però implica che la stessa correlazione che ci sarà nell'operare sia presente anche nelle materie di partenza. Ecco quindi che la materia prima da scegliere dovrà avere una correlazione analogica con l'operatore.

Non so se si capisce quel che intendo... ma se mi sono riuscito un po' a spiegare, dovrebbe risultare evidente il perchè possiamo escludere in partenza qualsiasi parte dell'operatore, fluido corporeo o altro che sia.
Egli è già tutto, materiale e sottile, materia prima dell'opera e parte integrante della stessa, quindi l'appoggio materiale "esterno" dovrà avere altre origini... e inoltre, se nell'operatore tutto dovrà avvenire tramite ciò che è contenuto in lui, ossia nel microcosmo, per conseguenza tutto ciò che avviene nell'atanor dovrà non far parte di lui, quindi escluderei anche successivi apporti di parti corporee.

C'è ancora un'altra questione (ce ne sono varie, ma per il filo del discorso) e cioè che deve mantenere la correlazione tra il "grado evolutivo" di partenza dell'operatore e quello della materia prima, dato che poi il processo dovrà andare di pari passo.

Se queste mie riflessioni hanno fondamento esse producono tutta una serie di implicazioni...
Ray non è connesso  
Vecchio 22-04-2010, 01.27.50   #15
stefano
Richiesta Cancellazione
 
Data registrazione: 11-05-2009
Messaggi: 1,322
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Ray Visualizza messaggio
Scusatemi se salto alcuni interventi, ma ho bisogno di riprendere il filo del discorso e chiarire alcuni altri punti per poter arrivare ad esporre le mie riflessioni sull materia prima. Quando ci arriverò vedrete che direttamente o indirettamente risponderò anche alle domande saltate.

Innanzitutto precisiamo una cosa: per materia prima qui intendo la materia da cui partire per produrre la Pietra, senza per adesso pronunciarmi se questa sarà poi parte della Pietra o meno. Insomma che sostanza usare. Da questa sostanza poi si dovrà procedere con le varie operazioni (argomento forse di altri tread), che in linea di massima consistono nell'estrarre da questa materia prima quel famoso spiritus mundi, o quintessenza, che poi si dovrà concentrare ed improgionare nella Pietra, qualunque sia la sua natura.
Abbiamo detto che questo Spiritus è contenuto in qualsiasi cosa. Tuttavia, evidentemente, si parte dal presupposto che vi sia qualcosa da cui sia più conveniente estrarlo, o perchè ve n'è di più, e/o perchè è più facile da lavorare in tal senso e/o perchè unico possibile da lavorare. Unico o parte di pochi.

Chiarisco anche perchè spesso per Materia Prima si intende invece quella che dobbiamo estrarre, questa quintessenza, che poi in effetti sarà la base della Pietra, se non la Pietra stessa.

Torniamo al rapporto che sussiste tra l'alchimista e il lavoro che fa. Abbiamo detto che sono correlati ed analoghi e che le trasformazioni avvengono in entrambi gli ambiti e sono indotte da un ambito e l'altro e viceversa.
Risulta plausibile quindi che, se consideriamo l'operatore, nel suo ambito, sarà egli la materia prima, dato che non può partire altro che da se stesso.
Questo però implica che la stessa correlazione che ci sarà nell'operare sia presente anche nelle materie di partenza. Ecco quindi che la materia prima da scegliere dovrà avere una correlazione analogica con l'operatore.

Non so se si capisce quel che intendo... ma se mi sono riuscito un po' a spiegare, dovrebbe risultare evidente il perchè possiamo escludere in partenza qualsiasi parte dell'operatore, fluido corporeo o altro che sia.
Egli è già tutto, materiale e sottile, materia prima dell'opera e parte integrante della stessa, quindi l'appoggio materiale "esterno" dovrà avere altre origini... e inoltre, se nell'operatore tutto dovrà avvenire tramite ciò che è contenuto in lui, ossia nel microcosmo, per conseguenza tutto ciò che avviene nell'atanor dovrà non far parte di lui, quindi escluderei anche successivi apporti di parti corporee.

C'è ancora un'altra questione (ce ne sono varie, ma per il filo del discorso) e cioè che deve mantenere la correlazione tra il "grado evolutivo" di partenza dell'operatore e quello della materia prima, dato che poi il processo dovrà andare di pari passo.

Se queste mie riflessioni hanno fondamento esse producono tutta una serie di implicazioni...
puoi spiegarmi meglio quanto ho evidenziato?
stefano non è connesso  
Vecchio 22-04-2010, 12.05.52   #16
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,218
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da stefano Visualizza messaggio
puoi spiegarmi meglio quanto ho evidenziato?
Ci provo Stè, non è semplice, ma siamo qui per parlare quindi non dubito che alla lunga se occorre riusicremo a capirci.

Dunque, ci sono due lavori, anche se in realtà è un solo lavoro, e sono quello che l'operatore compie ai fornelli e quello che compie su se stesso. Da un certo punto di vista, quando quello ai fornelli è diretto quello su se indiretto e viceversa... ossia facendo la Pietra, grazie a quest'opera, l'operatore la svolge anche su se, anche perchè se non si traformasse anche lui non riuscirebbe a compierla.
Questo punto è fondamentale ed è importante che sia chiaro. Non è che semplicemente quel che compio nei fornelli si trasferisce in me, è un legame più profondo. Per compiere alcune cose devo trasformarmi io, ma contemporaneamente, quello che compio diviene in me. Insomma è un lavoro solo, ma che per via del metodo si scinde e ottiene in più questa famosa Pietra.

Ora, se questo è chiaro, è chiaro che la correlazione tra i due lavori, ossia il rapporto che sussiste tra i cambiamenti che occorrono nei fornelli e quelli nell'operatore, deve essere costante. Ad ogni elemento deve corrispondere un elemento nell'altro ambito... e tra queste corrispondenze deve intercorrere la stessa analogia.

Esempio banale... se il fuoco sotto l'atanor deve essere costante, l'altro fuoco interno, che non è lo stesso di quello dell'atanor ma corrisponde per analogia, deve essere altrettanto costante. Inoltre la stessa correlazione, che comprende anche delle differenze quindi, che c'è tra fuoco esterno e interno, deve suissistere anche nelle altre "coppie". Si capisce?

Questo esclude l'utilizzo di parti del corpo, fossero anche prodotti, come i vari fluidi, nel lavoro nei fornelli. Non nel lavoro su se, beninteso. Ma in quello ai fornelli si. Se per dire, nel lavoro su di me per un certo passaggio e per un certo tempo è importante chessò il sudore, ecco che dovrò trovare una sostanza analoga in natura che potrò usare nella parte estrena. Se io infilassi in un qualche alambicco roba che proviene da me questo provocherebbe la necessità di infilare in me qualcosa che proviene da fuori, il che almeno per quanto ne so io, è escluso dagli alchimisti.

Bon, se è chiaro, è possibile procedere alle riflessioni che da questi punti sono scaturite e soppesarle. E' evidente che quel che ho detto finora è passibile di essere corretto... non sono sicurissimo di aver centrato la questione in tutti i punti di vista che ho considerato, anche se su alcuni sono abbastanza certo. Tuttavia, fino a prova contraria o fino a che mi si sottopongano argomentazioni convincenti, questa è la visione migliore che sono riuscito finora ad ottenere.
Ray non è connesso  
Vecchio 22-04-2010, 12.37.52   #17
stefano
Richiesta Cancellazione
 
Data registrazione: 11-05-2009
Messaggi: 1,322
Predefinito

per quello che per ora ne capisco io penso di poter concordare con la tua visione della cosa.
penso sia possibile operare anche solo in un senso o nell'altro (penso ai mistici, religiosi ecc. ecc. che magari senza sapere altro lavorano allo stesso scopo)
Il lavoro ai fornelli dovrebbe servire come "controprova" del risultato ottenuto.
per avere la certezza di non aver fallito.

Sei d'accordo?

Inoltre una volta capito come funziona in se, non si tratta forse di saper estrarre l'anima e lo spiritus mundi da qualsiasi cosa?

Ultima modifica di stefano : 22-04-2010 alle ore 12.40.35.
stefano non è connesso  
Vecchio 22-04-2010, 12.48.10   #18
stella
Organizza eventi
 
L'avatar di stella
 
Data registrazione: 09-04-2006
Messaggi: 2,225
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Ray Visualizza messaggio
Dunque, ci sono due lavori, anche se in realtà è un solo lavoro, e sono quello che l'operatore compie ai fornelli e quello che compie su se stesso. Da un certo punto di vista, quando quello ai fornelli è diretto quello su se indiretto e viceversa... ossia facendo la Pietra, grazie a quest'opera, l'operatore la svolge anche su se, anche perchè se non si traformasse anche lui non riuscirebbe a compierla.
Nel caso dell'alchimista la materia prima dovrebbe trovarsi dentro se stesso disposto a trasformarsi dando inizio al lavoro.
Se la prima fase su di sè consiste nell'opera al nero, è lì che si dovrebbe cercare la materia prima, analogamente in natura la si dovrebbe trovare fuori di sè ma nascosta anche se molto comune.
Potrebbero essere le foglie cadute che marciscono o qualcosa del genere, secondo di me una cosa che è viva, per esempio le pietre e i metalli non mi sembrano vivi
Sono solo mie riflessioni, comunque.
stella non è connesso  
Vecchio 22-04-2010, 14.02.47   #19
Enoch
Ristruttura la casa
 
L'avatar di Enoch
 
Data registrazione: 21-03-2006
Messaggi: 305
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Ray Visualizza messaggio

Questo esclude l'utilizzo di parti del corpo, fossero anche prodotti, come i vari fluidi, nel lavoro nei fornelli. Non nel lavoro su se, beninteso. Ma in quello ai fornelli si. Se per dire, nel lavoro su di me per un certo passaggio e per un certo tempo è importante chessò il sudore, ecco che dovrò trovare una sostanza analoga in natura che potrò usare nella parte estrena. Se io infilassi in un qualche alambicco roba che proviene da me questo provocherebbe la necessità di infilare in me qualcosa che proviene da fuori, il che almeno per quanto ne so io, è escluso dagli alchimisti.
Scusa, ma il lavoro su di se con il sudore (o anche con l'urina o la saliva o la cacca) in che cosa consiste in pratica?

Un'altra questione è che viene detto (smentitelo se non è vero) che l'assunzione della pietra accelera lo sviluppo dell'alchimista rispetto ad una persona che non usufruisce della pietra.
Se questa questione è vera allora è possibile che l'alchimista ottenga la pietra prima che la sua persona diventi oro. Altrimenti assumere la pietra a che serve se si è già arrivati ?

Ammettiamo comunque che la materia debba per forza essere di origine esterna all'operatore, come spiegare allora che esistono decine se non centinaia di testi che descrivono procedimenti alchemici basati, per es, sull'urina?

Ultima modifica di Enoch : 22-04-2010 alle ore 14.05.22.
Enoch non è connesso  
Vecchio 22-04-2010, 15.35.03   #20
stefano
Richiesta Cancellazione
 
Data registrazione: 11-05-2009
Messaggi: 1,322
Predefinito

a mio avviso perchè se si impara a separare l'anima da qualsiasi cosa... si impara anche su se stessi (fisicamente).
il riferimento a materia prima come qualcosa che hanno tutti ma che tutti considerano "scarto" può far pensare a urina o feci.
io ho parlato di feci ad esempio.
ma se semplicemente si riferisse a qualcosa contenuto nella terra per esempio non sarebbe comunque qualcosa che hanno tutti allo stesso modo?

sul discorso "assunzione della pietra" che agevola l'alchimista e lo velocizza trasportandolo al mistico ad esempio non può essere il "continuo dialogo con Dio"?
stefano non è connesso  
Vecchio 22-04-2010, 15.47.09   #21
Enoch
Ristruttura la casa
 
L'avatar di Enoch
 
Data registrazione: 21-03-2006
Messaggi: 305
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da stefano Visualizza messaggio
sul discorso "assunzione della pietra" che agevola l'alchimista e lo velocizza trasportandolo al mistico ad esempio non può essere il "continuo dialogo con Dio"?
Per questo discorso intendevo proprio che la pietra è una "medicina" che risveglia le facoltà latenti dell'uomo.
Una persona potrebbe acquistarle con anni di lavoro, mentre l'alchimista le potrebbe risvegliare immediatamente, con tutti i pericoli connessi.
Enoch non è connesso  
Vecchio 22-04-2010, 15.59.52   #22
stefano
Richiesta Cancellazione
 
Data registrazione: 11-05-2009
Messaggi: 1,322
Predefinito

meglio secondo me procedere per gradi anche perchè in un modo o nell'altro se non hai compreso qualcosa rischi davvero di bruciarti
da come scrivi penso abbia attinenze con il famoso risveglio kundalini di certe tradizioni.
o mi sbaglio?
stefano non è connesso  
Vecchio 22-04-2010, 16.17.19   #23
Enoch
Ristruttura la casa
 
L'avatar di Enoch
 
Data registrazione: 21-03-2006
Messaggi: 305
Predefinito

Di sicuro è che la pietra è una sostanza altamente psicoattiva.
C'è il serio rischio di bruciarsi.
Enoch non è connesso  
Vecchio 22-04-2010, 16.30.38   #24
stefano
Richiesta Cancellazione
 
Data registrazione: 11-05-2009
Messaggi: 1,322
Predefinito

beh pensando al corpo dei santi dopo morti (e anche a un Padre Pio in vita) pare che costantemente avesse una temperatura corporea molto più alta del "normale" (38-39)
che sia legato quindi al fuoco interiore continuamente "vitalizzato" dall'opera?
stefano non è connesso  
Vecchio 22-04-2010, 20.25.48   #25
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,218
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da stefano Visualizza messaggio
per quello che per ora ne capisco io penso di poter concordare con la tua visione della cosa.
penso sia possibile operare anche solo in un senso o nell'altro (penso ai mistici, religiosi ecc. ecc. che magari senza sapere altro lavorano allo stesso scopo)
Il lavoro ai fornelli dovrebbe servire come "controprova" del risultato ottenuto.
per avere la certezza di non aver fallito.

Sei d'accordo?

Inoltre una volta capito come funziona in se, non si tratta forse di saper estrarre l'anima e lo spiritus mundi da qualsiasi cosa?
No, decisamente non sono d'accordo.

Mi rendo conto delle difficoltà del discorso, che sono in primis mie a spiegarmi, e delle conseguenti incomprensioni anche grosse che ne possono derivare. Per quanto io sia capace cercherò di chiarire meglio possibile più punti possibile.

Innanzitutto, dato lo scopo del tread, che è molto specifico, rimanderei altrove i possibili collegamenti con altre discipline. Mistica, religione o altro, pur se ovviamente condividono con ogni via lo scopo ultimo, ossia la Realizzazione, non hanno nulla a che fare con l'alchimia, soprattutto pratica. E' ben possibile operare su se stessi con tutti questi mezzi, ma qui parliamo di questo specifico mezzo, che comprende inderogabilmente la produzione della Pietra. Dico questo per evitare di portar fuori il tread.

Tornando in tema, no, il lavoro ai fornelli non è la controprova del risultato già ottenuto su se, ma è parte integrante del lavoro... anzi è il lavoro stesso. Semmai la trasformazione di metallo vile in oro può rappresentare la controprova del risultato ottenuto, ma la produzione della Pietra va di pari passo col lavoro dell'alchimista.

Se fosse possibile e/o sensato estrarre lo Spiritus Mundi da qualsiasi cosa l'alchimia non avrebbe senso così com'è. Si limiterebbe a dire prendete qualsiasi cosa e procedete all'estrazione, mentre invece il problema della materia prima e della sua identificazione è di primaria importanza. Quella serve per fare la Pietra.
Ray non è connesso  
 


Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire nuovi messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare files
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice vB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Vai al forum

Discussioni simili
Discussione Autore discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Sul fumare Shanti Discorsi da Comari 17 26-10-2008 21.25.56
Numerologia...accenni Era Divinazione e tecniche conoscitive 17 17-07-2007 18.52.06
Arte in generale Uno Arte 28 02-08-2006 15.42.43
incoscio collettivo isaefrenk Psicologia moderna e antica 23 01-08-2005 15.32.44


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 23.11.54.




Powered by vBulletin Copyright ©2000 - 2023, Jelsoft Enterprises Ltd.
Questo sito non è, nè può ritenersi assimilabile ad una testata giornalistica, viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale. Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina della l. n. 62 del 2001. Il materiale pubblicato è sotto la responsabilità dei rispettivi autori, tutti i diritti sono di Ermopoli.it che incoraggia la diffusione dei contenuti, purchè siano rispettati i seguenti principi: sia citata la fonte, non sia alterato il contenuto e non siano usati a scopo di lucro. P.iva 02268700271