Ermopoli
L'antica città della conoscenza
  
    
Torna indietro   Ermopoli > Forum > Tempio > Psicologia moderna e antica

 
 
Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Vecchio 30-03-2012, 13.21.29   #26
dafne
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di dafne
 
Data registrazione: 24-09-2007
Messaggi: 3,603
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da diamantea Visualizza messaggio
Questo pezzo mi ricorda che altrove Uno ha detto, forse anche più di una volta, di prendere la paletta e raschiare il fondo...

Quindi non basta vuotare il nostro secchio, cambiare l'acqua, perchè è come se facessimo una pulizia superficiale, se il fondo non è ben raschiato e pulito la nostra energia si sporca presto, si contamina di quei batteri che si sviluppano con il ristagno.

Penso che l'acqua in superficie potrebbe essere ciò che sale alla coscienza e siamo in grado di vedere facilmente, mentre sul fondo ci stanno quei residui inconsci che fanno imputridire l'acqua trattenuta anche per poco tempo, ma anche se la cambiassimo spesso se il fondo non è ben pulito rimane il pericolo latente di sporcare l'energia trattenuta un pò di più.

Sta a vedere cosa potrebbe indicare il battericida che pulisce l'acqua in superfice.

All'inizio pensavo che blocchi e residui fossero la stessa cosa, poi che i blocchi generassero gli scarti adesso sono se possibile del tutto confusa quindi provo a metter giù una serie di riflessioni.

Nel lago l'acqua arriva dal ruscello, ci arriva e li in qualche modo si ferma, ma non del tutto perchè se si fermasse davvero il fiume si abbasserebbe lentamente ma costantemente per la dispersione e il lago strariperebbe.
Il ricambio dell'acqua tuttavia non è sufficiente a movimentare tutto il bacino del lago ma solo la superficie.
Nell'immagine del lago non vedevo il tappo ma in realtà è proprio quel mancato ruscelletto di sfogo.

Nel manicotto se lo restringo passa meno acqua e meno acqua avrà meno pressione permettendo il deposito di scorie. Però la pressione potrebbe aumentare se la quantità d'acqua in entrata fosse costante e quindi si accumulasse detro al presunto tappo fino a provocare un dilatamento dello stesso sparando poi di colpo fuori sia l'acqua che le scorie...

Se considero l'acqua come mezzo per pensieri emozioni sensazioni ecc ecc se trattengo in entrata avrò un bacino secco (?) se trattengo in uscita il mio lago marcirà (la palude ci stà) se spingo in entrata aumenterò l'acqua se spingo in uscita mi ritroverò col lago a secco (deserto?) Qualcosa è sbagliato me lo sento

A questo punto mi vengono in mente i canali di irrigazione delle risaie che hanno delle valvole che permettono di modificare il livello dell'acqua in circolo. Potremmo vedere i blocchi come queste valvole bloccate su un certo livello, a questo punto l'esempio di Sole sulle dighe mi torna ma solo se le valvole funzionano sennò siamo di nuovo al ristagno.

La pressione ha un certo suo ruolo che non riesco a mettere in chiaro.
__________________
dafne non è connesso  
 


Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire nuovi messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare files
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice vB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Vai al forum

Discussioni simili
Discussione Autore discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Trattenere e Spingere Uno Esoterismo 55 16-10-2011 22.21.34


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 05.01.07.




Powered by vBulletin Copyright ©2000 - 2023, Jelsoft Enterprises Ltd.
Questo sito non è, nè può ritenersi assimilabile ad una testata giornalistica, viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale. Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina della l. n. 62 del 2001. Il materiale pubblicato è sotto la responsabilità dei rispettivi autori, tutti i diritti sono di Ermopoli.it che incoraggia la diffusione dei contenuti, purchè siano rispettati i seguenti principi: sia citata la fonte, non sia alterato il contenuto e non siano usati a scopo di lucro. P.iva 02268700271